La tempesta che verrà

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

CJ Hopkins
consentfactory.org

Così, sembra che GloboCap non sarà felice finché non avrà fomentato il diffuso disordine sociale (o la guerra civile globale di fatto) di cui ha bisogno come pretesto per dare il tocco finale a questo nuovo totalitarismo patologizzato e trasformare ciò che rimane della società in uno stato di polizia globale pseudo-sanitario, o almeno questo sembra essere quello che ci aspetta.

E ci stiamo arrivando a rotta di collo. Non ho una sfera di cristallo o attrezzi del genere, ma mi aspetto che le cose diventino piuttosto brutte questo autunno e, probabilmente, ancora più brutte in un prossimo futuro.

Sì, amici, sta arrivando una tempesta. Sono 16 mesi che sta arrivando. E GloboCap ci sta andando dritta dentro. Io, e molti altri come me, abbiamo seguito la sua inesorabile avanzata come un autoproclamato Centro Internazionale di Sorveglianza per Uragani Patologizzato-Totalitari (sapete, come quello di Miami, solo che i meteorologi sono “teorici della cospirazione”). Abbiamo documentato la propaganda, le bugie, la manipolazione delle statistiche, l’abrogazione dei diritti costituzionali, le squadracce della Nuova Normalità, la censura da parte delle multinazionali e tutto quel che riguarda il lancio di questa nuova ideologia ufficiale e le misure totalitarie messe in atto per farla rispettare.

I nostri sforzi non sono stati vani, ma non hanno avuto abbastanza successo da cambiare il corso degli eventi che ora sta prendendo forma… un corso degli eventi che è sempre stato chiaro, un corso che ogni movimento totalitario deve prendere per arrivare dove sta arrivando. Non si possono trasformare intere società in sistemi quasi totalitari senza disordini civili, caos, rivolte, guerra o qualche altra forma di cataclisma. Fare il lavaggio del cervello alle masse sarà anche facile, ma, ad un certo punto, bisogna fare in modo che le persone che stanno resistendo alla nuova “realtà” totalitaria diventino indisciplinate, in modo da poterle reprimere e trasformarle in nemici ufficiali, e questo sembra essere proprio ciò che sta accadendo attualmente.

GloboCap sta aumentando il livello del totalitarismo e ce lo sta sbattendo in faccia. Qui, nella Nuova Germania normale, eminenti funzionari della sanità stanno apertamente abbaiando slogan goebbelsiani come “NESSUNA LIBERTÀ PER I NON VACCINATI!” e “I NON VACCINATI SONO UN PERICOLO PER LA SOCIETÀ!” In tutta Europa, compreso il Regno Unito, dove il “Freedom Day” si sta avvicinando velocemente, si stanno implementando sistemi di segregazione sociale pseudo-sanitaria. In Francia, in Grecia e in molti altri Paesi le persone che rifiutano di farsi “vaccinare” vengono private del lavoro e punite in altri modi. Negli Stati Uniti, dove anche i non vaccinati vengono segregati, squadre di sicari della Nuova Normalità vanno porta a porta, facendo pressione sulle famiglie “esitanti” per indurle a conformarsi alla nuova ideologia ufficiale.

E così via … Sono stanco di citare i fatti. In ogni caso, non faranno la minima differenza per la stragrande maggioranza dei Nuovi Normali. Come ho già fatto notare in diversi articoli precedenti, queste persone hanno ceduto la loro razionalità e sono stati inglobati in un movimento totalitario che è diventato la loro “realtà” percettiva e sociale, e questa realtà ora deve essere difesa a tutti i costi o ne andrebbe della loro “sanità mentale,” quindi i fatti non significano assolutamente nulla per loro.

E voi i fatti li conoscete già.

Sì, voi. Noi. Gli altri. I non vaccinati. I “negazionisti Covid.” Non penserete mica che qualche irriducibile Nuovo Normale sia arrivato a leggere l’articolo fino a questo punto, vero? Non ci sarebbe riuscito. Se ci fosse incappato per caso su Internet e avesse iniziato a leggerlo, il suo cervello si sarebbe spento al paragrafo iniziale… letteralmente, neurologicamente spento. Lo avrebbe visto come una minaccia alla sua “realtà” e l’avrebbe immediatamente cancellato dalla memoria o l’avrebbe segnalato alle autorità competenti, forse all’FBI, al Bundesnachrichtendienst, a Facebook o a qualche altra società globale.

Questo è ciò a cui siamo arrivati, … la gente sta segnalando alle corporazioni globali e alle forze dell’ordine dei governi “democratici” i “crimini di pensiero” di altre persone, nella speranza di distruggere o danneggiare le loro vite o, come minimo, di farli censurare o comunque cancellare dalla vista pubblica.

Come avevo scritto in un mio pezzo precedente, le nostre società sono state lacerate. Stiamo vivendo in due “realtà” reciprocamente ostili, una condizione che non può continuare all’infinito. Il problema per noi (i non vaccinati) è che, probabilmente, costituiamo circa il 20-25% della popolazione e quindi siamo in netta minoranza rispetto ai Nuovi Normali.

Il problema per i Nuovi Normali è che, probabilmente, noi costituiamo circa il 20-25% della popolazione, una percentuale troppo alta di persone da imprigionare o rimuovere dalla società.

Così, il loro piano è di rendere la nostra vita il più miserabile possibile, di segregarci, stigmatizzarci, demonizzarci, maltrattarci e fare pressione su noi per conformarci il più possibile. Non ci metteranno sui treni per i campi di concentramento. GloboCap non è il nazismo. Hanno bisogno di mantenere un simulacro di democrazia. Quindi devono trasformarci in una sottoclasse di “teorici antisociali della cospirazione,” “disinformatori anti-vax,” “suprematisti bianchi negazionisti di risultati elettorali,” “estremisti interni potenzialmente violenti” e qualsiasi altro epiteto si inventino, in modo che possiamo essere dipinti come mostri pericolosamente squilibrati e cacciati dalla società, ma in modo che sembri che ci siamo estraniati da soli.

Questo processo è già ben avviato e potrà solo peggiorare, il che porterà inevitabilmente a disordini sociali. Lo zoccolo duro dei “non vaccinati” non se ne andrà in silenzio. Lo ripeto, questa non è la Germania nazista. Ci sono troppi di noi che stanno già resistendo. Possono segregarci, vietarci di viaggiare, oscurare le nostre proteste, censurarci, deplorarci, cancellare i nostri conti bancari e molestarci in altri modi, ma non possono farci sparire con la forza. Quindi, continueranno a pungolarci finché non perderemo la testa. Finora abbiamo dimostrato un’incredibile disciplina, ma, alla fine, finiremo la pazienza. Ci saranno disordini. Qualcuno si farà male.

Il che, ovviamente, è esattamente ciò che vuole GloboCap. Niente li renderebbe più felici di una nostra trasformazione in quegli “estremisti violenti” che hanno evocato negli ultimi cinque anni. Hanno disperatamente bisogno che noi diventiamo proprio “quegli estremisti,” prima che la nostra “disinformazione,” la nostra “esitazione vaccinale,” il nostro “negazionismo di risultati elettorali” e un generale disgusto per l’intero programma ideologico del capitalismo globale possa “incoraggiare” un numero eccessivo di altre persone.

Sfortunatamente, con tutta probabilità otterranno quello che vogliono.

Ciò di cui abbiamo bisogno è una campagna organizzata e globale di disobbedienza civile, classica e non violenta, ma non ci daranno il tempo di organizzarla. Manterranno la pressione, aumenteranno la coercizione, la propaganda ufficiale, le assurdità, la confusione, le regole che cambiano in continuazione, l’isteria di massa e le bugie palesi, finché non cominceremo a dare di matto nei ristoranti, nei pub, nelle scuole, sui trasporti pubblici, fino a quando i quartieri segregati dei Nuovi Normali non inizieranno ad essere vandalizzati di notte, o peggio, e non si passerà ad altre forme di “azione diretta.”

A quel punto, game over, perché avranno vinto loro. Saremo gli “estremisti” che avevano sempre denunciato, e potranno fare di noi quello che vorranno e i nostri ex amici (ora Nuovi Normali) applaudiranno o, semplicemente, guarderanno altrove in silenzio.

Oppure… non so, forse mi sbaglio. Forse alcuni Nuovi Normali stanno ancora leggendo questo articolo e potrebbero ancora, in questa fase avanzata, riacquistare il senno. Forse possiamo ancora evitare la tempesta e la piena attuazione della “Nuova Realtà Normale.” Lo so, probabilmente sono un idealista senza speranza, ma lasciate che vi racconti un breve aneddoto, prima di finire.

È un po’ che tormento educatamente Glenn Greenwald, che rispetto e ho sempre rispettato, cercando di stimolarlo a tirare fuori le palle o almeno a dire qualcosa contro le caratteristiche totalitarie del movimento della Nuova Normalità. Glenn è totalmente in linea con la narrativa ufficiale sulla Covid, e ha fatto chiaramente intendere che non ha alcun interesse ad usare le sue capacità di investigatore-giornalista per fare le pulci alla versione ufficiale. Nonostante ciò, ho continuato a spronarlo e a pungolarlo educatamente e a sollecitarlo in altri modi, per fargli postare qualche parola di critica o porre qualche domanda da giornalista investigativo sulla più plateale campagna di propaganda ufficiale nella storia delle campagne di propaganda ufficiale e sulle azioni palesemente totalitarie dei governi di tutto il mondo.

Per esempio, di recente ho postato questo su Twitter.

Poco dopo (e sono sicuro che è stata solo una coincidenza, perché Glenn non segue Consent Factory) lui ha twittato questa piccola blasfemia sulla Nuova Normalità

Così, apparentemente, per le persone che credono alla narrazione ufficiale sulla Covid come se fosse il Verbo di Dio è ancora possibile parlare contro qualche suo aspetto o, semplicemente, metterne educatamente in discussione la logica o smettere comunque di comportarsi come un branco di “buoni Tedeschi” obbedienti e senza cervello, mentre una nuova versione di totalitarismo viene srotolata proprio davanti ai loro occhi.

Sì, lo so. Mi sto arrampicando sugli specchi, ma ho questa folle fiducia nelle persone. Oltre a questo, sto diventando vecchio, quindi non sono così impaziente di vedere l’aspetto violento della vicenda come lo sarei stato 30 o 40 anni fa.

Oh, quasi dimenticavo, a tutti i miei amici inglesi Nuovi Normali … vi auguro un buon Freedom Day!

CJ Hopkins

Fonte: consentfactory.org
Link: https://consentfactory.org/2021/07/14/the-approaching-storm/#comments
14.07.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
30 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
30
0
È il momento di condividere le tue opinionix