Vaccinazione antinfluenzale e tassi di mortalità COVID più alti

 

Dr. Joseph Mercola – 26 aprile 2021

La storia in sintesi

  • I vaccini possono in alcuni casi scatenare malattie più gravi se esposti a un virus non correlato, attraverso un processo noto come interferenza virale.
  • L’interferenza virale è risultata in gioco durante l’influenza suina pandemica del 2009. Il vaccino contro l’influenza stagionale ha aumentato il rischio per le persone di ammalarsi di influenza suina H1N1 pandemica e ha provocato episodi di malattia più gravi.
  • I ricercatori hanno anche scoperto che i militari vaccinati contro l’influenza erano più inclini all’infezione da coronavirus non specificato rispetto ai colleghi non vaccinati.
  • Un’analisi dei dati di ottobre 2020 ha riscontrato un’associazione positiva tra i decessi per COVID-19 e i tassi di vaccinazione contro l’influenza negli anziani di tutto il mondo. Le aree con i più alti tassi di vaccinazione avevano anche i più alti tassi di mortalità per COVID-19.
  • Le possibili spiegazioni includono una ridotta immunità al SARS-CoV-2 per qualche meccanismo biologico sconosciuto e un’interferenza virale che causa una ridotta immunità aspecifica.

Una domanda che è rimasta in sospeso dopo la campagna di vaccinazione di massa del 2009 contro l’influenza suina pandemica H1N1 è se la vaccinazione contro l’influenza stagionale possa peggiorare o rendere più diffuse le infezioni pandemiche.1

All’inizio della pandemia COVID-19, il Dr. Michael Murray, naturopata e autore, ha confermato ciò che Judy Mikovits, Ph.D., mi ha detto nella sua seconda intervista, cioè che le vaccinazioni contro l’influenza stagionale possono aver contribuito alla mortalità drammaticamente elevata per COVID-19 registrata in Italia. In un post sul blog, ha sottolineato che l’Italia ha introdotto un nuovo tipo di vaccino antinfluenzale più potente, chiamato VIQCC, nel settembre 2019:2

“La maggior parte dei vaccini antinfluenzali disponibili sono prodotti in embrioni di uova di gallina. VIQCC, tuttavia, viene prodotto da cellule animali coltivate invece che da uova e quindi dà una maggiore ‘spinta’ al sistema immunitario.

VIQCC contiene anche quattro tipi di virus – 2 di tipo A (H1N1 e H3N2) e 2 di tipo B.3 Sembra che questo “super” vaccino abbia avuto un impatto sul sistema immunitario tale da aumentare l’infezione da coronavirus attraverso l’interferenza virale …”

Vaccini e interferenza virale

È stato dimostrato che il tipo di interferenza virale a cui si riferiva Murray era già in atto durante l’influenza suina pandemica del 2009. Una revisione del 2010, 4,5 in PLOS Medicine, diretta dalla dottoressa Danuta Skowronski, un esperto canadese di influenza presso il Centre for Disease Control in British Columbia, ha dimostrato che il vaccino contro l’influenza stagionale aveva aumentato il rischio di ammalarsi di influenza suina H1N1 pandemica e aveva provocato attacchi di malattia più gravi.

Le persone che sono state vaccinate con il vaccino trivalente durante la stagione influenzale 2008-2009 hanno avuto tra 1,4 e 2,5 volte più probabilità di essere infettati dal virus pandemico H1N1 nella primavera e nell’estate del 2009 rispetto a coloro che non si erano vaccinati.

Per verificare ulteriormente i dati, Skowronski ed altri ricercatori hanno condotto uno studio di follow-up sui furetti. I risultati sono stati presentati alla Conferenza Interscience 2012 su Agenti Antimicrobici e Chemioterapia. All’epoca, Skowronski ha commentato i risultati del suo team, dicendo a MedPage Today:6

“È possibile che il vaccino abbia un effetto diretto per cui il vaccino stagionale ha indotto alcuni anticorpi cross-reattivi a riconoscere il virus pandemico H1N1, ma questi anticorpi erano a bassi livelli e non efficaci nel neutralizzare il virus. Invece di uccidere il nuovo virus in realtà potevano facilitarne l’ ingresso nelle cellule”.

In totale, sono stati condotti cinque studi osservazionali in diverse province canadesi che hanno portato a risultati identici. Tali risultati hanno anche confermato i dati preliminari del Canada e di Hong Kong. Come il professore Peter Collignon, esperto australiano di malattie infettive, ha riferito a ABC News: 7

“Sono disponibili alcuni dati interessanti che suggeriscono che se ci si immunizza con il vaccino stagionale, si ottiene una protezione meno completa rispetto a quella che si otterrebbe con un’infezione naturale …

Potremmo essere perversamente convinti che se arrivasse qualcosa di veramente nuovo e brutto, le persone che sono state vaccinate potrebbero in effetti essere più vulnerabili rispetto all’infezione naturale”.

La vaccinazione antinfluenzale aumenta l’infezione da Coronavirus non specificata

Uno studio 8,9 pubblicato nel numero del 10 gennaio 2020 della rivista Vaccine ha inoltre riscontrato che le persone avevano più probabilità di contrarre qualche forma di infezione da coronavirus se erano state vaccinate contro l’influenza. Come sottolineato in questo studio intitolato “Vaccinazione antinfluenzale e interferenza del virus respiratorio tra il personale del Dipartimento della Difesa durante la stagione influenzale 2017-2018:”

” La vaccinazione antinfluenzale può aumentare il rischio di altri virus respiratori, un fenomeno noto come interferenza virale … Questo studio si è proposto di indagare l’interferenza virale confrontando lo stato dei virus respiratori tra il personale del Dipartimento della Difesa in base al loro stato di vaccinazione antinfluenzale.”

Sebbene la vaccinazione contro l’influenza stagionale non abbia aumentato il rischio di tutte le infezioni respiratorie, è stata in effetti “significativamente associata a coronavirus non specificati” (il che significa che non è stato menzionato specificamente il SARS-CoV-2, che era ancora sconosciuto al momento in cui questo studio è stato condotto) e al metapneumovirus umano (hMPV 10).

Ricordiamo che il SARS-CoV-2 è uno dei sette diversi coronavirus noti per causare malattie respiratorie negli esseri umani. 11 Quattro di essi – 229E, NL63, OC43 e HKU1 – causano sintomi associati al comune raffreddore.

OC43 e HKU1 12 sono anche noti per causare bronchite, esacerbazione acuta della malattia polmonare cronica ostruttiva e polmonite in tutti i gruppi di età. 13 Gli altri tre coronavirus umani – che sono in grado di causare malattie respiratorie più gravi – sono SARS-CoV, MERS-CoV e SARS-CoV-2.

I membri del personale di servizio che erano stati vaccinati durante la stagione influenzale 2017-2018 avevano il 36% in più di probabilità di contrarre un’infezione da coronavirus e il 51% in più di contrarre un’infezione da hMPV rispetto agli individui non vaccinati. 14,15

Vaccinazione antinfluenzale legata a tassi di mortalità COVID più alti

1 ottobre 2020, il professor Christian Wehenkel, un redattore accademico di PeerJ, ha pubblicato un’analisi dei dati 16 in quella stessa rivista, in cui riferisce di aver trovato una “associazione significativa tra i decessi per COVID-19 e i tassi di vaccinazione contro l’influenza negli anziani di tutto il mondo”.

In altre parole, le aree con i più alti tassi di vaccinazione tra gli anziani avevano anche i più alti tassi di decessi per COVID-19. Per essere corretti, la nota dell’editore sottolinea che la correlazione non è necessariamente uguale alla causalità:

“Che cosa significa? Per esempio, in alcune città l’aumento delle vendite di gelati è correlato all’aumento del tasso di omicidi. Ma questo non significa che se si vendono più gelati il tasso di omicidi aumenterà. C’è qualche altro fattore in gioco – la temperatura atmosferica.

Allo stesso modo, questo articolo non dovrebbe suggerire che ricevere la vaccinazione antinfluenzale comporti un aumento del rischio di morte per un individuo con COVID-19, poiché ci possono essere molti fattori di disturbo in gioco (inclusi, per esempio, i fattori socioeconomici)”.

Ciò detto, una delle ragioni dell’analisi era quella di ricontrollare se i dati avrebbero supportato i rapporti che sostenevano che la vaccinazione contro l’influenza stagionale era negativamente correlata alla mortalità per COVID-19 – compreso uno che ha rilevato che le regioni italiane con tassi di vaccinazione più alti tra gli anziani avevano tassi di mortalità per COVID-19 più bassi. 17 “Ci si aspettava un’associazione negativa”, scrive Wehenkel in PeerJ. Ma non è ciò che ha trovato:

“Contrariamente alle aspettative, la presente analisi a livello mondiale e la sottoanalisi europea non supportano l’associazione negativa precedentemente riportata tra i decessi per COVID-19 (DPMI) [morti COVID-19 per milione di abitanti] e IVR [tasso di vaccinazione antinfluenzale] negli anziani, osservata in studi in Brasile e Italia”, ha sottolineato l’autore. 18

“Per determinare l’associazione tra i decessi COVID-19 e la vaccinazione antinfluenzale, sono stati analizzati i set di dati disponibili dei paesi con più di 0,5 milioni di abitanti (in totale 39 paesi).

Per stimare accuratamente l’influenza dell’IVR sui decessi per COVID-19 e mitigare gli effetti delle variabili interferenti, è stata eseguita una sofisticata classificazione dell’importanza delle diverse variabili, includendo come variabili predittive l’IVR e alcune variabili geografiche e socioeconomiche potenzialmente importanti, nonché le variabili relative agli interventi non farmaceutici.

Le associazioni sono state misurate con coefficienti di correlazione non parametrici Spearman rank e funzioni di Foresta casuale.

I risultati hanno mostrato un’associazione positiva tra i decessi COVID-19 e l’IVR delle persone ≥65 anni. C’è un aumento significativo dei decessi per COVID-19 dalle regioni orientali a quelle occidentali del mondo. Sono necessarie ulteriori indagini per spiegare questi risultati, e un ulteriore lavoro su questa linea di ricerca potrebbe portare alla prevenzione dei decessi associati al COVID-19″.

Cosa potrebbe spiegare il legame tra vaccinazione e mortalità?

Nella sezione di discussione dell’articolo, Wehenkel sottolinea che le spiegazioni precedenti su come la vaccinazione antinfluenzale potrebbe diminuire le morti per COVID-19 non sono supportate dai dati che ha raccolto.

“Il vaccino antinfluenzale può aumentare l’immunità all’influenza a spese di una ridotta immunità al SARS-CoV-2 attraverso qualche meccanismo biologico sconosciuto … In alternativa … ridotta immunità non specifica nelle settimane successive, probabilmente causata dall’interferenza virale. ~ Professor Christian Wehenkel”

Per esempio, cita una ricerca che attribuisce l’effetto benefico della vaccinazione antinfluenzale a una migliore prevenzione delle coinfezioni da influenza e SARS-CoV-2, e un’altra che suggerisce che il vaccino antinfluenzale potrebbe migliorare l’eliminazione del SARS-CoV-2.

Questi argomenti “non possono spiegare la relazione positiva, diretta o indiretta, tra i tassi di vaccinazione antinfluenzale e i decessi COVID-19 per milione di abitanti e l’indice di mortalità dei casi riscontrati in questo studio, che è stato confermato da una classificazione imparziale dell’importanza delle variabili utilizzando modelli di Foresta Casuale”, dice Wehenkel. 19 (Foresta Casuale si riferisce all’algoritmo di classificazione preferito usato nella scienza dei dati per modellare le previsioni. 20) Invece, egli offre le seguenti ipotesi: 21

“Il vaccino antinfluenzale potrebbe aumentare l’immunità all’influenza a spese di una ridotta immunità al SARS-CoV-2 attraverso qualche meccanismo biologico sconosciuto, come suggerito da Cowling et al. (2012) 22 per il virus respiratorio non influenzale.

In alternativa, una più debole immunità temporanea e non specifica dopo l’infezione virale influenzale potrebbe causare questa associazione positiva a causa della stimolazione della risposta immunitaria innata durante e per un breve periodo dopo l’infezione. 23, 24

Le persone che avevano ricevuto la vaccinazione antinfluenzale sarebbero state protette contro l’influenza, ma non contro altre infezioni virali a causa di una ridotta immunità non specifica nelle settimane successive, 25 probabilmente causata dall’interferenza virale. 26, 27, 28

Sebbene gli adiuvanti vaccinali umani esistenti abbiano un alto livello di sicurezza, gli adiuvanti specifici dei vaccini antinfluenzali dovrebbero essere testati anche per le reazioni avverse, come l’ulteriore aumento degli indicatori di infiammazione 29 nei pazienti COVID-19 con infiammazione già fortemente aumentata.” 30

Il paradosso del vaccino antinfluenzale

Poiché l’analisi di Wehenkel si concentra sull’impatto del vaccino antinfluenzale sulla mortalità COVID-19 tra gli anziani, può essere utile dare un’occhiata alle informazioni presentate in un workshop dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2012. A pagina 6 della presentazione del workshop 31 in questione, il relatore discute “un paradosso tratto dagli studi sulle tendenze” che mostra che “la mortalità legata all’influenza è aumentata negli anziani statunitensi quando la copertura vaccinale è passata dal 15% al 65%“.

A pagina 7, egli sottolinea inoltre che mentre ci si aspetterebbe un calo della mortalità del 35% dovuto all’aumento della copertura vaccinale, supponendo che il vaccino sia efficace al 60%-70%, il tasso di mortalità è invece aumentato, anche se non esattamente di pari passo con la copertura vaccinale.

A pagina 10, si rileva un altro paradosso. Mentre gli studi osservazionali sostengono che il vaccino antinfluenzale riduce del 50% il rischio di mortalità invernale per qualsiasi causa tra gli anziani, e la copertura vaccinale tra gli anziani è aumentata dal 15% al 65%, nessun calo di mortalità è stato riscontrato tra gli anziani durante i mesi invernali. 32, 33

Vedendo come gli anziani abbiano maggiori probabilità di morire a causa dell’influenza, e come l’influenza rappresenti dal 5% al 10% di tutte le morti invernali, una “riduzione del 50% della mortalità [è] semplicemente impossibile”, afferma il relatore. Prosegue poi evidenziando gli studi che mostrano prove di deviazione negli studi che stimano l’efficacia del vaccino antinfluenzale negli anziani. Quando questa deviazione viene corretta, l’efficacia del vaccino tra gli anziani è scoraggiante.

È interessante notare che nel documento si sottolinea che gli immunologi sanno da tempo che l’efficacia del vaccino negli anziani è bassa, a causa della risposta immunitaria senescente, cioè il naturale declino della funzione immunitaria che si verifica con l’età. Questo è il motivo per cui l’influenza “rimane un problema significativo negli anziani nonostante i diffusi programmi di vaccinazione antinfluenzale”, sottolinea il relatore.

Segnalazione di tutti gli effetti collaterali del vaccino COVID-19

La mia convinzione è che gli attuali “vaccini” COVID-19, che usano la tecnologia di terapia genica mRNA, probabilmente faranno più male che bene nella maggior parte dei casi. Ci sono molti rapporti di anziani in case di cura che muoiono in poche ore o giorni dopo aver ricevuto il vaccino. Questo è probabilmente dovuto a una risposta infiammatoria spropositata.

Se sei anziano e fragile, o un membro della famiglia è anziano e sta pensando di fare il vaccino, ti esorto a fare una ricerca più approfondita e a rivedere le statistiche sugli effetti collaterali prima di prendere una decisione.

Ultimo ma non meno importante, se tu o qualcuno che ami ha ricevuto un vaccino COVID-19 e sta sperimentando effetti collaterali, assicurati di segnalarlo: 34

Se vivi negli Stati Uniti, fai un rapporto su VAERS

Segnala il problema su VaxxTracker.com, che è un sistema non governativo di monitoraggio degli eventi avversi (se vuoi, puoi presentarlo in forma anonima)

Segnala il problema sul sito web CHD

 

Fonte: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/04/26/flu-vaccine-increases-covid-mortality.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1HL&cid=20210426_HL2&mid=DM867981&rid=1142482887

Tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

 

47 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
desibros
desibros
29 Aprile 2021 6:53

Articolo molto interessante. Un qualcosa che era nell’aria. Chissà come si sono poi combinati col vaccino per il meningococco.

Kozjak
Kozjak
29 Aprile 2021 7:19

Ho due domande sospese:… qualcuno sta studiando quello che è successo nel bergamasco e dintorni?…..qualcuno sa qualcosa di sostanzioso sulla missione russa in Italia?… Non credo siano venuti in gita….

IlContadino
IlContadino
Risposta al commento di  Kozjak
29 Aprile 2021 9:14

Un tempo si lasciava pagato un caffè sospeso, ora che i bar son quello che sono siamo giunti alle domande sospese?
Allora faccio così, più tardi passo dal medico, lascio pagato un vaccino sospeso. Gesto d’amore per il troglodita indigente;)

Mario Poillucci
Mario Poillucci
Risposta al commento di  IlContadino
29 Aprile 2021 12:06

Ciao Contadino!!! Sei troppo arguto e spiritoso chiaro indizio di intelligenza, cosa ormai rarissima ed in via di estinzione! Sono appena tornato dal mio uliveto laddove, con due amici, si lavora e quanto si lavora!!! E’ un pendio faticoso!!! Sia come sia ho avuto anche il tempo di raccogliere molti asparagi che crescono sempre in quel luogo
in abbondanza!!! Ergo frittata ed asparagi!!!! E, poi, cani e gatti da accudire! Torni a casa e sei stanco morto e, per un giovincello settantenne, goduria estrema!!! Presto torneranno a prendermi e riportarmi sul mio Pianeta Mongo!!!! Stammi bene Stimatissimo Arguto Lucido Contadino!!!!! Dimenticavo!!! Il mio nome è Gordon!!!!

IlContadino
IlContadino
Risposta al commento di  Mario Poillucci
30 Aprile 2021 1:21

Mario, non conoscevo Mongo e la striscia di Flash Gordon, ho fatto una piccola ricerca, mi hai insegnato qualcosa di nuovo;) ho letto della bellissima Dale Arden, che dopo le infinite indecisioni di Gordon decide di sposare un anonimo contadino, vedi, la saggezza contadina paga sempre! Nel campo, in vigile attesa, occupati di un pezzetto di mondo e il mondo intero si occupa di te;)
Buona giornata di indicibili fatiche 🙂

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  IlContadino
29 Aprile 2021 11:48

Questa la rubiamo! Un vaccino pagato al bar per l’amico sivax…..

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Risposta al commento di  Kozjak
29 Aprile 2021 8:46

La missione russa…infatti!

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  Kozjak
29 Aprile 2021 11:32

Non sarebbe difficile sapere bene cosa è successo da quelle parti. Un pool investigativo capirebbe in un attimo. A parere mio vista l’ incidenza delle vittime a macchia di leopardo si dovrebbe partire dai dati sui vaccinati nelle singole USL dall’ autunno 2019. Per quanto riguarda i russi al termine di quella missione, prima di andarsene, pubblicavano un report riferendo l’ origine artificiale del virus. Non parlavano di tossina. Tale report fu pubblicato su un sito…ma dopo qualche ora fu tolto. Non so il perchè.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  Annibal61
29 Aprile 2021 17:44

Era un sito francese. Si accennava a basse dosi di Sarin diffuso via aria e/o acqua. Articolo ora irrintracciabile.

Annibal61
Annibal61
Risposta al commento di  Cangrande65
1 Maggio 2021 18:40

Nel report che lessi io (attribuito ai russi) non si parlava di sarin ma di virus ingegnerizzato (sito di Blondet). Comunque fosse un indagine forense accurata partendo dall’ incidenza dei morti nei singoli comuni colpiti chiarirebbe tutti i dubbi.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  Annibal61
1 Maggio 2021 19:23

Allora sono due documenti diversi. Io sono sicuro che l’anomalia Bg-Bs, sia stata dovuta alla doppia vaccinazione influenza/meningococco e all’assassinio via intubazione. Il virus è solo mediatico. I russi, complici, hanno solo abbozzato (ma incamerando prove). Le crisi respiratorie che hanno portato ai ricoveri, e quindi agli assassinii, per me erano a causa del Sarin. Il resto è truffa mediatica.

Мосин
Мосин
Risposta al commento di  Annibal61
30 Aprile 2021 1:52

Meningite + vaccini a cavallo tra 2019 e 2020 a BG/BS. Cercate su google

Мосин
Мосин
Risposta al commento di  Kozjak
30 Aprile 2021 1:47

A cavallo tra 2019 e 2020 molti casi di meningiti nel bergamasco/bresciano. Hanno fatto vaccinazioni di massa. Cerca su google

Мосин
Мосин
Risposta al commento di  Kozjak
30 Aprile 2021 1:47

A cavallo tra 2019 e 2020 molti casi di meningiti nel bergamasco/bresciano. Hanno fatto vaccinazioni di massa. Cerca su google

Mario Poillucci
Mario Poillucci
29 Aprile 2021 7:53

E va bene ma le chiacchiere, ormai e da tempo sono e stanno a zero!!!! Verba volant!!!!! FATTI!!!!! FATTI!!!!!!!! altro che bla bla bla!!!

R66
R66
Risposta al commento di  Mario Poillucci
29 Aprile 2021 8:19

A quali fatti ti riferisci?
Vorresti che prima o poi qualcuno ti dicesse che non ti dovrai più vaccinare?
Stai aspettando la cavalleria?
I fatti li fai ogni giorno che resti non vaccinato e che non ti sottometti a questo clima terroristico.

R66
R66
Risposta al commento di  Mario Poillucci
29 Aprile 2021 8:19

A quali fatti ti riferisci?
Vorresti che prima o poi qualcuno ti dicesse che non ti dovrai più vaccinare?
Stai aspettando la cavalleria?
I fatti li fai ogni giorno che resti non vaccinato e che non ti sottometti a questo clima terroristico.

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Mario Poillucci
29 Aprile 2021 11:47

2 fatti…sono morti 2 amici del principe Carlo in orbita great reset, un magnate inglese ed uno ceko. Uno per accoltellamento, e l’altro per il solito incidente da elicottero.

Guido Bulgarelli
Guido Bulgarelli
Risposta al commento di  cachafaz
29 Aprile 2021 13:12

Sentito…peccato non abbiano fatto fuori anche il fagiano reale, già che c’erano….

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  Guido Bulgarelli
29 Aprile 2021 15:57

E pure la fagiana!

Guido Bulgarelli
Guido Bulgarelli
Risposta al commento di  Bertozzi
29 Aprile 2021 16:22

Ahahaha…ma sì, lì puoi sparare nel mucchio, qualunque pennuto becchi hai fatto bene…

ton1957
ton1957
29 Aprile 2021 10:01

Studi complessi per scoprie l’acqua calda, tralasciamo quella del gelato che é la prova provata che queste statistiche sono, giusto un pelino, influenzate dall’osservatore come materia sparata nella doppia fenditura.
Ma se mettiamo da parte scienza e scienziati che hanno sempre la veritá in tasca e pure con prove di laboratorio complesse e certe ( i dati dicono che io ho ragione!) e ci affidiamo all’empirico buon senso arriviamo allo stesso risultato senza costi e ricerca, basta un ragionamento.
Se prima del covid e penso anche adesso, la terza causa di morte in occidente sono i farmaci, se distribuiamo a pioggia vaccini antinfluenzali possiamo aspettarci meno morti per COVID? (considerando che ormai si muore solo di covid) e se, a forza, vacciniamo tutta la popolazione per COVID, i morti per farmaci caleranno? o aumenterenno pari/pari al fatturato di big pharma.

cachafaz
cachafaz
29 Aprile 2021 8:33

Doccia fredda per i medici di regime e gli esperti tv, che pensavano di eesere furbi e si erano vaccinati a vicenda con acqua fresca! Pare che pfizer abbia ammesso

https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwiEw_mhuKPwAhUB2KQKHUIvDjMQFjAAegQIAhAD&url=https%3A%2F%2Fthemostbeautifulworld.com%2Fblog%2Fskin-contact-covid&usg=AOvVaw3dwes92NIYtaoQSRHmBTer

che i vaccinati trasmettono la proteina spike ai non vaccinati per contatto o via aerea!
Resterebbe quindi solo da capire chi muore prima e chi dopo tra i vaccinati con la siringa e quelli di rimbalzo cioe’ noi.

Ma a che serve il pass vaccinale se tanto ci trasmettono il vaccino nella suddetta maniera? Semmai uno dovrebbe esibire l’esame che ha la proteina spike del vaccino, cioe’e’ un morto che cammina…gli dovrebbe bastare…

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  cachafaz
29 Aprile 2021 9:01

In Israele hanno lanciato un social per incontri riservato a non vaccinati… tanto per essere sicuri di non contaminarsi…

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Holodoc
29 Aprile 2021 11:43

In questo lasso di tempo, questo pomeriggio, ho avuto un virus nel computer. Sono andato al negozio di computer ed il tizio, un po’ anziano, me lo ha sistemato. Era con la mascherina abbassata e quindi parlava sputacchiando a giro e sul mio computer, e mi ha detto che si era vaccinato pfizer la settimana scorsa. Avevo appena fatto questo commento…sono andato subito a comprare un disinfettante che ho abbondantemente sparso sul computer, mouse. eccetera. Le cose ora sono rovesciate! Noi abbiamo paura di loro, che pensano di essere a posto in tutto, visto che si sono vaccinati. Beati loro che lo credono…

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  cachafaz
29 Aprile 2021 16:22

Dai, il vecchietto di antivirus se ne intende… quando avrà il suo bel chip nel cervello non correrà rischi…

Riguardo all’ultima frase, inizio a temere che in autunno dovremo chiuderci in casa come in un film di horror per evitare i contatti con gli zombie vaccinati…

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  cachafaz
29 Aprile 2021 15:01

Un virus tira l’altro….

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Holodoc
29 Aprile 2021 10:09

Prima ne avranno avuto alcuni di social per i soli eletti.
Tanto per tenere lontani tutti gli altri per non contaminarsi.
Come se ammazzare i palestinesi non fosse già in contagio karmico.

Enrico Fila
Enrico Fila
Risposta al commento di  cachafaz
29 Aprile 2021 9:46

Per via aerea è impossibile. Per contatto, reputo
estremamente remota la possibilità di trasmissione delle nano-particelle da un soggetto A ad un soggetto B, o almeno trascurabile vista la quantità di materiale di scambio, sicuramente non sufficente a causare una risposta immunitaria nel soggetto B. Ricordo che il filamento di mRna della proteina spike non può riprodursi od entrare nel citoplasma senza involucro e precursore di replicazione, presente solamente nelle molecole originali contenute nei vaccini.

Sujismundo
Sujismundo
Risposta al commento di  Enrico Fila
29 Aprile 2021 10:11

scusa, prima di sentenziare una presunta “impossibilità”, hai letto il documento di cui ha riportato il link cachafaz? riporta ad un documento originale della Pfizer, direttamente sul loro sito, in cui viene detto proprio quello. Si parla della possibilità di contagio tramite “inalazione o contatto con la pelle”..
qui il documentorelativo allo studio della pfizer sul “vaccino”, ovviamente in inglese, 146 pagine, titolato “A Phase 1/2/3 Study to Evaluate the Safety, Tolerability, Immunogenicity, and Efficacy of RNA Vaccine Candidates Against COVID-19 in Healthy Individuals”
(studio fase 1-2-3 sulla sicurezza, tollerabilità, efficacia in soggetti sani..)
https://cdn.pfizer.com/pfizercom/2020-11/C4591001_Clinical_Protocol_Nov2020.pdf

Enrico Fila
Enrico Fila
Risposta al commento di  Sujismundo
29 Aprile 2021 10:29

Se parliamo di contagio si intende il passaggio del vettore contenuto nelle nano-particelle lipidiche. Se parliamo di proteina spike, allora, in quantità trascurabile potrebbe essere trasmissibile anche per via aera. Ma le proteine spike non sono attive nel processo anticorpale, se la loro quantità non è sufficiente a creare una risposta immunitaria.

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Enrico Fila
29 Aprile 2021 11:37

Be’, l’arcano sara’ presto svelato, o ridimensionato dal prof. Thailandese -tedesco, piuttosto che la Cahill, nonche’ i ns ottimi Fabio Franchi-Scoglio ecc.

AlbertoConti
AlbertoConti
Risposta al commento di  Enrico Fila
29 Aprile 2021 14:20

E no caro, la fai troppo facile! Il contagio è virale, la proteina spike da sola non è il virus, semmai diventa uno stimolatore di virus preesistenti o postacquisiti, che in qualche modo induce una “fuga virale” da anticorpi troppo deboli stimolati proprio dalla presenza anomala della spike.

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  Sujismundo
29 Aprile 2021 15:03

Premetto di avere letto solo i vostri commenti, ma potrebbe essere una strategia per invogliare al vaccino?

Deheb
Deheb
Risposta al commento di  cachafaz
29 Aprile 2021 15:34

Ma dai….ma quale arcano…gia a logica, ti pare che puoi passare un qualcosa di circolante (sangue o linfa) per “contatto cutaneo e via aerea”???? Maddechè!! Neanche Alien.
C’è scritto poi: “Below are examples of environmental exposure during pregnancy:” ( Di seguito sono riportati esempi di esposizione ambientale durante la gravidanza).
Sono ESEMPI di esposizione ambientale.
Nel documento originale è pure incolonnato in maniera diversa.

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Deheb
30 Aprile 2021 3:45

Ho subito fatto capire che non sono un esperto e quindi la palla a chi lo e’. Tu sei del settore? Magari se uno lo e’, che lo precisi…senno’ e’ un parere che vale ben poco. Vale anche per Enrico Fila, per favore citate le vs qualifiche , quando ci si addentra tecnicamente…

Deheb
Deheb
Risposta al commento di  cachafaz
30 Aprile 2021 5:28

Qui non c’entra se uno è del settore o meno, basta leggere, dice chiaramente “esempi” di esposizione ambientale. Non sarai esperto ma sei partito con conclusioni basate sul nulla.
Guarda caso, genericamente le vie di penetrazione nell’organismo da parte di agenti chimici sono per:
-Contatto (pelle, mucose, occhi)
-Inalazione (naso, bocca)
-Ingestione (bocca), quest’ultima è un pò scomoda in questo caso….l’hanno tralasciata fortunatamente.
Non è un mio parere, è la definizione standard che viene riportata dappertutto, anche in merito al trial vaccinale.
Ho visto adesso l’aggiunta e se per te è importante, si sono del settore.

Deheb
Deheb
Risposta al commento di  cachafaz
30 Aprile 2021 5:28

Qui non c’entra se uno è del settore o meno, basta leggere, dice chiaramente “esempi” di esposizione ambientale. Non sarai esperto ma sei partito con conclusioni basate sul nulla.
Guarda caso, genericamente le vie di penetrazione nell’organismo da parte di agenti chimici sono per:
-Contatto (pelle, mucose, occhi)
-Inalazione (naso, bocca)
-Ingestione (bocca), quest’ultima è un pò scomoda in questo caso….l’hanno tralasciata fortunatamente.
Non è un mio parere, è la definizione standard che viene riportata dappertutto, anche in merito al trial vaccinale.
Ho visto adesso l’aggiunta e se per te è importante, si sono del settore.

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Deheb
30 Aprile 2021 12:06

Non e’ che sono partito io, l’articolo che ho linkato si trova in rete in inglese, almeno 2 siti l’hanno riportato. Mi pare pacifico che se poi la cosa non viene ripresa da nessun altro, hai ragione tu….

Deheb
Deheb
Risposta al commento di  cachafaz
30 Aprile 2021 15:58

Come non sei partito tu con conclusioni affrettate?
Allora qualcun’altro ha esordito dicendo “Doccia fredda per i medici di regime e gli esperti tv” in funzione di quella “notizia”.
Se ti presentassi ai medici di regime con quella roba non faresti una gran figura.

Non è poi che uno ha ragione per esclusione o in base al numero di citazioni, se così fosse “il vaccino è cosa buona e giusta” indubbiamente.

cachafaz
cachafaz
Risposta al commento di  Deheb
1 Maggio 2021 9:02

Comunque non sarebbe la prima volta che mettono nero su bianco la verita’. A parte i bugiardini attuali dei vaccini anti covid…Nel 2015 ,il 24.3 il sito della sanita’ americana human vaccines & immunotherapeutics, pubblico’ un articolo rimasto in rete fino a pochissimo tempo fa, :
characteristics and viral propagation of a new human diploid cell line, walvax 2, and its suitability as a candidate cell substrate for vaccine production.
Ora e’ rimasto il titolo, ma hanno cancellato il grosso dell’articolo. Si scriveva che la tecnologia dei vaccini classici, come astrazeneca e johnson, era sospettata di essere fortemente cancerogena, ed inoltre l’uso di parti di animali come scimmie era ugualmente nocivo(ora invece secondo loro- con l’uso di feti umani….). Comunque ora hanno cancellato il punto dove veniva riportato , ma io subodorando avevo fatto una fotocopia.

Deheb
Deheb
Risposta al commento di  cachafaz
1 Maggio 2021 18:39

Mi sembra strano che facciano sparire certi studi, se uno pubblica poi rimane. In questo caso io l’articolo completo l’ho visto senza problemi e non indica ciò che dici. Cioè parla di generici problemi nell’allestimento di vaccini classici derivati da substrati cellulari, in particolare le linee continue e primarie, potenzialmente tumorogeniche. Non parla di specifiche case farmaceutiche anche perchè lo studio è basato sulla “situazione di laboratorio” cinese.
Le linee cellulari umane o di animali sono decenni che vengono utilizzate, non è una cosa nuova o strana, si usano per testare farmaci, vaccini, sostanze varie e assortite.

Sui feti umani abortiti, quando si verifica un aborto spontaneo vanno a prendere (nel feto che andrebbe “buttato”, passami il termine brutale), certe linee cellulari adatte allo scopo. E’ argomento delicato eticamente e moralmente…..ognuno in questi casi potrebbe avere la propria idea, è oltre la scienza. Ma anche la sperimentazione su animali vivi potrebbe essere lo stesso.

francamente
francamente
Risposta al commento di  cachafaz
30 Aprile 2021 8:52

Senza entrare nella polemica tecnica, che non sono del settore, e tanto prima che ci si metta d’accordo alla fine ce lo diranno i fatti, alla prima lettura mi e’ venuto in mente quel che accade con le colture ogm: esse col tempo contaminano le colture naturali limitrofe. Quindi serve a nulla avere il campicello biologico se accanto hai mais ogm, per esempio. I nostri amici vaccinati potrebbero comportarsi come gli ogm, sara’ perche’ anche loro, forse forse…

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  francamente
30 Aprile 2021 12:11

https://www.lifesitenews.com/news/yale-public-health-professor-suggests-60-of-new-covid-19-patients-have-received-vaccine
(articolo in inglese)

Per il momento possiamo tenere a mente questa notizia: il professore di epidemiologia americano dott. Harvey Risch sostiene che più della metà di coloro che attualmente si ammalano di Covid, sono già stati vaccinati due volte. Inoltre, dopo le vaccinazioni, la trasmissione del virus si sarebbe rallentata.
Ci dicono che chi è stato vaccinato può contrarre il virus e può trasmetterlo e che deve continuare a portare la mascherina e osservare il distanziamento.
Ma allora perché i vaccinati avranno dei privilegi rispetto ai non-vaccinati (green pass per viaggiare)?
O è come dice Fulvio Grimaldi nella sua ultima intervista che “Vogliono abituarci all’irrazionalità”?

francamente
francamente
Risposta al commento di  Pfefferminz
30 Aprile 2021 14:49

Sicuramente ci hanno da tempo abituati all’irrazionalita’. Gia’ solo il preferire iniettarsi un siero fabbricato in fretta e dalle sicure conseguenze sconosciute, senza garanzie ed eventuali responsabilita’, e senza neppure essere pagati per far da cavie, al rischio di prendersi una malattia che ha a sua volta un rischio dello 0.0…% di risultare letale (come un tempo le brutte influenze) e’ un atto poco razionale. Lasciamo perdere tutto il contorno. Ora piu’ che altro vogliono abituarci all’obbedienza, irrazionale.

RenatoT
RenatoT
30 Aprile 2021 0:44

io credo che l’interferenza virale a causa dei vaccini per meningite e inluenza, probabilmente vaccini pre-covid fatti apposta con mrna (tanto fanno quello che vogliono), siano la causa dell’elevato numero di decessi nel Bergamasco e Bresciano. Temo inoltre che quello che succederá con la prossima influenza sará piu’ o meno la stessa cosa di prima a causa dei vaccini covid. Rischiamo di finire in loop con sempre piú decessi ad ogni ripetutto giro. Io non posso dimenticare la risatina di bill e melinda quando hanno affermato che la prossima pandemia, si noterá di piú….e nessuno si accorgerá che i decessi sono i vaccinati per covid del primo giro.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  RenatoT
30 Aprile 2021 12:16

Neanch’io riesco a dimenticare la risatina di bill e melinda…