Home / ComeDonChisciotte / MAI CE LO SAREMMO ASPETTATO

MAI CE LO SAREMMO ASPETTATO

DI CARLO BERTANI
carlobertani.blogspot.com

Eh sì, proprio la sera di Natale, non ci saremmo mai attesi di scrivere qualcosa in difesa della Chiesa Cattolica. Sarà l’aria del Natale.
Sinceramente, ci hanno proprio infastidito i modi e le esternazione del rabbi Cohen, (nella foto) dopo la visita in Vaticano a Benedetto XVI.
Non si tratta di un problema religioso e nemmeno dell’eterna querelle sulla Shoà: è solo una questione d’educazione.
Per chi non lo sapesse, il rabbino Cohen da Haifa ha trovato da ridire sulla decisione dell’apposita commissione vaticana, la quale ha deciso di promuovere la beatificazione di Pio XII e di Giovanni Paolo II.
Proprio perché non cattolico, ritengo che chiunque non lo sia abbia il dovere di tacere, e questo proprio per il rispetto che si deve all’altrui Credo.
Ci mancherebbe che, nel nome del dialogo interreligioso, un buddista dovesse chiedere il permesso per ricordare Milarepa all’ayatollah Khamenei, oppure che un musulmano dovesse chiedere il permesso di pregare per un Imam al Patriarca di Mosca: ma dove siamo?
Premettendo che sulla cause di beatificazione l’unica autorità competente è quella cattolica, non vogliamo nasconderci dietro ad un dito ed entriamo nella spinosa questione.

Cohen ha dichiarato che Papa Pacelli non fece abbastanza per salvare gli ebrei: opinione legittima, per carità, ma di pertinenza storica e non dottrinale. E, anche a voler cercare il pelo nell’uovo, Cohen dimentica che Pio XII visse fino al Giugno del 1944 in una città occupata dai nazisti, e quasi tutta l’Europa lo era.
Pacelli fece probabilmente la scelta della “fleet in being”, ossia valutò che fare un passo azzardato non avrebbe sortito nessun effetto sui nazisti, mentre avrebbe compromesso la possibilità d’usare i monasteri cattolici per dare rifugio agli ebrei.
E, i nazisti, si guardarono bene dall’invadere le strutture della Chiesa Cattolica. Ci sono quindi fondati sospetti che Pio XII operò la miglior scelta, quella meno dolorosa.
Fu troppo poco?

Francamente, è difficile – oggi – dare un giudizio storico sulla vicenda, poiché non avremo mai la prova del contrario, ossia di cosa sarebbe successo se il Papa avesse denunciato al mondo lo sterminio.
Ma il Papa non era certo l’unico a sapere: gli americani sapevano tutto, ed alcuni P38 sorvolarono addirittura Birkenau ed i nodi ferroviari senza mai sganciare una bomba. La giustificazione americana fu puerile: avevano paura di colpire i prigionieri. E i nodi ferroviari?
Non vogliamo entrare nell’infinita querelle sulle responsabilità della Shoà, ma farne carico a Pio XII ci sembra francamente esagerato e, per gli italiani, offensivo, giacché furono il popolo che più si prodigò in favore degli ebrei, nonostante l’alleanza con Berlino e le leggi razziali del ’38.
Per contrappasso, vorremmo chiedere a Cohen quanto “peserà” nel dialogo interreligioso il rapporto Goldstone, ovvero la prova provata (Goldstone è un ebreo sudafricano, oltre che incaricato dell’ONU per la stesura del rapporto) che Israele ha commesso crimini contro l’umanità a Gaza.
E, questa, non è una storia del 1943, non c’erano Papi od autorità religiose a mitigare l’inferno che dovettero subire gli abitanti di Gaza: è storia recente, Gennaio 2009. Dall’altra parte, c’erano solo Tzahal ed il governo di Tel Aviv.
Se lei è veramente uomo di fede, rabbi Cohen, accetti un consiglio: torni ad Haifa e rifletta, prima d’invocare le colpe altrui.

Carlo Bertani
Fonte: http://carlobertani.blogspot.com
Link: http://carlobertani.blogspot.com/2009/12/mai-ce-lo-saremmo-aspettato.html
24.12.2009

 

Pubblicato da Davide

  • vimana2

    Finalmente qualcuno e qualche sito che difende la chiesa cattolica in qualche contesto!
    Come bertani nn sono cattolico ma ne ho 2 scatole piene vedere attacca la chiesa cattolica sempre e cmq….
    Volevo scrivere anche un topic su CDC riguardo a questo fatto, cioè che gli ebrei di oggi si ficcano in mezzo a qualunque contesto perfino nelle religioni altrui e almeno su facebook nn mi sono fatto problemi a mandarli a quel paese.
    Un grazie a CDC e a carlobertani, almeno la notte di natale la chiesa cattolica nn ha fatto qualcosa di sbagliato almeno la notte di natale gli ebrei nn vengono difesi sempre e cmq!

  • clausneghe

    Caro Bertani che usi il plurale majestatis…
    Dovresti sapere che i Choen (Caini) sono di una cervice dura egoista ed egocentrica.
    Tra le religioni istituzionali, che io aborro tutte per quanto possibile, la Ebraica ortodossa è senz’altro ,a mio parere, la più retriva, superstiziosa,maniacale e anche violenta.
    Basta ricordarsi l’immagine,un anno fà, dei rabbini vestiti di nero come corvi che guardano compiaciuti dall’alto di una collina la rovina di Gaza…
    Od osservarli quando, sempre vestiti di nero con barbe e treccine e kippà gesticolano davanti al muro del pianto, che a quanto pare non è nemmeno del loro antico tempio ma dei romani che lo costruirono come cinta..
    Per non parlare dei rabbiosi rabbini che incitano all’uccisione di altri esseri umani,nella fattispecie Arabi, ma nel caso anche Cristiani o Altri, tutti i non Ebrei, in pratica,che loro considerano sub umani “Goym” ossia bestie parlanti.
    Questa gente andrà presto fuori dalla Storia , trasmutata dagli eventi.

  • cloroalclero

    caro Bertani, io mi sento sempre piu’ atea, dal punto di vista della mia collocazione rispetto alle chiese, figurati che stasera le mie figlie si sono messe a guardare in tv “giuseppe” un cartone animato ispirato al personaggio biblico e io ho provato fastidio per questa loro scelta, ma eravamo acasa di mia madre e nn potevo esprimermi.

    Che te devo dì? per me sono tutti dei gran campioni di putrida ipocrisia e opportunismo, sti preti. Pio XII non ha fatto abbastanza per gli ebrei. Woytyla non ha fatto abbastanza per i cileni e gli argentini, eppure andava laggiu spesso e volentieri. Ratzi non ha fatto abbastanza per Gaza, anzi ha girato la faccia per leccare il culo al governo italiano, perchè a livello internazionale una voce ferma di condanna, stavolta, sarebbe stata accolta con favore.

    E ‘sti rabbini, ‘sti preti ebrei che la finiscano di rompere le palle facendo mettere i revisionisti in galera in tutta Europa: per la loro chiesa dell’olocausto stanno influenzando i principi democratici in tutti i paesi d’occidente (leccaculo) : in nessuna democrazia di dovrebbe incarcerare la gente (vedi Zundel in galera da anni in Germania) per reati di opinione. A prescindere dall’opinione.
    un abbraccio natalizio a te e a tutti gli utenti di donchisciotte. PACE.

  • tersite

    Scusi Bertani, daccordo su tutto, ma per difendere un personaggio come eugenio pacelli(e famiglia) ce ne vuole…Quindi se si riferisce all’episodio citato o alle responsabilità non mi permetto di contraddirla, ma la beatificazione mi sembra un insulto alla morale cristiana! certo, se de pedis è stato un benefattore…forse ha ragione lei Bertani, facciamolo beato! cmq è vero, i rabbini farebbero meglio ad occuparsi delle loro cose, ma io no! a me, ateo, italiano e romano, hanno fatto due coglioni fin dalla nascita..che rivendico il diritto, vita naturaldurante, di dirgliene quante me ne pare e piace! ps leggenda metropolitana(da fonte attendibilissima): il gobbo giulio sarebbe figlio naturale di pio XII! e non aggingo altro… rettiliani si nasce!

  • vimana2

    Invece pio XII caro mio ne ha salvati di ebrei! ma tu credi alla propaganda sionista…..buon anno sionista!

  • francesco67

    Avere ancora il coraggio di parlare di Shoa come fatto evidente è solo una perdita di tempo.
    Bertani è una persona oculata e piace come scrive pero mi sembra che faccia sempre parte del sistema pur avendo una voce fuori dal coro.
    La prima cosa da fare è questionare la shoa. In questo caso, l’essenza stessa dell’articolo viene a mancare e no ha piu senso palare di beatificazione o di dissenso sulla stessa, inoltre il rabbino non dovrebbe essere preso proprio in considerazione per aver parlato su una bugia.

  • eresiarca

    Innanzitutto, c’è da dire che ormai esiste una vasta letteratura che dimostra come l’Italia fascista fosse diventata, sin dall’avvento del regime nazionalsocialista, un rifugio per molti ebrei tedeschi, che da qui passarono in Palestina oppure decisero di rimanere. Andavano forse “in bocca al lupo cattivo”?
    Già R. De Felice in “Storia degli ebrei italiani durante il Fascismo” aveva eliminato varie esagerazioni pseudostoriografiche.
    Tutti coloro che desiderano uscire dal costante ricatto della Lobby dovrebbero conoscere i fatti documentati in vari libri, tra cui quello di F. Giannini, “Uno schermo protettore”, che tratta del rapporto tra Mussolini, il Fascismo e gli ebrei. Interessantissime le considerazioni di E. Innocenti ne “La conversione religiosa di Benito Mussolini”, che fa anche riferimento a pubblicazioni degli anni Sessanta della comunità ebraica italiana in cui, con riferimento al Fascismo e agli ebrei, non si ritrovavano affatto le esagerazioni nelle quali, in seguito, i suoi “rappresentanti” odierni si sarebbero specializzati.
    Ricordiamo ora qualche argomento:
    1) dei circa 10.000 ebrei italiani censiti all’epoca, il Vaticano ne mise in salvo 8-9.000, infatti solo circa 1.000 sono quelli che furono rastrellati al ghetto di Roma;
    2) tale operazione avvenne solo DOPO che il Duce era stato estromesso dal re fellone e dai congiurati del Gran Consiglio, massoni, monarchici ed intimamente antifascisti;
    3) di questi congiurati è bene ricordare che faceva parte anche un certo Grandi, che da Londra, quand’era ambasciatore, fece di tutto per boicottare i tentativi italiani di addivenire ad una soluzione per evitare l’impresa d’Etiopia, che invece i suoi amici inglesi volevano causare a tutti i costi per poi avere la scusa per far guerra all’Italia, che minacciava seriamente il dominio britannico nel Mediterraneo;
    4) E’ inoltre bene ricordare che Mussolini, nel 1935 voleva ancora giocare la carta sionista, ma rimase spiacevolmente sorpreso e amareggiato, lui che in fondo voleva la collaborazione di tutti nel “fascio di forze”, nel constatare che l’ebraismo internazionale (il proto-Stato d’Israele, insomma) era nettamente antifascista, tant’è che in qui momenti cruciali si rifiutò di operare un’opera di mediazione con l’Inghilterra. Ebrei, tra l’altro, erano numerosi caporioni dell’antifascismo…
    5) Torniamo alla guerra: essendoci per di più una “Brigata ebraica” tra i “liberatori”, va da sé che gli ebrei in Italia erano ormai da considerarsi appartenenti ad un Stato nemico (e tuttavia vi furono anche ebrei nella RSI);
    6) Nel frattempo, tuttavia, è arcinota l’azione svolta da italiani di sincera fede fascista nella protezione di ebrei nei territori europei occupati dai tedeschi. Col senno di poi, le “democrazie” si sono presentate come le protettrici degli ebrei, ma come mai, se li amavano tanto, non aprirono loro le frontiere per “salvarli”? Un bel mistero!
    Si potrebbe andare avanti ancora, ma rimando alla lettura di quegli studi… Quanto a Pio XII, sono usciti degli studi di R. Faurisson, disponibili in rete sul sito dell’AAARGH.
    Certo, Bertani potrebbe dire ancora di più. Comunque, considerata la posizione “di sinistra” da cui è partito è già molto. Ad ogni modo, concordo: bisogna avere il coraggio di vincere l’ultmo tabu, quello dell’Olocausto e riconoscere che cifre e modalità dello “sterminio” non stanno in piedi. Ma attenzione, allo stesso tempo va superato anche l’altro tabu, quello dell’antifascismo, perché in un’ultima analisi l’armamentario dell’antifascismo, oggi, a distanza d’oltre 60 anni, e per come siamo messi in Italia, è solo uno strumento dell'”odio di sé” che impedisce praticamente di “diventare grandi” ed uscire dalla “tutela” dell'”alleato”, che non a caso oggi si presenta come il “protettore degli ebrei”…

  • Eracle

    La Chiesa e gli USA non hanno denunciato al mondo i crimini nazisti perchè molto probabilmente non c’era proprio nulla da denunciare che andasse oltre il normale svolgimento di qualsiasi altra guerra.
    Forse sarebbe il caso di iniziare a considerare meglio anche questa possibilità.

  • kikof76

    la storia si ripete sempre e comunque…
    é ora che questi personaggi la smettano di infangare la nostra religione e cultura..
    siamo stanchi di sanguisughe che con le loro spregiudicate operazioni finaziare ci hanno pèortato in questa crisi…
    e per giunta a desso ci vengono pure ad attcarre i nostri valori cristiani…
    gia nelle loro funzioni religiose all’interno delle sinagoghe istigano all’odio predicando una forma di razzismo e criminalità sensa eguali…
    l’avvocato edoardo longo ha cercato di far luce su questo fenomeno inoltrando una denuncia per odio raziale che chiaramente è andata ad insabbiarsi senza che nessun giornale o media ne prlasse..
    provate ad immaginare se fosse stato il contrario???
    a questo punto le leggi che sono state varate contro l’odio raziale , in specie legge mancino vengono applicate solo i caso e tutti noi sappiamo bene di quele caso sto parlando..

    fate le vostre conclusioni

  • myone

    1) Acqua passata. Oggi c’e’ di peggio, visto che si considerano intelligenti
    2) Esporsi apertamente, significava abbattere il Vaticano.
    3) Il mostro prima bisogna farlo sgasare cosi’ la codardia diventa eroismo.
    4) Si guardino loro, dove la beatificazione e’ lontana ed e’ sulla pelle di innocenti.
    5) L’ uomo che beatifica un altro uomo in cielo quando i piedi sono radicati anche troppo nell’ umano-filtro- “a misura loro”,
    fa ridere, e la questione, e’ di pessima considerazione, ma non scade mai di moda.
    6) Quando si e’ “ascetici_pro”, l’ immagine e il dire, e’ tutto un dire.

    Di fatto, sia gli uni che gli altri della verita’ del loro dio, si sono confezionati una dottrina a loro piacimento.
    Uno l’ ha teorizzata filosofata teolocizzata intellettualizzata, da farla passare tutta dalle mani mentali umane,
    l’ altro, ugualmente, l’ ha spiritualizzata a sua misura.
    Uno conquista un potere e uno spazio storico, l’ altro fa’ proseliti.
    Tutti e due hanno scartato il vero Dio, uno vi ci si e’ sostituito, l’ altro lo aspetta per se’, dove e’ figlio dei loro padri.
    Alla fine, agli occhi della Santita’ e della Giustizia, sono uguali.
    poveri omeni, come tutti verrebbe da dire, ma io direi, peggio di tanti altri, visto che cosa vogliono rappresentare e come lo rappresentano.
    Dio non ha bisogno di essere rappresentato da nessun umano, se non da se’ stesso.
    Ma se sia loro che chi li segue, gli va’ bene cosi, cosi sia, ma non si vadi oltre,
    i cosi detti atei delle due parti, almeno un’ intelligenza ce l’ hanno per arrivarci a capire, questo e altro.

    « Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
    Beati gli afflitti, perché saranno consolati.

    Beati i miti, perché erediteranno la terra.

    Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati.

    Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.

    Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.

    Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.

    Beati i perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.

    Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia.

    Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli »

    Beati voi quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando
    e v’insulteranno e respingeranno il vostro nome come scellerato, a causa del Figlio dell’uomo.
    Rallegratevi in quel giorno ed esultate, perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nei cieli.
    Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i profeti.

    « Ma guai a voi, ricchi, perché avete già la vostra consolazione.

    Guai a voi che ora siete sazi, perché avrete fame.
    Guai a voi che ora ridete, perché sarete afflitti e piangerete.
    Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi. »

    Questa gente non professa un dio, ma lo attende, e lo professa nel loro cuore, se Dio gli fa’ grazia,
    perche’ anche il credere non viene dall’ uomo, …. e si vede.
    E visto che e’ “natale”, solo per questi lo e’ perennemente, senza date e senza rivendicazioni,
    senza titoli e senza santita’ varie.
    Le parole del maestro e del Dio che si e’ e si era fatto uomo,
    non sono certo il centro vero di un fare dove Dio come Esso vorrebbe essere esaltato,
    lo esaltano, a partire dai grandi e dai responsabili di questo mondo.
    ” Ogni parola di uomo sia menzogna – ma la mia parola dimora in eterno
    cieli e terra passeranno, le mie parole NO.
    …. nella resurrezione dei giusti
    quando si separera’ le capre dalle pecore [tutte e due “belano]

    poiche’ avevo fame e fame di verita’ e sono stato saziato
    ero ignudo di vestiti e di verita’ e sono stato coperto
    avevo sete di verita’ e sono stato dissetato
    …. ma quando mai abbiamo fatto questo?
    … ogni volta che lo avete fatto a chiunque che credeva in Me lo avete fatto a Me
    e chi e’ questo DIO-IO Santo, se non l’ IO-DIO che c’e’ in tutti quelli che fanno urlare le beatitudini?

    E’ per questo che i “GUAI” si mostrano e si mostreranno sempre di piu’
    perche’ l’ uomo e’ fuori misura, e’ dalla parte sbagliata, e semina il suo male,
    un male che e’ vincolato dalla sua intelligenza e dalla sua ipocrisia.
    Ma non e’ giustificabile, agli occhi di Dio, non lo sara’ mai.
    Tanto di piu’ ancora, quando si esula la verita’ in intelligenza e a misura,
    non considerando che il giudizio di Dio quando arriva vagliera’ tutto,
    altrimenti la Sua Onniscenza, non gli sarebbe attributo.
    “Non c’e’ nulla detto nelle camere segrete che non sia gridato sopra i tetti”

    Fate quello che dicono ma non fate quello che fanno
    amano passeggiare per le piazze e avere i primi posti fra gli uomini
    amano fare proseliti e li fanno figli della geenna piu’ di loro
    setacciano il cumino e la menta ed ingoiano il cammello
    sepolcri imbiancati

    Lo so che e’ facile criticare, ma vorrei mettere chiunque di voi al loro posto,
    e vedere fino a che punto avreste il coraggio di arrivare,
    Sono convinto che nemmeno comincereste, ma iniziereste a fare e a dire tutto il contrario.
    Sareste messi alla gogna. Loro non ci sono, e per lo piu’, sono coloro fra coloro che alla gogna ci fanno andare gli altri,
    e non tanto per principio, ma di fatto, e con i fatti, essendo quelle persone che contanto nell’ influenza e nelle decisioni di chi le esegue,
    in tutti i settori, e sono i padri spirituali. Plagiano ma non condannano mai. Consigliano.
    Anchio erroneamente, ho messo il mio di consiglio, che non e’ tanto mio,
    ma del loro maestro mistificato o depodestato.
    E se non sbaglio, tutti i [cattolici-pseudo chiese cristiane-ebrei-potentidella terra] di questo mondo fanno capo a loro,
    vuoi per dottrina, vuoi per danaro, vuoi per potere.
    Inutile dire che e’ una critica, quando si scende dall’ illusione, e si entra nella realta umana,
    tanto povera e tanto misera in tutti i sensi.
    Ma certe cose , sono cose dell’ altro mondo, e ci siamo dentro bene, sia in un senso che nell’ altro.

    E poi, non esistono i cattolici, come non esistono gli ebrei, e tanto altro,
    sono loro che impersonificano, dove tutti gli altri fanno sequela e si accodano.
    Difficle fare coscenza, conoscenza, e volonta’. L’ aggregarsi, appaga, conforta, e fa’ forza e coraggio……. fino a che……
    non esci dall’ illusione, e come per caduta in disgrazia di qualsiasi evento,
    battendo il capo, nel male, non ti svegli.

    E pensare che, tutto e’ nella testa umana, fa la differenza, fa aggregazione,
    ma agli effetti e ai fini della vita, non e’ proprio nulla, anzi, e’ peggio quello che fa’,
    dove non facendo, farebbe il meglio, quando tolto sto filtro di niente,
    vedere le cose come sono sarebbe solo una soluzione certa, volendolo.
    “Ama il Signore Iddio TUO e ama il prossimo tuo, perche’ qui vi e’ tutta la legge e i profeti”

  • Erwin

    E’ solo una questione di SOLDI tra due bari !_____Si legga qui: http://olo-dogma.myblog.it/archive/2009/11/30/negazionismo-no-solo-soldi-e-roba.html

  • lucamartinelli

    speriamo!

  • mendi

    Queste interferenze derivano sempre dal fatto che questi ebrei si considerano degli eletti e, in quanto tali, autorizzati a mettere il naso dappertutto.
    A mio parere la shoa c’entra poco, l’avrebbero comunque fatto questi ridicoli “figli prediletti di dio”.

  • Nellibus1985

    Personalmente me ne sono sempre infischiato delle patenti affibbiate a chicchessia dalle autorità religiose (di quella cattolica in particolar modo). Se vogliono far beato o santo Eugenio Pacelli è affar loro, la cosa non mi tange. Detto questo non credo che il signore che occupò il ruolo di pontefice nel periodo in cui l’Europa era devastata dalla furia nazista meriti alcun tipo di riconoscenza. Egli non fece altro che girarsi dall’altra parte di fronte alle atrocità che venivano commesse sotto i suoi occhi. Ma non fu certo l’unico papa a comportarsi in maniera simile. Il compiantissimo (non certo da me) Wojtyla era solito raggiungere Santiago del Cile per salutare il suo amico Augusto Pinochet, senza spendere una parola per le centinaia di desaparecidos, ma alle anime belle che popolano questa porzione di globo piace ricordarlo come colui che “abbattè l’Unione Sovietica”, oltre che per altre ridicolaggini simili. La Chiesa non è mai all’opposizione; mai si è contrapposta al potere. Quindi accanirsi contro Pacelli ed invocare l’immediata santificazione per Wojtyla (al quale sono già state intitolate migliaia di vie in giro per l’Italia) è un’operazione ipocrita ed incoerente. Mi trovo però in pieno accordo con Carlo Bertani (cosa che accade spesso) quando egli sottolinea l’atteggiamento del rabbino di Haifa. Costui farebbe meglio a guardare e condannare le nefandezze che lo stato di cui fa parte commette senza ritegno da sessant’anni nei confronti della popolazione palestinese prima di pontificare su questioni che non lo riguardano minimamente. Ma per gli ebrei (qualcuno mi taccerà indubbiamente di antisemitismo, cosa tra l’altro falsissima, ma non me ne importa niente) esistono morti, ai quali non prestano particolare attenzione (basta riflettere un secondo su ciò che accadde a Gaza un anno fa), e morti ebrei, di fronte ai quali reagiscono con sdegno, pretendendo che l’intera comunità internazionale si unisca al loro lutto. Mi piacerebbe che un giorno si riflettesse su ciò. Saluti e buon Natale a tutti.

  • backtime

    Come poteva l’America denunciare il Nazismo, se è grazie ad una famiglia tra le più influenti americane, che Hitler ha potuto finanziare la sua guerra contro gli Ebrei e le popolazioni europee? da storia, parrebbe che il nonno del decaduto presidente Bush fosse lui il finanziatore di Hitler assieme ai banchieri sionisti di Londra ed i banchieri si sa investono… e poco importa chi sia la vittima, l’importante è il guadagno, unico caso in cui cane mangia cane, mi dispiaccio per le vittime, meno per i sopravissuti che si comportano di gran lunga peggio di chi è stato peggio e Gaza ne è la prova odierna.

    Bertani ha ragione da vendere a imbeccare Choen, come si può giudicare quando non si vuole essere giudicati, il Papa aveva solo che da temere con gli esaltati Nazisti in casa, avrebbe in caso di errata interpretazione storica, aggiunto vittime alle vittime, ma agli Ebrei sembra che questo conto non sia menzionabile, loro sono le vittime gli altri a questo mondo sono solo esseri impuri, come per i mussulmani può esserlo il maiale.

    Un solo conto non mi torna: sono gli unici che si ritengono eletti dal Signore, ma sono anche l’unico Popolo al mondo che Signore non ha. Svista, dimenticanza o paraculismo paranoico?

  • calliope

    Cari Utenti,
    Si parla ormai di questa “Setta” Finanziaria pseudo religiosa che di religioso sinceramente non ha niente
    se non il culto della RICCHEZZA e del POTERE.
    Ora sono ormai anni che inculcano il dogma della cosidetta “shoa”,
    come se la questione riguardasse solo loro,
    le persecuzioni dei zingari come la chiamiamo?
    e i portatori di handicap, Omo, Lesbi e chiunque fosse al di fuori dei canoni ariani…
    Che la smettano di ritenersi i padroni del MONDO…
    Prima o poi pagheranno per i loro crimini, ben peggiori di qualunque altro.
    Se veramente esistesse un dio che li aiuta, sarebbe un dio contro l’uomo e l’umanità, “nefasto e maligno” da combattere sicuramente .
    Ma ho paura che esista soltanto la loro brama di essere e trasformarsi loro stessi in DIO.
    E chiunque è solidale con questo piano è altresì responsabile di
    CRIMINE CONTRO L’UMANITÀ.
    W NAPOLEONE

  • Erwin

    Poche chiare parole: Si sono cacciati in una ___Strada senza via d’uscita!_______TOGLIAMOGLI__ l’o£ocau$to___ ( cioè dimostriamo a TUTTO il mondo la FALSITA’ dei 6.000.000 e delle CAMERE a GAS)__ e vedrete che si ritroveranno a cercare DISPERATAMENTE una nuova “terra senza un popolo x un popolo senza terra”!____ Ognuno sceglie la corda con la quale impiccarSi…loro hanno scelto quella dell’ O£OCAU$TO !

  • Erwin

    Il signor “backtime “ afferma:________ …”se è grazie ad una famiglia tra le più influenti americane, che Hitler ha potuto finanziare la sua guerra contro gli Ebrei “…____Sono disposto a crederLe….nel frattempo ci può esibire i suoi DOCUMENTI a sostegno di tale affermazione?___Lei sa che i passaggi di soldi lasciano tracce indelebili!____Quindi: i Suoi documenti,PREGO!

  • tersite

    E’ vero di ebrei ne ha salvati, ma ha contribuito sllo sterminio di decine di miloni di individui, elargendo, verso la fine del conflitto, qualche piatto di minestra alla popolazione…poi rimborsato dallo stato italiano su precisa richiesta!! ..siamo alle solite, se nn ti schieri con qualcuno, passi sempre per il demonio, buon anno anche a te!

  • vimana2

    Nn condivido quello che hai scritto ma grazie per il buon anno ^_^ Buon anno e buon natale :o))

  • tersite

    alcune delle più grandi corporations americane realizzarono grandi affari coi nazisti…

  • Erwin

    Affari sono una cosa____FINANZIAMENTO è ben altro.

  • vimana2

    ….ma cercateli i documenti, cosa aspetti i TG?
    La tecnica poi di chiedere documenti è nota, si chiedono prove e poi una volta portate vengono ridicolizzate!
    Il signoraggio bancario nn esiste, gli UFO nn esistono, la medicina alternativa nn esiste…..ma bruciate nell’autodistruzione che fra un pò vi arriverà addosso….e sappilo nn per tutti!

  • cardisem

    Sono intervenuto sullo stesso tema in uno dei miei blog, “Storia critica delle religioni”. Penso di poter dare un contributo di riflessione, riportando qui tutto il testo dell’articolo al quale ho dato per titolo: «Dialogo interreligioso di che? Su cosa?».
    ______________

    Fa riflettere un’espressione alquanto frequente nel linguaggio giornalistico dei nostri tempi: il “dialogo interreligioso”. Fa pensare ad un ‘venire a patti’ fra religioni monoteistiche che, fino a poco tempo addietro, si consideravano ciascuna la detentrice monopolistica della verità senza se e senza ma, nonché assoluta ed indiscutibile. Non c’era nulla da discutere e da “negoziare”, se non si voleva dare ad intendere di non essere poi tanto sicuri del proprio monopolio di “verità”. Nella nostra epoca, invece, assistiamo ogni giorno ad una vera e propria farsa a proposito della beatificazione dei santi, da sempre un tipico istituto delle fede cattolica e della sola fede cattolica. Chi ne stava all’esterno, come pure tra la maggioranza di cattolici, aveva (ed ha) certamente ben altro a cui pensare, fra le tante cose che succedono in questo mondo.

    È grottesco che la Chiesa cattolica, le sue istituzioni, debbano oggi perfino mercanteggiare la beatificazione dei propri “santi”. Anche i santi hanno bisogno di essere raccomandati e patrocinati, per poter liberamente assurgere al paradiso! Ma è ancora più penoso assistere alla mancanza di dignità da parte della Chiesa cattolica, ovvero della sua gerarchia, nel difendere le sue proprie esclusive prerogative, del tutto irrilevanti e prive di qualsivoglia interesse per chi, ai santi, proprio non ci crede: si trattasse di esenzioni fiscali, vada pure! Se qui si toccano dall’esterno pure i santi, viene da pensare a cosa può essere stato il Concilio Vaticano II. Correva l’anno 1962 e da allora i “fratelli maggiori” hanno preso il sopravvento e non mollano più la presa. Credo che la gerarchia cattolica non si renda conto che con l’accettazione di ingerenze esterne, rischia di far perdere del tutto la devozione a chi, forse, ne conservava ancora una qualche briciola.

    Un dialogo “interreligioso” poteva aver senso logico e teologico in epoca pre-cristiana e pre-monoteistica, quando il mondo era popolato di tantissime divinità, ognuna diversa dalle altre. Se i santi sono un sincretismo derivato dalle antiche religioni, allora si tratta di un ben magro e miserevole surrogato. Forse, però, le cose non stanno così, ed i santi possono essere il modello di personalità esemplari, a cui i fedeli possono ispirarsi. Ma appunto, se la Chiesa non è in grado di decidere in piena autonomia sui propri modelli, che senso ha il “dialogo interreligioso”? Si direbbe che il Vaticano abbia paura di più potenti lobbies. Ad esempio, la lobby che non esiste. In realtà, credo stiamo assistendo al volontario e spensierato suicidio del Cattolicesimo. Ed è uno spettacolo penoso, in quanto il nuovo che avanza, non appare per nulla migliore dell’antico.

    _______
    Fonte:
    http://criticadelcattolicesimo.blogspot.com/2009/12/dialogo-interreligioso-di-che-su-cosa.html

  • Erwin

    Perche così isterico?___Quando si fanno delle affermazioni categoriche,come quelle qui fatte,E’ OBBLIGATORIO esibire le PROVE! Altrimenti si fa la figura degli $TERMINAZIONI$TI-O£OCAU$TICI.__EBREI e no, che non sono in grado di esibire una SOLA prova di quanto affermano!

  • TizianoS

    Forse la Chiesa non ha ancora capito che per instaurare la nuova religione universale “olocaustica” i loro capi (idealmente residenti nel nuovo Vaticano, lo Yad Vashem di Gerusalemme), devono annullare qualunque ragione di contestazione o di dubbio.

    Per raggiungere questo scopo si prodigano da un lato (civile) per far approvare leggi che vietino anche con pene detentive la discussione storica sulla Shoà, e dall’altro lato (religioso) a premere sulla Chiesa affinché prenda sempre decisioni a loro gradite.

    Ai (pochi) cristiani cattolici rimasti non resta che osservare con dolore alla quotidiana perdita di credibilità per i continui cedimenti della Chiesa, cedimenti cominciati con il Concilio Vaticano II da Giovanni XXIII, e proseguiti da Paolo VI. Di Giovanni Paolo II si disse addirittura che fu cripto-frankista. L’attuale pontefice Benedetto XVI appare troppo vecchio e debole per opporsi alla deriva, e sembra più preoccupato di contenere l’offensiva musulmana piuttosto che quella ebraica.

    Probabilmente perderà su ambedue i fronti.

  • mediterraneo

    leggiti ” Rivelazioni nn autorizzate ” di Pizzuti Marco ,prove ne trovi tante

  • Erwin

    Invece di rimandare alla lettura di un libro ,sarebbe utile a tutti i lettori di questo sito ,che lei elencasse ,anche sommariamente, le prove che il Pizzuti ha prodotto!Visto che cita il libro.

  • CarloBertani

    Scusate, signore e signori, ma quello che intendevo difendere non è il Credo di chicchessia, bensì un semplice principio di liberalismo, di là delle personali opinioni sulla Shoà e tutto il resto. Un principio per il quale si è liberi di decidere, in casa propria, sulle questioni dottrinali. Per il medesimo principio – sul piano storico – si è liberi di criticare. Punto.

  • TizianoS

    Il fatto che lei abbia scritto un articolo per stigmatizzare l’ingerenza rabbinica nei fatti della Chiesa dimostra che anche un laico avverte un certo disagio di fronte al comportamento ebraico. E’ logico che sia maggiore il disagio avvertito da un cattolico, e definire meglio il loro disegno globale non credo sia una bestemmia. Logicamente si dovrebbe anche parlare di contromisure da parte cattolica, ma non credo di essere il solo a non vederne nessuna.