La campagna elettorale è stata lo specchio di un paese invecchiato

DI GIORGIO PASSARDI

facebook.com

La campagna elettorale è stata lo specchio di un paese invecchiato (soprattutto nelle generazioni più recenti, che ragionano da vecchi più di quelli anagrafici), accidioso, litigioso, quaqquaraqquoso ma soprattutto, vigliacco.
Si è parlato solo di paure, quasi tutte surreali o costruite e mai del futuro.
Forse perché il futuro è il vero problema del paese.
Chi mi conosce sa che avevo ampiamente previsto il risultato.
Purtroppo per non pagare il dazio della propria incapace ottusità, quella cricca di mediocri che occupa ogni livello della direzione di questo paese, ci propina elezioni ogni tre mesi.
Nel canaio che ne consegue, fra gli abbaii delle opposte fazioni, portano avanti i loro miserabili traffici, legati a piccole e medie camorrie, mentre altri pescecani spogliano la nazione di ogni grande ricchezza.
Ma cosi vanno le cose.

Il paese affonda fra gli strepiti degli uligani, come sulla barca dei folli.

Unici dati interessanti:

Il ritorno del bipolarismo.

La fine (ingloriosa) dei 2stelle, fagocitati dal sistema che si è mangiato prima la testa, e poi ha dato in pasto ai gatti il corpo). Peccato. Era stato un esperimento interessante.

I no vax hanno preso più voti dei tre partiti di sinistra indipendenti.

 

Giorgio Passardi

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/giorgio.passardi/posts/10215852079242147

27.01.2020

CDC
24 Comments
  1. Vincenzo Siesto da Pomigliano says

    Morale della favola: ABBANDONARE LA NAVE!!! O no?
    Una società senza(giusti) ideali é destinata fatalmente a perire o a sprofondare nella più buia delle barbarie.

  2. Primadellesabbie says

    Siamo in prima linea e ben schierati per pagare il conto di una cultura che é partita da qui ma che ci é estranea, se non per una svogliata e stiracchiata sintesi che ha prodotto un acceso onnipresente moralismo, con marcate sfumature di fatalismo come via di fuga, manifestiamo, spesso con toni accesi, un illuminismo che non ci appartiene e nel quale non crediamo.

    Quale tipo di politica, e in che modo, potrebbe affrontarci?

    Per il momento tutto é affidato ad una pesante burocrazia che bada ai piani alti come alle sentine, lasciata per giunta all’interpretazione ed allo zelo del singolo, spesso abbruttito dal rapporto quotidiano con il mostro informe che lo impiega o esaltato dalla sua invidiata “competenza” in mostri.
    E noi ci contiamo, per noi la burocrazia é come il purgante per i nostri bisnonni, il rimedio per tutti i mali, in ogni caso basta aumentare la dose.

    PS –

    a) Non scervellatevi nel cercare le cause del crollo dei 5stelle, si sono avvitati, fin dall’esordio, in una spirale di contratti, piattaforme, proprietà del marchio, leadership per interposta persona, diritti di prelazione (sempre una coltre burocratica ci prepariamo, prudentemente) tra i quali, anche se ci fosse stata una improbabile parvenza di vocazione politica o, ancora molto più improbabilmente, di competenza unita a vocazione politica, si sarebbe trasformata in un pesante handicap per lo sfortunato portatore.

    b) Gli emilianoromagnoli sono più ingenui degli altri italiani, ci credono ancora, lavorano, guadagnano e ne sono soddisfatti, sono ancora, sotto sotto, comunisti ed anticomunisti, materialisti incorreggibili.

  3. 4T-5PA-4GR/TEU says

    “La fine (ingloriosa) dei 2stelle, fagocitati dal sistema”

    Fagocitati dai media che per 18 mesi hanno vergognosamente propagandato contro il 5S, a favore di Selfini e del nuovo che avanza in Calabria. Sion ha rimesso in piedi il pd ed i loro cugini del cdx, tutto è tornato com’era, tutti sono contenti ed i pecoroni non hanno capito niente. I padroni di Selfini non sono riusciti a farlo vincere in Emilia, ma si inventeranno qualcos’altro, i padroni esigono lo scontro con l’Europa, l’Europa deve sfasciarsi, dato che qualcuno sta pericolosamente guardando verso la Russia e questo l’anglosionismo non lo tollera.

  4. Panthera Pardus says

    il bello e’ che la cosidetta sinistra e MSM festeggiano l’equivalente di pareggio in casa nelle coppe – i voti raccolti nella terra dei Piddini valgono doppio, basta attaversare il confine a Nord per andare in Veneto dove le Sardine le friggono… su Scala nazionale Vince Salvini&Meloni, su Scala regionale si vede, ma anche la Toscana, come la Emila qui si parla di avanzare verso il Reichstag a Berlino combattendo casa per casa – e’ dura estirpare i piddini nei bunker della lega delle co-operative.

    Ma guardiamo i lati positivi
    1) il movimento 5% e’ andato, resta il destino dei personaggi individuali che aspirano al vitalizio, l’ *unica* Ragione per cui il governo sta su
    2) la vittoria delle Sardine pone sotto i riflettori il mister “se-lei-tira-la-palla-ad-un-Bambino-autistico”, gia’ quello e’ uno spot a favore delle destre mica da poco – tra l’altro ha lo stesso problema di Renzi, e’ uno spocchioso, un *****zz* in pratica
    3) i piddini e la loro coorte venderebbero la madre per un posto da sottosegretario, da adesso fino alla fine del governo ci sara’ una lotta che nemmeno lanciare un bistecca alle iene
    4) da adesso alla fine del governo e’ pieno di regionali e comunali fuori casa per i piddini, ci vediamo alle partite di ritorno

  5. Pas de deux says

    Io che ho votato 5s tempo fa sono rimasto proprio male! L’unica cosa buona che han fatto e’ stata il taglio dei parlamentari, di cui ancora nemmeno si e’sicuri. Per il reddito di cittadinanza e’andato ai furbi, agli stranieri, anche ai rom.Tutto il resto no qua, no la’e’diventago si…si.Ora il pd rialzera’la cresta, del resto e’l’ex dc e salvini uguale. Nel suo partito c’e’ la dc di berlusconi…si vede che alla gente piu’la tratti male e piu’ti vota. Dementi, senza dignita’! Non cambiera’mai nulla…..noi che ci opponiamo andiamo nell’astensione, almeno io! Non voglio far parte di questa melma!..

  6. Pas de deux says

    Il popolo ha sempre votato per chi lo maltratta, e’come il lupo addomesticato a furia di botte, cioe’ il cane che vuole il padrone pure se lo bastona! Contenti loro…….

  7. Otorinolol says

    Inutile comunque cercare di dinfendere i 5stelle dando la colpa ai media, a Mazzucco, e a Gesu. Il patto con il pd è indigeribile. Viene da piangere quando rivedi i video del tour di di battista che illustrava la piovra del pd come il male italiano, ben peggiore di quello berlusconiano.

    Adesso sono parte della piovra, e meritano di essere mangiati.

    E in fondo anche il patto con la lega lo era, se non altro però poteva essere un alleanza nazionale euroscettica. Con il pd hanno perso il mio voto e quello di tutti quelli che conosco. E mai, mai lo riavranno.

  8. SimSim says

    Premesso che a mio parere chiunque avesse vinto in Emilia avremmo avuto poco da festeggiare, a me onestamente fa ribrezzo il dopo, con le prese in giro stile asilo. Che per caritá, sono in perfetta continuitá con quanto va avanti da mesi, quindi non mi dovrei stupire. Ma non riesco a fare a meno di pensare a quale infimo punto sia arrivato il dibattito pubblico. Il risultato peraltro qual é stato? che non cambierá nulla in Emilia (come non sarebbe cambiato nulla se avesse vinto la Lega) e c´é la metá del paese che ancora spaccia il PD come una roba di sinistra che festeggia come se fosse una nuova alba. A volte vorrei che dell´Italia non se ne parlasse piú.

  9. Annibal61 says

    Beh…i comunisti sono migliorati. Ai tempi di Stalin i bambini li mangiavano, e non si sa, adesso li rubano. ..e sono il 60% a Bibiano!

    1. Astrolabio says

      E soprattutto gli altri, che sapevano e non parlavano, hanno votato per quelli che hanno rubato i bambini ai legittimi genitori.
      Non e’ una regione che ha capito molto.Non poteva votare diversamente.
      Deve ancora capire cosa diventare,quindi e’ rimasta indietro con i fantasmi che la tormenteranno per ancora diversi anni.

  10. Astrolabio says

    “”””I no vax hanno preso più voti dei tre partiti di sinistra indipendenti.”””

    Una bella notizia.
    La gente comincia a capire.

    1. Diego L'udinese says

      Comunque troppo pochi. Con i disastri che ha fatto il sindaco di Rimini, mi aspettavo qualcosa di più…

  11. silvano says

    Le elezioni sono l’inutile teatrino che serve all’élite per mantenere lo status quo a prescindere dal risultato…come dice un noto comico….è inutile cambiare i cazzi quando il culo è sempre lo stesso! Scusate le parole ma quando ci vuole ci vuole!

  12. federico18 says

    io sento tante opinioni sul Movimento 5 Stelle ma nessuno la racconta con le parole giuste. Questi sono stati il più grande intortamento-tradimento della storia d’Italia, quello che è successo deve essere raccontato con le parole giuste. Non so quanti qui in questo blog hanno mai visto uno spettacolo del “vecchio” Beppe Grillo (non quello di adesso), dove si parlava di sistema monetario, banche, sovranità, piena occupazione…. Questi hanno tradito su tutto e noi lo raccontiamo come se fosse una storiella d’amore tra due adolescenti in cui uno dei due dopo un po’ cambia idea e lascia l’altro. Il Movimento 5 Stelle è la più grande vergogna della storia d Italia. Fine.

  13. Divoll79 says

    Abbiamo ancora tantissimi creduloni in Italia = quelli che credono che il PD sia di sinistra, che le sardine siano un movimento spontaneo e che chi canta bella ciao sia automaticamente un comunista. Chissa’ se credono anche a Babbo Natale e Nostradamus.

  14. Primadellesabbie says

    E se provassimo a correggere, o completare, il titolo?

    “La campagna elettorale è stata lo specchio di un paese invecchiato ad arte e pervicacemente dalla politica”

    Caschi il mondo, il PD continua imperterrito il suo programma di conquista di posizioni che é l’unica cosa, compatibile con qualsiasi linea politica e a partire da qualsiasi risultato, che hanno insegnato a fare alle terze scelte ed alle (a suo tempo) giovani speranze di DC e PCI più frattaglie che vi si sono annidate.

    La destra, che per continuare ad esistere come forza locale (cioè non dover mandare all’ospizio tutto l’organigramma), anziché come emanazione in stand by dei capi galattici, é costretta ad aggrapparsi all’anacronistica formula del sovranismo, scoperta in qualche cascinale abbandonato da tecnici che hanno marinato i corsi di aggiornamento per abbuffarsi di pecorino, ci fa perdere tempo prezioso e guasta le menti dei paesani.

  15. Bertozzi says

    Bonaccini ha vinto di poco, e ci ha tenuto a ringraziare le sardine, senza di loro forse non avrebbe vinto; ecco un esempio di azione politica lampo che, farlocca o no, in pochi mesi ti inventa uno pseudo ‘movimento’ dal nulla e ti cambia un risultato politico – che sarebbe stato molto significativo, la sconfitta della sinistra in Emilia (al netto del fatto che son tutti buffoni e dovrebbero stare a spalare del guano da mane a sera).

    Un piccolo 5s.
    Vivo giusto il tempo per raggranellare quei voti per far stare a galla qualcuno. Non mi stupirei se da domani non ne sentissimo più parlare.

  16. lady Dodi says

    Allora com’è che non ha vinto l’Uomo Qualunque ma tanto tanto onesto?
    Il PD è comunque finito avendo dovuto Bonaccini metterlo in seconda fila per vincere.
    Il papà della Borgonzoni e le Sardine hanno fatto il resto.
    Alla prossima!

    P.S. per i più giovani . L’Uomo Qualunque era il nome di un partito fondato dai papà e dalle mamme dei 5 Stelle attuali. Negli anni 60, mi pare.

    1. Pas de deux says

      Onesta? La lega?

  17. MarioG says

    A quanto pare, il male oscuro che rosicchiava i 5S non era Lega!

    Ora la situazione politica italiana è surreale.
    Il partito di maggioranza relativa è evaporato, ritorna al 5% nel luogo di nascita mantenendo il 32% in parlamento: praticamente un soufflé politico.
    Ma più è vuoto al suo interno, più stabilizza il PD al governo:
    da un lato questa maggioranza, lo sappiamo, è puntellata agli alti livelli di istituzionali (italiani ed europei), quindi le spalle sono coperte;
    dal lato del consenso è completamente delegittimata, ma la voragine che si è aperta di fronte ai rappresentanti 5S è un’assicurazione fortissima di consenso parlamentare.
    Paghiamo la gestione delle crisi di agosto da parte di Salvini.

  18. Arcadia says

    da facebook
    Andrea Zhok – 7 h ·

    Stamattina mi ero fatto un fioretto di non commentare gli esiti elettorali, però poi ti capita di gironzolare su Fb, e, con specifico riferimento all’Emilia-Romagna leggi una roba del genere: “è stata una rivolta del popolo di sinistra contro i mercanti di odio.”
    Ed è allora che capisci quanto siamo messi male.
    Allora, segnalo solo due cose, di estrema banalità, ma apparentemente non ovvie per tutti.
    1) Il presente voto amministrativo conferma solo, senza nessuna suspense, ciò che si era già perfettamente capito da mesi, ovvero il rientro dell’elettorato italiano nell’alveo del bipolarismo degli ultimi decenni.
    2) Il bipolarismo è quel sistema in cui il liberalismo “di sinistra” e il liberalismo “di destra” tenzonano vigorosamente per il piacere del pubblico pagante, e lo fanno per decidere di quale colore sarà il sudario in cui vi avvolgeranno, o il tono della voce con cui canteranno messa.
    3) Chi avesse un soprassalto e desiderasse sbracciarsi per dire che no, non sono proprio proposte uguali, se le guardi bene, se cerchi con attenzione, eh, le differenze le trovi;
    ecco, bene, si astenga.
    Missa Est

  19. Primadellesabbie says

    I problemi del momento?
    Ecco qui, guardate a cosa abbiamo destinato i proventi delle telecomunicazioni (Barca da 30 milioni per l’AD del gruppo Pirelli):

    https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ecco-nuovo-super-yacht-tronchetti-provera-gioiello-225209.htm

    C’é di che gonfiare i petti per l’orgoglio.

    Nel XVI secolo, un principe di area tedesca (che certamente non capiva una mazza) aveva, con un decreto, destinato i proventi della della locale fabbricazione della birra, alle vedove e agli orfani dello staterello (non ho sottomano il testo con i dati precisi).

    (É annidato nelle teste, il baco!)

  20. Roberto Cerini says
    1. Astrolabio says

      Se le cose stanno in questi termini,come si giustifica che nessuno ha accennato alla manipolazione del voto?

      Da notare che adnkronos quattro giorni fa scriveva, (e Bonaccini ha ringraziato le sardine!!!!)

      “Occhio ai brogli”, è psicosi social tra sostenitori Lega
      POLITICA
      Share
      Occhio ai brogli, è psicosi social tra sostenitori Lega
      (Matteo Salvini /Facebook)

      Pubblicato il: 23/01/2020 14:35
      “Risiedi in Emilia-Romagna? Scrivici subito e aiuta a vigilare sugli scrutini”. Matteo Salvini lancia l’appello ai sostenitori per diventare rappresentanti di lista della Lega questa domenica ai seggi – “Più siamo, più controlliamo” lo slogan -, e sulla bacheca Facebook del leader del Carroccio scatta la psicosi brogli. Decine e decine, infatti, i commenti che paventano possibili irregolarità sulle imminenti elezioni regionali, perché per i militanti leghisti “è possibile di tutto” e, di certo, “sarà meglio che controllino MOLTO BENE!! Non ci si può fidare di questi”. Ma questi chi? Presto detto: “La sinistra che è capace di tutto”, “i furbetti pidioti che cambiano od annullano i voti”, “i Pd che sono falsari provetti”. Occhio, insomma, “che vi ci vengono quelli di sinistra le sardinacce marce a vigilare sul voto”, gente che senz’altro farà “qualsiasi cosa per sabotare il voto alla Lega”.

      “Attenti alle manipolazione dei risultati elettorali!!! I brogli sono una specialità affinata nel tempo, per certi scrutinatori nei seggi elettorali italiani” l’imperativo dei militanti leghisti, che dispensano anche consigli per limitare i danni: “Votare in prima serata, hanno meno tempo per fare i consueti brogli”, “attenzione all’ora di pranzo tutti lì a controllare” o anche “attenti alle schede bianche… Se le segnano a loro piacimento i corrottoni”. E come se non bastasse l’adesione sul territorio, ecco spuntare candidati al ruolo di rappresentante di lista anche da altre regioni: “Non sono emilianaromagnola – scrive una signora – ma ai seggi occhi bene aperti, molto aperti. Sono abituatissimi ai brogli ne sono maestri”.

      Ma non è tutto. Fra i commenti c’è addirittura chi denuncia una manovra sospetta, forse un possibile tentativo di ‘istigazione al non voto’: “Io – scrive la signora Paola – ho saputo per caso che hanno spostato la sezione dove voto di solito….non si sono neanche degnati di mandare un avviso ai cittadini!!! Forse i sinistroidi puntano sull’astensionismo!!!!”, l’accusa supportata da una decina di ‘like’.

      https://www.adnkronos.com/fatti/politica/2020/01/23/occhio-brogli-psicosi-social-tra-sostenitori-lega_AZL8hu4g3eCdTz5lIShoWK.html

Comments are closed.