Trento: maestra licenziata per aver rifiutato la mascherina

In Italia si può essere licenziati, dopo vent’anni di lavoro, per non aver indossato la mascherina.

Lorena, insegnante di una scuola dell’infanzia di Rovereto e spettatrice di Byoblu24, ci racconta la sua incredibile storia. Da sempre contraria all’uso delle mascherine chirurgiche contro il Covid-19, Lorena si è recata a lavoro per oltre un mese senza che nessuno, sia all’interno della scuola che i genitori dei bambini, protestasse.

Un giorno però arriva la denuncia di una mamma che sia accorge che Lorena non porta la mascherina e decide di denunciarla alla preside dell’istituto scolastico. Lorena viene prima sospesa e poi licenziata. A nulla servono gli studi medici, giuridici e psicologici che dimostrano l’inefficacia delle mascherine, oltre ai danni psicologici che possono provocare in un ambiente in cui i bambini dovrebbero potersi guardare in faccia, senza filtri.

Lorena si appella anche alla Costituzione italiana, la quale stabilisce che non si possono costringere le persone ad indossare le mascherine. Oggi Lorena è disoccupata, cacciata dalla scuola dove lavorava e il suo comportamento giudicato pericoloso per la salute. Ascoltate la sua storia su Byoblu24.

Fonte: https://www.byoblu.com/2020/12/11/licenziata-per-non-aver-indossato-la-mascherina-la-storia-di-lorena/