STRAGE FERROVIARIA. AVEVATE DECISO CHI DOVEVA MORIRE PRIMA

DI PINO APRILE

facebook.com

Non è un incidente, è un crimine con molti colpevoli. Quei poveri viaggiatori uccisi sul binario unico sono vittime dell’immondo comitato di affari e tangenti che rovescia tonnellate di miliardi di euro su linee ad alta velocità inutili e sovradimensionate (fra Milano e Torino è stata progettata per merci e passeggeri, solo per far salire i costi, e per esser “economica” dovrebbero correrci almeno 400 treni al giorno; invece ne passano una quarantina e nemmeno uno merci); mentre al Sud si lasciano città senza treno, come Matera, altre ne vengono private, perché “non conviene”; e nel 2016 si sta ancora a binario unico su lunghi tratti, in regioni in pieno boom turistico, come la Puglia, la Calabria, la Sicilia, costringendo venti milioni di persone a collegamenti con velocità medie inferiori a quelle di un secolo fa, ma a prezzi, di fatto, più alti che nel resto del Paese e con vere e proprie truffe (frecciargento-fecciaschifo dismesse dal Nord, che percorrono gli stessi tratti dei regionali, ma a prezzi 7 volte maggiori e impiegandoci più tempo).

Siete (voi che questo avete costruito) assassini. Non possiamo portarvi dinanzi a un tribunale, perché avete fatto in modo da rendervi assolti; ma di fronte alla coscienza del mondo (esclusa la vostra, si capisce, della cui esistenza non abbiamo prove) siete condannati per omicidio plurimo, strage.

Signor Renzi Matteo, spieghi ai parenti di quei morti perché su 4560 milioni per le ferrovie ne ha destinati 4500 da Firenze in su e 60 da Firenze in giù (se sono arrivati sotto Firenze…).

Signor Delrio Graziano, informi chi sta piangendo per aver perso la ragione della sua vita che i suoi geologi stanno analizzando le rocce per capire se si può fare il treno fra Napoli e Bari. Poi, magari, spieghi ai suoi figli cos’è l’equità, il rispetto degli altri (valuti se è il caso di raccontare come ha fatto a non accorgersi che la sua Reggio Emilia, con lei sindaco, diventava “il bancomat della ‘ndrangheta”, mentre lei faceva visita ufficiale, per la festa del patrono, a Cutro, patria del boss Grande Arachi);

Signor Mauro Moretti, lei che, da capo di Trenitalia, pare cambiasse discorso quando si parlava di Sud (e se no, come ci diventava, da sindacalista, numero uno dell’azienda) vada dai sopravvissuti, a dire che ha fatto solo il suo dovere spendendo i soldi di tutto il Paese, solo in una parte del Paese; venda anche a loro la favola dell’azienda privata con i soldi nostri.
Non veniteci a parlare di errore umano; non veniteci a dire che i lavori per raddoppiare la linea erano in corso; non diteci che quelle sono le Ferrovie del nord Barese e voi siete altro… Lo sappiamo cosa siete. Non cercate i colpevoli, cercate uno specchio.

Fra lacrime di rabbia e di dolore, vi maledico; auguro ai vostri figli di non somigliarvi, per essere, come meritano, migliori. Voi che, come quanti vi hanno preceduto, avete spezzato un Paese in due aumentando i privilegi per alcuni e sottraendo diritti ad altri, siete colpevoli per esservi adeguati ai voleri di quelli cui dovete obbedienza e dei quali dovete garantire gli interessi; colpevoli come i nostri rappresentanti (si fa per dire: li scegliete e ce li imponete) che vi vendono la propria gente, per essere i primi degli ultimi; colpevoli come noi, per non essere stati capaci di tirarvi giù dai luridi seggi da cui vi illudete di contare qualcosa. Quando il mondo era civile, i responsabili di disastri come questo ne vivevano il tormento a vita.

Questi sono omicidi: l’iniquità è un’arma che colpisce a distanza, anche di tempo e il delitto non si rende manifesto. È vero che gli scontri possono avvenire anche dove il binario è doppio, ma è più facile che accadano dove è unico. Quindi, lasciandolo unico al Sud e doppio altrove, avete decretato chi deve morire prima. Che è l’essenza del potere. E della vostra colpa.

Tratto dalla pagina facebook Terroni di Pino Aprile

via http://megachip.globalist.it/

0 0 voti
Article Rating
45 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tao
Tao
13 Luglio 2016 , 7:52 7:52

Un paese coloniale. Ancora oggi, un secolo e mezzo dopo, manca il collegamento fra le due più grandi città del Mezzogiorno continentale, con enormi danni economici, perdite di tempo: provate a immaginare se non ci fosse linea diretta fra Milano e Torino   La notizia non è il disastro ferroviario; è che nonostante il Sud sia condannato ad avere ancora lunghi tratti a binario unico e non elettrificati e convogli dismessi dal Nord (non è il caso di quelli coinvolti nella tragedia di ieri), non ci siano più incidenti e più morti da piangere. Quei passeggeri sono stati uccisi dalle scelte politiche ed economiche che hanno voluto il Paese diviso in due, fra chi ha molto a spese di tutti, e chi manca del minimo e persino di tutto. Le ferrovie sono una traduzione perfetta del modo in cui si è concepito, costruito e mantenuto un “Paese duale” (Pasquale Saraceno, meridionalista nato a Sondrio). La pochezza della rete ferroviaria del Sud, rispetto a Piemonte e Lombardia, fu usata come argomento per giustificare invasione e annessione del Regno delle Due Sicilie, da parte dei Savoia. Come dire: unire l’Italia, per renderla ferroviariamente alla pari (cosa che non dispiacerebbe ancora oggi; pur… Leggi tutto »

annibale51
annibale51
13 Luglio 2016 , 8:30 8:30
Da cittadino veneto  trovo questo post irritante. E’ il solito piagnisteo di chi vuole sussidi a non finire. Il malcostume meridionale…spendere i soldi degli altri, ancor di più  se sono debiti per le generazioni future. Emerge ancora la concezione distorta dello stato: lo stato sono gli altri, quelli del nord…noi siamo le vittime! Già dal 1571, dalla battaglia di Lepanto, i reggenti dell’ Italia meridionale (penso fossero i Borboni) avevano di che lamentarsi verso la "santa" alleanza che loro erano poveri, che non avevano i soldi per pagare così tante navi per una simile battaglia…la mentalità è quella lì! Si badi, mica l’ autore si lamenta perché la TAV è inutile, che non la vogliono nemmeno al Nord, no no, piange perché al sud non si spende. Mica dicono che non vi potrà mai essere un treno superveloce che colleghi Milano a Venezia senza fermarsi ogni 10 minuti a Vicenza, Verona, Brescia, ecc. ecc. e che l’ Italia non è la Francia dove Lille-Parigi in 45 minuti, ma assomiglia alla Germania dove i TGV non li vogliono e che è meglio investire sulla affidabilità. Poi, mica si sanno ancora i motivi di questo orribile incidente, dov’ erano i controllori? No no, vogliamo la paghetta da mamma e papà…
Peppe
Peppe
13 Luglio 2016 , 9:13 9:13

Lasci da parte le opinioni e si concentri sui numeri, che sono fatti.
Su 4560 milioni di fondi per le ferrovie, il Governo ne ha destinati 4500 da Firenze in su e 60 da Firenze in giù. Aggiungo, a mò di esempio, che mentre la Lombardia ha 2.300 corse al giorno su 9.794.000 abitanti, l’intero Sud ha 1.738 corse al giorno per 19.300.000 abitanti.
Potremmo parlare anche della rete autostradale che ha gli stessi rapporti di discrepanza, così come del digital divide. 
Vede, caro Annibale, che qui non è che i soldi spariscono: qui per tante cose neanche arrivano… Come Matera, a cui fecero costruire la stazione, ma a dimenticarono di portare i binari.

E’ colpa dei Borboni, delle mafie, degli alieni…?

omega86
omega86
13 Luglio 2016 , 9:48 9:48

Figurati se devo leggere ‘ste cose da un evasore…

ottavino
ottavino
13 Luglio 2016 , 9:55 9:55

Anche qui ? Oh, no…..

Se avessero raddoppiato la linea, se avessero messo più soldi, se non ci fosse stato l’errore, se, se, se….
Hamelin
Hamelin
13 Luglio 2016 , 10:12 10:12

La colpa non è solo dei politici ma anche di tutto il sistema clientelare che si è creato e la corruzione morale delle persone .
Fa male secondo me l’autore a buttarla sul Sud contro Nord .
Anche perchè storicamente è accertato che i soldi al Sud spariscono in fretta ( Nessuno sa che fine abbiano fatto i 150 Miliardi della cassa del mezzogiorno , o tutti fan finta di non saperlo ) .

Questi omicidi sono frutto della mentalità degli Italiani ( che non sono diversi dai loro governanti ) .

Ovvero se posso rubo , e finchè sto bene io che me ne frega degli altri …

Basta vedere gente che vende il voto per 80 EUR ( promessi neanche certi ) o per molto meno .

Un popolo di inqui elegge degli iniqui .

Quindi i politici sono lo specchio di molti Italiani ( non di tutti grazie a Dio ).

riefelis
riefelis
13 Luglio 2016 , 10:16 10:16

Quindi che vuoi dire?

ottavino
ottavino
13 Luglio 2016 , 10:19 10:19

Che palle.

gilberto6666
gilberto6666
13 Luglio 2016 , 10:26 10:26

Da incorniciare!

ottavino
ottavino
13 Luglio 2016 , 10:58 10:58

Non è possibile che il nostro "sentire" collettivo venga sempre confinato nel lamento, nel piagnucolare, nella vana ricerca del "colpevole".

Non si vive bene nella società delle ambulanze, della corsa verso il "benessere" e il "progresso" o la crescita, oppure in un posto dove bisogna fare in fretta perchè "Lo stiamo perdendo". Il luogo della eterna emergenza non è un luogo adatto alla vita degli esseri umani.
trigone
trigone
13 Luglio 2016 , 11:01 11:01

Commento disgustoso e irritante.

IVANOE
IVANOE
13 Luglio 2016 , 11:02 11:02

un attimo, un attimo… ma forse non ti fai una domanda.
Come mai il centro-sud è più arretrato rispetto al resto dell’europa ?
Te lo dcio io.
Colpa della gente che ci abita, che soprattutto al sud il clientelismo mafioso è tradizione diffusa tra le gente, pur di non affrontare i problemi che hanno a livello collettivo, grazie alla tradizione da leccaculo che hanno certe popolazioni, si raccomandano al mafioso-camorrista di turno per risolvere uin modo individuale i loro problemi, quindi per avere il loro orticello verde, producono poi i disastri che vediamo sotto gli occhi…
Un pò come i napoletani che prima hanno distrutto il loro ambiente sempre per le solite pastette con la delinquenza locale, adesso scappano e vengono a vivere a roma ma non modificando i loro comportamenti arroganti e prepotenti…
Caro amico mesà che l’evasore c’ha ragione stò giro…
Per completezza centro-sud per me parte da firenze e finisce a catania…tutte città secondo me da rifondare e reiducare i cittadini…quelli soprattutto che sono paraculati…

IVANOE
IVANOE
13 Luglio 2016 , 11:43 11:43

Mi dispiace aver ferito il tuo orgoglio meridionale…e guarda te lo dico io che faccio parte della stessa gente… si caro mio siamo così.., forse tu non osservi bene il tuo mondo, io ci lavoro con questa gente e faccio parte di questa gente e ti posso dire che la loro maleducazione , il senso di non rispetto e guai a trovarteli come capi…perchè fanno gli svizzeri in italia…loro che c’hanno la monnezza che gli copre pure il naso…
Si caro mio hai voglia adesso ad incazzarti perchè trovi sempre qualcuno che ce l’ha con il sud/centro…
Si è pieno di coatti… maleducati, prepotenti ce l’hanno nel dna nel prevaricare…e questo modo di fare fa si che le brave persone scappino dal loro ambiente, il capotreno il capostazione che ha causato la strage ma gli stessi elettori del presidente della regione puglia…chi pensi chi sono ?
Gente opportunista che per salvare il loro orticello hanno fatto come gli struzzi..nascosto la testa sotto la sabbia…
Mi dispiace e dispiace anche a me… ma prova a farti un giro per roma firenze o altre città…e senti cosa pensano dei napoletani…. ( così chiamati ) voce del popolo voce di Dio…

castagna
castagna
13 Luglio 2016 , 11:57 11:57

Visto che rimettete in Home le stesse balle tendenti a parassitare altri soldi al Nord di tale Pino Aprile di cui non ci sono parole per definire il disgusto, visto che configurano una vera e propria apologia di reato e istigazione a delinquere, al meno moralmente, riposto il mio commento. Ma chi è questo? il trombone delle mafie?Questo Pino serve per creare la narrazione pro-mafia? Non possiamo non farci certe domande. 100 miliardi che il Nord butta ogni anno nel Sud non bastano a questi meridionalisti del lamento e del parassitaggio? Ma che gente di merda è? Truffatori professionisti, agenti stampa del malaffare?I meridionali onesti non le sputano in faccia a questa feccia che disonora il buon nome dei meridionali e li fa chiamare terroni? Ancora più soldi vogliono? Perché non se la pagano loro la ferrovia? Questo del meridionalismo d’accatto è il primo e peggiore problema che ha quell’infelice paese chiamato “italia”. E’ il peccato originale. Se non si risolve quello non si risolve niente. Non si risolverà mai niente se non si smette di derubare il Nord e non si mandano a lavorare questi terroni professionisti della truffa e del lamento come questo “ Pino Aprile”. 100 miliardi l’anno non… Leggi tutto »

temuchindallaCina
temuchindallaCina
13 Luglio 2016 , 12:10 12:10

Perfetto, con poche frasi, hai definito benissimo il vero quadro della situazione.

castagna
castagna
13 Luglio 2016 , 12:13 12:13

Dato che volevo rispondere a Matt nel Forum riposto qui il suo intervento e la mia risposta. Matt: “Io in meridione ho visto dei grandi scheletri di zone industriali, capannoni mai terminati. I soldi a babbo morto glieli avranno anche dati, ma assieme ai soldi gli hanno spedito anche tanti truffatori. Industriali che fallivano a portafoglio pieno dopo aver tirato su 4 pilastri. Intere zone industriali fantasma. E quella è solo la parte che si vede. È un piano criminale stabilito, altro che accattoni, li/ci hanno fregati. È la TAV è stata ed e una enorme e costosa puttanata. È io non ho mai chiesto il ban di nessuno, e non comincerò ora anche sei stato molto s*****o con della gente che sono 150 anni che lo prendono nel culo.” Matt cerca di ragionare in vece di dare dello s*****o agli altri. Non si tratta di quattro capannoni, che è la solita sciocca risposta che qualsiasi pidiota e il suo cane danno in questi casi ( forse sono scemenze che leggono su repubblica, non so …. ma come fanno a ripetere sempre le stesse cose in coro? bah..). Si tratta degli stipendi, delle pensioni, delle infrastrutture!!!… Lo capisci cosa sono… Leggi tutto »

Holodoc
Holodoc
13 Luglio 2016 , 12:14 12:14

Nord o sud che sia, se il popolo non si unisce e non fa valere le proprie ragioni verrà sempre messo sotto i piedi.Dove il popolo si unisce, riesce, a volte, ad ottenere quello che vuole. Non ci credete? Vi cito un esempio recentissimo. Da anni a Firenze e dintorni si sono formati comitati di cittadini per fermare la costruzione dell’inceneritore, il cui progetto è stato voluto, deliberato e pubblicizzato da TUTTE le autorità locali coinvolte, a partire dal Comune di Sesto Fiorentino (dove dovrebbe essere situato), passando a quello di Firenze, dalla ex Provincia e anche dalla Regione Toscana, che sono DA SEMPRE FEUDO INESPUGNABILE DEL PARTITO DEMOCRATICO. I cittadini della "Piana" (così è chiamata la pianura di Firenze) si sono riuniti in COMITATI AUTOFINANZIATI ( Mamme No Inceneritore [www.mammenoinceneritore.org], perUnaltracittà [www.perunaltracitta.org], Salute della Piana [www.pianasana.org], etc) per INFORMARE su i pericoli per la salute e sulle bugie dei politici, e per coordinare azioni di protesta civile quali cortei e concerti. Grazie al loro impegno alle ultime elezioni comunali di Sesto è stato scelto un sindaco non del PD ed è la PRIMA VOLTA DAL DOPOGUERRA!!! A seguito di questa debacle, anche i politici PD che si erano schierati … Leggi tutto »

Leo_Pistone
Leo_Pistone
13 Luglio 2016 , 12:59 12:59

Dopo l’aver subito per tutta la vita servizi di livello pietoso, e ora dover piangere le vittime di politiche governative inqualificabili, mi sembra giusto che gli abitanti del sud Italia si facciano carico del razzismo riversato su di loro dai civilissimi abitanti del nord, nati, cresciuti e pasciuti con la pappa fatta e i servizi migliori.

A spese ovviamente degli abitanti di tutta la penisola.
Vocenellanotte
Vocenellanotte
13 Luglio 2016 , 13:01 13:01

C’è del vero sia nel post che in molti altri commenti critici verso il vittimismo del Sud.

Parlo con cognizione: nato a Caltanissetta, vissuto 10 anni a Salerno, 17 a Roma, 5 a Grosseto, 35 a Milano . . . .
Le vittime sono quelli che non vanno a votare perché "sono tutti uguali". Gli sta bene.
E le vittime innocenti di oggi verranno presto dimenticate.
Credo sia un tratto infantile comportamentale di tipo genetico.
sfruc
sfruc
13 Luglio 2016 , 13:22 13:22

@castagna prima di sparare sciocchezze seriali, dovresti ascoltare con attenzione ciò che spiega il Prof. Claudio Borghi Aquilini (parlamentare della Lega Nord, se non erro) riguardo a un’unica moneta in zone diverse per struttura e capacità economica; solo che dovresti sostituire alle parole Germania e Italia quelle di Nord e Sud Italia, almeno per il periodo 1860-2001.  Borghi (giustamente) sostiene che un simile sistema (in quel caso l’Euro) non può funzionare senza i trasferimenti di spesa dal centro (che si avvantaggia di un mercato privilegiato nella periferia) alla periferia (che è svantaggiata dall’avere una moneta troppo forte per la sua struttura economica). Ossia proprio quei trasferimenti che la Germania rifiuta alla periferia europea e che tu – sempliciotto proto-leghista e non attual-leghista – reputi illegittimo dal Nord al Sud Italia. Se tu studiassi Borghi (della Lega Nord, ripeto) magari nella tua zucca rancorosa entrerebbe qualcosa di diverso dagli STESSI identici pregiudizi infondati che noi italiani – polentoni e terroni tutti insieme – dobbiamo sorbirci da tedeschi e soci. Poi, certo, criminali e piagnoni stanno dovunque, pure al Mose e pure all’Expo o alle coop rosse, oltre che al Sud corrotto e mafioso.  Ma il problema STRUTTURALE è ben altro. E… Leggi tutto »

riefelis
riefelis
13 Luglio 2016 , 14:05 14:05

Quindi per te: "Sono 150 anni che il Nord paga in tasse
più di quanto riceva, e 150 anni che il Sud riceve molto di più di
quanto paghi. Ciò è stato molto più vero negli ultimi 70 anni, da
quando abbiamo perso la Guerra e i vincitori hanno imposto
l’Ipermeridionalismo di Stato proprio per abbatterci. Le capisci
certe cose? Così come la costruzione del cesso “italia” fu
fatta per contenerci, ed abbatterci".

Semplicemente farneticante, delirante…

mago
mago
13 Luglio 2016 , 14:09 14:09

Non dimenticatevi che al 90 % la classe cosidetta dirigente, polizia carabibnieri Gguardia di finanza magistratura manager di stato è di origine meridionale…fatevi 2 conti.

natascia
natascia
13 Luglio 2016 , 14:09 14:09

Trovo che questo sia l’unico ragionamento sensato. Da veneta vedo al sud gli stessi sperperi insensati che al nord.  

Chigi
Chigi
13 Luglio 2016 , 14:29 14:29

Hai citato 2 o 3 volte i 100 miliardi/anno al sud, hai una fonte da fornire?

GioCo
GioCo
13 Luglio 2016 , 15:01 15:01

Mi stringo come povero tra i poveri, con reddito appena sufficiente ad affrontare le mie giornate, con chi è ancora ricco abbastanza da non essere disperato. La disperazione non è paura, non si raggiunge tramite "paura", è una specifica forma di panico acuto, uno stato confusionale "di chi non ha più alcuna speranza ed è perciò oppresso da inconsolabile sconforto e da grave abbattimento morale" [ fonte [www.treccani.it]]. La disperazione quindi è la caratteristica dell’abbattimento della speranza: "Lasciate ogni speranza o voi che entrate … ", non "ogni coraggio" o "ogni affetto" … perchè?Dante ci avvisò che l’Inferno non è un posto senza amore, senza legami affettivi, tant’è che apre la sua fiera degli incontri infernali con Paolo e Francesca, ma dove gli stessi "legami" non sono più riproducibili in quanto manca la speranza e l’unica cosa che si riprodude al loro posto è disperanzione infinita.Di contro la saggezza popolare recita " chi muore sperando muore penando [dettieproverbi.it]". Ma non è in contraddizione, infatti il peso della frase può spostarsi verso la pena, suggerendo che chi muore senza rinunciare alla sofferenza, perché ha imparato a integrarla come parte della vita e non vuole rifiutarla, dona speranza a chi rimane e… Leggi tutto »

whugo
whugo
13 Luglio 2016 , 15:52 15:52

Francamente articolo ed alcuni commenti fanno letteralmente cadere le braccia, il sud fu stuprato da una banda di criminali (Savoia, i gloriosi mercenari definiti i millee il suo capo massone ladro di cavalli e schiavista Garibaldi) al soldo di potenze estere per i loro interessi geostregici ed economici. I suoi patrioti trucidati per conto e per mano degli stessi eroi del risorgimento e vilipesi con l epiteto di briganti. Ai suddetti eroi sono dedicate strade, piazze,aeroporti,stadi cinema e ogni qualsivoglia luogo pubblico. Un secolo più tardi, o poco più parte la deindustrializzazione  del bel paese per opera delle medesime potenze straniere, si svende il bene pubblico si svende la sovranità monetaria, si svendono le strutture migliori a privati, di fatto si ferma l ammodernamento delle infrastrutture,si elimina professionalmente e fisicamente chi si oppone a questa deriva tragica mentre coloro che agevolano questo processo invece di essere macchiati Dell infamia di alto tradimento verso il popolo accedono tutti e dico tutti nessuno escluso alle più alte cariche istituzionali italiane ed europee. Oggi anno del Signore 2016, mi tocca leggere commenti sulla dicotomia evasori/fancazzisti, polentoni/terrone, nord sviluppato/ sud arretrato ( rendo noto che l Italia ha perso il 25% della sua industria… Leggi tutto »

TitusI
TitusI
13 Luglio 2016 , 17:12 17:12

2016 L’Italia in ginocchio! La colpa è dei Savoia!! Da NAPOLETANO Pino Aprile: Tu vuoi male al SUD e lo vuoi consegnare alla dittatura Bancaria paneuropea, insomma stai coi massoni! Questo potrei dirti, ma a me piace chi si informa e mi piace quanto dice e che sia detto, se solo non dimentiscassimo un paio di cosette tipo: Ma le poche ferrovie del sud QUANDO sono state fatte? E da chi? E poi l’EUrodittatura aveva già finanziato il secondo binario…si, ma …un momento: I FONDI EUROPEI VENGONO DALLE NOSTRE TASSE DI ITALIANIl’ euRODITTATURA NON CI DA UN CAZZO!! Anzi di quel che paghiamo ci torna solo il 60% il resto va a finanziari i paesi in cui le nostre aziende trasferiscono le produzioni (si, diventiamo disoccupati GRAZIE alle nostre tasse)Inoltre ce li ridà vincolati a capitoli di spesa scelti da loro!!! Vuoi curare i vecchi? NON PUOI fai le rotonde ninno! Fai il tav… Paghiamo le tasse all’ Italia (brutta brutta l’Italia) , l’ Italia le gira all’EUrodittatura che ce ne ridà un po’ (bella l’URodittatura fa mangiare i politicanti corrotti del Nord…e del SUD). E TU PENSI AI SAVOIA NON PER FARE STORIA (GIUSTO)MA POLITICASULLA PELLE DI NOI, NOI,… Leggi tutto »

Eshin
Eshin
13 Luglio 2016 , 17:28 17:28

In Sicilia la popolazione contro il MUOS 

orckrist
orckrist
13 Luglio 2016 , 19:34 19:34

Pappa fatta e servizi migliori?
Sono gli uomini che fanno i servizi.
Un paio di esempi uno vecchio l’altro più recente:

Terremoto del Friuli, 1979: ricostruzione completa senza chiedere aiuto a nessuno ( ma accettando l’aiuto di chi volle darlo.

Alluvione in Veneto, 2010: Vicenza resa agibile in una settimana, il grosso dei danni nel padovano recuperato in due mesi grazie ai volontari mentre i media nazionali fingono di non vedere.

idea3online
idea3online
13 Luglio 2016 , 19:39 19:39

Ottimo articolo perchè ci aiuta a "restare sereni" ricordando le origini del problema. Toccante è quando dice:

costringendo venti milioni di persone a collegamenti con velocità medie inferiori a quelle di un secolo fa ma a prezzi, di fatto, più alti che nel resto del Paese e con vere e proprie truffe….
E pensare che……
La ferrovia Napoli-Portici fu la prima linea ferroviaria costruita in territorio italiano, nel regno delle Due Sicilie; inaugurata il 3 ottobre1839 era a doppio binario…..
Teopratico
Teopratico
13 Luglio 2016 , 19:45 19:45

É rimasto solo GioCo, per il resto i commenti di questo sito sono quasi sempre disgustevoli. Ma lo so che non ve ne importa niente, vi sentite così grandi con la tastiera in mano, tanto siete miseri nell’animo, pieni di odio e frustrazione. Seminate, seminate e aspettate la tempesta che dia un senso ad una esistenza evidentemente penosa.

Maciste
Maciste
13 Luglio 2016 , 20:25 20:25

Parlare di linee a binario unico come se fossero quelle la cuasa della strage è vergonoso. In Svizzera, ci sono moltissimi tratti  binario unico e nessuno pensa a raddoppiarli per questioni di sicurezza.Chi pensa che il consenso telefonico sia antiquato si sbaglia di grosso: un sistema automatico puö andare in errore, ma come farebbe un capotreno al teleono a sbagliarsi sul fatto che sta o meno per partire?Il problema è diverso: c’era o non c’era il capostazione in quelle stazioni. Perchè in un sistema a controllo umano, se un macchinista non ha avuto l’ok del capostazione non parte. E il capostazione, come ha fatto a non accorgersi di avere dato l’ok senza aver ricevuto comunicazione di via libera?Non è la tratta che è "antiquata", secondo i vostri criteri sarebbe "antiquata" gran parte della Svizzera: è successo qualcosa di  molto strano e si spera che la magistratur faccia chiarezza molto in fretta.Quanto ai commenti razzisti, anche se il post è davvero stimolante per dire cagate, potreste avere la decenza di dirle con i vostri amici al bar.In generale: è evidente che molti non sanno un cazzo di sicurezza e anche che molti sfruttano persino le tragedie per il loro tornaconto personale,… Leggi tutto »

Teopratico
Teopratico
13 Luglio 2016 , 20:50 20:50

Ecco per me questo è il commento più utile che sia stato scritto, sono felice di dovermi ricredere…

MarioG
MarioG
13 Luglio 2016 , 22:52 22:52

Infatti e’ un bel mistero. Con una 70 mld annui di trasferimenti al sud, hanno i "rapporti di discrepanza". Pero’ dei trasfermenti non si lamentano mica…

Truman
Staff
13 Luglio 2016 , 23:34 23:34

Intanto un grazie a Pino Aprile che dice esplicitamente chi sono i criminali. Poi si, certamente il binario unico concorre fortemente al disastro, un bambino dell’asilo lo può capire, un adulto spesso lo nega, ma qui servirebbero discorsi lunghi. Poi il telefono è stato inventato alla fine dell’800, diciamo oltre un secolo fa, certamente è antiquato. Sicuramente un difetto del telefono è che esso è soggetto a fraintendimenti, da questo punto di vista può essere visto come un regresso rispetto al telegrafo. D’altro canto il telefono non necessariamente garantisce l’identità di chi parla. Non è importante sapere come ha fatto il capostazione a sbagliare, questo riguarda la magistratura, ma dal punto di vista della sicurezza: 1) si sa che gli uomini a volte fanno errori, tutti i sistemi di sicurezza sono pensati per evitare l’errore umano o almeno limitare le conseguenze; 2) in tutti i sistemi critici (per esempio che riguardano vite umane) si tende a duplicare o n-uplicare i controlli; 3) nella linea in cui è successo l’incidente non c’era alcun sistema di sicurezza; 4) ho verificato che ci sono numerose ferrovie a binario unico in Svizzera, ma esistono anche numerosi sistemi di sicurezza anche per le linee a… Leggi tutto »

castagna
castagna
13 Luglio 2016 , 23:43 23:43

Bah.. Mi sembra una domanda strana. E’
un dato ben risaputo ed è uno dei dati fondamentali della situazione
socio politica italiana.

Comunque chi fosse proprio a digiuno di
politica lo può trovare per esempio qui:
http://www.cgiamestre.com/articoli/22230 [www.cgiamestre.com]

http://scenarieconomici.it/dati-regionali-2012-shock-residuo-fiscale-saldo-attivo-per-95-miliardi-al-nord/ [scenarieconomici.it]

https://it.wikipedia.org/wiki/Residuo_fiscale

Ma tieni presente che è ampiamente
sottostimato perché si riferisce a quello che possiamo chiamare il
solo danno emergente e non all’enorme lucro cessante, a tutto
l’indotto, al costo delle inefficienze.

castagna
castagna
13 Luglio 2016 , 23:48 23:48

Lette qualche righe.

Mica pretenderai che mi metta a
discutere con un inutile cretino accattone come te?

Magari prova a moderare i termini, tu e
quell’altro s*****o dell’Aprile che si permette di dare degli
“assassini razzisti” a chi ha invece aiutato lui e la sua gente.

Cani che mordono la mano che li sfama.

Matt-e-Tatty
Matt-e-Tatty
14 Luglio 2016 , 9:43 9:43

Castagna, premetto che ritengo "s*****o" il tuo commento, o te puntualmente per questo tuo commento. Non ti conosco nella vita, non prenderla come una cosa personale, non lo ho scritto per insultarti. La stessa cosa la posso dire di tante cose che ho scritto io, ma non per questo sono uno s*****o, solo in alcune occasioni. Ciò che chiamiamo "benessere" è in realtà l’economia, l’occupazione, del paese industrializzato. Non esiste un paese "ricco" non industrializzato, te lo dice anche la storia di paesi con molta redistribuzione come Cuba… quasi fanno la fame, per i nostri standard sono paesi poveri, da nord del mondo hanno sanità ed istruzione, ma per il resto si può dire che sono poveri. L’Italia è uno dei paesi più industrializzati del mondo, ma l’industria è nata tardi e in alcune aree. Divago un attimo: io vivo in una delle regioni più industrializzate, l’Emilia Romana. Nei primi del secolo aprirono una scuola a Bologna, investimento dello Stato, in cui si insegnavano i principi di funzionamento dei motori a scoppio. Quegli studenti poi iniziarono a costruire motori (soprattutto per uso agricolo che era il settore dominante), ed è quello il motivo per cui quasi tutti gli autodromi dell’Italia sono "in… Leggi tutto »

Maciste
Maciste
14 Luglio 2016 , 10:36 10:36

Diciamo che si fa una certa confusione fra "telefonata" e dispaccio telefonico.Il sistema del blocco telefonico non prevede una "telefonata fra amiconi" per dare il via libera, ma segue un preciso protocollo per dare il via libera, per altro è praticamente lo stesso protocollo che viene eseguito anche in modo automatico.E la procedura che si avviava anche via telegrafo, sui fili della linea stessa, i cui esiti vengono poi riportati su registri in stazione.Procedura:1. Il capostazione della linea che deve partire invia un dispaccio telefonico chiedendo la abilitazione alla partenza2. Il capostazione della stazione successiva se non esistono treni partiti dalla sua stazione invia un dispaccio telefonico che abilita la partenza.3. Il capostazione della stazione da cui il treno deve partire, invia un dispaccio telefonico dicendo che il treno parte dalla stazione.4. il capostazione della stazione di arrivo invia un dispaccio di "ricevuta partenza"Non ci sono margini di errore in questo tipo di procedura che è  troppo strettamente codificata ed usata in tutto il mondo, dove per altro sin dall’800 erano in grado di deviare treni su linee morte in caso di problemi.I "moderni" sistemi automatici di controllo non fanno altro che ripetere elettronicamente questi semplicissimi passaggi, solo che ,… Leggi tutto »

sfruc
sfruc
14 Luglio 2016 , 11:22 11:22

Grande GioCo. Complimenti

donjuan
donjuan
14 Luglio 2016 , 20:41 20:41

Straquoto !

donjuan
donjuan
14 Luglio 2016 , 20:48 20:48

Si , la maggior parte dei commenti mi lasciano basito..manco fossimo su fb .

donjuan
donjuan
14 Luglio 2016 , 21:46 21:46
Grazie GioCo , bravo!
omega86
omega86
15 Luglio 2016 , 9:35 9:35

Degno specchio della miseria intellettuale radicata nel paese.
Guardano il dito e ne vanno anche fieri.

Come si può avere pietà per un simile popolo?

adestil
adestil
15 Luglio 2016 , 18:09 18:09

IVANOE e annibale 51 che incolpano i cittadini del sud per la loro cultura e della loro mafiosità,sono purtroppo la conseguenza della ignoranza diffusa!Che si fa? Lo fanno d’altronde i tedeschi con noi/loro (vedi i commenti prima della partita italia germania che erano prettamente politici,che se avessero potuto farlo ci avrebbero invasi e conquistati purtroppo per loro le unghie gliele hanno spuntate nel 45),ed intanto con si rendono conto che anche loro hanno i mini job che la ricchezze è sempre più concentrata e che deutsche bank è ad un passo dal tracollo e con loro affonderà tutto il popolo tedesco e più ancora.. costoro,ivano e annibale,non sanno per cultura o per volontà.. intanto la mafia va dove stanno i soldi e quindi sta al nord e possiede i titoli di borsa dove va tutto il ricicliato dei soldi della droga,armi prostituzione,evasione..altrimenti avrebbe chiuso da tempo.. lo sanno costoro? Costoro non capiscono che gli architetti dell’UE a trazione nordista sono gli stessi architetti dell’italia unita a trazione nordista.. ammenochè non vogliano pensare che chi sta al caldo è inferiore(perchè allora anche loro sarebbero inferiori ai tedeschi e gli eschimesi superiori a tutti,il che evidentemente non è!) dovrebbero iniziare a studiare… Leggi tutto »