Home / Opinione / Ammazzando loro, ammazziamo noi stessi!

Ammazzando loro, ammazziamo noi stessi!

DI ROBERT GORE

StraightLineLogic.com

“Vivere e lasciar vivere” è, nella mitologia americana, un atteggiamento benevolo e quasi esclusivamente americano. Abbiamo distrutto il Giappone e la Germania durante la seconda guerra mondiale e poi li abbiamo aiutati a ricostruire. Vivere e lasciar vivere va bene per i vivi, per i vincitori. Tuttavia, spesso non è altro che un balsamo per  le coscienze inquiete, uno straccio per  ripulire le mani sporche di sangue. Un secolo e mezzo dopo, molti uomini del Sud ancora non si riconoscono in questo atteggiamento tanto americano e “unico” che dovrebbero aver imparato dai loro conquistatori della guerra di aggressione fatta dal Nord.

La guerra al terrorismo ha sparso merda su gran parte del Medio Oriente e dell’Africa settentrionale. Città, paesi e villaggi sono stati ridotti in fumo, a macerie bombardate, dove regna il caos e  le stragi sono dietro ogni angolo. Nell’esercito USA si continuano a contare morti e feriti a  migliaia. Le vittime civili – o meglio, i danni collaterali come li chiamano i militari – nel Caostan (come lo ha definito Richard Maybury) sono milioni, così come il numero degli sfollati  (circa 11 milioni solo in Siria). Immaginate la rabbia degli americani e il sensazionalismo dei media se fosse stata bombardata a tappeto – da una potenza straniera – una piccola città americana .

I server di YouTube fumerebbero per le troppe visite di chi vuole sapere tutto e guardare i video di quei genitori che cercano i loro bambini morti sotto le case crollate per i bombardamenti.

La guerra sui flussi di rifugiati che scappano dal terrore minaccia le regole dell’ordine civile e sommerge le culture dei paesi che li ricevono. È un atto vizioso di corruzione intellettuale quello che dice che la guerra al terrore non crea terroristi, che chi viene ucciso, ferito o che scappa da una casa diroccata, non lascia amici o familiari che vorranno pensare a quale reazione sarà considerata una  giusta vendetta. Il terrorismo che vediamo ora è come lava che cola giù da un vulcano di odio che,  dopo aver covato per secoli, è esploso e continuerà ad esplodere ancora. Non ci sarà più nessun “vivi e lascia vivere”. Il sangue chiama sangue, non banalità.

Macbeth è uno studio del dramma psicologico di due assassini. Avevano già dato dimostrazione di  coraggio, ma non riuscivano a diventare degli assassini senza coscienza. Nel gergo mafioso, gli uomini che “spingono un tasto” sono quelli che sparano. Figurativamente “spingono un tasto” ma, letteralmente, uccidono.  Con il governo degli Stati Uniti, significato figurativo e letterale si sono fusi. Qualcuno spinge il tasto di un drone, di un missile o del telecomando di una bomba e l’omicidio è fatto:  tutto per rendere la guerra americana never-ending . È un omicidio dissociato, da lontano, a freddo.   Solo che né gli assassini, né la gente a cui si cerca di nascondere la brutale realtà, riusciranno a sfuggire alle turbolenze psicologiche e ai rimorsi del Thane di Cawdor e della sua Signora.

Durante l’intero mandato del Presidente Obama e per la maggior parte di quello del Presidente Bush, gli Stati Uniti hanno combattuto in una o più guerre e ci sono buone probabilità di credere che non ci sarà pace nemmeno durante il mandato di Trump. Che cosa succede a un governo e alla sua popolazione, quando un danno collaterale e una assoluta insensibilità per milioni di morti ancora sanguinanti, per feriti e per vittime non si prova nessun rimorso e nemmeno un rimpianto ma, solo occasionalmente, delle  scuse a mezza bocca tanto per soddisfare le esigenze della diplomazia e delle relazioni pubbliche?

Come fa il male ad essere tanto banalizzato? Ci vuole pratica, pratica e ancora pratica. Ammazzare diventa routine, cosa che fa il governo. Come tanti regimi sanguinari e tirannici, il governo degli Stati Uniti ha fatto tanta pratica e si è riscaldato con gli stranieri. Attenzione però, perché i burocrati e i politici che ora spingono il tasto  Kill the Enemy, sono gli stessi che spingeranno anche il tasto Domestic Surveillance. E non esiteranno nemmeno a spingere i tasti Nemico di Stato, Detenzione di MassaCampi di Concentramento e  Esecuzione  per gli avversari dello stato, quando i tempi saranno maturi. Un governo bacato, come la frutta bacata, diventa sempre più marcio, fino a quando, finalmente, finisce nella spazzatura.

Per quanto ci provi, il governo non può riuscire a proteggere del tutto i suoi componenti da quello che trapela e dalle conseguenze dei suoi metodi assassini. Dopo aver imparato la lezione in Vietnam, ora, riesce a gestire bene i suoi cari cagnolini dei media per nascondere buona parte dei suoi assassini, ma Internet non si è dimostrato completamente controllabile. E anche se sono molti quelli che non vedono il nesso con gli assassini-istituzionalizzati, ci si deve render conto che proprio questi sono responsabili di buona parte del debito da 20 trilioni di dollari e dei 200 trilioni di dollari di promesse che non sono mai state finanziate, così come la loro relazione intima con la corruzione, tutti macigni che l’economia si deve portare sulla spalle,  almeno fino al suo collasso finale.

Qualsiasi americano che va all’estero riesce a comprendere che per gli stranieri il governo americano è l’istituzione più odiata del pianeta. Un sentimento che, sempre più, si volge anche contro quella stessa popolazione degli Stati Uniti che, in generale, ha tollerato queste megalomanie omicide per così tanto tempo. Così, eccetto che i suoi compagni di viaggio dei governi  alleati nello stesso fronte multilaterale del governo mondiale, delle inutili ONG, delle università, delle multinazionali e dei media, il popolo e le popolazioni del mondo non piangerebbero certo se una cittadinanza infuriata rovesciasse  il governo americano.

Ma questo non succederà certo a tempi brevi.

I carnefici hanno una “vita breve”. Si stancano del loro lavoro. L’anima comincia a far male. Dopo dieci, venti, cento ammazzamenti, l’essere umano, per quanto possa essere sub-umano, acquista, forse per un processo di osmosi con la morte stessa, un germe della morte che entra nel suo corpo e se lo mangia dal di dentro, come un cancro. E allora diventa malinconico, comincia a bere e una terribile apatia traspare dai suoi occhi, si  muove a rilento e non riesce più a concentrarsi. Quando il suo mandante vede questi segnali, non c’è altra alternativa che far uccidere il carnefice e trovarne un altro.

Dalla Russia Con Amore –  Ian Fleming

Ammazzando loro, ammazziamo noi stessi. Non c’è una frase più adatta per rendere meglio la “Terribile Apatia” che caratterizza la popolazione americana.  Il governo degli Stati Uniti uccide a nome della sua popolazione che accetta le razionalizzazioni, il panem et circenses, che abbassa gli occhi e che cerca l’oblio nella tecnologia e nei farmaci. Malgrado tutti questi dubbi, la conoscenza delle cose penetra, goccia a goccia, come l’acqua che, quando piove per tanto tempo, entra dappertutto, lentamente. Il governo ha tanti tasti e, quando serve, li usa per controllare quei pochi che protestano e che fanno resistenza, ma anche i regimi più oppressivi non possono resistere per sempre contro il popolo, quando è tutto il popolo.

Red, white, and blue are no more; it’s bureaucratic gray and charnel-rubble carmine. Americans grow “tired of the work” and soul sickness spreads. Birnam Wood advances and the empire crumbles. A somnambulant Lady can’t wash away the blood; her Thane can’t sleep.

Rosso, bianco e blu non ci sono più; È tutto grigio come la burocrazia e vermiglio come i morti ammazzati. Gli americani sono “stanchi di questo lavoro” e si stanno ammalando nell’anima. Birnam Wood viene avanti e l’impero vacilla. Una Somnambula non può togliere la macchia di sangue, la Sua Thane non può dormire.

L’America non può lavarsene le mani … né conoscere un sonno innocente.

 

Robert Gore

Fonte: https://straightlinelogic.com

Link : https://straightlinelogic.com/2017/07/30/killing-them-is-killing-us-by-robert-gore/

20.07.2017

 

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • disqus_iUEFcL1eJR

    “Ammazando loro, ammazziamo noi stessi.” (manca una “Z” non per errore mio)

    Non capisco bene chi sarebbero questi “loro”…forse si intendeva dire: “ammazzando gli altri ammazziamo noi stessi”?

    Poi chi sarebbe il “mandante” che uccide (o fa uccidere) l’assassino seriale (gli Usa)?

    A parte questo ho apprezzato l’articolo soprattutto quando si legge: “Qualsiasi americano che va all’estero riesce a comprendere che per gli stranieri il governo americano è l’istituzione più odiata del pianeta. Un sentimento che, sempre più, si volge anche contro quella stessa popolazione degli Stati Uniti che, in generale, ha tollerato queste megalomanie omicide per così tanto tempo. “

    • lupodeicieli

      Anni fa su luogocomune ricordo che c’era una sezione , sul lato sinistro , il cui titolo suona come “l’altra America ” : erano in guerra , come sempre , con mezzo mondo ma lì si spiegava come l’America non fosse quella che si vede nei film o che esporta la democrazia. Ma se loro non trovavano il Kuwait nella cartina geografica del loro paese non è colpa mia . Però i paesi stranieri hanno a che fare con il governo americano e non con l’agricoltore dello Iowa o il surfista californiano.

  • gix

    Mi sono sempre chiesto come fosse possibile che, alla fin della 2° guerra mondiale, nonostante con i bombardamenti ed altro avessero ammazzato migliaia di italiani, probabilmente almeno altrettanti di quanti ne avessero ammazzati i tedeschi, gli americani (meno gli inglesi) godessero da noi di discreta simpatia. Forse era dovuto al carattere del soldato medio, sicuramente più umano dei suoi capi e anche dei suoi stessi colleghi di oggi. Da allora l’america ha buttato nel cesso questo capitale, immeritato, di presunta simpatia e di umanità. E’ impressionante la politica di generazione delle inimicizie che l’america è riuscita crearsi nel mondo, ben descritta nell’articolo. Forse vi sono due spiegazioni possibili. La prima è di tipo materialista, diciamo di natura economico-industriale-politica: l’intero immenso apparato militare-industriale-burocratico ha evidentemente continuo bisogno di nemici, veri e soprattutto presunti, per giustificare la propria esistenza. La seconda spiegazione è di natura più spirituale, con risvolti sociali: non essendo un popolo con una identità storica precisa e sviluppatasi nei secoli, per mantenere in piedi una parvenza i compattezza e di spirito nazionalista, deve evidentemente essere tenuto continuamente sotto tensione con la paura e con lo spauracchio di nemici che possono provenire da qualsiasi parte (persino dall’interno stesso della nazione). Non si riesce a capire altrimenti, dal punto di vista razionale, il senso di certe assurde politiche che lo stato americano porta avanti all’esterno; questo dal punto di vista razionale, perché da quello irrazionale, esoterico, alieno e quant’altro si voglia dire, tutto è possibile.

    • Annibale Manstretta

      Molto semplice: gli angloamericani avevano vinto, i tedeschi avevano perso. Vae victis: solo questo conta per l’italiota medio.

      • gix

        Certo è vero, ma non dimenticare che gli italiani erano reduci da 20 anni di dittatura anti americana, anche se evidentemente i tedeschi non ci sono mai stati veramente simpatici…Forse è la prova che, nonostante tutte le propagande, certe cose se non vanno non vanno comunque, e non c’è niente da fare. E’ anche vero che oggi i metodi sono cambiati e sono molto più sofisticati.

    • Forse la risposta è banale: cioccolato e sigarette. Due droghe a basso costo alle quali piu tardi si aggiungerà il caffè. Ovviamente anche distribuire da mangiare ha creato la base per farsi ben vedere e volere

    • Primadellesabbie

      Cercherò di darti la spiegazione che é stata data a me, che ho abbastanza anni da ricordarli, prima che si incistassero nelle attuali, note basi.

      L’esercito tedesco era la tradizione militare prussiana, marciava in colonna con scarponi chiodati, disciplina da vendere, esercito da una parte e popolazione civile ammutolita ed intimidita dall’altra.

      Gli americani sono comparsi sorridenti e sbracati sui loro mezzi, fumando e lanciando pacchetti di sigarette, caramelle e gomma da masticare, calzavano scarpe gommate e silenziose, si mostravano amichevoli appena possibile e generosi (la gente aveva fame, ed era stanca di sacrifici di ogni genere e di retorica), specie con il gentil sesso ma anche con i monelli e con gli intraprendenti curiosi.

      Con loro si materializzava l’idea di poter “voltare pagina” dopo un periodo disgraziato.

      Gli inglesi erano più “riservati” e gettavano ostentatamente nella spazzatura il cibo che avanzava loro anziché darlo ai ragazzini affamati onnipresenti (che me lo hanno raccontato).

      Devi pensare che la maggior parte del territorio non era stato interessato da combattimenti o bombardamenti che determinano risentimento a prescindere, e quindi l’aspetto ed il comportamento sono determinanti.

      Aggiungo, da parte mia, che il mondo e gli americani non erano quelli di adesso.

      • DesEsseintes

        Portavano degli scarponi con il tacco rinforzato in ferro in modo da fare un rumore infernale quando camminavano insieme.
        Mi hanno detto che incuteva vero terrore.
        Avevano lo stesso tipo di atteggiamento teutonico anche nelle loro colonie e faticavano a capire che degli approcci più amichevoli sarebbero stati migliori sia per loro che per gli autoctoni.

  • ton1957

    L’analisi è ottima ma è parziale…………se l’omicidio è compiuto per volontà o presunta volontà di un DIO tutto ciò che è in articolo decade……idem se è compiuto da un popolo eletto o da un soggetto che ritiene di essere un prescelto del signore, a cui comunque saranno aperte le porte del cielo a prescindere al suo comportamento terreno….per lui l’omicidio sarà solo volontà del suo signore alla quale non deve opporsi.
    Questo è il problema americano…..hanno un DIO (soldi) ed una religione protestante/purista/calvinista…….i cui seguaci sono convinti di essere soggetti eletti, e meritevoli di paradiso, a prescindere dal loro comportamento sulla terra……………..naturalmente non tutti gli americani sono così….ma la classe dirigente si.

  • alessandro pironti

    i Responsabili sono sempre i vertici.. e dire che come numero siano meno dello o,ooo1 % ? poi si aggregano quelli subordinati.. i popoli in generale non hanno grandi colpe !! poi ovviamente diventano anche complici, ma il ricatto economico o penale( la propaganda ) è forte li porta nel vortice !!

  • clausneghe

    Giusto oggi il grosso cattivone Kim Kong ha testato con successo una bomba all’idrogeno 5 volte più potente di quella che distrusse Hiroscjma, scatenando un locale terremoto di forza 6.3.
    Vediamo se gli stanchi killer Usa riusciranno a farlo fuori, lui e la sua gente, senza rischio.
    O se invece finalmente il grosso Kim, come un cigno nero vendicativo ce li toglierà dai cujjoni per sempre, magari.
    Forza Kim!