L'HUMOUR NERO DI DIO

DI MASSIMO FINI

ilfattoquotidiano.it

Il Cardinal Biffi in un suo recente libro, Ubi fides ibi libertas, scrive che “Dio ha senso dell’umorismo”. Sarà, ma se c’è si tratta di un ‘humour nero’. Il grande poeta argentino Jorge Luis Borges per il quale leggere e scrivere era fondamentale lo ha reso cieco e proprio nel momento in cui era diventato direttore della Biblioteca di Buenos Aires. Scrive Borges: “Nessuno umili a lagrima o rimbrotto la confessione della maestria di Dio che con magnifica ironia mi diede insieme i volumi e la notte”. Se voleva proprio fargli qualche scherzetto poteva appioppargli quello reso a Eric Clapton che per una misteriosa malattia ha perso la sensibilità delle dita che a Borges serviva molto meno. E a Borges dare la malattia di Clapton che della vista ha meno bisogno.

Galileo la cui passione era osservare il firmamento e le stelle (oggi non potrebbe più perché le luci delle città hanno oscurato il cielo) lo rese cieco. Beethoven, forse il più grande musicista di tutti i tempi, divenne sordo per cui è l’unico ha non aver potuto ascoltare la Nona di cui l’anarchico Bakunin disse “abbatteremo la borghesia e la sua cultura, ma la Nona di Beethoven la salveremo”. Il più modesto Fogar che aveva il mito dell’avventura e del movimento Dio l’ha paralizzato. Naturalmente questo non è che un florilegio di accidenti capitati a personaggi famosi ma di scherzetti del genere il Dio ‘misericordioso’ ne fa ogni giorno a milioni di persone.

Baudelaire afferma che “l’unica scusante di Dio è di non esistere”. Non riesco veramente a capire come si possa pensare a un Dio ‘misericordioso’, così frequentemente invocato e richiamato da Papa Francesco. Basta guardarsi attorno. E’ più comprensibile Jahvè, il Dio punitivo degli ebrei che impose al padre di Isacco, per provarne la fede, di uccidere il figlio. Poi le cose andarono diversamente perché quello di Jahvè era solo, diremmo oggi, “uno scherzo da prete”.

Ma in realtà Dio non c’entra. E’ solo un’invenzione degli uomini per lenire la propria angoscia di morte. E’ la vita ad essere crudele. Quando siamo giovani la pensiamo come una “meravigliosa avventura” per dirla con le parole di una pubblicità che passa in questi mesi sui nostri teleschermi (non è il mio caso: io ho sempre provato un indicibile orrore per il futuro) ma più si invecchia e ci si avvicina alla morte più si comprende quale sia la sua autentica natura. E’ quanto aveva capito Menandro fin dal III secolo a. C quando afferma, scandalizzando noi moderni, che “caro agli Dei è chi muore giovane”.

Massimo Fini

17.06.20126
36 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
temuchindallaCina
temuchindallaCina
22 Giugno 2016 8:21

Beh, irrispettoso e irriverente post, in ogni caso, al sig. Fini, non è mai venuto in mente che in realtà, potrebbe essere il diavolo a fare quelle cose? Perché attribuirle a Dio? E, Dio, non interviene, quasi mai, nei fatti degli uomini, perché ci ha lasciato il libero arbitrio, ma qui la questione è più profonda, o si crede o non si crede punto.

sun
sun
22 Giugno 2016 8:58

Riguardo alla morte, Epicuro, fin dal III secolo a.C., affermava "Quando noi viviamo la morte non c’è. Quando c’è lei non ci siamo noi". E allora? chi ha ragione? La morte è un fatto oggettivo, dal quale non possiamo scappare, ma "l’indicibile orrore che proviamo per il futuro" è nella nostra testa, noi viviamo solo il momento presente, il futuro e il passato sono nella nostra testa, quando li viviamo, li viviamo e basta, dobbiamo apprezzarne l’essenza vitale.

idea3online
idea3online
22 Giugno 2016 9:32

Se Dio è un’invenzione degli uomini, gli uomini allora sono un’invenzione di Dio. Come dire la guerra è un’invenzione degli uomini, e gli uomini sono stati inventati dal CAOS. Con questa frase dici tutto e niente. E’ molto comodo non credere in Dio per poter disporre del libero arbitrio senza nessun giudice, sarebbe molto comodo non credere all’autorità di Cesare, ognuno farebbe quello che gli pare. Ma l’autorità di Cesare è un’invenzione degli uomini, ma esiste, è sotto i nostri occhi. Dio è un’invenzione degli uomini, ma esiste, è sotto i nostri occhi. Dio non è un’invenzione degli uomini, è il sistema di adorazione un’invenzione degli uomini. Dio è l’autorità suprema. Dio controlla gli imperi, crescono e crollano, decide il declino, decide l’espansione. Tutto dipende dal suo amore per la profezia. Israele non è un’invenzione degli uomini, ma era un grande amico di Dio, era un uomo che amava Dio. Gerusalemme non è un’invenzione degli uomini ma era, è e sarà e resiste da millenni perchè non è un’invenzione degli uomini. Il tempo non è un’invenzione degli uomini. Il bene ed il male non è un’invenzione degli uomini. Satana non è un’invenzione degli uomini. Tutto è serio, tutto è armonico e preciso, è un’invenzione degli uomini dire che Dio non esiste per poter fare… Leggi tutto »

Mattanza
Mattanza
22 Giugno 2016 11:04

Forse Massimo Fini prima di scrivere puerilità (degne di un adolescente nella sua innocenza e recente venuta al mondo adulto) dovrebbe studiare un pò, sono argomenti conosciutissimi e dibattuti in vari ambiti, consiglio Jung, "Psicologia e religione" (Vol.11 Opere) e anche in "Psicoanalisi e psicologia analitica" (Vol. 15 Opere) il capitolo "La vita Simbolica"….E’ solo un inizio, auguri Massimo.

Mattanza
Mattanza
22 Giugno 2016 11:11

E’ un discorso molto complesso esatto, hai puntato il dito sul quarto escluso, anche lui figlio di Dio onnipotente. Saluti….La Fede è come una pianta, che cresce e da frutti eventualmente. Farla crescere per noi moderni non è facile (Extra eclesiam nulla salus). Saluti! 🙂

Mattanza
Mattanza
22 Giugno 2016 11:16

Volevo aggiungere che il male oltre che di origine sovraumana come indichi tu (deresponsabilizzazione), divina o demoniaca (inerente pure alla Natura) o in senso moderno e psicologico detta archetipica è cmnq anche responsbilità delll’uomo (la sua coscienza e le sue azioni volitive), il libro arbiitrio.

Hamelin
Hamelin
22 Giugno 2016 11:20

Purtroppo non riusciro’ mai a capire perchè gli uomini associano sempre Dio ad una figura che ha i pregi e difetti degli uomini . Sono gli uomini che si inventano il loro Dio a propria immagine e somiglianza , attribuendogli pregi e difetti e cadendo nell’errore . Gli uomini anzichè tendere a Dio sviluppando un evoluzione spirituale armonica limando i propi difetti della natura umana tendono a Deificare le proprie concezioni della vita nel bene e nel male . La Vita e la Morte non sono altro che punti di vista . Quando uno nasce , inizia a morire . Una visione porta a dire a un individuo che lui vive ogni giorno , un altra a dire che muore ogni giorno . Vita e Morte sono le due facce della stessa medaglia . Vita e Morte non hanno un significato assoluto , hanno solo un significato soggettivo basato su un giudizio . Purtroppo gli uomini non riescono ad astrarre la loro visione all’esterno da loro stessi e questo crea un problema di comprensione e giudizio . Come puo’ un uomo concepire Dio ed avere un giudizio obbiettivo se Dio è qualcosa di estremamente distante dall’ uomo e se il giudizio dell’uomo è fuorviato dalla sua stessa natura umana ?… Leggi tutto »

Mattanza
Mattanza
22 Giugno 2016 11:39

Buon discorso generale, io solo direi che la Morte e la Nascita (due eventi "puntiiformi" diciamo, la vita è altra cosa, si estende nnel tempo) sono i due lati della stessa medaglia.

RicardoDenner
RicardoDenner
22 Giugno 2016 14:15

Dio non può privarsi di nulla..anche della non esistenza..altrimenti sarebbe un Dio limitato..e parziale..come appunto il concetto di Dio che si sente in giro..congettura tipicamente umana se non addirittura abramitica..e anche un po’ rozza..

natascia
natascia
22 Giugno 2016 14:36

Nella preghiera vi è ogni risposta e ogni  consolazione. Sia essa sia una forma di auto guarigione e di illuminazione, sia essa sia la remissione di noi stessi alla volontà di un’Entità Superiore, o sia l’accettazione e il ringraziamento  del miracolo che si compie in noi ogni giorno con il risveglio e la vita, anche quando essa sia sofferenza. Sempre gli esiti saranno positivi. Se ad essa si assoceranno  i comportamenti derivanti  dagli insegnamenti etici comuni a tutte civiltà, gli esiti non potranno che essere migliorativi se non per chi prega, per le persone per cui esso lo fa.  

natascia
natascia
22 Giugno 2016 14:40

Nulla più della musica esprime la preghiera dell’umanità.

Holodoc
Holodoc
22 Giugno 2016 14:44

Sottoscrivo!
Il passato esiste solo nei nostri ricordi, il futuro solo nella nostra fantasia.
IL PRESENTE E’ L’UNICA REALTA’!!!

Hari Om Tat Sat

giannis
giannis
22 Giugno 2016 14:55

Alle volte ho pensato che chi ha 70 – 80 anni ci e’ arrivato perche’ ha paura di morire

temuchindallaCina
temuchindallaCina
22 Giugno 2016 14:56

concordo pienamente! saluti

giannis
giannis
22 Giugno 2016 14:57

Che poi appunto il ( falso )Dio della bibbia e’ un criminale assassino

Holodoc
Holodoc
22 Giugno 2016 15:01

Sono d’accordo con Mattanza, la visione di Fini, purtroppo per lui, è puerile.
Infatti non si è mai liberato delle paure tipiche di ogni bambino, che ha bisogno della protezione di un genitore.
E se il bimbo non cresce, come fa da adulto? Facile, si crea un genitore fittizio e lo chiama Dio!

Non voglio dire che Dio non possa esistere, anzi, io credo che esista un amore infinito e disinteressato che ci ha messi al mondo e che possiamo chiamare Universo o Natura.
E che non è buono o cattivo, ma giusto.
E’ la lotta del nostro Ego contro di esso, la nostra non accettazione di noi e della realtà, a creare le nostre sofferenze.
Se non avessimo aspettative dalla vita, tutto ci arriverebbe come un dono e riusciremmo ad apprezzare ogni momento in serenità. E uscirebbe fuori la nostra vera natura, che non è la fandonia del Peccato Originale, ma è la generosità e l’altruismo, l’amore disinteressato, in altre parole la Carità.

La Fede non è nulla senza la Carità… pare che i Cattolici se ne dimentichino spesso…

Io consiglio letture molto più leggere ma non meno azzeccate di Mattanza:
vi consiglio soprattutto Eckhart Tolle e Giulio Cesare Giacobbe.

Buon risveglio.

Namasté

pderenz44
pderenz44
22 Giugno 2016 15:43

bravo Massimo,quanto a seghe mentali sull’esistenza o meno del nulla si abbonda nella Vatican country.ma sono esercizi mentali per meglio essere imbesuiti dalle verita’ tipo armi di distruzione di massa di Saddam,del tiranno Gheddafi ,del "regime" anche se democraticamente eletto di Assad per finire con la legge sul negazionismo,immagine speculare delle leggi razziali del 1938

patrocloo
patrocloo
22 Giugno 2016 15:48

Di solito apprezzo gli articoli anticonformisti di Fini. Direi che questo non rientra fra i suoi migliori.
A volte, spesso, la vecchiaia non rende più saggi ma semplicemente più rincoglioniti…

orckrist
orckrist
22 Giugno 2016 15:50

Egregio sig. Fini,
la ringrazio per le evidenti banalità scritte, degne di uno studentello intelligente ma svogliato e poco attento.
Le
ricordo che considerazioni pari alle suo furono disquisite qualche
migliaio di anni fa, magari la lettura dei libri detti "Sapienziali"
contenuti in quella raccolta chiamata "Bibbia" potrebbe essere di aiuto.
Tra questi consiglierei di cominciare con i libri "Giobbe" e "Qoelet".
Potrebbe
essere altresì di aiuto la lettura del capitolo "Perfetta Letizia"
contenuto nel vituperato libro "I Fioretti di San Francesco". Sarebbe un
ottimo aiuto (magari coadiuvato dalla veloce lettura di tutti gli altri
capitoli) per capire come mai la volpe gesuita abbia scelto di
rivestirsi del nome del poverello di Assisi.
Infine mi permetto un suggerimento tratto da "l’Arte della Guerra": "Conosci il nemico come conosci te stesso".

Cordiali Saluti.

RenatoT
RenatoT
22 Giugno 2016 16:45

infatti è la deresponsabilizzazione che deriva dalla fede, fede anche nella scienza medica per esempio o nelle istituzioni, sono alla causa del male… 

il soldato esegue solo gli ordini… d’altronde.

giannis
giannis
22 Giugno 2016 19:10

….e che serve per fare delle persone delle pecore paurose ignoranti

Tanita
Tanita
22 Giugno 2016 19:49

Sono sbalordita. Incredibile!

spadaccinonero
spadaccinonero
22 Giugno 2016 19:50

non capisco perché gli "atei" (notasi le virgolette) si affannano sempre a parlare di Dio…

se non esiste perché occuparsene come se fosse un’ossessione?
sentono forse il bisogno di conferme in quanto NON sono ASSOLUTAMENTE certi di ciò che pensano?
luiginox
luiginox
22 Giugno 2016 20:54

più che commenti seghe mentali a cascata.sono deluso.

temuchindallaCina
temuchindallaCina
23 Giugno 2016 3:54

Falso per chi non ci crede, per chi ha Fede è tutt’altro che falso.

E’ proprio satana che afferma sempre che Dio è falso che non fa nulla per gli uomini e via dicendo, è il trionfo del male

temuchindallaCina
temuchindallaCina
23 Giugno 2016 3:55

Fede, Carità e aggiungerei Compassione.

temuchindallaCina
temuchindallaCina
23 Giugno 2016 3:57

bravo Spada, centrato come al solito il giudizio.

Inoltre, non solo dicono che Dio non esiste, ma tacciono sul male e quindi, da buon complottista, sento puzza di bruciato, anzi d’inferno.

Fischio
Fischio
23 Giugno 2016 7:17

Mamma mia quanti commenti!
E’ certo, si parla di Dio…
Sapete una cosa? Mi piacerebbe che il mondo fosse separato fisicamente in due settori. Da una parte i credenti di qualunque religione, dall’altra gli atei, gli agnostici, i laici. Se ne vedrebbero delle belle! E una cosa è certa: la Chiesa, la più grande organizzazione criminale della storia dell’umanità (dimostrate il contrario), farebbe di tutto per invadere l’altra sponda. Altrimenti a chi attribuirebbe il concetto di satana e il libero arbitrio?

haward
haward
23 Giugno 2016 8:12

L’ateismo, fino a qualche secolo fa, non solo era sconosciuto, ma
inconcepibile.Poi, arriva la nostra cosiddetta civiltà, quella di cui il punto
più alto si è toccato a Hiroshima e Nagasaki, ed "uccide" Dio. Anzi, visto che è
solo un tentativo di compensazione alla paura nevrotica della morte, lo si
equipara, appunto, ad una specie di agente patogeno che fa ammalare, gravemente,
milioni di persone.Per cui Sumeri, Assiri, Babilonesi, Hittiti, Egizi, Ebrei,
Medi, Frigi, Lidi, Greci Ionici e Dorici, Micenei, Fenici, Nabatei, Latini,
Etruschi, Celti, Sarmati, Sciti, Ariani, Iranici, Dravidivi, Indù, Arabi,
Armeni, Cinesi, Giapponesi, Inca, Atzechi, Maya, Toltechi, Olmechi, tutti i
Nativi nord americani, Aborigeni australiani, Maori, tutti gli africani, etc.,
etc. sono stati e7o sono dei coglioni. Così come Platone, Pitagora, Aristotele,
Cicerone, Dante Alighieri, , Petrarca, Goethe, Leonardo da Vinci, e
compagnia.

Per fortuna sono arrivati Marx, Freud e Darwin che hanno
capito tutto. 

Quantum
Quantum
23 Giugno 2016 10:25

Ah la Bibbia che libro magnifico!

Aldilà del Biglino della situazione…

Chi l’ha mai letta e capita veramente, nel suo complesso intendo?

Un dio che sente il bisogno (sigh!) di essere adorato come un dio merita crea degli esseri "inferiori" che però gli si rivoltano più volte contro o lo ignorano. E questi ne uccide a milioni, così come riportato in vari passi.

Quando sta per infuriarsi ancora ci pensa un attimo e decide di venire sulla terra a stuprare la donna di un altro (che dispettoso!) allo scopo di far nascere se stesso (Gesù), per far martirizzare se stesso sulla croce, allo scopo di placare la propria stessa ira per qualcosa che ha cominciato lui stesso creando l’uomo.

Non so se in altri universi e/o dimensioni ci siano degli dei più "normali".
Ma a noi è capitato indubbiamente uno psicopatico!

Quantum
Quantum
23 Giugno 2016 11:04

Esperienze, esistono solo esperienze. Perché devono essere tutte belle? Non esiste brutto, come non esiste male. È solo questione di punti di vista. Sono decenni che la psicologia transpersonale, e numerosi studi di neuroscienze e simulazioni mentali con tecniche di ipnosi regressiva ci mostrano una psiche dell’uomo misteriosa, intrecciata con la spiritualità. Un universo geometrico, a-spaziale, ed a-temporale; in una parola olografico. Nessuno ancora si accorge ciò che le filosofie del mondo ci dicono da millenni? Questo pianeta è solo un’enorme giostra. Questi nostri corpi sono solo delle macchine biologiche, dei cappotti di cui si vestono anima e spirito per far fare a Dio due esperienze che non potrebbe mai fare da solo, essere tanti, e morire. Se io fossi quel Dio mostrato da molte religioni imperfette, ossia onnipresente e immortale, non potrei mai definirmi onnisciente, per il semplice fatto che essendo ovunque e il tutto non potrei sapere cosa significa essere distinto dall’altro. E non potrei mai conoscere la morte, cosa significa "finire". Ci vuole molto a capire che a Dio interessa proprio quello? Vivere attraverso noi ciò che non potrebbe mai fare da solo? Ecco perché ha creato questa giostra, per immergercisi dentro e giocare. Ad essere leone,… Leggi tutto »

giannis
giannis
23 Giugno 2016 12:24

Ha ucciso migliaia di uomini donne e bambini , sodoma ecc…….

lanzo
lanzo
23 Giugno 2016 15:20

Ex un libro – un giallo – di Lawrence Block:

Altro che le coglionate di Epicuro che non sai cos’e’ la morte, "my wife. It took her  years to die/ It put her in a wheelchair. It (immagino Dio) would take a bite and we would adjust to that and then il would take another bite. And it never got better and it always got worse.  -……
It tortured her for as long as it wanted to, and then it killed her. – ….
We are all mortals, does that mean it’s no crime to kill ?
NO CRIME FOR GOD, HE DOES ALL THE  TIME.
spadaccinonero
spadaccinonero
23 Giugno 2016 20:01

DA INCORNICIARE

zingaro
zingaro
25 Giugno 2016 21:06

Veramente giannis parla del dio della bibbia, non dell’idea spirituale che ognuno ha. Quello della bibbia non è certo Dio (per fortuna oserei dire).
Un fatto non è vero o falso in base ad una credenza. Il fatto che i bambini credano a babbo natale non fa di babbo natale una realtà.

zingaro
zingaro
25 Giugno 2016 21:12

🙂 E’ il loro modo di dire: <<Ecco! vedete? ho regione io: Dio non esiste>>

Possiamo considerarlo il "loro" momento di gloria 😀

…e poi in fondo.. hanno paura di essersi sbagliati..