Home / Attualità / PD: ritratto di oligarchia corrotta dai miliardi pubblici
(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

PD: ritratto di oligarchia corrotta dai miliardi pubblici

DI MAURIZIO BLONDET

maurizioblondet.it

C’è chi non ha capito in cosa consista la differenza tra Renziani e anti-renziani.  Sono due progetti per la nazione alternativi, quelli su  cui si sono scontrati?  Su cosa litigano? Si scindono o no?

I loro motivi possono essere sunteggiati così.   Renzi e  i renziani: “Se   quelli  si  scindono, meglio; così avremo più poltrone da assegnare ai nostri”. La “sinistra” in dubbio se scindersi o no, lo è per gli stessi motivi.  C’è chi dice: restiamo  dentro, almeno occupano le poltrone, e c’è chi invece dice: io di  sicuro non verrò ricandidato,  quindi ho più possibilità se mi metto con Boldrini e Pisapia.

Sono i pensieri di una oligarchia plutocratica, inamovibile, di “ricchi di Stato”, abituata a saccheggiare impunemente. Della popolazione italiana  se ne infischia,  della tragedia sociale che si aggrava se ne frega, perché, loro, prendono 15 mila euro al mese –  come minimo.

Non si può dir meglio di Enrico Mentana: sono come   quei “fratelli che si odiano ma hanno ereditato un’azienda che continua a macinare utili. E non per modo di dire.

Basti dare un’occhiata al peso istituzionale del partito. Dal Pd viene il capo dello stato. Del resto tutti gli ultimi 4 presidenti della Repubblica sono del partito o dell’area.  Ma del Pd sono tutti i tre premier di questa legislatura, e 400 parlamentari su 945, nonostante il partito abbia ottenuto alle elezioni del 2013 meno del 26%. Del Pd è il nostro unico rappresentante nella commissione Ue. Del Pd la maggior parte dei governatori regionali e dei sindaci delle città capoluogo. Del Pd sono il ministro dell’interno, della giustizia, della difesa, dell’economia, delle infrastrutture, del lavoro, dell’istruzione. Scelti da premier del Pd sono i vertici di tutte le aziende strategiche di competenza statale”.

Sono miliardi di euro  – miliardi presi a prestito per  lo più sui mercati internazionali, perché la torchia fiscale, anche  se ormai al massimo, non copre che metà delle loro malversazioni.

Una oligarchia corrotta perché  miliardaria,  corrotta dai miliardi di denaro pubblico che arraffa, del tutto indifferente al fatto che la maggior parte della popolazione che gli paga gli emolumenti principeschi, sta  morendo letteralmente,  precaria, sottopagata quando non disoccupata e con reddito pari a zero.

Loro, non sentono il bruciore della crisi. Non se ne rendono conto. Come  i fannulloni di Versailles, che danzavano e s’ingozzavano occupati in questioni di precedenza e di onori – anzi molto peggio, perché i fannulloni  eleganti  di Versailles  non avevano  in mano nessuna delle lucrose leve di potere da cui questi non solo mungono, ma distorcono e intralciano l’economia dello stato e privata.  I fannulloni di Versailles non avevano Le  Regioni Sicilia che continua a incamerare miliardi benché sia in deficit di miliardi, in quanto le sue perdite sono rifuse a piè di lista dall’Italia che lavora. Non avevano un Quirinale che costa più di Buckingham Palace. Non avevano un Viminale  che distribuisce alle sue clientele meridionali i miliardi per “l’assistenza agli immigrati”. Non avevano il sindaco a Milano o a Bergamo, a  fare da idrovora per beneficare le clientele parassitiche e partitiche delle altre regioni improduttive.

Qui gli stipendi e i salari calano, puntano verso i 460 euro mensili; lassù, a meno di 15 mila non si sentono bene. E sono legittimati dalla UE – l’altra oligarchia –  e dalla Bce perché impongono a tutti noi la recessione continua  senza prospettive, ciò che si chiama “fare le riforme”. Le riforme consistono appunto nel  ridurre i salari in  modo che ridiventino “competitivi” rispetto a quelli cinesi.  La moneta unica non svalutabile obbliga a svalutare il lavoro.

L’Austerità, è per gli altri.

Come  hanno ridotto la società italiana l’ha spiegato Luca Ricolfi qualche giorno fa su 24 Ore.   Non c’è più solo la distinzione e  divisione iniqua fra “garantiti” (dipendenti pubblici, e privati protetti dai sindacati) e non-garantiti: lavoratori autonomi, di piccole imprese che rischiano la chiusura,  precari di ogni genere, micro-imprenditori “non coperti in caso di licenziamento, infortunio, malattia, cassa integrazione, disoccupazione”.

I garantiti festeggiano

No. Fra queste due categorie, ne è ingigantita una terza, la Terza Società.

Fondamentalmente   sono gli esclusi dal  circuito del lavoro regolare. Della Terza società fanno parte i lavoratori in nero, i disoccupati in senso stretto (che cercano attivamente lavoro), e i disoccupati in senso lato (disponibili al lavoro, anche se non ne stanno cercando attivamente uno). In essa ci sono anche  “soggetti che non cercano attivamente lavoro perché possono permettersi di non lavorare, come accade per una frazione non trascurabile delle casalinghe e dei cosiddetti Neet (giovani Not in Employment, Education, or Training). La Terza società  è  fatta di ceti bassi, in condizioni di povertà assoluta o relativa, ma anche di ceti medi, che sopravvivono grazie al lavoro retribuito dei familiari e alle risorse accumulate dalle generazioni precedenti”.

La Terza Società –  sotto l’oligarchia PD  e la sua gestione della crisi secondo  il comando di Berlino  –  è diventata grande quasi come le prime due: 9 milioni di italiani.  “Oggi, fatta 100 la popolazione attiva o potenzialmente attiva, circa il 30% appartiene alla Terza società, ovvero si trova in una condizione di esclusione”.

...gli altri no

Prima della crisi, questo segmento  contava sui 6milioni di persone. “ Tra il 2007  e il 2014  è letteralmente esploso, con un aumento del 40% in soli 7 anni”.

Una  patologia  senza eguali. “In Europa, solo Grecia e Spagna hanno una quota di esclusi superiore a quella dell’Italia, mentre paesi come Germania, Regno Unito, Francia, Austria, Olanda, Belgio, Svezia, Finlandia, hanno quote prossime a metà della nostra”.

Ovviamente, i  garantiti, fancazzisti pubblici  e “ricchi di Stato” sono il blocco che,  con le famiglie, clientele   e parentele,  continua a votare per “la Sinistra”, perché appunto essa garantisce la loro situazione di favore,  e ai loro stipendi la protezione dalla recessione mondiale in atto.

E’ per questi ricchi che la “Sinistra” fa le leggi  come  le nozze  gay, che  non sono, ammettiamolo, le istanze più   urgenti dei lavoratori;  ma sono voglie di  ricchi che hanno tempo e soldi da buttare, e  l’ozio è il padre dei vizi. Oggi sappiamo che l’oligarchia miliardaria, dalla Presidenza del Consiglio,    finanzia associazioni gay nei cui locali si  fa’ sesso a pagamento, oltre che spaccio di droga.

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/12308826/palazzo-chigi-finanzia-prostituzione-gay-le-iene-filippo-roma.html

Non so cosa ci voglia di più per capire la natura marcia di questi parassiti, marci fino al midollo, marci per i miliardi che ci prendono – e che sono ormai l’unica ragione per cui si afferrano al potere.

La Terza Società chi la rappresenta?

Come mandarli via? La “democrazia” garantisce loro un blocco di voti sostanzialmente maggioritario.  Ricolfi nel suo articolo si domanda: esistono partiti che possano e vogliano rappresentare la Terza Società? E qui casca l’asino.

“Considerata nel suo insieme, la Terza società si distingue dalla prima e dalla seconda per la sua preferenza per il Movimento Cinque Stelle e per la sua refrattarietà verso Pd e Forza Italia, i due architravi del sistema politico della seconda Repubblica. Se consideriamo separatamente i suoi tre segmenti, lavoratori in nero, disoccupati e scoraggiati, possiamo inoltre osservare che i lavoratori in nero prediligono anche l’estrema sinistra e Fratelli d’Italia, i disoccupati guardano con interesse alla Lega e ai piccoli partiti di centro, mentre i lavoratori scoraggiati (che hanno smesso di cercare lavoro) si orientano in modo più massiccio di qualsiasi altro gruppo sociale verso il movimento Cinque Stelle, che qui raccoglie oltre il 50% dei consensi”.

 

Maurizio Blondet

Fonte: http://www.maurizioblondet.it

Link: http://www.maurizioblondet.it/pd-ritratto-oligarchia-corrotta-dai-miliardi-pubblici/

20.01.2017

Pubblicato da Davide

  • azul

    Aria fritta. Inviterei i lettori e i redattori di CDC a non perdere ulteriore tempo con articoli su tema scissione PD e similari. La notizia va letta semplicemente come una conferma della legge proporzionale prossima ventura, che premia le divisioni degli schieramenti. Questi signori sono i ladri di Livorno, che fanno finta di litigare di giorno per potersi poi dividere meglio il bottino nella notte della nostra Repubblica. Se per incanto tornasse in vigore una legge elettorale maggioritaria, i “briganti” per magia si traformerebbero di nuovo in sinistri fratelli.

    • Fulminato1975

      Esatto. Tutta scena, e 60 milioni di scemi che ci credono.

      • Toussaint

        Concordo

  • Sichenolfo

    Questo “giornalaio”, aduso a pubblicare i suoi rigurgiti livorosi ha utlizzato ancora una volta uno pseudoargomento stantio per vomitare sui “fancazzisti pubblci”. Il suo astio e la sua completa mancanza di capacità di analisi gli fanno ripetere all’infinito la medesima invettiva.

    • fastidioso

      Che sei, un furbetto del cartellino ?

      • Sichenolfo

        Che sei? Una nutria? Torna nella tua chiavica.

    • Pedro colobi

      Considerare Blondet un ” giornalaio aduso a pubblicare rigurgiti livorosi ” significa essere un PD molto ignorante…. per non esprimere il giusto e meritato termine.

      • Sichenolfo

        Hai cannato su tutta la linea, intelligentone. Simpatizzo per i 5Stelle, il PD è puro vomito.

  • clausneghe

    Buona analisi come sempre sono quelle del Blondet…
    Io appartengo alla terza società, nel girone dei lavoratori scoraggiati,con l’aggravante dell’anzianità e infatti ho dato fiducia al M5*, ma i tempi sono lunghi, troppo lunghi.
    Mi tocca, per forza, arrangiarmi se voglio campare e forse è meglio così.
    Nel contempo cresce la mia rabbia e il mio disprezzo per i partiti i sindacati e le Istituzioni.
    Qualunquista? Non direi, tenuto conto che in gioventù militai sia nella FGCI che nella CGIL.. Piuttosto direi deluso e toccato personalmente dagli eventi..

    • Adriano Pilotto

      tranne che per la FGCI mi identifico nel tuo ritratto.

  • paolo de gregorio

    – PD: il funerale annunciato –
    di Paolo De Gregorio, 20 febbraio 2017

    Nell’ottobre 2007 nasce il PD e Veltroni viene poi nominato segretario, un nuovo partito che somma i nipotini della DC e del PCI, con il velleitario disegno di far rivivere il famoso “compromesso storico” di Berlinguer e Moro, cattolici e materialisti uniti, dopo aver sciolto PDS e Margherita.
    Una fusione a freddo che non ha mai prodotto un partito unito, spesso bloccato da veti incrociati, che il professor Cacciari, oggi, di fronte al miserevole spettacolo di ieri all’assemblea del PD, finalmente chiusa con la frase: “il PD, un partito mai nato”.
    Ma il comico e surreale della assise di ieri 19 febbraio, svoltasi nella cornice del più lussuoso Hotel del quartiere Parioli di ROMA, stava nel fatto che sia Renzi che la presidenza del partito non appaiono come i responsabili politici della implosione-scissione, dell’aumento del debito pubblico di oltre 100 miliardi di euro durante il governo Renzi, dell’essere stati umiliati nel Referendum su cui Renzi aveva promesso che, in caso di sconfitta, avrebbe lasciato la politica, di aver fatto leggi come il Jobs act che nemmeno la peggiore destra sarebbe mai riuscita ad ottenere, ma apparivano arroganti e tracotanti come sempre, sapendo di poter contare su una maggioranza degli attuali delegati.
    Per contro, i cosiddetti “scissionisti” sono apparsi balbettanti e divisi, devastati dalla patetica sceneggiata di Emiliano (governatore della regione Puglia), che non ha capito quali forze oscure e ciniche stanno dietro a Renzi e la sua banda, che ha implorato una unità, che nessuno vuole, con argomenti più da “libro Cuore” che dettati da realismo politico.
    Questa mini scissione nel PD ci sarà. L’entità sarà possibile capirla solo nelle prossime elezioni. Quella di Renzi sarà una vittoria di Pirro. E’ circondato da generali senza eserciti, incapaci di cogliere i cambiamenti che avvengono nella società reale e nei territori, non potranno più mascherarsi da partito di sinistra, sono loro gli scissionisti, e d’ora in poi invito tutti a leggere la sigla PD come le iniziali di Partito Democristiano.
    Dal canto suo la “sinistra”, farà la sinistra, ossia sarà incapace di unirsi azzerando tutta la vecchia nomenklatura, non cancellerà i vecchi sindacati partitici (CGIL, CISL, UIL) a favore di un sindacato unico dei lavoratori, continuerà a cercare alleanze, perché sono i primi a non credere nella forza delle proprie idee e dei propri programmi.
    L’insegnamento che dovremmo recepire da questa implosione del PD è che non è possibile cancellare identità e storia in nome di governabilità e sete di potere.
    I governi che nascono da coalizioni sono deboli e spesso bloccati da veti incrociati, gli stessi partiti sono divisi in correnti e bisogna assolutamente pensare ad una nuova legge elettorale che non consenta le coalizioni, dove ogni partito si presenta con il suo programma e può andare al governo da solo (con il ballottaggio tra i primi due partiti), senza vedere più scaricabarili e lotte intestine, in cui non si capisce mai di chi sono le responsabilità e di chi sono i meriti.
    Applicata in Italia questa riforma porterebbe M5Stelle e PD al ballottaggio e, probabilmente, il PD andrebbe all’opposizione, e credo sia l’unico modo per fargli capire che antipolitici e populisti sono meglio dei politicanti di professione che ci hanno lasciato debiti e mafie.

    • fastidioso

      Dai cascami di manii pulite e dalla caduta del muro, personaggetti putrescenti sono riusciti ad infinocchiare qualche italiota ed hanno continuato ad ingrassarsi.

  • a-zero

    Mi chiedo come la terza società avrà intenzione a sua volta di trattare la quarta società … numble .. numble … io non sto nella terza società … sto nel sopravanzo sociale … quasi quasi … una bella scissione sociale dalle tre onorate società e poi … in autonomia e lancia in resta ad accogliere la terza società (?) …. numble … numble … la vndita è sempre qualcosa di bello ed entusiasmante …. i problemi stanno sempre nel post-vendita …. numble … numble … i problemi stanno sempre nel post-vendita … i problemi stanno sempre nel post-vendita … numble numble

  • gix

    Ormai dei privilegiati si comincia ad inquadrare bene tutto, non ultima la loro stessa consistenza percentuale. Questa è sufficiente per garantire loro la sopravvivenza, non hanno bisogno del secondo e del terzo stato, quindi se non i derelitti non votano è anche meglio. Quelli del PD…avevano una missione da compiere e l’hanno portata a termine, dovevano essere ricompensati; che dire, ne silenzio dell’urna, se ci andrete, ricordatevene

  • yakoviev

    Cosa faccia pensare a Blondet che i presunti (da lui) “fancazzisti pubblici” e i (sempre meno) garantiti in generale votino in massa per il PD lo sa solo lui. Anche se fossero “garantiti” (per fortuna) hanno comunque un figlio trentenne da mantenere che andrà a fare il lavapiatti all’estero.