I bambini nati durante la pandemia hanno un QI più basso

 

Dr. Joseph Mercola – 2 settembre 2021

 

Assieme gli adulti che si sono mascherati, rinchiusi e impegnati nel distanziamento sociale, anche i bambini sono stati costretti a farlo. Eppure, come hanno avvertito gli psicologi, i bambini probabilmente non sono usciti indenni da questa situazione. Nuovi dati suggeriscono che i bambini nati nel 2020 potrebbero avere un QI più basso di quelli nati nel 2019 o prima (1).

Nonostante i dati secondo cui i bambini sembrano essere più resistenti alla Covid-19, gli esperti sanitari continuano a insistere che i bambini indossino maschere a scuola e in pubblico (2). Secondo l’American Academy of Pediatrics (3), nei 23 stati che hanno riportato i dati, i bambini contavano dall’1,5% al 3,5% del numero totale di ricoveri per Covid-19 e dallo 0,2% all’1,9% di tutti i casi di bambini hanno portato a una degenza in ospedale.

Nei 43 stati che hanno riportato i dati, i bambini hanno rappresentato dallo 0,0 allo 0,25 per cento di mortalità. In altre parole, il rischio di morte da Covid per i bambini era significativamente inferiore a quello degli adulti. D’altra parte, l’uso delle mascherine ha aumentato il rischio di danni fisici e psicologici.

Uno studio tedesco (4) ha raccolto i dati di 25.930 bambini, dei quali il 68% ha riportato effetti avversi dall’indossare la mascherina. Queste segnalazioni includevano il 29,7% che riferiva di sentirsi a corto di fiato, il 26,4% di avere le vertigini e il 17,9% che non voleva muoversi o giocare.

L’elenco includeva anche bambini che avevano difficoltà di apprendimento, sonnolenza o stanchezza, malessere, mal di testa e difficoltà di concentrazione. Anche se le segnalazioni sono state presentate da genitori, medici e insegnanti, i redattori di Research Square hanno pubblicato un avvertimento in cui si afferma che i dati “non possono dimostrare una relazione causale tra l’uso della maschera e gli effetti avversi riportati nei bambini” (5).

La domanda può essere: “Tutti gli studi sulle mascherine saranno respinti allo stesso modo, a meno che non dimostrino che le mascherine sono ottime per la salute dei bambini e non fanno alcun danno? E come saranno accolti i dati più recenti, che dimostrano che i neonati non se la passano meglio dei bambini più grandi?”

 

QI dei neonati influenzato dalle chiusure

Secondo i risultati di questo studio (6), i bambini nati nel 2020 e nel 2021 avevano punteggi verbali, motori e cognitivi generali più bassi rispetto ai bambini nati dal 2011 al 2019. I bambini più colpiti erano i maschi e quelli provenienti da famiglie di basso livello socio-economico. I ricercatori hanno scritto che:

Mentre i bambini, e quelli sotto i 5 anni, sono stati ampiamente risparmiati dalle gravi complicazioni di salute e mortalità associate all’infezione da SARS-CoV-2, non sono stati immuni dall’impatto delle politiche di permanenza domiciliare, di mascheramento e di allontanamento sociale“.

Il team di ricerca ha riconosciuto che fin dall’inizio della pandemia ci sono state preoccupazioni per lo sviluppo dei bambini che possono essere stati colpiti da fattori di stress innescati dagli eventi del 2020, così come le difficoltà economiche e la mancanza di ambienti stimolanti.

Dati i cambiamenti nell’ambiente sociale, i ricercatori hanno cercato di confrontare i punteggi del neurosviluppo nei bambini nati prima del 2019 con quelli nati dopo il luglio 2020. Hanno usato la Mullen Scales of Early Learning che valuta la funzione “nei cinque domini primari del controllo motorio fine e grossolano, della ricezione visiva e del linguaggio espressivo e ricettivo attraverso l’osservazione diretta e la performance ” (7).

In totale, allo studio hanno partecipato 672 bambini (8). Quello che hanno scoperto è che il punteggio medio del QI per i bambini nati dal 2011 al 2019 era compreso tra 98,5 e 107,3. Tuttavia, nei bambini nati nel 2020 e nel 2021, i punteggi erano da 86,3 a 78,9 rispettivamente (9).

Dopo aver controllato le differenze di età di istruzione materna dei bambini, hanno scoperto che c’erano riduzioni significative e coerenti del QI confrontando i bambini nati nel 2011-2019 con quelli nati nel 2021. I risultati dello studio hanno suggerito che la pandemia ha avuto un forte effetto sul primo sviluppo neurologico.

I dati hanno mostrato specificamente che “i punteggi verbali, non verbali e cognitivi complessivi sono significativamente più bassi dall’inizio della pandemia” (10). Il ricercatore principale Sean Deoni, Ph.D., è un professore associato di pediatria alla Brown University. Il Dr. Deoni postula che la quantità limitata di stimoli a casa e la minore interazione con il mondo esterno hanno innescato i punteggi dei test incredibilmente bassi nei bambini. Ha detto (11):

Non è affatto sottile. Di solito non si vedono cose del genere, al di fuori dei grandi disturbi cognitivi. I genitori sono stressati e sfiniti … l’interazione che il bambino avrebbe normalmente ottenuto è diminuita sostanzialmente. Più il bambino diventa grande, più capacità di correggere il percorso diventa piccola“.

 

Come vengono utilizzati gli strumenti di misurazione del QI dei neonati?

Un test standard del QI misura la capacità di una persona di apprendere e di ritenere nuove informazioni. È semplice testare il richiamo immediato, ma è più difficile testare la conservazione di informazioni complesse. Per questo motivo, la capacità di apprendimento è talvolta stimata indirettamente attraverso il test della conoscenza passata di una persona.

Il valore in un test del QI è la correlazione con ciò che misura. In altre parole, dopo aver testato centinaia di migliaia di persone, si è scoperto che i punteggi dei test del QI sono correlati a risultati importanti (12). Se un test del QI somministrato a un adulto ha lo scopo di verificare informazioni complesse, come si può somministrare un test ai neonati?

Joseph Fagan III fu lo psicologo della Case Western Reserve University di Cleveland che sviluppò il Fagan Test of Infant Intelligence utilizzato nei bambini fino a 12 mesi di età (13). Durante questo test, ai bambini viene mostrata una serie di fotografie accoppiate. La prima coppia è costituita da facce identiche e la seconda coppia è la stessa faccia con un’altra sconosciuta al bambino.

I ricercatori misurano poi il tempo in cui il bambino guarda la nuova faccia. Quello che Fagan ha scoperto è che i bambini con un’intelligenza inferiore alla media non sono attratti così fortemente dalla novità del volto nuovo. Il suo obiettivo era quello di identificare i bambini a rischio in modo da poter iniziare un intervento precoce (14).

Altri test di sviluppo usati su neonati e bambini piccoli includono le Gesell Developmental Schedules e le Bayley Scales of Infant and Toddler Development III. La Mullen Scales of Early Learning usata nello studio presentato è un test di valutazione standardizzato che è comunemente usato in psicologia clinica (15).

Il disegno del test può essere usato in neonati, bambini in età prescolare e bambini piccoli. I ricercatori hanno anche usato questi test di funzione cognitiva per identificare i deficit che possono verificarsi in relazione alle condizioni di salute.

Per esempio, uno studio (16) ha esaminato i bambini con anemia da carenza di ferro e ha somministrato il test Fagan di intelligenza infantile. I ricercatori hanno scoperto che i dati indicavano deficit cognitivi che potevano essere attribuiti, in parte, alla funzione socio-emotiva legata all’anemia sideropenica.

 

Sintomi clinici di ansia dei genitori possono influenzare i bambini

Secondo Rhonda BeLue, professore associato di politica sanitaria e amministrazione presso la Penn State (17), “Lo stress materno è stato collegato a genitorialità dura, depressione materna e scarso sviluppo cognitivo, socio-emotivo e fisico nei bambini e può avere effetti duraturi sul benessere di madre e figlio“.

I pesanti impegni durante il 2020 e il 2021 hanno aumentato i livelli di stress dei genitori che, secondo uno studio, non sono tornati ai livelli pre-Covid-19 (18). Gli studi hanno anche scoperto che lo stress prenatale è un rischio consolidato di problemi di salute dei bambini, basso peso alla nascita e nascita pretermine, e ha dimostrato effetti duraturi sui bambini (19).

Lo stress materno è stato misurato alla fine di aprile 2020 in 788 donne incinte, ed ha dimostrato che il 21,1% ha riportato sintomi di ansia minimi o assenti, mentre il 43,3% ha riportato sintomi di ansia moderati o gravi.

Dall’inizio del 2020, i ricercatori di diversi paesi hanno esaminato l’effetto che lo stress dei genitori ha sullo sviluppo dell’infanzia e della gravidanza (20), (21), (22). Questo è stato anche uno dei fattori analizzati nello studio descritto in cui i ricercatori hanno scoperto che i bambini nati nel 2020 e nel 2021 hanno punteggi cognitivi più bassi (23).

Durante il 2020, lo stress materno è stato influenzato dalla paura di partecipare alle visite prenatali. I ricercatori hanno notato, non a caso, che la preoccupazione, l’ansia e la depressione materna possono anche avere un impatto sulle opportunità educative mancate per la madre e una riduzione delle interazioni e degli stimoli per il bambino (24).

I ricercatori notano anche che lo stress materno durante la gravidanza può avere un impatto sulle strutture e la connettività del cervello in via di sviluppo, che in seguito può portare a ritardi nello sviluppo cognitivo e comportamentale. Tuttavia, i dati dello studio presentato non hanno dimostrato un aumento dello stress materno generale che, notano, era “in contrasto con altri studi in corso durante la pandemia“.

Studi precedenti hanno dimostrato che lo stress dei genitori ha un impatto significativo sui problemi comportamentali dei bambini (25) e gli studi attuali nel corso del 2020 e del 2021 hanno anche trovato che lo stress dei genitori riduce la capacità di essere di supporto e può essere una ragione per “sintomi psicologici più pronunciati” nei bambini (26 ).

Uno studio pubblicato nel novembre 2020 (27), ha valutato la salute mentale e comportamentale di 148 bambini all’età di 36-47 mesi. Ciò che hanno scoperto è che i genitori che hanno riportato alti livelli di stress quando i loro figli erano neonati avevano un rischio due volte maggiore di sviluppare problemi di salute mentale quando i bambini avevano 3 anni.

 

L’esposizione prenatale al fluoro abbassa la funzione cognitiva nei bambini

La funzione cognitiva di un neonato può essere influenzata da diversi fattori, tra cui l’esposizione al fluoro. Nella mia più recente intervista (28) Paul Connett, direttore esecutivo del Fluoride Action Network, ha dichiarato:

Lui [il giudice] ha sentito Philippe Grandjean, che è l’esperto mondiale sulla neurotossicità del mercurio, e Grandjean ha fatto l’analisi BMD [dose di riferimento] e ha testimoniato in tal senso in tribunale … Fondamentalmente, tornando di nuovo all’analisi BMD di Grandjean, ha detto che in questo momento il danno al cervello dei bambini negli Stati Uniti è probabilmente maggiore per il fluoruro che per il piombo, l’arsenico e il mercurio“.

Uno studio pubblicato su Environmental Health Perspectives (29) ha analizzato l’esposizione e l’impatto in 299 coppie madre-bambino allo scopo di stimare l’associazione tra l’esposizione prenatale e lo sviluppo cognitivo.

Sono stati prelevati  campioni di urina da donne incinte e poi dai loro figli all’età di 6-12 anni. L’intelligenza è stata misurata nei bambini utilizzando l’Indice cognitivo generale delle scale McCarthy di abilità nei bambini all’età di 4 anni e di nuovo con la Scala abbreviata Wechsler di intelligenza tra i 6 e 12 anni.

I risultati hanno dimostrato che i neonati che hanno subito una maggiore esposizione prenatale [al fluoro] avevano punteggi più bassi nei test di funzione cognitiva all’età di 4 anni e da 6 a 12 anni (30). Le prove che il fluoro ha un effetto significativamente dannoso sul QI dei bambini continuano ad aumentare (31), (32), (33) eppure la tossina continua ad essere aggiunta alla fornitura di acqua. Connett ha descritto altri studi, dicendo (34):

“Ci sono stati quattro studi chiave finanziati dal NIH (National Institutes of Health) sul QI. Metodologia favolosa, la migliore metodologia fino ad oggi. Hanno pubblicato studi sul QI dal 1988 ad oggi. Questi studi [sono], tutti pubblicati dal 2017, tutti finanziati dal NIH, fatti dai migliori ricercatori.

Non solo hanno trovato una forte relazione, due di loro, uno da Città del Messico e uno dal Canada … [hanno trovato una] forte associazione tra il livello di fluoruro nelle urine della madre e il QI del bambino, il QI della prole.

[In un altro studio] Un gruppo di bambini è stato alimentato al biberon con acqua di rubinetto fluorizzata quando erano bambini, e l’altro gruppo di bambini, simile in ogni altro aspetto che si possa pensare, è stato alimentato al biberon con acqua di rubinetto non fluorizzata.

Quindi l’unica differenza era se questi neonati, se questi bambini hanno avuto acqua di rubinetto fluorizzata nella loro formula quando sono stati alimentati con il biberon. Il QI è sceso di 13 punti – impressionante”.

 

Suggerimenti per proteggere la salute cognitiva dei vostri figli

Ci sono diversi passi che potete fare per proteggere la salute cognitiva dei vostri figli, e il primo è quello di proteggere la vostra salute mentale. Come è stato dimostrato da numerosi studi, lo stress dei genitori, l’ansia e la depressione hanno un effetto negativo sulla salute mentale e comportamentale dei bambini, che a sua volta può influire sulle prestazioni (35).

Inoltre, lo stress dei genitori può ridurre l’interazione significativa e la stimolazione dei bambini, che a sua volta ha un impatto sul loro neurosviluppo. Una delle mie strategie preferite per abbassare i livelli di ansia e paura è l’Emotional Freedom Techniques (EFT). Quando si abbassa il livello di ansia, si diventa più produttivi e più capaci di funzionare.

È importante che troviate un modo per abbassare lo stress nella vostra vita in un modo che funzioni per voi. Altre strategie utili sono lo yoga, l’esercizio fisico vigoroso, le passeggiate, il contatto con gli amici, la meditazione e il diario. Man mano che i vostri livelli di stress diminuiscono, vi sarà più facile interagire e fornire stimoli al vostro neonato e ai vostri bambini, il che migliora anche la loro salute mentale e cognitiva.

Il livello di prove che il fluoruro è neurotossico ora supera di gran lunga le prove che c’erano quando il piombo fu bandito dalla benzina. Connett spiega (36):

“Il fluoro sta seguendo la stessa strada del piombo perché, fondamentalmente, il fatto di trovare o meno un effetto neurotossico per il piombo era semplicemente una funzione di quanto ben progettato fosse lo studio. Meglio era progettato lo studio, maggiori le probabilità di trovare che il piombo stava abbassando il QI. La stessa cosa sta accadendo con il fluoro”.

Sono stato esplicito sul potenziale pericolo per voi e la vostra famiglia di bere e fare la doccia con acqua di rubinetto non filtrata. Mentre la ventilazione della vostra casa aiuta a ridurre l’inquinamento dell’aria interna causato dalle particelle aerosolizzate della vostra fornitura d’acqua, avete bisogno di un sistema di filtraggio per eliminare il fluoro dall’acqua.

Il Fluoride Action Network (37) offre consigli sui sistemi di filtraggio che aiutano a rimuovere il fluoro dall’acqua potabile, incluso come cercare i dispositivi di filtraggio a osmosi inversa e altri prodotti che possono aiutare a ridurre il fluoro. Suggeriscono anche 10 modi per ridurre l’esposizione al fluoro (38), tra cui filtrare la fornitura d’acqua ed eliminare i trattamenti dentali al fluoro.

 

Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/09/02/children-born-during-pandemic-have-lower-iq.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art2HL&cid=20210902_HL2&mid=DM982335&rid=1253046289

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Notifica di
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
dallafleidars
Utente CDC
5 Settembre 2021 21:40

Questo articolo è appeso da due giorni e nessuno osa commentare.
Non capisco se perché qui il “non toccate i bambini” è giustamente sacro e per non urtare sensibilità varie si evita oppure perché quello che scrive Mercola è credibile e la pratica di fluorizzare acquedotti e altro ha proprio quello scopo quindi non c’e niente da dire.
Se non sbaglio poco tempo fa ho letto che da fine millennio il QI dei bambini/giovani nei paesi occidentali è in calo ma davano la colpa all’impoverimento del lessico alla semplificazione della grammatica eccetera.
Ah io bevo dal pozzo dal ’93 e 2+2 fa 5!

1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x