Come è stata architettata la pandemia

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Dr. Joseph Mercola – 28 marzo 2022

 

Negli ultimi due anni, io e molti altri abbiamo raccontato in dettaglio i modi in cui le morti per Covid-19 sono state contate in eccesso per creare l’illusione che la pandemia sia molto peggiore di quanto non sia in realtà.

Ora, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e i singoli stati stanno facendo marcia indietro sulle loro statistiche di morte, dimostrando che abbiamo sempre avuto ragione. Le morti sono state inizialmente esagerate per scopi politici e ora vengono minimizzate per lo stesso motivo.

 

Il CDC elimina più di 72.000 morti per Covid

Come riportato da The Defender (1), il 14 marzo 2022, il CDC ha eliminato 72.277 “morti Covid” dal conteggio, compreso il 24% di quelle attribuite ai bambini e ragazzi sotto i 18 anni (2), (3). Essi sostengono che un “errore di logica di codifica”, un algoritmo difettoso, aveva “accidentalmente” contato le morti che non erano legate alla Covid. Come riportato da Udumbara (4):

“Alcune delle morti pediatriche attribuite alla Covid-19, secondo una ricerca del sistema Wonder del CDC, includono morti in cui l’annegamento o l’uso di droghe erano elencati come causa primaria di morte”.

Nel frattempo, il CDC ha usato le false statistiche di morte tra i bambini per spingere le vaccinazioni Covid per i bambini dai 5 ai 7 anni. Nel novembre 2021, la direttrice del CDC Rochelle Walensky ha citato quei dati per giustificare la raccomandazione a rilasciare l’autorizzazione all’uso d’emergenza del vaccino Pfizer per questa fascia d’età (5).

In qualche modo, dovremmo credere che il CDC abbia impiegato due anni per rendersi conto di questo errore. Non è semplicemente credibile, e The Epoch Times ha presentato una richiesta ai sensi del Freedom of Information Act per le comunicazioni interne relative alla modifica dei dati (6).

Ironicamente, la rettifica arriva sulla scia di articoli di fact-checking che “sfatano” le affermazioni che le morti Covid siano state contate in eccesso. Per esempio, all’inizio di marzo, Health Feedback ha affermato che non c’è “alcuna prova che le morti Covid siano state contate in eccesso” e che “l’evidenza suggerisce il contrario” (7). Eppure eccoci qui. Le morti sono state chiaramente contate in eccesso, non in difetto. Quel controllo non è andato bene.

 

Il CDC è stato trasformato in un’agenzia di propaganda

Secondo la dottoressa Meryl Nass, membro del comitato consultivo scientifico di Children’s Health Defense, il CDC sta selezionando i dati per giustificare le proprie politiche di salute pubblica e, quando viene scoperto, dà semplicemente la colpa ai suoi “sistemi informatici obsoleti”. In un articolo del 19 marzo 2022, ha scritto (8):

“Il CDC non è un’agenzia di salute pubblica. È un’agenzia di propaganda pubblica che raccoglie un’enorme quantità di dati. Il CDC raccoglie la sua enorme biblioteca di dati per creare presentazioni che sostengono le politiche di salute pubblica dell’attuale amministrazione …

Un rapporto di supervisione del Senato del 2007 sul CDC ha rilevato che l’agenzia ha speso 106 milioni di dollari per il Thomas R. Harkin Global Communications (and Visitor) Center, e ha riassunto il suo rapporto di 115 pagine come segue:

“Una verifica di come un’agenzia incaricata di combattere e prevenire le malattie ha speso centinaia di milioni di dollari di tasse per sforzi di prevenzione falliti, viaggi internazionali e strutture sontuose, senza poter dimostrare la sua capacità di controllare le malattie”.

 

I funzionari della sanità cessano di segnalare le morti per Covid-19

Curiosamente, tre mesi prima che il CDC iniziasse a cambiare le statistiche di mortalità, l’U.S. Health and Human Services ha smesso di raccogliere dati sui ricoveri e i decessi per Covid-19. Lo HHS ha annunciato (9) modifiche ai requisiti di segnalazione per gli ospedali e le strutture per pazienti affetti da patologie gravi il 6 gennaio 2022. Le nuove linee guida, entrate in vigore il 2 febbraio, riportano “il ritiro dei campi che non devono più essere segnalati”, che includono “i decessi Covid-19 del giorno precedente”.

Cosa stanno cercando di nascondere? Stanno fermando il flusso di dati per impedire l’esame e l’analisi? Secondo alcuni, i dati ospedalieri dell’HHS sono tra i migliori che abbiamo negli Stati Uniti, quindi terminare quella raccolta di dati non ha senso. Gennaio 2021, Alex C. Madrigal, co-fondatore del Covid Tracking Project, ha scritto (10):

“In una serie di analisi che abbiamo eseguito negli ultimi mesi, siamo giunti quasi alla conclusione opposta di altri media. I dati di ospedalizzazione provenienti da HHS sono ora i migliori e più dettagliati dati pubblici disponibili sulla pandemia”.

Un funzionario sanitario federale di cui non si sa il nome ha parlato con un reporter di WSWS (11) definendo “incomprensibile” la decisione di non segnalare più i decessi ospedalieri per Covid-19. Il funzionario ha aggiunto:

“È l’unica serie di dati coerenti, affidabili e utilizzabili a livello federale. Il 99% degli ospedali riporta il 100% dei dati ogni giorno. Non conosco scienziati che vogliano avere meno dati”.

 

Il cambiamento delle definizioni giustifica la narrativa Covid

Dall’inizio della pandemia, cambiare le definizioni ha consentito alle autorità di manipolare i dati come meglio ritenevano opportuno. Ora, gli stati stanno iniziando a cambiare il modo in cui definiscono una “morte Covid”, con conseguente diminuzione dei tassi di mortalità. In Massachusetts, per esempio, i decessi Covid sono diminuiti di 3.700 unità dopo che lo stato ha cambiato la definizione in modo da allinearla a quella del Council of State and Territorial Epidemiologists (12).

Come riportato da CBS Boston (13):

“Lo stato ha detto che attualmente la definizione di morte Covid include chiunque abbia la malattia elencata come causa di morte sul suo certificato di morte. Include anche chi ha avuto una diagnosi entro 60 giorni ma non l’ha elencata come causa nel suo certificato di morte. Con la nuova definizione, il lasso di tempo è cambiato a 30 giorni per le persone senza una diagnosi Covid sul proprio certificato di morte”.

Per la cronaca, contare qualcuno che è morto per qualsiasi causa come deceduto per Covid semplicemente perché è risultato positivo entro i 30 giorni precedenti la morte è ancora un modo grossolanamente inaccurato di determinare il vero numero di morti per questo virus, perché sappiamo che i test PCR hanno un tasso di falsi positivi di circa il 97% quando vengono eseguiti a 35 cicli o più (14), come era la norma fin dall’inizio.

 

I risultati dei test casalinghi non vengono segnalati

Anche i conteggi dei casi sono stati corretti al ribasso. A metà gennaio 2022, l’amministrazione Biden ha iniziato a distribuire ai cittadini americani mezzo miliardo di test Covid a domicilio (15), e i risultati di questi non sono stati riportati da nessuna parte (16). Di conseguenza, il conteggio dei casi sarà falsato per difetto. Secondo 13NewsNow (17):

“… l’imprecisione dei conteggi dei casi è il motivo per cui i funzionari sanitari tracciano diverse metriche Covid-19, come i ricoveri, i decessi e ora anche i campioni virali nelle acque reflue (18) – metriche che non si basano necessariamente sul fatto che la gente vada a fare il test o comunichi i risultati che ottiene a casa”.

Eppure l’HHS non richiede più agli ospedali di segnalare i decessi per Covid, che è una delle metriche su cui i funzionari sanitari si stanno presumibilmente concentrando anziché seguire i casi. Non fraintendetemi, i test PCR sono stati una truffa fin dall’inizio (grassetto del redattore) e non sto suggerendo di prestare molta attenzione a quei dati. Il punto qui è che il tracciamento dei dati Covid è stato fatalmente viziato fin dall’inizio.

Quello che stanno davvero cercando di fare è passare al monitoraggio passivo, iniziando con il campionamento delle acque reflue (19). Alla fine, l’obiettivo è quello di monitorare i processi biologici di ogni persona in tempo reale, e questo è parte integrante della quarta rivoluzione industriale transumanista e del Grande Reset.

 

Il CDC occulta i dati

Per rendere le cose ancora più oscure, il CDC sta anche nascondendo i dati sui ricoveri Covid e sui vaccini COVID. La giustificazione dichiarata per non rendere pubblici certi dati è che la gente sta “interpretando male” i dati. In altre parole, i dati mostrano che i vaccini Covid non funzionano (grassetto del redattore), e il CDC non vuole che questo venga diffuso.

“Il CDC ha raccolto dati sull’efficacia dei richiami Covid-19, ma per qualche motivo non ha incluso i dati per i giovani dai 18 ai 49 anni in nessuna delle sue pubblicazioni. ‘Per coincidenza’, questo è anche il gruppo che ha meno probabilità di beneficiare dei richiami. Come riportato dal New York Times (20) il CDC ha nascosto al pubblico i dati sulla Covid-19 secondo l’età, la razza e lo stato di vaccinazione, anche se li ha raccolti per più di un anno.”

Ha anche raccolto dati sull’efficacia dei richiami Covid-19, ma per qualche motivo non ha incluso i dati per i giovani dai 18 ai 49 anni in nessuna delle sue pubblicazioni. “Per coincidenza”, questo è “il gruppo che ha meno probabilità di trarre beneficio dalle vaccinazioni extra“, ha sottolineato il Times, aggiungendo (21):

“Molte delle informazioni nascoste potrebbero aiutare i funzionari sanitari statali e locali a indirizzare meglio i loro sforzi per tenere sotto controllo il virus. Dati dettagliati e tempestivi sui ricoveri per età e razza aiuterebbero i funzionari sanitari a identificare e aiutare le popolazioni a più alto rischio. Le informazioni sui ricoveri e i decessi per età e stato di vaccinazione avrebbero aiutato a capire se gli adulti sani avevano bisogno di richiami”.

 

La Covid ha servito un’agenda puramente politica

Negli ultimi due anni, la pandemia è stata usata per introdurre una serie di cambiamenti radicali che non sarebbero mai stati accettati se non fosse stato per il panico diffuso. È stato usato per attuare regole di voto illegittime, che sembrano aver avuto un impatto sulle elezioni del 2020.

È stato usato per annunciare l’urgente necessità di un “Grande Reset” e di una quarta rivoluzione industriale. È stato usato per spogliare le persone dei diritti umani fondamentali, e per giustificare politiche ambientali radicali che porteranno a standard di vita più bassi.

È stato anche usato per far passare bruscamente l’industria dei vaccini dalla produzione convenzionale di vaccini utilizzando uova all’uso della rischiosa tecnologia di trasferimento genico. L’unica cosa per cui la pandemia non è stata usata è per fare raccomandazioni che effettivamente migliorino la salute pubblica. E per tutto il tempo, i dati sono stati maneggiati e manipolati per giustificare l’ingiustificabile.

Ora, sembra che i dati siano stati manipolati ancora una volta – questa volta per porre artificialmente fine alla crisi Covid in modo che l’amministrazione Biden possa prenderne il merito durante le prossime elezioni. Come dichiarato in una lettera di Impact Research del 24 febbraio 2022, intitolata “Taking the Win Over Covid-19” (22), (23):

“È tempo per i democratici di prendersi il merito di aver posto fine alla fase di crisi della guerra alla COVID, di puntare a importanti vittorie come la distribuzione dei vaccini e la stabilità economica per gli americani, e di entrare pienamente nella fase di ricostruzione che viene dopo qualsiasi guerra. Di seguito esponiamo alcuni pensieri strategici per i democratici che si posizionano sulla Covid-19 …”

Il posizionamento strategico include dichiarare che la fase di crisi è finita; spingere per “sentirsi e comportarsi in modo più normale”; e prendere le parti di coloro che sono stanchi della Covid e non vogliono più sentirne parlare. Non fissando uno standard di zero Covid come “condizione di vittoria”, e di “smettere di parlare di restrizioni e dell’ignoto futuro che ci aspetta”.

“Se i democratici continuano a mantenere una posizione che dà la priorità alle precauzioni COVID piuttosto che imparare a vivere in un mondo in cui la COVID esiste, ma non domina, rischiano di pagarla cara a novembre”, afferma la lettera (24).

Il dottor Anthony Fauci forse non ha ricevuto questo promemoria, dato che è là fuori a segnalare che possiamo aspettarci un ritorno alle restrizioni Covid in qualsiasi momento. In un’intervista alla CNN di metà marzo, ha dichiarato che “dobbiamo essere flessibili” e “se vediamo una recrudescenza, dobbiamo essere in grado di intervenire e tornare a qualsiasi grado di mitigazione che sia commisurato alla situazione. Non possiamo semplicemente dire “È finita, ora andiamo avanti“.

Sulla base di ciò che abbiamo visto finora, non sarei sorpreso se questa “virata” di nuovo in modalità di crisi Covid dovesse avvenire proprio prima delle elezioni di mezzo termine.

 

Fonte: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2022/03/28/how-the-pandemic-was-fabricated.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1ReadMore&cid=20220328_HL2&mid=DM1141920&rid=1446190368

 

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
17 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
17
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x