Il ritorno dei Nazisti

di Luca Cerardi
lucacerardi.wordpress.com

Il momento è grave e oramai solamente gli stolti non l’hanno ancora capito. Con il decreto legge del governo si è superata la linea rossa che separa la democrazia dal regime. [1]
Non è possibile non comprendere che, al di là dell’oggetto in questione, quando un potere si arroga il diritto di decidere del corpo umano altrui è dittatura conclamata. Esso, varcata questa soglia, potrà disporre di tutti a suo piacimento. Tutto ciò non avveniva dagli anni ‘30 del Novecento quando i nazisti presero il comando. Il codice di Norimberga, [2] emanato dopo la seconda guerra mondiale, sanciva, proprio per non ricadere nelle bestialità dei medici nazisti (che in nome della scienza definivano i loro esperimenti giusti e legali) [3] l’inviolabilità del corpo, da cui l’importanza del consenso informato.

La gravità del momento è estrema, ma nascosta sotto una fitta coltre di sterco che la maggioranza umana, l’uomo massa, divora, usando come proprio mezzo di informazione personale la televisione o la stampa di regime, onnipotente e onnipresente.
Le uniche vere fonti, in realtà, e ciò viene spiegato anche ai bambini di scuola media, sono quelle primarie e secondarie, come i documenti, gli atti e, oggi, i testi, i siti di istituzioni ufficialmente riconosciuti. In questi web sites, che tutti possono andare a leggere (attività ormai sconosciuta ai più) si evince che la gravità della situazione sanitaria non è tale, anzi, la malattia colpisce una determinata fascia di persone, anziane, con pregresse patologie e che è curabile in casa con terapie dimostrate essere efficaci sin dallo scorso anno. [4]

Solo questo basterebbe a spegnere sul nascere la necessità di una panacea che salvi il mondo, senza tanto dover discutere di sintomaticità o di PCR, cioè dello strumento che comproverebbe la positività al morbo. Aggiungiamo, poi, che mai nella storia si è visto un uso così massiccio e uniforme dei media che si può solo definire come propaganda. Quando il canto è unico, è ridicolo pensare di essere in democrazia. Infine la questione più importante, il diritto. La gerarchia di questo è ben noto con la Costituzione a prevalere su tutto. Con il recente DL il governo ha deciso di superarla, obbligando ad una sperimentazione medica gli operatori sanitari.
Non si può più nascondere la realtà o far finta di nulla: violare il corpo umano con l’obbligatorietà è atto criminale e chi viola il Codice di Norimberga usando la propaganda, ghettizzando l’avversario, chiudendo la bocca alle persone, medici, scienziati con punti di vista differenti, etichettando il pensiero critico, ostracizzando i resistenti, dimostra fino al midollo la sua anima più vera, cioè quella del nazista. Evidente l’articolo 3 del suddetto DL che prevede lo scudo penale riservato ai collaborazionisti per salvaguardarli dal reato di omicidio colposo. [5]

Se si deve proteggere uno di loro è perché evidentemente chi emana la legge sa che la panacea sperimentale è potenzialmente assassina e questa sì, purtroppo, non guarda in faccia all’età di chi la subisce. E’ necessaria, quindi, la chiamata “alle armi giuridiche” per fermare questi psicopatici prima che possano, usando la sempre necessaria paura, distruggere la “Costituzione più bella del mondo” e vengano a prelevare ogni essere umano dissenziente con la forza fisica, rappresentata dall’uomo massa, in divisa o meno, quello che per paura di dire no, sarà pronto ad assassinare il suo simile gridando la solita frase: “ho eseguito gli ordini” oppure “ho famiglia”. Su questo tipo di umani si discute da migliaia di anni. Hannah Arendt, che studiò a fondo il fenomeno nazista, scrisse in modo eloquente che chiunque è potenzialmente un assassino perché questo è ciò che successe nella Germania del Terzo Reich e non solo.[6]

I mores si ribaltarono in cinque minuti e i deboli, i mediocri, i “falchi”, i furbi, insomma, il peggio della società, si allineò immediatamente con il potere per paura e per ottenere vantaggi che in una democrazia mai avrebbero avuto. Queste persone furono disposte ad uccidere bambini, anziani, donne e chiunque si fosse frapposto alla macchina tedesca, prima perché convinta di trionfare e, poi, ormai complice, per proteggere il proprio codardo essere.
L’uomo massa è colui che necessita di fare parte di un gruppo, possibilmente vincente, in cui non contribuisce in nulla se non nel servire il comando. Egli crede di essere indispensabile ma è solo un ganglio del potere che non tarderà ad essere eliminato al momento giusto. L’uomo massa è colui che non sa chi è, frustrato e deluso della propria vita ma che in società segue un modello rigido, segue protocolli senza farsi domande, appare perfetto e in ampia sintonia con il branco. Egli necessita il riconoscimento del gruppo stesso per pensare di esistere. E’ il figlio del nichilismo e della pochezza umana, il mediocre ben vestito e conforme, disposto a vendere se stesso per un po’ di attenzione e disponibile a fare qualunque cosa pur di partecipare al gioco dei potenti, che invidia, mettendosi in mostra sacrificando gli altri, che ama veder sottomessi. Non sa decidere autonomamente, quindi sa solo servire ed è terrorizzato dall’incertezza, dalla paura del cambiamento, dal senso – non senso della vita. Ha bisogno di quelle piccole verità che lo tengono in piedi, puro autoinganno. [7]

Nell’oscurità dell’abbandono e del distacco da sé queste persone, il nazista e l’ uomo massa, di nuovo, oggi, sono il braccio armato del male, l’antitesi del bene, dell’amore e del dialogo.
Non è più scusabile che tutto ciò non si sappia, che chi pretende di educare oggi, non abbia davanti agli occhi ciò che la storia e la filosofia raccontano da secoli, quindi il dovere di intervenire. Non è più accettabile non conoscere la storia o fermarcisi solo per ipocrite commemorazioni senza distillarne il profondo senso. E’ nelle azioni e nel pensiero umano del passato che noi scopriamo chi siamo. Di nuovo torna Ardent che, assieme a Bergson, spiegava l’importanza della Memoria, perché chi la cancella, perpetua l’errore. Nell’oscuramento del ricordo, che è parte dell’essenza umana, il soggetto elimina i suoi errori, giustificando la ripetizione di questi. [8]

L’uomo del XXI secolo dimentica il XX, si auto – inganna e, impaurito, senza più alcuna meta, se non la deriva materialista biologica, senza fine e scopo, si aggrappa al nuovo dio, la panacea o grande totem e ai nuovi dei, gli scienziati portatori della “verità”.
Contro questo scempio sociale è tempo per gli uomini e le donne di buona volontà di alzarsi in piedi e nella gravità del momento per la tenuta della Repubblica, di prendere coraggio, unirsi, raggrupparsi, accettando la situazione, cancellare il proprio ego ed agire compatti in ogni corte di Giustizia. Nessuno salverà la democrazia se non noi stessi. Il nuovo mondo che, inevitabilmente, verrà, sarà plasmato dalle nostre decisioni oggi e il futuro dei figli d’Italia dipenderà da ciò che si farà ora. Non c’è più tempo.
Luca Cerardi

NOTE:
1Cfr., https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/04/01/21G00056/sg art. 4.

2Cfr., http://www.aix-scientifics.it/it/_nuremberg.html

3Cfr., R.J. Lifton, I medici nazisti, Bur, Milano, 2020.

4Cfr., https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-decessi-italia

5Cfr., https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/04/01/21G00056/sg art. 3.

6Cfr., H. Arendt, La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme, Feltrinelli, Milano, 2017.

7Cfr., B. Assy, Etica, responsabilità e giudizio in Hannah Arendt, Mimesis, Milano – Udine, 2015.

8Cfr., H. Arendt, Tra passato e futuro, Garzanti, Milano, 1991.

FONTE: https://lucacerardi.wordpress.com/2021/04/02/il-ritorno-dei-nazisti/
Pubblicato da Tommesh per Comedonchisciotte.org

Notifica di
106 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Astrolabio
Astrolabio
6 Aprile 2021 6:18

“Nessuno salvera la democrazia se non noi stessi”

Intanto dobbiamo salvare noi stessi prima della democrazia e l impresa, con gli uomi d oggi,e’ assai ardua.
Stanno perdendo in molti volontariamente la sola cosa che li tiene in vita su questo pianeta e non gliela ha data big pharma. E nemmeno la democrazia che si e’ rivelata un inganno peggiore delle piu truci dittature.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  Astrolabio
6 Aprile 2021 7:01

Quando mai è esistita la [vera] democrazia nelle società liberiste occidentali? Si può mai definire libero un popolo che viene irretito con l’inganno dai media mainstream in mano alla casta? La vera differenza con una dittatura “tradizionale” è che non ci sono i carri armati nelle strade poichè il gregge, asservito psicologicamente, è amante della proprià schiavitù.

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  VincenzoS1955
6 Aprile 2021 12:10

Esatto, molto meglio l’oriente di pol pot!

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  giovanni
6 Aprile 2021 13:48

Ma com’è che vi viene di pensare sempre ai comunisti? Non l’ho menzionato.

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  VincenzoS1955
7 Aprile 2021 6:32

Il problema Vincenzo è che entrambi modelli, sia il capitalismo dirottato al consumismo estremo occidentale che la grossa parte dei governi comunisti apparso sul pianeta hanno dato poco sollievo all’uomo comune.

Lestaat
Lestaat
Risposta al commento di  VincenzoS1955
6 Aprile 2021 12:58

Ma è davvero funzionale la democrazia?
Compie il suo scopo?
O magari ha dei difetti impliciti di cui orde di filosofi si sono occupati?
Non sarà ora di pensare ad altro?

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  Lestaat
6 Aprile 2021 15:41

Infatti ci stanno già pensando Bill, Orsula, Mario and friends…

Lestaat
Lestaat
Risposta al commento di  Holodoc
7 Aprile 2021 10:24

Capisco e apprezzo l’ironia ma dico sul serio.
Non sarebbe forse ora che si discuta seriamente del problema o vogliamo continuare ad ignorarlo perchè “non c’è niente di meglio”?
Fino a quando l’intera popolazione non sarà sufficientemente preparata mentalmente per difendersi dai sistemi di propaganda (qualche secolo forse) è impossibile pensare ad una democrazia funzionante.
Ovviamente è quello che credo tutto vogliamo ma come intervenire nella società per arrivare a ciò?

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  Lestaat
7 Aprile 2021 17:44

Tramite una propaganda che educhi a non credere alla propaganda.

Platypus
Platypus
Risposta al commento di  VincenzoS1955
7 Aprile 2021 1:00

straquoto. è esattamente quello che penso dei regimi attuali.

Scrillo
Risposta al commento di  Astrolabio
7 Aprile 2021 6:24

>> Nel 1945 il Consiglio dei ministri dell’Italia Libera, presieduto da Bonomi, approvò il decreto legge Alcide De Gasperi-Togliatti che estendeva il diritto di voto a tutti gli italiani, anche donne, che avessero 21 anni compiuti. Nonostante il provvedimento fu approvato all’unanimità, la conquista del suffragio universale femminile provocò polemiche e oppositori. I timori riguardavano soprattutto il fatto che le donne avrebbero votato spinte dalla scelta del marito o dalla Chiesa e dal clero.

L’aver esteso il voto alle donne ha reso il nostro paese facilmente manipolabile, così da millantare una supposta sovranità politica, che di fatto non abbiamo mai più riavuto dalla fine delle seconda guerra mondiale.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
6 Aprile 2021 6:57

Le crisi del sistema liberal-capitalistico (è insito nella sua natura) sfociano sempre in feroci dittture, come il nazismo per l’appunto. Hitler starà gongolando nella sua tomba.

emilyever
emilyever
6 Aprile 2021 6:59

Aver letto questo articolo che condivido, e poi seguire la trasmissione su la 7 L’aria che tira fa rabbrividire: collegamento con una ginecologa che ha appena partorito, e che ha scelto, insieme ad un’amica, immunologa, di farsi vaccinare negli ultimi 3 mesi di gravidanza. Annunciato il miracolo: il bambino è nato con gli anticorpi contro la covid. Grande soddisfazione in studio del prof la foche, immunologo anche lui che conferma che il vaccino passa attraverso la placenta. Ma la Pfizer stessa non aveva raccomandato di non vaccinare le donne incinte o che avevano intenzione di farlo nei prossimi due mesi? Domanda: hanno fatto agli altri bambini figli di non vaccinati un esame per vedere se per caso non fossero già immunizzati anche loro? Grandi lodi, poi, poi degli anticorpi monoclonali della lilly italiana che devono essere somministrati però nelle prime 72 ore. Strana questa cosa, perchè in uno degli ultimi video dell’IHU i microbiologi avevano notato che in vitro proprio questo tipo di anticorpi producevano delle varianti nel virus, per cui i marsigliesi, benchè li avessero ricevuti gratis dalla casa farmaceutica, non li hanno somministrati ai pazienti. Sempre su la 7, in collegamento, il caso del prof De Masi, sociologo… Leggi tutto »

Maurizio
Maurizio
Risposta al commento di  emilyever
6 Aprile 2021 7:42

“astenersi dallo scrivere che non avevo proprio niente da fare”

però posso scrivere che è sadomasochismo allo stato puro?

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Maurizio
6 Aprile 2021 12:34

Lo ribadisco: io e lady dodi studiamo il nemico:)

adestil
adestil
Risposta al commento di  emilyever
6 Aprile 2021 7:48

lo dice il foglietto e lo hanno confermato l’ex capo EMA Rasi e lo stesso Remuzzi (direttore Mario Negri)e lo stesso Palu(capo AIFA) che nel 5-10% di casi(come confermano i dati israeliani) il vaccinato può infettare..
Ecco perchè anche i vaccinati devono portare mascherina e distanziamento non perchè hanno una piccola probabilitù di infettarsi come dicono i virologi da salotto o di prendersi la variante(non coperta dal vaccino)ma perchè sono infettivi loro stessi..e in ospedale sarebbe una cesata..e si scoprirebbe che il vaccino fa piu danni che altro..
quindi o vaccinato o meno devi seguire le stesse restrizioni allora che senso ha vaccinarsi perchè uno deovrebbe farlo?
Almeno in Israele vaccinati o guariti possono andare dappertutto..
Ma da noi che convenienza c’è ?Nessuna..

E non sanno come spiegarla questa cosa..

adestil
adestil
Risposta al commento di  emilyever
6 Aprile 2021 7:51

Pfizer raccomanda di non vaccinarsi se si cerca la gravidanza..anche perchè mica lo sai quando rimarrà incinta?

Per il resto non dice nulla…
Non dice con che farmaci si sono interazioni,se cancerogeno,teratogeno,tossico perchè appunto dice non ci sono studi sufficienti..ecco perchè ha ottenuto solo una licenza d’emergenza ecco perchè l’OMS è funzionale perchè senza dichiarare pandemia non si possono somministrare farmaci sperimentali che invece si può fare in presenza di pandemia..
nessun farmaco senza specificare quanto sopra può essere commercializzato..

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  adestil
6 Aprile 2021 11:02

Raccomanfanodi non vaccinarsi chi cerca la gravidanza e fanno il vaccino alle donne gia gravide per farli morire in due?in realta’ se fanno il vaccino nel mentre c’e’ concepimento i cromosomi del nascituro vengono alterati.Non e’escluso che nascano mostri.

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  emilyever
6 Aprile 2021 13:27

Non so, guardare fuori dalla finestra gli alberi in fiore no? I primi sono i ciliegi…

danone
danone
6 Aprile 2021 7:21

Spesso sarebbe meglio che chi scrive articoli su CDC, impari a leggere i commenti su CDC, piuttosto del contrario. Non se ne può più di articolisti che, pur avvertendo inconsciamente la gravità del momento, non ne approfittano per uscire almeno dalla propria personale, condizionante propaganda mentale.

AmonAmarth
AmonAmarth
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 8:42

Cioè? Io mi son letto con piacere l’articolo ben prima che lo ripostasse CDC, direttamente sul blog di Cerardi, e mi ci ritrovo, anzi ho proprio bisogno che qualche volta qualcuno come lui metta per iscritto parecchie delle mie stesse preoccupazioni dandogli il nome che meritano. Ci spiegheresti che tipo di propaganda farebbe il caro Cerardi con questo articolo? Ma poi: “non se ne può più” …meglio un articolo in più, che puoi benissimo scartare se ti puzza, che chiedere di “trattenersi” dal proporlo o tradurlo per paura che a qualche commentatore di CDC non piaccia. Altrimenti anche sui blog come in tv bisogna proporre solo quello che piace al pubblico in modo da avere più audience: felice che qui non accada.

danone
danone
Risposta al commento di  AmonAmarth
6 Aprile 2021 8:49

Caro mio tutti i riferimenti al nazismo, quando si vuole dipingere lo stato di cose attuale, sono riferimenti di gente ancora condizionata, e non perchè io giudico il nazismo in un modo o in un altro, ma perchè mi rendo conto che quel periodo storico va revisionato totalmente. E la conferma di ciò, è proprio più evidente in questo momento, intriso di propaganda spicciola, proprio come quel periodo.

danone
danone
Risposta al commento di  AmonAmarth
6 Aprile 2021 8:49

Caro mio tutti i riferimenti al nazismo, quando si vuole dipingere lo stato di cose attuale, sono riferimenti di gente ancora condizionata, e non perchè io giudico il nazismo in un modo o in un altro, ma perchè mi rendo conto che quel periodo storico va revisionato totalmente. E la conferma di ciò, è proprio più evidente in questo momento, intriso di propaganda spicciola, proprio come quel periodo.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 9:44

In realtà di nazista ci sono i metodi..che i fini sono ben peggiori..in quanto i nazisti ci tenevano alla salute e cercavano di coltivarla non di deprimerla..ammettendo solo il sacrificio al servizio della causa..
La libertà individuale veniva annullata e assorbita dal popolo tedesco ..come adesso viene annullata la libertà individuale per affermare il potere di BigPharma e di chi ci sta dietro..
Ma c’è da dire che l’articolista può usare un artificio linguistico..in quanto cerca di modificare la narrazione usando gli argomenti che usano da 70 anni per demonizzare Hitler..e quindi spera di essere ascoltato parlando la stessa lingua di chi ci opprime..

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 9:50

Il nazismo è una fantasia fumettistica, una caricatura su cui convergere tutto quanto sia concettualmente negativo. Non ha alcun appiglio con la realtà storica. La massima del dr. Goebbels, sempre citata a sproposito, si riferiva proprio a questo. D’altronde basta guardarsi intorno per capire dove ci hanno portato e dove ci porteranno con questi vaneggiamenti.

Walter Kovacs Rorschach
Walter Kovacs Rorschach
Risposta al commento di  Haytham
7 Aprile 2021 4:31

La bugia ripetuta cento, mille, un milione di volte di cui parlava lui si riferiva non a quello che stavano facendo loro, bensì alle bugie che da secoli vengono propinate all’uomo per nascondere la verità, ossia che siamo schiavi, una mandria belante al servizio dei padroni. E’ la tecnica del ribaltamento della verità, attribuisci al tuo nemico ciò che in realtà tu fai e tu dici.

danone
danone
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 10:06

Caro Upa, io ho dei dubbi, anche, proprio sul significato dei metodi nazisti.
Bisogna fare mille tare..lo stato di guerra porta all’irrigidimento di ogni piramide organizzativa, trasformandola in catena di comando, che per necessaria efficienza e tempismo diventa spietata. Il giudizio reale più pulito sul nazismo va fatto negli anni pre-bellici e credo che su questo sia abbastanza chiaro che non avesse nessun peccato originale in più di ogni altro regime che al tempo governasse nel mondo, anzi, forse ne aveva meno.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 11:19

Bè..in guerra i nazisti si comportavano meglio dei liberatori..in quanto non infierivano sulla popolazione civile se non avevano dei buoni motivi.. mia madre ricordava che i problemi ci furono quando i tedeschi se ne andarono e non prima.. Prescindendo dalla propaganda dei vincitori..e dai campi di concentramento verso i possibili nemici..che c’erano anche in USA per i giapponesi e in Inghilterra anche per gli italiani..e dall’olocausto frutto dei bombardamenti che avevano distrutto le vie di approvvigionamento..e che in realtà è diverso da come narrato (lo intuisco senza avere prove certe..ma solo considerazioni generali).. Dicevo..prescindendo da tutto questo..il nazismo è stato un totalitarismo che schiacciava qualsiasi pensiero diverso dalla sua narrazione..e non parlo di eventuali quinte colonne infiltrate..ma anche di chi perseguiva vie di conoscenza diverse da quella ammesse dal potere..e questo non mi va giù.. Steiner dovette fuggire in Svizzera e vennero chiuse le sue scuole..per fare un esempio.. La svastica inventata come simbolo ariano..quando è un simbolo primordiale che c’è pure in Giappone e in India per significare realtà interiori e non razze.. Si vorrebbe presentare come una società tradizionale..ma gli manca la dottrina e i fondamenti.. Insomma..lo vedo come una dittatura novecentesca che prende gli aspetti superficiali della… Leggi tutto »

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 12:19

Osservi il nazismo come fede, lo spinga all’ integralismo, come si fa oggi con alcune correnti dell’islam, e ne comprende immediatamente la deriva.

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 13:14

Pur rispettando le tue analisi, perdonami, ma stai giudicando l’operato di una politica durata poco più di un lustro in tempo di pace, quindi sei profondamente ingiusto. Devi innanzitutto contestualizzarlo nello spazio e nel tempo, devi comprenderne i risultati raggiunti rispetto alla situazione pre-esistente, devi ipotizzarne gli orizzonti mai potuti mettere in atto. Personalmente, visto come e quanto hanno realizzato nell’immediato rispetto all’immane tragedia che fu la Repubblica di Weimar e il disumano diktat di Versailles, con una svolta sociale, economica ed umana che non si può definire altrimenti che un miracolo nel più profondo senso cristiano, ritengo che non si sarebbero potuti porre limiti all’immaginabile e al realizzabile. Il modello politico era quanto di più funzionale si fosse mai visto. Il progetto era a lungo termine e non è stato reso possibile: più volte Hitler ebbe a dire che la sua missione era creare un popolo della più alta cultura e dei più alti standard di vita, ma era consapevole che al mondo c’erano alcuni per cui quel benessere e la pace fra le nazioni non era desiderabile, dunque ha avuto il dovere, direi morale e assolutamente necessario, di istruirlo nella disciplina guerriera, che comunque è un retaggio direi… Leggi tutto »

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Haytham
6 Aprile 2021 14:13

Non possiamo sapere come si sarebbe evoluto nel tempo..e quindi i giudizi finali oggettivi non si possono dare..anche se ognuno poi li aggiusta come crede.. Si potrebbe pensare che una volta vinta la guerra il mondo si sarebbe incamminato nel recupero di valori esistenziali più normali..e principiali.. Gli eroi avrebbero posato le armi e si sarebbero dedicati al lavoro giusto e sacrosanto..rispettando la natura e progettando una medicina più umana..riconoscendo nelle razze diverse attitudini ma tutte utili all’ordine mondiale liberato dall’usura e la menzogna per estenderla.. Si può pensare così..oppure che sarebbero arrivati a scontrarsi col Giappone..non accettando di limitare un destino universale di guida..o che l’idealismo di Hitler sarebbe stato sostituito da interessi più bassi e la schiavitù sarebe stata considerata una condizione naturale come destino dei popoli conquistati..e repressa in uno stato di polizia perenne.. Sono tutte considerazioni legittime ma inverificabili..e allora si sceglie quella che ci fa più comodo..che ci rende più sereni..in relazione a noi stessi .. Io credo che il nazismo..è venuto fuori al momento sbagliato..perché si trovava davanti il potere usuraio in piena espansione.. ben difeso e che non avrebbe arretrato di fronte a nulla.. In più la devastazione dell’anima dei popoli non aveva… Leggi tutto »

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 14:50

Non era un sistema perfetto, nemmeno loro lo ritenevano tale, come tutte le esperienze umane ha avuto i suoi problemi contingenti. Ma era un sistema che ha dimostrato di funzionare. Un sistema completamente nuovo, ideato e messo in pratica al meglio delle loro possibilità. Hanno fatto tantissimo, questo credo gli vada riconosciuto a prescindere, e con tutta la forza di volontà possibile di migliorare. Oggi nessun personaggio politico vale un’unghia di alcun componente di quella classe dirigente. O si rivalutano, con tutte le dovute conseguenze, o è bene che l’Occidente “bianco” cada nel baratro verso il quale ci si è incamminati da molti decenni di inutili chiacchiere.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Haytham
6 Aprile 2021 17:26

I tedeschi sono un popolo disciplinato..intelligente ..e non dedito a furbizie..
Chiunque lo governi otterrà i massimi risultati..prescindendo dalle sue capacità..
Anche oggi,,nello sfacelo generale e schiavi degli USA..se la passano meglio di tutti in Europa..
E l’unica resistenza organizzata contro la falsa epidemia viene da lì..
Se l’Europa ancora esiste è per merito della Germania..pur avendo la Merkel..

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 21:14

https://t.me/Haintz/6606
(fotografia con spiegazione in tedesco)

Forse è giunto il momento di congedarsi dai cliché.
Fotografia recente dal sito dell’avvocato Markus Haintz: qui gli scagnozzi della Merkel menano di brutto.
Altra notizia recente: hanno multato di 50 euro dei senzatetto per mancata osservanza del coprifuoco…

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 23:24

Ennesima banalizzazione, peccato. Dovresti seriamente studiare gli anni venti della Germania, difficilmente avrai nozione di un popolo lacerato ed ondivago come lo furono i tedeschi. I quali certo hanno un potenziale enorme, come tutti i popoli europei d’altronde, ma difficilissimo da incanalare. Da un cumulo di macerie, in 6 anni hanno plasmato un popolo capace di tenere testa da solo, pure sabotato dall’Italia, ad un’intera coalizione mondiale. Questo non è un processo che viene da sé o con le buone intenzioni e basta. Il fatto che il nazionalsocialismo non possa essere compreso al giorno d’oggi da mascheroinomani e covidioti in realtà è del tutto normale e, anzi, di conforto per me: la gente di allora era di tutt’altra pasta.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Haytham
7 Aprile 2021 13:07

Il nazismo ha unito un popolo diviso..ma la qualità dei divisi era alta..e per questo è diventato inarrestabile.. I popoli..per quanto siano intelligenti e capaci..non possono gestire le scelte politiche fondamentali..ma vengono irretiti da programmi parziali che accettano..senza pensare alle conseguenze che si produrranno.. Il nazismo aveva dei progetti vincenti ..come mettere il popolo tedesco prima di tutto..negare la deriva degenerativa del comunismo alle porte..e non essere al servizio della finanza affamatrice..e molti altri.. Ha fatto presa e il popolo l’ha votato..poi..si è ritrovato alla Berlino del 45.. Dubito che i tedeschi lo avrebbero rivotato se avessero potuto tornare indietro.. A un governante non si chiedono belle idee e decisionismo…ma anche realizzarle con prudenza e lungimiranza..senza cedere alla cieca passione.. L’attentato del 44 non era fatto da traditori..ma di chi pensava che la disfatta sarebbe stata inevitabile come poi si è realizzata.. La combriccola nazista è stata capace di arrivare al potere..sfruttando poi le classi dirigenti tedesche nell’amministrazione..che sono imbattibili..almeno prima della Cina..e poi ha trascinato tutti nel baratro.. Se l’onore e i sani valori sono cose da proteggere e valorizzare contro il ladrocinio e la furbizia del profittatore..bisogna anche pensare bene a chi si affidano..e la democrazia è il… Leggi tutto »

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  uparishutrachoal
7 Aprile 2021 13:28

Potrei ribattere ad ogni punto, ma credo che la cosa si protrarrebbe a lungo e sarebbe sfiancante e, in fondo, di poca utilità per entrambi. Sintetizzo: partiamo dall’assunto che Hitler non ha mai voluto la guerra, egli era concentrato anima e corpo negli affari interni della Germania, e anche durante il conflitto più volte chiese la pace senza rivendicazioni da una posizione di forza. I sobillatori guerrafondai anglosassoni (controllati da chi sappiamo) invece la volevano disperatamente e con la resa senza condizioni del nemico, anche perché temevano che l’esempio della dissidenza al loro potere sovranazionale potesse divampare, prima nell’Europa che controllavano grazie alle divisioni che fomentavano, e dopo nelle colonie d’ogni dove. Già operando un fondamentale distinguo fra aggressore e aggredito, fai un enorme passo avanti nella comprensione dei fatti. Negli eventi bellici sono stati commessi molti errori, ma questo non è corretto considerarla una colpa, peraltro qui si sta dibattendo della bontà della dottrina politica e non sull’arte della guerra. Sulla mera forza militare, si potrebbe dire che i tedeschi erano in rapporto 1 a 10 in quanto a uomini e mezzi, eppure fino alla fine del ’42 si sono registrate solo schiaccianti vittorie. Il loro dramma fu affiancarsi… Leggi tutto »

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Haytham
7 Aprile 2021 14:15

Come dici si potrebbe stare a parlare all’infinito senza giungere a conclusioni.. Ma la dottrina politica va calata nella realtà..se vogliamo essere una guida e non un ideologo.. Schacht aveva detto al Fuhrer di fare qualche debito per tenersi buoni i banchieri..ma non era stato ascoltato.. Diciamo che puntava alla neutralità degli USA..e con la guerra alla Russia confidare in una sotterranea simpatia visto che il nazismo si stava espandendo anche in quel paese..ma ha fatto una sottovalutazione del potere finanziario..e della sua forza coercitiva.. Ovviamente c’era anche di mezzo il Giappone e il Patto d’Acciaio a legargli le mani.. In realtà..una volta che gli USA sono intervenuti la guerra era persa..perché la finanza non avrebbe tollerato una Germania autonoma e libera dal suo giogo…in più le capacità militari americane erano infinite..come si è visto..e che all’epoca si poteva intuire.. Comunque gli argomenti sono tanti ed io non sono uno storico e neppure un nostalgico.. La mia idea di società non si identifica con quella nazista e neppure con quella comunista o liberare..ma quella Tradizionale..anche se rimodulata nei nuovi tempi.. Comunque grazie dello scambio ..che è sempre utile per chiarificare certe idee che altrimenti rimarrebbero nell’ombra.. ma è tempo di… Leggi tutto »

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Haytham
6 Aprile 2021 13:30

“… e con risultati pratici anche vagamente simili….”

Come la mettiamo con la lettera di Schacht del 7 gennaio 1939 “Mein Führer, wir sind pleite!”
(Mio Führer, siamo in bancarotta)

Emilia2
Emilia2
Risposta al commento di  Haytham
7 Aprile 2021 0:32

D’accordo che all’inizio il governo nazista fece anche qualcosa di buono per sollevare l’economia della Germania in uno stato penoso, ma non si deve sminuire la responsabilita’ dei Campi di sterminio per Ebrei, e non solo. Che poi anche i nostri regimi attuali siano criminali e’ evidente.

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  Emilia2
7 Aprile 2021 1:13

Leggi Mattogno, che se siamo ancora ai 6 milioni ce n’è da camminare.

Walter Kovacs Rorschach
Walter Kovacs Rorschach
Risposta al commento di  Haytham
7 Aprile 2021 4:21

Suvvia buon uomo, non mettiamo in discussione i 6 milioni per cortesia… è una verità talmente innegabile che alcuni giornali ne fecero previsione anni prima…. o forse si riferivano ai 6 milioni di russi sterminati dai loro amici bolscevichi? chissà…

ITALIA ENSEÑA
ITALIA ENSEÑA
Risposta al commento di  uparishutrachoal
6 Aprile 2021 15:30

Infierivano solo quando ne avevano motivi….come a Stazzema? Sua nonna faceva meglio a tacere…

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  ITALIA ENSEÑA
6 Aprile 2021 17:31

Io parlo di luoghi occupati senza guerra partigiana in corso..che altrimenti c’erano reazioni spietate..
Altrimenti potevi passeggiare in sicurezza senza pericolo di venir violentata o derubato..come quando arrivarono i liberatori..

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 12:22

Aggiungerei poi che, va bene scomodare il nazismo ad ogni piè sospinto ma, insomma, vogliamo ricordarci anche del “maccartismo” dei democraticissimi USA? Così, tanto pe fare un esempio.
Però, come al solito, vorrei sempre ricordare a tutti che il termine universale che dovremmo usare tutti è semplicemente “totalitarismo“.
Per il resto, comunque, trovo ottimo l’appello di Cerardi.

AmonAmarth
AmonAmarth
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 11:36

Ti do ragione per quanto riguarda che “non tutto ciò che sappiamo” sui nazisti veri e propri, quelli di 70 anni fa, sia perfettamente vero e congruo con i relativi fatti storici, fatti che sono ormai quelli che abbiamo avuto il modo di avere o ai quali abbiamo potuto risalire. A conferma di questo, la sterminata “immagine del male” che i nazisti hanno vestito in qualsiasi film dove si necessitasse di un comune nemico dove scagliarsi contro (si legga riguardo all’hollywoodismo descritto da Quaglia). Eppure questi medici nazisti sono esistiti, ne hanno scritto libri (come quello citato nell’articolo) e hanno violato il corpo di un altro essere umano senza il suo consenso per (nella loro testa) “scopi superiori”. Questa figura del medico nazista e del suo paziente/cavia, che possiamo anche metterla nell’ambito “mitologico”, cioè fondamentalmente inventata e funzionale alla narrativa degli ultimi 70 anni, eppure… L’articolo piomba a ragione su questa comparazione: oggi, 2021, la violazione dei nostri corpi è in ampia, ampissima discussione, checchè ne diciamo noi, i proprietari stessi del corpo in questione. Il Codice di Norimberga, tra i preziosi documenti redatti da chi di fascismi ne aveva abbastanza, non è per nulla ambiguo a riguardo. Oggi non… Leggi tutto »

danone
danone
Risposta al commento di  AmonAmarth
6 Aprile 2021 11:49

Non credo che i Britannici, o i Francesi, o gli Spagnoli (per non parlare dei Giapponesi coi Cinesi), al netto della loro scienza medica e della loro etica, nelle centinaia d’anni di dominio coloniale, non i pochi lustri dei tedeschi, abbiano fatto meno “danni” all’Uomo, dei medici nazisti. Gli americani sono addirittura dei fuori quota in materia, maestri assoluti di disumanesimo.
Non voglio far polemica, ma mollare certi riferimenti troppo automatici come minimo, è frutto e segno di buona riflessione ed onestà intellettuale, che mettono senz’altro, più facilmente, sulla buona strada della comprensione dell’oggi, oltre la propaganda.

Gianfranco Attanasio
Gianfranco Attanasio
Risposta al commento di  AmonAmarth
6 Aprile 2021 16:23

Guardi che il codice di Norimberga viene oggi smantellato nei fatti proprio dai discendenti politici di quelli che lo redassero. Il ‘nazismo’ non c’entra proprio nulla. Anzi, mi correggo. E’ una specie di ‘passaporto politico’ per esibire una conformita’ totale a quei ‘valori’ che oggi vengono negati proprio dalle ‘democrazie’. Il nazismo e’ morto e sepolto da quasi un secolo oramai: fatevene una ragione, voi che lo portate nel cuore sia pure come simbolo negativo. Riconoscete l’ambiguita’ del continuo rimando e cerchiamo di andare oltre, se possibile…dopo aver chiarito tutti ma proprio tutti gli aspetti nell’ ombra.

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 12:15

Il riferimento al nazismo in certi casi è obbligatorio.

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 9:01

Lasciali alla loro retorica e i loro cliché, che sennò non sanno più a cosa aggrapparsi. Lo studio costa tempo e fatica, non è per tutti; né la verità.

nicolass
nicolass
6 Aprile 2021 7:40

Ma quelli che si vaccinano in Chiesa è perché così possono ricevere direttamente l’estrema unzione?A morire per il vaccino non si fa peccato… pare

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  nicolass
6 Aprile 2021 7:54

No, sono come i polli ai quali si taglia la testa per la macellazione. Per un pò camminano lo stesso …

danone
danone
Risposta al commento di  nicolass
6 Aprile 2021 8:00

I lucidi si, gli altri credono di ricevere il sacramento della seconda eucarestia, come da indicazioni del loro santone bianco.

IlContadino
IlContadino
6 Aprile 2021 8:23

Ieri leggendo un commento di RenatoT e guardando, su suo suggerimento, i video a proposito della messa in scena dell’ HIV = AIDS, mi sono accorto di come la propaganda, al tempo, abbia influito su di me. Una propaganda che ho subito inconsciamente, mentre crescevo, senza davvero rendermene conto. Anche oggi, che sono consapevole di ciò che mi hanno inculcato, rimango schiavo di un certo tipo di pensiero che mi riesce davvero difficile abbandonare. Esempio stupido ma chiarificatore: Se mio figlio, fra qualche tempo, mi dicesse di essere il ragazzo di una persona sieropositiva probabilmente ci rimarrei di sasso, pur conoscendo la falsità della narrazione ufficiale. Voglio dire, non ci sarebbe nulla di male, ma proprio nulla, eppure son certo che il mio cervello subirebbe dei cortocircuiti. Sono stato programmato così. Voglio arrivare ad affermare che chi oggi sta subendo la propaganda, difficilmente potrà mai scrollarsela di dosso. La visione che si sta costruendo oggi lo accompagnerà sempre. E’ una vera disgrazia. Accorgendomi di quanto ero fragile e vulnerabile provo una sincera e profonda compassione per chi oggi è così debole come lo ero io, e magari anche più. Io forse mi sto costruendo gli strumenti per liberarmi piano piano… Leggi tutto »

danone
danone
Risposta al commento di  IlContadino
6 Aprile 2021 8:40

Io ho una sorella che è da 30 anni siero-positiva, sta meglio di me, ne vogliamo parlare?
La propaganda te la scrolli di dosso con un filo di gas e addirittura con gusto, solo con la verità, ed è una cazzata farlo, non è difficile. Il difficile è dare fiducia alla verità, lavoretto un pò più complicato in effetti :-))

IlContadino
IlContadino
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 9:06

Ci vuole davvero un attimo ad abbattere un vecchio schema, nel senso che è in un istante intuitivo che abbandoni il vecchio e costruisci il nuovo. Forse è proprio per questo che ci bombardano di informazioni fasulle, cercano di evitare quella pace in cui l’attimo intuitivo possa rivelarsi

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  IlContadino
6 Aprile 2021 10:42

Infatti qualcosa succede anche in quest Italia
https://voxnews.info/2021/04/06/migliaia-assediano-montecitorio-diecimila-assaltano-il-parlamento-buttiamo-giu-questo-palazzo-di-merda-video-diretta/
Migliaia assediano montecitorio,assaltano il parlamento “buttiamo giu questo palazzo di mmm…”

https://voxnews.info/2021/04/06/sgarbi-guida-lassedio-al-parlamento-un-governo-di-matti-conquistate-il-palazzo-video-diretta/
Sgarbi guida l assedio al parlamento “un governo di matti conquistate il palazzo”

Sta scoppiando una guerra civile e i giornalisti parlano di assembramenti senza mascherine.
SAPPIATE CHE LE FORZE DELL’ORDINE STANNO MANGANELLANDO GENTE CHE CHIEDE SOLO DI LAVORARE.
Nulla di più vergognoso della sordità delle guardie di fronte alla disperazione.#Montecitorio pic.twitter.com/TH0EAb4q1A

danone
danone
Risposta al commento di  IlContadino
6 Aprile 2021 9:21

E’ proprio cosi caro Conta. Non c’è pace in questo luogo e non vogliono proprio concedercela.
E qui si apre forse la domanda più importante di tutte.
Qual’è il luogo dove io possa avere e fare pace, l’unico luogo in cui tutto accade?
Ti rispondo per come la vedo io, quel luogo esiste, forse è l’unico luogo reale dell’Universo, in mezzo ad un mare di illusioni e realtà virtuali che ci auto-raccontiamo costantemente, senza pace. Quel luogo è il dialogo sincero che hai con la tua presenza più intima e profonda, che coincide con la potenza assoluta dell’essere “Io sono”.
Noi romagnoli abbiamo un modo per descrivere l’Io sono.
Quando Il Signore creò il romagnolo dalla terra, lui uscì e disse..”adess a so que me, boia de Signor!!”…non male come definizione dell’Io sono” :-))

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  danone
6 Aprile 2021 12:28

Quando Il Signore creò il romagnolo dalla terra

Io veramente avevo sentito una diversa parte finale, ma non la ripeto per educazione…, e comunque la mia stima dei romagnoli è altissima…, basta ricordarne UNO…

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  IlContadino
6 Aprile 2021 9:55

Secondo le mie teorie un sieropositivo non solo non attacca nulla..ma ha dei virus ben disciplinati che hanno imparato a non allargarsi e quindi sono ben accetti..in quanto educati..
Bisogna sempre pensare l’opposto di quello che ci propinano..e diventa alla fine un atteggiamento automatico..
Col tempo poi possiamo analizzare se c’è qualcosa di vero..ma con prudenza..e osservare l’effetto che ci fa..
Le mascherine nei luoghi chiusi e frequentati per esempio..non sono così malvagie.. escludendo chi ci lavora..ma oggi al supermercato me la sono abbassata per umettare una busta che non si apriva..e sono stato colpito da un puzzo micidiale tanto che me la sono rimessa immediatamente ringraziando il cielo di averla..

Predator
Predator
6 Aprile 2021 6:39

Anche queste soluzioni sono funzionali alla soluzione finale: chi ha la memoria corta non lo può capire.

nicolass
nicolass
6 Aprile 2021 6:43

Quando busseranno alla mia porta venderò cara la pelle… certo con l’aiuto dei vicini sarebbe più facile ma spesso è proprio da loro che devo guardarmi

nicolass
nicolass
6 Aprile 2021 6:43

Quando busseranno alla mia porta venderò cara la pelle… certo con l’aiuto dei vicini sarebbe più facile ma spesso è proprio da loro che devo guardarmi

VincenzoS1955
VincenzoS1955
6 Aprile 2021 6:57

Le crisi del sistema liberal-capitalistico (è insito nella sua natura) sfociano sempre in feroci dittture, come il nazismo per l’appunto. Hitler starà gongolando nella sua tomba.

Gianfranco Attanasio
Gianfranco Attanasio
Risposta al commento di  VincenzoS1955
6 Aprile 2021 16:40

Salve Vincenzo, i regimi nazional/socialisti ( tra cui ci metto anche quello sovietico degli anni ’40 ) erano regimi che si opponevano al sistema liberal-capitalista. Non esiste un ‘trapasso’ tra questi e quelli. E’ una lettura superficiale e datata perche’ manca l’ isomorfismo negli obiettivi: i regimi socialisti a base nazionale volevano cose ‘diverse’ da quelli ‘plutocratici’ ( come si diceva allora ) e andarono al potere contro le democrazie, non per realizzarne i desiderata. Il fatto che ancora oggi, passato un secolo, ancora se ne parli ( da dx come da sx ) dimostra l’ incapacita’ delle democrazie ad esser tali, ovvero a realizzare quanto promettono. A modo loro, i regimi precedenti lo fecero: ma con un costo aberrante, dovuto a loro stessi ed anche ( ma direi sopratutto ) ai loro avversari. Quello che abbiamo oggi e’ il fallimento delle democrazie ed il loro volgersi ad oligarchie e poi a dittature: abbiamo quindi la circolarita’ dei sistemi di potere in atto ed il riferimento alle passate dittature e’ solo una forma di sguardo distopico…nasce dal fatto che oggi si cerca nel passato un riferimento utile a capire il presente e lo si individua nelle passate dittature. Ma quelle… Leggi tutto »

Maurizio
Maurizio
6 Aprile 2021 7:38

Non ho vissuto la propaganda ai tempi del nazifascismo, ma un qualcosa come quello che sta accadendo oggi credo la superi, manca solo il ministero addetto di hitleriana memoria.

Tutti allineati, nessuno escluso.

Politici, giornalisti, categorie professionali di ogni ordine e grado, sanitari, personaggi dello “spettacolo”, fino alle categorie economicamente più colpite (per ora), che non esiteranno a plaudere quando li faranno riaprire con tanto di clientela museruolata e vaccinata.
Ovviamente le eccezioni ci sono, ma bisogna cercarle col lanternino, e guarda caso la categoria con più “onesti” (rispetto alle altre, si intende) è proprio quella degli scienziati, quelli che meglio di tutti possono smascherare le balle che propina il mainstream… chissà come mai.

E dire che x l’uomo comune che beve tutto “perché lo dicono tutti” basterebbe mettere il nasino in qualche paese extra UE e extra USA

mystes
6 Aprile 2021 7:50

E pensare che eravamo tutti convinti di averli sconfitti nel 1945! Non sospettavamo che sarebbero tornati sotto mentite spoglie, come fa il lupo che si traveste di agnello! Quantomeno Hitler era più onesto perchè diceva quello che era, senza tanti se e senza tanti ma.

nicolass
nicolass
6 Aprile 2021 8:09

Mi vaccinerò solo quando il vaccino sarà disponibile in Macelleria…. giusto per essere solidale con la carne da macello

Maurizio
Maurizio
Risposta al commento di  nicolass
6 Aprile 2021 8:36

hahah tu scherzi, ma di questo passo faranno davvero usare la siringa anche a macellai, tabaccai e cassieri.

Infatti mi chiedo quanti infermieri siano rimasti negli ospedali, con tutti quelli che vanno in giro a siringare e tamponare.

Pfefferminz
Pfefferminz
6 Aprile 2021 10:54

Sono tre i pilastri che sostengono la narrazione ufficiale sulla “pandemia”:
le forze dell’ordine, i giornalisti mainstream e i medici.
Se soltanto uno di questi “pilastri” cedesse, la falsa narrazione si sgretolerebbe entro brevissimo tempo. La categoria per sua natura predestinata a rivestire il ruolo di smentire la propaganda, è quella dei medici, forti delle loro conoscenze e del giuramento di Ippocrate. Il silenzio e l’acquiescenza alla menzogna della stragrande maggioranza dei medici è imperdonabile.
Ha ragione l’autore dell’articolo: “Non c’è più tempo”.

Violetta
Violetta
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Aprile 2021 12:36

ti correggo: non sono “i medici” ma solo quelli selezionati dal mainstream.
Gli altri sono esclusi, sbeffeggiati, infangati e tendono a farsi i fatti loro per non subire un massacro. (come dargli torto)

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Violetta
6 Aprile 2021 13:16

Certo, i medici “selezionati dal mainstream” sostengono la narrazione ufficiale, ma anche il silenzio di tutti quelli che applicano pedissequamente i protocolli sbagliati, mettendosi il paraocchi per non vedere i colleghi coraggiosi che denunciano le irregolarità e salvano i propri pazienti.
Secondo me, soprattutto per i medici l’aspetto etico dovrebbe essere in primo piano, per il rapporto di fiducia che lega medico e paziente. Non capisco perché dovrebbero venire “esclusi, sbeffeggiati, infangati”, se dimostrassero di meritarsi la fiducia in essi riposta. Qualcosa mi sfugge.

Violetta
Violetta
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Aprile 2021 14:02

di fatto lo sono.
Quelli che parlano di cure a domicilio di prudenza nei vaccini etc sono emarginati e attaccati.

E’ anche normale (cioè prevedibile) che molti di loro preferiscano farsi gli affari loro che buttarsi in un tritacarne senza di fatto ottenere altro che danno per se stessi.

Tra i medici di base si distinguono tre tipologie: quelli che seguono le indicazioni di AIFA e applicano la vigile attesa; quelli che invece se ne fregano e curano i pazienti e quelli che probabilmente per evitare le due vie, si sono “Imboscati”.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Violetta
6 Aprile 2021 18:59

Oppure continuano a curare.
Intanto, in Francia, accanto alle proteste che continuano ogni sabato, in molte piazze è oramai diventato virale questa voglia di danser encore. Vi metto il link originale, e di seguito la versione tedesca, in omaggio a pfeffer

https://www.youtube.com/watch?v=SyBEMRyt6Qg

https://www.youtube.com/watch?v=phrCiosJB-Q

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  emilyever
6 Aprile 2021 19:57

Grazie Emily, molto gentile. Avevo già visto il flashmob alla Gare Du Nord su un sito tedesco, ma senza la traduzione. Belli entrambi, musica e testo, quel “vedere come i pensieri abbracciano i nostri corpi”, forse è per quello che le manifestazioni in Germania hanno un po’ l’aria di feste popolari, la gente ha voglia di ballare, forse è la gioia di trovarsi in mezzo a coloro che sono sulla stessa lunghezza d’onda. Non hai idea di quante canzoni di resistenza siano sorte in Germania, un’infinità, tutte molto belle, in stili diversi. La mia preferita, perché mi mette di buon umore, si intitola “Hochsicherheitsgebiet” (zona di alta sicurezza), è una parodia, un farsi coraggio per non sprofondare nella depressione “Viviamo già da tanto tempo in zona ad alto rischio e tutti sanno che è pericoloso, e nessuno sa per quanto tempo ancora…”
https://youtu.be/WvZI09cUZVs
(in tedesco)

CptHook
CptHook
Risposta al commento di  Pfefferminz
6 Aprile 2021 12:38

Intanto cominciano a buscare i pennivendoli, anche sabato in Germania, e penso che sia ora, perché sono i più disonesti tra tutti, perché loro dovrebbero essere il vero cane da guardia ed invece sono le peggiori prostitute.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  CptHook
6 Aprile 2021 13:04

Sabato scorso a Stoccarda, per chi non lo sapesse, nel corso della manifestazione anti-misure restrittive e a favore del ripristino dei diritti costituzionali con più di 10.000 partecipanti, è volata una grossa pietra da un gruppo di manifestanti in direzione di un team della televisione pubblica tedesca ARD che stava facendo delle riprese. Questo fatto non è stato chiarito del tutto, anche se ci sono dei filmati che riprendono chiaramente la traiettoria del sasso, ma non sarebbe la prima volta che situazioni del genere vengono create ad hoc, per gettare discredito sull’intero movimento. La manifestazione per il resto si è svolta in modo del tutto pacifico e la polizia non è intervenuta, anche se le imposizioni di mascherina e distanziamento non sono state rispettate.
Sono d’accordo, CptHook, che i giornalisti dovrebbero essere il quarto potere in una democrazia e controllare l’operato dei governanti, allo stesso modo come le forze dell’ordine dovrebbero osservare la Costituzione. Tutti e tre i pilastri che ho citato sostengono la falsa narrazione, ma io mi aspetto soprattutto dai medici una presa di posizione, perché più a contatto con i cittadini e per il rapporto di fiducia che in teoria ci dovrebbe essere.

AlbertoConti
AlbertoConti
6 Aprile 2021 9:17

Questo DL non passerà, ma nel frattempo c’è di peggio sottotraccia:

https://comedonchisciotte.org/montecitorio-la-commissione-approva-61-v-m-delettrosmog-per-tutti/

Qui la prova del golpe fascista è evidente. Ci sono dentro tutti, nomi e cognomi stranoti, non potremo dimenticarli quando verrà il momento. Qualcuno poi scriverà “Il sangue dei vinti – 2”?

XL
XL
Risposta al commento di  AlbertoConti
6 Aprile 2021 12:35

Golpe sicuro, fascista per niente, perché questi sono elististi.
Il fascismo, nel bene e nel male, fu un movimento popolare.
Concedo tranquillamente che fosse basato su idee criticabili, ma di certo non venne attuato per la volontà e a vantaggio di pochi plutocrati e contro la gente comune, come invece accade oggi.

Gianfranco Attanasio
Gianfranco Attanasio
Risposta al commento di  XL
6 Aprile 2021 16:14

Come no: era il tentativo di dare visibilita’ e forza politica a quelle masse che avevano fatto la Grande Guerra e che il regime di allora ( che era monarchico, mai dimenticarlo ) considerava come m. al sole. Se si guarda tutta la storia del ‘900 si vede un unico filo: il tradimento delle cosiddette ‘masse’, cioe’ uomini e donne concreti ( e disperati ) da parte dei Grandi Burattinai. Mussolini tento’ pure lui di farsi burattinaio, con una megalomania fallace e ridicola prima di precipitare nella tragedia, che fu sopratutto la tragedia del popolo italiano intero.

Scrillo
Risposta al commento di  AlbertoConti
7 Aprile 2021 7:26

in base a cosa sostieni che non passerà ? (Ovviamente se parliamo dello stesso DL del 1° aprile pubblicato in G.U.) Credi che la maggioranza da qui a 2 mesi si sfaldi e non approverà mai in parlamento, facendolo quindi decadere ?

Hospiton
Hospiton
6 Aprile 2021 9:37

Trovo riduttivo questo ennesimo rimando al Nazismo, mi sono già espresso altre volte in merito e se vogliamo tentare dei collegamenti con i poteri che oggi dominano USA ed Europa (e non solo) l’argomento va affrontato in maniera più ampia, almeno fin quando il pensiero unico trionfante lo consentirà. Dato che l’articolo parla della “inviolabilità del corpo umano” e della questione riguardante esperimenti genetici e sociali – strettamente connessi – credo sia fondamentale qualche cenno sull’eugenetica: vorrei ricordare che il coniatore del termine fu Sir Francis Galton, classico scienziato prodotto dell’era vittoriana, impregnato come la maggior parte dei suoi contemporanei da una convinzione di superiorità della “razza” bianca nei confronti delle altre. Galton fu un esponente del razzismo scientifico e, a dimostrazione del favore che incontrarono i suoi studi in ambienti altolocati, nel 1910 fu insignito della Medaglia Copley dalla Royal Society. Nel 1912 il discorso d’apertura della “Prima conferenza internazionale di eugenetica” venne pronunciato dall’immancabile Lord Balfour (lo stesso della famosa dichiarazione indirizzata a Lord Rothschild, guarda un po’) e il consesso si tenne a Londra, mentre le teorie eugenetiche iniziarono a ricevere rilevanti finanziamenti da parte dei soliti noti: Carnegie, Rockefeller, Harriman. In poche parole la Germania hitleriana… Leggi tutto »

Cruciverba
Cruciverba
6 Aprile 2021 9:57

Il Nazismo ormai va bene un po con tutto , un po’ come il colore nero . Paragoni assolutamente senza senso . Hitler , finanziato e messo su dai globalisti , si battè a morte contro di essi una volta compresi i loro piani . L’ascesa e la caduta di Hitler non sono eventi avvenuti a caso . I Globalisti lo videro utile a riunire l’Europa sotto un unico dominio ( Tedesco ) , per portare avanti il loro progetto di Governo Mondiale . Quando egli si ribello’ al loro progetto di schiavizzare i popoli lo schiacciarono e demonizzarono . La creazione dell’ UE e dell’ EUR è la ripresa del loro progetto che si arresto’ a causa di Hitler . I Globalisti che tutt’ora comandano poi ritagliarono la storia del mostro cattivo . Non c’è da stupirsi che quindi gli snowflakes odierni , associno i metodi tipici dei Globalisti al Nazismo non riuscendo a comprendere e differenziare i due movimenti distratti solo dai metodi , ignorando i fatti . Se ritornassero veramente i Nazisti/Fascisti i Globalisti sarebbero i primi a farsela sotto perchè potrebbero ancora una volta perdere il loro dominio sugli umani e subirebbero una battuta di arresto… Leggi tutto »

dom
dom
6 Aprile 2021 16:42

Nazismo, fascismo, ismo, certo è che siamo agli antipodi di Voltaire e non se ne accorge nessuno.

Pfefferminz
Pfefferminz
6 Aprile 2021 20:19

Ho l’impressione che, a forza di discutere su quella che è stata la realtà storica del nazionalsocialismo, si sia perso di vista il messaggio dell’autore di questo ottimo articolo. Le parole, anche quelle che connotano un periodo storico, da un certo momento in avanti, hanno vita propria e servono a comunicare un concetto che viene compreso da tutti. Secondo me, in questo senso era da intendersi il termine “nazista”, come sinonimo dell’individuo disumanizzato e crudele. I termini “fascista” e “nazista” fanno ormai parte del linguaggio comune, per capirsi, ben al di là dell’effettiva realtà storica. Un altro esempio può essere la definizione di fascismo del politologo Reinhard Kühnl: “Stato borghese senza le libertà borghesi”, quindi estendibile ad altre realtà diverse da quella storica.

Marco Tramontana
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Aprile 2021 3:00

Concordo. Buffo che ti tocca puntualizzare e pure con garbo.

Hospiton
Hospiton
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Aprile 2021 6:53

Capisco il tuo punto di vista ma vorrei provare ad andar sotto la superficie, a far notare come l’utilizzo continuo di questi termini (fascista, nazista) abbia prodotto una grave confusione, soprattutto nel post 1991, e tale confusione sia stata scientificamente generata – attraverso media, intrattenimento, scuola, certa saggistica divulgativa – da chi aveva l’interesse a sviare l’attenzione da progetti disumani che ora emergono in tutta la loro nefandezza. Mi ricollego ad un altro tuo commento in merito all’incapacità di distinguere il male dal bene (discorso sottile): la vulgata anti-nazista/fascista con cui hanno plasmato le coscienze ha avuto e seguita ad avere un peso rilevante nell’addormentare la massa e nell’impedire ad un consistente numero di persone di riconoscere le sembianze del male attuale, nascosto non dietro una evanescente destra (spauracchio in realtà alquanto addomesticato) bensì all’interno dei palazzi della finanza, forse il principale strumento utilizzato per scardinare quell’abbozzo di democrazia che in apparenza (qui potremmo aprire un lungo dibattito…) si delineava nel secondo Dopoguerra. È una situazione che mi ricorda alcuni tratti dell’angosciante romanzo di Buzzati “Il deserto dei tartari”: i novelli Drogo aspettano un nemico che non arriva mai ed intanto invecchiano, perdono energia, muoiono. Noi però, a differenza di… Leggi tutto »

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Hospiton
7 Aprile 2021 8:02

Resto del parere che i termini fascismo e nazismo, fascista e nazista abbiano acquisito nel corso dei decenni un proprio significato che ha mantenuto solo taluni aspetti di quello originario legato alla realtà storica. Faccio notare tra l’altro la contrazione di nazionalsocialismo in nazismo, ove il secondo è diventato un termine per offendere e discreditare (mentre i manifestanti di Querdenken marciano, quelli dell’Antifa gridano “nazis raus!”). Con “fascismo e nazismo” si intende una dittatura tout court. Dal punto di vista tuo e di Haytham, la demonizzazione dei termini avrebbe a che vedere con la tesi che i due regimi storici si sarebbero opposti alla finanza internazionale. Io auspico uno studio approfondito di quei periodi storici senza tabù, perché ritengo che la verità sia un valore in sé. Constato però che gli studiosi di quel periodo hanno pareri contrastanti, per cui nessuno al momento ha la verità in tasca. Esistono dei punti fermi sufficienti per definire quei sistemi totalitari, i quali giustificano l’uso dei termini attualmente. Ne cito solo uno: la persecuzione dei dissidenti. Prima della Machtergreifung, i parlamentari contrari a Hitler furono arrestati, per cui venne meno la Sperrminorität. Con i voti di questi parlamentari arrestati, la presa del potere… Leggi tutto »

Hospiton
Hospiton
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Aprile 2021 8:50

“Resto del parere che i termini fascismo e nazismo, fascista e nazista abbiano acquisito nel corso dei decenni un proprio significato che ha mantenuto solo taluni aspetti di quello originario legato alla realtà storica“, esatto, il problema è la strumentalizzazione di questi termini, le deleterie conseguenze mi sembrano palesi (e stanno creando grossi problemi di “lettura” degli avvenimenti storici anche alle generazioni più giovani, non per niente il pessimo Letta ha proposto l’estensione del voto ai 16enni, si apprestano a raccogliere quanto seminato). A causa di questa calcolata operazione l’uomo comune identifica il male come “fascista” o “nazista” ed è sempre più incapace di cogliere la complessità della realtà che lo circonda, divenendo facile preda dei poteri “globalisti” all’opera. “Dal punto di vista tuo e di Haytham, la demonizzazione dei termini avrebbe a che vedere con la tesi che i due regimi storici si sarebbero opposti alla finanza internazionale” non necessariamente Pfefferminz, è un aspetto che sto cercando di approfondire e con incredibile fatica, dato che le fonti trattanti in maniera specifica l’argomento non abbondano e vanno a loro volta valutate con attenzione. Il suddetto uso strumentale potrebbe non esser legato esclusivamente ad un’opposizione (che sia vera o presunta) alla… Leggi tutto »

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Hospiton
7 Aprile 2021 11:13

Anche se rinunci all’uso dei termini in questione, la realtà ti raggiunge ugualmente e, guarda caso, ti mette davanti agli occhi che la storia si ripete. Ricordo che a una delle primissime manifestazioni di Stoccarda, il prof. Homburg disse chiaramente che si stava assistendo all’inizio di una nuova dittatura, come negli anni Trenta. Fu uno dei primi a parlarne. Pochi giorni fa, il giornalista Reitschuster ha fatto notare un altro fatto che si era già verificato verso la fine della Repubblica di Weimar, cioè l’esautorazione del governo prussiano, ricorso all’articolo 48 della Costituzione, il cosiddetto Preußenschlag. Visti i paralleli storici, non so fino a che punto sia lecito voler escogitare termini diversi. Mi è stato confermato da altre parti che non è facile trovare scritti storici sulla politica economica e monetaria del Terzo Reich, ma faccio notare che, anche nel caso che Hitler avesse implementato, come sembra, una MMT ante-litteram, il fatto in sé deve poi essere collocato in un contesto più ampio. Da quello che mi sembra di capire, la Germania dava fastidio perché stava per diventare una grande potenza. Il mio sospetto è che la si sia voluta scagliare contro l’Unione Sovietica, in modo che entrambi i Paesi,… Leggi tutto »

Hospiton
Hospiton
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Aprile 2021 12:29

In quanto ai termini non dico di rinunciarvi ma solo di usarli nel giusto contesto, sarebbe già un grande risultato. il discorso però va oltre il semplice utilizzo malaccorto della parola “fascista”, si inserisce all’interno di una immensa operazione di manipolazione che nell’ultimo quarantennio ha riguardato ogni singolo ambito della nostra società, un lavoro sistematico che a mio parere è riuscito alla perfezione o quasi (alcuni cenni li ritrovi in testi come “Il più grande crimine” di Barnard, ma c’è molto altro). Non dimentichiamo che la “realtà” che raggiunge il grosso dell’opinione pubblica (spesso anche persone con una certa istruzione) è plasmata a piacimento da chi controlla la macchina mediatica, culturale, sociale, la questione del covid mi pare una riprova di ciò e in campo storico/politico il meccanismo funziona in eguale maniera, come osservo continuamente da decenni. Quel che dicevo a proposito di una ricerca di nuovi strumenti retorici allo stato attuale è solo una sorta di suggerimento rivolto esclusivamente agli utenti di CDC come te, oltre a pochi altri che individuo nel quotidiano…ora come ora pensare di estendere detti ragionamenti alla maggioranza rappresenta un qualcosa di utopistico, troppa disabitudine alla contestualizzazione storica (soprattutto quando entrano in ballo fascismo e… Leggi tutto »

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Hospiton
7 Aprile 2021 12:20

https://t.me/Frieden_Freiheit_keine_Diktatur/206199
(in tedesco)

Una breve, simbolica comunicazione di un attivista tedesco, un blogger noto e stimato, amico del dott. Bodo Schiffmann, insieme al quale ha fatto delle trasmissioni.
La svastica sovrastata dalla scritta “World Economic Forum”
“Ja, es ist der selbe Faschismus”
(Sì, è lo stesso fascismo)
“Vergesst diese Tatsache niemals und sagt es weiter”
(Non dimenticate questo fatto e ditelo agli altri)

Da notare che si usa il termine “fascismo”, il quale, storicamente, dovrebbe essere riservato all’Italia.
Anche questo blogger starebbe strumentalizzando un termine? O non è forse la conferma che il significato di “fascismo” ha assunto vita propria?

Hospiton
Hospiton
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Aprile 2021 12:34

Eh eh già, credo che i tedeschi abbiano subito un bel bombardamento da questo punto di vista, magari superiore a quello attuato in Italia (sensi di colpa a go go che continuano a bloccarci). Mi auguro che pian piano ci si renda conto delle differenze.

Hospiton
Hospiton
Risposta al commento di  Pfefferminz
8 Aprile 2021 5:47

Ho visto solo ora la parte conclusiva del tuo commento, non conosco questo blogger quindi non posso esprimere un giudizio specifico, ne azzardo uno di carattere generale: più che di strumentalizzazione in casi simili parlerei proprio di utilizzo inconsapevole di armi retoriche che ai piani alti padroneggiano in ben altra maniera, con strumenti decisamente più pervasivi (come detto film, tv, scuola, università ecc ecc). Se simili tentativi avessero dato risultati sarei il primo ad esserne soddisfatto, purtroppo mi sembra che per il momento l’utilizzo di un certo linguaggio non faccia che ritorcersi contro la cosiddetta controinformazione. Spero che la mia valutazione sia errata… Giusto notare come il blogger abbia utilizzato il termine “fascismo”, tecnicamente riferibile all’Italia e non alla Germania. Lo stesso Hitler fu ammiratore di Mussolini ed il Fascismo italiano fu un movimento guida, almeno in alcune fasi, nel panorama delle destre europee (Umberto Eco propose una teoria in merito, sostenendo che il PNF abbia rappresentato un modello in quanto assimilabile ad uno scatolone vuoto in cui poter riversare di tutto, privo cioè dell’identità che ebbero il Nazionalsocialismo e il Comunismo sovietico. Ho banalizzato l’ipotesi di Eco per ovvi motivi di spazio, se vuoi approfondire ti allego il seguente… Leggi tutto »

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Aprile 2021 10:01

Ma invece di pensare ad Hitler contro chi o cosa, avete mai pensato pro chi o cosa? E’ così incredibile ammettere che quest’uomo ha dedicato ogni singolo giorno della sua vita affinché il suo popolo assediato potesse trascorrere un’esistenza degna su questo mondo? Il problema vostro è questo: puntate sempre il fucile verso il bersaglio sbagliato, perché siete stati istruiti a farlo. Pensate piuttosto al guerrafondaio ubriacone di Churchill, che non ha mai combinato niente di buono se non per suo guadagno o quello dei suoi accoliti.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Hospiton
7 Aprile 2021 8:16

https://t.me/AllesAusserMainstream/3478
(in tedesco)

Il dott. Bodo Schiffmann, dall’esilio, usa lo stesso linguaggio dell’autore dell’articolo. Una citazione di Sophie Scholl, assassinata dai nazionalsocialisti.
“Il danno più grande proviene dalla maggioranza silenziosa, che vuole solo sopravvivere, si adatta e collabora.”
“Sophie Scholl, combattente della resistenza contro il regime NS, 1921-1943)”

oriundo2006
oriundo2006
Risposta al commento di  Pfefferminz
12 Aprile 2021 2:45

E’ sempre la stessa idea, che vuole il totalitarismo cresciuto all’ interno di un paese per ragioni etnocentriche proprie alla cultura dominante ( Scuola di Francoforte e affini ). In realta’ il totalitarismo puo’ benissimo esser imposto dall’esterno accerchiando economicamente una nazione, privandola degli sbocchi commerciali o odiosamente restringendoli, demonizzandone ogni mossa giusta o sbagliata che fosse attraverso l’isteria mediatica, tagliando l’accesso alle materie prime, gravandola di un enorme debito dalle ragioni discutibili. Ed e’ esattamente quanto avvenuto in Europa ai danni della nazione tedesca negli anni ’20 e ’30.
La lezione attualmente in voga in Germania e’ solo l’accettazione dell’ idea falsa ed imposta dai vincitori di una predisposizione quasi ‘genetica’ dei tedeschi ad esser degli spietati dominatori: un ‘razzismo’ alla rovescia….dimentichi del carattere ‘romantico’ di tanta parte dei loro valori profondi.
Quando tocchera’ all’ anglosfera ad esser trattata con brutalita’ staremo a vedere la reazione.

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  Pfefferminz
7 Aprile 2021 6:47

È una questione di metodo, forma e sostanza. Come scrisse Sun Tzu, se combatti con le armi che il nemico ti ha dato, sul campo di battaglia che ha scelto, ogni battaglia è persa prima di essere combattuta. Poi vedete voi, per carità.

McBane
McBane
7 Aprile 2021 3:15

Qualcuno sa se l’autore si è già armato ed è partito?

Pfefferminz
Pfefferminz
7 Aprile 2021 5:22

“Le masse non vedono la verità perché queste non si pongono nemmeno il problema che possa esistere il male e la menzogna nel messaggio del sistema. Lo accettano senza alcuno scrupolo morale, e una volta che ricevono l’ordine del regime, anche il più disumano, folle e criminale non fanno altro che portarlo avanti ed eseguirlo senza discutere.” Brano tratto dall’articolo” L”umanità al bivio” di Cesare Sacchetti. https://lacrunadellago.net/2021/04/04/lumanita-al-bivio-il-mondo-verso-il-nuovo-ordine-mondiale-o-verso-la-liberta-e-la-restaurazione-del-cristianesimo/ Secondo me, queste parole colgono nel segno. La differenza fra chi ha capito e chi si fida dei ripetitori della versione ufficiale sta tutta qui, nell’incapacità di distinguere il bene dal male, perché nel corso degli anni passati si sono persi i valori. È la stessa conclusione cui è giunto il Comitato d’inchiesta tedesco Corona Ausschuss: la discriminante è la competenza morale. In Germania sarebbe circa il 20% a possedere tale competenza, negli Stati Uniti il 50% delle persone. La seconda frase di Sacchetti esprime un’altra verità degna della massima attenzione. Il sistema totalitario che si vuole instaurare si serve delle persone assuefatte a non aver “alcun scrupolo morale”. Esso non avrà bisogno di poliziotti perché saranno gli umani stessi privi di “competenza morale” a combattere contro i loro simili, ad esempio con… Leggi tutto »

piero deola
piero deola
7 Aprile 2021 4:07

Le bestialità sono state compiute da sperimentatori americani ben prima dei medici nazisti.

Scrillo
7 Aprile 2021 6:05

non capisco più a che pro tutta questa inutile propaganda e retorica della neolingua su nassifassismo etc … il fatto è che credere già, che nell’epoca delle nazioni, precedente alla seconda guerra mondiale, ci fossero sostanzialmente nazioni più brutali dell’impero anglosassone, dal punto di vista del rispetto di vita umana, diritti fondamentali, minoranze, schiavitù, etc, è pura follia. La storia la scrivono sempre i vincitori (come sempre); ma ricorrere a questa retorica di demonizzazione post mortem di chi si oppose a questo governo unico mondiale, mi sembra esercizio abbastanza ridicolo.

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  Scrillo
7 Aprile 2021 10:09

Bravissimo. Da una parte abbiamo l’Inghilterra, con i suoi possedimenti territoriali incommensurabili sparsi per il globo, con questioni sociali irrisolte e sperequazione allucinante. Dall’altra la Germania, senza colonie, alla quale volevano pure togliere il pane dai denti, pazza criminale a ribellarsi al piano di estinzione programmata del popolo tedesco meglio noto come diktat di Versailles con la sua mera esecutrice Repubblica di Weimar. Da non credere la quantità di menzogne che ci danno a bere.

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  Scrillo
7 Aprile 2021 10:09

Bravissimo. Da una parte abbiamo l’Inghilterra, con i suoi possedimenti territoriali incommensurabili sparsi per il globo, con questioni sociali irrisolte e sperequazione allucinante. Dall’altra la Germania, senza colonie, alla quale volevano pure togliere il pane dai denti, pazza criminale a ribellarsi al piano di estinzione programmata del popolo tedesco meglio noto come diktat di Versailles con la sua mera esecutrice Repubblica di Weimar. Da non credere la quantità di menzogne che ci danno a bere.

Hospiton
Hospiton
Risposta al commento di  Haytham
7 Aprile 2021 10:29

Di certo non possono non saltare agli occhi alcune analogie nei sistemi adottati per demolire il tessuto socio-economico di una nazione “scomoda”, in particolare trovo interessante una comparazione tra il lavoro che fecero all’epoca di Weimar personaggi come Heinrich Bruning e quello svolto da vari tecnici-marionette che vediamo all’opera in Italia ed Europa da qualche tempo a questa parte.

Haytham
Haytham
Risposta al commento di  Hospiton
7 Aprile 2021 10:47

Più che analogie, direi che è lo stesso programma in salsa moderna. Solo che all’epoca non avevano ancora avuto lo scotto dello spirito di rivalsa nazionale, che poteva segnare una battuta di arresto quasi irreversibile. Ora, dopo qualche decennio di concessioni volte ad ammansire i popoli, premurandosi di insegnarci a non ripetere più gli “errori del passato”, possono di nuovo procedere speditamente. La Società delle Nazioni di allora è l’Unione Europea di oggi.

106
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x