PARLA CRAXI

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

FONTE: LAMEDUCK (BLOG)

Quelle che seguono sono alcune citazioni che ho estratto dal volume “Io parlo e continuerò a parlare”, una raccolta di note e appunti di Bettino Craxi dall’esilio, redatti negli anni novanta fino alla morte avvenuta nel 2000. Sono a metà della lettura del libro e questi sono i passaggi che ho trovato finora particolarmente significativi ed in alcuni casi sorprendenti, agghiaccianti, al limite della preveggenza.

I pericoli che Craxi vede, vent’anni fa, per il futuro dell’Italia, sono ora qui davanti a noi in tutta la loro crudezza. Coloro che “si sono salvati” a differenza di chi, come lui, è finito tra i sommersi, ora sono i protagonisti assoluti di quella che il leader socialista chiamò allora violenta normalizzazione.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
49 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
49
0
È il momento di condividere le tue opinionix