Contact Tracing, il ministero si arrende: ricostruire tutte le catene è irrealizzabile

Affaritaliani.it

Il numero dei contagiati nell’ultima settimana di Coronavirus ha manadato in crisi il sistema del contact tracing. Con 47mila nuovi infetti, nell’ultima settimana, – si legge sul Messaggero – i servizi epidemiologici delle varie Regioni non riescono più a ricostruire tutte le catene del contagio. Anche considerando solo 3 contatti stretti, dovrebbero trovare e isolare almeno 150mila persone, impossibile.

“Si osserva – prosegue il Messaggero – un forte aumento nel numero di nuovi casi fuori dalle catene di trasmissione noti. Questa settimana le Regioni hanno riportato 9.291 casi dove non si è trovato il link epidemiologico (la settimana precedente erano stati 4.041)». Questo recita il report di ieri della Cabina di regia del Ministero della Salute e dell’Istituto superiore di sanità: testimonia che sono più che raddoppiati i positivi per i quali non si è capito come sia avvenuto il contagio, dunque non ha funzionato il tracciamento a ritroso. E questa statistica è riferita a una settimana fa, nei giorni successivi la situazione è peggiorata perché con l’esplosione di nuovi casi, fino agli 8.804 di ieri, il contact tracing è sempre più un inseguimento senza speranza.

Fonte: https://www.affaritaliani.it/coronavirus/coronavirus-troppi-positivi-da-tracciare-il-contact-tracing-non-ha-piu-senso-700260.html?ref=ig

Leggi anche:

Prof. Perronne (ex consulente Oms): “L’epidemia è molto meno grave adesso. I tamponi costano soldi e personale e non sono affidabili”

Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Cavanna: “Idrossiclorochina? Ho curato 300 persone, ma per Oms e Aifa è illegale”