Parla Kissinger: “La pandemia cambierà per sempre l’ordine mondiale’

Henry Kissinger, segretario di Stato e consigliere per la sicurezza USA sotto le presidenze Ford e Nixon, ha commentato la situazione coronavirus in un articolo sul Wall Street Journal, ricordandoci come le parole “nuovo ordine mondiale” non siano ad uso esclusivo di complottisti sbraitanti contro la Commissione Trilaterale o contro il Gruppo Bilderberg, istituti in cui tra l’altro Kissinger ha preso parte in maniera consistente durante la sua lunga carriera. 

L’ex segretario di stato, descritto da wikipedia come un personaggio con una “naturale predisposizione per la diplomazia segreta, una concezione politica ispirata a un esasperato pragmatismo, una notevole dose di cinismo, un profondo amore per il potere”, ci  consiglia di “sostenere la fiducia pubblica” perchè “è fondamentale per la solidarietà sociale, per il rapporto delle società tra loro, per la pace e la stabilità internazionale”. La chiamata è a un programma di collaborazione globale.

Kissinger fa appello alla salvaguardia dei valori dell’illuminismo, nello specifico la funzione dello stato di “provvedere ai bisogni fondamentali del popolo: sicurezza, ordine, benessere economico e giustizia”. Digitando su google ‘valori dell’illuminismo’ il risultato in evidenza parla dei “valori della ragione, dello spirito critico e della circolazione democratica del sapere”, valori che Kissinger non sembra abbia tenuto in considerazione quando organizzava segretamente colpi di stato in paesi democratici per instaurare dittature sanguinarie, portandosi sulla coscienza un buon numero di omicidi e ingiustizie.

Ora per Kissinger è il momento della solidarietà sociale, dell’attenzione sulle popolazioni più vulnerabili del mondo, di una buona dose di vaccinazioni di massa, di non meglio specificate misure per contenere il dolore economico, e di salvaguardare i valori dell’illuminismo: il coronavirus rappresenta un pericolo per la cultura occidentale in generale, se non faremo attenzione sarà il caos. La cura per l’ex segretario di stato è semplice: sicurezza e ordine. Niente di nuovo, niente di buono.

 

Henry A. Kissinger

wsj.com

 

L’atmosfera surreale della pandemia di Covid-19 mi ricorda come mi sentivo da giovane nell’84esima divisione di fanteria durante l’offensiva delle Ardenne. Ora, come alla fine del 1944, c’è un senso di pericolo incombente, non rivolto a una persona in particolare, ma che colpisce in modo casuale e devastante. Ma c’è una differenza importante tra quel tempo lontano e il nostro. La resistenza americana era allora fortificata da un fine nazionale. Ora, in un Paese diviso, è necessario un governo efficiente e lungimirante per superare ostacoli di portata globale senza precedenti. Sostenere la fiducia pubblica è fondamentale per la solidarietà sociale, per il rapporto delle società tra loro, per la pace e la stabilità internazionale.

Le nazioni coesistono e prosperano nella convinzione che le loro istituzioni possano prevedere le calamità, arrestarne l’impatto e ripristinare la stabilità. Quando la pandemia di Covid-19 sarà finita, le istituzioni di molti Paesi saranno percepite come fallite. Se questo giudizio sia obiettivamente giusto è irrilevante. La realtà è che il mondo non sarà più lo stesso dopo il coronavirus. Discutere ora del passato rende solo più difficile fare ciò che deve essere fatto.

Il coronavirus ha colpito con una portata e una ferocia senza precedenti. La sua diffusione è esponenziale: I casi negli Stati Uniti raddoppiano ogni cinque giorni. In questo scritto, non c’è cura. Le scorte mediche sono insufficienti per far fronte all’ondata crescente di casi. Le unità di terapia intensiva sono sul punto, e non solo, di essere sopraffatte. I test sono inadeguati per identificare l’estensione dell’infezione e tanto meno per invertire la sua diffusione. Un vaccino di successo potrebbe essere a 12-18 mesi di distanza.

L’amministrazione statunitense ha fatto un solido lavoro per evitare una catastrofe immediata. La prova definitiva sarà se la diffusione del virus può essere arrestata e poi invertita in un modo e in una scala che mantenga la fiducia dell’opinione pubblica nella capacità di autogoverno degli americani. Lo sforzo di crisi, per quanto vasto e necessario, non deve precludere l’urgente compito di avviare un’impresa parallela per la transizione all’ordine post-coronavirus.

I leader stanno affrontando la crisi su base prevalentemente nazionale, ma gli effetti sociali del virus non conoscono confini. Mentre l’assalto alla salute umana sarà – si spera – temporaneo, lo sconvolgimento politico ed economico che ha scatenato potrebbe durare per generazioni. Nessun paese, nemmeno gli Stati Uniti, può, in uno sforzo puramente nazionale, superare il virus. Affrontare le necessità del momento deve essere alla fine abbinato a una visione e a un programma di collaborazione globale. Se non possiamo fare entrambe le cose in tandem, affronteremo il peggio di ciascuno.

Traendo lezioni dallo sviluppo del Piano Marshall e del Progetto Manhattan, gli Stati Uniti sono obbligati a intraprendere un grande sforzo in tre settori. In primo luogo, sostenere la resistenza globale alle malattie infettive. I trionfi della scienza medica come il vaccino antipolio e l’eradicazione del vaiolo, o l’emergente meraviglia tecnico-statistica della diagnosi medica attraverso l’intelligenza artificiale, ci hanno cullato in un pericoloso compiacimento. Dobbiamo sviluppare nuove tecniche e tecnologie per il controllo dell’infezione e vaccini adeguati per le grandi popolazioni. Le città, gli stati e le regioni devono prepararsi costantemente a proteggere la loro popolazione dalle pandemie attraverso lo stoccaggio, la pianificazione cooperativa e l’esplorazione alle frontiere della scienza.

In secondo luogo, sforzarsi di guarire le ferite dell’economia mondiale. I leader globali hanno imparato importanti lezioni dalla crisi finanziaria del 2008. L’attuale crisi economica è più complessa: la contrazione scatenata dal coronavirus è, nella sua velocità e scala globale, diversa da qualsiasi cosa mai conosciuta nella storia. E le necessarie misure sanitarie pubbliche, come l’allontanamento sociale e la chiusura di scuole e imprese, stanno contribuendo al dolore economico. I programmi dovrebbero anche cercare di migliorare gli effetti del caos incombente sulle popolazioni più vulnerabili del mondo.

In terzo luogo, salvaguardare i principi dell’ordine mondiale liberale. La leggenda fondante del governo moderno è una città murata protetta da potenti governanti, a volte dispotici, altre volte benevoli, ma sempre abbastanza forti da proteggere il popolo da un nemico esterno. I pensatori illuministi hanno riformulato questo concetto, sostenendo che lo scopo dello Stato legittimo è quello di provvedere ai bisogni fondamentali del popolo: sicurezza, ordine, benessere economico e giustizia. Gli individui non possono garantire queste cose da soli. La pandemia ha provocato un anacronismo, una rinascita della città murata in un’epoca in cui la prosperità dipende dal commercio globale e dalla circolazione delle persone.

Le democrazie del mondo devono difendere e sostenere i loro valori illuministici. Un ritiro globale dall’equilibrio tra potere e legittimità farà sì che il contratto sociale si disintegri sia a livello nazionale che internazionale. Eppure questa questione millenaria di legittimità e di potere non può essere risolta contemporaneamente allo sforzo di superare la peste di Covid-19. È necessario un freno da tutte le parti, sia nella politica interna che nella diplomazia internazionale. Le priorità devono essere stabilite.

Siamo passati dalla Battaglia del Rigonfiamento a un mondo di crescente prosperità e di maggiore dignità umana. Ora viviamo un periodo epocale. La sfida storica per i leader è quella di gestire la crisi costruendo il futuro. Il fallimento potrebbe incendiare il mondo.

 

 

Fonte: https://www.wsj.com/articles/the-coronavirus-pandemic-will-forever-alter-the-world-order-11585953005

Pubblicato il 03.04.2020

Introduzione e traduzione per Comedonchisciotte.org a cura di Riccardo Donat-Cattin

Comments are closed.