Home / ComeDonChisciotte / L'ITALIA NELLE MANI DEL BILDERBERG E SOCI

L'ITALIA NELLE MANI DEL BILDERBERG E SOCI

DI IDA MAGLI
italianiliberi.it

Siamo stretti alla gola, immobilizzati, ridotti alla paralisi davanti a un suicidio al giorno, perché ci troviamo nelle mani di banchieri che non sono soltanto banchieri ma anche membri della Commissione Trilaterale, del Club Bilderberg, dell’Aspen Institute, associazioni massoniche che gestiscono in Europa il potere ai massimi livelli e che non lavorano per noi ma per realizzare il Governo mondiale. L’Italia ne dipende in assoluto perché sono sempre appartenuti a qualcuna di queste associazioni i massimi esponenti dei partiti di sinistra. Nel suo prezioso “angolo” del “Giornale” Paolo Granzotto elenca fra i nomi dei possibili candidati alla presidenza della Repubblica quelli di Giuliano Amato, Romano Prodi, Mario Monti, tutti importantissimi membri del Bilderberg, dell’Aspen Institut, della Trilateral Commission e operatori del governo mondiale. È il motivo principale per il quale bisognerebbe realizzare la proposta del Pdl di far eleggere il presidente della repubblica dai cittadini, unico sistema per sfuggire al nostro eterno destino di avere un presidente scelto da queste associazioni. Sarebbe necessario, però, lasciare intatta la forma costituzionale dei suoi poteri, visto che tutto l’assetto politico italiano andrebbe cambiato e non è possibile farlo in breve tempo, mentre si dovrebbe affiancare alla proposta di elezione diretta del presidente della repubblica un’iniziativa d’azione concreta per affrontare i problemi  urgentissimi della sopravvivenza economica.

 Nessun partito, oggi, può permettersi di non parlare della realtà fallimentare in cui ci troviamo a vivere, praticamente “alla giornata”, guardando gli indici di borsa o lo spread, aspettando le elezioni in Grecia o il fallimento delle banche spagnole, con un governo di emergenza che ha trasformato l’emergenza in lungo, luttuoso stato di normalità, inventando ogni giorno una tassa e inducendo i governati alla disperazione. Non si può sopportare più neanche un suicidio senza addebitarlo alla volontà di distruggere la nazione italiana (o alla incapacità di governarla) e senza pretendere dai politici ancora in carica di scuotersi dalla comoda inerzia nella quale si sono adagiati. Il problema è la moneta? Ebbene il Pdl come gli altri partiti dicano esplicitamente cosa vogliono fare della moneta perché è di questo che ha parlato Grillo ed è per questo che ha realizzato il suo movimento attraverso il web. Nel web si discute appassionatamente ormai da anni dei problemi della sovranità monetaria, di come i politici abbiano ceduto ai banchieri il diritto di battere moneta, così come basta un clic per trovare i nomi di tutte le associazioni che lavorano alla realizzazione del governo mondiale e i nomi dei loro membri, inclusi quelli italiani. Nel web sono presenti e a disposizione dei lettori centinaia di ipotesi e di simulazioni eseguite da famosi economisti sul futuro dell’euro, vantaggi e svantaggi del rimanere nella moneta unica.

 Non conviene a nessuno, ma soprattutto non conviene ai politici mantenere il silenzio sulle due direzioni antitetiche che ormai si contendono la politica sia a livello dei singoli stati che a livello mondiale: quella che vuole conservare le nazioni e l’indipendenza dei popoli e quella che vuole eliminare il più possibile le differenze fra i popoli e fra gli stati per giungere alla totale uguaglianza e a un governo globale. La crisi dell’Europa obbliga tutti a prendere posizione pro o contro la globalizzazione perché l’unificazione europea non è un fine in se stessa ma il passo determinante verso il governo mondiale. La sinistra sta dove stava, ma sembra vincente perché è stata sempre mondialista, mentre quei partiti di centro destra che, contrariamente a quanto è stato fatto in Francia e in Germania, non hanno detto con chiarezza quali fossero le loro intenzioni, sono diventati  all’improvviso debolissimi come è successo in Italia. Se non vogliono morire debbono uscire allo scoperto e decidere in quale direzione andare. 

Ida Magli
Fonte: www.italianiliberi.it
Link: http://www.italianiliberi.it/Edito12/italia-nelle-mani-del-bilderberg-e-soci.html
28 Maggio 2012

Pubblicato da Davide

23 Commenti

  1. Cosa si aspetta Ida Magli, che i partiti non solo decidano quali direzioni prendere, ma che anche ce le rivelino?

  2. La proposta sarebbe quella di far eleggere il Presidente dai cittadini? E quali sarebbero i candidati validi? Quali sarebbero i cittadini in grado di saper scegliere? Se la politica, che e’ composta da eletti ed elettori, fosse stata capace di fungere da guida del Paese, in qualche modo, pur tra alti e bassi, un cammino lo avremo percorso. Ma la politica e’ di per se’ un sentiero verso l’inevitabile abisso. Fare a meno della politica al massimo convivendoci o comunque riducendola alla minima funzione amministrativa) e rivolgersi al buon senso e allo spirito di collaborazione civica eviterebbe di illuderci che ci si possa salvare affidandosi a vaghe formule elettorali o a nebulose riforme costituzionali. Non chiamiamo politica tutto cio’, perlomeno. La vera politica e’ AZIONE, a partire dal sollevare il fondoschiena dal divano di fronte alla tv e muoversi per agire nella propria dimensione sociale e ricostruire un minimo di decente vita pubblica senza minimamente ascoltare politici e giornalisti.

  3. L’Italia e’ anche nelle mani, per esempio, di 630.000 autisti di auto blu con relative schiere di amici, parenti e conoscenti che certamente non appoggeranno dal basso nessun cambiamento in direzione della riduzione di poteri della Casta.

  4. Se dovessimo ascoltare l’incitamento della Maglie il prossimo Presidente della Repubblica sarebbe Marina Berlusconi. Magari lei tutta felice. Io preferisco morire di Bildemberg e massoni che di idioti.

  5. La signora Magli continua a tessere parole di auspicio a un salvataggio dall’ interno,dall’ interno di partiti di fatto già rottamati,delle democrazie occidentali ora del tutto in mano di egoiste lobbies, forse dimenticando che il “gioco” democratico e’ esso stesso funzionale , negli ultimi 100 anni, all’ affermarsi finale,nel loro relativo occultamento strada facendo,con delega a tempo verso i più diversi partiti , di queste vecchie lobbies >la ricreazione è finita, il nuovo ordine è già qui ,ma ampi strati della stessa cultura sembrano ancora non accorgersene .Ai politici conviene solo intascare soldi , trovandosi nel posto migliore per goderseli al meglio : per loro , ovviamente, no lobbies no future

  6. Il problema non è la semplice sovranità monetaria. E’ la sovranità economica nel suo insieme. Soltanto la riconquista della sovranità economica puà rendere i popoli liberi e indipendenti: http://www.youtube.com/watch?v=P5Z2QCyvmo4

  7. Allora in Italia siamo messi male (o bene secondo i punti di vista) perchè tutti vorrebbero venire a vivere qui, mangiare bene, fare la bella vita, belle donne, i tramonti sul mare, i cipressi e non fare un cazzo dalla mattina alla sera. In Finlandia se vuoi sopravvivere devi faticare, e di brutto.

  8. gli italiani vogliono essere presi per il fondoschiena sempre e comunque,
    se ci fosse l’elezione direta voterebbero monti, draghim grillo o lilly gruber o peter pan
    sempre a comando
    il che è lo stesso

  9. Quelli che hai descritto sono stati bei momenti della mia vita come della vita di moltissimi e mi auguro anche della tua. Non sono la vita ma momenti della vita. Chi pensa che la vita sia (solo) quella è fottuto. E ha tante colpe, che Monti, Napolitano, D’Alema, Berlusconi e tutti gli altri messi assieme non concorrono nemmeno per un miliardesimo alle sue disgrazie.

  10. Si certo, come no! Il problema di Palermo, si sa, è il traffico …

  11. Forse perché sei un idiota?

  12. Stiamo sulle generali cosi’ si capisce meglio. Mi meraviglio quando qualcuno si meraviglia che la nostra Italietta sia una colonia anglo-americana. Queste cose succedono quando si perde una guerra. Di solito infatti, al tavolo della pace, non finisce a tarallucci e vino, come a noi piace tanto, ma con perdite di sovranità e decenni di pagamenti dei danni di guerra. Ora la Germania ha annunciato 3 mesi fa di avere pagato l’ultima rata dei danni di guerra. La Germania, e noi? Nessun immondo politico ha mai detto agli italiani quanto pagavano per i danni e nessuno sa se stiamo ancora pagando. Mettiamoci tutti l’animo in pace, Ida Magli compresa, perchè non se ne esce. E così, con pace degli amici camerati, si torna a bomba. Il Grande Tacchino Imperiale avrebbe fatto meglio a non cercare di spezzare le reni alla Grecia. Comunque quando tornera’ dal Criminal-Bilderberg la signora Lilly Gruber sono sicuro che nella sua stupida trasmissione ci racconterà tutto. Saluti

  13. Non si capisce cosa vuoi dire. Sei di quelli che colpevolizzano solo politici e banchieri e mai il popolo che li sorregge?

  14. Problema numero 1: molti italiani hanno nostalgia del tacchino anche pensando che lui o quelli come lui sono stati difensori della patria contro il complotto demoplutogiudaico. Problema numero 2: anche avendo perso la guerra i francesi (lo so, agli italiani stanno tanto antipatici) hanno perlomeno saputo ritirarsi dalla Nato. Certo abbiamo perso la guerra, questo non obbliga nessuno a essere schiavo del vincitore eternamente.

  15. Putroppo moriamo di Bildeberg, di idioti standard e di idioti aggiuntivi, quelli che danno dell’idiota agli altri.

  16. A loro piace cosi’, lasciali divertirsi con le loro pratiche pederaste e non ti fare il sangue amaro, non ne vale la pena.

  17. andyconti, carissimo amico, temo che tu ti sia clamorosamente sbagliato: i francesi la guerra l’hanno vinta. Saluti

  18. Questo e’ un articolo che intende fare campagna elettorale a favore del Pdl oppure , in alternativa, si potrebbe dire che chi l’ ha scritto e’ ingenuo:
    se uno sostiene il governo Monti , che credibilta ha quando parla di sovranita monetaria ?

  19. L’Italia ne dipende in assoluto perché sono sempre appartenuti a qualcuna di queste associazioni i massimi esponenti dei partiti di sinistra.”

    e beh c’è massoneria e lobby politically correct e moralmente superiore..po c’è la P2 che è brutta e cattiva…
    La massoneria de sinistra, fedele alla finanza ed alle banche soprattutto se straniere sono “nobili”…perseguono il bene comune loro…sì certo DEI CONFRATELLI ma il popolo gonzo li ritiene “rispettabili” come si considera rispettabile un DON mafioso

  20. @voce nella notte…consiglio prova a dormire

    “Se dovessimo ascoltare l’incitamento della Maglie il prossimo Presidente della Repubblica sarebbe Marina Berlusconi. Magari lei tutta felice. Io preferisco morire di Bildemberg e massoni che di idioti.”

    bello, il perfetto discorso dello schiavo quindi per fortuna che ci pensano i massoni alla nostra sorte, che bello così non dobbiamo nemmeno scomodarci ad andare a votare.
    Il tuo partito del popolo PD ha cancellato ieri l’art 18, contenti?

  21. Cresci un bambino tra vizi,elogio della ricchezza fine a se stessa,elogio dei vip perche ricchi,perche “loro ce l’hanno fatta” e tu no,al successo dei paradigmi in sostanza della legge del piu forte,gratta e vinci,donne nude in tv,cambio auto perche piu bella ecc ecc..e avrai un adulto perfettamente integrato.Colpa sua e di tutti che si sorregge politici,banchieri,top manager e tutta la cialtroneria dirigente?sicuramente,ma non solo.Da grandi poteri derivano grandi responsabilita…diceva qualcuno

  22. L’articolo spiega molto bene il club massonico che ci sta portando alla disfatta nazionale, almeno che non avvenga una rivolta popolare, L’Italia non uscirà mai dall’euro, resterà imprigionata nella tela del debito per generazioni! la Grecia sarà solo la vittima sacrificale di questo gioco perverso! troppi interessi sul debito italiano da poterlo perdere così! Riguardo ai politici, cara Ida, certamente non si può sperare che questa casta di corrotti possa cambiare rotta, ci vuole una rivoluzione politica, dobbiamo rifare tutto da capo!

  23. Carissima Voce: ma non capisci proprio che l’equazione “Bilderberg Idioti” è DIRETTAMENTE PROPORZIONALE!?!?!? Si muore dell’uno perchè si muore dell’altro e viceversa! Ogni tanto connettete il cervello alla bocca, please!!!!