Sentenza Covid, giudice condanna il lockdown: una “decisione catastroficamente sbagliata”

Da Nogeoingegneria.com

Con questo titolo, FOCUS Online ha annunciato un verdetto molto esplosivo che sta causando turbolenze. La notizia ha trovato diffusione anche su altri giornali mainstream. Mentre si parla seriamente dell’apertura di strutture carcerarie per chi non rispetta le ordinanze anti-covid, un giudice tedesco sta mettendo in discussione l’intera politica di lockdown della Germania. Nella sentenza di 19 pagine, il giudice distrettuale Matthias Guericke analizza fino all’ultimo dettaglio l’ordinanza anti-covid emessa nella primavera del 2020.   “È la prima sentenza che, in modo molto approfondito e con grande comprensione della Legge fondamentale, del principio dello stato di diritto e del principio di proporzionalità, dimostra davvero in modo eccellente perché questo divieto di contatto è incostituzionale”, commenta l’avvocato Beate Bahner.

Un giudice distrettuale a Weimar: le ordinanze anti-covid sono incostituzionali

Un giudice distrettuale di Weimar ha assolto un uomo che doveva essere multato per aver violato il divieto di contatto per aver festeggiato il suo compleanno con almeno altre sette persone provenienti da un totale di otto famiglie, sei ospiti di troppo secondo l’ordinanza sul Coronavirus della Turingia. (n.d.r. 200Euro) La sentenza del giudice è impietosa: L’ordinanza sul coronavirus è incostituzionale e sostanzialmente inaccettabile.

Per la prima volta, un giudice ha esaminato accuratamente i fatti medici, le conseguenze economiche e l’impatto di politiche specifiche.

Un elemento fondamentale dello Stato di diritto è il requisito che le leggi siano univoche. Le leggi non possono emettere dei semplici ordini generici e favorire così l’interpretazione da parte delle autorità secondo il proprio piacimento e quindi l’arbitrarietà. In conformità con la legge sulla protezione dalle infezioni, “l’autorità competente adotta le misure di protezione necessarie.”  Nel funzionamento normale, questo significa che le persone contagiose o presumibilmente contagiose possono essere isolate o i locali contaminati possono essere chiusi.

La legge sulla protezione dalle infezioni non prevede un divieto generale di contatto che includa anche le persone sane. Tuttavia, come molti tribunali amministrativi hanno sostenuto finora, un superamento del quadro normativo della legge sulla protezione dalle infezioni oltre il corso normale potrebbe essere giustificato se si trattasse di un “evento senza precedenti”, così nuovo che il legislatore non avrebbe potuto regolamentare in anticipo.

Il giudice non accetta questa scusa:

Già nel 2013, al Bundestag è stata sottoposta un’analisi del rischio di una pandemia causata da un “virus Modi-SARS”, elaborata in collaborazione con l’Istituto Robert Koch, che descriveva uno scenario con 7,5 milioni (!) di morti in Germania in un periodo di tre anni e discuteva le misure antiepidemiche per una tale pandemia (Carta stampata del Bundestag 17/12051). Il legislatore avrebbe quindi potuto esaminare le norme della legge sulla protezione dalle infezioni in relazione a tale evento, considerato quanto meno “in una certa misura probabile” (classe di probabilità di accadimento C), e adattarle se necessario. Questo fallimento politico, a causa del quale la Germania si era ritrovata praticamente impreparata all’epidemia – senza precauzioni legali per combatterla, senza scorte di mascherine, indumenti protettivi e attrezzature mediche – non può ora far sì che la politica sia autorizzata a tappare qualsiasi lacuna normativa come meglio crede.

Questo è particolarmente vero perché una situazione epidemica, cioè la base per estendere le norme di controllo delle infezioni, non esiste (o non esiste più).
Già in primavera, il numero di persone infette e malate era diminuito, il lockdown era quindi arrivato troppo tardi ed è stato in generale inefficace.

Un pericolo concreto di sovraccaricare il sistema sanitario a causa di “un’ondata” di pazienti COVID-19 non si è quindi mai presentato. Come si può vedere dal registro di terapia intensiva DIVI creato solo il 17.03.2020, almeno il 40% dei letti di terapia intensiva in Germania erano liberi in marzo e aprile. In Turingia, 378 letti di terapia intensiva sono stati segnalati come occupati il 03.04.2020, 36 dei quali con pazienti COVID- 19. Questo rispetto a 417 (!) letti liberi. Il 16.04.2020, due giorni prima dell’emissione del decreto, 501 letti di terapia intensiva erano segnalati come occupati, 56 dei quali con pazienti COVID-19. Questo è in contrasto con 528 (!) letti liberi … Il numero massimo di pazienti COVID-19 riportato in Turingia in primavera è stato di 63 (28 aprile), il numero di pazienti COVID-19 non era quindi in nessun momento in una fascia in cui si doveva temere un sovraccarico del sistema sanitario.

Questa valutazione dei pericoli effettivi derivanti da COVID-19 nella primavera del 2020 è confermata da un’analisi dei dati relativi alla contabilità di 421 ospedali della iniziativa Quality Medicine, che è giunta alla conclusione che il numero di casi di SARI (SARI = grave infezione respiratoria acuta) trattati come pazienti ricoverati in Germania nella prima metà del 2020, con un totale di 187.174 casi, era in realtà inferiore a quello della prima metà del 2019 (221.841 casi), anche se questo includeva casi di SARI legati a COVID. Secondo questa analisi, anche il numero di casi di terapia intensiva e di uso di ventilazione è stato inferiore nella prima metà del 2020 rispetto al 2019.

Le statistiche di mortalità presentano un quadro simile. Secondo un’analisi specifica dell’Ufficio Federale di Statistica, 484.429 persone sono morte in Germania nella prima metà del 2020, rispetto a 479.415 nella prima metà del 2019, 501.391 nel 2018, 488.147 nel 2017 e 461.055 nel 2016. In base a ciò, sia nel 2017 che nel 2018, ci sono stati più decessi nella prima metà dell’anno che nel 2020.

Le previsioni allarmistiche che hanno influenzato significativamente la decisione sul lockdown in primavera… si basavano inoltre su idee sbagliate in merito alla letalità del virus (la cosiddetta infection fatality rate = IFR)   e sulla presenza o assenza di immunità di base al virus nella popolazione .. Secondo un metastudio dello scienziato medico e statistico John Ioannidis, uno degli scienziati più citati al mondo, pubblicato in ottobre in un bollettino dell’OMS, il tasso medio di letalità è dello 0,27%, corretto in 0,23%, e non è quindi superiore a quello delle epidemie di influenza moderatamente gravi.

La conclusione del giudice: non c’erano “lacune intollerabili di protezione” che avrebbero giustificato il ricorso a disposizioni generali. Queste misure víolerebbero la dignità umana, che è invece “inviolabilmente garantita” dall’articolo 1, paragrafo 1 della della Costituzione.

Questo è un enorme rimprovero al governo federale. È notevole la disinvoltura con cui il giudice di Weimar riassume la discussione durata mesi:

Con il divieto di contatto, lo Stato – anche se con buone intenzioni – attacca le fondamenta della società imponendo la distanza fisica tra i cittadini (“distanziamento sociale”). Fino al gennaio 2020, quasi nessuno in Germania poteva immaginare che lo Stato potesse proibire di invitare i propri genitori a casa con la minaccia di una multa, a meno che non mandasse gli altri membri della famiglia fuori di casa per il tempo in cui erano lì. Quasi nessuno poteva immaginare che a tre amici potesse essere proibito di sedersi insieme su una panchina del parco. Mai prima d’ora lo Stato aveva preso in considerazione l’idea di ricorrere a tali misure per combattere un’epidemia.  Non è considerato nemmeno nell’analisi di rischio “Pandemia dovuta al virus Modi-SARS” (BT-Drs. 17/12051), che dopo tutto ha descritto uno scenario con 7,5 milioni di morti, un divieto generale di contatto (così come il coprifuoco e l’ampia chiusura della vita pubblica). Per quanto riguarda le misure antiepidemiche, oltre alla quarantena delle persone in contatto con persone infette e all’isolamento delle persone infette, vengono menzionate solo la chiusura delle scuole, l’annullamento di grandi eventi e le raccomandazioni igieniche (BT-Drs. 17/12051, p. 61f). Nel frattempo, gran parte della gente si è quasi rassegnata alla Nuova Normalità.

Secondo il giudice, tuttavia, ciò che prima era interpretato come una vita “normale” è ora reinterpretato come un reato penale:

” Sebbene sembra che durante i mesi della crisi di Coronavirus ci sia stato uno spostamento dei valori, con il risultato che gli eventi prima considerati assolutamente eccezionali sono ora percepiti da molte persone come più o meno ‘normali’ , il che naturalmente cambia anche la prospettiva della Legge fondamentale, dopo quello che è stato detto, non ci dovrebbe essere di per sé alcun dubbio che con un divieto generale di contatto lo Stato costituzionale democratico viola un tabù – finora considerato del tutto palese.”

Inoltre, e come aspetto da considerare separatamente, si deve notare che con il divieto generale di contatto allo scopo di proteggere dal contagio, lo Stato tratta ogni cittadino come un rischio potenziale per la salute di terzi. Se ogni cittadino è considerato come un pericolo da cui gli altri devono essere protetti, viene allo stesso tempo privato della possibilità di decidere a quali rischi si espone, cioè di una libertà fondamentale. Se il cittadino si reca in un caffè o in un bar la sera e accetta il rischio di contagio con un virus respiratorio per il desiderio di socialità e gioia di vivere, oppure se è più cauto perché ha un sistema immunitario indebolito e quindi preferisce rimanere a casa, non spetta più a lui decidere nel momento in cui si applica un divieto generale di contatto.”

Il giudice distrettuale esamina meticolosamente gli studi che mostrano quanto sia inefficace il provvedimento di divieto di contatto.

Egli valuta le restrizioni alla libertà in relazione al fatto che la protezione è stata trascurata nelle case di riposo, mentre le persone meno vulnerabili non possono più uscire di casa.

Allo stesso tempo, il giudice si occupa intensamente dei danni collaterali delle decisioni di blocco, che stanno diventando sempre più evidenti:

(1) La perdita di profitti/profitti di imprese/commercianti/freelance che sono conseguenze dirette delle restrizioni di libertà a loro imposte.

(2) Decrementi/perdite di profitto di aziende/artigiani/liberi per le conseguenze indirette delle misure di lockdown (ad es. perdite di guadagno dei fornitori delle aziende direttamente colpite; perdite di reddito derivanti dalla interruzione delle catene di approvvigionamento, che portano ad es. a perdite di produzione; perdite di reddito derivanti dalle restrizioni di viaggio).

(3) Perdite di salario e di stipendio dovute al lavoro ad orario ridotto o alla disoccupazione

(4) Fallimenti/distruzione dei mezzi di sussistenza

(5) Costi conseguenti ai fallimenti/distruzione dei mezzi di sussistenza.

I dati che stanno alla base dell’analisi provengono da una perizia del Prof. Murswiek. Durante l’estate, ha criticato che la chiusura di marzo sia stata costituzionale solo in parte. Inoltre le proibizioni delle assemblee in generale non erano compatibili con la Legge Base. E soprattutto, ha detto, il governo federale avrebbe deciso senza una comprensibile giustificazione fattuale e non avrebbe presentato un’analisi costi-benefici.

Le conseguenze devastanti della politica Corona

“La maggior parte di questi danni saranno abbastanza identificabili. Sono certamente giganteschi nell’insieme. Si può avere un’idea della loro dimensione considerando le somme che lo stato sta iniettando nel ciclo economico come aiuto Corona. Il cosiddetto “scudo Corona” deciso dal governo federale comprende 353,3 miliardi di euro di sovvenzioni e altri 819,7 miliardi di euro di garanzie, vale a dire un totale di oltre 1 trilione di euro. Si tratta, come dice il governo federale, del più grande pacchetto di aiuti nella storia della Germania. A questo si aggiungono gli aiuti degli stati federali. Dato che gli aiuti di Stato sono in gran parte costituiti da prestiti o garanzie di prestito, non sono necessariamente accompagnati da perdite altrettanto elevate nel settore privato. D’altra parte, le perdite private saranno in ogni caso molto più grandi della compensazione statale oppure delle somme versate come fondi perduti.

Mai prima d’ora nella storia della Repubblica Federale Tedesca perdite economiche di questa portata sono state causate da una decisione statale. Per quanto riguarda la valutazione dei danni al settore privato e alle famiglie, si deve tener conto del fatto che le perdite sono state o saranno compensate in parte dalle prestazioni statali. I benefici statali riducono quindi il danno economico alle entità economiche private. Tuttavia, non riducono il danno economico complessivo, perché gravano sui bilanci pubblici e quindi, in definitiva, sui contribuenti. Questi costi non devono essere dimenticati quando si calcolano le conseguenze del Lockdown”.

Come ulteriori conseguenze il giudice elenca e dimostra:

– l’aumento della violenza domestica contro i bambini e le donne

– Aumento della depressione a causa dell’isolamento sociale/della psicosi/dei disturbi d’ansia dovuti alla corona

– Ansia e altri disturbi mentali/sovraccarico nervoso dovuto a problemi familiari/personali/professionali come risultato del lockdown.

– Aumento dei suicidi, per esempio, come risultato della disoccupazione o della bancarotta

– Danni alla salute come risultato della mancanza di esercizio fisico.

– Omissione di operazioni e di trattamenti stazionari perché i letti d’ospedale erano riservati ai malati di corona.

– Omissione di operazioni, trattamenti stazionari, visite mediche perché i pazienti temevano il contagio con il Covid-19.

La conclusione del giudice è durissima, e in un ulteriore punto menziona anche il danno causato in molti paesi del sud che dipendono economicamente dalla Germania:

“Sulla base di ciò che è stato detto, non c’è dubbio che le morti attribuibili alle misure della politica del lockdown superano di molte volte il numero di morti prevenute dal lockdown. Già solo per questa ragione, le norme da valutare qui non soddisfano il requisito di proporzionalità. Inoltre, ci sono le restrizioni dirette e indirette della libertà, i giganteschi danni finanziari, gli immensi danni alla salute e i danni immateriali.

  La parola “sproporzionato” è troppo imprecisa per poter anche solo alludere alle dimensioni di ciò che sta accadendo. La politica di lockdown perseguita dal governo regionale in primavera (e ora di nuovo), nella quale il divieto generale di contatto era (ed è) una componente essenziale, è una decisione politica catastroficamente sbagliata con conseguenze drammatiche per quasi tutti i settori della vita delle persone, per la società, per lo stato e per i paesi del Sud del mondo”.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria, titolo: “SPETTACOLARE SENTENZA COVID: IL GIUDICE CONDANNA IL LOCKDOWN UNA “DECISIONE CATASTROFICAMENTE SBAGLIATA

Fonte originale: https://2020news.de/amtsrichter-in-weimar-corona-vo-verfassungswidrig/

Segnalato da Filippo Della Santa, pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

0 0 voti
Valuta l'articolo
54 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Truman
Truman
25 Gennaio 2021 , 2:25 2:25

Una nota: nel testo è stata tradotta la parola tedesca “Grundnorm” con “legge fondamentale”, il che letteralmente è corretto. Va chiarito comunque che si tratta della Costituzione tedesca.

oriundo2006
oriundo2006
Reply to  Truman
25 Gennaio 2021 , 3:46 3:46

Forse, per ipotesi, GrundNorm e’ termine che se scelto allude alla ‘base’ del diritto positivo, ovvero alla Legge Naturale, prima ancora che a quella ‘positiva’. In questa mia interpretazione, la scelta farebbe risaltare la tutela prioritaria della conservazione dei rapporti naturali fra esseri umani ‘sociali’. E’ dunque qualcosa di piu’ del GrundGesetz: ne e’ la sua origine.

Simsim
Simsim
Reply to  oriundo2006
25 Gennaio 2021 , 3:51 3:51

Credo questo, come dice Mark qua sotto, costituzione é Grundgesetz. I tedeschi hanno duemila parole per la stessa cosa proprio per identificare i casi diversi, e con i termini sono normalmente estremamente precisi.

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  Simsim
25 Gennaio 2021 , 12:15 12:15

Il testo l’ho tradotto io. Il Grundgesetz tedesco non è la Costituzione ( e lo è) , e questo crea anche confusione e difficoltà di scegliere nei contesti la parole giusta. ” Il maggio 1949 segnò anche la nascita della Repubblica Federale di Germania. Tuttavia, mancava di attributi decisivi: La Legge fondamentale non era una costituzione. Né è stato ratificato dal popolo in un referendum.” https://www.bpb.de/geschichte/deutsche-geschichte/grundgesetz-und-parlamentarischer-rat/39014/warum-keine-verfassung#:~:text=Das%20Grundgesetz%20war%20keine%20Verfassung&text=Mai%201949%20ist%20zugleich%20die,Volk%20in%20einem%20Referendum%20ratifiziert.

Mark Mutter
Mark Mutter
Reply to  Truman
25 Gennaio 2021 , 3:01 3:01

Lo stesso dicasi per “Legge Base”, che nel testo traduce acnh’esso “Grundgesetz” (che è il termine in realtà utilizzato in Germania per riferirsi alla Costituzione).
Grazie per l’articolo.

AlbertoConti
AlbertoConti
25 Gennaio 2021 , 3:03 3:03

I tedeschi, dopo averci trombato economicamente, possono permettersi il lusso di invocare la loro Costituzione. Noi no, da bravi cornuti e mazziati dobbiamo tacere, fare strame della nostra Costituzione, nel testo molto più bella della loro, ma forse meno pragmatica. E di questo dovremo tenerne conto, d’ora in poi.

Annibal61
Annibal61
Reply to  AlbertoConti
25 Gennaio 2021 , 3:54 3:54

“ma forse meno pragmatica” condivido, quindi di fatto inutile se non deleteria. Credo sia stato lo stesso pensiero dei generali americani di occupazione quando l’ hanno letta prima della sua approvazione nel ’48.

oriundo2006
oriundo2006
Reply to  AlbertoConti
25 Gennaio 2021 , 3:42 3:42

Tanto livore antitedesco dovrebbe esser temperato da una considerazione: anch’essi sono vittime del medesimo ‘grimoire’ antisociale della legislazione sul Covid. E pero’ si ribellano, come anche taluni giudici e sopratutto avvocati in Italia. La conclusione e’ evidente: l’ origine e’ comune e prescinde largamente dalle nazionalita’, cosa del resto ovvia…Questa origine e’ para-massonica, come tutto il Potere che ci comanda e ci opprime e pure il Contropotere che vorrebbe farsi strada largheggiando ‘socialmente’ munifiche provvidenze, ne e’ ampio sodale.
N.B.: non di sola massoneria, evidentemente e’ questione. Non fraintendete la critica alla Cupola: questa e’ di ampie vedute…

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  oriundo2006
25 Gennaio 2021 , 5:15 5:15

“… e pure il Contropotere che vorrebbe farsi strada largheggiando ‘socialmente’ munifiche provvidenze, ne è ampio e sodale.”

Per cortesia, potresti specificare meglio cosa intendi per “Contropotere”? Pensi che questo stia già serpeggiando fra le file della nascente opposizione? In Germania ci saranno le elezioni in autunno e ho notato che diversi critici delle restrizioni statali si stanno posizionando fondando dei partiti. Come riconoscere i falsi profeti, per impedire che si ripeta quello che è accaduto in Italia con i 5 Stelle, che hanno incanalato il consenso per fare poi esattamente l’opposto di quanto promesso?

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Reply to  Pfefferminz
25 Gennaio 2021 , 13:24 13:24

Credo che per contropotere intenda quei partiti d’opposizione che contestano la povertà senza analizzare le ragioni di fondo che l’hanno provocata..e caldeggiano soldi a pioggia come risoluzione al problema..
Mi sembra di avere capito questo..o almeno..questo è il mio pensiero che presume di interpretare una frase forse fraintendendola..che alle volte..non riusciamo a intepretare noi stessi..figuriamoci gli altri..(hahaha)
Per il resto..invece..penso che bisognerebbe votare una persona intelligente..e di ampie vedute..
Una persona che ad istinto ci fidiamo..
Grillo si vedeva lontano un miglio che era un lestofante …presuntuoso..e pure prepotente e violento..
Avrebbe potuto avere il programma migliore del mondo..e non lo avrei votato comunque..perché è una persona sgradevole..
Vota quello che senti in sintonia con te stessa..e se non c’è..non votare nulla..che almeno non ti pentirai di averlo votato..
Immaginati come si sente uno che ha votato Grillo..!
Se lo avessi fatto sicuramente adesso cercherei di espiare la colpa con penitenze medioevali..tipo cilicio o digiuni nel deserto..ma non basterebbero..

oriundo2006
oriundo2006
Reply to  uparishutrachoal
25 Gennaio 2021 , 13:54 13:54

Mi hai levato la risposta di bocca … Grazie…e a buon rendere ! In realtà il contropotere che avevo in mente è quello dei seguaci delle politiche neokeinesiane e del mondo sororottimista ( ve le ricordate ? Adesso sono sparite…meno male “! ) che in Italia si appoggia a vedute ecclesiali cattoliche molto affettate ‘ex cathedra’ o a populismi ‘alternativi’ di maniera tipo i 5Stelle. Queste servono a consolidare l’ossequio ai ‘valori occidentali’ da parte di chi li professa, sono una sorta di ‘parola d’ordine’ per conservare la cadrega cambiando la casacca o spolverandola un poco di tanto in tanto…per restare alla moda. Ogni riferimento alla politica italiana è puramente immaginario…Ma le risposte che avete dato vanno più in là e fanno capire come oramai nessuno sano di mente possa cadere nella trappola della credulità ‘pro bono’: e neppure un Draghi può ribaltare l’odio e l’ insofferenza verso la politica del Palazzo che c’è oggi.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Reply to  oriundo2006
25 Gennaio 2021 , 14:13 14:13

Nei famosi falsi Protocolli..si caldeggia una soluzione radicale..e gradita al popolo..
Tutta la fogna reazionaria o progressista..sorosista o sovranista sarà messa al macero..come liquame della storia..e un Re..degli ebrei ovviamente… governerà con saggezza e moralità..ricacciando tutte le idee balorde che sono venute fuori per creare il caos..nelle tenebre da dove sono venute..e si aprirà un’epoca di pace e benessere..sotto l’autorità della Giustizia..e del Buon Governo..
Insomma..alla fine un programma da sottoscriversi..con giubilo..
ma ho paura che i Protocolli sino falsi davvero..che sarebbe troppo bello..
..

AlbertoConti
AlbertoConti
Reply to  oriundo2006
25 Gennaio 2021 , 8:16 8:16

Nessun livore, è solo esame di realtà, che trovo utile ricordare, essendo sempre sottovalutato e non sufficientemente correlato ai guai seri, che invece tutti vedono.
Ti dirò che per molti versi i tedeschi mi sono anche simpatici, e ne ammiro le qualità. Nulla a che vedere coi governi europei, compreso il loro, chiaramente infiltrati, o meglio dominati, da una stessa longa manus alla quale fai cenno. Tuttavia i popoli tontoloni che però beneficiano delle malefatte dei loro governi ne sono comunque responsabili, e questo vale per tutti, in forma ma soprattutto in misura diversa (misura riscontrabile in molti parametri economici).

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  oriundo2006
25 Gennaio 2021 , 12:18 12:18

Questa fase dovrebbe far capire che siamo tutti ‘uguali’ e qullo che è successo 70-80 anni fa potrebbe essere letto oggi in un ottica nuova.

Giorgio Bozzo
Giorgio Bozzo
Reply to  AlbertoConti
25 Gennaio 2021 , 9:19 9:19

La costituzione italiana viene definita bella….. Preferirei dire complicata
La costituzione migliore è quella che con il minor numero di parole chiarisce più situazioni possibili.
In quest ottica la nostra è un garbuglio indistricabile!!
Ma purtroppo a noi italiani piace vantare sempre di avere le cose più belle….

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  AlbertoConti
25 Gennaio 2021 , 12:16 12:16

Vedi il mio commento precedente 🙂

Maurizio
Maurizio
25 Gennaio 2021 , 5:20 5:20

anche da noi qualche tribunale si è pronunciato sull’illegittimità dei dpcm… risultati?…

Nessuno, al massimo l’annullamento di qualche multa, ma “questi” vanno avanti incuranti

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  Maurizio
25 Gennaio 2021 , 12:21 12:21

Qui siamo di fronte alle potenze unite che commandano il mondo, pensi che un singolo verdetto di per se potrebbe avere un risultato? Ma non per questo non abbia importanza.

GFRANZ BERT
GFRANZ BERT
25 Gennaio 2021 , 6:35 6:35

Fortunatamente in Europa, c’è ancora qualche giudice che non accetta di farsi prendere per il culo.
Sicuramente questo giudice tedesco avrà fatto semplicemente due conti, scoprendo che in Germania, questo mostro “covid-19” ha generato: 630 decessi per milione di abitanti, pari allo 0,063%. Avrà constatato che su 2.150.000 casi totali riscontrati di covid, ci sono state 1840.000 guarigioni, ad oggi, pari al 85,6%., mentre non sappiamo ancora l’esito dei 237.000 pazienti rimanenti. Il giudice, di buon senso, sicuramente non condizionato, avrà dedotto: possibile mettere in ginocchio un paese socialmente e economicamente di fronte a questa realtà dei fatti? Prendendo la giusta decisione, contro un fenomeno, tutto occidentale, di paranoia politica collettiva.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  GFRANZ BERT
25 Gennaio 2021 , 6:40 6:40

Il giudice è tedesco, di Weimar.

GFRANZ BERT
GFRANZ BERT
Reply to  Pfefferminz
25 Gennaio 2021 , 6:55 6:55

Hai ragione. Ho confuso Weimar con Vienna. Correggo anche perché la sostanza non cambia.

Essex
Essex
25 Gennaio 2021 , 5:55 5:55

Fossi nei panni di questo giudice comincerei a preparare la valigia col necessario per un soggiorno al manicomio.

Annibal61
Annibal61
Reply to  Essex
25 Gennaio 2021 , 6:11 6:11

TSO dici?

Essex
Essex
Reply to  Annibal61
25 Gennaio 2021 , 8:44 8:44

… Ecco.

Holodoc
Holodoc
Reply to  Essex
25 Gennaio 2021 , 6:03 6:03

Tipo il cappello di Napoleone?

Holodoc
Holodoc
Reply to  Essex
25 Gennaio 2021 , 6:03 6:03

Tipo il cappello di Napoleone?

Essex
Essex
Reply to  Holodoc
25 Gennaio 2021 , 8:44 8:44

No, come era successo a quell’altra tizia che dissentiva dalla narrazione ufficiale.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  Essex
25 Gennaio 2021 , 19:35 19:35

Infatti la Bahner ha dichiarato di aver fatto i salti di gioia, quando ha letto la sentenza del giudice di Weimar. Lentamente mi viene il sospetto che essere in grado di ragionare lucidamente sia quella caratteristica che contraddistingue le persone destinate, per “loro”, al reparto psichiatrico. Stiamo assistendo al capovolgimento totale dei concetti e non mi viene neanche da ridere. Prova ne sia che invece di esaminare la sentenza punto per punto, i pennivendoli mainstream gridano ai quattro venti, orrore orrore, che un Querdenker, un pensatore laterale, occupa il seggio di un giudice. Il pubblico ministero, che sottoporrà la questione ad un altro giudice, ha fatto sapere come motivazione del suo intervento, che i giudizi espressi dalla magistratura nel suo complesso, devono essere uniformi.
Se nei prossimi giorni in Germania non si levano con vigore voci di intellettuali che richiamino a quelli che erano i fondamenti della società civile, siamo messi male.

Bertozzi
Bertozzi
Reply to  Essex
25 Gennaio 2021 , 8:11 8:11

O peggio.

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  Essex
25 Gennaio 2021 , 12:27 12:27

Da quando è stata rinchiusa la Bahner sono successe molte cose, oggi c’è una grande rete di solidarità.

A IX century man
A IX century man
25 Gennaio 2021 , 6:05 6:05

La magistratura quando deve fare gli interessi delle classi dominanti ruggisce, quando quelli del popolo, cinguetta.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  A IX century man
25 Gennaio 2021 , 19:43 19:43

In genere è così, ma questa volta il “cinguettio” è stato potente e darà filo da torcere. Da subito chi voleva indire una manifestazione ha fatto riferimento alla sentenza di Weimar, costringendo le autorità quantomeno a prendere posizione. Quello che manca è il dialogo, il confronto e questa sentenza costituisce un pungolo che costringe allo schieramento.

Nino
Nino
25 Gennaio 2021 , 7:15 7:15

Sopra le nuvole c’è sempre il sole.
Vedremo sia da loro che da noi, seppure in misura minore.
Sentiti ringraziamenti.

gix
gix
25 Gennaio 2021 , 6:21 6:21

Hai visto che un giudice incosciente ed incontrollabile prima o poi si trova? e’ vero che siamo in Germania, ma prima o poi il problema della sproporzionalità dei provvedimenti antivirus rispetto alle varie costituzioni degli stati si porrà ovunque, e sotterrarlo ignorandolo non sarà comunque facile. Noi magari arriveremo ultimi, è molto probabile, ma anche se ultima ruota del carro, sempre allo stesso carro siamo appesi; per ora i giudici sono tenuti sotto chiave e non succede ancora nulla, d’altronde la situazione generale a livello di poteri è complessa, vedremo cosa può accadere

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  gix
25 Gennaio 2021 , 6:36 6:36

“Hai visto che un giudice incosciente e incontrollabile prima o poi si trova?”

Esatto! E sai qual è il punto cardine di tutta la sentenza? La dignità umana. Si è semplicemente appellato all’articolo 1 GG: “La dignità umana è inviolabile”. Faranno di tutto per cancellare e oscurare questa sentenza, ma essa continuerà a brillare di luce propria. Il giudice ha avuto l’accortezza di servirsi, per sostenere le sue argomentazioni, di dati incontestabili, ripresi da documenti ufficiali come quelli del Robert Koch Institut. Ora sulla questione dovrà pronunciarsi un altro giudice. La cosa si fa molto interessante…

VincenzoS1955
VincenzoS1955
25 Gennaio 2021 , 8:53 8:53

Cito: “…È la prima sentenza che, in modo molto approfondito e con grande comprensione della Legge fondamentale, del principio dello stato di diritto e del principio di proporzionalità, dimostra davvero in modo eccellente perché questo divieto di contatto è incostituzionale”, commenta l’avvocato Beate Bahner… Perché esiste ancora (se mai è esistito) lo stato di diritto nelle società liberal-capitaliste? Si, sicuramente… Ma solo per le élite al potere. Per il resto sono, in linea di massima, d’accordo con l’articolo. Tutte queste “brutture” e aberrazioni, devastanti in tutti i sensi, nascono dal fallmento di un sistema basato solo sul lucro, sullo sfruttamento selvaggio di uomini e Natura, sul consumismo sfrenato, sulla menzogna e sull’inganno perpretati dalla plutocrazia ai danni della gente semplice e ignara. E come è successo negli anni passati le crisi liberal-capitaliste sfociano fatalmente (è nella loro intima natura) in feroci dittature (nazifascismo) e poi in guerre di sterminio. E a quanto sembra lo sterminio è già cominciato (o no?). Dunque, prima che sia troppo tardi per la libertà globale o per la sopravvivenza dell’umanità, bisogna costruire subito un’alternativa valida a questo infame sistema e anche ai sistemi comunisti/degenerati attuali russo e cinese. Alternativa che contempli per primo la sostenibilità… Leggi tutto »

ton1957
ton1957
25 Gennaio 2021 , 8:56 8:56

Lode al giudice “negazionista” ma con le prove, e posto che una rondine non fà primavere, resta il danno sociale ed economico e resta anche un malsano insegnamento per chi ha ancora qualche neurone funzionante, costituzione e democrazia sono solo parole vuote di circostanza. Pur considerando la buona fede o la faciloneria dei nostri governanti, il sistema, tutto compatto, si è mosso come in una dittatura, nessuna critica da parte di quei contrappesi preposti al bilanciamento dei poteri ed il dissenso è stato insultato e minacciato di ritorsioni (anche questo senza interventi di chi deve vigilare sulla costituzione, sulle libertà sancite e sui diritti inalienabili). Finisse tutto domani, è comunque stato un fallimento totale della democrazia occidentale che deve riscrivere le sue regole e pagare chi le deve far rispettare e non chi se ne fotte per quieto vivere o ancor peggio per accordi sotto banco ed interessi di casta. Auspico, quando tutto sarà finito, che si applichi il sistema romano, una bella decimazione in tutti i centri di potere di questo paese, senza neppure processi a ad estrazione perchè nessuno a fatto il suo dovere, in modo che resti a memoria di servitore dello stato che girarsi dall’altra parte… Leggi tutto »

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  ton1957
25 Gennaio 2021 , 12:31 12:31

Prima di tutto sarà o dovrebbe essere occasione di capire dove ognuno sta, presa di coscienza.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
25 Gennaio 2021 , 8:20 8:20

Credo che se tornasse la libertà.. la gente sarebbe presa da crisi di angoscia..
Penso addirittura che molti accettino le misure di contenimento come il surrogato di una benevola dittatura.. che toglie le castagne dal fuoco a chi vive non sapendo cosa fare..
Adesso ha uno scopo..una superiore meta..e sarà difficile togliere..
Ho paura che misure rimarranno come dovere etico pur senza obbligo legale..e sarebbe pure peggio..ma per questo il fine ultimo di chi le ha progettate..

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  uparishutrachoal
25 Gennaio 2021 , 12:29 12:29

“la gente sarebbe presa da crisi di angoscia..” anche senza libertà

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Reply to  Maria Di Monti
25 Gennaio 2021 , 12:46 12:46

Senza libertà la gente è presa dalla disperazione...perché vorrebbe fare e non può..mentre con la libertà la gente è presa dall’angoscia..perché la libertà apre a una voragine di possibilità che ci frastornano..
Quindi..in un modo o nell’altro le cose vanno sempre male..
Ambedue gli atteggiamenti appartengono sempre al mondo del fare..mentre basterebbe centrarsi sull’essere..per farle sparire ..
Ma per arrivare all’essere bisogna affrontare il guardiano della soglia….che è la speranza dell’animo e l’attesa della mente.. veri macigni che ci schiacciano in un fare inconcludente..per poi precipitare nei vizi..che sono pur sempre qualcosa di concreto.. anche se malefico..ma preferibile alla noia..che è una paralisi degli intenti..dolorosa.. perché ci incatena al presente senza la capacità di approfondirlo per attaccamento alla superficie di noi stessi..

Pfefferminz
Pfefferminz
25 Gennaio 2021 , 10:37 10:37

La sentenza del coraggioso giudice distrettuale é già stata impugnata dal Pubblico Ministero, come riferito dal giornalista indipendente Reitschuster nel suo articolo del 24 gennaio 2021 dal titolo “Weimarer Corona-Urteil soll gekippt werden” (La sentenza corona di Weimar deve essere ribaltata). Secondo Reitschuster, sarebbero stati pochi i grandi giornali tedeschi che hanno informato sulla sentenza.

Maria Di Monti
Maria Di Monti
Reply to  Pfefferminz
25 Gennaio 2021 , 12:27 12:27

Certo, ma è stato anche comunicato sulle grosse testate. Ha dato linfa a chi ci lavora e il dossier del giudice è un ottimo riassunto. Da il un quadro. Commenta l’avvocato Rainer Fuellmich ( del Corona Ausschuss) Consideriamo questa sentenza sensazionale e fondamentalmente significativa. È trasferibile a tutte le violazioni di Corona. È anche trasferibile al blocco corrente rinnovato e a tutti gli ordini attuali di Corona. Perché il “numero di casi” sta scendendo, così come i pazienti nelle unità di terapia intensiva! Il giudice lo conferma con prove eccellenti.https://politikstube.com/reiner-fuellmich-amtsgericht-weimar-nimmt-grundlagen-fuer-corona-massnahmen-auseinander/?

cachafaz
cachafaz
25 Gennaio 2021 , 11:39 11:39

Insomma decessi e SARI in calo in germania, dove non hanno un’agernzia che si chiama aifa e che invita i medici a dare solo tachipirina e paracetamolo…insomma credo che in germania hanno curato nel 2020 come facevano prima. Quindi visto che :
-anche nel resto del mondo (che non sia l’impero occidentale) il covid non si e’ visto.
-che il tampone e’ e rimane farlocco, cioe’ non e’ in grado di distinguere quale coronovirus uno ha, e se non sia un pezzo di influenza morta
-se ne deduce, a mio avviso, che il covid era semplicmente il ceppo di influenza della stagione 2019-2020, che e’ morto a maggio come tutti gli anni succede per i virus influenzali. Il virus che e’ ripartito ad ottobre e’ probabilmente un altro, o un cugino del covid di inverno-primavera scorsa. Del resto anche il virus della spagnola del 2018, duro’ nella sua fase acuta da giugno a fine anno, ed a inizio anno dopo, era gia’ meno aggressivo. In sostanza tengono in vita la paura con espedienti, di cui il piu’ rilevante(espediente) e’ il vaccino. Visto che i decessi dopo la vaccinazione e’ in fase avanzata (uk) sono raddoppiati.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  cachafaz
26 Gennaio 2021 , 2:59 2:59

1. “… se ne deduce, a mio avviso, che il covid era semplicemente il ceppo di influenza…”
Infatti ci sono già medici che parlano di influenza e rifiutano l’etichetta “Covid”.
Nel video che ho postato qui su (o sotto), ne parla anche la prof. Cahill, riferendosi a sequenziamenti di test PCR positivi.
2. Nello stesso video, la prof. riferisce che circa l’80% dei vaccinati mRNA morirà al più tardi nella prossima stagione invernale, fra 14 mesi, se ho capito bene. Poco prima che inizi a parlare la prof. Cahill, vengono mostrate due persone che presentano reazioni avverse al vaccino: sono percorse da tremori e riescono a malapena a compiere un gesto volontario.

cachafaz
cachafaz
Reply to  Pfefferminz
26 Gennaio 2021 , 7:46 7:46

Ok, mi sono permesso di segnalare il video you tube della Cunhill a Blondet, vediamo che ne pensa…Ovviamente spero lo leggano anche i redattori di cdc.

Pfefferminz
Pfefferminz
Reply to  cachafaz
26 Gennaio 2021 , 13:28 13:28

Hai fatto benissimo. La professoressa si chiama Dolores Cahill, avevo sbagliato l’ortografia, ora ho corretto.
La prof. Cahill è una scienziata che ha condotto studi sui coronavirus per 4 anni presso il Max Planck Institut. È esperta di immunologia.
È membro della Freedom World Alliance e di “Medici per la verità”, l’organizzazione Aerzte fuer Aufklaerung fondata dal dr. Heiko Schoening.
Qui di seguito il video in cui la prof. Cahill spiega la “tempesta citochinica”:
https://www.bitchute.com/video/ZxL1i5NJAE6N/
“Why People Will Start Dying A Few Months After The First mRNA ‘Vaccinations’ ”
(video in inglese)

cachafaz
cachafaz
Reply to  Pfefferminz
26 Gennaio 2021 , 12:23 12:23

Purtroppo non so’ neanche l’inglese, certo che l’affermazione della Cunhill e’ roba grossa! Spero sia ripresa da qualche blog. Quasi quasi la segnalo a Blondet.

Pfefferminz
Pfefferminz
25 Gennaio 2021 , 13:02 13:02

Consiglio a chi sa l’inglese di dare un’occhiata al seguente video dell’ultima seduta del Corona-Ausschuss del 22 gennaio 2021. Di solito le interviste del Comitato di indagine sul coronavirus sono in tedesco, ma questa volta si offre l’occasione di assistere ai lavori degli avvocati Fuellmich e Fischer, perché viene intervistata la prof. irlandese Dolores Cahill in inglese. La testimonianza della prof. Cahill è interessantissima e verte dapprima sugli effetti collaterali dei vaccini su base genica attuali, successivamente parla di quelli che potranno verificarsi nella primavera 2022. In un secondo tempo riferisce su sequenziamenti di test PCR che erano risultati positivi, ma che in realtà rivelavano la presenza di virus influenzali A e B, ma NON di Sars-CoV-2. Questa indagine però non sarebbe ancora stata pubblicata.
Per ultimo riferisce di un’indagine da lei presieduta di 1.700 decessi dichiarati a causa Covid, di cui però solo 92 autentici. Negli altri casi la causa dei decessi era un’altra. La prof. Cahill commenta anche l’eccesso di mortalità di Bergamo.
https://youtu.be/vca1uVerXGQ
(l’intervista in inglese inizia al minuto 35:35)

Maria Di Monti
Maria Di Monti
25 Gennaio 2021 , 13:04 13:04

Accanto ai diritti fondamentali, regole non scritte e consuetudini dello stato costituzionale vengono buttati al vento in un modo che lascia esterrefatti. Il giudice di Weimar che ha fatto scalpore a livello nazionale con la sua sentenza contro l’ordinanza Corona viene ora messo alla gogna dai media. Dopo che la tattica di molti media di mantenere il silenzio della decisione del tribunale non ha funzionato, ora evidentemente il discredito è stabilito. E così si fa un esempio. Motto: Guai a chi vuole imitare questo e decidere contro la volontà della politica! Allo stesso tempo, la procura della Turingia, che è vincolata da istruzioni, ha annunciato che farà ricorso contro la decisione di Weimar (vedi il mio rapporto qui). Pagina di un giornalista tedesco che sta facendo un ottimo lavoro. https://reitschuster.de/post/nach-weimarer-corona-urteil-medien-mobbing-gegen-richter/

Annibal61
Annibal61
Reply to  Maria Di Monti
26 Gennaio 2021 , 4:45 4:45

Forse si dovrebbe togliere la proprietà dei Media a quel gruppetto là?…oppure vietare a signori come Bill Gates di finanziarli, oppure applicare le normali leggi antitrust per impedire concentrazioni di capitali ( e quindi l’ abominio stesso che rappresenta un ricco come Gates). Si potrebbero fare tante cose per evitare la follia…ma non si fa una beata mazza. Servirebbe un Hitler in Germania…magari più mirato.

Andrea Manca
Andrea Manca
26 Gennaio 2021 , 3:45 3:45

La cosa paradossale e tragicomica è che (invece che fare zone rosse, verdi fucsia gialle tendente al marron merda) basterebbero due settimane di serrata fatta bene, perché cessi ogni contagio, ammesso che sia quello l’obiettivo.
Ma non penso lo sia, ne sono convinto da quando ho letto a fine anno la dichiarazione di un politico di governo che preannunciava un intero 2021 di chiusure.
Evidentemente il punto sta proprio nelle chiusure prolungate, magari per provocare il collasso economico, con tanti bei nuovi cadaveri per i pochissimi avvoltoi già molto grassi. E come bonus: uno spauracchio per ogni tipo di abuso politico, compressione delle poche libertà rimaste, e un altro utile scontro generazionale in chiave divide et impera (non indossi la mascherina: sei un killer di nonnetti).
La mia è banale speculazione. Ma la cosa certa è che NON vogliono risolvere.

lady Dodi
lady Dodi
Reply to  Andrea Manca
26 Gennaio 2021 , 10:35 10:35

Ammesso che sia quello l’obbiettivo…….
Perché le visiere di plexiglas no?

lady Dodi
lady Dodi
26 Gennaio 2021 , 11:06 11:06

Io vorrei un giudice che imponesse di mostrare l’utilità dei vaccini. aldilà di ogni ragionevole dubbio.
La costruzione, la nostra almeno, è come la Bibbia, ci trovi tutto e il contrario di tutto.