Lockdown: boom di sfruttamento sessuale di bambini

Gruppo di supporto canadese: boom di sfruttamenti sessuali dei bambini durante i lockdown

Lo “sfruttamento sessuale virtuale” di bambini è schizzato a un allarmante 88% durante la pandemia di COVID-19.

Anthony Murdoch – LifeSiteNews – venerdì 17 febbraio2021

 

WINNIPEG, Manitoba, 17 febbraio 2021 (LifeSiteNews) – Un gruppo di supporto canadese che si dedica alla sicurezza dei bambini afferma che lo sfruttamento sessuale online dei bambini, a volte chiamato “sextortion”, è schizzato ad un allarmante 88% durante la pandemia COVID-19, a causa del maggior tempo passato online.

“In media, Cybertip.ca riceve 40 rapporti di “sextortion” al mese. Molti di questi riguardano criminali che entrano in contatto con i giovani attraverso i social media e le piattaforme di live stream come Snapchat, Google Hangouts, Facebook Messenger e Omegle”, ha dichiarato recentemente il Canadian Centre for Child Protection (C3P).

“In poche parole, il sextortion è un ricatto. È quando qualcuno online minaccia di divulgare un’immagine o un video a sfondo sessuale del bambino/ragazzo se non paga o non fornisce ulteriori contenuti sessuali”.

Il C3P ha detto nel comunicato stampa che a causa dei giovani che passano più tempo online durante i lockdown per COVID-19, la loro linea di segnalazione chiamata Cybertip.ca ha visto un “aumento dell’88% delle segnalazioni”. Tale dato, tuttavia, non riflette necessariamente “la vera portata di questo dilagante problema”.

Secondo il C3P, sono la “vergogna” e il “senso di colpa” che impediscono ai giovani di “dire a qualcuno che sono stati sottoposti a sextortion”.

In Canada, le forze dell’ordine hanno lanciato l’allarme per il recente aumento delle minacce di “sextortion” online che hanno come obiettivo i bambini.

In un rapporto dell’anno scorso viene riferito che i canadesi sono sempre più oggetto di truffe a sfondo sessuale via e-mail. Tali truffe di solito coinvolgono una vittima che viene ricattata affinché invii denaro a un autore sconosciuto, che minaccia di diffondere foto di nudo se si rifiuta di farlo.

Signy Arnason, Associate Executive di C3P ha spiegato nel comunicato stampa che è disponibile un servizio di supporto che può aiutare “i giovani a riprendere il controllo della situazione”.

“Vogliamo ricordare ai giovani che non devono affrontare situazioni difficili online da soli. Si può essere aiutati”, ha detto Arnason.

 

Il C3P dice che il sito Cybertip.ca fornisce anche supporto alle famiglie e agli educatori sotto forma di “informazioni di prevenzione su come avviene lo sfruttamento sessuale on-line, argomenti di discussione con i giovani sul problema e come aiutare un giovane che è stato oggetto di “sextorting”.

Il sito web di C3P classifica il gruppo come un ente di beneficenza nazionale “dedicato alla sicurezza personale di tutti i bambini”.

“Il nostro obiettivo è quello di ridurre l’abuso sessuale e lo sfruttamento dei bambini, aiutare a rintracciare i bambini scomparsi e prevenire la vittimizzazione dei bambini attraverso una serie di programmi, servizi e risorse per le famiglie canadesi, educatori, organizzazioni di assistenza all’infanzia, forze dell’ordine e altri soggetti”.

Un recente blog di Jonathon Van Maren di LifeSite spiega come i genitori debbano aumentare la loro vigilanza durante i lockdown COVID-19.

“Con i bambini che passano molto più tempo del solito davanti agli schermi, è necessario che i genitori siano consapevoli del fatto che anche l’intrattenimento rivolto ai piccoli è ora impregnato di contenuti a sfondo sessuale e progressista – e peggio ancora, che l’industria del porno sta prendendo di mira specificamente i bambini assegnando ai contenuti pornografici hardcore i nomi dei personaggi dei film Disney e Paw Patrol”, ha scritto.

 

Link: https://www.lifesitenews.com/news/canadian-advocacy-group-sexual-exploitation-of-kids-has-exploded-amid-lockdowns

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli e Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte