Vaccinazione antinfluenzale e tassi di mortalità COVID più alti

 

Dr. Joseph Mercola – 26 aprile 2021

La storia in sintesi

  • I vaccini possono in alcuni casi scatenare malattie più gravi se esposti a un virus non correlato, attraverso un processo noto come interferenza virale.
  • L’interferenza virale è risultata in gioco durante l’influenza suina pandemica del 2009. Il vaccino contro l’influenza stagionale ha aumentato il rischio per le persone di ammalarsi di influenza suina H1N1 pandemica e ha provocato episodi di malattia più gravi.
  • I ricercatori hanno anche scoperto che i militari vaccinati contro l’influenza erano più inclini all’infezione da coronavirus non specificato rispetto ai colleghi non vaccinati.
  • Un’analisi dei dati di ottobre 2020 ha riscontrato un’associazione positiva tra i decessi per COVID-19 e i tassi di vaccinazione contro l’influenza negli anziani di tutto il mondo. Le aree con i più alti tassi di vaccinazione avevano anche i più alti tassi di mortalità per COVID-19.
  • Le possibili spiegazioni includono una ridotta immunità al SARS-CoV-2 per qualche meccanismo biologico sconosciuto e un’interferenza virale che causa una ridotta immunità aspecifica.

Una domanda che è rimasta in sospeso dopo la campagna di vaccinazione di massa del 2009 contro l’influenza suina pandemica H1N1 è se la vaccinazione contro l’influenza stagionale possa peggiorare o rendere più diffuse le infezioni pandemiche.1

All’inizio della pandemia COVID-19, il Dr. Michael Murray, naturopata e autore, ha confermato ciò che Judy Mikovits, Ph.D., mi ha detto nella sua seconda intervista, cioè che le vaccinazioni contro l’influenza stagionale possono aver contribuito alla mortalità drammaticamente elevata per COVID-19 registrata in Italia. In un post sul blog, ha sottolineato che l’Italia ha introdotto un nuovo tipo di vaccino antinfluenzale più potente, chiamato VIQCC, nel settembre 2019:2

“La maggior parte dei vaccini antinfluenzali disponibili sono prodotti in embrioni di uova di gallina. VIQCC, tuttavia, viene prodotto da cellule animali coltivate invece che da uova e quindi dà una maggiore ‘spinta’ al sistema immunitario.

VIQCC contiene anche quattro tipi di virus – 2 di tipo A (H1N1 e H3N2) e 2 di tipo B.3 Sembra che questo “super” vaccino abbia avuto un impatto sul sistema immunitario tale da aumentare l’infezione da coronavirus attraverso l’interferenza virale …”

Vaccini e interferenza virale

È stato dimostrato che il tipo di interferenza virale a cui si riferiva Murray era già in atto durante l’influenza suina pandemica del 2009. Una revisione del 2010, 4,5 in PLOS Medicine, diretta dalla dottoressa Danuta Skowronski, un esperto canadese di influenza presso il Centre for Disease Control in British Columbia, ha dimostrato che il vaccino contro l’influenza stagionale aveva aumentato il rischio di ammalarsi di influenza suina H1N1 pandemica e aveva provocato attacchi di malattia più gravi.

Le persone che sono state vaccinate con il vaccino trivalente durante la stagione influenzale 2008-2009 hanno avuto tra 1,4 e 2,5 volte più probabilità di essere infettati dal virus pandemico H1N1 nella primavera e nell’estate del 2009 rispetto a coloro che non si erano vaccinati.

Per verificare ulteriormente i dati, Skowronski ed altri ricercatori hanno condotto uno studio di follow-up sui furetti. I risultati sono stati presentati alla Conferenza Interscience 2012 su Agenti Antimicrobici e Chemioterapia. All’epoca, Skowronski ha commentato i risultati del suo team, dicendo a MedPage Today:6

“È possibile che il vaccino abbia un effetto diretto per cui il vaccino stagionale ha indotto alcuni anticorpi cross-reattivi a riconoscere il virus pandemico H1N1, ma questi anticorpi erano a bassi livelli e non efficaci nel neutralizzare il virus. Invece di uccidere il nuovo virus in realtà potevano facilitarne l’ ingresso nelle cellule”.

In totale, sono stati condotti cinque studi osservazionali in diverse province canadesi che hanno portato a risultati identici. Tali risultati hanno anche confermato i dati preliminari del Canada e di Hong Kong. Come il professore Peter Collignon, esperto australiano di malattie infettive, ha riferito a ABC News: 7

“Sono disponibili alcuni dati interessanti che suggeriscono che se ci si immunizza con il vaccino stagionale, si ottiene una protezione meno completa rispetto a quella che si otterrebbe con un’infezione naturale …

Potremmo essere perversamente convinti che se arrivasse qualcosa di veramente nuovo e brutto, le persone che sono state vaccinate potrebbero in effetti essere più vulnerabili rispetto all’infezione naturale”.

La vaccinazione antinfluenzale aumenta l’infezione da Coronavirus non specificata

Uno studio 8,9 pubblicato nel numero del 10 gennaio 2020 della rivista Vaccine ha inoltre riscontrato che le persone avevano più probabilità di contrarre qualche forma di infezione da coronavirus se erano state vaccinate contro l’influenza. Come sottolineato in questo studio intitolato “Vaccinazione antinfluenzale e interferenza del virus respiratorio tra il personale del Dipartimento della Difesa durante la stagione influenzale 2017-2018:”

” La vaccinazione antinfluenzale può aumentare il rischio di altri virus respiratori, un fenomeno noto come interferenza virale … Questo studio si è proposto di indagare l’interferenza virale confrontando lo stato dei virus respiratori tra il personale del Dipartimento della Difesa in base al loro stato di vaccinazione antinfluenzale.”

Sebbene la vaccinazione contro l’influenza stagionale non abbia aumentato il rischio di tutte le infezioni respiratorie, è stata in effetti “significativamente associata a coronavirus non specificati” (il che significa che non è stato menzionato specificamente il SARS-CoV-2, che era ancora sconosciuto al momento in cui questo studio è stato condotto) e al metapneumovirus umano (hMPV 10).

Ricordiamo che il SARS-CoV-2 è uno dei sette diversi coronavirus noti per causare malattie respiratorie negli esseri umani. 11 Quattro di essi – 229E, NL63, OC43 e HKU1 – causano sintomi associati al comune raffreddore.

OC43 e HKU1 12 sono anche noti per causare bronchite, esacerbazione acuta della malattia polmonare cronica ostruttiva e polmonite in tutti i gruppi di età. 13 Gli altri tre coronavirus umani – che sono in grado di causare malattie respiratorie più gravi – sono SARS-CoV, MERS-CoV e SARS-CoV-2.

I membri del personale di servizio che erano stati vaccinati durante la stagione influenzale 2017-2018 avevano il 36% in più di probabilità di contrarre un’infezione da coronavirus e il 51% in più di contrarre un’infezione da hMPV rispetto agli individui non vaccinati. 14,15

Vaccinazione antinfluenzale legata a tassi di mortalità COVID più alti

1 ottobre 2020, il professor Christian Wehenkel, un redattore accademico di PeerJ, ha pubblicato un’analisi dei dati 16 in quella stessa rivista, in cui riferisce di aver trovato una “associazione significativa tra i decessi per COVID-19 e i tassi di vaccinazione contro l’influenza negli anziani di tutto il mondo”.

In altre parole, le aree con i più alti tassi di vaccinazione tra gli anziani avevano anche i più alti tassi di decessi per COVID-19. Per essere corretti, la nota dell’editore sottolinea che la correlazione non è necessariamente uguale alla causalità:

“Che cosa significa? Per esempio, in alcune città l’aumento delle vendite di gelati è correlato all’aumento del tasso di omicidi. Ma questo non significa che se si vendono più gelati il tasso di omicidi aumenterà. C’è qualche altro fattore in gioco – la temperatura atmosferica.

Allo stesso modo, questo articolo non dovrebbe suggerire che ricevere la vaccinazione antinfluenzale comporti un aumento del rischio di morte per un individuo con COVID-19, poiché ci possono essere molti fattori di disturbo in gioco (inclusi, per esempio, i fattori socioeconomici)”.

Ciò detto, una delle ragioni dell’analisi era quella di ricontrollare se i dati avrebbero supportato i rapporti che sostenevano che la vaccinazione contro l’influenza stagionale era negativamente correlata alla mortalità per COVID-19 – compreso uno che ha rilevato che le regioni italiane con tassi di vaccinazione più alti tra gli anziani avevano tassi di mortalità per COVID-19 più bassi. 17 “Ci si aspettava un’associazione negativa”, scrive Wehenkel in PeerJ. Ma non è ciò che ha trovato:

“Contrariamente alle aspettative, la presente analisi a livello mondiale e la sottoanalisi europea non supportano l’associazione negativa precedentemente riportata tra i decessi per COVID-19 (DPMI) [morti COVID-19 per milione di abitanti] e IVR [tasso di vaccinazione antinfluenzale] negli anziani, osservata in studi in Brasile e Italia”, ha sottolineato l’autore. 18

“Per determinare l’associazione tra i decessi COVID-19 e la vaccinazione antinfluenzale, sono stati analizzati i set di dati disponibili dei paesi con più di 0,5 milioni di abitanti (in totale 39 paesi).

Per stimare accuratamente l’influenza dell’IVR sui decessi per COVID-19 e mitigare gli effetti delle variabili interferenti, è stata eseguita una sofisticata classificazione dell’importanza delle diverse variabili, includendo come variabili predittive l’IVR e alcune variabili geografiche e socioeconomiche potenzialmente importanti, nonché le variabili relative agli interventi non farmaceutici.

Le associazioni sono state misurate con coefficienti di correlazione non parametrici Spearman rank e funzioni di Foresta casuale.

I risultati hanno mostrato un’associazione positiva tra i decessi COVID-19 e l’IVR delle persone ≥65 anni. C’è un aumento significativo dei decessi per COVID-19 dalle regioni orientali a quelle occidentali del mondo. Sono necessarie ulteriori indagini per spiegare questi risultati, e un ulteriore lavoro su questa linea di ricerca potrebbe portare alla prevenzione dei decessi associati al COVID-19″.

Cosa potrebbe spiegare il legame tra vaccinazione e mortalità?

Nella sezione di discussione dell’articolo, Wehenkel sottolinea che le spiegazioni precedenti su come la vaccinazione antinfluenzale potrebbe diminuire le morti per COVID-19 non sono supportate dai dati che ha raccolto.

“Il vaccino antinfluenzale può aumentare l’immunità all’influenza a spese di una ridotta immunità al SARS-CoV-2 attraverso qualche meccanismo biologico sconosciuto … In alternativa … ridotta immunità non specifica nelle settimane successive, probabilmente causata dall’interferenza virale. ~ Professor Christian Wehenkel”

Per esempio, cita una ricerca che attribuisce l’effetto benefico della vaccinazione antinfluenzale a una migliore prevenzione delle coinfezioni da influenza e SARS-CoV-2, e un’altra che suggerisce che il vaccino antinfluenzale potrebbe migliorare l’eliminazione del SARS-CoV-2.

Questi argomenti “non possono spiegare la relazione positiva, diretta o indiretta, tra i tassi di vaccinazione antinfluenzale e i decessi COVID-19 per milione di abitanti e l’indice di mortalità dei casi riscontrati in questo studio, che è stato confermato da una classificazione imparziale dell’importanza delle variabili utilizzando modelli di Foresta Casuale”, dice Wehenkel. 19 (Foresta Casuale si riferisce all’algoritmo di classificazione preferito usato nella scienza dei dati per modellare le previsioni. 20) Invece, egli offre le seguenti ipotesi: 21

“Il vaccino antinfluenzale potrebbe aumentare l’immunità all’influenza a spese di una ridotta immunità al SARS-CoV-2 attraverso qualche meccanismo biologico sconosciuto, come suggerito da Cowling et al. (2012) 22 per il virus respiratorio non influenzale.

In alternativa, una più debole immunità temporanea e non specifica dopo l’infezione virale influenzale potrebbe causare questa associazione positiva a causa della stimolazione della risposta immunitaria innata durante e per un breve periodo dopo l’infezione. 23, 24

Le persone che avevano ricevuto la vaccinazione antinfluenzale sarebbero state protette contro l’influenza, ma non contro altre infezioni virali a causa di una ridotta immunità non specifica nelle settimane successive, 25 probabilmente causata dall’interferenza virale. 26, 27, 28

Sebbene gli adiuvanti vaccinali umani esistenti abbiano un alto livello di sicurezza, gli adiuvanti specifici dei vaccini antinfluenzali dovrebbero essere testati anche per le reazioni avverse, come l’ulteriore aumento degli indicatori di infiammazione 29 nei pazienti COVID-19 con infiammazione già fortemente aumentata.” 30

Il paradosso del vaccino antinfluenzale

Poiché l’analisi di Wehenkel si concentra sull’impatto del vaccino antinfluenzale sulla mortalità COVID-19 tra gli anziani, può essere utile dare un’occhiata alle informazioni presentate in un workshop dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2012. A pagina 6 della presentazione del workshop 31 in questione, il relatore discute “un paradosso tratto dagli studi sulle tendenze” che mostra che “la mortalità legata all’influenza è aumentata negli anziani statunitensi quando la copertura vaccinale è passata dal 15% al 65%“.

A pagina 7, egli sottolinea inoltre che mentre ci si aspetterebbe un calo della mortalità del 35% dovuto all’aumento della copertura vaccinale, supponendo che il vaccino sia efficace al 60%-70%, il tasso di mortalità è invece aumentato, anche se non esattamente di pari passo con la copertura vaccinale.

A pagina 10, si rileva un altro paradosso. Mentre gli studi osservazionali sostengono che il vaccino antinfluenzale riduce del 50% il rischio di mortalità invernale per qualsiasi causa tra gli anziani, e la copertura vaccinale tra gli anziani è aumentata dal 15% al 65%, nessun calo di mortalità è stato riscontrato tra gli anziani durante i mesi invernali. 32, 33

Vedendo come gli anziani abbiano maggiori probabilità di morire a causa dell’influenza, e come l’influenza rappresenti dal 5% al 10% di tutte le morti invernali, una “riduzione del 50% della mortalità [è] semplicemente impossibile”, afferma il relatore. Prosegue poi evidenziando gli studi che mostrano prove di deviazione negli studi che stimano l’efficacia del vaccino antinfluenzale negli anziani. Quando questa deviazione viene corretta, l’efficacia del vaccino tra gli anziani è scoraggiante.

È interessante notare che nel documento si sottolinea che gli immunologi sanno da tempo che l’efficacia del vaccino negli anziani è bassa, a causa della risposta immunitaria senescente, cioè il naturale declino della funzione immunitaria che si verifica con l’età. Questo è il motivo per cui l’influenza “rimane un problema significativo negli anziani nonostante i diffusi programmi di vaccinazione antinfluenzale”, sottolinea il relatore.

Segnalazione di tutti gli effetti collaterali del vaccino COVID-19

La mia convinzione è che gli attuali “vaccini” COVID-19, che usano la tecnologia di terapia genica mRNA, probabilmente faranno più male che bene nella maggior parte dei casi. Ci sono molti rapporti di anziani in case di cura che muoiono in poche ore o giorni dopo aver ricevuto il vaccino. Questo è probabilmente dovuto a una risposta infiammatoria spropositata.

Se sei anziano e fragile, o un membro della famiglia è anziano e sta pensando di fare il vaccino, ti esorto a fare una ricerca più approfondita e a rivedere le statistiche sugli effetti collaterali prima di prendere una decisione.

Ultimo ma non meno importante, se tu o qualcuno che ami ha ricevuto un vaccino COVID-19 e sta sperimentando effetti collaterali, assicurati di segnalarlo: 34

Se vivi negli Stati Uniti, fai un rapporto su VAERS

Segnala il problema su VaxxTracker.com, che è un sistema non governativo di monitoraggio degli eventi avversi (se vuoi, puoi presentarlo in forma anonima)

Segnala il problema sul sito web CHD

 

Fonte: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/04/26/flu-vaccine-increases-covid-mortality.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1HL&cid=20210426_HL2&mid=DM867981&rid=1142482887

Tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte