Il traballante approccio scientifico ai “nuovi ceppi mortali” di Sars-Cov-2

Rosemary Frei
off-guardian.org

Secondo quello che sentiamo dire dai rappresentanti ufficiali e dai media mainstream, le nuove varianti [del Sars-Cov-2] sarebbero le entità più pericolose e imprevedibili dopo Osama bin Laden.

Tutti dovrebbero mettersi al sicuro da questi microbi invisibili ma assolutamente letali, evitando il contatto con chi non si lava, non si maschera e non è vaccinato.

Ma questo approccio così drastico, che è accompagnato da una grave limitazione delle libertà civili e dei diritti costituzionali, è giustificato?

Si scopre che la tanto decantata contagiosità e pericolosità delle varianti si basa, in gran parte, sulle conseguenze, teoriche, di un solo cambiamento [nella struttura proteica virale] che sembrerebbe derivare da una mutazione genica. E, come mostrerò in questo articolo, questa tesi è molto traballante.

C’è anche un video esplicativo di accompagnamento di nove minuti.

 

Questo unico cambiamento è noto come N501Y, un’abbreviazione scientifica che indica la sostituzione di un blocco proteico (aminoacido) con un altro in posizione 501 in quella parte del virus denominata proteina spike.

In particolare, la posizione 501 si trova nella porzione della proteina spike responsabile del legame tra il virus e parete cellulare, legame che permette al virus di penetrare all’interno delle cellule e quindi di moltiplicarsi.

[Si noti che un tale scambio di aminoacidi è correttamente chiamato cambiamento, non mutazione. Le mutazioni avvengono solo nei geni. Per qualche ragione, molti scienziati e giornalisti, che dovrebbero conoscere la differenza, stanno erroneamente chiamando “mutazioni” la N501Y e le altre sostituzioni di aminoacidi].

Uno studio preliminare, pubblicato il 22 dicembre 2020, aveva suggerito che la N501Y è presente anche nella variante sudafricana, chiamata 501Y.V2. Un altro studio, anch’esso preliminare, pubblicato il 12 gennaio 2021, aveva affermato che [questa variante] era presente anche nel nuovo ceppo emergente dalla giungla brasiliana, soprannominato P.1.

Oltre a ciò, la variante sudafricana viene segnalata come capace di eludere il sistema immunitario, insieme alla B.1.1.7 [la variante inglese] che condivide questa via di fuga. Gli scienziati ritengono che le nuove varianti, tra cui la N501Y, si stiano diffondendo molto rapidamente. Secondo alcuni renderebbero impossibile l’immunità di gregge, quindi ogni persona sulla Terra dovrebbe essere vaccinata. I modelli suggeriscono anche che la B.1.1.7 sarebbe fino al 91% più letale del normale nuovo coronavirus.

(Tuttavia, la motivazione che permettere ai funzionari governativi di affermare questa maggior letalità deriva unicamente dai verbali della riunione del 21 gennaio 2021 di un influente comitato britannico chiamato New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group [NERVTAG]. In quella sede si era fatto riferimento a lavori teorici non ancora pubblicati [con revisione paritaria], il che significa che, fino a quando non saranno stati sottoposti a peer review, non ci sarà modo di controllare la loro correttezza).

I tre modelli teorici non sottoposti a revisione paritaria che hanno reso celebri le varianti

I funzionari della sanità pubblica, i politici e i principali media di tutto il mondo hanno concentrato la loro attenzione su queste varianti subito dopo la pubblicazione di tre lavori teorici sulla B.1 .1.7, una variante originaria del Regno Unito. Il primo era stato un briefing tecnico di Public Health England pubblicato il 21 dicembre (è il primo di una serie di rapporti sulla variante redatti da persone che lavorano nell’agenzia e in altre istituzioni), il secondo è un documento pubblicato il 23 dicembre da un gruppo di modellazione matematica alla London School of Hygiene and Tropical Medicine e il terzo un manoscritto di modellazione teorica pubblicato il 31 dicembre da un folto gruppo di scienziati britannici.

Nessuno dei tre studi era stato controllato per l’accuratezza da osservatori oggettivi, un processo chiamato revisione paritaria. Tuttavia, tutti e tre erano stati considerati di solido fondamento scientifico da molti scienziati, politici, funzionari della sanità pubblica e dalla stampa.

(Avevo contattato per un commento il Public Health England, così come il primo autore del secondo documento, Nicholas Davies, e la London School of Hygiene and Tropical Medicine. L’unica risposta ricevuta era stata di una persona che si occupa delle relazioni con i media al Public Health England, che mi aveva riferito che non c’era nessuno disponibile per un’intervista).

(Neil Ferguson era stato uno dei coautori del primo e del terzo documento. Il governo britannico ha fatto affidamento per molti anni sui modelli matematici di Ferguson. Questo nonostante i suoi modelli si fossero rivelati ogni volta assai imprecisi. Lo scorso maggio avrebbe anche dovuto dimettersi dal suo ruolo di consulente governativo, visto che era stato sorpreso mentre si incontrava segretamente con la sua amante sposata, in un periodo in cui era illegale avere contatti con chiunque al di fuori della propria famiglia, e questo in gran parte grazie ai suoi modelli. Ma era stato rapidamente ristabilito in posizioni di potere. In un articolo e nel video di accompagnamento che uscirà la prossima settimana, descriverò le connessioni e i conflitti di interesse che circondano Ferguson e gli altri autori).

Quali sarebbero gli effetti della N501Y?

Nella N501Y, l’aminoacido che viene scambiato in posizione 501 nella proteina spike è l’asparagina; per convenzione scientifica è rappresentato dalla lettera “N.” L’aminoacido che prende il suo posto è la tirosina, ed è rappresentato dalla lettera “Y. Da qui ‘N501Y’.

La posizione 501 nella sequenza aminoacidica si trova nella parte della proteina spike che sporge dalla superficie del virus. In particolare, sembra si trovi nella regione della proteina spike che si aggancia o si “lega” al meccanismo che regola l’entrata del virus nella cellula. Questo sistema di filtraggio è noto come ‘recettore ACE2’.

Questa regione della proteina spike, nota come “dominio di legame del recettore” (RBD), si lega al recettore ACE2. Quando l’RBD e il recettore ACE2 hanno formato il legame, la membrana cellulare (la barriera che separa l’ambiente esterno alla cellula e il citoplasma) si apre e permette al virus di entrare.

Si suppone che la N501Y faccia sì che la proteina spike si leghi più strettamente al recettore ACE2. Teorici influenti hanno eseguito una modellazione matematica basata su questa ipotesi. Questa modellazione suggerisce che questo legame più stretto permetterebbe al virus di entrare con più facilità e questo renderebbe il virus più trasmissibile.

Tuttavia, per quanto abbia cercato, non sono riuscita a trovare una prova concreta e diretta di questo meccanismo. Va anche notato che i dati epidemiologici non possono essere utilizzati per rilevare in modo certo l’effetto [della sostituzione] di un aminoacido in un virus. Possono determinarlo solo esperimenti basati sull’osservazione diretta dell’interazione tra virus e organismo.

Secondo questi tre modelli teorici, la prova principale di un legame più forte tra la forma N501Y del nuovo coronavirus e la RBD proviene solo da tre studi scientifici, lavori che descrivono esperimenti eseguiti sui topi o in vitro, non osservando se, di fatto, le varianti sono veramente più contagiose o più letali.

I dettagli dei tre documenti alla base dell’affermazione che N501Y rafforzerebbe la contagiosità

Uno di questi tre documenti era stato pubblicato il 25 settembre 2020 su Science. Descrive alcuni esperimenti che analizzano sei cicli di replicazione virale nei topi.

I ricercatori avevano trovato una grande quantità di virus nei polmoni dei topi fin dal primo ciclo di replicazione. Sulla base di questo, avevano dichiarato che il virus aveva una “maggiore infettività.” Tuttavia, non avevano effettivamente testato se il virus fosse più trasmissibile/contagioso, se cioè passasse più facilmente da topo a topo.

Avevano eseguito una “deep sequencing” e avevano riferito di aver trovato la sostituzione N501Y nel virus che si era “adattato al topo.” Poi avevano fatto un ‘rimodellamento strutturale’ sullo stesso virus e avevano scritto che questa analisi …

suggeriva che la sostituzione N501Y nella RBD della proteina SARS-CoV[-2] S aveva aumentato l’affinità di legame della proteina [virale] per l’ACE2 murina.

Tutto questo è molto diverso dal fare osservazioni dirette sul comportamento della variante virale nei topi o negli esseri umani.

Il secondo documento era stato pubblicato su bioRχiv il 21 dicembre 2020. Descrive un “recettore decoy [1] ingegnerizzato per SARS-CoV-2.” [Gli autori] avevano eseguito una complicata serie di manovre molecolari-biologiche in vitro difficili da seguire e da capire, non c’è una sezione “Metodi” che chiarisca i dettagli e la sequenza delle operazioni; tutto il contrario, le modalità sperimentali sono sparpagliate  in tutte le sezioni dello studio, compreso il materiale supplementare di accompagnamento. Questo è molto lontano dalle situazioni della vita reale. Dopo tutte queste manovre gli autori avevano concluso che il nuovo coronavirus, modificato in laboratorio con la variante N501Y, sembrerebbe legarsi più strettamente al recettore-decoy ingegnerizzato simulante il recettore RBD che al vero recettore RBD che si trova normalmente in natura. (L’idea, sembra, è che questa ‘esca ingegnerizzata’ potrebbe essere iniettata nelle persone, in modo da indurre questa nuova variante a legarsi ad essa piuttosto che alle cellule, impedendole così di entrare nelle cellule e riprodursi).

bioRχiv è una rivista solo online. (Si pronuncia ‘bioarchive’; questo perché la lettera greca χ si pronuncia ‘kai’. Presumo che la lettera χ sia usata nel titolo della rivista perché il test χ2 [‘chi-quadrato’] è una formula ampiamente usata nell’analisi statistica degli articoli scientifici). La rivista porta slogan ‘The Preprint Server for Biology‘. Preprint significa non sottoposto a revisione paritaria. bioRχiv si concentra interamente su lavori riguardanti il Covid-19 ed è sponsorizzato dalla Chan Zuckerberg Initiative. Ha una pubblicazione gemella, medRχiv, anch’essa incentrata sul Covid-19,

L’iniziativa è una creazione del proprietario di Facebook, Mark Zuckerberg, e di sua moglie, Priscilla Chan. Facebook è stato tra i più attivi censori di informazioni, compresi i documenti scientifici che divergono dalla narrativa ufficiale sul Covid.

Il terzo articolo era stato pubblicato sul sito della rivista online bioRχiv il 17 giugno 2020, e poi su Cell il 3 settembre 2020.

Come gli altri due articoli, anche questo è estremamente lontano dall’osservazione diretta del comportamento del virus in animali vivi o nell’uomo. Infatti, il terzo documento non usa nemmeno cellule umane o animali. Utilizza una tecnica denominata “yeast-surface-display platform” [2] come base per eseguire una “scansione mutazionale profonda” della RBD del nuovo coronavirus. La ‘piattaforma’ è una struttura artificiale creata dagli autori del lavoro per misurare il legame tra anticorpi e varie regioni RBD contenenti una serie di mutazioni.

Secondo questo documento, il cambiamento dell’aminoacido N501Y risulterebbe in un legame più forte tra l’RBD virale [e la parete cellulare].

Tuttavia, gli autori dell’articolo, nell’ultima sezione del loro documento, affermano che:

È importante ricordare che le nostre mappe definiscono i fenotipi biochimici della RBD, non come questi fenotipi siano correlati all’idoneità (fitness) virale. Ci sono molte complessità nella relazione tra i fenotipi biochimici della RBD visualizzati dal lievito e la fitness virale.

Traduzione: “Anche se i nostri esperimenti biochimici hanno mostrato che la presenza di N501Y (o altri cambiamenti nella RBD) sembra rendere la RBD più affine per il recettore ACE2, non sappiamo se qualcuno di questi cambiamenti renda il virus più ‘fit’/trasmissibile.”

Si noti anche che uno degli autori del terzo documento, Allison Greaney, aveva scritto in un articolo di agosto 2020 del Fred Hutchison Cancer Research Center dove lei e diversi degli altri autori lavorano, che:

Il virus ha già una capacità “abbastanza buona” di legarsi [al recettore] ACE2. Non c’è motivo di credere che andare oltre quel livello lo renderà più patogeno o trasmissibile…ma l’RBD può essere in grado di tollerare un certo numero di mutazioni.

Come altra osservazione, il terzo articolo era stato prima pubblicato su bioRχiv e poi, tre mesi dopo, era apparso sulla rivista peer-reviewed Cell. In Cell il documento è etichettato ‘Elsevier-Sponsored Documents‘ (vedi immagine sotto, a lato) (Elsevier è l’impero editoriale che, tra centinaia di altre riviste, possiede Cell). Non ero riuscita a trovare nulla online su cosa significhi ‘sponsorizzato’, né su cosa o chi avesse sponsorizzato questo particolare documento e non ero neanche riuscita a trovare altri lavori con questa denominazione. Così, la sera del 18 gennaio, avevo inviato un’e-mail al responsabile delle pubbliche relazioni di Cell, John Caputo, lasciandogli anche un messaggio in segreteria telefonica, il 19 gennaio. Non mi ha mai contattata.

Due parole su un altra sostituzione di aminoacidi nella variante B.1.1.7

Passerò rapidamente ad un altro dei cambiamenti chiave che si dice siano presenti in B.1.1.7. Questo cambiamento, la cancellazione di tre aminoacidi, era stato descritto in un documento pubblicato sul sito web di medRχiv il 13 novembre 2020. (In questo articolo ho già ricordato che medRχiv è una creazione della Chan Zuckerberg Initiative).

Questa cancellazione [di tre aminoacidi] renderebbe, presumibilmente, la B.1.1.7 invisibile ad uno dei tre passaggi chiave del test della reazione a catena della polimerasi (PCR). Si tratta del passaggio che dovrebbe rilevare il gene che codifica una delle due principali proteine spike presenti sulla superficie esterna del nuovo coronavirus.

Tuttavia, questa conclusione è basata solo su un sequenziamento del virus in sole sei persone che erano risultate positive al nuovo coronavirus. Inoltre, il documento non è stato sottoposto a revisione paritaria prima di essere pubblicato.

Come se non bastasse, in quelle sei persone le diagnosi di Covid erano state fatte tramite test PCR. E la PCR ha dimostrato di avere un tasso molto alto di falsi positivi, cioè di dare molto spesso un risultato positivo in persone che, in realtà, non ospitano affatto il nuovo coronavirus.

Gli stessi autori di quel documento concludono che:

questo risultato dovrebbe essere interpretato con cautela. Poiché è stato sequenziato un numero limitato di campioni con profilo S-negativo [cioè, test che erano positivi per due delle tre porzioni del test PCR ma non per la terza, il tratto di gene S], non abbiamo potuto escludere la presenza di altre mutazioni S associate a questo profilo…. Inoltre non abbiamo potuto determinare se la delezione abbia interessato il primer o altre regioni di legame della sonda, perché le loro coordinate non erano disponibili.

C’è da scommettere che analoghi giochi di prestigio siano dietro la nuova ondata di articoli e di titoli che si concentrano sul cambiamento dell’aminoacido soprannominato E484K.

Cosa possiamo imparare da tutto questo?

Che le dichiarazioni sul terribile pericolo rappresentato dalle nuove varianti non hanno solide basi scientifiche.

Che sembrano essere finalizzate più a spaventare il pubblico per condizionarlo a restrizioni sempre più dure e persistenti, piuttosto che a creare politiche veramente basate sull’evidenza.

Quindi, seguite le regole d’oro. Leggete le fonti scientifiche primarie. Analizzatele e pensate con la vostra testa. Non lasciate che il vostro ragionamento venga spazzato via dai comunicati di paura che arrivano a getto continuo 24 ore su 24, 7 giorni su 7,.

Rosemary Frei

[1] [Un particolare recettore che agisce come un inibitore, attaccandosi ad un ligando e impedendogli di legarsi al suo normale recettore]

[2] [Tecnica di ingegneria proteica, che utilizza l’espressione di proteine ricombinanti incorporate nella parete cellulare del lievito per isolare e progettare anticorpi]

Fonte: off-guardian.org
Link: https://off-guardian.org/2021/02/08/the-shaky-science-behind-the-deadly-new-strains-of-sars-cov-2/
08.02.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

0 0 voti
Valuta l'articolo
94 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Violetta
Violetta
11 Febbraio 2021 , 2:19 2:19

Dalla mia intuitività logica e non da conoscenze tecniche:

La “trasmissibilità” o contagiosità cioè la capacità di essere più trasmissibile da ospite a ospite, cioè il fatto di rendere un ospite più contagioso, ovvero ancora che sia capace di contagiare più persone, non dovrebbe entrarci niente con la maggiore o minore facilità di entrata nella cellula del virus.

La trasmissibilità dovrebbe essere legata alla capacità del virus di resistere fuori dal corpo, sulle superfici, nelle goccioline di aerosol etc.

La capacità con cui il virus si lega alla cellula può essere indice di maggiore “Infettività” ovvero se entro in contatto con il virus ho più possibilità di prendere la malattia.

ma sono solo opinioni

https://it.wikipedia.org/wiki/Contagiosit%C3%A0

https://it.wikipedia.org/wiki/Infettivit%C3%A0

(ma poi non vado troppo lontano…………)

a-zero
a-zero
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 2:32 2:32

Speriamo che qualche medico o infettivologo indipendente possa chiarire i nostri dubbi puntuali.

Comunque grazie ragazzi, spero che abbiate voglia di continuare con costanza indefessa a ribattere colpo su colpo. Daje e daje vedrete che gli facciamo qualche bozzo e qualche crepa al castello narrativo e quindi alla loro gestione del consenso, di cuihanno bisogno come l’aria.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 3:11 3:11

Trovo preoccupante la presunta capacità della nuova variante sudafricana di “eludere il sistema immunitario”.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 3:14 3:14

Se un virus lo elude a rigor di logica diventi portatore sano, no? Quindi sembrerebbe che la variante stia diventando endemica ma meno minacciosa… o sbaglio?

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 3:35 3:35

bè no.
Perchè sano? Quando il tuo sistema immunitario reagisce a un “estraneo” hai una reazione quindi si ti sale la febbre etc perchè stai reagendo.

Ma se l’ospite elude il sistema immunitario, continua a replicarsi, danneggia le cellule e poi i tessuti senza che tu abbia la reazione immunitaria, ma hai l’infezione e non la combatti.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 4:00 4:00

Se hai febbre non sei portatore sano.
Io parlo di chi non ha sintomi, e ce ne sono per il covid come per ogni altra malattia infettiva.

Mica crederai davvero che le “varianti” abbiano introdotto nel mondo un nuovo tipo di portatori, quelli “sani ma più pericolosi”? Allora si può credere di tutto…

Io credo invece che la conclusione logica sia una sola: ci sono più portatori sani per le varianti che per il virus originale = le varianti sono meno pericolose = i vaccini sono sempre più inutili.

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 5:00 5:00

non mi sono spiegato.

Il problema è che se hai il virus ma il virus si replica e sparge nell’organismo non sei “sano”. Non hai sintomi come la febbre , la tosse etc, ma sei malato della malattia che provoca il virus. (e alla lunga l’organismo si debilita e danneggia fino anche alla morte)

Il “portatore sano”, non ha sintomi “influenzali” (febbre etc) ma il sistema immunitario funziona e combatte l’infezione anche senza provocare sintomi.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 5:07 5:07

Ci sono miliardi di virus presenti nel nostro organismo fin dal momento che nasciamo e il sistema immunitario se ne sbatte. I casi che prevedono il suo intervento sono l’eccezione, non la regola. Anche perché il virus ha tutti i vantaggi nel passare inosservato. Se invece forzi l’organismo ad attaccarlo anche se non pericoloso tramite l’immunità artificiale, lui reagirà combattendo contro il suo ospite!!! Ma è così difficile da capire???

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 5:15 5:15

Holodoc, amico mio, ragiona, è facile.

Se il virus non ti danneggia è un conto, se il virus ti danneggia è un altro conto.

Tu, forse senza accorgertene, stai sostenendo che il problema del virus è il sistema immunitario che cerca di scacciarlo. Ergo, senza reazione immunitaria è tutto ok

Ma questo è ovviamente sbagliato.

Nel momento che un virus danneggia le cellule e poi i tessuti, senza la reazione immunitaria semplicemente si danneggia l’organismo che puo anche essere danneggiato in maniera irreversibile e dunque sopraggiuge la morte.

Negli organismi con il sistema immunitario compromesso (Ieucemia o altro) anche un raffreddore ti uccide.

È piu chiaro?

Holodoc
Holodoc
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 5:29 5:29

Se un virus non danneggia il 95% degli ospiti, e di questi ne muore solo 10%, il problema è l’ospite, non il virus.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 5:29 5:29

Se un virus non danneggia il 95% degli ospiti, e di questi ne muore solo 10%, il problema è l’ospite, non il virus.

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 5:34 5:34

i casi di morte sono cmq ancora piu bassi del 10% il 10% sono quelli che hanno i sintomi.

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 5:30 5:30

su questo concordo al 100%

Holodoc
Holodoc
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 5:38 5:38

Queste sono cose note alla medicina ma adesso vengono disconosciute.

Ti racconto un fatto accaduto qualche anno fa ad una amica.

Passò il Natale pranzando con i parenti tra cui la moglie del cugino (lui morto di ictus qualche anno prima) e i suoi 2 figli. Come età penso che lei avesse 40-45 anni.

Dopo pranzo lei si sente male, dice di avere il mal di testa, e va a casa. A casa prende un analgesico e sembra stare meglio. Durante la notte si sente molto peggio, riesce appena a chiamare sua madre e l’ambulanza e perde i sensi. Dopo poche ore era deceduta, lasciando orfani di entrambi i genitori i due figlioletti.

Diagnosi: meningite fulminante.

I parenti che erano con lei per Natale ovviamente si preoccupano e chiamano l’ospedale per sapere se devono fare accertamenti o mettersi in isolamento.

La risposta fu quella che ti ho dato io: “La meningite è di tipo batterico, ma non vi preoccupate. il problema non era il batterio, era l’ospite”.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 5:38 5:38

Queste sono cose note alla medicina ma adesso vengono disconosciute.

Ti racconto un fatto accaduto qualche anno fa ad una amica.

Passò il Natale pranzando con i parenti tra cui la moglie del cugino (lui morto di ictus qualche anno prima) e i suoi 2 figli. Come età penso che lei avesse 40-45 anni.

Dopo pranzo lei si sente male, dice di avere il mal di testa, e va a casa. A casa prende un analgesico e sembra stare meglio. Durante la notte si sente molto peggio, riesce appena a chiamare sua madre e l’ambulanza e perde i sensi. Dopo poche ore era deceduta, lasciando orfani di entrambi i genitori i due figlioletti.

Diagnosi: meningite fulminante.

I parenti che erano con lei per Natale ovviamente si preoccupano e chiamano l’ospedale per sapere se devono fare accertamenti o mettersi in isolamento.

La risposta fu quella che ti ho dato io: “La meningite è di tipo batterico, ma non vi preoccupate. il problema non era il batterio, era l’ospite”.

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 6:00 6:00

sisi.

IO ovviamente parlo in genere di virus.
Il covid19 è appunto innocuo per la quasi totalità quindi si, il problema è l’ospite.
Da qui discende tutto il problema della gestione e cioè tutelare i fragili e lasciare vivere la gente normalmente.
La “fortuna” che questo virus non attacca bambini e persone normalmente sane (per quel che uno puo sapere di se, magari si è malati e non si sa) è stata buttata al vento (ovviamente volontariamente e non per ignoranza)

CptHook
CptHook
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 13:41 13:41

Non attacca i bambini fondamentalmente perché nei bambini è alto il tasso di lattoferrina
https://it.wikipedia.org/wiki/Lattoferrina
che poi diminuisce moltissimo con la crescita.
Assumerne nelle dosi giuste contribuisce a rafforzare il sistema immunitario.

Holodoc
Holodoc
Reply to  CptHook
11 Febbraio 2021 , 16:59 16:59

200mg/die, aumenta, in maniera veramente sensibile, la disponibilità di ferro nel sangue. Da quando la prendo non so più cosa significhi avere le mani fredde.

La stavo prendendo quando ho contratto il Covid: poche linee di febbre, un pò di battito accelerato per una settimana e perdita dell’olfatto solo per un giorno (sono ultracinquantenne e iperteso).

La mia compagna l’ha fatta prendere a mia suocera, quasi 80 anni. Dopo due giorni al telefono le ha detto: ma cosa mi hai dato? Mi sento molto più energica e attiva.

Anche un mio amico ha iniziato ad usarla. E’ ingegnere biomedico, mia stessa età, supertecnologico e puntiglioso. Mi chiama e dice: stamani mi sono allarmato, il grafico del mio battito cardiaco sulla App associata allo smartband è più basso del solito. Ho ricostruito mentalmente le mie ultime giornate per capire cosa potrebbe aver causato questa variazione. Unica abitudine modificata: ho iniziato a prendere la lattoferrina.

Bertozzi
Bertozzi
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 7:01 7:01

Io al 95%.

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 5:34 5:34

i casi di morte sono cmq ancora piu bassi del 10% il 10% sono quelli che hanno i sintomi.

Violetta
Violetta
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 5:34 5:34

i casi di morte sono cmq ancora piu bassi del 10% il 10% sono quelli che hanno i sintomi.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 5:41 5:41

Beh era tanto per avere idea dell’ordine di grandezza, non sono andato a verificare.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 3:38 3:38

Il portatore sano “integra” il virus. In un altro articolo si diceva che il sistema immunitario robusto sconfigge le varianti pericolose e integra quelle meno pericolose, le quali verrebbero poi tramesse ad altri individui per contribuire alla formazione dell’immunità di gregge.
Nel caso invece di “elusione” del sistema immunitario, la possibilità dell’immunità di gregge viene negata. Il virus può entrare indisturbato nell’organismo e nelle cellule (pare).
La conseguenza sarebbe che tutti devono essere vaccinati, il sogno di Bill Gates.
D’altra parte, se il virus è ad “alta letalità”, non può trasmettersi più di tanto.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 3:54 3:54

A me pare la storia dell’ “elusione” ad essere completamente fabbricata tanto per avere una scusa in più per vaccinare. Noi viviamo in simbiosi con una miriade di virus, batteri, aed altri microorganismi che vengono ignorati dal nostro sistema immunitario perché non pericoosi. E’ la condizione normale.

Inoltre, quando mai è stato dimostrato che l’immunità artificiale è migliore di quella naturale???

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 4:02 4:02

Lo penso anch’io. È l’ultima trovata.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 4:08 4:08

Infatti. E poi esiste anche l’immunità a-specifica che combatte qualsiasi germe, in barba a mutanti e mutande. Ed è quella da potenziare!!! Altro che vaccini del menga.

I vaccini sono una buona idea fino a che si combattono patogeni che non mutano, come il vaiolo o il morbillo. Pensare che possa esistere un vaccino per tutto è megalomania da TSO!!!

Deheb
Deheb
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 4:20 4:20

Questo no, non potenzi quel genere di immunità. Serve come prima barriera e aiuta la successiva fase specifica (cellulo-mediata e/o anticorpale)

Holodoc
Holodoc
Reply to  Deheb
11 Febbraio 2021 , 4:37 4:37

Se la prima fase non è adeguata può anche accadere che prima che si attivino gli anticorpi specifici tu sia già crepato. E’ esattamente quello che accade con il Covid, infatti se superi i primi 12gg dall’inizio dei sintomi senza che l’infiammazione sia fuori controllo puoi ritenerti salvo.

Con il vaccino tu crei gli anticorpi specifici che possono agire anche se hai il sistema immunitario disastrato a causa di uno stile di vita errato. Se invece tu riuscissi a mantenerlo in forma, con ad esempio integrazione vitaminica, il covid ti farebbe un baffo, qualsiasi “variante” tu possa inventare. E questo è dimostrato da numerosi risultati clinici e sperimentali.

Vaccinare poi durante il picco epidemico è veramente folle, da internamento in manicomio a vita. Ed i medici dovrebbero saperlo. L’altra sera al TG c’era una dottoressa ospedaliera umbra che era letteralmente spaventata dal fatto che vaccinare chi è infetto possa rendere il virus vaccino-resistente. Ma se lo sanno, perché continuare a vaccinare??? Follia che si aggiunge alla follia!!!

Deheb
Deheb
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 6:05 6:05

non credo di aver capito bene, potresti spiegare meglio? Cosa intendi di preciso?

Visto adesso la tua modifica al messaggio precedente

Deheb
Deheb
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 7:00 7:00

Non capisco cosa tu intenda per “prima fase”, nel messaggio precedente parli di immunità aspecifica (che è la prima fase della risposta immunitaria).
Il vaccino ti permette di creare anticorpi prima dell’infezione da patogeno quindi, quando entri in contatto con esso hai una risposta più veloce. Senza immunizzazione preventiva il SI impiega circa 14gg per produrre anticorpi.
Il problema della vaccinazione durante il picco forse si riferisce al fatto che vaccinare un individuo già immunizzato potrebbe provocare una iper reattività, la vaccino resistenza detta così non mi pare abbia senso

CptHook
CptHook
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 13:49 13:49

Se invece tu riuscissi a mantenerlo in forma, con ad esempio integrazione vitaminica,

Soffro di sinusite da ormai 60 anni, e con la stagione invernale ho sempre avuto raffreddori infernali che duravano anche 3 settimane.
Dallo scorso anno mi abboffo letteralmente di vitamine A, B, C, D, acido retinoico con beta-carotene e quant’altro, più lattoferrina, zinco e non so più che altro…
…, bene, il raffreddore non so più cosa sia e la sinusite, nonostante il freddo e l’umido, e un impianto dentale sbagliato che ha forato il pavimento del seno mascellare, la sinusite, dicevo, non si manifesta…
sarà un caso?
E poi, se qualche sintomo comincia a manifestarsi, un cucchiaino raso di lisozima sotto la lingua due volte al giorno per un paio di giorni, e tutto passa…

Deheb
Deheb
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 4:19 4:19

L’immunità naturale è migliore, più intensa, più duratura e con una memoria a più lungo termine, in linea generale. Non per niente nei vaccini aggiungono gli adiuvanti, senza non sarebbe cosi efficace.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Deheb
11 Febbraio 2021 , 4:45 4:45

Certo, questo non toglie che contro alcuni antigeni l’immunità sia così breve da potersi riammalare comunque più volte l’anno, come per il raffreddore.

Pensare di trovare un vaccino per queste infezioni è puerile, o meglio, criminale. Non a caso quello che prevedono le aziende sono vaccinazioni da ripetere ogni anno se non più spesso. E se hanno effetti collaterali tali da stimolare l’insorgenza di malanni cronici, allora è proprio il massimo che possono sperare, perché poi vanno curati a vita pure quelli!!!

Holodoc
Holodoc
Reply to  Deheb
11 Febbraio 2021 , 4:45 4:45

Certo, questo non toglie che contro alcuni antigeni l’immunità sia così breve da potersi riammalare comunque più volte l’anno, come per il raffreddore.

Pensare di trovare un vaccino per queste infezioni è puerile, o meglio, criminale. Non a caso quello che prevedono le aziende sono vaccinazioni da ripetere ogni anno se non più spesso. E se hanno effetti collaterali tali da stimolare l’insorgenza di malanni cronici, allora è proprio il massimo che possono sperare, perché poi vanno curati a vita pure quelli!!!

Deheb
Deheb
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 6:04 6:04

Nel caso del raffreddore hai diversi agenti eziologici che danno una sintomatologia comune, l’immunità è specifica per quel determinato agente. Hai virus influenzali (diversi sierotipi), parainfluenzali, Coronavirus etc etc etc. Tutti hanno manifestazioni sovrapponibili, quando sintomatici.
Sul fatto di vaccinare contro ogni patogeno sono d’accordo

Mario Poillucci
Mario Poillucci
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 4:54 4:54

Lei non sbaglia ma i quesiti, i problemi restano altri!! Premesso che il coronavirus c’è sempre stato e, io, che allevo cani da una vita. molto raramente ne ho visti defungere per quella virosi!! L’interrogativo resta sempre lo stesso: CHI LO HA MODIFICATO, VARIEGATO, DIFFUSO PER IL TRAMITE DI SCIE CHIMICHE ED ALTRE ANALOGHE MALSANE ATTIVITA’ CRIMINALI E CRIMINOGENE? Non mi sembra di leggere di malsani, delinquenziali, piloti assassini seriali abbattuti in congruo numero assieme ai loro mandanti!!!! Non mi sembra proprio!!! Vedo solo babbei in divisa che, numerosi, assediano una persona, un povero cristo che cerca di sbarcare il lunario, per ”sanzionarlo” e sottrargli anche l’ultimo centesimo!!! Millantate pseudo forze dell’ordine!!! Bravacci don Rodrigo style!!! Una prece!!!! Possiate riscuotere per quello che, oscenamente, seminate!!!

WM
Reply to  Mario Poillucci
11 Febbraio 2021 , 5:21 5:21

@mariopoillucci:disqus Non c’è bisogno di urlare, se vuoi evidenziare usa il grassetto.
Modifica il commento o lo devo cancellare.
Grazie.

Mario Poillucci
Mario Poillucci
Reply to  WM
11 Febbraio 2021 , 7:15 7:15

Può cancellare senza problemi mica mi offendo!!! E, poi, io non urlo mai e ciò che dovevo dire l’ho detto!!! Come diceva un grande: messo ti ho innanzi, ora per te ti ciba!!! Buona giornata e buon lavoro!!! Senza rancore!!! Sia ben chiaro!!!

CptHook
CptHook
Reply to  Mario Poillucci
11 Febbraio 2021 , 13:50 13:50

Mario, negli ambienti digitali le maiuscole indicano, appunto, URLARE.

:-))

Caio Dreto
Caio Dreto
Reply to  Mario Poillucci
11 Febbraio 2021 , 9:24 9:24

Sottoscrivo. Specie per gli aerosol . Scriveva il Manzoni a proposito delle “gride”, i decreti del potere all’epoca dei Promessi Sposi: “le gride (…) assoggettavano ogni mossa del privato al volere arbitrario d’esecutori d’ogni genere”. Ad majora.

Mario Poillucci
Mario Poillucci
Reply to  Caio Dreto
11 Febbraio 2021 , 15:50 15:50

Grazie e buona serata!!!

Deheb
Deheb
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 5:28 5:28

sta cosa mica l’ho capita, se eludi il sistema immunitario non hai difese, sei morto e direi che non è la condizione in cui si/ci troviamo. a leggere velocemente un articolo indicato indica una “elusione immunitaria” parlando del sito di legame tra lo Spike RBD e il sito di legame ACE2. Oltre alla corrispondenza tra le due parti antigene-anticorpo o recettore, intervengono altri fattori come le forze di legame, la forma…

Holodoc
Holodoc
11 Febbraio 2021 , 2:59 2:59

C’è poco da commentare: ormai si sa che il covid non uccide tutti ed è possibile conviverci allora devono trovare nuovi spauracchi, ossia le fantomatiche “varianti”… in attesa che i laboratori trovino qualcosa di veramente più letale, come “profetizzato” da Zio Bill…

a-zero
a-zero
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 3:15 3:15

Che poi gira sempre intorno a questa interazione RBD e ACE, come nei tentativi di capire se ci sia origine evolutiva naturale chimerica artificiale, ad es. quello studio australiano che aveva comparato la penetrabilità del virus fra cellule di pipistrello, pangolino e umane. Il tempo e la pervicacia nelle ricerche diraderà i dubbi.

a-zero
a-zero
Reply to  Holodoc
11 Febbraio 2021 , 3:15 3:15

Che poi gira sempre intorno a questa interazione RBD e ACE, come nei tentativi di capire se ci sia origine evolutiva naturale chimerica artificiale, ad es. quello studio australiano che aveva comparato la penetrabilità del virus fra cellule di pipistrello, pangolino e umane. Il tempo e la pervicacia nelle ricerche diraderà i dubbi.

Holodoc
Holodoc
Reply to  a-zero
11 Febbraio 2021 , 3:21 3:21

Mi ricordo che tale studio aveva dimostrato che il Covid è più specifico per le cellule umane più che per quelle di qualsiasi animale e quindi non può avere origine naturale!

Pfefferminz
Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 3:06 3:06

“… le dichiarazioni sul terribile pericolo rappresentato dalle nuove varianti…”
“… sembrano essere finalizzate più a spaventare…”

Se è vero quanto sostengono diversi scienziati, che il vaccino mRNA sarà la causa di molti decessi, anche mesi dopo la vaccinazione, queste ” dichiarazioni sul terribile pericolo” delle nuove varianti sono il corollario perfetto per trarre in inganno sulla la situazione che si verrà a creare. Si darà la colpa dei decessi alle nuove “mutazioni” (o cambiamenti).

Unica via di uscita è che si faccia l’autopsia di ogni decesso che si verifica in seguito a vaccinazione. In Germania è già attiva una raccolta di firme per una petizione con questo obiettivo.

Le autorità sanitarie svizzere avevano autorizzato il vaccino di Pfizer/Biontech a tutti gli effetti (senza alcuna condizionalità), ora però si oppongono all’autorizzazione del vaccino di Astrazeneca. Mi auguro che questo sia indice di un mutato atteggiamento da parte delle autorità nei confronti dei nuovi vaccini su base genica.

Violetta
Violetta
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 3:40 3:40

purtroppo è impossibile avere una idea chiara non solo perchè se non hai un laboratori e dei dati/campioni da analizzare non puoi conoscere direttamente ma ti devi, in qualche modo, fidare.

Ma anche se lo avessi puoi sempre analizzare campioni e dati “relativi” non certo tutti.

È una cosa incontrollabile se non da chi può avere sotto controllo tutti i dati quindi solo laboratori universitari, enti statali, organizzazioni varie. (che poi sono qjuelli manipolabili).

Il “singolo” può davvero poco.

Violetta
Violetta
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 3:40 3:40

purtroppo è impossibile avere una idea chiara non solo perchè se non hai un laboratori e dei dati/campioni da analizzare non puoi conoscere direttamente ma ti devi, in qualche modo, fidare.

Ma anche se lo avessi puoi sempre analizzare campioni e dati “relativi” non certo tutti.

È una cosa incontrollabile se non da chi può avere sotto controllo tutti i dati quindi solo laboratori universitari, enti statali, organizzazioni varie. (che poi sono qjuelli manipolabili).

Il “singolo” può davvero poco.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Violetta
11 Febbraio 2021 , 3:46 3:46

Sono d’accordo che il “singolo” “può davvero poco”.

Ma l’unione dei singoli può come minimo richiedere le autopsie di chi è deceduto dopo la vaccinazione. La prof. Cahill sostiene che l’autopsia permette di stabilire se la vaccinazione è stata la causa del decesso.
Fra qualche giorno il prof. Bhakdi pubblicherà un articolo a proposito.

Nel frattempo la magistratura tedesca invece di indagare sui decessi in seguito a vaccinazione, si accanisce contro i medici. Un giudice ha disposto il sequestro del server con i dati di tutti i pazienti del dott. Bodo Schiffmann. Il capo di accusa è di aver rilasciato 24 (ventiquattro) certificati falsi. Il dott. Schiffmann protegge i dati dei suoi pazienti e la polizia oggi può solo protocollare che il server non c’è più.

emilyever
emilyever
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 3:59 3:59

Ma il vaccino Pfizer è a base genica. Forse hanno bloccato l’astrazeneca perchè dà scarsa immunità, quasi nulla per la variante sudafricana, ed è sconsigliata per gli anziani

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  emilyever
11 Febbraio 2021 , 4:11 4:11

Anche Astrazeneca è su base genica, anche se in modo diverso. Viene usato un adenovirus ingegnerizzato che entra nella cellula, ma non può riprodursi. Viene chiamato “vettore” e serve come cavallo di Troia per introdurre nella cellula quei segmenti di RNA che dovranno attivare i meccanismi intracellulari di produzione di proteine spike.
Probabilmente hai ragione e l’Astrazeneca è stato bloccato perché dà scarsa immunità. In Germania il vaccino dell’Astrazeneca viene riservato a chi ha un’età inferiore a 65 anni.

a-zero
a-zero
11 Febbraio 2021 , 3:12 3:12

Un concetto non mi è chiaro:

[Si noti che un tale scambio di aminoacidi è correttamente chiamato cambiamento, non mutazione. Le mutazioni avvengono solo nei geni. Per qualche ragione, molti scienziati e giornalisti, che dovrebbero conoscere la differenza, stanno erroneamente chiamando “mutazioni” la N501Y e le altre sostituzioni di aminoacidi]”

Qualcuno può spiegare o fornire un rimando per capire la sostanza di questa differenza fra “mutazione” e “cambiamento”? E solo terminologica o è sostanziale e, se si come? Grazie.

a-zero
a-zero
11 Febbraio 2021 , 3:12 3:12

Un concetto non mi è chiaro:

[Si noti che un tale scambio di aminoacidi è correttamente chiamato cambiamento, non mutazione. Le mutazioni avvengono solo nei geni. Per qualche ragione, molti scienziati e giornalisti, che dovrebbero conoscere la differenza, stanno erroneamente chiamando “mutazioni” la N501Y e le altre sostituzioni di aminoacidi]”

Qualcuno può spiegare o fornire un rimando per capire la sostanza di questa differenza fra “mutazione” e “cambiamento”? E solo terminologica o è sostanziale e, se si come? Grazie.

Holodoc
Holodoc
Reply to  a-zero
11 Febbraio 2021 , 3:19 3:19

Per quello che ne capisco:

Prendi due gemelli. Uno dei due va a vivere in Islanda, l’altro in Congo. Quando si ritrovano dopo 20 anni uno è pallido, l’altro abbronzato, anche se condividono lo stesso DNA.

Per cambiamento penso si possa intendere questo… non so come si possa adattare al caso del virus.

Violetta
Violetta
Reply to  a-zero
11 Febbraio 2021 , 3:33 3:33

la risposta è li.
la “mutazione” è genetica. (nei geni)

McBane
McBane
Reply to  a-zero
11 Febbraio 2021 , 3:50 3:50

Usano la parola “mutazione” pur sapendo che è sbagliato, perchè fa molta più presa. Il cambiamento può anche avere una connotazione positiva, il “mutante” nell’immaginario collettivo è un essere ripugnante, o comunque potente, visto che siamo imbottati di cultura Pop di deriva fumettistica, in cui i mutanti sono esseri potentissimi e quasi invincibili.

Deheb
Deheb
Reply to  a-zero
11 Febbraio 2021 , 4:16 4:16

Indicano la stessa cosa con una terminologia diversa: N501Y o E484K sono i siti precisi all’interno della sequenza genica dove avviene “qualcosa” (indirizzo e numero civico, per fare un paragone).
Mutazione (puntiforme) potrebbe essere corretto visto che quel “qualcosa” avviene all’interno della sequenza del gene che codifica per la proteina Spike, in questo caso.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Deheb
11 Febbraio 2021 , 4:46 4:46

Probabilmente, perché si possa parlare di mutazione vera e propria, deve avvenire qualcosa di più corposo.
La parola “mutazione” fa più presa sull’immaginario collettivo e si inserisce bene nel progetto di creazione di paura, progetto ora anche documentato in Germania, ove alcuni scienziati avevano ricevuto questo “incarico” dai politici.

Deheb
Deheb
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 5:21 5:21

Questo no, ci sono mutazioni puntiformi, cambiamenti di una singola base o sostituzione come si voglia chiamare. Magari intende mutazioni solo quelle che riguardano il DNA, non saprei.
Sulla suggestione della parola ci sta ma a livello scientifico si usa quella terminologia, è un termine neutro

a-zero
a-zero
Reply to  Deheb
11 Febbraio 2021 , 15:37 15:37

Bon, per ora mi sa che prendo per buona la sua, Deheb, ad un primo giro in rete non ho trovato definizioni specifiche di “cambiamento genetico”.

L’argomento in articolo (mutazione/cambiamento) va quindi approfondito, perchè come posto nell’articolo sembra un punto importante della tesi posta da OffGuardian.

Tuttavia nel video mi sembra che la singora non ne parla, ma il mio orecchio inglese è scarsino.

Deheb
Deheb
Reply to  a-zero
12 Febbraio 2021 , 3:28 3:28

E’ una questione semantica, non la vedo così importante, il discorso non “muta”, basti sapere che c’è una modificazione della sequenza genica per qualsiasi motivo e in qualsiasi forma (delezione, sostituzione, inversione….) e con certi effetti. In letteratura si parla di “mutations” per le varianti COVID (ma non solo per questo).

Mario Poillucci
Mario Poillucci
11 Febbraio 2021 , 4:43 4:43

Una piccola rettifica!!! Non già Osama bin Laden ma, più opportunamente, Obama bin Laden!!! LO so, lo ha già detto da tempo un altro ma necessita ribadirlo!!!

a-zero
a-zero
Reply to  Mario Poillucci
11 Febbraio 2021 , 15:33 15:33

Una mutazione o solo un cambiamento? :-))

lady Dodi
lady Dodi
11 Febbraio 2021 , 6:01 6:01

Questa delle varianti è una minaccia.
Per farci vaccinare periodicamente.
Il virus è uscito dal un laboratorio e se lo sono studiato ben bene per aprire e chiudere il rubinetto, per così dire, e farci fare quel che vogliono.
Possono renderlo letale a volontà, se occorre.
Abbiamo perso troppo tempo a parlare di mascherine, e qui altro che mascherine e altro che conviviamo coi virus! Conviviamo con quelli naturali e questo non lo è.
Quando tutto si dice ma non si garantisce l’immunità….a me non quadra.

a-zero
a-zero
Reply to  lady Dodi
11 Febbraio 2021 , 15:40 15:40

Chi vivrà vedrà, è il caso di dire …

danone
danone
11 Febbraio 2021 , 6:54 6:54

Sulla falsa riga della tech-gleba senza alternative, ci stanno riducendo ad una vaccino-gleba senza alternative. Quanti, se non pochi scienziati, sono in grado di districarsi fra gli studi presentati nell’articolo? Capendo ciò che è vero-falso e ciò che è manipolato intenzionalmente?
Possono raccontarci di tutto per far passare la legittimità di ogni scellerata misura sanitaria, delle vaccinazioni di massa e di contenimento e chiusura della vita sociale, sapendo poi che la maggioranza li ringrazierebbe anche per il grande servizio dato alla salute pubblica.
Per far questo non servono nuovi virus artificiali o meno, basta creare strutture di raccolta flusso dati sanitari e gestione dei medesimi, all’interno di comitati di esperti, solo loro deputati, per specifica competenza, al settore ricerca e sviluppo di soluzioni adeguate. Ed è quello che hanno fatto l’OMS, i Governi e gli ordini professionali competenti, in tutti paesi, diramando specifiche linee guida, per rispondere alla finto-demia. CTS e nuovi gurologi hanno il controllo totale della narrazione sanitaria, non c’è possibilità di scardinare qualcosa se non si esce prima dalla falsa condizione di emergenza.

emilyever
emilyever
11 Febbraio 2021 , 8:39 8:39

Confesso che pur apprezzando il metodo di analisi dei documenti dell’articolo, io di biologia in genere, di aminoacidi, proteine ecc non ci capisco quasi niente. Però posso almeno riferire quello che il prof Raoult sulle mutazioni del virus dice in quest’ultimo video, dove torna ad interrogarsi, come ipotesi, naturalmente, su come possano essersi originate queste varianti. Al contrario degli infettivologi che per tutto lo scorso inverno in tv ci hanno detto che il virus non è un essere vivente, ma ha bisogno di noi per sopravvivere, ho scoperto invece che Raoult è di quella categoria di microbiologi che considera vivente il virus, e quindi qualcosa che si muove, che cambia, che contrattacca se viene attaccato. E’ più facile sbarazzarsi di un mammifero che di un microbo, nonostante gli antibiotici (questa cosa Bill Gates deve averla bene in testa, nota mia). Per Raoult gli errori sono a monte: difronte ad una situazione di crisi c’è stato a livello internazionale la volontà di superarla con qualcosa che non è mai stato testato prima, come se si usassero armi di distruzione di massa, aveva detto in un altro video a proposito dei vaccini, quando invece bisogna essere dei vietcong, andare casa per casa… Leggi tutto »

ndr60
ndr60
Reply to  emilyever
11 Febbraio 2021 , 9:50 9:50

Concordo: ciò che ovviamente i mass media riuniti si guardano bene dal dire, è che gli agenti patogeni evolvono, quindi cambia anche l’interazione ospite/agente infettivo. La vaccinazione a tappeto della popolazione avrà come principale risultato la selezione di ceppi virali non letali in grado di sfuggire al sistema immunitario, oppure di stimolarlo di meno per un minore immunogenicità: ciò permette al virus di infettare l’ospite, ma non di ucciderlo, a meno che l’ospite non sia già indebolito per conto suo. Gli organismi viventi funzionano così, mi dispiace per Burioni & c.

emilyever
emilyever
Reply to  ndr60
11 Febbraio 2021 , 16:41 16:41

Allora, scusa, vorrei essere sicura di aver ben capito il tuo intervento: tutto sommato allora lo scopo della vaccinazione a tappeto sarà raggiunto, visto che comunque al limite potranno essere infettati ma la malattia non si evolverà? ma le solite persone anziane e fragili moriranno ancora, comunque?

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  ndr60
11 Febbraio 2021 , 16:53 16:53

Ho l’impressione che tu ti riferisca alla vaccinazione tradizionale con un virus attenuato, non ad una vaccinazione su base mRNA come quella della Pfizer/Biontech.

ndr60
ndr60
Reply to  Pfefferminz
12 Febbraio 2021 , 8:14 8:14

Sì, anche perché le conseguenze a lungo termine del vaccino Pfizer sono tutte da verificare. Mi chiedo solo quale possa essere la funzionalità della “macchina” cellulare di un soggetto ottantenne nel fabbricare anticorpi, visto che negli anziani tale funzione è notevolmente deficitaria.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  emilyever
11 Febbraio 2021 , 12:05 12:05

Penso che le mutazioni di un virus siano un fenomeno del tutto naturale, ma quello che rende interessante la tua domanda è se i vaccini, i farmaci o anticorpi sintetici possono indurre delle mutazioni abnormi. Mi spiego: se si permette al virus un decorso naturale, questo viene integrato nell’organismo e diventa silente, come il virus dell’herpes labiale che tutti conosciamo. Non sappiamo se i virus sotto l’influsso di vaccini e farmaci si trasformano in “mostri”. Il prof. Streek ha detto che dobbiamo convivere con il Sars-CoV-2 (probabile che ci convivevamo anche prima, come ha sospettato il dott. Wodarg in diverse occasioni). Non è escluso che questo coronavirus sia giunto agli onori della ribalta grazie al test PCR, un test creato al computer sulla base di poche sequenze geniche, che probabilmente dà risultati positivi anche alla normale influenza stagionale. Il dott. Wodarg ha fatto presente che quando qualcuno si ammala di influenza, difficilmente è attivo un solo agente patogeno, ma ce ne sono diversi, in diverse proporzioni. Alla base della falsa pandemia c’è l’utilizzazione di un test farlocco che ha consentito probabilmente di definire “Covid” malattie influenzali di origine diverse. C’è da dire però che il prof. Raoult, insieme ad altri… Leggi tutto »

emilyever
emilyever
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 14:10 14:10

Infatti forse hai notato che io non intervengo mai nelle discussioni sul non isolamento del virus perchè “il mondo di Marsiglia” parla sempre di osservazione e sequenziamento dei genomi, di aver testato 10 sistemi pcr e otto fatti in casa, di avere adottato il criterio di 35 cicli di ampliamento, ma non ho mai sentito dire che il virus non sia stato isolato, per cui ho avanzato nella mia testa l’ipotesi che forse abbiano ragione tutti e due: sia Salmaso che dice che non sia mai stato isolato, ma che intenda nel modo tradizionale, sia tutti coloro che per isolamento del virus intendano oggi qualcosa di diverso. Di base c’è che all’inizio, quando il virus era appena arrivato in Francia, Raoult disse che non si poteva chiudere tutto perchè 4 cinesi erano morti di influenza a Wuhan, ma poi ammise di aver cambiato idea,per l’osservazione clinica, ed è questo che lo distingue dai tedeschi e che aveva spiegato in un video. E’ sempre rimasto convinto però che il lockdown non serva a nulla, che il virus non si prende in strada. Per lui però chi fa ricerca deve leggere tutto quello che la letteratura scientifica produca sull’argomento, deve avere la… Leggi tutto »

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  emilyever
11 Febbraio 2021 , 14:51 14:51

Concordo, Emily, ho fatto le tue stesse osservazioni anch’io, subito dopo aver scritto il commento: mi sono resa conto che il Prof. Raoult lavora sul fronte, al pari di quei medici italiani che hanno riscontrato le diverse fasi della malattia, mentre il dott. Schiffmann, il dott. Bhakdi e il dott. Wodarg non hanno queste esperienze dirette con i malati, per lo meno non attualmente. Questo bisogna ammetterlo. Trovo ammirevole che il Prof. Raoult faccia lui stesso dei sequenziamenti e crei dei test PCR appositi. In Germania non ho mai sentito parlare di qualcosa del genere, solo Wodarg una volta ha detto che al posto del test PCR, si devono fare i sequenziamenti (riguardava la petizione rivolta all’EMA per bloccare le sperimentazioni con i vaccini mRNA).
Adesso il dr. Schiffmann propaga la previsione della prof. irlandese Dolores Cahill, secondo la quale gran parte dei vaccinati Pfizer si ammalerà gravemente e probabilmente morirà. Anche oggi, in occasione di una manifestazione spontanea di simpatizzanti, ha parlato apertamente di genocidio, rivolgendosi ai poliziotti che volevano perquisire il suo ambulatorio medico. Era presente anche l’avvocatessa Beate Bahner. Cosa dice il prof. Raoult sui vaccini della Pfizer?

emilyever
emilyever
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 16:21 16:21

“Non gioca in borsa”.:). L’avevo scritto sotto altri articoli, le sua è una posizione scomoda, perchè lui è un funzionario pubblico e quindi all’IHU devono somministrare i vaccini (riservati ai medici di libera professione), per cui aveva detto di rivolgersi al proprio medico curante per chiarire bene il rapporto che ogni singola persona potesse avere fra rischi e benefici, e che comunque ogni medico del suo istituto era a disposizione per ogni chiarimento. Poi, prima che gli dessero questo incarico (sapevo però che in una settimana ne avevano vaccinato 60, per cui non ci sia nè una corsa nè un incoraggiamento) sulla pfizer di specifico solo quella battuta che ti ho riferito, ma in generale che per ora aveva visto della fantascienza, poi del marketing delle case farmaceutiche, e che quindi si sarebbe pronunciato quando almeno 100 milioni di americani si fossero vaccinati. Adesso se ne viene fuori con questa ipotesi che i vaccini possano causare mutazioni… Sugli effetti avversi invece ha detto solo che bisogna considerare l’effetto nocebo, cioè che se una persona ha paura, potrebbe avere gli stessi sintomi negativi anche se lui le avesse inoculato una fiala di fisiologica. Sai, ha già avuto una denuncia dall’ordine dei… Leggi tutto »

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  emilyever
11 Febbraio 2021 , 16:34 16:34

Con questo vuol dire che i vaccini mRNA servono al profitto e fin qui non si può non essere d’accordo. Deduco che il prof. Raoult non è preoccupato al pari di Schiffmann, Bhakdi e Wodarg sulle conseguenze catastrofiche delle vaccinazioni mRNA. Fra pochi giorni il prof. Bhakdi pubblicherà un articolo in proposito. Vedremo.
Certamente il “trio” tedesco gode di una maggior libertà di movimento, perché Bhakdi e Wodarg sono in pensione e Schiffmann ha solo pazienti privati, non dipende da enti sanitari, l’unico pericolo è la radiazione dall’Ordine dei medici, ma ha già detto che non gliene importa niente, perché per lui la cosa più importante è poter dire ai propri figli un giorno che lui non si è tirato indietro quando era arrivato il momento di difendere libertà e democrazia.
p. s. : Aggiungo che il dr. Schiffmann ha 128.000 iscritti al suo canale Telegram, ha tanti sostenitori che gli scrivono e gli mandano dei regali. Ormai è diventato un personaggio della storia contemporanea e ha il coraggio straordinario di esprimere quello che molti pensano. Un eroe, in definitiva.

emilyever
emilyever
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 17:41 17:41

Da quel che ho letto dell’ipotesi che il dottor Bakdhi fa delle morti soprattutto dopo la seconda somministrazione del vaccino Pfizer, mi sembra che sia diversa da quella di Raoult sui danni provocati dal vaccino:il francese infatti li attribuisce all’azione degli anticorpi, come succede per altri coronavirus, mentre il tedesco tailandese mette in gioco i linfociti killer, come per la dengue, per il fenomeno del potenziamento della malattia mediato immunologicamente. E’ quello che ipotizza per le morti degli anziani di una Rsa vaccinati in baviera, e auspica che siano richieste le cartelle cliniche e conosciuti i cicli di ampliamento del pcr. Non vorrei però aver interpretato male, per cui rimando all’articolo in italiano, su neogeingegneria sul messaggio di Bhakdhi

https://www.nogeoingegneria.com/news/messaggio-urgente-del-prof-sucharit-bhakdi/

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  emilyever
11 Febbraio 2021 , 18:30 18:30

Bhakdi descrive due fenomeni, quello cui accenni, che mette in gioco i linfociti killer, al posto degli anticorpi. Anch’io conosco il fenomeno come “anticorpo-dipendente”.
Precedentemente parla degli attacchi dei linfociti sferrati nei confronti di quelle cellule che producono le proteine spike. Questa sarebbe la reazione autoimmune che Bhakdi ha iniziato a descrivere già nelle sue prime apparizioni pubbliche.

Elric
Elric
11 Febbraio 2021 , 11:11 11:11

Per la prima volta non sono riuscito a finire l’articolo. Troppo tecnico! Non è una critica a CdC, anzi, è giusto, per chi può capire l’articolo, diffondere queste notizie.

Da parte mia, non vedo un balzo in avanti ma, un viaggio del tempo fino al Medioevo. Dopo gli untori asintomatici, ora siamo alla pseudo-magia degli alchimisti/virologi. O alla supercazzola prematurata… 😉

L’importante è che il gregge non capisca, anzi, che si arrenda alla sola e unica verità.

Maurizio
Maurizio
11 Febbraio 2021 , 11:40 11:40

non ce la faccio, roba troppo tecnica…
i toni apocalittici sulle varianti mi ricordano il terrore che i media usa infondevano negli anni 2000 sulle api “africanizzate”, e quindi cattive e mangiatrici di uomini.

Sento che queste varianti sono arrivate con eccessiva tempestività
quando molti ormai iniziano a non poterne più,
o proprio quando (forse) la paura nei covidioti stava iniziando un pochino a scemare, dopo aver passato un anno terrorizzati ma senza aver visto con i loro occhi terapie intensive al collasso o gente morente per strada.

Ieri al tiggì servizio con toni terroristici… un insegnante a Perugia (dove circola la pericolosissimissimissima variante brasilianaaaa) ha contagggiato una decina di alunni, che poi hanno contagggiato i genitori e i nonni, aiutoooo!!
Poi in conclusione, detto sottovoce… tutti asintomatici.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Maurizio
11 Febbraio 2021 , 12:25 12:25

Ho visto recentemente il video di un medico di base berlinese, una persona di una certa età, la voce pacata, lo sguardo triste, che diceva che non capiva come si possa essere così stupidi da credere a quello che raccontano alla televisione. Ha detto che se la gente non si dà una mossa e non si ribella scendendo in strada a protestare, è facile immaginarsi gli ulteriori sviluppi. In Germania ci dovrebbero essere le elezioni in autunno. Diranno che a causa del virus non si può andare a votare di persona, ma che le votazioni dovranno avvenire per posta.
Poi succederà come negli States…
E dicendo questo, scuoteva la testa, lo sguardo perso nel vuoto, rassegnato a lockdown perpetui…

Maurizio
Maurizio
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 12:32 12:32

non serviranno lockdown perpetui… ma solo fino a quando ci saremo abituati a stare chiusi tra 4 mura a lavorare da casa, a vedere parenti e amici con videochiamate, a seguire i concerti in streaming, a frequentare bar virtuali e a ordinare qualunque cosa su amazon o su justeat.

Mi sembra che la Germania sia il paese dove la protesta è stata più veemente, organizzata e anche numerosa… a che è servito?

Maurizio
Maurizio
Reply to  Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 12:32 12:32

non serviranno lockdown perpetui… ma solo fino a quando ci saremo abituati a stare chiusi tra 4 mura a lavorare da casa, a vedere parenti e amici con videochiamate, a seguire i concerti in streaming, a frequentare bar virtuali e a ordinare qualunque cosa su amazon o su justeat.

Mi sembra che la Germania sia il paese dove la protesta è stata più veemente, organizzata e anche numerosa… a che è servito?

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Maurizio
11 Febbraio 2021 , 17:12 17:12

“… a che è servito?”

È un po’ troppo presto per dire che le proteste non sono servite a niente.
Le grandi manifestazioni riprenderanno verso la fine di marzo, ma bisogna vedere se le permetteranno, perché sono usciti degli studi scientifici in cui si tenta di provare che esse sono state la causa di una ulteriore diffusione del virus.

https://youtu.be/EifBtrLJi2I
(video in tedesco)
Intanto in Austria, nel Tirolo del Nord, 26 posti di frontiera vengono chiusi e 600 soldati e 400 poliziotti sono stati mobilitati per combattere la nuova variante del virus.
Un’altra fantasia complottista che si avvera?

Olivia
Olivia
Reply to  Maurizio
11 Febbraio 2021 , 14:17 14:17

eh, il pensiero viene, in effetti…

Maurizio
Maurizio
11 Febbraio 2021 , 12:08 12:08

la variante deve avere un nome che mette paura, o comunque associabile a qualcosa di negativo per la massa di idi0ti che si bevono qualunque cosa dica il tiggì.
Mica si potevano inventare la variante tedesca, o francese, o hawaiana.
Infatti abbiamo:
– la variante inglese (inglesi cattivi che sono usciti dall’UE!! B. Johnson cattivo che pensava all’immunità di gregge! Ma poi vedi come si è pentito!!);
– la variante brasiliana (Bolsonaro cattivo!! Non è allineato alla narrativa, non mette la mascherina e non chiude il paese!!!);
– la variante sudafricana (l’Africa ci sta sempre bene se associata a qualcosa di negativo).

Sono in attesa della variante svedese, che sono certo arriverà, chi scommette?

a-zero
a-zero
Reply to  Maurizio
11 Febbraio 2021 , 15:56 15:56

Variante calabrese e napoletana?

merolone
merolone
11 Febbraio 2021 , 12:30 12:30

A New York un ultrasettantenne è morto venti minuti dopo essere stato vaccinato con il vaccino Pfizer, probabilmente un record https://whatsnew2day.com/man-in-his-70s-collapses-and-dies-just-25-minutes-after-getting-covid-19-vaccine-in-nyc/

4T-5PA-4GR/TEU
4T-5PA-4GR/TEU
11 Febbraio 2021 , 14:11 14:11

Ma tutte ste cazzate su presunte variazioni, determinate con cosa?
Con un tampone PCR acchiappa tutti coronavirus?

Marco Tramontana
11 Febbraio 2021 , 14:25 14:25

Ottimo articolo, non per tutti, ma ben documentato e ragionato.
Gli aspetti sulla modifica proteomica della spike e sugli impatti e specialmente su come hanno approcciato a determinare la maggiore presunta infettivita sono disarmanti. I media filtrano a [email protected]@ium, come al solito.
Purtroppo solo se esperti di biochimica o biologia si è in grado di apprezzare articoli del genere, magari sarebbe stato utile aggiungere una decina di righe finali riassuntive per esser comprese da più persone.

a-zero
a-zero
Reply to  Marco Tramontana
11 Febbraio 2021 , 15:58 15:58

Avrei bisogno di una ricetta per distaccarmi un po’ da tutto ciò, per oggi ho fatto il pieno delle scatole. Ciao.

Marco Tramontana
Reply to  a-zero
12 Febbraio 2021 , 1:13 1:13

Posso suggerirti qualcosa col radicchio. Se cucinato bene, non è amaro ma da quel qualcosa in più.

Pfefferminz
Pfefferminz
11 Febbraio 2021 , 19:24 19:24

https://philosophia-perennis.com/2021/02/11/deutschland-bereits-113-menschen-nach-covid-impfung-verstorben/
(articolo in tedesco)

In Germania 113 decessi in seguito a vaccinazione Covid.
La radio di stato fa sapere che i decessi non hanno nulla a che vedere con le vaccinazioni, trattandosi di persone anziane.
In Germania i primi ad essere vaccinati sono stati i ricoverati nelle RSA e nelle case di riposo. Ora si procede con chi ha più di 70 anni oppure è affetto da una malattia come trisomia 21, demenza senile, Alzheimer, ecc. Salta agli occhi una certa affinità con un altro periodo storico.