Poco sonno e disidratazione sono correlati

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Dormi meno di 6 ore a notte? Rischi la disidratazione. Secondo uno studio della Penn State University (Usa), condotto su oltre 25 mila volontari tra Cina e Stati Uniti, chi dorme troppo poco si sveglia con urine più concentrate e il corpo non adeguatamente idratato.
Gli scienziati spiegano che questo effetto è dovuto alla vasopressina, un ormone che gestisce la distribuzione dei fluidi corporei che viene rilasciato sia durante il giorno che la notte. Questa sostanza, però, è rilasciata più velocemente e in più alte quantità nelle ultime fasi del ciclo di riposo. Se il sonno è troppo corto, si perde proprio quella finestra di tempo cruciale in cui l’ormone è messo maggiormente in circolo.

In realtà questo studio non prova che il poco sonno causa la disidratazione. Evidenzia, però, una correlazione tra le due condizioni. Il che significa che potrebbero essere vere entrambe le ipotesi: si diventa disidratati se non si dorme a sufficienza, ma anche si dorme meno e peggio se si è disidratati.
Dunque serviranno altre ricerche. Per il momento basta ricordarsi di bere di più durante il giorno, se la nottata precedente si è dormito poco. Servirà a percepire meno la stanchezza e a sentirsi meglio.
Allo stesso modo, se ci si sveglia spesso presto, senza riuscire a riaddormentarsi, sarà bene domandarsi se si sta bevendo a sufficienza perché probabilmente possiamo essere disidratati.

L’acqua è importantissima per il corretto funzionamento del nostro corpo. Influisce praticamente su tutte le funzioni dell’organismo – inclusi anche l’umore e le funzioni cognitive – e un’assunzione quotidiana e ben distribuita contribuisce a prevenire l’insorgere di varie malattie.
Purtroppo noi esseri umani perdiamo la sensazione di sete e la percezione di aver bisogno di acqua man mano che invecchiamo.
Un altro errore che si commette è di pensare che the, caffè e bevande varie possano essere un adeguato sostituto dell’acqua. Non è così. Soprattutto alcol, caffè, the e altre bevande contenenti caffeina non contano assolutamente come acqua.

Ma quale è l’acqua migliore da bere?
Per migliorare la salute e il benessere psicofisico si dovrebbe bere tutti i giorni acqua pura e con determinate caratteristiche. Puoi trovare maggiori informazioni in questo mio precedente post.

__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x