Lettera aperta ai Magistrati italiani

Di Alberto Conti, ComeDonChisciotte.org

Egregi Magistrati,

mi rivolgo a Voi come semplice cittadino che invoca tutela, perché questo penso sia il vostro compito istituzionale. O sbaglio? E non lo faccio solo per me, ma per tutti quelli che come me in quest’ultimo anno si sentono gravemente minacciati dall’incalzare degli eventi, individualmente e socialmente. Con questo non intendo e non pretendo di rappresentare nessun altro oltre me stesso, ma semplicemente di interpretare un sentire diffuso, un’inquietudine profonda per le nefaste conseguenze della cattiva, e talvolta criminale gestione del problema covid-19, sia sulla propria persona che sul prossimo e più in generale sulla intera comunità, pregiudizievoli delle legittime aspirazioni ad una vita sana, serena e dignitosa delle presenti e delle future generazioni.

Il sottoscritto, lo dico a titolo d’esempio, ha una formazione di base nelle discipline fisico-matematiche, e una lunga e variegata esperienza lavorativa, data l’età avanzata, in vari campi, dall’insegnamento allo sviluppo di strumenti informatici, e molto altro ancora, ma niente a che vedere con la cultura giurisprudenziale da Voi rappresentata.

Tuttavia da cittadino, soprattutto negli ultimi anni, ho cercato di comprendere, il più chiaramente possibile in base alle mie possibilità, quali siano i principi fondamentali sui quali poggiano l’ordinamento del vivere civile e le Istituzioni che lo rappresentano e garantiscono, per il bene di tutti e di ciascuno. E così ho riscoperto i contenuti e l’immenso valore della nostra Costituzione del ‘48, ancora giovanissima e più che mai attuale, che disegna la struttura dello Stato come Stato di diritto (e di dovere) in forma di Repubblica Democratica fondata sul Lavoro. Nella tripartizione dei poteri dello Stato quello giudiziario, da voi amministrato, viene solitamente citato per ultimo, ma non certo per ordine d’importanza, visto che rappresenta soprattutto un potere di garanzia, indipendente da tutti gli altri poteri, compresi quelli esterni alle istituzioni pubbliche, che purtroppo di questi tempi paiono sinistramente prevalere sempre più prepotentemente.

Se questo che ho capito è corretto e rispondente al vero, la vostra è una funzione di vitale importanza, soprattutto in periodi critici come quello che stiamo attraversando (1). E proprio su questa aspettativa si fonda la speranza e la fiducia di tutta la cittadinanza nella salvezza della nostra Repubblica, così come concepita dai Padri Costituenti, oltre che nella giustizia uguale per tutti.

Siamo tutti a conoscenza delle enormi difficoltà nelle quali operate. Del resto ogni categoria professionale ha le sue problematiche, chi più e chi meno, e tutte meritano la nostra riconoscenza e solidarietà per quello che riescono a fare nel bene, chi più e chi meno, nonostante tutto.

Ma Voi ora siete investiti in prima persona di un compito salvifico, straordinario, e sono certo che non siete insensibili al grido di dolore che da tante parti d’Italia si leva verso di Voi, come amministratori della giustizia, poiché molte e gravissime ingiustizie sono già state commesse dagli altri poteri pubblici e privati nella gestione della cosiddetta pandemia da covid-19. Ingiustizie dalle pesantissime ripercussioni in campo sanitario, economico e sociale.

La materia è vastissima, riguarda non so quanti articoli del codice civile e penale, ma l’urgenza è ancora più grande, per arrestare in tempo utile la degenerazione della vita sociale e delle Istituzioni stesse della Repubblica Italiana, ormai vittima di una deriva chiaramente antidemocratica.

Gli spunti per avviare le indagini di reato e le successive fasi processuali sono moltissimi, provenienti da più parti qualificate (2).

Ognuno è solo con la propria coscienza nei momenti più bui e difficili della vita, ma ognuno può fare molto per contribuire a superarli con i mezzi a sua disposizione, sia individualmente che collaborando con gli altri, facendo squadra. Indipendenza, coraggio e competenza, queste sono le vostre migliori qualità umane e professionali, e queste Vi chiedo di esercitare, come sono certo che tutti i più sensibili cittadini di buona volontà, informati e consapevoli, ve lo stanno chiedendo, ora.

Ho letto le recenti dichiarazioni del Prof. Emerito Sabino Cassese, a proposito di green pass e obbligo vaccinale (3). Nonostante la grande considerazione ed il rispetto dovuto ad una figura di così alto profilo, si tratta di opinioni a mio giudizio gravissime, sbagliate nella sostanza, anche se coerenti tra loro, in quanto fondate su un presupposto dato per scontato, ma in realtà falso, ovvero che il soggetto vaccinato-covid non può infettare chi gli sta vicino essendo immune anche dall’essere contagiato e dal contagiare gli altri.

Sono certo della buona fede di questo vostro illustre collega, del resto condizionata anche dalle recenti dichiarazioni dell’altrettanto illustre Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi (4). Ma sono altrettanto certo della capacità dei magistrati di saper distinguere il vero dal falso, documentandosi opportunamente dalle fonti scientificamente più attendibili e indipendenti. Anche questo è solo un esempio, per dire che sono troppe e troppo gravi le incongruenze contenute nel “fascicolo covid-19”, mi si passi l’espressione, per non essere viste e prese in seria considerazione, viste le conseguenze nefaste che comportano ben oltre il solo ambito sanitario.

Così come non possiamo fingere di ignorare gli enormi interessi economici e strategici, e le conseguenti malcelate pressioni a monte della campagna vaccinale in corso (5), tanto da evidenziare un’unica regia transnazionale della gestione sanitaria emergenziale, soprattutto nel contesto occidentale del quale il nostro Paese è parte rilevante.

Proprio per questo i cittadini più consapevoli, vaccinati e non vaccinati, che non sono pochi come la propaganda mediatica vuol far credere, vi sono vicini con tutto il loro appoggio e solidarietà, verso di Voi e la vostra missione di giustizia a garanzia delle Istituzioni democratiche.

Voi in questo momento rappresentate l’ultimo baluardo istituzionale a difesa della nostra civiltà plurimillenaria. Vi prego, non deludeteci, onorate il sacro giuramento di fedeltà alla Costituzione Italiana, in nome della tenuta stessa delle Istituzioni e dell’ordinamento che dovrebbero amministrare e garantire, contrastando così le pericolose e mortali devianze verso mondi distopici, che purtroppo vediamo concretamente prospettarsi all’orizzonte di un’umanità ancora confusa, impreparata a gestire saggiamente le sfide che i progressi scientifici e tecnologici impongono, ma non per questo disposta a rottamare le conquiste civili e morali ereditate dai nostri antenati.

Un abbraccio fraterno,

Alberto Conti

NOTE

(1) http://www.lafionda.org/2021/08/17/la-propaganda-ai-tempi-della-crisi-democratica/

(2) https://www.studiolonoce.it/articoli/denuncia-per-associazione-per-delinquere-strage-epidemia-turbata-liberta-dellindustria-o-del-commercio-lesioni-personali-omicidio-condotte-con-finalita-di-terrorismo/

https://www.davvero.tv/2021/08/26/la-vita-che-ci-state-rubando-la-mia-inchiesta-a-disposizione-della-magistratura-angela-camuso/

https://blog.comicost.it/?p=2203

https://www.2duerighe.com/esteri/130838-galizia-dichiarato-incostituzionale-il-green-pass-il-certificato-e-ormai-bocciato-in-tutta-la-spagna.html

(3) https://www.tecnicadellascuola.it/cassese-green-pass-come-la-patente

(4) https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2021/07/22/draghi-green-pass-e-garanzia-di-tranquillita_e7c97abf-b797-4495-b31f-cb5452c2cab1.html

(5) “Ho fatto notare a Mario Draghi l’assurdità del documento (green pass) per chi sta fuori, nelle arene, nei teatri all’aperto, negli stadi e lui mi ha detto che avviene perché vogliono che tutti si vaccinino”

https://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/28273714/green-pass-vittorio-sgarbi-ecco-come-andra-finire-inquietante-profezia-vignetta.html

30.08.2021

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Notifica di
43 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
gix
Utente CDC
2 Settembre 2021 9:40

L’ordinamento giuridico in Italia non è fatto per garantire la certezza del diritto purtroppo, sennò tutti i provvedimenti, o la maggior parte di quelli che sono stati predisposti dall’inizio della pandemia ad oggi, non avrebbero nemmeno raggiunto lo stato di una discussione seria e rispettosa delle normative già esistenti, figuriamoci l’approvazione e l’esecutività per la popolazione. La maggior parte degli atti e provvedimenti posti in essere dal governo e dagli enti locali sono illegittimi o illeciti, contrastano con le norme nazionali di grado più elevato (come la Costituzione, che viene stracciata di fatto ogni giorno) e con le norme sovranazionali, nella certezza dell’impunità che dovrebbe derivare dalla inefficacia e intempestività (chissà quanti anni ci vorranno per arrivare a celebrare e portare avanti certi processi, sempre se dovessero avere inizio) delle azioni penali e civilli della magistratura, sempre ammesso che questa sia effettivamente in grado di esercitare liberamente il proprio potere. Di fronte allo scempio del diritto che viene fatto impunemente e sfrontatamente dagli altri poteri dello Stato, esecutivo in particolare, essendo il legislativo di fatto ostaggio di quest’ultimo, da due anni a questa parte, un magistrato oggi dovrebbe sentire persino lo stimolo a difendere la propria intelligenza oltre che la… Leggi tutto »

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  gix
2 Settembre 2021 17:49

Lo scandalo Renzi-Palamara, apparentemente caduto nel nulla dell’indifferenza, dimostra che la malattia che ha colpito lo Stato si è estesa anche a questo terzo potere teoricamente indipendente. Il veicolo dell’infezione sono i vecchi partiti lottizzanti (vedi ad es. la RAI), corrotti e corrompenti, che infatti non sanno più proporre alcuna offerta politica ancora ricevibile. Ma è proprio quando il gioco si fa duro che i duri cominciano a giocare. Falcone e Borsellino sono caduti sul campo, ma la guerra continua, e non solo in questo angolo di mondo. Male che vada, cambieranno i campi di battaglia.

danone
Utente CDC
2 Settembre 2021 10:19

Non ho difficoltà Alberto a delegarti anche la mia rappresentanza, il tuo appello è anche a nome mio.
Alle parole di draghi e cassese, aggiungici pure quelle dette, testimoni le mie orecchie, dal ministro speranza ieri in un talk di prima serata..
“Il green-pass e i vaccini, al contrario di quello che viene loro rimproverato, sono strumenti di libertà, perchè sono gli unici strumenti oggi che possono impedire le richiusure e far ripartire l’economia”…della serie ci credo perchè me la dico e questo è il loro metodo scientifico.

E poi una preghiera Alberto, ti prego di non definire mai e poi mai, neanche per educazione, certi figuri, portatori di certe interpretazioni, di alto profilo, a meno che non ti stessi già riferendo al regime carcerario duro che prima o poi faranno, degno di delinquenti di alto profilo, allora puoi usarlo.

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da danone
gix
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
2 Settembre 2021 11:06

E’ un mantra che ho sentito ripetere molto spesso in questi giorni, da varie voci evidentemente ben collegate…Ha cominciato Magaldi, da semplice cittadino “informato”, ha proseguito Di Maio, e poi Sperperanza oltre ad altri figli di un Dio minore…Il che ci fa riflettere su un paio di cose, la prima è che si ascoltano, si leggono, si collegano e coordinano fra loro molto più banalmente di quanto pensiamo, la seconda che, nell’illuderci di avere due alternative sole (chiusure totali o verdepass), ci vogliono dire che lavorano per far ripartire l’economia e quindi (forse) cominciare a superare l’impasse della pandemia. Resta da vedere quale economia vogliono far ripartire, se la nostra, quella del popolo, o la loro…

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  danone
2 Settembre 2021 12:11

Da quando Mattarella ha definito Draghi in quel modo, sdoganando così il governo diretto dei grandi complessi bancari privati e apolidi (come già avvenuto in Grecia anni fa), l’espressione “alto profilo” è diventata ironica, per chi sta dalla parte dei popoli.

Papaconscio
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
2 Settembre 2021 12:15

Mi unisco alla concessione di fiducia di danone in Alberto Conti, la cui autorevolezza non metto in discussione, e mi metto a disposizione per creare delle Società di Soccorso Popolare, su base comunale o circoscrizionale, sull’esempio delle Società Operaie di Mutuo Soccorso, che rendano alla popolazione assistenza sanitaria per contrastare gli effetti del siero genico con metodi naturali come propone il Dr. Massimo Melelli Roia in questo video: Red Ronnie TV – Dr. Massimo Melelli Roia – Formigine, Country Road 3.7.21 (4 (teyuto.tv). Credo che bisogna prendere in considerazione una categoria che sono sicuro si va formando: quella dei “Ritornanti”, cioè quelle persone che hanno subito personalmente o da vicino i danni della terapia genica sperimentale e che, oltre alla protesta, stanno sviluppando anche una rabbia notevole, che potrebbe addirittura danneggiare la resistenza. Mi permetto di proporre ad Alberto di cominciare a disegnare un nuovo patto sociale che possa aiutarci se non a uscire almeno a proteggerci dal neo-feudalesimo. Grazie e un abbraccio fraterno a tutti. Babylon you throne gone down

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  Papaconscio
3 Settembre 2021 8:18

Grazie della preziosa segnalazione.

BastianContrario
Utente CDC
2 Settembre 2021 10:38

Comprendo benissimo lo sforzo, fatto da chi scrive la lettera aperta, di trovare un approccio ed un linguaggio tale da non provocare una repentina chiusura del dialogo, da parte dei destinatari della stessa. Ammiro la perseveranza e la pazienza nel ribadire stima, rispetto e fiducia in una istituzione che, da quando ho memoria, ha fatto e sta facendo di tutto per dimostrare che tutto è, tranne che indipendente ed imparziale. Trovo però anacronistico e non costruttivo che, a quasi due anni dall’accelerazione del massacro di quei diritti che credevamo acquisiti e per i quali ci siamo disabituati a lottare, si continuino ad invocare le Istituzioni, per porre fine a questo stato di cose, le stesse Istituzioni che, sotto una regia transazionale comune ormai evidente, si impegnano a portare avanti un’agenda decisa dai poteri forti già molti anni fa. Ritengo che sia giunto il momento, già da un pezzo, di prendere atto dello stato delle cose e di impegnarci a trovare soluzioni concrete, che coinvolgono la popolazione, anche se queste dovessero essere al di fuori della correttezza politica e delle leggi dello Stato. D’altra parte, siamo parte di una guerra, ed in guerra le regole vengono sovvertite, in funzione della sopravvivenza.… Leggi tutto »

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  BastianContrario
2 Settembre 2021 10:58

Ciao Bastian, anche secondo me siamo ad un punto in cui urge trovare soluzioni concrete alternative, ma il cervello non mi viene in aiuto. Mi accorgo che così non va, ma non so cosa di diverso proporre. Veloce appello a te e a chi legge, se avete proposte alternative a questo stato di cose scrivetele, iniziamo a buttar giù delle idee, magari da qualcosa di astratto formiamo qualcosa di concreto. Fino ad ora si è parlato di programmare un piano B, secondo me è ora di definirlo piano A, il piano B è quello di sottostare al nuovo corso, la prima scelta deve essere quella migliore, quella per cui val la pena sbattersi e fare sacrifici, se non riusciamo a realizzarla significa che non ne siamo in grado e non ce la meritiamo, e allora orecchie basse e coda fra le gambe ci metteremo in fila verso il macello.

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da IlContadino
Papaconscio
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
2 Settembre 2021 12:19

La mia modesta proposta è di staccare il contatore e spegnere telefoni e pc tutti insieme dalle 20 alle 24, e di riaccenderli tutti insieme alle 24. Ci potrebbero arrestare?

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  Papaconscio
2 Settembre 2021 12:32

Arrestare forse no, infischiarsene sicuramente.

giusavvo
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
2 Settembre 2021 12:41

Vedrà, invece, con la sua lettera, quanti risultati…

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da giusavvo
AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  giusavvo
2 Settembre 2021 16:31

A prescindere dal mio sassolino lanciato nello stagno, se non ci sarà alcun risultato sarà peggio per tutti, soprattutto per loro.
Capisco benissimo i rischi di chi fa il mestiere di colpire i criminali, ma è ancora più chiaro che chi ha scelto di farlo ne è perfettamente consapevole, come il medico che visita un contagiato. Nessuno li ha obbligati a scegliersi quella professione, ma una volta scelta si sono obbligati a non tradirla. La logica conseguenza è cosa ovvia.

giusavvo
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
2 Settembre 2021 16:58

Caro amico, intanto tengo a precisare che anch’io sto dalla sua parte. Quindi non se la prenda, io tifo per lei. Ora la locuzione la “logica conseguenza è cosa ovvia” è corretta se il presupposto dal quale parte è un dato certo o, comunque, vero. E qui sta l’errore. Non è affatto vero che “scelta una professione non si è obbligati a tradirla”. Per provare che non sia affatto così mi limito a richiamare i fatti di ogni giorno, che lo confermano oltre ogni ragionevole dubbio. Beninteso, con ogni ammirazione per l’intento, il suo non è un sasso lanciato nello stagno. E’ un ingenuo nulla. A mio modesto avviso c’è una sola speranza che ho già proposto nel sito di Mazzucco e che le espongo brevemente. Non c’è più un momento da perdere e bisogna organizzarsi. Da soli, polverizzati nello spazio e nel tempo, non si conclude nulla. Chi ha un minimo di potere mediatico, anche se limitato ad una ristretta area di utenza: questo Sito, Mazzucco, Furlan, Toscano, Messora (che parrebbe pure lui contro corrente), faccia un appello congiunto all’unificazione di tutte queste miriadi di associazioni che sono sorte, invitando i vari rappresentanti ad un confronto. Che tutti ci si… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da giusavvo
AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  giusavvo
2 Settembre 2021 18:05

Una breve precisazione: non ho scritto “scelta una professione non si è obbligati a tradirla” bensì “Nessuno li ha obbligati a scegliersi quella professione, ma una volta scelta si sono obbligati a non tradirla”. Sembra uguale ma non lo è, c’è di mezzo la coscienza del giuramento, la sacralità della missione, alla quale qualche “ingenuo” crede ancora. E’ su questo che punto la mia speranza e la mia scommessa. Del resto non sono certo io a poter dire che ci sono sempre anche magistrati moralmente integri, ma lo dicono alcuni di loro, della cui sincerità non dubito.

giusavvo
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
2 Settembre 2021 18:42

Beh anche il medico giura, il ministro, il Presidente della Repubblica e del Consiglio, il poliziotto, il carabiniere e potrei continuare a lungo, non vedo differenza, l’atto dello scegliere precede ogni azione.
Comunque sia, che debbo dirle, auguri per la sua speranza, auspicando di sbagliare io e non lei.

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da giusavvo
giusavvo
Utente CDC
Risposta al commento di  Papaconscio
2 Settembre 2021 12:47

Guardi lei nel metodo ci ha azzeccato.
Bisognerebbe farlo in altri ambiti però, come ebbe a suggerire la prof. A. Gatti, cito: “una volta al mese tutti dovremmo boicottare gli acquisti sulle multinazionali”.
Quello che propone lei si potrebbe fare, ma occorre una organizzazione che, allo stato manca.
Il popolo stanziato su questa penisola, il massimo che può esprimere è qualche canzonetta sui balconi, alcune vignette amaramente umoristiche ed un po’ di chiacchiericcio.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
2 Settembre 2021 13:01

Ti rispondo Conta con un mio commento a Brunoward, fatto due articoli fa.. Ogni piano B per funzionare e scalzare l’attuale sistema poco umano, deve riuscire ad agganciare la maggioranza delle persone. Oggi queste persone sono dentro il vecchio modello, e non servirebbe proporre loro altro, perchè non capirebbero, solo pochi sono già in movimento ed in grado di capire. Il piano B deve essere messo a punto da questi pochi e deve essere ben studiato e progettato. Per riuscire nell’intento questo piano deve essere in sè portatore di verità e giustizia oggettive, ma non basta, perchè per molti la verità e la giustizia appartengono ad un mondo ideale e non reale, quindi non accetterebbero di fare cambiamenti fastidiosi ed eventuali sacrifici personali, solo sulle buone intenzioni e le promesse, per cui i pochi creatori dell’alternativa, devono prevedere di agganciare i più, non sulla base solo delle idealità e degli scopi nobili, almeno subito, che non sarebbero colti in tutta la loro importanza evolutiva-trasformativa, ma sulla base dell’utilità pratica e la convenienza, anche la più spicciola, oggi, ora, qui subito per loro. Se il piano alternativo è oggettivamente conveniente e vantaggioso adesso per tutti, sarà accettato volentieri, usato e condiviso,… Leggi tutto »

Papaconscio
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
2 Settembre 2021 13:19

Sono d’accordo e a riguardo mi permetto di suggerire, e scusate se insisto, di studiare la filosofia dell’islam sciita e di quello che ha costruito ad esempio in Libano.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Papaconscio
2 Settembre 2021 21:44

Puoi darmi qualche indicazione più specifica Papa?

Papaconscio
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
3 Settembre 2021 1:43

Hizbullah in Libano ha creato un partito (oltre a una milizia) che offre protezione e servizi alla popolazione senza differenze di credo, e questo è un punto a favore del livello di civiltà dell’islam sciita, che ha protetto anche le chiese in Siria e organizza ospedali, scuole. L’Iran e la sua posizione antimperialista sono un esempio.

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da Papaconscio
IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
2 Settembre 2021 13:51

Parole sagge le tue, devo ammettere che purtroppo non riesco a ragionare in questi termini. Leggere ciò che scrivi mi chiama ad osservare il macro, io riesco a malapena a vedere il micro. Per questo tendo a concentrarmi sul piccolo, su dinamiche che posso gestire. Faccio un esempio. Scrivevo della scuola parentale; quando mi sono trovato a dover affrontare quel percorso ho cercato persone che lo avessero già fatto, sono venuto a conoscenza di una realtà nuova, fatta di gente motivata, mi sono nutrito della loro esperienza ed energia e ho abbracciato la loro visione. Ora scrivo di quello che faccio perchè magari possa essere di stimolo a qualcuno che si trova in sintonia con questo tipo di percorso. Il micro che si espande, credo lo possa fare per conto proprio fino a raggiungere la giusta dimensione, e credo che non necessariamente debba diventare macro. Non pretendo di riformare il sistema scolastico, non riesco minimamente a ragionare in questi termini, ma chissà, anno dopo anno questo tipo di alternativa potrà crescere e diventare una realtà molto più ampia di ciò che è ora. Questo approccio lo estendo a tutti i campi della vita, chessò, quello alimentare, di consumo energetico, di… Leggi tutto »

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
2 Settembre 2021 14:16

Non vedere le due dimensioni del micro e del macro in antitesi o in contrapposizione.
Scoprire una legge dell’universo nel tuo giardino non inficerebbe il fatto che essa operi ovunque.
Perfino l’infinita dimensione macroscopica di Dio o della Verità, non impedisce di accoglierla nel nostro micro cuoricino o di realizzarla nel nostro micro cervelletto :-))
Bisogna imbastire un progetto frattalico,che non parta ovviamente da forme e proporzioni ideologiche inventate, ma reali, così avremo la sicurezza del successo in basso, perchè così già è in alto.

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
2 Settembre 2021 14:22

“Frattale” è una parola che mi garba assai

Papaconscio
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
2 Settembre 2021 14:25

Ha in sé qualcosa di “aureo”

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  IlContadino
2 Settembre 2021 16:39

Talvolta i “fuori tema” sono il sale della vita. Questa mia “colpa” mi è molto piaciuta.

fuffolo
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
2 Settembre 2021 17:20

Creare una rete di mutua assistenza per aiutarsi a sopravvivere. Solo contatti diretti, conoscenza personale come unico discrimine, nessuna evidenza ufficiale o pubblica.
Estote parati.

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  BastianContrario
2 Settembre 2021 12:25

Dici bene, è stato uno sforzo non da poco ricercare un linguaggio adeguato alla ricevibilità dell’appello.
Tuttavia, anche data per persa l’indipendenza della magistratura nel suo complesso, resta il fatto che esiste il principio d’indipendenza del singolo magistrato nell’adempiere il suo dovere istituzionale, così come esiste il principio della libertà d’insegnamento per il singolo insegnante di scuola pubblica.
Ed anche gli esiti di questa libertà di principio nell’esercizio della professione, che è anche una funzione pubblica, sono pesanti, vincolanti in qualche misura sul futuro dell’esercizio della stessa funzione pubblica dei loro colleghi. Pertanto anche se uno solo, od alcuni di essi, si esponessero per giusta causa, l’effetto valanga potrebbe essere dirompente. Del resto in Spagna la magistratura ha bloccato l’introduzione del green pass così come noi lo conosciamo, giusto per fare un esempio.

BastianContrario
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
2 Settembre 2021 13:45

D’accordo con quello che dici. In Spagna non si è mosso il singolo magistrato, ma un intero collegio, così da spalmare su più persone il rischio della decisione. Qui da noi è ancora troppo vivo il ricordo della fine di due magistrati che hanno cercato di contrapporsi alla mafia, figuriamoci cosa potrebbe accadere a chi si azzardasse di contrastare la Mafia, quella vera. Anche gli animali selvatici, non dotati naturalmente di grandi possibilità fisiche, per sopravvivere e vincere avversari più grossi, sviluppano strategie di branco: ecco, credo che questo dovremmo fare noi, minoranza in senso numerico, ma maggioranza per quanto concerne libero arbitrio e consapevolezza. Trovo interessantissima la proposta di Papaconscio, relativa alla creazione di Società di Mutuo Soccorso, in quanto il sentirsi parte di un gruppo, dà forza e coraggio, riducendo nel contempo i rischi per il singolo. Prova ne sono le varie lettere di insegnanti, forze dell’ordine, avvocati: raramente portano la firma di una sola persona, spesso di decine e, talvolta, di un sindacato che li rappresenta in gran parte. Anch’io, per quanto nelle mie limitate possibilità, mi rendo disponibile a condividere idee e proposte sul “cosa fare”, se solo superano quelle di raduni, cortei, lettere e “vibrate… Leggi tutto »

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  BastianContrario
2 Settembre 2021 13:57

Io fui uno dei fondatori, insieme ad altri pazzi idealisti, più di 10 anni fa dell’isola emilia-romagna dell’arcipelago-scec :-))
Bella esperienza di pionieri che cercavano di diffondere l’uso di uno strumento di scambio alternativo per risollevare un pò le sorti dell’economia locale e per dare strumenti culturali maggiori in ambito monetario a più gente possibile.
Quell’esperienza Bastiano è fallita e superata, però la vedo come embrione di esperienze utili per portare verso ciò che stiamo cercando.

Luganobella
Utente CDC
2 Settembre 2021 10:42

Tutto giusto ma per un altro paese, in Italia la magistratura non è quello che che pensi tu…

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  Luganobella
2 Settembre 2021 12:30

In generale in un cesto di mele può sempre capitare una mela marcia.
In Italia in un cesto di mele marce può sempre capitare una mela sana.

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da AlbertoConti
fuffolo
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
2 Settembre 2021 16:45
Tizio
Utente CDC
2 Settembre 2021 13:22

Se sono stati istruiti e indirizzati ad agevolare le narrative correnti non vedo il perchè dovrebbero accogliere il presente appello.

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  Tizio
2 Settembre 2021 16:15

Se sono stati istruiti e indirizzati ad agevolare le narrative correnti non vedo perchè non dovrebbero cambiare mestiere.

In definitiva li paghiamo noi, per essere servitori dello Stato. Certo che a questo punto bisogna vedere di quale Stato si parla. Ma il loro dovere è quello di garantire lo Stato dei cittadini, contro quello di terze parti.

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da AlbertoConti
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
2 Settembre 2021 17:33

Perché semmai il mestiere lo fanno cambiare a noi. Per la cruda realtà dei rapporti di forza: lo sai meglio di me. Quando Grillo lanciava strali contro i “nostri dipendenti”, in teoria diceva la verità e galvanizzava i suoi seguaci, ma in pratica perpetuava un errore gravissimo, o se vogliamo, “dava energia” alla menzogna su cui si fondano le democrazie occidentali. Hai fatto benissimo a scrivere la lettera, è importante che si dicano queste cose, che “rimangano agli atti”, per restare in tema… Come è stato importante che medici e pazienti abbiano invocato il governo a riconoscere le cure domiciliari, anche se li hanno olimpicamente ignorati. Tutto ciò resterà a futura memoria, semmai le cose dovessero cambiare e si arrivasse un giorno alla resa dei conti. Ma dopo, bisognerà pensare a un nuovo modello di società, perché ormai è chiaro che la democrazia rappresentativa occidentale è un meccanismo che serve a consegnare lo stato, mediante l’avvallo di un soggetto passivo (il “popolo sovrano”) a poteri di fatto, privati ed opachi, che non potendo governare apertamente lo fanno replicando le loro strutture occulte nelle istituzioni pubbliche. Poiché è la loggia a metterli là, il loro dovere è verso la loggia, non… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da BrunoWald
AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
2 Settembre 2021 21:02

Il modello “democrazia” si può perfezionare, ma non è questo il problema. Il problema è il rapporto di forza tra i poteri dello Stato, fondati su basi di principio (e territoriali), e i poteri economici, fondati su basi di accumulazione capitalistica (e globali). I primi possono controllare i secondi, riducendoli a vantaggio di uno Stato forte anche economicamente, ma solo se lo vogliono (e/o se possono in quanto colonie dell’impero). Altrimenti i secondi prevalgono prima infiltrando, e poi occupando sfacciatamente le stesse istituzioni pubbliche. Quindi è una questione di volontà politica, facilmente manipolabile tramite false ideologie. Per questo il potere economico elitario per prima cosa si appropria degli strumenti d’informazione e di cultura, per plagiare la pubblica opinione contro il suo stesso interesse, salvando le apparenze (inducendo un consenso disinformato). A noi, dopo più di 70 anni di sudditanza atlantica, può sembrare che debba essere per forza così, ma non è vero, e altre parti del mondo lo dimostrano. E anche da noi le coscienze lo dimostrano, nonostante tutti i condizionamenti propagandistici, costringendo l’usurpatore della democrazia a mezzi sempre più coercitivi, cioè meno nascosti nonostante gli immensi sforzi propagandistici per normalizzare le politiche antipopolari. Alla fine la battaglia si gioca… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da AlbertoConti
uparishutrachoal
Utente CDC
2 Settembre 2021 17:20

La magistratura applica la legge, non la ‘giustizia’. E la legge è stabilita dal più forte. Ma se la forza esteriore è proprio del governo reale e non di quello politico che ne è un’estensione visibile e imposta la risposta sociale; non può gestire completamente la risposta individuale.. Il ‘si salvi chi può’ è l’inizio di un comportamento che scavalca gli argini del collettivo e si fonda come pilastro di salvezza personale; e a sua volta determina relazioni di ‘simpatia’ e supporto per chi percorre lo stesso cammino. Bisogna quindi uscire dal ‘sistema’ nel modo più confacente alle proprie inclinazioni e possibilità: si può chiedere addirittura asilo politico (penso ai medici) in quei paesi dove non esiste obbligo vaccinale per la categoria. In tutti i casi, la soluzione è difficile e impegna al massimo le capacità di soluzione, e non può generarsi senza una scelta esistenziale di rottura e quindi da non prendersi alla leggera pensando che la soluzione sia indolore o non rischiosa. Ma le cose vanno da sé per necessità superiori come l’istinto di conservazione, che ci fa fare balzi inconcepibili in situazione di tranquillità. Quando c’è una domanda, è sicuro che c’è una risposta, e se ci… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da uparishutrachoal
AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  uparishutrachoal
3 Settembre 2021 8:35

“La magistratura applica la legge, non la ‘giustizia’.”

Verissimo, ma in queste circostanze basta e avanza. E’ per questo che dobbiamo chiedere insistentemente ai magistrati di fare bene il loro mestiere, quello di far rispettare la legge.
Per rifare le leggi occorre tempo al potere legislativo. Al potere esecutivo basta molto meno tempo. In ogni caso ogni nuova legge che va contro la legge costituzionale è illegittima, anche se temporaneamente legalizza l’abuso.
Ma la cosa più importante è che esiste un corpo di leggi, per lo più legittime, che rappresentano un’eredità più che sufficiente a mandare in galera delinquenti e golpisti associati in questo crimine contro l’umanità. Solo la magistratura può fermarli in tempo utile. Altrimenti non rimarranno che macerie e caos, e le istituzioni saltate completamente. Non sarebbe la prima volta che si riparte da zero, ma a che prezzo?

FrankDax
Utente CDC
3 Settembre 2021 0:14

Buonasera , ammirevoli parole da parte del Sig.Alberto , e credo che una qualsiasi persona di buon senso vorrebbe che questo appello funzionasse…. ma a parere mio , rappresenterà solo un documento di accusa , e prova della loro evidente Malafede , durante il processo che terranno le generazione future , non potendo negare di non essere stati avvisati dell’instaurarsi della Dittatura… Se ci fosse stato un gruppo di mele sane , in quel cesto di mele marce , sarebbero intervenute un’anno fà quando diritti e costituzione sono stati calpestati dal dilettante “avvocatuccio” , figuriamoci oggi che al potere c’è sua Maestà Grisù , al quale permetteranno Tutto e di più… Non ho Mai visto un “lecchinaggio” del genere , tutti insieme appassionatamente (anche nemici giurati) , a riguardo del nuovo CEO Italiota. L’unica speranza rimane , che il CEO nel grande gioco del risiko EU-USA/CINA attuale , pesti i piedi a qualche fazione straniera che ordini , alle persone del suo libro paga , un’altra Mani Pulite , come è già successo nella nostra Povera Storia.. non sarebe una vittoria , ma almeno ci farebbe guadagnare tempo per organizzarsi…

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  FrankDax
3 Settembre 2021 8:43

Anche l’altro Mario, quello più scemo, venne invocato e osannato dal mainstream. Abbiamo visto però che danni ha fatto e che misera fine ha fatto, insieme alla piagnucolosa Fornero. Donna sicuramente più in gamba dell’omuncolo Speranza.

Ora il supermario arriva a voler imporre la vaccinazione obbligatoria per tutti. Sarà la sua ingloriosa fine politica.

Ultimo aggiornamento 21 giorni fa effettuato da AlbertoConti
FrankDax
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
3 Settembre 2021 13:35

Buongiorno , siamo pienamente d’accordo che questi Mario Brothers sono sacrificabili da chi Comanda davvero , quando non gli sono più utili , ma come ricorda bene i danni purtroppo non si esauriscono con la loro defenestrazione.. quelli del primo Mario ci attanagliano ancora… figuriamoci quelli che sta facendo sua Maestà Grisù…

Gianfranco Strazzanti
Utente CDC
7 Settembre 2021 0:52

La presente situazione generale non può essere letta e affrontata secondo i consueti parametri giuridici. Tutti gli apparati sono ormai stati cementati tramite il ben noto ricatto. Tutti rispondono ai superiori e i superiori hanno il compito d’imporre il ricatto: ecco come viene assicurata la connivenza della maggioranza. Sperare che molti vadano contro i propri interessi per il bene della comunità è ingenuo. Fin dai tempi della loro istituzione settecentesca, gli stati di diritto hanno avuto bisogno di un grande lavoro di promozione e propaganda il quale, insieme ai benefici dell’uguaglianza giuridica, millantava anche un’imprecisata possibilità di coesioni e “volontà generali”. Ora come allora, le istituzioni sanno bene che le collettività vivono nell’illusione dei diritti acquisiti. Ma i diritti, ben lungi dall’essere acquisiti, sono ormai divenuti “acquisibili”, per mezzo della moneta dell’obbedienza. A tale illusione se ne accompagna un’altra. Molti uomini si illudono infatti di avere a che fare con legislatori dotati di senso di appartenenza alle loro comunità. Così non è. Le autorità del nostro tempo sono prettamente mediatiche. Esse pertanto non legiferano nell’urgenza di necessità concrete e condivise, ma con il fine di imporre il rispetto di procedure che vanno rispettate per sé stesse, e non per la… Leggi tutto »

43
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x