Il Tranquillo Ritorno Del Feudalesimo

DI 

theamericanconservative.com

Pochi organi politici hanno annunciato il riallineamento in corso della nostra politica rispetto al Reddito di Base Universale. Il fatto che i suoi fautori e detrattori non riescano a concordare su cosa l’UBI (Universal Basic Income) sia destinato ad essere, è semplicemente una misura di quell’annuncio.

Prendi la Spagna. Il governo di estrema sinistra del paese fu uno dei primi fan dell’UBI, e quando si occupò della disoccupazione causata dai blocchi per implementarne una sua versione, le misure furono derise con la definizione sarcastica di la paguita – spagnolo per paghetta. L’analogia fu rapidamente censurata come xenofoba – un potenziale segnale di attrazione per i migranti illegali ritenuti una falsa risorsa – o più creativamente ancora, come aporofobia,  un neologismo  made in Spain per indicare avversione verso i poveri.

Eppure erano i neolaureati, non gli stranieri clandestini né i poveri, quelli che preoccupavano, perché sarebbero diventati gli utenti della paguita UBI, come fosse un sussidio di disoccupazione. Gli scettici dell’UBI temono questo più di ogni potenziale scappatoia per i migranti o per i fannulloni: in particolare, che allontani ulteriormente i giovani molto qualificati dalle esigenze del mercato del lavoro, indirizzandoli invece verso “attività più creative” di dubbio interesse sociale, trasformando così le classi medio-basse autosufficienti nei loro sostenitori politici.

La dissonanza su chi esattamente UBI dovrebbe aiutare è estremamente rivelatrice. La politica dell’UBI fu inizialmente progettata nella Silicon Valley per rendere l’automazione indolore, ma i liberali su entrambe le sponde dell’Atlantico hanno salutato favorevolmente la sicurezza che fornisce contro le interruzioni del mercato del lavoro. La resa dei conti con la necessità di una rete di sicurezza più ampia è in realtà molto diffusa, ma il benessere non condizionato che UBI avrebbe potuto concedere ai millennials qualificati rimane un no-go che attraversa gran parte del diritto. Abbracciando l’UBI, la sinistra sembra aver fatto pace con la nostra deriva tecnologica, allontanandosi dall’autosufficienza e procedendo invece verso una dipendenza generalizzata. Ma la creazione di una classe dipendente dal presunto “migliore e più brillante” è ancora considerata un’idea profondamente perversa di destra.

Questo riallineamento intorno al lavoro e al benessere non è che un esempio di ciò che Joel Kotkin descrive nel suo ultimo libro Il ritorno del Neo-Feudalesimo, l’oscura sostituzione del capitalismo liberale – una miscela di opportunità economiche, pluralismo e potere politico diffuso – con un nuovo regime dominato dagli oligarchi tecnologici, abilitato dai loro sostenitori nella cosiddetta “intellighenzia progressista” e finora accettato dalla maggior parte dell’opinione pubblica. L’idea che una classe di signori della tecnologia si stia infiltrando nelle istituzioni liberali sembrerà inverosimile per la maggior parte dei lettori di Kotkin, ma questo è solo perché le nostre connotazioni di “feudalesimo” soffrono di pregiudizi recenti. Questa parolaccia spesso richiama alla mente la Francia pre-rivoluzionaria, dove una nobiltà monarchica e un clero conservatore si unirono per preservare i loro privilegi, fino alle spade del 1789.

Questa tarda forma di feudalesimo è mostrata nella scelta della copertina di Kotkin. Un’incisione che raffigura un nobile e un prete in groppa a un contadino, stampata due mesi prima dell’assalto alla Bastiglia. Ma ciò da cui il libro mette in guardia è il feudalesimo in una fase embrionale, in cui gli interessi della nobiltà e del clero non avrebbero potuto non coincidere e dove la sottomissione del terzo stato era ancora inconsapevole. Allo stesso modo, ci sono voluti secoli dopo la caduta di Roma perché il feudalesimo medievale prendesse completamente forma, con la Chiesa che praticava un controllo sul potere dei re,  prima di diventare il loro alleato geopolitico, e i servi che lavoravano duramente nelle tenute rurali della nobiltà post-romana, a malapena consapevoli della loro condizione di schiavi. Allora come ora, Kotkin sostiene che la nostra feudalizzazione è lenta ma costante, con sempre più potere concentrato in poche mani. Kotkin è meglio conosciuto come urbanista che come storico.

Gli amministratori delegati della Big Tech e l'”intellighenzia progressista” formano una coalizione improbabile, il potere aziendale è un classico cruccio progressista. E che dire dei signori della tecnologia odierni, che li rendono più appetibili dei banchieri e degli oligopolisti che hanno rimpiazzato? Il trend e il risveglio del capitalismo hanno sicuramente un ruolo, ma il loro appello primario rivolto alla società in generale è, secondo Kotkin, tecnico, fondato sul valore crescente che la nostra economia attribuisce all’abilità tecnologica.

Più che una tecnocrazia, si tratta di un cricchetto tecnocratico: i tecnici hanno le chiavi di un’economia che hanno introdotto e continuano a rendere più complessa. Gli opinion maker progressisti hanno largamente accettato la concentrazione del know-how produttivo in poche mani, sebbene i meno abbienti siano esclusi dai percorsi per acquisirlo.

Peggio ancora, i benefici sociali derivanti dall’innovazione tecnologica raccolti da tutti, continuano però a diminuire, laddove l’innovazione era un tempo interessata alla produttività, ai trasporti o all’edilizia abitativa, il suo legame con il miglioramento degli standard di vita è stato pressoché spezzato dalla propaganda sociale sui social media e dall’intelligenza artificiale.

In cima all’ordine neo-feudale si trovano questi due potenti blocchi, e la perturbazione economica che la loro alleanza preannuncia è di ampia portata, non si limita ad una singola serie di politiche vincenti per le aziende tecnologiche.

Anche se le loro pratiche di evasione fiscale o di avida raccolta di dati sono frenate da tasse digitali transnazionali e da ambiziose regole sulla privacy, per le grandi tecnologie queste ammonteranno a poco più di un pollice sul margine, semplici dossi sulla strada verso il neo-feudalesimo. Per definire i contorni del nuovo ordine economico, Kotkin propone invece di dimensionare i grandi principi del capitalismo liberale in fase di erosione. Ciò inizia con la proprietà, la scala attraverso la quale una maggioranza potrebbe una buona volta agevolare la prosperità della classe media, ma che viene stroncata quotidianamente davanti ai nostri occhi.

Questa crisi di proprietà è alla base del mantra che “i giovani di oggi sono la prima generazione ad affrontare prospettive più deboli dei loro genitori”, confermato in infiniti sondaggi. Una coppia sposata di laureati di prima generazione oggi fatica a comprare una casa anche all’età dei loro genitori non istruiti, ritardando efficacemente il tempo in cui entrambe le generazioni hanno lavorato così duramente per inseguire la mobilità sociale. Anche se rimane l’unico vero trampolino di lancio per l’accumulo di ricchezza, la proprietà della casa è sempre più monopolio di coloro che sono fortunati ad ereditarla, monopolio che inclina ulteriormente il campo di gioco sempre più accidentato, fino dalla nascita. E tutto ciò riguarda ciò che Kotkin chiama la moderna “yeomanry” di professionisti finanziariamente insicuri ma accreditati. Ancora più cupe sono le prospettive del servo neo-feudale, in quel mondo infernale di lavori scarsamente qualificati del precariato di servizio. Privi di competenze tecniche, questi neo-servi vivono di stipendio in  stipendio, in quello che l’ex Segretario del Lavoro Robert Reich una volta ha definito il “condividere l’economia degli scarti”- un gioco di parole sulla “sharing economy”- senza il soffio di alcuna reale opportunità economica.

Ma proprio come i servi medievali si sentivano legati al sistema feudale attraverso la speranza cristiana della redenzione, così il nostro ordine neo-feudale è tenuto insieme dalle relazioni economiche, dai valori culturali evangelizzati dalla intellighenzia, che guarda verso il basso. L’etica sociale di un tempo era quella del dinamismo, della distruzione creativa e opportunità diffuse per tutti, che, se sinceramente abbracciati da coloro che erano al vertice, davano all’intero sistema un sostegno di legittimità. Per la classe dirigente che deteneva le redini, vivere questi valori e guidare con l’esempio ha rafforzato la loro posizione in vetta al sistema: creare posti di lavoro significava sostenere i mezzi di sussistenza della classe media, rinunciare al benessere delle imprese e accettare i diktat di applicazione delle norme antitrust secondo le regole.

I valori alla base del neo-feudalesimo di oggi, piuttosto che consentire alle élite di rinnovarsi  attraverso la competizione e il merito, servono a trincerarsi dietro ai privilegi, che ci bloccano.
Il pluralismo nel discorso online è in declino e ogni discorso sulla limitazione del potere dei giganti della tecnologia viene diffamato come eresia antitrust, sancendo efficacemente il loro monopolio naturale sullo spazio digitale. Per quanto riguarda la filantropia, i signori della tecnologia oggi vedono davvero la loro sorte come la più generosa della società, ma le loro strategie di fondo non cercano più di allineare lo status al merito, ma di riformare completamente la nostra economia politica normalizzando la dipendenza. L’UBI sta alla filantropia come liberare il pesce sta all’educazione alla pesca.

Ogni volta che un’opportunità economica viene invocata dagli alleati della grande tecnologia nell’intellighenzia, è più spesso nel discorso di identità politica, che derivano le prescrizioni che non riescono a creare, ricorrendo invece a spingere le minoranze etniche tra i ranghi della tecnocrazia. Invece di ampliare l’accesso ad un’istruzione di alta qualità, alla formazione professionale o alla proprietà urbana, il canto della sirena dell’identitarismo richiede quote numeriche e azioni positive.

Semmai, le opportunità economiche potrebbero perdere ancora più terreno se gli shibboleth promossi dall’alto vengono perseguiti alla lettera, nella misura in cui comportano ulteriori sanzioni per i meno fortunati, ad esempio attraverso l’ambientalismo o il multiculturalismo. Ed è qui che rientrano in scena politiche come l’UBI: il loro obiettivo è rendere la mancanza di opportunità economiche meno dolorosa e politicamente costosa, non di invertire la nostra direzione di viaggio verso il neo-feudalesimo. Evangelizzati con lo zolfo della religione, questi valori stanno inaugurando un nuovo regime, rispetto a quello che Kotkin chiama “socialismo oligarchico”, con un lavoro produttivo sempre più conquista di pochi fortunati, mentre tutti sono lasciati a lottare per gli avanzi, ma anestetizzati dalla pietà progressista .

L’allarme che suona Kotkin è tanto più coraggioso e credibile, proveniente da un progressista della vecchia scuola come lui, e mostra che il riallineamento della sinistra attorno agli interessi degli oligarchi tecnologici e al vangelo del wokeismo non passerà senza respingimenti interni.

Kotkin ha persino guadagnato un pubblico a destra: il libro è pubblicato da Encounter. Se il suo avvertimento per la classe media globale deve essere ascoltato ampiamente, avrà bisogno di tutto il sostegno che può ottenere dai conservatori, che stanno subendo un riallineamento del tipo che Kotkin sostiene per la propria parte.

Il che richiama alla mente le inquietanti parole dell’abbé Sieyès nel 1789: “Che cos’è il Terzo Stato? Tutto. Cos’è stato nell’attuale ordine politico? Nulla. Cosa desidera essere? Qualcosa!”

 

Jorge González-Gallarza Hernández@JorgeGGallarza ) è ricercatore senior presso la Fundación Civismo .

15.07.2020

Link: https://www.theamericanconservative.com/articles/the-quiet-return-of-feudalism/

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da Rosanna

 

Pubblicato da Rosanna

"Suave, mari magno turbantibus aequora ventis, e terra magnum alterius spectare laborem; non quia vexari quemquamst iucunda voluptas, sed quibus ipse malis careas quia cernere suave est." Tito Lucrezio Caro, De Rerum Natura, Libro II
Precedente L’elettrosmog è dannoso. Ecco qualche rimedio per difendersi!
Prossimo Castelli: Pochi clienti nei ristoranti? Aiutiamo gli imprenditori a cambiare attività