La Cina dichiara “illegali” tutte le transazioni in valuta virtuale, facendo crollare i prezzi delle criptovalute

La Cina ha ampliato la sua crescente repressione sulle criptovalute venerdì quando la sua banca centrale ha dichiarato che tutte le attività relative alle monete digitali sono “illegali” e devono essere vietate.

In una dichiarazione la People’s Bank of China ha affermato che l’ultimo avviso mirava a prevenire ulteriormente i rischi che circondano il commercio di criptovalute e a mantenere la sicurezza nazionale e la stabilità sociale.

Citando bitcoin, ether e tether come esempi, la banca centrale ha affermato che le criptovalute sono emesse da autorità non monetarie, utilizzano tecnologie di crittografia ed esistono in forma digitale e non dovrebbero essere diffuse e utilizzate sul mercato come valute. La PBOC ha preso di mira specificamente gli scambi di criptovalute esteri dichiarando che era illegale per loro fornire servizi online ai residenti in Cina.

La dichiarazione è il culmine di anni di repressioni fallite contro le criptovalute e non è una novità per lo stato autoritario. Nel 2013, il paese ha ordinato ai fornitori di servizi di pagamento di terze parti di smettere di usare bitcoin. Le autorità cinesi hanno posto fine alle vendite di token nel 2017 e hanno vietato agli scambi di criptovalute di operare all’interno dei suoi confini nel 2019, ma gli individui nel paese hanno continuato a trovare modi per scambiare bitcoin e altre valute digitali tramite transazioni over-the-counter o peer-to-peer . Più di recente, il paese ha vietato tutto il mining di criptovalute, che tuttavia ha spinto i minatori a spostarsi solo offshore.

Nel maggio di quest’anno, un potente superregolatore cinese si è impegnato a reprimere il commercio di bitcoin e il mining ad alta intensità energetica, contribuendo a far crollare il prezzo del bitcoin, solo per rimbalzare di nuovo. Anche i regolatori finanziari del paese sono diventati più severi con le banche e le società di pagamento e a giugno hanno ordinato loro di assumere un ruolo più attivo nell’eliminare le transazioni relative alle criptovalute.

Quest’ultima dura direttiva, che ha fatto scendere Bitcoin di oltre l’8% venerdì, arriva mentre i mercati globali sono sempre più preoccupati per una crisi del debito che coinvolge lo sviluppatore immobiliare China Evergrande Group, e che molti hanno ipotizzato porterebbe a un’impennata dei deflussi di capitali tramite criptovalute che aggirano Il grande firewall cinese. Secondo Bloomberg, il governo cinese potrebbe anche rispondere ai segnali che i minatori stanno mascherando le loro attività per rimanere in attività.

Vijay Ayyar, capo dell’Asia Pacific con lo scambio di criptovalute Luno a Singapore, ha affermato che mentre il governo cinese ha rilasciato dichiarazioni simili in passato, è “un ambiente leggermente nervoso per le criptovalute con i recenti commenti della SEC e l’ambiente macro generale con le notizie di Evergrande. . Quindi qualsiasi commento di questa natura causerà una vendita di asset rischiosi”.

Gli investitori dovrebbero aspettarsi “una reazione istintiva dei prezzi mentre la Cina toglie il vento dalle vele di Bitcoin”, ha affermato Antoni Trenchev, co-fondatore del prestatore di criptovalute Nexo. “Il recente rimbalzo da poco meno di $ 40.000 probabilmente ha fatto il suo corso per ora”.

L’agenzia di pianificazione economica della nazione ha anche affermato che è un compito urgente per la Cina sradicare il mining di criptovalute e che la repressione è importante per raggiungere gli obiettivi di carbonio.

Non è chiaro cosa abbia spinto l’ultima repressione, tuttavia una teoria è che fa parte di una più ampia spinta all’ordine pubblico in vista del 100° anniversario del Partito Comunista Cinese quest’anno. Un’altra teoria più probabile è che la Cina stia aprendo in modo aggressivo la passerella per il proprio yuan digitale, una valuta digitale della banca centrale in sviluppo dal 2014 e la cui ricezione sul mercato è stata finora catastrofica.

La ragione più probabile dietro la repressione è che Pechino sta semplicemente cercando di arginare i deflussi di capitali tramite stablecoin e criptovalute. Come promemoria, il tether rimane uno dei canali preferiti dai residenti cinesi per riciclare oltre 1 trilione di dollari in valuta nazionale all’estero. E con le turbolenze che emergono dal default di Evergrande e l’imminente deterioramento del settore immobiliare, è inevitabile che Pechino tema che seguirà una nuova ondata di trasferimenti di capitali in uscita, quindi sta adottando misure preventive.

Poi c’è chi suggerisce che tali tentativi di vietare bitcoin non faranno altro che rafforzarlo ulteriormente, mostrando la sua resilienza e capacità di resistere alla pressione sovrana. A luglio, dopo un altro giro di vite simile da parte della Cina, Alyse Killeen, fondatrice e socio amministratore della società di venture capital Stillmark, ha dichiarato alla CNBC che l’intera conversazione potrebbe essere un punto controverso, poiché la capacità di un governo di attuare un divieto di bitcoin continuerà solo erodere nel tempo.

“Mi aspetto che questo tipo di notizie abbia un impatto minore sul tasso di cambio di bitcoin di quanto non abbia storicamente”, ha affermato. “È anche vero che c’è stato un certo livello di inoculazione del settore a questa notizia: bitcoin è stato bandito molte volte in molte aree geografiche, eppure oggi l’adozione sta superando l’adozione di Internet in una fase del ciclo di vita simile”.

fonte Maurizio Blondet

Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x