ORA DI SEGUIRE GANDHI. MORIRE COL SORRISO (E SPECIFICHE)

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

Gandhi disse tre cose fondamentali:

1) La lotta ideale contro un Potere soverchiante è il martirio, col sorriso sul volto, cioè farsi macellare in massa dal nemico felici di dare la propria vita.

2) Se non si ha questa capacità, allora imbracciate un fucile e ammazzate il vostro nemico.

3) Ma la cosa che disprezzo oltre ogni immaginazione sono gli inerti, i vili che non sanno fare nessuna delle due cose sopraccitate. Questi uomini/donne sono il peggio dell’umanità.

I Poteri soverchianti oggi sono ovunque, IMBATTIBILI CON MEZZI DEMOCRATICI O INTELLETTUALI. Ne menziono due: l’Eurozona e USA/Israele.

Credo che sia venuta l’ora di accogliere Gandhi nella sua opzione migliore, la N. 1.

Non sto scherzando. Non trovo più motivo di vivere. Se non dare la mia vita “col sorriso sul volto, cioè farmi macellare dal nemico felice di dare la mia vita”.

Non credo più in nessun metodo di lotta ideologica, democratica, intellettuale. Sono cazzate che il Vero Potere ha già scontato 30 anni fa. Chi non se n’è accorto, fra gli ‘intellettuali’, è solo un idiota e ignorante. Il Vero Potere ha vinto, stra-vinto da 30 anni, e non sto più a discutere con nessuno su questo. Sarebbe come perdere tempo a discutere con fessi se la Terra è piatta o no.

L’idea sarà quella di organizzare appelli internazionali per raggruppare esseri umani disposti a riunirsi davanti all’ambasciata israeliana a Parigi, tutti vestiti di bianco, e tagliarci contemporaneamente le vene di entrambi i polsi. Basta un taglierino. Più saremo, più moriremo, perché sarà impossibile per i sanitari soccorrerci tutti. SARA’ ESATTAMENTE, PER VIA SIMBOLICA, COME MARCIARE VERSO LA NEO-NAZISTA ISRAELI DEFENCE FORCE, DISARMATI, E FARCI UCCIDERE.

Non accadrà domani. Sto strutturando l’idea e le modalità dell’appello internazionale, soprattutto ai palestinesi in Europa.

Sono sano di mente, e lavorerò a questa idea, l’unica che oggi mi fa battere il cuore.

SPECIFICHE

Istituirò un indirizzo mail riservato da cui nell’arco di 12 mesi manderò l’invito Gandhiano di cui sopra al maggior numero di Organizzazioni Pro-Palestina italiane ma soprattutto europee ed internazionali. Eventuali adesioni richiederanno dati anagrafici completi, prova d’identità, e saranno da me tenute nel più totale riserbo. Per ovvi motivi. Stabilirò una soglia di numero adesioni sotto la quale il nostro atto non avrà alcun senso (cioè un numero sufficientemente alto da non poter essere salvato dai medici se non in minima parte), spero di superarla, e alla fine della raccolta renderò pubblico tale numero, ma mai le identità degli aderenti.

Paolo Barnard

Fonte: www.paolobarnard.info

Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1194

13.06.2015

48 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
lucamartinelli
lucamartinelli
14 Giugno 2015 0:11

Il vero potere vince dalla notte dei tempi, caro Paolo.

TitusI
TitusI
14 Giugno 2015 0:35

Condivido ogni riga.
Un’iniziativa sensata, triste dirlo, duro ammetterlo, ma è così.
Meglio morire che essere schiavi ed accettare inerti questo orrore.

maristaurru
maristaurru
14 Giugno 2015 0:43

Barnard, hai elencato  cose che  Gandhi avrebbe detto, belle e suggestive, ma che non ha fatto…

1) NON HA PORTATO MASSE A FARSI MACELLARE DAL NEMICO

2)non ha imbracciato il fucile ammazzando nessun nemico

3)forse ha disprezzato gli inerti, ma ci sono mille modi per esser attivi meno bislacche di quelle su scritte.

Il  Potere si vince eccome, ma non bisogna prenderlo di petto, perchè si trova sempre mille e mille servi che, consciamente o no, lo difendono ed attaccano chi attacca il potere costituito. Il potere va evitato, ma aggirato e raggirato,  magari anche blandito. Il potere è ottuso e tronfio, prepara esso stesso la sua fine..pensaci.Guarda cosa sta succedendo..io vedo al rallentatore rovinare un castello di carte..tu non lo vedi?

paulop
paulop
14 Giugno 2015 1:17

Esiste un detto taoista: "il male distrugge sempre se stesso". Nell’induismo è insegnato che abbiamo diritto all’azione, ma non hai suoi frutti. Mettendo le due idee insiemi forse possiamo dire con Gesù "Non opponetevi al malvagio (…) amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano."(Vangelo di Matteo).

The_Essay
The_Essay
14 Giugno 2015 1:17

Premessa:
1)Tale post sembra  ispirato alle gesta di un patriota,tale Jan Palach;in alternativa all’azione di alcuni monaci buddisti!
2)Un appello del genere sembra voglia essere un pungolo all’azione!
Un quesito da porsi è il seguente:
conseguenze eventuali, qualora si realizzassero,chi dovrebbe gestirle ad es in Italia?
3)La frase nell’articolo,attribuita a Ghandi per cortesia mi dite da quale opera  è stata tratta?
Fine premessa
Faccio rispondere l’altro Ghandi:


"L’uomo spesso diventa quel che crede di essere.
SE io continuo a ripetere a me stesso che non riuscirò mai a fare una data cosa,può darsi che finisca per esserne davvero
capace.
Al contrario,se ho la convinzionedi riuscirci,acquisterò senz’altro la capacità di farla,anche quando all’inizio non la possedessi.

Tratto da le parole di Ghandi scelte da Richard Attenborough

Domanda rivolta a tutti gli astanti:
l’uomo che appare in foto è secondo voi più coraggioso o meno coraggioso di Jan Palach o degli altri monaci buddisti trasformati in torce umane?
LinK:
http://www.fasena.de/courage/english/5a.htm

Gradite numerose risposte!
Bye The Essay

uomospeciale
uomospeciale
14 Giugno 2015 1:33

Martirio o morte?
Buona questa!

E quanta gente crede di trovare disposti a suicidarsi tagliandosi le vene in piazza per i palestinesi?
Io al massimo, sono disponibile a tagliare un po’ i carboidrati, i grassi e gli zuccheri.
Giusto per entrare un pò più comodo dentro ad una camicia   XXL.

MarioG
MarioG
14 Giugno 2015 2:26

Morire tagliandosi le vene davanti all’ambasciata israeiliana…

Magnificamente sensato, davvero! Roba da sghignazzare (dietro i vetri dell’ambasciata).
Firenze137
Firenze137
14 Giugno 2015 2:50

Barnard non fare i’ bbischero.( se posso permettermi..). La mente media ( circa il 30%) della gente è ormai bollita . Non reagisce più. Io stimo poi che un "altro" 60% ha interessi incrociati col Vero Potere. E non li molla. Qualunque cosa sceglie il Potere il 60% lo esegue o non si oppone per "interesse".Cioè sceglie – per motivi di sopravvivenza – di stare stare sempre e comunque col vero POtere. La tua idea di protesta – scusa se lo dico -pur lodevole, pur ispirata, pur di nobili intendimenti è vecchia perchè dovrebbe far leva su una parte dell’homo sapiens che una volta aveva qualche sfumatura di sentimento e che oggi non ha più. Come ormai credo che non fanno più notizie e sono vecchi e nessuno più ne parla gli scioperi della fame e della sete di Marco Pannella. Il "sacrficio" personale non incide più nella mente della gente, frastornata dalla teconolgia e le futlili menate che ci dominano sui media. Occorre un manipolo di coraggiosi, intelligenti ragazzi, ben pagati che "attacchino" con i mezzi moderni i "fianchi" del potere e acqusitino magari un centimentro al giorno – un "potere contrattuale" da far valerecome arma di ricatto e… Leggi tutto »

Eshin
Eshin
14 Giugno 2015 3:08

Pare che l’abbia detto Gandhi:

Prendi un sorriso, regalalo a chi non l’ha mai avuto.
Prendi un raggio di sole, fallo volare là dove regna la notte.
Scopri una sorgente, fa bagnare che vive nel fango.
Prendi una lacrima, posala sul volto di chi non ha pianto.
Prendi il coraggio, mettila nell’animo di chi non sa lottare.
Scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla.
Prendi la speranza e vivi nella sua luce.
Prendi la bontà e donala a chi non sa donare.
Scopri l’amore e fallo conoscere al mondo.

marcoferro
marcoferro
14 Giugno 2015 3:18

caro paolo barnard ti seguo sempre e la gabbia senza di te non la guardo più. i tuoi interventi erano la cosa migliore di quella trasmissione. ti reputo uno dei migliori giornalisti-divulgatori italiani. ma mi raccomando non fare questa cosa, la vita va custodita gelosamente perche è l’unica che abbiamo e non ritorna. non demoraliazzarti sei intelligente e in gamba motivi per combattere e lottare ci sono e ci saranno sempre. io continuerò a seguirti così come tutti quelli che ti apprezzano. io vivo in costarica se un giorno dovessi passare per la mia zona mi piacerebbe conoscerti. ciao da marco 71

SanPap
SanPap
14 Giugno 2015 3:36

Sono le 3.34 di notte e non riesco a dormire.

Insonnia ?  No discoteca con casse a tutto volume e ubriachi che cantano a seguito.

Oltre che non mi fanno dormire mi dovrei svenare per loro perché possano continuare a scassare la m…..a.

Troppo, caro Paolo. Preferisco poltrona e succo d’arance rosse, e godermi lo spettacolo.  Quale spettacolo ?  A te la scelta tra quella buono e quella cattivo.

Ma forse non c’è neanche bisogno di scegliere, uno tira l’altro.

RenatoT
RenatoT
14 Giugno 2015 4:04

Io la vedo diversamente.  Tutto il mondo (probabilmente anche l’universo) è basato su un equilibrio tra predatori, prede e parassiti. Parassiti e prede sono la maggioranza.. Chi nasce per fare il parassita, e chi la preda..  i parassiti hanno anche il bonus di potersi attaccare sia alle prede che ai predatori. La natura è piena di questi esempi nelle piante, insetti, animali, microorganismi, batteri… se andiamo a vedere pure le molecole hanno un comportamento simile. Combattere questo sistema che si è evoluto da solo è praticamente impossibile… … come se le gazzelle avessero modo di trovare una strategia per non farsi piu’ mangiare dai leoni. Il risultato è che il sistema è in equilibrio così da sempre.. e non puo’ essere diverso. Una volta che i poteri forti avranno ridotto il numero delle prede, cominceranno a morire e con essi i parassiti connessi… dopodichè salirá il numero delle prede… e cosi dei predatori e parassiti. In natura nessuno si puo’ permettere di dormire con tutti e due gli occhi chiusi… noi ci illudiamo di poterlo fare…. mentre ci stanno fottendo in altri modi… e piu’ pensiamo di essere al sicuro e piu’ ci fottono. Ormai questo dovrebbe essere chiaro un… Leggi tutto »

temuchindallaCina
temuchindallaCina
14 Giugno 2015 5:52

Mi dispiace ma perdere la vita per quel potere in modo che ridano di me no, io sempre sceglierò l’opzione numero 2, sempre pronto!

temuchindallaCina
temuchindallaCina
14 Giugno 2015 5:55

Ovviamente più coraggioso!

E poi i monaci che si immolano per il Dalai Lama, non hanno cambiato proprio nulla.

temuchindallaCina
temuchindallaCina
14 Giugno 2015 5:56

Quando Pannella faceva gli pseudo scioperi della fame e della sete, poi, in separata sede si beveva cappuccino e mangiava brioches, visto con i miei occhi, altro che palle!

albsorio
albsorio
14 Giugno 2015 7:27

La tua Paolo è una idea geniale 🙂 scriviva al Mossad 🙂 magari ti danno un lavoro 🙂

Faulken
Faulken
14 Giugno 2015 8:49

Riporto dalle foofle news del 11 dicembre 2016.   Stoccolma. Si è svolta tra grande commozione la cerimonia per la premiazione del Premio Nobel per la Letteratura al celebre scrittore ed intellettuale italiano Umberto Eco. Da tempo nella rosa dei favoriti quest’anno ha finalmente raggiunto il prestigioso traguardo e il suo discorso, un atto d’amore per l’intelligenza e la passione per la cultura, resterà nella storia dell’umanità. L’intellettuale, che donerà l’intera somma del premio per la creazione di un centro di ricerca per la salvaguardia dei manoscritti antichi, è già al lavoro, grande il riserbo, alla sua nuova fatica letteraria.      Washington. Alcune persone, appartenenti ad un sedicente movimento di protesta "I Gandhi Bianchi" formatosi nel 2015 ad opera di un ex giornalista italiano, Paolo Barnard, hanno inscenato davanti alla sede del FMI, un tentativo di suicidio collettivo. La situazione è precipitata nel giro di pochi secondi quando, viste le forze dell’ordine avvicinarsi, i manifestanti, muniti di armi da taglio, hanno iniziato ad autoinfliggersi ferite. Un efferato gesto di "protesta" contro "Il Vero Potere", come si legge in uno degli scritti redatti dallo stesso Barnard, che ha perso la vita insieme ad altre 20 persone. L’ex giornalista e il suo movimento, da tempo, erano stati screditati unanimemente dalla comunità intellettuale internazionale.   Parigi. Incredibile successo per la… Leggi tutto »

mago
mago
14 Giugno 2015 9:10

Bravissimo,anche il cancro malattia talmente intelligente alla fine stupidamente uccide chi lo ospita facendo poi la stessa fine…..se ammazzi la mucca poi non hai piu`latte ma questo sembra non sia il loro problema…

mago
mago
14 Giugno 2015 9:14
Stesso problema ma qualche scarpa o secchio di acqua lo tiro dopo aver fatto presente al padrone di casa la situazione…una volta dove abitavo prima un arzillo signore si presento`in pigiama in disco con una motosega accesa ….la security fu la prima a scappare…da allora ci fu meno casino …ma del signore non so dire…questo non era Gandhiano…
Marte
Marte
14 Giugno 2015 9:35

Non sarebbe un martirio: sarebbe un suicidio. Un atto corale di questo tipo verrebbe strumentalizzato dai media, al punto da divenire la leva per mezzo della quale screditare ogni concetto espresso in passato. L’atto sarebbe assimilato al suicidio di massa di una setta, i cui membri sono succubi del "guru". Il martirio, invece, si concretizza nella lotta quotidiana contro un avversario che ha già vinto. In tale accezione, l’obiettivo non è la vittoria, bensì l’irriducibile difesa della propria integrità di pensiero.

ProjectCivilization
ProjectCivilization
14 Giugno 2015 10:35

e che dire delle mezze stagioni ?

illupodeicieli
illupodeicieli
14 Giugno 2015 10:37

Neanche i famosi "scudi umani".

ProjectCivilization
ProjectCivilization
14 Giugno 2015 10:41

anche quello e’ un comportamento sterile . L’alternativa sono le oasi , introdurre una Cultura della collaborazione , senza aspettarsi grandi numeri , e darsi quella qualita’ della vita che I ciechi , sia quelli al potere che gli sfruttati , non hanno . E da li tentare una operazione educative basata sull’esempio . In ogni caso , la stupidita’ media , non e’ colpa degli intelligenti . Che non devono , percio’ , deprimersi troppo . Concentriamoci sul fattibile , senza sottovalutare che siamo , almeno , dieci volte troppi sulla terra .

SanPap
SanPap
14 Giugno 2015 11:10

ottima idea ma :

1) la distanza da casa mia alla discoteca è di poco meno di 2 km in linea d’aria (pensa a che volume stanno le casse; tra casa mia e la discoteca c’è un grande ospedale, pensa come sono felici i degenti)

2) i gestori non sono casinari di basso livello; Mafia Capitale ti dice nulla ? un vicino ch’è andato a protestare è stato accolto con la pistola in evidenza su un tavolo.

3) I Carabinieri ci sono andati diverse volte, abbassano il volume per qualche minuto fino a quando la pattuglia non si è allontanata, poi ricominciano. Polizia municipale, Polizia provinciale, Polizia di stato neanche rispondono alle chiamate.

TitusI
TitusI
14 Giugno 2015 11:10

Rileggi il post, forse non hai capito bene…

poisonedtooth
poisonedtooth
14 Giugno 2015 11:31

Povero Barnard, quanto tempo, intelletto, energie, volontà e fegato sprecati.E pensare che la soluzione certa e molto più semplice da attuare rispetto alla scelta tra martirio e omicidio sarebbe quella di smettere di consumare le Loro merci: il Sistema di potere basato sulla totale dipendenza delle masse dalla struttura Stato-Banca-Ipermercato si sgretolerebbe in pochi mesi riconsegnando all’individuo la propria libertà.Purtroppo se c’è una cosa che gli individui "occidentali" odiano con tutte le forze è proprio la libertà, essi non hanno i testicoli sufficientemente sviluppati per assumersi la responsabilità verso se stessi e il loro intorno, che la libertà vera porta con se e quindi scelgono di vivere subordinati a regole e leggi (politiche, economiche, etiche) che altri scelgono per loro, indipendentemente dalla bontà di quelle regole. DISCORSO SULLA SERVITÙ VOLONTARIA di Etienne De La Boétie (1530-1563) […] Per ora vorrei solo riuscire a comprendere come mai tanti uomini, tanti villaggi e città, tante nazioni a volte sopportano un tiranno che non ha alcuna forza se non quella che gli viene data, non ha potere di nuocere se non in quanto viene tollerato e non potrebbe far male ad alcuno, se non nel caso che si preferisca sopportarlo anziché contraddirlo. E’… Leggi tutto »

bonaveri
bonaveri
14 Giugno 2015 11:39

Paolo… Ti scrivo e mi espongo ai lettori di CDC (che è oramai l’ultimo sito le cui letture trovo talvolta sostenibili a livello intellettuale)senza rileggere, correndo il rischio di non spiegarmi bene e dimenticare passaggi utili ad esplicitare meglio la mia personale opinione (oltre a ripetizioni, errori di battitura eccetera).Ti conosco personalmente , pur non essendomi mai, probabilmente, presentato a te.il mio quinto ed ultimo disco, LA STAFFETTA, racconta proprio la sconfitta, perché sostengo da un decennio che è proprio dall’idea della condizione di sconfitti che si deve ripartire.Se tutti, specialmente le nuove generazioni, sapessero DAVVERO inquadrare la propria condizione esistenziale all’interno della sconfitta avremmo alcuni significativi risultati:1) cesserebbero di lasciare incanalare le energie residue in movimenti di reazione prestabiliti e pilotati per ammortizzare ed incanalare il dissenso.2) inizierebbero, per dirla alla Calvino, a cercare CHI e COSA in mezzo all’inferno non è Inferno, e farlo durare e dargli spazio (e ci ho fatto il disco "Città invisibili" su questo concetto).3) La condizione di sconfitti aiuterebbe a stemperare l’aspirazione leaderistica, solipsistica ed onanistica di aspiranti quanto inutili protagonisti: un movimento di massa necessita di un po’ più di massa e meno fenomeni.4) Porrebbe le basi per eventuali reazioni future realizzabili… Leggi tutto »

Moreno
Moreno
14 Giugno 2015 11:47
Davvero lo scopo di annunciare il proprio suicidio davanti all’ambasciata israeliana a Parigi  è quello di aiutare i palestinesi e di risolvere i problemi dell’Eurozona ?  

( perchè poi davanti l’ambasciata israeliana a Parigi ? )

sm
sm
14 Giugno 2015 15:16

qua, sotto all’himalaya
i tibetani dicono che
il vero eroe e’ colui
che
( prima di fare l’eroe ndt )
domina la propria mente

su un
piano piu’ pratico
barnard non e’ Gandhi
i palestinesi non sono gli
indiani
gli italiani poi…..

Teopratico
Teopratico
14 Giugno 2015 15:22

Quali scuse? Anzi, il tuo commento lo trovo molto interessante.

Teopratico
Teopratico
14 Giugno 2015 15:34

Acuto e onesto come sempre il pensiero di Barnard, specialmente quando individua il concetto di sconfitta che Pasolini aveva intuito decenni fa. Si dovrebbe partire, o ripartire, da lì come ha delineato bonaveri nel suo commento. Lasciamo perdere gli harakiri di massa che il buon Barnard minaccia pur di risvegliare i cadaveri viventi.

cardisem
cardisem
14 Giugno 2015 15:59

Ho dato una rapida occhiata al testo e ai commenti: può darsi che abbia capito male.
Ma se così non, cosa devo intendere?

Che Paolo Barnard al termine del suo “impegno” sia approdato alla pulsione di suicidio e di istigazione al suicidio?

Non lo seguo su questa strada, anche se ho molti motivi per essere pure io gravemente insoddisfatto della nostra attuale situazione concreta…

bonaveri
bonaveri
14 Giugno 2015 15:59

Le scuse sono nate spontaneamente. Sono consapevole che il mio post può sembrare lo sfogo di uno che non ha raggiunto la celebrità di Ligabue (lol), e le scuse servono ad affrancarmi da coloro i quali dovessero sentirsi infastiditi da questa presunta frustrazione. In realtà non sono frustrato, piuttosto sono incazzato, perché mi incazzo ogni qualvolta vedo un sopruso.
L’essere oscurato è un sopruso che subisco da molto tempo e a volte mi ci incazzo anche per proteggere quel bambino che ciascuno di noi porta dentro.
Grazie per la tua attenzione 😉

RenatoT
RenatoT
14 Giugno 2015 16:07

Il cancro è una mutazione cellulare dovuta alla carenza di ossigeno e abbondanza di zucchero… ci siamo passati 10 anni fa… affrontato cosi.. sparisce e non si presenta piu’.

I latticini generano osteoporosi e acidificazione. quindi la mucca al massimo si mangia e il suo latte è selezionato per allevare vitelli e farli crescere di 300 kg in pochi mesi… dato agli esseri umani genera malfunzionamenti e malattie croniche… i pediatri ringraziano.
Non a caso in tv si vendono latticini, farine e zuccheri (generatori di maltattie croniche) , medicine (occultatori dei sintomi generati dai primi), debito e automobili.
RicardoDenner
RicardoDenner
14 Giugno 2015 16:33

Quando il mondo disgusta è naturale il suicidio..ma quello dell’ego..della mente..non quello del corpo..che poi non risolve nulla..

La tesi di Barnard è buddismo materializzato..ingrezzito ..degenerato..
Io avevo queste pulsioni a 17 anni..poi ho capito che la vera lotta è uccidere non il proprio corpo..ma la volontà di potere che vive anche dentro di noi..e in tutte le cose..
Ancora non ci sono riuscito…ma almeno questa possibilità rimane..che poi è l’unica cosa che può cambiare il mondo e renderlo più umano..cioè..super-umano..meno fetente..anche se qualche puzzetta è naturale che rimanga sempre.. 
ilsanto
ilsanto
14 Giugno 2015 16:40

Sei pazzo, completamente. definitivamente, perdutamente pazzo. Se pensi che un uomo degno di questo nome si tagli le vene perchè non ha speranza allora oltre che pazzo sei un verme che incita all’olocausto io dico invece che nessuno mai dovrebbe suicidarsi, mai .

Ma se proprio ritiene in cuor suo che non ha più le forze per sopportare il suo destino infausto bene che almeno si porti con se uno di quello 0,1% che l’ha distrutto, possibilmente qualcuno in più cosi che gli altri infelici trovino la speranza di un mondo migliore e gli arroganti inizino a pensare ai loro misfatti o almeno non dormano tranquilli.
Aironeblu
Aironeblu
14 Giugno 2015 17:17

La barnardata di oggi… Speriamo che questa volta si concretizzi!

mago
mago
14 Giugno 2015 17:50
Ti capisco..ora scendo a ripulire il posteggio dai cocci di bottiglia..anche da noi mafia ma estera..il casino lo fanno i ragazzi per bene.. la discoteca invece è isolata in modo impeccabile…visto che urinano mi ero ripromesso di andare in municipio a contraccambiare il favore ma sfortunatamente per lavoro non posso…
mago
mago
14 Giugno 2015 17:50
Ti capisco..ora scendo a ripulire il posteggio dai cocci di bottiglia..anche da noi mafia ma estera..il casino lo fanno i ragazzi per bene.. la discoteca invece è isolata in modo impeccabile…visto che urinano mi ero ripromesso di andare in municipio a contraccambiare il favore ma sfortunatamente per lavoro non posso…
Teopratico
Teopratico
14 Giugno 2015 18:49

Se può sollevarti anche io ho rinunciato alla carriera, per non essere un ingranaggio del sistema, per vivere e lavorare più lentamente, o forse perché per un artigiano è disumano pagare tutte queste tasse. Certo nel tuo mestiere la popolarità é importante, ma se si fa il proprio lavoro bene le soddisfazioni vengono comunque e tu ne raccontavi a Barnard proprio nel tuo commento. Saluti e auguri.

cardisem
cardisem
14 Giugno 2015 19:01

Ho riletto con maggiore attenzione… Sto lavorando e sono stanchissimo in un bagno di sudore, ma faccio in questo modo una pausa di lavoro… Ognuno ha i suoi metodi… Fermo restando il rispetto umano per Barnard, penso che lui stesso abbia bisogno di un giudizio responsabile ed equilibrato sul suo dramma interiore che ha voluto rendere pubblico, come “pubblica” è l’idea di suicidio-martirio da lui enunciata. Obietto subito enunciando il (mio) Principio di Speranza. La Speranza è la vita stessa e non si può rinunciare nè alla vita né alla Speranza: è un principio metodologico perché ogni cosa possa esistere. Certamente, Paolo in economia ne sa più di me. Io ho studiata questa materia, ma per concluderne che non si tratta di una scienza da prendere sul serio. È una prassi politica che viene convertita in teoremi ad opera di intellettuali specializzati a questo scopo. Guai a prenderli sul serio e a perderci troppo tempo. Se si vuole governare e dirigere l’economia, bisogna governare prima la politica come philosophia prima. Il resto viene dopo… Il fatto che Paolo citi Gandi significa che non ha fatto migliori letture filosofiche. Io non sono un indiano, non sono mai andato in India e… Leggi tutto »

Firenze137
Firenze137
14 Giugno 2015 19:49

molto apprezzabile e sentito quello che scrivi, ma mi permetto di non condividerlo anche se in parte. Io partirei da dove dici " arrivi a casa accendi il TV e vedi Fedez".  tu sei un esemplare dell’homo sapiens che ha deciso di fare musica. Ovvio che tutto il tuo essere, la tua vita, la tua cultura,  la trasferisci nel fare musica. Le tue convinzioni, la tua lotta "da sconfitto" come dici tu. Hai un video su Youtube per raccogliere finaziamenti per il nuovo CD. Insomma ce la metti tutta per andare avanti con la preminenza – se non ho capito male – del messaggio di lottare per cambiare la società. Perchè fedez no allora?. Non sono innamorato di fedez. Ma magari anche lui sta cercando di fare un percorso parallelo al tuo. criticabile quanto vuoi, asservito se si vuole alle major, ma chi può dire di avere in tasca la ricetta giusta ?. Fare musica dal liscio alle composizioni di luigi nono non deve essere criticato per l’aspetto associato delle scelte degli inevitabili compromessi commerciali che ognuno di noi fa anche se minimamente si compra il cioccolato nestlè invece di quello equo e solidale. Io mi compro il cioccolato. Fedez… Leggi tutto »

Firenze137
Firenze137
14 Giugno 2015 19:54

o.k. ci credo. ma il messaggio che arrivava ai "tempi d’oro" di Pannella era che lui "soffriva".. se non ricordo male venivano dati i valori delle analisi del sague, delle urine .. poi radio radicale passava la voce sofferente. insomma c’era di tutto e di più perchè il suo Satyagraha fosse reale e non una burletta come dici tu. MA oggi però tutto inutile.  

Teopratico
Teopratico
14 Giugno 2015 20:17

Non sono d’accordo. Il tema della relazione fra srtr e potere é complesso, relativo alle epoche e soggettivo per gli artisti.Ogni artista ha una sua poetica e una sua coscienza, solo Fedez sa a quanta libertà ha rinunciato , trattandosi di libertà di espressione é sempre troppo. La questione ripeto é complessa e riguarda tutta la storia dell’uomo. Per esempio quel genio immenso di Michelangelo é riuscito sotto gli occhi di tutti, compresi noi contrmporanei, a creare il Giudizio che solo gli interventi "braghettoni" successivi lo allontanano dalla pornografia. Il tutto nel cuore del potere assoluto più potente di tutti i tempi. Tanto per fare un esempio…

Truman
Staff CDC
14 Giugno 2015 23:39

E chi ha fame si mangiasse le brioches.

Marilouise
Marilouise
15 Giugno 2015 2:24

Caro Paolo,

purtroppo ho capito anch’io, da qualche tempo, che i tentacoli dei Poteri Forti sono ormai infiltrati ovunque e dirigono a loro piacimento reggimenti di idioti soldatini. Sono giunta alle tue stesse conclusioni, provando, nel mio piccolo, la medesima impotenza. Anche la Rete è sotto il loro controllo, invasa da masse di ottenebrati incapaci di discernere.
Ecco perchè condivido la tua scelta di abbandonare Sfasciacervelli e simili. 

Se può consolarti, quindi, non sei solo.

Ma l’atto estremo/dimostrativo che proponi non è ragionevole. Ammesso che trovasse consensi e seguaci, il gesto verrebbe neutralizzato, snaturato o ridicolizzato dai suddetti Poteri. In un batter di ciglia.

Teniamo duro e restiamo umani.

bonaveri
bonaveri
15 Giugno 2015 8:27

Capisco il tuo punto di vista.Devo anche riconoscere per onestà intellettuale che ho sparato il primo nome che mi è venuto in mente… Non ce l’ho particolarmente con Fedez.Stando in ambito musicale, provo a risponderti così, per chiarire:il fatto che Fedez si allinei o quantomeno si limiti non mi scandalizza, spesso è un modo per riuscire a lavorare "dal di dentro".Quello che mi lascia basito è come la massa del pubblico si allinei all’imposizione e riconosca per "politioco di rottura" il messaggio da questo veicolato.Dissenso controllato quindi innocuo. Mi demoralizza questo allinerasi delle persone al pensiero unico in un campo che viene definito arte, così come il chiamare pasta la porcheria sfornata da Barilla. Il potere serve direttamente a casa i suoi veleni con la scusa che così facendo ci risparmia la fatica di uscire e fare acquisti. E tutti a crearsi l’alibi cercando una giustificazione, quando non ce la forniscono direttamente gli "intellettuali" del sistema (critici, giornalisti, noi stessi già allenati in modo pavloviano al sistema.Non ho ambizioni per entrare lì, questo cerco di spiegare… è creare le condizioni affinché "non lì" si cerchino le finte medicine. Il piacere o meno non ha la sua cartina al tornasole nel… Leggi tutto »

Penelope
Penelope
23 Giugno 2015 11:56

Il martirio e il suicidio sono 2 cose completamente diverse. Soprattutto: LA NON-VIOLENZA E IL SUICIDIO SONO DUE COSE COMPLETAMENTE IN COMPATIBILI!
E poi sono curiosa di sapere cosa avrebbe intenzione di fare quest’eroe… si suiciderà assieme ai poveretti che lo seguiranno? O lui resterà in vita, ma solo per portare avanti la lotta?…
Quest’appello non solo non è costruttivo, è folle ed è discretamente demenziale… è pure in malafede!
Gandhi si è forse suicidato?
Non mi risulta…
Qualcosa bisogna fare, è certo. Ma non si tratta né di imbracciare le armi, né di suicidarsi in massa.
Bisognerebbe costruire altro e incrementare e stimolare la coscienza, non la barbarie.