Home / ComeDonChisciotte / MARI O MONTI

MARI O MONTI

DI PIERGIORGIO ODIFREDDI
odifreddi.blogautore.repubblica.it

«Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha nominato oggi Senatore a vita, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione, il professor Mario Monti, che ha illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo scientifico e sociale. Il decreto è stato controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, onorevole dottor Silvio Berlusconi. Il Presidente Napolitano ha informato della nomina il Presidente del Senato della Repubblica, senatore avvocato Renato Schifani. Il Capo dello Stato ha dato personalmente notizia della nomina al neo Senatore Mario Monti, porgendogli i più vivi auguri. Mario Monti, professore di economia politica e Presidente della Università Bocconi di Milano è stato membro della Commissione europea dal 1994 al 2004 ed è autorevolmente partecipe di numerose istituzioni europee e internazionali».
Comunicato ufficiale del Quirinale, 9.11.2011

L’articolo 59 della Costituzione della nostra povera Repubblica stabilisce che il Presidente della Repubblica possa nominare cinque Senatori a vita che abbiano “illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario”.

I primi due, nominati da Luigi Einaudi nel 1949, furono il matematico Guido Castelnuovo e il direttore d’orchestra Arturo Toscanini (che rifiutò). Einaudi continuò poi nel modo in cui era partito, scegliendo negli anni uno scultore (Pietro Canonica), uno storico (Gaetano De Sanctis), un economista (Pasquale Jannaccone), un poeta (Trilussa), un archeologo (Umberto Zanotti Bianco) e un politico (don Luigi Sturzo).

Quest’ultima nomina fu l’inizio dello snaturamento dell’istituzione. Nei decenni successivi, dei 25 senatori nominati dai vari presidenti della Repubblica, 15 sono stati politici: da Leone a Nenni, da Fanfani a Spadolini, da Andreotti a Taviani, da Colombo a Napolitano. Tutti accomunati soltanto dall’altissimo merito di avere maturato il diritto all’usucapione perpetua di un seggio parlamentare, per averne occupato uno già sufficientemente a lungo.

Fra i rimanenti dieci, ben tre sono state le nomine per altissimi meriti automobilistici (Vittorio Valletta, Gianni Agnelli e Sergio Pininfarina). E solo quattro quelle che in qualche modo si possono ricondurre alla lettera della Costituzione: due premi Nobel (Eugenio Montale per la letteratura e Rita Levi Montalcini per la medicina), un attore-commediante (Eduardo De Filippo) e un poeta (Mario Luzi).

Oggi Napolitano ha effettuato la sua prima nomina, continuando nell’andazzo dei suoi predecessori. Dimenticando che in Italia abbiamo almeno un premio Nobel della letteratura (Dario Fo) e due di fisica (Carlo Rubbia e Riccardo Giacconi), oltre a una medaglia Fields di matematica (Enrico Bombieri) , un intellettuale come Umberto Eco, un architetto come Renzo Piano, un direttore d’orchestra come Riccardo Muti o un attore come Roberto Benigni, il presidente della Repubblica ha nominato l’economista Mario Monti.

L’altissimo merito di quest’ultimo è di essere stato commissario europeo con deleghe economiche, dal 1994 al 1999 per nomina del primo governo Berlusconi, e dal 1999 al 2004 per nomina del primo governo D’Alema. Oltre che di essere stato presidente della famigerata Commissione Trilaterale, una specie di massoneria ultraliberista statunitense, europea e nipponica ispirata da David Rockefeller e Henry Kissinger.

Ci voleva un ex sedicente comunista dell’area migliorista, per formalizzare attraverso la persona di Monti il ruolo extraparlamentare dell’economia liberista che sta condizionando l’Europa intera attraverso le politiche della Banca Centrale (oggi presieduta da Mario Draghi, ex collega di Monti come consulente della Goldman Sachs), del Fondo Monetario Internazionale e delle borse.

E’ probabile che la nomina di Monti sia un giochetto da Prima Repubblica, per poter presentare a giorni la sua promozione a primo ministro come “istituzionale”. Quando invece si tratterà di un esautoramento della volontà popolare, visto che Monti avrà anche ricevuto nomine governative e presidenziali, ma certo non è mai stato eletto dagli elettori.

Quegli stessi elettori che tutti dicono di ritenere sovrani, ma che nessuno si degna di interpellare per domandar loro come intendano superare la crisi. Se svuotando le proprie tasche, come ha già mal iniziato a fare il governo Berlusconi, e come peggio continuerà a fare il governo Monti. O se invece attingendo ai portafogli delle banche e degli industriali, alla faccia dei Monti, dei Draghi e dei Berlusconi.

Piergiorgio Odifreddi
Fonte: http://odifreddi.blogautore.repubblica.it
Link: http://odifreddi.blogautore.repubblica.it/2011/11/09/mari-o-monti/
9.11.2011

______________________________________________________

La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori e in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere ritenuto responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi.
La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

– messaggi non concernenti il tema dell’articolo
– messaggi offensivi nei confronti di chiunque
– messaggi con contenuto razzista o sessista
– messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Pubblicato da Davide

  • Kazonga

    A Odifre’, bravo, stavorta me sei piaciuto.

  • AlbertoConti

    Mi ricorda un vecchio film con Jim Carrey, “Scemo e più scemo”.

  • bysantium

    stavolta , anche a me.

  • Giancarlo54

    A meno no. Infatti ha dimenticato “alla faccia dei Monti, dei Draghi e dei Berlusconi. ” proprio il “numer one” Giorgio Napolitano. Che aspiri lui a diventare senatore a vita?

  • Emanuele_C

    Tutto VERO, caro Odifreddi ed aggiungo questo strepitoso video pubblicato oggi da Claudio Messora in merito alla questione:

    http://www.youtube.com/watch?v=HtMi-mcYyl4&feature=share

    Ma, Signori, abbiamo un problema: il lavaggio del cervello della gente che ormai non DISTINGUE la realtà. Leggete, per esempio, i commenti degli elettori alla scelta di Di Pietro di non appoggiare il governo tecnico e rimarrete sconcertati. E’ una guerra vera, contro noi stessi.

  • dino23

    Bene, bene …. il prof. Odifreddi che comincia a parlare massoneria.
    Ecco, vediamo se trova altro tempo per continuare ed andare avanti con i …. capitoli.
    Almeno fino a quello dei “massoni premio Nobel”, altrimenti !?
    che minchia di lezione ci fà….. professo’ , eh !?

  • bysantium

    Scusa, ma se sostiene che Monti è “un tagliagole” e l’ha nominato Napolitano…proprietà transitiva, se ricordo bene.

  • ale_b47

    ma possibile che la gente sia così ottusa? possibile continuare ancora a tifare PD, PDL etc etc…perchè solo di questo può trattarsi, di fede cieca senza la minima consapevolezza e coscienza.
    Io non ce la faccio più a vedere il mio paese autodistruggersi così. E ora anche prostituirsi sdegnosamente per due miseri euro all’UE, FMI, G. Sachs e chi più ne ha più ne metta, senza la minima reazione anzi!!
    Tutti ad acclamare Monti il salvatore!!
    Io voglio battermi per il bene del mio paese non ce la faccio più a stare a guardare, ma come?
    L’alternativa è espatriare, scappare e succeda quel che succeda.

  • MartinV

    In effetti, è stato sorprendente leggere quel che scrive Odifreddi su un blog ospitato da Repubblica, che ha una linea politica ben diversa.

    La Repubblica ha infatti diversificato i propri prodotti: dalla promozione delle mozzarelle di bufale libiche (CNT illimited production) è passata adesso al settore dell’abbigliamento di lusso (Cravattari international, della MD&MM).

  • lpv

    anche a me! onore a lui, anche se prevedo che presto non avrà più un blog su repubblica…

  • lpv

    😀

  • geopardy

    Guardatevi questo video conferenza di Naomi Klein, la tipa a cui, la culla della “libertà”, ha negato l’amplificazione in un manifestazione di pochi giorni fa.

    http://www.youtube.com/watch?v=ScQO1txA57o

    Ciao

    Geo

  • Onilut

    Tutto questo parlar di Monti mi puzza di depistaggio… staremo a vedere.

  • cpaglietti

    Chi è Mario Monti?
    È presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento neoliberista fondato nel 1973 da David Rockefeller e membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg!
    Ciò dovrebbe bastarci a capire da chi è influenzato e quali interessi difenderà.

  • Truman

    Infatti forse la notizia più sorprendente è che un articolo del genere esce su Repubblica, anche se credo solo sul blog.
    Il cancro della finanza comincia ad essere capito pure in quegli ambienti.

  • Truman

    Devo dire che anch’io non ho capito tutta questa frenesia di proporre vistosamente Monti come commissario liquidatore dello Stato italiano.
    Può essere visto come un modo per bruciarlo. Ma a giudicare da ciò che accade in Grecia, dove il fratello (di loggia) è già premier, si sentono molto sicuri di fregarci anche stavolta, oppure non hanno alternative.

  • mystes

    Non sono stato mai favorevole a Berlusconi, lo considero responsabile di macroscopici errori in politica economica e politica estera (perdita della sovranità monetaria e della sovranità politica) eppure non riesco a capire come nei media si dia già per liquidato un primo ministro che potrebbe fare tutte quelle cose che invece pare dovranno essere fatte da un uomo della Trilaterale e della Bielderberg, un uomo che non è stato votato da nessuno e che quindi non potrà rappresentare se non se stesso e i poteri forti da cui proviene.
    Se è stato deciso (come del resto è avvenuto in Grecia) di consegnare questa povera nazione a una banda di speculatori lo si dica apertamente, così la gente si potrà regolare.
    Se la Lega e l’IDV confermeranno l’opposizione a un eventuale governo Monti, alle prossime elezioni prenderanno una valanga di voti.

  • Kazonga

    Insomma, un paladino dei lavoratori e delle classi disagiate!!! 😉

  • ericvonmaan

    Benigni candidato senatore… mah

  • GRATIS

    d’accordo. ma Eco e Benigni anche no

  • GRATIS

    dal punto di vista dell’adesione massonica la candidtura Benigni (ma anche Eco) ha senso

  • Kiddo

    C’è BYOBLU da Santoro che racconta chi è Monti.

    Una scena da ricordare, soprattutto se vista su SKY!!! HE !! HE!! HE!!! ;-))

  • luca

    Buonasera a tutti.
    permettete un’ipotesi !
    Monti puo’ essere stato designato per la finta soluzione economica italiana.
    Non e’ che monti, ex presidente della trilaterale (ue,us & jap), che in contatto con Bigne’ brzinsky sa qualcosa sulla tesi del neo segretario AIEA, Yukiya Amano (jap), in merito agli ipotetici armamenti nucleari dell’Iran ?
    C’e l’ex segretario El Baradei (Egipt), al quale vogliono imputare l’accusa di aver nascosto le “loro” verita.
    Oppure Amano non ha alternative??
    Un neo presidente del consiglio imposto, puo’ fare molto in politica estera. Specie usion.
    Considerando che da noi ci sono vari attrezzi di ultima generazione (basi aeree strategiche, MUOS, comando africom)
    Luca

  • pippo74

    stai scherzando spero. questo non è un articolo, è un post in un blog di repubblica che credo leggano in pochini. figurati se “Il cancro della finanza comincia ad essere capito pure in quegli ambienti.” poi sul merito del contenuto, mi fa piacere che il prof. Odifreddi abbia speso bene le sue parole. qualche dubbio, anzi molti dubbi su Eco e Benigni li nutro anch’io, come qualcun altro ha già evidenziato nei commenti.

  • pippo74

    certo è un’ipotesi, ma non così inverosimile; inquietante dover prendere in considerazione uno scenario così raccapricciante. spero solo tu abbia avuto un’allucinazione. saluti

  • alfritz16

    All’amaro ci eravamo già arrivati, siamo inchiodati sulla croce e ci
    offrono il fiele. Era tutto programmato da quando i nostri eroi:
    Ciampi, Amato, Draghi, Prodi & C. hanno cominciato a svendere l’Italia
    con l’IRI. Va riletta la storia del dopoguerra es.: il dossier SOROS (http://www.movisol.org/ ), o il programma uscito dalla riunione del club Bilderberg (di cui M. Monti è un alto esponente) del 2005 (http://www.disinformazione.it/bilderberg4.htm)
    Ormai è palese siamo in una dittatura, il parere del popolo italiano non conta più nulla, decidono gli USA tramite l’UE imponendo il loro uomo, addirittura appoggiati dal Presidente della Repubblica, vecchio comunista passato al neoliberismo selvaggio di cui Monti (mai eletto dal popolo) è promotore ed artefice.
    Il ricorso alle urne è anch’esso divenuto una farsa, c’imporranno di votare uomini al loro servizio. I maggiori media sono controllati, sono tutti sostenitori e sacerdoti dell’UE, guai ad andare fuori dal coro.
    Preso atto, come dimostrano i fatti, che non siamo più un paese sovrano, fintantoché non saremo capaci di ribellarci, inutile mantenere il teatrino della Repubblica non servono più ne il Capo dello Stato, ne il Governo, ne le Camere, ne i Consigli Regionali, Provinciali e Comunali; bastano dei commissari UE per l’ordinaria amministrazione, un grande risparmio.

    Viva l’Italia che non s’è desta.

  • luca

    ..cioe us utilizzano noi per fare guerra agli altri.
    Se da noi partono i bombardieri, il negro e la sua ebraica cricca non ce lo dicono. Pero’ i sistemi di puntamento e radar dell’Iran vedono da dove partono i castrati us.
    Il tutto condito dal “maitre di salamonti” e dal valletto napoletano.

  • walterkurtz

    Sì infatti, ogni tanto darò un’occhiata al blog per verificare

  • Tonguessy

    E stavolta a me pure. Mi auguro che continui così….

  • guido

    Parlando di “una specie di massoneria” Odifreddi conferma quella disparità di vedute ai vertici del potere che già si è potuta intuire in altre occasioni.
    Mi resta un dubbio di tipo matematico-geometrico: la piramide finisce con una punta ancora più in alto oppure con due anime di spin opposto che convivono strettamente allacciate?
    Saluti