Sdoganato anche in Italia il chip sottopelle

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Già ad aprile vi avevo parlato in questo articolo dell’azienda anglo-polacca Walletmor, leader in Europa della produzione di chip a innesto sottocutaneo, utilizzabili per pagare senza dover utilizzare fastidiosi bancomat o carte di credito varie – per non parlare degli oramai fuori moda antichi contanti.

All’epoca fonte del mio articolo fu un pezzo pubblicato dalla BBC, che cercava in ogni modo di rendere accattivante una distopia a tutti gli effetti, puntando sulle reazioni di “meraviglia e incredulità […] che provano le persone quando vedono pagare il signor Patrick Paumen (protagonista dell’articolo della BBC) con un semplice gesto della mano.”

Questa settimana la distopia è arrivata anche in Italia e a portarla è il Corriere della Sera, con un articolo a cura di Enrico Forzinetti pubblicato mercoledì 15 giugno.

Nell’articolo, oltre ad una serie di informazioni sulla potenzialità della tecnologia “un chip da impiantare sottopelle che, una volta collegato a un account da cui attingere i fondi, permette l’eliminazione di qualsiasi carta fisica per pagare contactless e senza alcuna commissione”, una serie di dati tecnici sul chip, che ne definiscono lo spessore e i materiali utilizzati, nonchè un preventivo sui costi per comprarlo e farselo impiantare: con 350, dice il Corriere della Sera, qualsiasi cittadino dell’UE potrà proiettarsi nel futuro. 199 per il chip, 150 per impiantarlo sotto pelle e quell’euro in più di mancia per esserselo fatto mettere a quel servizio…ehm scusate per il servizio ricevuto.

Come nell’articolo della BBC, anche in questo caso a pubblicizzare la tecnologia una persona comune. Nell’occasione Gabriele Di Dio, titolare di Max Art Modification a Roma, uno dei centri indicati sullo stesso sito di Walletmor per l’impianto. Secondo il signor Di Dio “L’operazione è molto rapida, dai 5 ai 10 minuti, e non comporta particolari rischi o controindicazioni per la persona”, la quale dovrà però necessariamente sostituire il chip dopo 8 anni (ma non preoccupatevi Walletmor sta già lavorando a un dispositivo che possa durare per sempre).

L’unica buona notizia di tutta questa storia, apprendiamo dalle dichiarazioni di Di Dio, è che questa forma di bio-hacking ancora intimorisce la maggior parte delle persene, preoccupate di finire per essere poi controllate costantemente. Ma cosa vuoi che sia in fondo essere sottoposto a sorveglianza continua quando puoi semplificare l’interazione con il mondo circostante dicendo addio alle carte di credito?!

Allora ditelo che siete i soliti complottisti.


Massimo A. Cascone, 19.06.2022

Fonte: https://www.corriere.it/tecnologia/22_giugno_15/addio-carte-contanti-chip-pagare-la-mano-si-puo-acquistare-199-euro-si-impianta-10-minuti-c2f39f94-ebe0-11ec-bc3d-65cd45fb31f1.shtml

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix