L’isolamento è il più grande disastro politico della storia degli Stati Uniti?

Mike Whitney – 18 maggio 2020 – The UNZ Review

 

“Le chiusure hanno lo scopo di condizionare le persone a obbedire senza domande. Una nazione di persone che si limitano a fare ciò che gli viene detto dagli “esperti” senza fare domande è una nazione matura per una discesa nella tirannia totale”.

-Ron Paul

 

Donald Trump chiama i media “il nemico del popolo”, ma è molto peggio di così. I media sono una minaccia per la sicurezza nazionale. Basta guardare il modo in cui hanno gestito il coronavirus. La copertura isterica 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ha terrorizzato la gente al punto che si è rinchiusa nelle proprie case infliggendo danni catastrofici all’economia. Quel disastro non sarebbe mai avvenuto se i media non avessero concentrato tutte le loro energie per spaventare a morte la gente. Ora il danno è fatto, milioni di persone hanno perso il lavoro, decine di migliaia di piccole e medie imprese stanno andando in bancarotta, e l’economia più grande del mondo è stata ridotta a una terra desolata e in fiamme. E cosa si è guadagnato? Niente. Guardate questo estratto di un articolo dell’economista Jack Ramsay:

“La portata e la rapidità della chiusura dell’economia reale negli Stati Uniti è senza precedenti. Anche durante la Grande Depressione degli anni Trenta, la contrazione dell’economia reale si è verificata per un periodo di diversi anni, non mesi…

…una volta che la contrazione dell’economia reale si accelera e si approfondisce, porta inevitabilmente ad inadempienze e fallimenti…. Le inadempienze e i fallimenti provocano poi una crisi finanziaria che si ripercuote sull’economia reale, causandone un ulteriore deterioramento. Le perdite di reddito delle imprese, delle famiglie e delle amministrazioni locali causano a loro volta un ulteriore declino. Una volta che iniziano gli effetti di feedback negativi all’interno dell’economia, poco importa se la crisi sanitaria viene presto attenuata. La dinamica economica è stata messa in moto. ….La Fed… può mettere a disposizione una massa di denaro gratuito e di prestiti a basso costo, ma le imprese e le famiglie possono essere riluttanti a prendere in prestito, preferendo accumulare il loro denaro e i prestiti. In altre parole, più profonda e veloce è la contrazione, più difficile e lenta è la ripresa” (“The Myth of V-Shape Economic Recovery“, Jack Rasmus)

Ogni settore dell’economia si sta contraendo e si sta riducendo rapidamente. I prezzi del petrolio sono crollati, l’attività in tutti i 50 stati sta crollando male, la fiducia delle imprese è ai minimi storici, la spesa personale continua a diminuire, la fiducia dei consumatori è in forte calo, il settore dei servizi è in calo, il traffico nei ristoranti, la produzione industriale, la produzione industriale, l’industria manifatturiera, i guadagni aziendali, gli investimenti aziendali, i consumi personali, i prestiti bancari, le importazioni-esportazioni; sono tutti in calo, in calo, in calo e in calo. Non c’è un barlume di luce da vedere da nessuna parte. L’economia è in caduta libera, mentre la gente rimane rintanata nelle proprie case pensando di fermare la diffusione di un virus mortale. Ma le serrate non fermano le infezioni, nella migliore delle ipotesi le rinviano a una data successiva, e anche questo è dubbio.

L’idea di isolare i membri sani della popolazione per contrastare la diffusione di un virus altamente contagioso è delirante. Non c’è alcun precedente storico in questa politica. Non c’è stato nessun isolamento durante l’influenza spagnola nel 1918 (quando morirono 50 milioni di persone), nessun isolamento durante l’influenza asiatica nel 1957, nessun isolamento durante l’influenza di Hong Kong nel 1969, nessun isolamento durante la SARS nel 2002, nessun isolamento durante l’influenza suina nel 2009, nessun isolamento durante l’epidemia di MERS nel 2012 e nessun isolamento durante l’epidemia di Ebola nel 2014.

Capito il quadro? Non c’è stato nessun isolamento, nessuna volta, MAI.

Ma basta chiedere a qualcuno dell’isolamento oggi e annuncerà con assoluta certezza: “È l’unico modo per sconfiggere questa cosa”. Giusto, chiudendosi in casa e aspettando che l’economia crolli, è così?

Tre punti che non vedrete mai trattati dai media mainstream:

  • Non ci sono precedenti storici per le chiusure
  • Non ci sono basi scientifiche per l’isolamento
  • Un certo numero di esperti di malattie infettive, come il professore svedese John Giesecke, ritiene che le restrizioni e le chiusure siano una politica sbagliata per contenere la diffusione del virus, politicamente pericolose e difficili da eliminare in futuro. Ecco cosa ha detto:
“Quando ora si comincia a guardare intorno alle misure che vengono prese dai diversi paesi, si scopre che pochissimi di essi hanno un brandello di prova [supporto] … chiusure di frontiere, chiusure di scuole, distanziamenti sociali – non c’è quasi nessuna scienza dietro la maggior parte di questi”.

Le chiusure non sono una politica basata sulla scienza. Sono un intruglio basato sulla fede che viene accettato come Sacra Scrittura dalla stragrande maggioranza degli americani che sono così terrorizzati dal virus che si sono lasciati ingannare da un media manipolativo e guidato dall’agenda che li ha convinti che andando in letargo mentre l’economia si disintegra stanno in qualche modo compiendo il proprio dovere civico. Ma si sbagliano. Il vero dovere civico è quello di impegnare le proprie capacità di pensiero critico, analizzare con scetticismo l’idiozia che il governo spaccia per politica sociale e resistere a quelle direttive che sono chiaramente distruttive per gli interessi del popolo americano e del Paese. Le chiusure soddisfano certamente questo criterio. Ecco un estratto dall’ultimo articolo di Pepe Escobar che aiuta a mettere le cose in prospettiva:

“La nozione di un confinamento obbligatorio generalizzato non è giustificata da alcuna giustificazione medica, né da ricerche epidemiologiche di punta, quando si tratta di combattere una pandemia. Tuttavia, questa è stata sancita come politica egemonica – con l’inevitabile corollario di innumerevoli masse sprofondate nella disoccupazione. Tutto ciò sulla base di modelli matematici deliranti e falliti, deliranti, del tipo dell’Imperial College, imposti da potenti gruppi di pressione che vanno dal World Economic Forum (WEF) alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

Parliamo adesso del Dr. Richard Hatchett, un ex membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale durante la prima amministrazione di Bush Jr., che già nel 2001 raccomandava il confinamento obbligatorio di tutta la popolazione. Hatchett ora dirige la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), un’entità molto potente che coordina gli investimenti globali per i vaccini, e molto in sintonia con Big Pharma. Il CEPI è nato da un’idea del WEF in collaborazione con la Bill and Melinda Gates Foundation

Rumsfeld, guarda caso, era stato il presidente del gigante biotecnologico Gilead. Dopo l’11 settembre…, fu allora che venne concettualizzato il “confinamento obbligatorio generalizzato”, con Hatchett tra i protagonisti.

Per quanto si trattasse di un concetto militarizzato di spin-off della Big Pharma, non aveva nulla a che fare con la salute pubblica. Ciò che contava era la militarizzazione della società americana da adottare in risposta al bioterrorismo – all’epoca automaticamente attribuita a uno squallido e tecnologicamente carente al-Qaeda.

La versione attuale di questo progetto – siamo in “guerra” e ogni civile deve rimanere a casa – prende la forma di quella che Alexander Dugin ha definito una dittatura medico-militare“. (“How Biosecurity Is Enabling Digital Neo-Feudalism” Unz Review)

Quindi, non esistono una “giustificazione medica, o una ricerca epidemiologica di punta” a sostegno dell’isolamento. È tutto inventato di sana pianta. Le chiusure sono il risultato di una manipolazione politica (di una crisi sanitaria pubblica) volta a simulare la legge marziale. “Andate a casa e restate a casa”, questo è il messaggio non “Andate a casa e siate sani”. Questo non rientra affatto nei calcoli del governo.

Allora, per conto di chi sono stati imposti queste chiusure? Di certo non Trump, che voleva revocarle dal primo giorno. No, è il cast che lo circonda, come l’affabile dottor Anthony Fauci che si è appena presentato al Senato e li ha messi in guardia contro la revoca delle restrizioni troppo presto. I suoi avvertimenti assomigliavano molto a quelli del suo collega e forse benefattore Bill Gates, i cui tentacoli sono avvolti strettamente intorno alla rete sanitaria globale e che, secondo molti, usa le iniziative filantropiche come veicolo per far avanzare la propria maligna visione del futuro. Per quanto riguarda l’isolamento, lasciamo parlare Gates:

“In primo luogo, abbiamo bisogno di un approccio coerente a livello nazionale per la chiusura. Nonostante le sollecitazioni degli esperti di sanità pubblica, alcuni stati e contee non hanno chiuso completamente. In alcuni stati, le spiagge sono ancora aperte; in altri, i ristoranti servono ancora pasti seduti… 

I leader del Paese devono essere chiari: chiusura ovunque significa chiusura ovunque. Fino a quando i numeri dei casi non cominceranno a scendere in tutta l’America – il che potrebbe richiedere 10 settimane o più – nessuno può continuare a lavorare come al solito o allentare la chiusura. Qualsiasi confusione su questo punto non farà altro che prolungare il dolore economico, aumentare le probabilità che il virus ritorni, e causare più morti…

Per porre fine alla malattia, avremo bisogno di un vaccino sicuro ed efficace. Se facciamo tutto nel modo giusto, potremmo averne uno in meno di 18 mesi – probabilmente il vaccino più veloce che sia mai stato sviluppato. Ma creare un vaccino è solo metà della battaglia. Per proteggere gli americani e le persone in tutto il mondo, dovremo produrre miliardi di dosi”. (“Bill Gates: Ecco come recuperare il tempo perduto su covid-19”, Washington Post)

Eccone un altro da Gates, nel caso ci fossero dubbi sulle sue intenzioni:

“Una delle domande che mi vengono poste più spesso in questi giorni è quando il mondo potrà tornare a come erano le cose a dicembre, prima della pandemia del coronavirus. La mia risposta è sempre la stessa: quando avremo un farmaco quasi perfetto per curare il COVID-19, o quando quasi tutte le persone sul pianeta saranno state vaccinate contro il coronavirus”. (“Bill Gates – Gates Notes”)

Di cosa diavolo sta parlando? Gates non è un medico, uno scienziato, un epidemiologo o un funzionario eletto che stabilisce la politica. È un dilettante ricco che ha fatto miliardi dominando spietatamente l’industria del software. Questo è tutto. Questo fa di lui un esperto di malattie infettive? Questo gli dà il diritto di ordinare il blocco sommario di 328 milioni di americani? No, non lo fa, ma i tentacoli di Gates si estendono ai media (il che lo aiuta a plasmare l’opinione pubblica), come sottolinea questo estratto da un articolo di Lew Rockwell:

“La Gates Foundation concede sovvenzioni per centinaia di migliaia e spesso milioni di euro a organizzazioni mediatiche come NBCUniversal, Al Jazeera, BBC, Viacom (CBS) e Participant Media… .Sia Gates che la Gates Foundation sono azionisti importanti di Comcast, … così come …. MSNBC e NBC News … Nel 2009, il New York Times ha riferito che la Gates Foundation collaborava con aziende mediatiche per scrivere e plasmare storie per ‘incorporare’ i messaggi nei drammi di prima serata:”

“Essa [la Fondazione Gates] è meno conosciuta come un influenzatore dietro le quinte degli atteggiamenti del pubblico nei confronti di questi temi, contribuendo a plasmare le storie e a inserire messaggi nell’intrattenimento popolare come gli spettacoli televisivi ER, Law & Order: SVU e Private Practice…

“La sua enorme ricchezza e l’estensione delle principali società dei media sembrano esentare Gates dagli obblighi di divulgazione di routine. …. Gli vengono concesse interviste comode in Comcast-Vox senza rivelare che è uno dei principali investitori di Comcast. Poiché la sua partecipazione in società di media viene riciclata abbastanza volte, si presume che non meriti di essere menzionata”. (“Bill Gates, HR666666, Remdesivir, Morti in Italia”, Lew Rockwell)

Bill Gates ha contatti critici in tutto lo spettro dei media, dell’assistenza sanitaria globale e della politica. Se vuole che le sue opinioni siano ampiamente diffuse, non deve far altro che dirlo. Detto questo, non sapremo mai se le misure di blocco sono state una sua idea, ma ha certamente il potere di farle realizzare, se lo desidera. E per coloro che rimangono scettici su questo punto, considerate queste parole di avvertimento tratte dall’eccellente serie di video in tre parti di James Corbett su Microsoft, intitolata “Bill Gates and the Population Control Grid”:

“L’acquisizione della salute pubblica che abbiamo documentato in How Bill Gates Monopolized Global Health e la spinta notevolmente sfacciata a vaccinare tutti gli abitanti del pianeta che abbiamo documentato nel Piano di Bill Gates per vaccinare il mondo non era, alla base, una questione di soldi.

L’inimmaginabile ricchezza che Gates ha accumulato viene ora utilizzata per acquisire qualcosa di molto più utile: il controllo. Controllo non solo degli organismi sanitari globali che possono coordinare un programma di vaccinazione mondiale, o dei governi che manderanno avanti una campagna senza precedenti, ma controllo sulla popolazione globale stessa”. (James Corbett, The-Off-Guardian)

L’isolamento è tutta una questione di potere; potere politico nudo e crudo nelle mani di oligarchi non eletti e irresponsabili “filantropi” che sono determinati a salvare l’umanità, che ci piaccia o meno.

Che Dio ci aiuti.

 

Fonte: The UNZ Review

 

https://www.unz.com/mwhitney/is-the-lockdown-is-the-greatest-policy-disaster-in-u-s-history/

 

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli

Pubblicato da CptHook

Libertà va cercando, ch'è sì cara come sa chi per lei vita rifiuta. Chi è disposto a barattare un po' della propria liberta in cambio della sicurezza non merita né libertà né sicurezza (dedicato a tutte le "foche di balcone").
Precedente Il mondo post-coronavirus
Prossimo Crepe nell’UE: l’Italia dovrebbe affrontare l’uscita dall’Eurozona mentre si fa più grave la crisi economica, indotta dal Coronavirus