I russi stanno inviando più gas di prima, ma il prezzo è aumentato di 10 volte

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Di Giovanni Zibordi
comedonchisciotte.org

Il prezzo del gas sul mercato è esploso quest’anno come si vede e come titolano i giornali

Questo però non è il gas che arriva coi gasodotti dalla Russia. Come notava anche l’esperto di gas ed energia di Bloomberg Javier Blas, le “utilities” cioè le società del gas ed energia che rivendono al pubblico, continuano a ricevere il gas da Gazprom come prima e ai vecchi prezzi, mentre i prezzi di cui parlano i giornali  (quelli del mercato o “hub” di Rotterdam mostrato sopra) più alti li pagano le aziende e in parte il pubblico.

Le società del gas stanno “making a killing” cioè stanno facendo un pacco di soldi. Come appunto spiega l’esperto di Bloomberg, hanno contratti a lungo termine (LT) con i russi con un prezzo fissato che ora rispetto a quello di mercato di riferimento (il TTF) è molto più basso.

Per cui le società del gas massimizzano tutto quello che possono ottenere da questi contratti chiedendo a Gazprom di inviarne la quantità massima prevista.

Come si può vedere infatti da questo grafico dei flussi di gas verso la UE dalla Russia, dal momento che è iniziata la guerra il flusso di gas è aumentato molto. Questo perchè le utilities hanno diritto in base ai loro contratti di richiederne fino ad un certo limite e ovviamente ne approfittano.

In questo modo si potrebbe anche dire che economicamente si ritrovano ad approfittare della guerra, per così dire. Di questo fatto si parla senza problemi sul mercato finanziario

Nel caso del gas quindi i russi non solo continuano a inviare gas, ma ne inviamo di più e non beneficiano dell’aumento dei prezzi di mercato di cui tutti ora parlano. Questi prezzi si riferiscono al gas inviato per nave in forma liquefatta, detto LNG che arriva da America o Australia o Africa e viene quotato a Rotterdam come contratto “TTF” (visto sopra nel primo grafico). Questo prezzo di mercato oscilla ora anche del 30% al giorno, ma in media è ora almeno 10 volte più alto di quello di quello di un anno fa. E così anche  dei contratti di Gazprom (o della società equivalente in Algeria e Quatar). Gli utenti industriali in Italia e in UE pagano in buona parte questo prezzo di mercato perchè nei loro contratti con SNAM e altre società simili è scritto che si usa questo prezzo di riferimento.

Dato però che il gas russo arriva come e più di prima, non esiste scarsità, ad esempio nei livelli delle scorte o appunto negli arrivi di gas dalla Russia che giustifichi in termini di domanda e offerta prezzi di mercato 10 volte più alti. Si può argomentare che essendoci una guerra, in futuro il flusso di gas potrebbe essere interrotto e chi specula, dato che deriva dal latino “speculari” che significa “guardare avanti”, immagini questi scenari futuri di scarsità e spinga su il prezzo. In un economia di mercato in teoria le oscillazioni dei prezzi forniscono ”segnali” ai produttori e consumatori di aggiustare l’offerta e la domanda. Questo però è vero nel caso del petrolio, ma non del gas naturale che per l’85% o 90% è venduto tramite contratti a lungo termine e passa per gasodotti. Anche il gas liquefatto inviato per nave, che comunque è una frazione del gas totale prodotto, per due terzi è fornito in base a contratti che durano anni. In parole povere, il prezzo del gas di mercato visto all’inizio di cui tutti parlano riflette solo un 10% del gas fornito e consumato. Se invece ora tutti i clienti, aziende e famiglie pagano molto di più, non è dovuto ad un aumento del costo del gas. E se sul mercato del gas liquefatto venduto “spot” cioè sul mercato giorno per giorno il prezzo esplode di 10 volte quessto non induce Gazprom o il Quatar a trivellare di più perchè non ne beneficiano. Quello che succede invece è che molte aziende sono in ora in difficoltà perchè non possono ridurre il consumo di energia che è necessario alla produzione.

Se tutto questo fosse successo 20 o 30 anni fa il governo, che era anche padrone di queste società dell’energia perchè non erano private e quotate in borsa con azionisti ecc.. avrebbe semplicemente detto loro di mettere un limite al prezzo che fanno pagare sulla base del loro costo effettivo.

Avere un governo dovrebbe servire, in campo economico, esattamente in questi casi. Evitare che qualche soggetto privato “makes a killing” (che come indica il termine di gergo finanziario implica che “ammazzi” qualcuno) a spese del pubblico

Di Giovanni Zibordi
comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x