Guerra Russia-Ucraina: un’invasione diversa, da parte dell’Occidente lo stesso copione del “pazzo”

La semplice propaganda dei media - come l'affermazione che il russo Putin è squilibrato - è precisamente ciò che ci ha portato alla crisi sull'Ucraina

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Jonathan Cook – Middle East Eye – 28 febbraio 2022

 

Che comodità per i leader occidentali il fatto che, ogni volta che un altro paese sfida la proiezione di potere dell’Occidente, i media occidentali possono essere d’accordo su una cosa: che il governo straniero in questione è guidato da un pazzo, uno psicopatico o un megalomane.

In un batter d’occhio, i leader occidentali sono assolti dalla colpa o anche dalla responsabilità per i terribili eventi che si verificano. L’Occidente rimane virtuoso, semplicemente una vittima dei pazzi del mondo. Nulla di ciò che l’Occidente ha fatto è stata una provocazione. Niente di quello che avrebbero potuto fare avrebbe evitato il disastro.

Gli Stati Uniti possono essere di gran lunga lo stato più potente del pianeta, ma le loro mani sono apparentemente sempre legate da un nemico squilibrato e implacabile, in questo caso il presidente russo Vladimir Putin.

Invadendo il suo vicino, l’Ucraina, Putin, ci viene detto, non sta avanzando alcun interesse geopolitico o strategico razionale – dalla sua angolazione. E così nessuna concessione poteva o doveva essere fatta perché nessuna gli avrebbe impedito di agire come ha fatto.

L’Occidente, cioè i falchi della politica estera a Washington, decide quando la linea temporale degli eventi è iniziata, quando è avvenuto il peccato originale. I media occidentali compiacenti danno la loro benedizione, e le nostre mani vengono lavate ancora una volta.

Il sottotesto – sempre il sottotesto – è che qualcosa deve essere fatto per fermare il “pazzo”. E poiché è irrazionale e megalomane, tale azione non deve mai essere inquadrata in termini di concessioni o compromessi – che sarebbe un appeasement, dopo tutto. Se ogni nemico è un nuovo Hitler, nessun leader occidentale rischierà un di essere paragonato a Neville Chamberlain.

Invece, ciò di cui c’è urgente bisogno, i politici e i media occidentali sono d’accordo, è la proiezione – apertamente o di nascosto – di ancora più potere e forza occidentale.

 

Catastrofe non mitigata

L’invasione statunitense e britannica dell’Iraq quasi due decenni fa è un contrappunto particolarmente pertinente e significativo per gli eventi in Ucraina.

Allora, come oggi, si supponeva che l’Occidente si trovasse di fronte a un governante pericoloso e irrazionale che non era possibile far ragionare e che non era disposto a scendere a compromessi. Saddam Hussein, insistevano i leader occidentali e i loro media, si era alleato con i suoi arcinemici di al-Qaeda, gli autori dell’attacco alle Torri Gemelle dell’11 settembre. Aveva armi di distruzione di massa e poteva lanciarle verso l’Europa in 45 minuti.

Salvo il fatto che niente di tutto questo era vero – nemmeno la parte del pazzo. Saddam era un dittatore duro, freddo e calcolatore che, come la maggior parte dei dittatori, si manteneva al potere attraverso un regno di terrore sui suoi oppositori.

Ciononostante, i media occidentali hanno fedelmente amplificato il tessuto di affermazioni prive di prove – e bugie patentate come quella assurda dell’alleanza con al-Qaeda – inventate da Washington e Londra per dare il via all’illegale invasione dell’Iraq del 2003.

Gli ispettori delle Nazioni Unite non poterono trovare alcuna traccia delle scorte dell’ex arsenale di armi biologiche e chimiche dell’Iraq. Uno di loro, Scott Ritter, è rimasto inascoltato quando ha avvertito che qualsiasi cosa posseduta da Saddam, dopo tanti anni di sanzioni e ispezioni, si sarebbe trasformata in “gelatina innocua”.

 

L’improbabile affermazione dei 45 minuti, nel frattempo, non era basata su alcun tipo di intelligenza. È stata presa direttamente dalle speculazioni di uno studente in una tesi di dottorato. L’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti e della Gran Bretagna non era solo illegale, naturalmente. Ha avuto conseguenze orribili. Ha portato alla probabile morte di circa un milione di iracheni e ha generato un nuovo terrificante tipo di islamismo nichilista che ha destabilizzato gran parte della regione.

Questi interessi, naturalmente, sono stati in gran parte nascosti perché erano così ignobili, violando palesemente il cosiddetto “ordine basato sulle regole” che Washington afferma di sostenere. Ma nonostante sia stata una catastrofe senza conseguenze, l’invasione dell’Iraq guidata dagli Stati Uniti non era più “irrazionale” dell’attuale invasione dell’Ucraina da parte di Putin. I neoconservatori di Washington hanno portato avanti quelli che consideravano gli interessi geopolitici degli Stati Uniti e una visione strategica per il Medio Oriente.

Ciò che i neoconservatori volevano era in vario modo controllare il petrolio dell’Iraq, eliminare le sacche regionali di resistenza all’egemonia degli USA e del suo cliente Israele in Medio Oriente, ed espandere la regione come mercato economico per le merci e le armi statunitensi.

Saddam è caduto nella trappola preparata per lui perché era ugualmente motivato dal suo interesse personale “razionale” definito in modo ristretto. Si è rifiutato di ammettere che non aveva più alcun sistema di armamento significativo dopo le sanzioni e le ispezioni occidentali, perché non osava apparire debole, né alla sua stessa popolazione né ai vicini ostili come l’Iran.

Il rifiuto dei media occidentali di considerare le reali motivazioni di entrambe le parti – dei neoconservatori a Washington o di Saddam in Iraq – ha reso l’invasione del 2003 e la sofferenza che ne è seguita ancora più inevitabile.

 

Sfere di influenza

La stessa predilezione per la semplice narrazione del “pazzo” ci ha spinto ancora una volta in un’altra crisi internazionale. E ancora una volta, è servita come un modo per evitare di esaminare il vero contesto e le ragioni di ciò che sta accadendo in Ucraina e in tutta l’Europa orientale.

Le azioni di Putin – sebbene potenzialmente non meno disastrose dell’invasione dell’Iraq guidata dagli Stati Uniti, e certamente altrettanto illegali – sono anche radicate nella sua valutazione “razionale” degli interessi geopolitici russi.

Ma, a differenza delle ragioni di Washington per invadere l’Iraq, le ragioni di Putin per minacciare e ora invadere l’Ucraina non sono state nascoste. È stato abbastanza aperto e coerente sulle motivazioni per anni, anche se i leader occidentali hanno ignorato i suoi discorsi, e i media occidentali raramente hanno citato qualcosa di più dei suoi slogan più sciovinisti.

La Russia ha obiezioni realistiche al comportamento e alla malafede degli Stati Uniti e della Nato negli ultimi tre decenni. La NATO, dobbiamo ricordarcelo, è innanzitutto una creatura della guerra fredda, un veicolo dell’Occidente per proiettare una postura militare aggressiva verso l’ex Unione Sovietica sotto la copertura di un’organizzazione di “difesa”.

Ma dopo la dissoluzione dell’URSS nel 1991, l’alleanza militare occidentale non è stata sciolta. Al contrario. È cresciuta fino ad assorbire quasi tutti gli ex stati dell’Europa dell’est che avevano fatto parte del blocco sovietico e ha fatto della Russia un nuovo spauracchio. I bilanci militari occidentali sono aumentati di anno in anno.

La Russia si aspetta una cosiddetta “sfera d’influenza“, nello stesso modo in cui gli Stati Uniti ne pretendono una. Quello che è successo invece per la maggior parte degli ultimi 30 anni è che gli Stati Uniti, come unica superpotenza mondiale, hanno ampliato la propria sfera d’influenza fino alle porte della Russia. Come Washington, Putin ha l’arsenale nucleare per sostenere le sue richieste. Ignorare la sua richiesta di una sfera d’influenza o la capacità della Russia di imporla con la forza, se necessario, è ipocrisia o follia.

Anche questo ha spianato la strada all’attuale invasione.

 

Mentalità da guerra fredda

Ma Putin ha altre ragioni – dal suo punto di vista – per agire. Vuole anche mostrare agli Stati Uniti che c’è un prezzo da pagare per le ripetute promesse non mantenute di Washington sugli accordi di sicurezza in Europa. La Russia ha sciolto la propria alleanza militare, il Patto di Varsavia, dopo la caduta dell’Unione Sovietica, in segno sia della sua debolezza che della sua volontà di riordinare le relazioni con i suoi vicini.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea avevano la possibilità di accogliere la Russia nell’ovile, e renderla un partner nella sicurezza dell’Europa. Invece la mentalità da guerra fredda è rimasta ancora più nelle capitali occidentali che a Mosca. Le burocrazie militari dell’Occidente che hanno bisogno della guerra, o almeno della minaccia di essa per giustificare i loro posti di lavoro e i loro bilanci, hanno fatto pressione per tenere la Russia a distanza.

Nel frattempo, l’Europa orientale è diventata un nuovo grande e redditizio mercato per i produttori di armi occidentali. Questo ha spianato la strada anche a questa crisi.

E infine, Putin ha tutti gli incentivi per affrontare più decisamente la ferita di otto anni di guerra civile tra i nazionalisti ucraini anti-russi e i combattenti di etnia russa della regione del Donbas, nell’est dell’Ucraina. Anche prima dell’attuale invasione, molte migliaia di persone sono morte.

I nazionalisti ucraini vogliono l’ingresso nella NATO in modo che venga risucchiata nel bagno di sangue del Donbas dalla loro parte – alimentando una guerra che potrebbe andare fuori controllo in un confronto diretto tra NATO e Russia. Putin vuole mostrare alla NATO e agli ucraini militanti che non sarà una cosa semplice.

L’invasione è intesa come un “colpo a prua” per dissuadere la NATO dal muovere il suo atto di forza in Ucraina.

I leader occidentali sono stati avvertiti di tutto questo dai loro stessi funzionari già nel 2008, come rivela un telegramma diplomatico statunitense trapelato: “Considerazioni di politica strategica sono anche alla base della forte opposizione all’adesione di Ucraina e Georgia alla NATO. In Ucraina, queste includono il timore che la questione potrebbe potenzialmente dividere il paese in due, portando alla violenza o addirittura, alcuni sostengono, alla guerra civile, che costringerebbe la Russia a decidere se intervenire”.

Ma anche ora, l’Occidente è imperterrito. Non perde tempo ad inondare di altre armi l’Ucraina, alimentando ulteriormente il fuoco.

 

Caricature pericolose

Niente di tutto questo, naturalmente, significa che le azioni di Putin siano virtuose, o addirittura sagge. Ma per alcuni la sua invasione dell’Ucraina non sembra più irrazionale o pericolosa dei decenni di mosse provocatorie della NATO contro una Russia armata con il nucleare.

E qui arriviamo al nocciolo della questione. Solo l’Occidente definisce cosa significa “razionale” – e su questa base, i suoi nemici possono sempre essere liquidati come squilibrati e malvagi.

La propaganda dei media occidentali serve solo ad approfondire queste tendenze nell’umanizzare, o meno, coloro che sono coinvolti negli eventi.

Come l’Associazione dei giornalisti arabi e mediorientali ha osservato nel fine settimana, gran parte della copertura è stata palesemente razzista, con commentatori occidentali che notano con simpatia che coloro che fuggono dall’invasione russa dell’Ucraina, a differenza di quelli apparentemente sfollati dalle invasioni occidentali del Medio Oriente, sono “come noi”, “civilizzati” e non “sembrano rifugiati”.

Allo stesso modo, c’è un netto contrasto tra la cronaca celebrativa di una “resistenza” ucraina che costruisce bombe improvvisate contro l’esercito russo che avanza e la demonizzazione di routine dei media dei palestinesi come “terroristi” per aver resistito a decenni di occupazione di Israele.

E sempre allo stesso modo, il dominio globale degli Stati Uniti significa che essi impongono il quadro militare, politico e diplomatico delle relazioni internazionali. Gli altri paesi, compresi i potenziali rivali come la Russia e la Cina, devono operare all’interno di questo quadro.

Questo li costringe a reagire più spesso che ad agire. Ecco perché è così importante che i media occidentali riferiscano gli eventi in modo completo e onesto, senza ricorrere a facili tropi progettati per trasformare i leader stranieri in caricature e le loro popolazioni in eroi o malvagi.

Se Putin è un pazzo, come Saddam in Iraq, Muammar Gheddafi in Libia, Bashar al-Assad in Siria e i leader talebani in Afghanistan prima di lui, allora l’unica soluzione è l’uso della forza ad oltranza.

Nella politica di potere globale questo si traduce potenzialmente in una terza “guerra mondiale” europea, il rovesciamento del governo della Russia, e il processo di Putin all’Aia o la sua esecuzione. La strategia della “camicia di forza”. Che è precisamente la destinazione catastrofica verso la quale i leader occidentali, aiutati dai media, hanno spinto la regione negli ultimi tre decenni.

Ci sono modi molto meno pericolosi di questo per risolvere le crisi internazionali – ma non finché continuiamo a vendere il mito del nemico “pazzo”.

 

Link: https://www.middleeasteye.net/opinion/russia-ukraine-war-invasion-madman-script-same

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
19 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
19
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x