Il governo silura Magrini,”Mr Tachipirina”: il direttore generale Aifa non serve più

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

 

Di Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Un colpo al cerchio e uno alla botte, il governo Meloni sembra avere la labirintite quando si affronta la tematica Covid, molti meno tentennamenti quando si tratta di foraggiare di armi l’Ucraina. I fatti però sono i fatti e bisogna parlare di quelli: il ministro della salute Schillaci ha appena silurato il direttore generale di Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) Nicola Magrini, colui che fu nominato dal suo predecessore Speranza all’inizio dell’era pandemica, a marzo 2020. Il suo cv parla di una lunga trafila nell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sarà anche per questo che Speranza gli aveva affidato “le chiavi” della gestione farmaceutica della crisi, dal Sars Cov 2 ai vaccini, oltrechè una torta da oltre 30 miliardi di euro, tanto vale il giro annuale farmaci/sanità.

Siamo uno dei paesi più vaccinati al mondo, e con i vaccini migliori. Ma non dobbiamo sederci sugli allori. Non si vive di rendita e la campagna deve essere proseguita” diceva Magrini a Repubblica, appena due giorni fa.

Sembra che il Segretario del PD ci sia rimasto male, e già solo questa sarebbe una buona notizia: “scelta di discontinuità grave e sbagliata“. Quindi tutto da rifare, anzi, tutto da mantenere: più tachipirina, più vigile attesa e più dosi.

Il governo ha iniziato lo spoils system proprio dall’Agenzia Italiana del Farmaco, che – comunque – nell’ottica della nuova riforma dell’ente varata lo scorso dicembre, non prevede più la figura del Direttore Generale.

Quindi Magrini resterà in carica fino al 23 gennaio prossimo. Aveva criticato il governo sui vaccini proprio nell’intervista rilasciata a Repubblica: “a ottobre con l’inizio della stagione delle infezioni respiratorie sarebbe stata necessaria una campagna più convinta“. Non proprio un segnale distensivo verso l’esecutivo Meloni.

Poi la doccia fredda, o magari attesa, visto il cambio di governo?

In ogni caso, stante la nuova riforma dell’ente, dai prossimi mesi non sarebbe stato comunque lui il direttore generale di Aifa, in quanto, prima di silurarlo gli avevano già tolto di mezzo la poltrona.

Di Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

05.01.2023

FONTI

https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2023/01/04/spoil-system-allaifa-magrini-lascera-direzione-agenzia_18af0b02-9393-480e-8c09-903de0d61f06.html

https://www.aifa.gov.it/-/aifa-nicola-magrini-si-e-insediato-all-agenzia-italiana-del-farmaco

https://www.repubblica.it/cronaca/2023/01/02/news/magrini_sui_vaccini_il_governo_tace_ma_la_corsa_e_gia_ripartita_italiani_piu_responsabili-381681279/?ref=RHLF-BG-I0-P1-S1-T1

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2022/12/27/301/sg/pdf

Foto – Fonte AIFA

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix