VERTICE DEI BRICS, XI E PUTIN CONTRO L’OCCIDENTE

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Ugo Elfer, opinione.it

 

Xi Jinping e Vladimir Putin attaccano l’Occidente al summit dei Brics.

Il vertice (ospitato in modalità virtuale da Pechino) riunisce le economie emergenti di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica.

L’occasione del confronto “suggerisce” alla stampa cinese di rilanciare l’idea di un ordine monetario mondiale che applichi sistemi di pagamenti alternativi al Swift: acronimo di Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, una società cooperativa con sede a Bruxelles fondata negli anni Settanta del secolo scorso, con l’obiettivo di creare un servizio di messaggistica finanziaria globale basato su un linguaggio comune internazionale.

In pratica, rappresenta il sistema di alta sicurezza che consente le transazioni finanziarie e sostiene l’economia mondiale.

È il “club” da cui sono state espulse una serie di banche della Russia putiniana dopo l’invasione dell’Ucraina.

Nel contro-G7 dei Brics, il presidente cinese condanna le sanzioni alla Russia e invoca un mondo non più dominato dal dollaro.

Xi sostiene che

in una fase critica come quella attuale, i Brics dimostrano resilienza e vitalità e ottengono risultati positivi

Xi lancia un messaggio indiretto agli Stati Uniti.

I Brics devono abbandonare la mentalità da Guerra fredda e di confronto tra gruppi, opporsi alle sanzioni unilaterali e all’abuso delle sanzioni per superare l’egemonia e le piccole cerchie

Per Xi

i Brics devono prevenire rischi e sfide dello sviluppo globale

Il vertice, che riporta Putin a dialogare con leader internazionali dopo l’invasione di Kiev, è utile per rinsaldare la partnership “senza limiti” tra Russia e Cina.

Dal canto suo, il capo del Cremlino accusa quei Paesi che, con l’aiuto di meccanismi finanziari

diffondono i loro errori di macroeconomia al mondo

 

Per Putin è arrivato il tempo

per costruire un mondo multipolare

Xi cita espressamente la crisi pandemica e quella bellica. Così, le due crisi “si intrecciano e si sovrappongono”, provocando “disordini” alle catene industriali e di approvvigionamento globali, di cui risentono, in primo luogo, proprio le economie dei Paesi in via di sviluppo.

Secondo Putin, “uscire dall’attuale situazione è possibile solo sulla base di una cooperazione onesta e reciprocamente vantaggiosa”.

Pechino, che da sola conta per il 70 per cento della potenza economica dei Brics, critica l’Alleanza Atlantica per il tentativo di espandersi nell’Asia-Pacifico, e vede nel Quad (il gruppo formato da Stati Uniti, Giappone, India e Australia), uno strumento per cercare di contenere l’espansione a livello regionale della Cina.

 

Di Ugo Elfer, opinione.it

24.06.2022

link: https://www.opinione.it/esteri/2022/06/24/ugo-elfer_brics-cina-russia-xi-jinping-vladimir-putin/#

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
27 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
27
0
È il momento di condividere le tue opinionix