Consulta: No a quesito su cannabis e responsabilità civile magistrati

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Dopo la bocciatura del quesito sull’eutanasia di ieri, oggi arrivano altri due no dalla Corte Costituzionale.

In conferenza stampa qualche ora fa Giuliano Amato, da poco diventato presidente della corte, ha dichiarato: “Il referendum non era sulla cannabis, ma sulle sostanze stupefacenti. Si faceva riferimento a sostanze che includono papavero, coca, le cosiddette droghe pesanti. E questo era sufficiente a farci violare obblighi internazionali”.

Bocciato anche il referendum sulla responsabilità civile diretta dei magistrati, mentre gli altri 4 quesiti in materia di giustizia – abrogazione delle disposizioni in materia di incandidabilità, limitazione delle misure cautelari, separazione delle funzioni dei magistrati e eliminazione delle liste di presentatori per l’elezione dei togati del CSM – sono stati ammessi.

Massimo A. Cascone, 16.02.2022

Fonte: https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2022/02/16/referendum-consulta-cannabis-giustizia_e99c2de2-cf85-4311-b59a-471476a8fca1.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x