2020: l’anno in cui abbiamo rinunciato alle nostre libertà in cambio di una tirannia sanitaria

Rob Slane
theblogmire.com

Questo è il terzo dei cinque articoli di fine anno che passano in rassegna i vari aspetti del nostro nuovo Stato covidiano 2020. Questi articoli saranno pubblicati anche sul sito web The Conservative Woman dal 27 al 31 dicembre.

Quest’anno ha visto la nascita di quella che sembrerebbe essere una nuova religione. Potremmo chiamarla Covidianesimo. Ha i suoi Profeti (es. Neil Ferguson), il suo Sacerdozio degli esperti (es. Whitty e Vallance), la sua Soteriologia (es. il vaccino salvifico), i suoi Evangelisti (es. Piers Morgan), la sua Escatologia (es. La Nuova Normalità) e, naturalmente, i suoi eretici (chiunque metta in discussione i dati o la narrativa).

Non tutti quelli che hanno adottato le bizzarre pratiche del Covidianesimo sono Covidiani. Molti sono stati in qualche modo cooptati di malavoglia; molti sono stati attirati con l’inganno, magari inconsapevolmente e molti altri non sembrano aver riflettuto su ciò che viene loro fatto, tanto meno se è giusto, necessario o logico. Ma ci sono sicuramente dei veri Covidiani e li si può riconoscere dal loro insistere sul fatto che tutti dovrebbero inchinarsi davanti al culto e che quelli che si rifiutano di farlo andrebbero esposti al pubblico ludibrio.

In un certo senso, questa religione ci è venuta addosso a velocità folle. Eravamo tutti lì, all’inizio dell’anno, a farci gli affari nostri, senza sospettare che nel 2020 sarebbe successo qualcosa di particolarmente fuori dall’ordinario e, all’improvviso, bam! Si potrebbe anche dire che molti degli ingredienti erano presenti già prima di quest’anno e che sono stati semplicemente mescolati in un grande crogiolo per produrre un infuso tossico di paura, isteria e irrazionalità di proporzioni davvero epiche.

Questi ingredienti includono: una società che ha abbandonato la fede in un Dio Uno e Trino e non è riuscita a trovare un sostituto che ne riempisse il vuoto; una società ossessionata dalla cultura della sicurezza e dalla totale sterilizzazione della vita; una società incollata alla scatola della propaganda nell’angolo del salotto, con milioni di persone che trangugiano senza fiatare tutto quello che ne fuoriesce, quasi fosse un vero e proprio oracolo divino; una società che ha completamente dimenticato il significato della libertà.

Tutto questo ha portato ad una società alla perenne ricerca di un arche (primo principio) omnicomprensivo; una società che cerca di evitare la morte eliminando ogni rischio potenziale; una società che acriticamente aspetta che il governo, i media e gli esperti si riuniscano e dicano come ci si deve comportare; una società che si è dimostrata disposta a rinunciare alle libertà conquistate secoli fa con il sangue, il sudore e le lacrime. Insomma, siamo arrivati all’oligarchia pianificata e tecnocratica di cui C. S. Lewis ci aveva messo in guardia più di mezzo secolo fa:

“La nuova oligarchia deve sempre più basare il suo desiderio di pianificare le nostre esistenze sulla sua pretesa di conoscenza. Se vogliamo essere accuditi da una madre, la madre deve essere quella che ne sa di più. Questo significa che devono sempre più affidarsi ai consigli degli scienziati, finché, alla fine, i politici saranno solo i burattini degli scienziati. La tecnocrazia è la forma a cui deve per forza tendere una società pianificata.”

E poi c’era stato Dwight Eisenhower, che nel suo discorso di fine mandato del 1961, aveva detto più o meno la stessa cosa:

“Tuttavia, nel rispetto della ricerca e della scoperta scientifica, come dovrebbe essere, bisogna anche essere attenti al pericolo, uguale ed opposto, che la politica pubblica possa diventare essa stessa prigioniera di un’élite scientifico-tecnologica.”

Vi suona familiare?

L’ironia di quanto è successo quest’anno è che, nel nostro apparente tentativo di eliminare il rischio, abbiamo rinunciato alla vita. Abbiamo posto il concetto di sicurezza così in alto nella lista delle priorità che è diventato un dio, un dio che governa il nostro modo di vivere, di respirare e di essere noi stessi; che domina in modo così ossessivo la nostra esistenza quotidiana da rendere impossibile una vita normale, portandosi via gioia, significato e scopo. È, come diceva Lewis, un modo tragico di vivere:

“Ora mi interessa molto di più come vive l’umanità piuttosto che per quanto tempo. Il progresso, per me, significa incrementare la bontà e la felicità di ogni singola vita. Per la specie, come per ogni uomo, la mera longevità a me sembra un ideale spregevole.”

Si può capire come, con una pestilenza in corso, la gente accetterebbe, per un certo periodo di tempo, la sospensione della vita normale, dato che non si scherza con una malattia che potrebbe spazzar via qualcosa come il 60% della popolazione. Ma per un coronavirus con un tasso di mortalità infettiva di circa lo 0,2% – 0,26%? Per un virus che ha causato morti – in proporzione alla popolazione – per tornare a livelli mai visti da … ooh … quei giorni bui del 2000:

E sì, so che i logici del Covidianesimo sosterranno che i decessi non sono stati di più perché abbiamo fatto tutte quelle cose strane, come bloccare il Paese, indossare una pittoresca attrezzatura per il viso, fare in modo di non cantare ad alta voce e così via. D’altra parte, la logica covidiana sostiene molte cose non vere, ma il fatto è che non c’è alcuna prova che dimostri che queste misure abbiano, in qualche modo, portato ad una modifica dei tassi di mortalità.

Per l’illusione della sicurezza – un piatto di lenticchie – abbiamo svenduto le testimonianze e le libertà che ci erano state lasciate in eredità da coloro che ci hanno preceduto e che era nostro dovere preservare per coloro che verranno. Come ci ha insegnato Edmund Burke:

“La società è, a tutti gli effetti, un contratto… È una collaborazione in tutta la scienza, una collaborazione in tutta l’arte, una collaborazione in ogni virtù e in ogni perfezione. Poiché i fini di una tale collaborazione non possono essere ottenuti [che] in molte generazioni, essa diventa una collaborazione non solo tra coloro che sono vivi, ma tra coloro che sono vivi, coloro che sono già morti e coloro che devono ancora nascere.”

Abbiamo tradito i nostri antenati e i nostri discendenti, e l’idea che ci riprenderemo queste libertà è un triste fraintendimento di come funziona il mondo. In primo luogo, essendo la natura umana ciò che è, coloro che sono al potere e che hanno iniziato ad apprezzare l’autoritarismo, di solito non amano rinunciarvi. E, in secondo luogo, le libertà richiedono secoli di duro lavoro per crescere ma possono essere abbattute in brevissimo tempo, com’è successo a noi nel 2020. Purtroppo non esiste una formula magica per reintegrarle rapidamente.

Detto questo, forse c’è ancora tempo. Forse abbiamo ancora l’opportunità per fare un passo indietro dall’orlo dell’abisso di questa assurda tirannia medica, con le sue false promesse di sicurezza, e per riabbracciare vita e libertà. Ma questo significherebbe rifiutare senza ulteriori indugi questa schifezza del Covidianesimo e farsi una bella sorsata di ciò che si beveva a Rohan:

Eowyn: Non temo né morte né dolore.
Aragorn: Cosa temete, mia signora?
Eowyn: Una gabbia. Di restare dietro le sbarre finché abitudine e vecchiaia non le accettino e ogni possibilità di valore sia passata oltre il ricordo o il desiderio.

Rob Slane

Fonte: theblogmire.com

Link: http://www.theblogmire.com/2020-the-year-we-sold-our-liberties-for-a-medical-tyranny/
19.12.2020
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

0 0 voti
Article Rating
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Annibal61
Annibal61
31 Dicembre 2020 , 10:04 10:04

E’ da aprile che non ascolto più alcun telegiornale e non vedo show politici…si sta benissimo…e si capisce molto di più come girano le cose.

maxjuve
maxjuve
31 Dicembre 2020 , 10:30 10:30

Loro, l’élite pedosatanista, pensano di aver programmato tutto nei minimi dettagli ma a volte un piccolo granello di sabbia nel meccanismo può inceppare il processo; neanche loro sono divinità onniscienti, sono solo mortali fallibili come noi solo con enormi mezzi a disposizione e consapevolezza maggiore ma sono anche stupidi sotto un certo punto di vista; ecco, è questo che mi consola.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
31 Dicembre 2020 , 13:16 13:16

La vera morte e il vero dolore fanno un po’ girare le scatole..e se fossero davvero reali si potrebbero anche accettare le misure liberticide..nel senso che sarebbero comprensibili anche se inaccettabili..
Ma il fatto è che qui siamo di fronte a una grande resa per i fondelli..e ciò rende le misure più dolorose..perché pensavamo che almeno un certo istinto di naturale comprensione..per quanto basso..fosse almeno sufficiente a salvaguardare la nuda libertà di uscire per respirare aria pura..a proprio piacimento..ma anche questo è negato..
Se domani dicessero di chiuderci completamente.. e sopravvivere con le razioni dell’esercito ..verrebbe sicuramente accettato senza fiatare..
Siamo in un mondo di pazzi..e ne dobbiamo dolorosamente prendere atto..
La ferita non potrà mai rimarginarsi..perché ormai sappiamo che siamo governati da pazzi o criminali..e l’unica soluzione..almeno per ora..è cercare di sfuggirne..
Siamo i fuggiaschi. e in qualche modo è necessario muovere le chiappe..altrimenti ci prendono..

Primadellesabbie
Primadellesabbie
31 Dicembre 2020 , 13:24 13:24

Il grafico, qui sopra, che riporta i decessi in UK dal 1959 descrive una curva discendente dagli anni ’80 al 2011 che permette di stimare l’effetto della dismissione delle power station, le colossali centrali a carbone (il famoso ‘fumo di Londra’, che non era solo un colore) che ancora negli anni ’60, nonostante l’alta incidenza sulla salute fosse stata ampiamente dimostrata, il Parlamento dichiarò indispensabili, e della de-industrializzazione orchestrata dalla droghiera.

PS – Ieri sera il Parlamento inglese ha approvato i recenti accordi con l’UE per il Brexit con 521 voti a favore e 73 contrari (BBC, inglese):
https://www.bbc.co.uk/news/uk-politics-55493437

Elric
Elric
31 Dicembre 2020 , 17:39 17:39

Caro amico, ti scrivo, così mi distraggo un po’
E siccome sei molto lontano, più forte ti scriverò
Da quando sei partito c’è una grande novità
L’anno vecchio è finito, ormai
Ma qualcosa ancora qui non va
Si esce poco la sera, compreso quando è festa
E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
E si sta senza parlare per intere settimane

Alla faccia della profezia…