Home / Attualità / Gli hacker possono spiarci e prendere il controllo dei nostri dispositivi intelligenti controllando SIRI, ALEXA e Google Now tramite comandi a ultrasuoni inudibili

Gli hacker possono spiarci e prendere il controllo dei nostri dispositivi intelligenti controllando SIRI, ALEXA e Google Now tramite comandi a ultrasuoni inudibili

DI ELLA WILLIS

dailymail.co.uk

Secondo alcuni ricercatori dell’Università Zhejiang in Cina , gli assistenti vocali, tra cui il SIRI della Apple e l’ Alexa di Amazon, possono essere controllati dagli hacker tramite comandi vocali impercettibili.

Questo è possibile utilizzando una tecnica che traduce i comandi vocali in frequenze ad ultrasuoni troppo elevate per poter essere percepite da orecchi umani.

La tecnica, denominata ‘DolphinAttack’, potrebbe essere utilizzata per scaricare un virus, inviare falsi messaggi e aggiungere falsi eventi a un calendario.

Potrebbe anche consentire agli hacker l’accesso a video o telefonate in uscita, permettendogli di spiare le loro vittime.

Lo studio ha rilevato che le applicazioni di assistenti vocali di quasi tutte le attuali piattaforme, rischiano di essere controllate.

Mentre questi comandi non possono essere uditi dagli essere umani, i comandi audio a bassa frequenza possono essere intercettati, recuperati e poi interpretati dai sistemi di riconoscimento vocale.

Gli assistenti vocali sempre attivi, come Alexa, sono estremamente vulnerabili agli attacchi informatici.

In totale, il nuovo studio identifica sedici dispositivi e sette sistemi sensibili al ‘DolphinAttack’.

I ricercatori hanno testato i modelli Apple dall’ iPhone 4 al 7 Plus, l’ Apple Watch, l’iPad Mini 4, l’ Apple MacBook, l’LG Nexus 5X, l’Asus Nexus 7, il Samsung Galaxy S6, il Huawei Honor 7, il Lenovo ThinkPad T440p, l’ Amazon Echo e l’ Audi Q3 .

 

Ella Wills

Fonte: www.dailymail.co.uk

Link: http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-4861136/Voice-assistants-vulnerable-silent-voice-control-attack.html

7.09.2017

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SKONCERTATA63

 

Pubblicato da Davide

  • Nathan

    Tutto ciò che è informatica prima o poi si può violare.

    • RenatoT

      infatti vedremo con i chip sottopelle il casino che succederá.

  • –<>– –<>–

    Tremate!!
    Bimbiminkia, babbiminkia e smartphondipendenti di tutto il mondo!

  • Grandepuffo

    Si seleziona una razza di cani antihacker, checcevò!

  • Gianluca T.

    Quindi usare ultrasuoni è hackerare? Wow, Elliot spostati che qui c’è la Next Gen

  • Mario Poillucci

    Perbacco come faranno allora a intercettare il mio tf ”diverso” tramite il quale ordisco piani criminosi, bombaroli e sovversivi? Sono veramente pentito! Da domani torno ad usare il mio vecchio mt20 del 1998!

  • ton1957

    A qualcosa bisogna pur rinunciare, o si sceglie di giocare con lo smartphone ed il computer o si sceglie il diritto a manifestare contro i potenti………….ma i più (coglioni) scelgono di giocare , “io non ho niente da nascondere”ci dicono anche i risparmiatori truffati….poi si stupiscono se la DIGOS li blocca ancor prima di una semplice e pacifica protesta al comizio di REnzi o di qualsiasi altro lacchè del potere.

    • virgilio

      per me non ce problema io utilizo i tam tam e i segni di fumo,tranquillo vado!!

      • ton1957

        sinceramente che tu ci vada tranquillo o agitato…….mi frega poco.

    • Tizio.8020

      “Oh non eran meglio i pizzini? “

      • ton1957

        Questa battuta l’ho già letta almeno venti volte su altrettanti siti ed altrettanti articoli………la prima volta ho anche riso per l’originalità della battuta…la ventesima volta mi viene da piangere dalla non originalità del solito pappagallo che parla senza usare il cervello……..copia e incolla.

  • Tonguessy

    Fatemi capire: si tratta di “frequenze ad ultrasuoni troppo elevate per poter essere percepite da orecchi umani” oppure di “comandi audio a bassa frequenza”? Capisco che un abile hacker possa dare ordini sfruttando gli ultrasuoni per impartire ordini ad uno smartphone, ma cosa se ne farebbe di “comandi audio a bassa frequenza”? Cosa significa poi “audio a bassa frequenza”? Le frequenze audio vanno da 20 a 20.000 Hz, l’audio a bassa frequenza è un concetto per me nuovo.
    Infine: possiedo un vecchio cellulare (non è smart) Nokia che ricarico ogni 15 gg ma la novità maggiore è che non fa foto nè naviga in internet ma telefona. Un telefono che telefoni soltanto è una assoluta novità. Penso quindi che un hacker avrebbe vita molto dura nel cercare di controllare o infettare il mio cellulare. Oggi affinché sia smart (ganzo, intelligente) un cellulare deve fare tutto il resto, e scaricarsi nel giro di mezza giornata.
    Get Smart, l’agente segreto più idiota che esista, qualcuno se lo ricorda ancora?

    • ton1957

      le frequenze da 20 a 20.000htz sono quelle che un buon orecchio umano riesce a percepire (al massimo arriva sino a lì) altre frequenze noi non le percepiamo, ma un apparecchio elettronico puo emetterle e sentirle……..un telefono con comando vocale,non si può escludere sia capace di emettere e di prendere ordini da frequenze che noi non percepiamo (sentiamo)

      • Tonguessy

        E fin qui tutto normale. Il mio dubbio è intanto su cosa significhi “audio a bassa frequenza”, dato che audio è identificativo di un range di frequenza ben definito. Al massimo si può parlare di frequenze basse nel range audio (i subwoofer lavorano appunto in quelle frequenze). Poi ci sarebbe da discutere sul fatto che un semplicissimo microfono electret (a condensatore) di uno smartphone sia in grado di surclassare costosissimi microfoni da registrazione (Neuman, Rode, Sennheiser etc..) in quanto a estensione in frequenza. Non mi risulta che quei microfonini siano in grado di registrare frequenze superiori ai 20.000Hz (ultrasuoni) dato che sicuramente si fermano prima.
        Insomma mi pare che l’articolo sia infarcito di un un sacco di termini e idee che non trovano riscontro nel mondo reale.

        Che poi gli hacker russi siano spietati e riescano a pescare e/o immettere dati da/in uno smartphone di Trump e della sua equipe è un’altra cosa, come tutti sanno.

        • ton1957

          Intanto mi fà piacere che ci sia ancora qualcuno che si interessi di HIFI……il termine audio è, in questo caso, usato impropriamente, giusto il tuo termine bassa frequenza, i migliori subwooofer in commercio non arrivano a riprodurre i 20HTZ si fermano ben prima, anche i microfoni di norma si fermano prima del range 20/.20.000 (anche i migliori) chi li costruisce bada più alla qualità di riproduzione che alla estensione della frequenza, che tra l’altro, a noi umani, mezzi sordi, serve a poco……..però non escluderei che un microfonino da 50 centesimi, montato sui telefonini sia in grado di percepire frequenze ben più alte o più basse………..nell’hifi, oltre al range audio, si interviene con opportuni filtri per tagliare le frequenze in eccesso perchè creano rumore di fondo che altera la limpidezza del suono…..nei telefonini è più il rumore di fondo che la limpidezza del suono…..quindi potrebbe essere vero che un telefonino riesca a “sentire” oltre l’audio.

        • Nicola

          Sono ovviamente infrasuoni, palese.
          https://it.wikipedia.org/wiki/Infrasuono

          • Tonguessy

            Come correttamente sottolineava ton1957 ci sono trappole elettroniche che servono a limitare o al meglio eliminare tutto ciò che è di disturbo per una conversazione, e gli infrasuoni fanno parte del pacchetto. In realtà per una conversazione non serve molta banda, siamo andati avanti un secolo a telefonarci col doppino che aveva (e ancora ha) una banda in frequenza molto limitata. Quindi è mia convinzione che nè ultrasuoni nè infrasuoni possano essere rilevati da un microfonino da pochi centesimi. Tipicamente gli electret lavorano bene tra 100 e 5000Hz, sopra e sotto il segnale decade e comunque sotto e sopra quei valori sono solo rumori che disturbano. Trovo impensabile che i progettisti di telefonini prevedano un inutile allargamento di banda attraverso un sofisticato hardware (o fosse anche software) che normalizza i livelli del segnale. A che pro? Ah, per favorire gli hacker russi?

          • Rixian Nunaki

            Sono 20khz …..a dire il vero -_-

    • Annibale Manstretta

      Agente 99

  • GioCo

    Forse sarebbe il caso di concentrarsi su questioni più interessanti, come la tecnologia blue beam che se fosse vera consentirebbe a hollywood e al comparto militare di trasferirsi direttamente nella realtà quotidiana con tutta la fantasia creativa hollywoodista (o realtà “alternativa”) rendendo impossibile capire cos’è reale e cosa no a chiunque sul pianeta, come se si trasformasse tutto in un gigantesco ponte ologrammi (qualcuno sostiene che è già così). Il fenomeno stesso diverrà “a piacere” quello dell’evidenza e i registi come i militari potranno crearlo a piacere dove occorre davanti al naso dell’obbiettivo. Parlare di “fabbricazione delle prove” diventerebbe così un eufemismo e in un mondo dove gli uomini sono addestrati alla mistica della magia … cioè alla fede -o desiderio compulsivo- dell’ultraterreno, tipo asini che volano (o unicorni), mi sembra già più importante di uno che ti spia il cellulare con comando vocale … Una tecnologia del virtuale simile, sarebbe persino sprecata per creare una nuova religione (http://www.anticorpi.info/2010/03/il-progetto-blue-beam.html ) come nella retorica complottista. Basterebbe semplicemente renderla pubblica … come la TV … e avrebbe un impatto sull’immaginario anche più devastante …
    Capire i limiti della tecnologia quindi, per depotenziarne un poco l’impatto pubblico -cioè discutere seriamente della faccenda- potrebbe essere più importante … contando che nulla esclude sia già in corso di sfruttamento …

  • Ronte

    Si rischia di essere noiosi, ma ogni tanto va ricordato che: “Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità, il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti” (A.Einstein).
    Aveva torto?

  • Axxe73

    Meno male che ho l’S5 e non ho il Q3…