Lavorare in una municipalizzata: che fine hanno fatto i diritti?

CSEPI Intervista Serenetta Monti  - USI

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Gianluca Graziadio e Letizia Lanzi

Prospettive di Classe 2.0  (puntata #6) – Sesta e ultima puntata della rubrica dedicata ai lavoratori e alla loro attuale condizione. Come nelle altre interviste approfondiamo non solo gli aspetti tecnici dell’organizzazione del lavoro ma soprattutto la dimensione sociale e gli impatti che determinate scelte politiche hanno prodotto, utilizzando come sempre uno sguardo di classe.

Ospite della puntata Serenetta Monti, tra i fondatori di  “L’Assemblea dei lavoratori Polis”, membro dell’esecutivo romano del sindacato auto-organizzato Unione Sindacale Italiana (USI) oltre che RSU di Zètema.
Serenetta Monti da anni si batte per il rispetto dei diritti dei lavoratori delle società municipalizzate del Comune di Roma, facendosi anche carico di numerose denunce al Ministero del Lavoro, alle Asl e all’Inail. Nell’intervista ripercorriamo la storia dell’esternalizzazione dei servizi essenziali degli enti locali – pratica diffusa in tutti i comuni – e la trasformazione sia dell’organizzazione che delle condizioni a cui sono soggetti i lavoratori, troppo spesso ridotti al precariato costante in nome dell’efficienza e del risparmio economico, quasi mai raggiunti.

Un invito a riconsiderare l’importanza della coesione tra i lavoratori, come condizione indispensabile per la difesa dei diritti e la lotta di classe, contro una cultura individualista che ci vuole separati e sconfitti.

Buona visione

 

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix