Il disastro ambientale è non curarsi più della Terra

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

In alternativa, è possibile effettuare un bonifico bancario (SEPA) utilizzando il nostro conto
Titolare del conto: Come Don Chisciotte
IBAN: BE41 9674 3446 7410
BIC: TRWIBEB1XXX
Causale: Raccolta fondi

di Valentina Bennati
comedonchisciotte.org

Il maltempo non dà tregua, le temperature sono sotto la media stagionale e diverse zone d’Italia sono flagellate da pioggia, grandine, vento e allagamenti in questa primavera anomala che fa registrare danni non da poco.
In Emilia-Romagna la situazione più drammatica con morti (nove al momento in cui sto scrivendo), dispersi, migliaia di sfollati e evacuati. Gli effetti si paleseranno in tutta la loro gravità solo a partire dalle prossime settimane anche con un calo dell’offerta dei prodotti agricoli e un aumento dei prezzi a scapito di tutti noi consumatori.

L’instabilità atmosferica con rovesci improvvisi e abbondanti, esondazioni di fiumi e torrenti e conseguenti rovinosi allagamenti che hanno messo in ginocchio interi territori non è, però, una novità. Purtroppo, da qualche tempo a questa parte, in TV sempre più spesso si grida alla tragedia – e sono evidenti e comprensibili le difficoltà delle persone – ma non c’è da sorprendersi: la natura presenta semplicemente il conto.
Abbiamo voluto alterare un equilibrio: tagliare le foreste; inquinare i fiumi, i laghi, i mari, gli oceani, l’atmosfera e adesso si raccoglie quel che è stato seminato.
È così.
Gli uomini hanno pensato di trasformare il pianeta a loro piacimento e le conseguenze, immancabilmente, stanno arrivando.

Ma, soprattutto, ragionando sulle possibili cause della tragica situazione, c’è da sottolineare un aspetto: una volta si sapeva come gestire il territorio, i canali, i fossi, i monti venivano tenuti come si deve.
Oggi tutto è abbandonato e il territorio va in malora proprio perché non c’è capacità di gestire le cose.
Prima un badile, un piccone e una zappa quasi tutti li tenevano nelle case e li sapevano usare.
Oggi si sanno utilizzare computers, tablet e smartphone con grande disinvoltura e abilità, ma non c’è più la conoscenza del territorio che, invece, è essenziale.
Bisogna tenere a posto i boschi, pulire i canali e i greti dei fiumi, controllare i tombini e le fognature.
Quand’è così l’acqua va dove deve andare, invece di portare morte e distruzione.

La Terra bisogna conoscerla, amarla, custodirla, gestirla.
Piuttosto che fare e seguire certe trasmissioni infarcite di polemiche banali che non servono a nulla, se non a sdoganare nuovi mantra (nel caso specifico quello dell’emergenza climatica) per poi aprire la strada a nuove misure restrittive della libertà, rimbocchiamoci le maniche.
L’ Italia potrebbe ancora tornare ad essere un gioiello, se si cominciasse a usare di nuovo il buon senso e ci si cominciasse a interrogare sulle vere cause che stanno all’origine di ogni accadimento.
___


ComeDonChisciotte.Org

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
20 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
20
0
È il momento di condividere le tue opinionix