L’Aifa approva il mix vaccinale in base a ricerche scientifiche non verificate

 

di Andrea Legni, l’Indipendente.online

L’approvazione da parte dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) della cosiddetta vaccinazione eterologa, ovvero del richiamo con un vaccino a mRNA per gli under 60 vaccinati in prima dose con AstraZeneca-Vaxzevria, si basa sue due ricerche scientifiche non attendibili: una perché ancora in fase di preprint, ovvero non sottoposta a revisione paritaria e quindi priva di valore scientifico, l’altra perché effettuata su volontari appartenenti a diversi campioni di età. Le prove sono contenute direttamente nel documento con il quale l’Aifa stessa ha annunciato l’approvazione del mix di vaccini.

Nel documento intitolato “Parere sulle modalità di utilizzo della schedula vaccinale mista in soggetti al di sotto dei 60 anni di età che hanno ricevuto una prima dose di vaccino Vaxzevria”, l’Aifa scrive che l’approvazione si basa su «2 studi clinici pubblicati nelle ultime settimane condotti rispettivamente in Spagna (CombiVacS Study) e in Inghilterra (Shaw RH et al. Lancet 2021), che mostrano buoni risultati in termini di risposta anticorpale (CombiVacS) e sicurezza (in termini di accettabilità degli effetti collaterali)».

Il documento ammette che la pratica del mix vaccinale è caratterizzata «da una maggiore frequenza in termini di effetti collaterali locali e sistemici di grado lieve/moderato» ma specifica che il mix vaccinale «è apparso nel complesso accettabile e gestibile». Infine specifica le tempistiche nelle quali il richiamo con il vaccino ad mRNA vada somministrato a chi ha ricevuto la prima dose con AstraZeneca: «Sulla base dello studio CombiVacS si ritiene, infine, che la seconda somministrazione con vaccino a mRNA possa avvenire a distanza di 8-12 settimane dalla somministrazione di Vaxzevria».

Stando a quanto affermato dall’Aifa, l’approvazione del mix vaccinale si basa quindi su due studi, mentre la pianificazione delle tempistiche sul richiamo si basa esclusivamente sullo studio CombiVacS. La ricerca è pubblicata sulla rivista scientifica The Lancet, ma consultandola si scopre immediatamente un particolare, omesso dall’Aifa: si tratta di uno studio non ancora sottoposto a revisione paritaria, cioè al processo di controllo e verifica dei dati da parte di altri scienziati con competenze in materia necessario al fine di confermarne o smentirne i risultati. Per capire l’importanza del passaggio in questione, basta leggere l’avviso che compare sopra alla ricerca stessa: «I preprint sono documenti di ricerca in fase iniziale che non sono stati sottoposti a revisione paritaria. I risultati non dovrebbero essere utilizzati per il processo decisionale clinico o di salute pubblica e non dovrebbero essere presentati a un pubblico inesperto senza evidenziare che sono preliminari e non sono stati sottoposti a revisione paritaria».

Estratto studio in pre-print su mix vaccinale

Insomma la stessa rivista che lo ha pubblicato specifica che si tratta di una ricerca in fase iniziale, che non dovrebbe essere diffusa al pubblico senza sottolineare che i risultati sono preliminari (specifica che nel documento Aifa è omessa) e soprattutto che «i risultati non dovrebbero essere utilizzati per il processo decisionale clinico o di salute pubblica», ovvero proprio il fine per il quale l’Aifa li ha utilizzati, basandosi esclusivamente su questo studio per stabilire che il richiamo vada fatto a 8-12 settimane di distanza.

Ma non è tutto. Si potrebbe cercare di rassicurarsi pensando che, se è vero che le tempistiche previste per il richiamo si basano su uno studio allo stato attuale privo di valore scientifico certo, almeno l’approvazione della pratica del mix vaccinale in sé si basi per metà su un altro studio (Shaw RH et al. Lancet 2021) che ha superato la revisione paritaria e quindi può essere considerato affidabile e sicuro. Ma non è così. O meglio: la revisione paritaria l’ha effettivamente superata, ma leggendo il testo della ricerca si apprende come i ricercatori specifichino che tutti i volontari che si sono sottoposti al mix vaccinale per la ricerca sono «di età pari o superiore a 50 anni». Ma in Italia il mix vaccinale è stato approvato per tutti gli under-60, e quindi sarà somministrato in buona parte a persone più giovani.

Schermato studio peer-reviewed età superiore a 50 anni

Quindi, ricapitolando, l’Agenzia italiana del farmaco ha stabilito che 900 mila cittadini italiani sotto i 60 anni di età riceveranno una seconda dose di vaccino Pfizer o Moderna, dopo aver ricevuto la prima dose con il siero AstraZeneca. Per ammissione dell’Aifa stessa, la decisione si è basata su due soli studi scientifici: uno di questi è in fase di preprint e per stessa ammissione della rivista scientifica che lo ha pubblicato «non dovrebbe essere utilizzato nel processo decisionale clinico o di salute pubblica», mentre l’altro è stato effettuato solo su persone con più di 50 anni, mentre in Italia il mix vaccinale sarà effettuato in gran parte su persone che hanno un’età inferiore.

Fonte articolo: https://www.lindipendente.online/2021/06/16/laifa-ha-approvato-il-mix-vaccinale-basandosi-su-ricerche-scientifiche-non-verificate/

 

28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
LuxIgnis
Utente CDC
21 Giugno 2021 19:36

C’ho un tarlo per la testa che continua a dirmi che tutto questo non sia poi così male. Che proseguissero per questa strada, e che le persone che hanno venduto quel briciolo di intelligenza che avevano in cambio dell’aria fritta, si facciano inoculare di tutto e di più. Quando tutto ciò porterà al collasso di tutto poi ci sarà da ridere. L’ho già detto che ci vuole uno shock per rompere un incantesimo e lo shock lo stanno portando su un piatto d’argento. Si auto distruggeranno, ed anche se questo avverrà portandosi appresso il dolore di migliaia (milioni?) di persone, comunque l’avranno scelto loro. E se qualcuno sceglie di suicidarsi in maniera così stupida, per l’interesse di qualche psicopatico, chi sono io per impedirglielo? Le persone “normali” pensano che stanno giocando come al solito, non hanno compreso che questo è un gioco pericoloso, e che saranno ritenuti responsabili del dolore che hanno causato e causeranno ai loro stessi figli, oltre che a se stessi. Allora capiranno. E se non capiranno sarà lo stesso perché vorrà dire che questo mondo è fottuto. Chi è in pace con la propria anima non ha nulla da temere, per gli altri non vorrei essere… Leggi tutto »

LuxIgnis
Utente CDC
21 Giugno 2021 19:45

eh però anche questo sistema c’ha qualche problema! Appena scritto un post, e mi appare “awaiting for approval”. Già successo ma poi il post non è più riapparso.
Ci rinuncio, se riapparirà bene.

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
22 Giugno 2021 10:55

È successo anche a me, giorni fa, sto ancora awaitando. Credo lo facciano apposta, così da farci apprezzare di più quelli che vengono pubblicati;)
Mi ricordo i primi viaggi in India, spendevi del tempo a scrivere un lungo messaggio da inviare ad amici e parenti, quando lo stavi per inviare saltava la corrente, tutto perso, ed era più che normale, ogni tanto però riuscivi ad inviarne uno… ah, che soddisfazione!

Ultimo aggiornamento 4 mesi fa effettuato da IlContadino
LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
22 Giugno 2021 11:32

Si sto ancora awaitando anch’io 🙂
Mi piacerebbe però sapere quale meccanismo perverso decide che un post vada in “approvazione”.

Ultimo aggiornamento 4 mesi fa effettuato da LuxIgnis
danone
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
22 Giugno 2021 11:52

A me succede abbastanza spesso che il sistema mi rifiuti dei commenti che, a parer mio, non contengono contenuti non pubblicabili, e allora, a un certo punto, mi sono chiesto se fossi io un portatore sano di turpiloquio, a mia insaputa. Ieri ho avuto la risposta, è il sistema che va a giornate.
Volevo postare una frase di Raimon Panikkar, quella del filo d’oro, con questa mia premessa..

“è sempre stato così.
Il filo spirituale è più robusto dell’acciaio..”
e la frase del filosofo..
https://qualitiamo.com/frasi/autore/panikkar.html

Il sistema me l’ha rifiutata.
Però non ho ancora capito se alIa IA del sistema di CDC sto più sul caxxo io o Pannikar !?

Pedro
Utente CDC
21 Giugno 2021 20:12

Namo bene.
Penso proprio che stanno scherzando con la fortuna e fino adesso gli è andata bene.
Quando girerà sarà una carneficina.

AlbertoConti
Redazione CDC
21 Giugno 2021 20:21

Questa è un’ulteriore prova documentale che l’AIFA è un associazione a delinquere (di stampo lobbistico?), e andrebbe sciolta immediatamente, a tutela della salute pubblica. Se non lo fa la magistratura ordinaria bisognerà istituire un “comitato di salute pubblica” popolare, con tutti i nessi e connessi. Stessa cosa per la SIP, Società Italiana di Pediatria, che ha in home page un documento nel quale raccomanda la vaccinazione anticovid all’intera popolazione pediatrica, con motivazioni palesemente false e tendenziose. Ecco alcuni passi deldocumento: “la fascia di età pediatrica e adolescenziale può fungere da serbatoio per la diffusione del virus nell’intera popolazione. Per questo, seppur l’obbiettivo primario della vaccinazione è quello di non sviluppare la malattia, l’opportunità di implementare un’offerta vaccinale universale aiuterà notevolmente a ridurre non solo la circolazione dello stesso virus, ma soprattutto il rischio di generare varianti potenzialmente più contagiose o capaci di ridurre l’efficacia degli stessi vaccini in uso. Inoltre la tempestività del raggiungimento delle alte coperture vaccinali nelle fasce pediatriche ed adolescenziali permetterà anche di beneficiare di una prossima apertura dell’anno scolastico in sicurezza.” ma non basta! “Per quanto attiene la strategia dell’implementazione dell’offerta vaccinale COVID19 limitata solo a pazienti pediatrici con malattie pregresse, la Società Italiana di Pediatria,… Leggi tutto »

danone
Utente CDC
21 Giugno 2021 20:35

L’Aifa approva il mix vaccinale in base a ricerche scientifiche non verificate.
E la notizia qual’è?

L’AIFA (associazione italiana facciamo allacaxxodicane) ha approvato l’eterologa adesso, perchè almeno 3 milioni di 60enni, vaccinati in prima dose con Astrazeneca, non vogliono più fare il richiamo con lo stesso intruglio, ecco perchè spingono l’eterologa sti infami.
Le dosi astrazeneca tanto non le buttano perchè per il terzo mondo vanno più che bene.
Le vie per agganciare i polli sono infinite.

MarioG
Utente CDC
22 Giugno 2021 0:53

Hanno bandito l’idrossiclorochina in base a un artcolo scientifico che poi è stato ritirato per frode (ma il divieto per il farmaco si sono dimenticati di ritirarlo). Approvano il mischiozzo fra vaccini, non solo diversi quanto a marchio, ma anche per il principio di azione, in base a un preprint di un artcolo scientifico. Che tra l’altro contraddice le stesse indicazioni delle case produttrici.
Questi sono farabutti a tutto tondo, che non hanno neppure lo scrupolo delle apparenze.
Non si può più trattare e rivolgersi a questa gente con una seppur minima forma di rispetto istituzionale dovuta. L’Aifa, così come l’Associazione Nazionale dei Pediatri, che spinge per la vaccinazione di massa dei minori, non sono più Agenzia pubblica, sono una Associazione contemplata dal Codice Penale. La cosca del farmaco e la cosca di pediatria, del resto espressione esse stesse di una Cupola, devono essere considerate come quelle altre associazioni, ugualmente potenti e temibili, da cui si prendono pubblicamente le distanze.

emilyever
Utente CDC
22 Giugno 2021 2:44

C’è una cosa però di cui sento il bisogno di parlare, non per concludere che bisogna vaccinare i bambini, ci mancherebbe, non mi do pace all’idea, però conosco il caso di almeno sei bambini che si sono contagiati prima fra loro, e con genitori non vaccinati, e che a loro volta hanno contagiato genitori e nonni e due insegnanti, e in questo periodo. Certo, i bambini hanno superato raffreddore e febbre in 3 giorni da soli, gli adulti sono in via di guarigione, però mi chiedo: che succede rispetto all’anno scorso, quando sia Crisanti nello studio a Vo’ Euganeo, sia Raoult, in quello su 200 bambini marsigliesi figli di positivi, avevano detto che i bambini non s’infettano fra di loro, che la carica virale è bassa e quindi era estremamente improbabile che potessero essere infettivi?

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  emilyever
22 Giugno 2021 6:25

Succede, stando ai fatti per come li riporti, che sia bambini che adulti si sono autovaccinati naturalmente, in modo molto più efficace e duraturo che con le porcherie geniche, e, cosa più importante di tutte, senza produrre varianti peggiorative del virus, anzi, favorendo la endemizzazione benigna della malattia.

E’ chiaro che la pressione vaccinale più è diffusa tra la popolazione e più crea danni alla naturale evoluzione benigna del virus, aggravando e perpetuando il problema sanitario. I non vaccinati dovrebbero fare causa ai vaccinati per questo, altro che “altruismo” delle cavie covidiote.

So che con te sfondo una porta aperta, ma dovremmo ribadire questi concetti ai covidioti, ribaltando la falsa narrazione ufficiale. E questo a prescindere dai danni che i covidioti vaccinati procurano a se stessi, che pure sono enormi.

Violetto
Utente CDC
22 Giugno 2021 7:59

Io non riesco a capire come sia possibile che non c’è un vero medico, un magistrato, nessuno, dico nessuno, un giornalista…niente… che ha le pallle per fermare questo scempio.

Spero che di questa cosa si occupi anche Mazzucco facendo un video di quelli che raggiunge le 100.000 visualizzazioni cosi poi sono costretti o a smentire o a parlarne.

Segnalateglielo per favore spiegandogli che è importante a me non mi caga di striscio qualunque cosa gli segnali.

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
22 Giugno 2021 8:59

Mazzucco non è più affidabile. Ha fatto il suo tempo, ed ha fatto cose degne di nota nel passato ma ci ricordiamo tutti quale era il suo pensiero agli inizi della pandemia, e di quanti sono stati bannati dal suo forum perché contestavano questo pensiero.

Violetto
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
22 Giugno 2021 9:09

si ma me ne frego. Se però ci fa sopra un video, che è facile da fare visto che non c’è da fare altro che mostrare il documento dell’aifa e i relativi studi citati, se raggiunge un certo numero di visualizzazioni può dare fastidio. Spesso i video piu visualizzati sono attenzionati dal mainstream che sono costretti in qualche modo a seguire. Per il resto conosco bene l’abitudine di mazzucco di bannare dal suo sito la gente che ha tesi opposte alle sue anche se sono comunicate in maniera pacata. Ci sono inoltre una serie di “cani da guardia” sul suo forum che lo aiutano in questo. inoltre è un forum “riservato” in cui la pratica comune è “leccare” Mazzucco che tutti in maniera servile chiamano “Massimo”, cercano di attirarsi le sue grazie, sono umili e servili perchè sanno che li puo bannare da un momento all’altro. Personalmente sono stato bannato un paio di volte perchè scrivevo contro il m5s. I commenti dei “nuovi” spesso non vengono minimamente “cagati” dallo zoccolo duro servile e allineato, poi quando inizi a dare fastidio iniziano a provocarti. Mazzucco colse l’occasione perchè in qualche modo violai le regole della comunity, tipo pubblicare due volte los… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 4 mesi fa effettuato da Violetto
LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
22 Giugno 2021 10:05

Sei informato allora!
Scherzi a parte, forse però è meglio che a questo punto il video che auspichi, e che sarebbe una buona cosa, lo faccia qualcun altro.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
22 Giugno 2021 10:34

Scusate ragazzi, non entro negli episodi specifici e personali, dove non faccio fatica a pensare che avete tutte le ragioni, ma io continuo a dire..
Avercene dei Mazzucco, dai.
Il lavoro che fa oggi coi suoi collaboratori è perfino più importante del suo carattere o personalità, che senz’altro avrà, come o più di noi, i suoi difetti e debolezze.

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
22 Giugno 2021 11:41

Finchè fa i suoi docufilm son anche d’accorso con te, ma per il resto mi è calato come pochi. Per quanto mi riguarda io non lo seguo più, quello che lui fece e dichiarò all’inizio pandemia (i 10 punti se non ricordo male), non ascoltando nessuno quando gli si disse che stava dicendo delle corbellerie, è stato molto grave. E non ha mai chiesto scusa, anche se poi si è ridimensionato.
Niente di personale, e niente a che fare con il carattere, ma certe cose non mi piacciono proprio.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
22 Giugno 2021 12:05

D’accordo, ma chi fa oggi video-doc come le cure proibite?
Sto rispondendo alla tua valutazione di non fargli fare più video perchè inaffidabile. Non lo credo.
Ripeto, i dissidi personali e i limiti della persona li abbiamo tutti, ma se stiamo a contarci i peli del c. a vicenda, smettiamo noi di essere lucidi. Mia opinione naturalmente.

Ultimo aggiornamento 4 mesi fa effettuato da danone
LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
22 Giugno 2021 16:35

Non dico assolutamente che non deve fare docufilm, facesse quello che vuole e questa è la parte che gli riesce bene. Ma col suo atteggiamento ha creato dei danni, ed io non mi sento più di riconoscerlo come “paladino” dell’informazione.

Violetto
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
22 Giugno 2021 12:22

ma i 10 punti su cosa?

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
22 Giugno 2021 16:29

Pubblicò 10 punti sulla sua valutazione della pandemia. Chiaramente non me li ricordo tutti, ma ce n’erano due che dicevano pressappoco questo: che il lockdown era giusto, poi ha dichiarato che lo pensava solo per l’inizio e, cosa più grave secondo me, che la distinzione di chi era morto CON il covid o PER il covid non andava fatta. Cioè ha avallato almeno all’inizio quello che in molti contestavamo e contestiamo e cioè che c’è una bella differenza tra il morire solo per covid od il morire per infarto ma con il covid. Per lui erano uguali.

Violetto
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
22 Giugno 2021 16:30

sisi confermo

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  Pandroid
22 Giugno 2021 16:42

Dopo averli trattati come li ha trattati non mi aspettavo che rientrassero. La faccenda è stata grave, e non è stato un semplice “scazzo” su opinioni diverse.
E dico che alcuni di quelli bannati se lo son anche un po’ meritato perché hanno perso le staffe ed offeso pesantemente, ma alcuni di loro portavano veramente una bella qualità con le loro idee al sito, e data la gravità della situazione (che alcuni tra i bannati avevano capito sin da subito) forse poteva soprassedere col suo atteggiamento un po’ spocchioso.
Comunque io ad un certo punto non ho più seguito, ma se in seguito Mazzucco ha chiesto scusa per il suo atteggiamento e gli errori fatti, allora avrà di nuovo tutta la mia stima.
Errori li facciamo tutti ma è importante poi riconoscere l’errore, ma se questo non avviene, non so che altro dire.

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  Pandroid
22 Giugno 2021 16:43

D’accordo ma vedi sopra.

Bertozzi
Utente CDC
22 Giugno 2021 18:48

Un mixologist – parola nata nel 1836 in america – sa che giocando con aspro e zuccherino si può migliorare anche il peggiore dei cocktail, o mix. Ma anche un barista al primo anno lo sa.