Lo scarica barile del Coronavirus: Stati Uniti, Cina e OMS si accusano l’uno con l’altro.

Sarah Zheng

SCMP.com

  • Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si è fatto scrupoli su chi, secondo lui, dovrebbe essere il responsabile della crisi sanitaria globale, ma sta solo cercando di spostare l’attenzione dai suoi stessi errori?
  • La Cina inizialmente ha cercato di coprire l’epidemia, ma in seguito ha fatto passi straordinari per contenerla, mentre i critici hanno accusato l’OMS di tentennare quando è stata necessaria un’azione decisiva.

Mentre gli Stati Uniti hanno lottato per far fronte alla pandemia di coronavirus, Washington ha voluto addossare la colpa dei suoi problemi alla Cina e all’Organizzazione mondiale della sanità.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto martedì che avrebbe sospeso i finanziamenti all’OMS, valutando il suo ruolo in una “pessima gestione e copertura della diffusione del coronavirus”. Ha anche criticato l’agenzia delle Nazioni Unite per essere “molto Cino-centrica”.

Gli Usa hanno riportato quasi 685.000 casi confermati di Covid-19 – più del triplo di qualsiasi altro Paese – e oltre 34.600 morti.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha detto che si è rammaricato della decisione di Trump, ma ha negato di aver agito favorevolmente nei confronti di Pechino, dicendo che sperava che Stati Uniti e Cina potessero “unirsi e combattere questo pericoloso nemico”.

Nel frattempo, Pechino ha cercato di incolpare gli Stati Uniti per aver “politicizzato” la pandemia, con il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian che ha suggerito che il coronavirus ha avuto origine in America, piuttosto che nella città di Wuhan, nella Cina centrale, dove l’epidemia è stata individuata per la prima volta a dicembre.

Gli analisti dicono che il gioco delle colpe della pandemia USA-Cina è nato dalla loro crescente rivalità, mentre la valutazione adulatoria dell’OMS sulla risposta della Cina alla crisi sanitaria ha scatenato le accuse che l’OMS cercava di avvicinarsi a Pechino.

Nonostante il sostegno dell’OMS, la Cina è stata ampiamente criticata per la sua reazione inizialmente lenta all’epidemia di coronavirus e per i suoi sforzi per coprirla, compreso il silenziamento degli informatori.

Il primo rapporto pubblico del coronavirus è arrivato il 31 dicembre, quando la commissione sanitaria della provincia di Hubei – di cui Wuhan è la capitale – ha segnalato 27 casi di polmonite. L’OMS ha istituito un team di supporto per la gestione degli incidenti il giorno dopo e ha pubblicato il primo avviso sull’epidemia il 5 gennaio, in cui si diceva che non c’erano “prove di una significativa trasmissione da uomo a uomo”, e si sconsigliava l’applicazione di restrizioni ai viaggi o al commercio in Cina.

Tedros Adhanom e Xi Jinping
Gli Stati Uniti hanno accusato il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, nella foto l’incontro con il presidente cinese Xi Jinping, di essersi avvicinato a Pechino. Foto: AFP

Margaret Harris, portavoce dell’OMS, lunedì ha detto all’emittente statunitense CNN che all’epoca “le campane d’allarme suonavano già nelle sale dell’OMS”, e che era “consapevole che si trattava di una questione molto seria”.

Con l’aumento del numero di casi, l’OMS ha iniziato a fornire una guida tecnica, con la sua responsabile tecnica sul Covid-19, Maria Van Kerkhove, dicendo il 14 gennaio che era “certamente possibile che ci sia una trasmissione limitata da uomo a uomo” del virus.

Ma su Twitter, il resoconto ufficiale dell’OMS del 13 e 14 gennaio ha continuato a suggerire che non c’erano “prove evidenti di trasmissione da uomo a uomo”.

Una svolta critica nell’epidemia è arrivata il 20 gennaio, quando Zhong Nanshan un epidemiologo cinese di alto profilo che ha gestito la risposta della nazione all’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (Sars) del 2002-03, ha affermato che c’è stata una trasmissione del virus da uomo a uomo e che gli operatori sanitari sono stati infettati.

L’OMS ha poi detto che “dalle ultime informazioni risultava molto chiaro che c’è almeno una certa trasmissione da uomo a uomo”.

Trump questa settimana ha criticato l’OMS per aver “pappagallato e sostenuto pubblicamente l’idea che non c’è stata trasmissione da uomo a uomo” a metà gennaio. L’OMS ha pubblicato diversi avvisi sul virus in quel mese e ha mantenuto le sue valutazioni basate sulle prove disponibili all’epoca.

Il 22 e 23 gennaio, l’agenzia ha convocato un comitato di emergenza per determinare se il coronavirus costituiva un’emergenza sanitaria pubblica globale, ma ha ritardato la dichiarazione. Una settimana dopo, il 30 gennaio, quando Tedros ha dichiarato un’emergenza sanitaria globale, ha sottolineato che non si trattava di “un voto di sfiducia” nei confronti della Cina, e ha continuato a opporsi alle restrizioni sui viaggi e sul commercio con la nazione più popolosa del mondo.

L’OMS ha detto che la sua direttiva sui divieti di viaggio derivava dalla sua esperienza con altre epidemie, e che tali restrizioni potrebbero non essere efficaci nel frenare la diffusione del virus.

Nonostante queste raccomandazioni, il 31 gennaio Trump ha annunciato un divieto per la maggior parte dei viaggiatori provenienti dalla Cina che entra negli Stati Uniti. La portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha risposto dicendo che gli Stati Uniti hanno “esagerato in modo inappropriato” e sono andati contro la guida dell’OMS. Tedros ha detto in seguito che non c’era bisogno di azioni che “interferiscono inutilmente con i viaggi e il commercio internazionale”.

“Una delle decisioni più pericolose e costose dell’OMS è stata la sua decisione disastrosa di opporsi alle restrizioni di viaggio dalla Cina e da altre nazioni”, ha detto Trump questa settimana. “Fortunatamente non sono stato convinto e ho sospeso i viaggi dalla Cina, salvando un numero incalcolabile di vite umane”.

Tedros ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping alla fine di gennaio, dopo di che è stato annunciato che l’OMS avrebbe inviato un team di esperti in Cina per comprendere meglio l’epidemia. Ma è stato solo dopo quasi tre settimane che la missione congiunta di esperti OMS-Cina ha iniziato il suo viaggio, con Wuhan inizialmente lasciato fuori dall’agenda, per essere poi ripreso giorni dopo.

Alla fine della visita, la missione congiunta ha prodotto un rapporto zampillante che descriveva la risposta della Cina all’epidemia come “forse il più ambizioso, agile e aggressivo sforzo di contenimento delle malattie della storia”.

Trump ha criticato l’OMS per aver ritardato la visita degli esperti in Cina e per il suo silenzio su questioni come la limitazione della condivisione della ricerca sull’origine di Covid-19.

Gli esperti sanitari hanno ampiamente criticato Trump per la sua decisione di ritirare i finanziamenti dall’OMS, descrivendola come pericolosa e miope nel bel mezzo di una pandemia, così come le continue mancanze del governo statunitense nel gestire la crisi.

Ma gli osservatori dicono che è improbabile che l’accusa politica finisca presto.

“In questo momento gli Stati Uniti non si assumeranno la responsabilità di guidare il coordinamento internazionale sulla pandemia, e sarebbe difficile convincere l’opinione pubblica che la Cina lo faccia”, ha detto Cui Lei, studioso delle relazioni Cina-USA presso l’Istituto cinese di studi internazionali.

“Altre organizzazioni internazionali non hanno la competenza e il talento dell’OMS, quindi continueremo a vedere uno stato di cose in cui c’è una miriade di draghi senza testa – un gruppo senza leader”.

Fonte: https://www.scmp.com/news/china/diplomacy/article/3080527/coronavirus-blame-game-us-china-and-who-are-all-keen-pass-buck

Traduzione per Comedonchisciotte.org a cura di Ruggero Arenella