Le RSA non devono essere lager per anziani

Di Patrizia Cecconi, ComeDonChisciotte.org

Il CUB sanità italiana supporta il comitato che si è costituito tra i familiari dei ricoverati e delle vittime delle RSA e invita a partecipare al sit-in sotto il Ministero della Salute venerdì 13 novembre dalle ore 9,30 alle ore 13 per chiedere che gli anziani ospiti delle RSA non vengano più privati del diritto alla continuità affettiva e relazionale come purtroppo è successo in questi ultimi otto mesi.

Il presidio, come spiegato nel comunicato stampa (1) si propone di ottenere  linee guida nazionali affinché sia consentito l’accesso nelle RSA – con tutte le misure precauzionali che l’epidemia di covid impone – ai familiari dei pazienti.

Alcuni membri del comitato hanno rilasciato interviste che sono un vero e proprio atto d’accusa, denunciando la disumanità con cui le case di riposo hanno trattato gli anziani, di fatto lasciandoli morire nella disperazione e nell’abbandono.

La signora S.M., membro del comitato, ci dice “ abbiamo sentito ripetere in modo patetico e spesso strumentale che non dobbiamo dimenticare i “nostri anziani” ma che dobbiamo loro “tenerezza e cure” e che la covid li sta sterminando e noi siamo tutti responsabili se non seguiamo le indicazioni dell’Istituto superiore della Sanità, dell’OMS, del nostro governo, dei vari virologi, epidemiologi, veterinari, biologi e showmen e showomen vari che si alternano sugli schermi televisivi, ma la realtà vera, quella fatta di silenzi disperati, o di lacrime, o di vecchi legati nei letti, e di escrementi e di piaghe da decubito e di terrore negli occhi dei nostri vecchi è cosa molto diversa dall’ipocrisia di quelle parole e di quegli show”.

Gli orrori vari che ci sono stati raccontati e che in diversi casi sono inequivocabilmente documentati, in realtà cozzano duramente con le raccomandazioni propagate per migliaia di euro ad apparizione  televisiva da medici e non che, di fatto, hanno solo facilitato l’isolamento crudele di migliaia di anziani, lasciati morire nella disperazione della solitudine senza il minimo conforto dei loro familiari.

Il coordinamento delle famiglie, invita caldamente a partecipare al sit-in del 13 novembre chiunque sia sensibile al problema, anche se non ha “i suoi vecchi cari” ricoverati, ricordando che ognuno è responsabile di fronte al tormento dei pazienti superstiti, come ricorda  anche chi ormai ha perso la propria madre o il proprio padre senza poterli più vedere perché “sequestrati” e lasciati in attesa della morte nelle condizioni più avvilenti e dolorose che nessun essere umano dovrebbe tollerare, né per sé, né per i propri cari o per nessun vivente.

Dalla signora S.M. apprendiamo  “che durante i mesi della chiusura per via del Covid, non siamo più riusciti ad avere informazioni veritiere sullo stato di salute di mio padre, e non possiamo dimenticare lo strazio in cui lo abbiamo visto nelle rare video-chiamate concessegli e la disperazione che si leggeva sul suo viso. La direttrice sanitaria continuava a dire che i parenti erano inutili e che tutto andava bene. Non era vero. A giugno siamo riusciti a trasferirlo dalla RSA in cui si trovava, in altra casa di riposo, privata, dove la dottoressa ha riscontrato piaghe, denutrizione, disidratazione, grave infezione alle vie urinarie, oltre a difficoltà a nutrirlo con cibi solidi perché, per risparmiare tempo nella RSA in cui si trovava, gli avevano cambiato la dieta tenendolo in vita solo con frullati.  Quell’infiammazione alle vie urinarie l’ha portato a morire dopo 20 giorni per blocco renale.”

Alla richiesta se ci fossero problemi economici a giustificare tale trattamento, la nostra interlocutrice risponde: “Noi abbiamo venduto la sua casa per pagare qualunque cosa lo aiutasse a stare un po’ meglio, ma è finito male lo stesso. Pensiamo a quei poveracci che invece non hanno soldi e nemmeno parola”

La signora A.I. racconta una storia simile e aggiunge che per circa 85 pazienti ricoverati nella RSA in cui si trovava sua madre il personale complessivo, addetto cioè sia all’assistenza, che alla cucina, alle pulizie, alle cure sanitarie e all’amministrazione era di una dozzina di persone.

Il signor S.T., che ha il fratello più anziano di lui di 15 anni ricoverato in un’altra RSA, ci racconta a sua volta una storia di disperazione alla quale aggiunge qualcosa che interroga anche il senso civico di chi crede nel rispetto e nella dignità del lavoro. Nella RSA dove suo fratello è ricoverato, e ancora in vita sebbene in condizioni psicologicamente drammatiche, sono stati licenziati due dipendenti perché avevano osato criticare il trattamento dei pazienti, ipocritamente chiamati ospiti.

La signora S.M. ci dice “andate a vedere con quanto poco personale hanno gestito e stanno gestendo i ricoveri in questi mesi, con che tipo di contratti assumono, quanti operatori sono andati via o sono stati licenziati. Fate una vera inchiesta su cosa succede nelle case di riposo, finanziate anche dalle ASL.” La sua voce si rompe e la commozione prende anche chi ascolta, quando aggiunge “I contatti, una carezza, una parola gentile, un volto conosciuto, magari con guanti e mascherine, per alcuni anziani non più in grado di capire, sono la sopravvivenza. Non stanno morendo solo di COVID, vedete anche i numeri degli altri morti, non li ignorate!”

Le chiediamo perché non fa una denuncia formale per ciò che ha subito suo padre ma la sua risposta ci fa capire quanto sia difficile intervenire se non si hanno “le spalle coperte”. La società di cui fa parte la RSA che ha ridotto suo padre in condizioni larvali  “è un impero delle case di riposo” ci dice “motivo per cui mi è  difficile anche denunciarli, dovrei trovare un bravo avvocato costoso e non posso permettermelo.” Quindi aggiunge un invito rivolto a tutti i media di qualunque importanza e diffusione e ci dice “Voi però che potete, vi prego indagate, fate inchieste, controllate prima di prendere soldi per pubblicità da gente che si arricchisce con un dramma come la vita degli anziani, di persone non autosufficienti e che chiunque siano stati nella vita oggi non hanno più voce. Le grandi e piccole case di riposo di oggi sono come i manicomi di un tempo, strutture chiuse dove nessuno può più entrare. Non lo chiedo per me, non posso più, ma per quanti stanno vivendo ancora questo incubo.”

Per tutto questo facciamo nostro l’invito a partecipare al sit-in del 13 novembre per ottenere rispetto vero e cure dignitose per gli anziani nelle case di riposo che, come ci hanno ricordato gli intervistati non sono morti solo per covid, ma anche, se non soprattutto, per l’incuria e la scarsità di personale giustificate pretestuosamente dalla covid-19.

Di Patrizia Cecconi, ComeDonChisciotte.org

12.11.2020

NOTE

(1) = http://cubroma.it/13-novembre-presidio-del-comitato-familiari-delle-persone-anziane-ricoverate-nelle-r-s-a-organizzato-con-la-c-u-b-sanita/

 

COMUNICATO STAMPA CUB ROMA

13 Novembre: presidio del Comitato Familiari delle persone anziane ricoverate nelle R.S.A., organizzato con la C.U.B. Sanità

Gli anziani ricoverati nelle RSA sono le principali vittime della pandemia, non solo per colpa del virus.

La dignità e la cura di queste persone è stata ed è notevolmente compromessa dall’incapacità di parecchi responsabili.  

Ormai da marzo sono segregati nelle strutture, non possono ricevere visite, sono state sospese quasi tutte le attività sociali.

Dopo oltre sei mesi di reclusione, il loro stato psicofisico è gravemente compromesso. Soffrono di depressione, senso di abbandono, solitudine. I familiari non ne hanno quasi notizie.

Il personale, già insufficiente prima della pandemia, è oggi decimato dai contagi, malretribuito, spesso ricattato e insufficiente.

Tutto ciò è intollerabile! Ogni civiltà ha riconosciuto la particolare dignità degli anziani !

Il mantenimento della salute psico fisica e sociale degli utenti presuppone il rapporto con i familiari; la relazione è un imprescindibile momento terapeutico.

I familiari degli utenti delle RSA scendono in piazza per chiedere protocolli e linee guida nazionali che consentano loro di far visita ai propri cari.

  • occorre favorire i colloqui diretti con i familiari, predisponendo spazi adeguati, nel pieno rispetto delle norme per la prevenzione del contagio;
  • È necessario riattivare i servizi accessori e riabilitativi, che contribuivano a migliorare le condizioni di vita all’interno delle strutture.
  • Occorre, riorganizzare e potenziare, completare in senso qualificativo le piante organiche di chi ci lavora rivalutandone i redditi, sicuramente ridare un ruolo definito ai medici di famiglia.

Al presidio parteciperanno il Coordinamento Regionale Sanità e il Coordinamento degli operatori sociali, in sciopero generale nella stessa giornata.

Le RSA non devono essere lager per anziani