Home / ComeDonChisciotte / ITALIA IN VENDITA: VENT'ANNI DI PRIVATIZZAZIONI

ITALIA IN VENDITA: VENT'ANNI DI PRIVATIZZAZIONI

DI ALDO BRACCIO
cpeurasia

Il documento “ Obiettivi e risultati delle operazioni di
privatizzazione di partecipazioni pubbliche
” della Corte dei Conti (un
corpus di quasi 300 pagine disponibile integralmente nel sito della Corte)
presenta un quadro esauriente del  percorso di privatizzazioni di beni
pubblici in Italia.

Riportiamo – tratto dalla relazione ufficiale – l’ elenco
storico dei provvedimenti adottati :

Nella foto: il panfilo Britannia

 

Tabella 1 – Le maggiori
privatizzazioni italiane (1985-2007)

 Lo Stadio
preliminare (1985 – 1991)

Data

Società Settore Investitore Strategico

Quota venduta

Valore

[mln €]

Tipo di transazione

01/06/85

Sirti
SpA*

Telecomunicazioni

———

40,00

95,14

PO

25/10/85

STET*

Telecomunicazioni

———

3,10

88,02

PO

01/12/85

Alitalia*

Trasporti

———

22,00

280,69

PO

01/12/85

Banca
Commerciale Italiana*

Finanza
& Real Estate

———

16,00

263,98

PO

18/11/88

Mediobanca*

Finanza
& Real Estate

———

13,30

197,47

PO

30/06/89

Italiana
Telecomunicazioni*

Telecomunicazioni

American Telephone & Telegraph

20,00

297,00

PS

11/09/89

Enimont*

Petrolifero

———

20,00

307,61

PO

29/12/89

CREDIOP*

Finanza
& Real Estate

Istituto Bancario San Paolo di Torino

40,00

818,94

PS

31/01/90

Banco
di Santo Spirito*

Finanza
& Real Estate

Cassa di Risparmio di Roma

51,00

411,64

PS

31/10/90

Banco
di Perugia*

Finanza
& Real Estate

BMPS

70,60

81,09

PS

28/06/91

STET*

Telecomunicazioni

———

7,60

207,10

PO

01/10/91

CREDIOP*

Finanza
& Real Estate

Istituto Bancario San Paolo di Torino

50,00

1.362,49

PS

Totale

 

 

 

4.441,17

12

 
 Il lancio (1992 – 1995)

Data

Società Settore Investitore Strategico

Quota venduta

Valore

[mln €]

Tipo di transazione

01/04/92

Cementir*

Manifatturiero

Gruppo di Investitori

51,78

298,90

PS

24/04/92

Sidermar
di Navigazione*

Trasporti

Cie Monegasque Bk Monte Carlo

49,00

86,71

PS

01/06/92

EFIM-Tax
Credits*

Finanza
& Real Estate

n.d.

50,00

190,58

PS

12/06/92

STET 1*

Telecomunicazioni

———

16,00

455,31

PO

18/12/92

Pavesi*

Manifatturiero

Barilla G&R F.lli

41,00

98,36

PS

31/12/92

Ilva –
Acciaierie Piombino*

Manifatturiero

Lucchini Siderurgica

60,00

292,01

PS

1993

Elsag
Bailey Process Automation*

Manifatturiero

n.d.

39,30

157,85

PO

1993

Finanziaria
CBD

Finanza
& Real Estate

n.d.

62,12

160,48

PS

1993

Nuovo
Pignone

Manifatturiero

n.d.

100,00

361,00

PS

31/08/93

Italgel

Manifatturiero

n.d.

62,10

222,65

PS

31/10/93

Cirio-Bertolli-De
Rica*

Manifatturiero

Unilever NV

100,00

91,16

PS

09/12/93

Credito
Italiano

Finanza
& Real Estate

———

54,80

930,20

PO

1994

STET 2

Telecomunicazioni

———

0,01

609,4

PO

08/02/94

IMI 1

Finanza
& Real Estate

———

27,45

926,78

PO

10/03/94

Banca
Commerciale Italiana

Finanza
& Real Estate

———

51,34

1.493,18

PO

25/06/94

INA 1

Finanza
& Real Estate

———

47,25

2.339,79

PO

30/06/94

Acciai
Speciali Terni

Manifatturiero

Kai Italia Srl

100,00

309,87

PS

18/12/94

SME 1

Manifatturiero

n.d.

32,00

373,40

PS

31/07/95

IMI 2

Finanza
& Real Estate

———

14,48

471,71

PO

30/08/95

SME 2

Manifatturiero

n.d.

14,91

176,33

PS

01/09/95

INA 2

Finanza
& Real Estate

———

18,37

871,08

PO

13/09/95

Italtel
(STET)*

Telecomunicazioni

n.d.

40,00

450,29

PS

20/11/95

Alumix*

Manifatturiero

n.d.

100,00

210,13

PS

20/11/95

ENI 1

Petrolifero

———

15,00

3.253,36

PO

26/12/95

Ilva
Servizi Energia

Utility

Gruppo di Investitori

100,00

1.298,22

PS

Totale

 

 

 

 

16.128,77

25

 
 L’accelerazione (1996 – 2000)

Data

Società Settore Investitore Strategico

Quota venduta

Valore

[mln €]

Tipo di transazione

1996

STET 3

Telecomunicazioni

n.d.

n.d.

121,26

PS

04/01/96

INCA
Intl (Enichem)*

Manifatturiero

Dow Italia (Dow Chemicals)

80,00

232,50

PS

20/01/96

Dalmine*

Manifatturiero

n.d.

84,08

148,13

PS

19/03/96

Nuova
Tirrena*

Finanza
& Real Estate

Toro Assicurazioni

91,14

288,12

PS

28/06/96

INA 3

Finanza
& Real Estate

n.d.

31,10

1.683,90

PS

07/07/96

IMI 3

Finanza
& Real Estate

———

6,94

258,89

PO

04/10/96

Amga*

Utility

———

49,00

100,13

PO

28/10/96

ENI 2

Petrolifero

———

15,82

4.582,11

PO

31/01/97

Alfa
Romeo Avio*

Manifatturiero

FiatAvio Inc

77,50

115,57

PS

03/04/97

Fincantieri
Diesel*

Manifatturiero

n.d.

100,00

83,40

PS

24/05/97

Istituto
Bancario San Paolo di Torino

Finanza
& Real Estate

———

3,36

147,70

PO

30/06/97

ENI 3

Petrolifero

———

17,60

6.833,01

PO

15/07/97

Aeroporti
di Roma*

Trasporti

———

45,00

289,10

PO

25/10/97

Telecom
Italia 1

Telecomunicazioni

———

28,00

11.871,91

PO

25/11/97

Seat

Servizi

n.d.

44,74

853,74

PS

29/11/97

Banca
di Roma

Finanza
& Real Estate

———

14,40

343,96

PO

1998

Finmeccanica*

Manifatturiero

———

n.d.

1.013,00

PO

1998

Banca
di Roma

Finanza
& Real Estate

n.d.

n.d.

182,15

PS

1998

MAC*

Telecomunicazioni

Marconi (Finanziaria Marconi)

50,00

144,00

PS

16/03/98

Saipem

Petrolifero

———

18,75

742,50

PO

18/05/98

Alitalia

Trasporti

———

18,38

406,45

PO

27/06/98

ENI 4

Petrolifero

———

14,21

6.711,34

PO

11/07/98

AEM
Milano*

Utility

———

49,00

667,22

PO

06/10/98

Lloyd
Triestino Di Navigazione*

Trasporti

Evergreen Marine Corp

100,00

203,81

PS

21/11/98

Banca
Nazionale del Lavoro

Finanza
& Real Estate

———

67,10

3.463,72

PO

1999

Banca
di Roma

Finanza
& Real Estate

n.d.

n.d.

1.030,00

PS

1999

Mediocredito
Centrale

Finanza
& Real Estate

n.d.

100,00

2.036,91

PS

19/06/99

Banca
Monte dei Paschi di Siena*

Finanza
& Real Estate

———

24,30

1.966,17

PO

10/07/99

ACEA*

Utility

———

49,00

791,55

PO

01/08/99

Società
Risanamento Napoli*

Costruzioni

n.d.

58,59

167,04

PS

02/11/99

ENEL 1

Utility

———

31,74

16.551,64

PO

04/12/99

Autostrade*

Trasporti

———

51,58

4.192,25

PO

2000

Banco
di Napoli

Finanza
& Real Estate

n.d.

13,16

493,60

PS

2000

Banco
di Roma

Finanza
& Real Estate

n.d.

n.d.

450,14

PS

09/03/00

Autostrade*

Trasporti

Azionisti Stabili

30,00

2.530,00

PS

11/04/00

Insicem*

Manifatturiero

Colacem

100,00

137,41

PS

03/06/00

Finmeccanica

Manifatturiero

———

50,55

5.684,03

PO

31/07/00

Aeroporti
di Roma

Trasporti

n.d.

51,20

1.328,12

PS

20/10/00

Basictel*

Telecomunicazioni

Albacom

60,00

109,07

PS

24/11/00

AEM
Torino*

Utility

———

26,00

254,41

PO

Totale

 

 

 

 

79.209,95

40

 

 Lo Stadio di consolidamento (2001 – 2005)

Data

 

Società Settore Investitore Strategico

Quota venduta

Valore

[mln €]

Tipo di transazione

2001

San Paolo IMI

Finanza
& Real Estate

n.d.

0,35

80,17

n.d.

07/02/01

COFIRI

Finanza
& Real Estate

Gruppo di Investitori

100,00

508,30

PS

15/02/01

ENI 5

Petrolifero

———

5,00

2.720,83

PO

17/02/01

Acegas*

Utility

———

41,85

156,65

PO

29/03/01

ENEL– Rete di Roma*

Utility

ACEA

100,00

558,83

PS

10/05/01

Lottomatica*

Servizi

———

38,80

220,85

PO

24/09/01

Elettrogen (ENEL)*

Utility

Gruppo di Investitori

100,00

3.570,23

PS

06/12/01

SNAM RETE GAS 1*

Utility

———

40,20

1.915,33

PO

09/05/02

Bonifica (Fintecna)*

Servizi

Gruppo di Investitori

100,00

285,07

PS

31/05/02

Eurogen (ENEL)*

Utility

Edipower (Edison)

100,00

3.768,83

PS

06/12/02

Fiera di Milano*

Servizi

———

27,00

103,27

PO

09/12/02

Telecom Italia 2

Telecomunicazioni

———

4,12

1.434,11

PO

27/12/02

Borsa Italiana*

Servizi

n.d.

10,91

116,34

PS

07/06/03

Siciliacque*

Utility

n.d.

100,00

287,88

PS

21/06/03

HERA*

Utility

———

38,68

379,55

PO

30/10/03

ENEL 2

Utility

———

6,60

2.172,80

PO

23/12/03

Ente Tabacchi Italiani

Manifatturiero

British American Tobacco PLC

100,00

2.325,21

PS

30/12/03

Cassa Depositi e Prestiti

Finanza
& Real Estate

Gruppo di Investitori

30,00

1.050,00

PS

30/03/04

SNAM
RETE GAS 2*

Utility

———

9,50

638,11

PO

01/05/04

APS*

Utility

Gruppo di Investitori

100,00

215,87

PS

23/06/04

Terna 1*

Utility

———

50,00

1.652,39

PO

15/07/04

New
Real (ENEL)*

Finanza
& Real Estate

Gruppo di Investitori

100,00

1.376,35

PS

22/10/04

ENEL 3

Utility

———

18,87

7.636,00

PO

15/11/04

AEM
Milano*

Utility

———

8,80

279,23

PO

27/11/04

STMicroelectronics*

Manifatturiero

Cassa Depositi e Prestiti

10,30

1.159,65

PS

22/03/05

F.S. –
Portafoglio Immobiliare*

Finanza
& Real Estate

Gruppo di Investitori

100,00

182,72

PS

30/03/05

Terna 2*

Utility

———

13,86

591,60

PO

13/04/05

IP
(ENI)*

Commercio

API

90,00

174,66

PS

20/05/05

Aeroporto
di Venezia*

Trasporti

———

33,35

138,77

PO

02/07/05

ENEL 4

Utility

———

9,35

4.101,00

PO

11/08/05

WIND
Telecomunicazioni*

Telecomunicazioni

Orascom

62,75

12.059,34

PS

03/10/05

Torri
dell’EUR*

Finanza
& Real Estate

Gruppo di Investitori

50,00

167,17

PS

Totale

 

 

 

 

50.027,12

32

 
 Il Declino (2006 – 2008)

Data

 

Società Settore Investitore Strategico

Quota venduta

Valore

[mln €]

Tipo di transazione

24/03/06

Ansaldo
STS*

Manifatturiero

———

52,17

405,28

PO

31/03/06

Fintecna
– Portafoglio Immobiliare

Finanza
& Real Estate

Gruppo di Investitori

100,00

296,66

PS

06/12/06

Ascopiave*

Utility

———

40,00

182,58

PO

12/07/07

Enia*

Utility

———

38,14

377,77

PO

19/11/08

Alitalia
(assets)*

Trasporti

Gruppo
di Investitori

100,00

1.052,00

PS

Totale

 

 

 

 

2.314,29

5

 

Appare evidente l’imponenza
del processo di dismissione dei beni pubblici, lo smantellamento dell’apparato
produttivo ed energetico dello Stato. Alcune osservazioni contenute nella
relazione della Corte sono quanto mai significative, anche quelle espresse “in
positivo” sulla storia delle privatizzazioni.

 

 L’Italia è “al secondo
posto, dopo il Giappone, nella classifica globale dei proventi”.

Il processo di
privatizzazione – che la Corte
giudica in declino dal 2006 (vedi la dizione riportata nella tabella) – ha dunque
avuto proporzioni gigantesche in Italia, anche se in alcuni casi si è trattato
di una cessione di quote che non hanno ancora portato a un completo
trasferimento del controllo dal pubblico al privato.

 

Si registrano “importanti
criticità, che vanno dall’elevato livello dei costi sostenuti e dal loro
incerto monitoraggio alla scarsa trasparenza connaturata ad alcune delle
procedure utilizzate in una serie di operazioni, dalla scarsa chiarezza del
quadro delle ripartizione delle responsabilità fra amministrazione, contractors
ed organismi di consulenza al non sempre immediato impiego dei proventi
nella riduzione del debito
” (corsivo nostro).

Dunque, in coda alle
criticità, appare chiara la ragione fondamentale di vent’anni di vendite e
svendite dei beni pubblici : ridurre il debito, ossia prestarsi al
gioco del “debito perpetuo” imposto agli Stati dal capitale finanziario privato
rappresentato dalle Banche Centrali (su ciò vedi il precedente articolo del 5
novembre 2009 “Lo specchio degli inganni : ‘debito pubblico’ e distruzione
dello Stato sociale”,  su www.cpeurasia.org
[1]).

 

Recita la relazione della Corte : “Nonostante le importanti criticità ed i rilievi emersi, si può
affermare che il processo di privatizzazione italiano abbia nel complesso
sostanzialmente conseguito gli obiettivi di lungo termine previsti nei primi
documenti ufficiali, generando valore nelle ex imprese pubbliche, contribuendo
a risanare le finanze pubbliche, a sviluppare il sistema finanziario nazionale
e ad ammodernare lo Stato. Per quanto riguarda le utilities, c’è tuttavia da osservare che l’aumento della
profittabilità delle imprese regolate è in larga parte dovuto, più che a
recuperi di efficienza sul lato dei costi, all’aumento delle tariffe che,
infatti, risultano notevolmente più elevate di quelle richieste agli utenti
degli altri paesi europei, senza che i dati disponibili forniscano conclusioni
univoche sulla effettiva funzionalità di tali aumenti alla promozione delle
politiche di investimento delle società privatizzate. Considerazioni analoghe
possono valere anche per ciò che attiene agli effetti sul livello sia delle
tariffe autostradali, sia degli oneri che il sistema bancario pone a carico
della clientela, tutt’oggi sistematicamente e considerevolmente più elevato di
quello riscontrato nella maggior parte degli altri paesi europei”.

In
poche righe la Corte,
pur conformandosi alla dominante cultura
liberal dei nostri giorni, riesce a chiarire quali sono
stati benefici e danni del processo di privatizzazione :
utilities dei nuovi gestori/proprietari privati – dovute
all’
aumento delle
tariffe
anche in
mancanza di politiche di investimento – e
sviluppo del sistema finanziario nazionale (e internazionale, aggiungeremmo) – ossia profitti
per gli speculatori – come benefici; aumento delle tariffe (spesso accompagnate
da un peggioramento del servizio) come esito per gli “eterni indebitati”
cittadini italiani. Se qualcuno avesse ancora dubbi sul bilancio generale da
assumere, rilegga il lungo elenco delle società privatizzate : tutto questo, in
qualche misura,
era anche nostro – apparteneva a noi cittadini; ora non più, e la nostra condizione è quella di clienti, neppure privilegiati.

 

Aldo Braccio
Fonte: http://cpeurasia.org/
Link:http://cpeurasia.org/?read=48694
4.03.2010

 

Pubblicato da Truman

  • nautilus55

    La tabella è un vero pugno nello stomaco, e mi sovviene una riflessione.

    Siccome qui si parla d’almeno 160 miliardi di euro (così, a braccio) c’è da chiedersi dove siano finiti. Sono cifre da Finanziaria

    Se il teorema di Craxi è vero, ossia che la corruzione si mangia il 30%, la corruzione stessa è lo strumento atto a fare in modo che la ricchezza ceduta non rientri mai nel bilancio dello Stato: difatti, il debito aumenta.

    Siccome tutta la questione ha lo scopo d’arricchire, in ultima istanza, il sistema finanziario, senza la corruzione dilagante quei soldi sarebbero serviti per colmare il debito, e quindi per renderci meno dipendenti dal sistema finanziario.

    Ergo, serviva un mezzo (la corruzione, il malgoverno, ecc) per sprecare quei soldi, altrimenti la finanza internazionale cosa ci avrebbe guadagnato? E poi ci parlano di Pigs…i maiali sono loro.

  • lucamartinelli

    c’è veramente d rimanere di stucco di fronte a questa tabella. ma vorrei dire qualcosa che è sicuramente inerente ma piu’ filosofica. tutto cio’ che è stato privatizzato era ovviamente dello stato, quindi dei cittadini, i quali nel corso dei decenni hanno pagato e mantenuto i vari Enel, F.S., Poste, Telecom, Autostrade etc etc. i cittadini ,detti anche popolo, erano i proprietari di tutto questo. come hanno potuto gli illuminati alienare dei beni che appartenevano al popolo? è stata una truffa colossale e non abbiamo detto nulla, abbiamo digerito tutto. Chissa’ quanti si sono chiesti quello che io faccio notare ora? e inoltre, cosa abbiamo avuto in cambio? Nulla, assolutamente nulla. Anzi ci siamo trovati servizi peggiori e tariffe aumentate. Da notare ancora che come proprietari i cittadini avrebbero dovuto incassare i proventi, se non direttamente almeno in forma di riduzione fiscale una tantum. Credo che il privatizzatore per eccellenza, Romano Prodi, sia in realta’ da considerare un traditore, per i danni arrecati a tutti noi. In guerra sarebbe stato passato per le armi. Ma forse mi sbaglio, perche’ in una finta democrazia tutto cio’ è possibile, anzi doveroso. saluti a tutti

  • Cornelia

    Bella teoria. 🙂

  • Ulugbek

    I have a dream… Carlo Azeglio Ciampi davanti ad un tribunale dei ministri condannato per alto tradimento. Cazzo, lo Stato ha svenduto quasi tutto (per abbattere l’indebitamento pubblico, aveva detto) ed il debito pubblico è aumentato a livelli inverosimili.

  • Stopgun

    Coloro i quali nazionalizzano (Mattei,Moro,Mussolini,Lumumba,Palme) fanno sempre una brutta fine.

    Coloro i quali si impegnano a svendere i beni nazionali per quattro denari vengono ricompensati con carriere mirabolanti.

    E’ la regola classica che vige nelle “Repubbliche delle Banane” .

  • maristaurru

    E noi in linea di massima, tranne qualche debole voce, subito zittita, siamo rimasti a guardare, e ad aspettare ingurgitando un sacco di bugie. Li abbiamo abituati bene possono fare il comodo loro, tanto sanno bene che noi stiamo zitti zitti, e poi gli diamo pure il voto, agli uni o agli altri, mi pare che cambi poco. Poi ti viene in mente che se togli anche quella parvenza di partiti, arrivano gli amici del fico della Finanza , degli affari, della Industria decotta che ci tocca da sempre mantenere a noi, e si prendono il resto del cuccuzzaro, non in venti anni, ma in un giorno.

    E ora, si capisce che quando si parla di zavorra, non si dice niente di diverso dalla realtà? E questa zavorra immonda ce la sopportiamo noi che paghiamo tariffe da rapina, che dobbiamo sottostare alle spa di gestione dei servizi, controllate da nessuno, libere di dire , fare, imprre, applicando interessi di mora, per chi non se ne fosse accorto, anche del 400%. Meglio i vecchi usurai di questa gente che non si sa da dove venga e perchè resta impunita.

    Ora ai Greci la Angelina Merckel chiede di vendersi le isole in mancanza di altro, e a noi forse chiederanno il famoso Colosseo o qualche museo, o la Sardegna, chi sa.. Chi sa quanto pagherebbero all’incanto ogni Italiano abituato a lavorare spesso quanto un cinese?

  • Earth

    Quando l’ho letto ci son rimasto di … All’inizio non ci credevo. Poi mi sono chiesto com’e’ stato possibile che coloro nati prima del ’75 hanno permesso questo scempio. Poi ho pensato che comunque questi soldi bene o male son stati utilizzati per pagare il debito pubblico. Poi ho pensato che oramai non c’e’ piu’ via d’uscita, le cose non cambieranno mai, la maggioranza delle persone sono cerebrolese e manipolate. Poi ho accettato il fatto che le persone sono cerebrolese e manipolate. Sono arrivato alla conclusione che e’ giusto che ci siano queste persone che non si fanno scrupoli. Hey, se a cena io ti prendo il budino e tu rimani indifferente, come nulla fosse successo, perche’ non farlo e rifarlo? Tanto non ti da’ fastidio…

    Quello che mi e’ accaduto e’ identico alle cinque fasi della elaborazione del lutto. Forse, solo una volta che si accetta questo mondo, si puo’ iniziare a viverlo veramente?
    http://it.wikipedia.org/wiki/Elisabeth_K%C3%BCbler_Ross#Le_cinque_fasi_della_elaborazione_del_lutto

    Il punto e’ che io non sono un cerebroleso, tantomeno un manipolato. Cosa posso fare per non prenderlo piu’ in quel posto? Badate bene, la mia e’ una domanda egoistica, non me ne frega niente dei cerebrolesi, tanto a loro non importa niente di se stessi, perche’ dovrebbe fregarmene a me? Anzi qua finisce che loro stanno affondando e mi stanno portando giu’ con loro… mi hanno preso il budino, mi dai la meta’ del tuo? Purtroppo sono troppe oramai le attivita’ che hanno come obiettivo di migliorare l’umanita’ e falliscono miseramente, come ho detto prima, a queste persone non gli interessa di loro stessi, e’ come se le associazioni umanitarie fossero i testimoni di geova, sappiamo tutti quanto sono sgradevoli quando ti violano la tua vita, fermandoti per strada o citofonandoti a casa, non li vogliamo, se voglio saro’ io a venire da te, le associazioni per migliorare l’umanita’ sono la stessa cosa (dico cosi’ per includere i gruppi piu’ disparati, dai sindacati alle chiese).

    Allora, cosa posso fare io per me stesso, per uscire da tutto questo?

  • mikaela

    Come mai un uomo legato e stipendiato molto bene da una banca privata così potente viene nominato direttore della Banca più influente d’Italia ? Quella banca, per intenderci, che s’incamera il Signoraggio monetario nazionale e una parte del Signoraggio europeo ?
    Ma chi è questo Mario Draghi ?

    Facciamo un passo indietro.
    Il professor Draghi è stato dal 1991 al 2001 Direttore Generale del Tesoro e presiede dal 1993 il Comitato per le Privatizzazioni, egli infatti è l’artefice delle grandi privatizzazioni statali (dall’IRI alla Telecom, Enel, Eni e altre grandi aziende dello Stato).
    Quindi un personaggio di tutto rispetto ! Talmente di rispetto che fu uno dei privilegiati ospiti alla colazione (non da Tiffany) ma a bordo del panfilo reale della regina Elisabetta, il “Britannia”. Siamo nel 1992, e ci troviamo al largo di Civitavecchia, ma non su territorio italiano ma inglese. Qui vennero decise le sorti economiche dell’Italia.

    Il 1992 fu un anno molto particolare: crisi Prima Repubblica, uragano Tangentopoli, attacco alla lira da parte del filantropo George Soros che Carlo Azeglio Ciampi non riuscì o non volle impedire. E non è tutto, sentite a tal proposito cosa disse in quegli anni Reginald Bartholomew (ambasciatore americano a Roma e futuro presidente di Merril Lynch Italia):

    «Continueremo a sottolineare ai nostri interlocutori italiani la necessità di essere trasparenti nelle privatizzazioni, di proseguire in modo spedito e di rimuovere qualsiasi barriera per gli investimenti esteri»[2]

    Avete capito ? Rimuovere ogni barriera per gli investimenti esteri !!! È proprio quello che hanno fatto Draghi & C.

    Ha lavorato talmente bene, che oggi Draghi è stato premiato con la direzione della Banca d’Italia

    . «Una scelta di alto profilo»[3] dice Romano Prodi in merito al nuovo capo di Palazzo Koch !
    E ci credo:

    il leader della sinistra è stato (e forse lo è ancora) consulente guarda caso proprio della Goldman Sachs (nonché presidente dell’Iri per ben due volte), e uno dei protagonisti della svendita italiana.

    In tredici anni decine e decine di grosse aziende nostrane passarono in mani straniere (per esempio Buitoni, Invernizzi, Locatelli, Ferrarelle, e moltissime altre).[4]

    Quindi non è poi strano che Mario Draghi piaccia tanto a Prodi, anche perché sembrerebbe, e qui il condizionale è d’obbligo, che la

    campagna elettorale di Romano sia finanziata da una certa

    Linda Costamagna[5], una privata signora. Fin qui nulla di male. Ma se venisse fuori che questa signora è la moglie di Claudio Costamagna, Amministratore delegato della Goldman Sachs per l’Europa[6], la cosa cambierebbe ? Certo che sì.
    Ma allora…non è che questo colosso – membro della potentissima lobbies bancaria internazionale – ha tutte le intenzioni di privatizzare l’intero Stato, aprendo ulteriormente all’estero (alle sorelle), controllando il sistema monetario del nostro paese ?

    Questa preoccupazione non è campata in aria, visto che dopo l’incontro sul “Britannia” (tra le cui banche ospiti c’erano proprio i vertici della Goldman) sono iniziate quelle mega-privatizzazioni e acquisizioni che hanno depredato e svenduto i patrimoni pubblici. E poi come non preoccuparsi, se il nuovo controllore del sistema monetario e/o bancario (governatore di Bankitalia) italiano e il capo del governo (prossimo) sono finanziati e controllati dalla stessa banca d’affari privata ?

    http://www.mednat.org/finanza/banca_italia.htm

    Ps.ho ricopiato buona parte di questo articolo per paura che lo stesso venga cambiato dalla notte alla mattina come e’ successo con il link precedende infatti nell’altro link quasi uguale e’ scomparso il nome di Romano Prodi e Padoa Schioppa scritti in neretto seguiti da una frase che diceva piu’ o meno cosi’ (e tutti quanti sappiamo cosa ci ha guadagnato )

    Quando caxxxxo c’ha raggione Paolo Barnad quando dice che salgono tutti quel treno pieni di buona volonta’,poi appena acquistano un po’ di notorieta’ scendono per coltivare il proprio orticello.

  • mikaela

    avrei dovuto scrivere:infatti nell’altro link che trattava lo stesso argomento ricopiato da un’altra pagina web e’ scomparso ecc ecc

  • stefanodandrea

    Devi unirti ad altre persone che non sono cerebrolese e alle quali non interessa nulla dei cerebroresi. E deve trattarsi di un partito al quale dichiaratamente non interessa nulla dei cerebroresi.
    Questo è il suggerimento; poi mi complimento per aver sollevato il problema con rigore.

  • Tonguessy

    Tra queste queste statistiche si legge la ragione della scomparsa del ceto medio, il rovinoso progredire di quelli che una volta erano chiamati proletari e sottoproletari e la scandalosa crescita dei vertici, l’elite economico-finanziaria.
    Come ha correttamente sottolineato lucamartinelli una volta quei beni erano di tutti: gestiti in maniera oculata davano benessere diffuso. Poi sono arrivati i vari Ciampi e Cimoli a privatizzare prima e “tagliare i rami secchi” poi. Con questa splendida manovra a tenaglia da una parte hanno tolto la gestione diciamo “sociale” di quei beni e merci e dall’altra hanno cominciato a seguire le leggi del neoliberismo, tramite delocalizzazione (il comparto siderurgico, ad esempio) e precariato. Quello che era una ricchezza sociale ed una dote da salvaguardare per il futuro è stata delapidata in pochi decenni.
    La ragione di tutto questo? L’esagerato potere delle lobby economiche che, tramite il ricatto delle cedole, pretende utili da capogiro, sempre.
    Chi ha dato in mano le nostre aziende a questi avvoltoi? In nome di quale dio l’ha fatto? Che utile ne ha ricavato? E pagherà mai per avere consegnato a quei farabutti il frutto del lavoro di generazioni?

  • maristaurru

    Errore, quando ho scritto 400%, mi è sfuggito dalla tastiera uno zero in più, come usurai sono molto più parchi, sono arrivati ad oscillare tra il 40% e il 48%

  • AlbertoConti

    Alla luce dei fatti la parora PRIVATIZZAZIONE è diventata una bestemmia (e lo stato che l’impone per legge è uno stato blasfemo).
    La democrazia fondata sull’ignoranza dell’elettore diventa così un governo dispotico, contro il bene del suo stesso popolo. Da qui l’enorme potenzialità dell’agire per costruire consapevolezza, altro che impotenza di fronte alle soverchianti forze del tiranno!

  • AlbertoConti

    Per ora il vecchio ciampi è andato al tribunale mediatico dell’annunziata (mezzora) che l’ha coccolato e proposto per la santità istituzionale! Non ho udito particolari urla di sdegno per l’occasione, segno inequivoco che la consapevolezza è a zero!

  • Nellibus1985

    Ma che quadro edificante, non c’è che dire…

  • ericvonmaan

    Aggiungo Allende (rame e banche), Lincoln e Kennedy (emissione di denaro di stato)… in futuro forse Chavez e Morales? Speriamo di no. Ciao

  • nomorelie

    Privatizzazioni votate alla dottrina del neoliberismo rampante che ha segnato in peggio l’esistenza di interi popoli sia qui da noi che soprattutto nel terzo mondo.
    Ma con metodologie diverse.
    In centro e sud america si mandavano dittatori e si toglieva al popolo e questo si incazzava e allora arrivavano gli squadroni della morte.
    In italia si toglieva al popolo e questo nulla, come se niente fosse successo, anzi… bene, lo si fa per abbassare il debito.
    Ricordo quel periodo quando andando e tornando dal lavoro ascoltavo il giornale radio dove il buon presidente della repubblica, dispiaciuto, ci faceva capire che erano tempi di sacrifici dove tener duro.
    E questo lo sentii ripetuto come un eco per sempre, ancora oggi.
    Ma tutto sommato, se faccio presente questo articolo a quasi tutti i miei conoscenti , sicuramente avranno la solita risposta pronta, che comunque siano le cose qui si sta ancora bene: lavoro, casa, famiglia, hobby, osteria, ferie, shopping, saldi, multisala, centri commerciali, settimane bianche ecc.
    Che la loro vita ha proseguito bene nonostante la svendita delle nostre proprietà.
    Fortuna? Di vivere nel nord dello stivale?
    Durerà ancora oppure tra poco arriverà la botta finale?
    Anche fosse sicuramente diranno sempre che si sta meglio che in Africa.
    Onore quindi alle popolazioni ancora con il cervello funzionante che abitano il pianeta, e che di conseguenza vengono mazziate regolarmente. Noi no perché non serve, siamo già dei cerebrolesi.

  • lucamartinelli

    chiedo scusa ma non ho capito se il commento è suo o se è riportato. cmq, per cortesia, non si dica che Prodi è o è stato leader della sinistra. Prodi con la sinistra non ha nulla a che fare. E la sinistra non ha nulla da spartire con Prodi.

  • maristaurru

    Anche Prodi consulente della Goldman Sachs fino all’altro ieri, ed oggi finanziato dalla banca d’affari per la sua campagna elettorale.
    A quel che pare, a pagare Prodi è Linda Costamagna, una privata signora che per caso è moglie di Claudio Costamagna, gran capo della Goldman Sachs per l’Europa.
    Varrà la pena di ricordare che la Goldman fu tra le capofila delle banche usurarie che vennero, a bordo del Britannia, lo yacht della regina d’Inghilterra, a imporre i loro metodi per la privatizzazione dei gioielli dell’IRI.
    A quell’epoca salì sullo yacht anche Mario Draghi.
    E anche lui oggi è alla Goldman Sachs.
    I banchieri anglo-israeliti fecero allora grandi affari, e se ne ripromettono ancor più dal prossimo centro-sinistra al governo.
    Ecco perché Il Corriere strilla che Schroeder ha un «conflitto d’interessi» per i suoi accordi con Putin, e tace sul conflitto d’interessi enorme, passato e futuro, di Mario Monti alla Goldman Sachs.
    E’ la legge talmudica in atto: due pesi e due misure.

    http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=837

  • mikaela

    Luca di mio c’e’ solo il Post scriptum.
    il commento era riferito all’autrice del Sito Web non a Prodi. scoprire che su un sito Web di tanta rilevanza nel mondo della controinformazione spariscono delle frasi( scritte nel 2007) per non danneggiare i nuovi amici e’ stato un grande uno shock .

  • maumau1

    le mie previsioni si stanno avverando tutte per filo e per segno…
    la Grecia è un esempio.. ora vogliono prendersi proprio il territorio..
    la Grecia ha 50miliardi di euro di debito con la Germania e quasi altri 50 con la Francia..e se non li paga gli applicano un embargo e chi lo viola sarà a sua volta isolato ammenochè i paesi che lo violano non siano più di quelli che lo bloccano…
    Non hanno altre armi di ricatto non potendo bombardare uno stato nato..
    Il primo errore fatto dalla Grecia che ha innescato le speculazione dei CDS USA detenuti dagli azionisti della FED(Goldmann sachs e Jp Morgan) che in pratica sono il governo USA e quindi Nato è stato quello di ordinare agli USA di togliere le testate atomiche dal suo territorio cosa che ha dovuto fare…..ora si prendono letteralmente le isole e li rimetteranno le bombe atomiche perchè si capisca chi comanda in Europa e che fine fanno i paesi che disobbediscono alla Nato e che non hanno le spalle abbastanza larghe..(come l’Italia oltre alla Grecia..)

    Riguardo l’Italia
    quando avranno finito con le aziende prese a due soldi inizieranno ad intaccare i beni storico-artistici ma non ce lo diranno ,ci diranno che vanno a fondazioni che lo stato avrà voce in capitolo e,che è er il bene dei monumenti oggi trascurati ed intanto ci sarà il passaggio di proprietà…
    per pagare i debiti alle banche centrali e nessuno dei politici dirà nulla sul fatto che quel debito è illegale perchè viola la costituzione..
    il motivo è che tutti i politici o quasi sono messi li dalle lobbie bancario-finanziarie e quindi industriali…ovvio che preferiranno tassare la povera gente e tosarli per bene piuttosto che ribellarsi al loro datore di lavoro che li potrebbe licenziare in ogni momento.
    Poi inizieranno con l’alienazione del territorio e la gestione dello stesso
    come hanno già fatto con l’acqua con la bufala che la proprietà rimane allo stato ma la gestione ai privati..quello che conta è la gestione quanto il gestore può fare tutto quello che vuole come e più del proprietario!

    Davanti ad un tribunale dovrebbero finire tutti i presidenti del consiglio degli ultimi 20anni e relativi ministri del tesoro e direttori generali come Draghi.
    Infatti Berlusconi sebbene qualcuno creda ancora alle favole,di fatto ha minacciato le banche centrali di riprendersi la sovranità monetaria come di tassare l’oro ma solo per farsi lasciar stare visto gli attacchi che ha subito
    non è certo Mattei o Moro ,pensa solo ai suoi loschi affari e poi svende la dignità del popolo sia nella guerra in Iraq rompendo il fronte europeo sia nell’ultima visita in Israele per arruffianarsi il Mossad ed avere un nuovo salvacondotto dopo quello di Bush durato 8anni..
    La depenalizzazione dell’alto tradimento e del golpe non per nulla l’ha fatta Castelli nel 2006 .
    Quindi non ci raccontiamo balle.

    Il debito alla fine verrà pagato fino all’ultimo euro e lo pagheremo noi anche se non l’abbiamo fatto noi,e nessun politico dipendenti delle banche farà nulla,ma almeno qu identro la gente se li è andati a riprendere i soldi dalla banche?
    Oppure siamo solo rivoluzionari da tastiera proprio per tenere la coscienza a posto..ossia nella vita vera siamo conformisti e quindi soldi investiti magari nei fondi o tenuti nelle banche e carte di credito e poi con 19,90euro di abbonamento telecom facciamo i rivoluizionari da tastiera
    e diamo addosso alle banche
    aspettando che qualcuno altro per lui faccia la rivoluzione e metta le cose a posto fino ad allora si adegua al pecorume e tiene i soldi in banca ed investe l’eccesso magari findandosi dei promotori che sono come dei boia..
    Italiani segaioli.
    Io i miei soldi li ho tolti dalle banche da tempo magari me li spendo ci compro un terremo me li tengo in casa(meglio farli rubare ad un ladro che alla banca,tanto la probabilità nel secondo caso è molto più alta!)

    fatti non pippe nessuno farà il lavoro sporco per noi,andate in banca e ritirate i soldi subito,le banche capiscono solo questo,il resto non lo capiscono..ma magari siete ridotti che poi la mogliettina che non può più usare il bancomat vi dà le totò..ed allora come pensate di fare la rivoluzione quando basta una mezza femmina per farli calare le braghe..
    sarei curioso di sapere quanti di voi usano il bancomat e si fanno accreditare lo stipendio in banca..o hanno un contocorrente..
    praticamente tutti..ed allora di che parliamo..
    come si può fare una rivoluzione quando siamo noi che li alimentiamo?

  • maumau1

    siamo buoni solo a lamentarci ma quando tocca fare anche un piccolo cambiamento ,siamo incapaci,loro lo sanno e ci fottono..e la mia piccola battaglia(aver ritirato tutti i soldi dalla banca mi è bastata vedere la faccia contrita e contrariata del direttore che mi ha chiamato chiedendomi perchè ma quando glielo spiegato non ha detto più nulla gli ho detto in breve ”quando smetterete di rubare voi banche soldi alla gente di vivere da parassiti su soldi che non sono vostri,allora forse rivedrete qualche euro” non ha manco provato a rispondere!)

    fatelo anche voi invece di lamentarvi come delle donnicciole..

  • amensa

    secondo il pensiero comune, qui in questo blog, la responsabilità dell’indebitamento è di chi fornisce il credito, e non di chi spende più di quanto incassa.
    io la trovo una teoria un po strana.
    il mio vecchio mi ha sempre insegnato a rifuggire dai debiti, risparmiare sempre qualcosa per prevenire gli imprevisti, per dare sicurezze al proprio futuro.
    ciò che mi ha insegnato è che i debiti fanno perdere la libertà di decidere, la libertà di progettare un futuro, la libertà di non dover dir “grazie” a nessuno.
    perchè chi ti aiuta a pagare i tuoi debiti, chi sembra darti una mano, difficilmente lo fa disinteressatamente, e prima o poi ti chiede qualcosa, che non sai rifiutare, e poi qualcos’altro che , allora, non PUOI più rifiutare.
    maalla base ci stai sempre tu, e la tua capacità di fare “il passo lungo come la gamba”.
    in questo la cultura cattolica ha una grossa responsabilità.
    sbagli, ma se credi ti confessi, ti penti, e tutto è risolto.
    sarà vero per le cose spirituali, ma nella realtà se sbagli, le cose funzionano diversamente.
    spendi più di quel che potresti, magari trovi chi sembra che ti aiuti, ti finanzia, ma che poi ti accorgi che voleva solo asservirti.
    questo sono i debiti, la cui prima responsabilità è comunque e sempre di chi si mette nelle condizioni di averne voglia o bisogno.
    poi, ma solo poi, c’è chi ne approfitta.
    se a voi sembra logico attribuire a questi l aresponsabilità dei debiti, mi spiace, io penso ancora alla vecchia maniera, e per me la responsabilità primaria di chi ha i debiti,e se stesso che li ha contratti.
    c’è ancora qualcuno che la pensa come me ????

  • amensa

    ….. e per cosa riguarda le privatizzazioni, questa lista mi fa venire il mal di stomaco, e poi mi domando quanti di voi credono ancora che mettendo una croce su un simbolo una volta ogni 5 anni, si eserciti una sorta di sovranità ?
    i vostri eletti vi hanno chiesto se eravate d’accordo di diventare clienti di quelle aziende di cui eravate padroni ?
    se eravate d’accordo di venderle ?
    vi hanno detto dove sono finiti i proventi di tali operazioni ?
    pensate ancora di decidere, di contare qualcosa nella sfera del potere che tutto decide e soprattutto condiziona le nostre vite ?
    correte avotare che così potranno dire che ciò che fanno lo fanno in nome vostro e per conto vostro.
    gli avete dato una delega in bianco , no ?

  • Earth

    Ti ringrazio. Il partito secondo me e’ un po’ complicato da realizzare e oltre questo, che vantaggi potra’ mai darci? Un partito cambia tutto il paese, non e’ quello che voglio, poi comunque ci sono gia’ partiti migliori del pdl, lega, pd, idv, ma questi sono quelli pubblicizzati e la gente pecorona li vota… il partito non e’ la risposta adatta secondo me.
    Ora mi sto informando su come ha fatto San Marino con una popolazione di 30mila abitanti a diventare uno stato indipendente dentro l’italia…

  • stefanodandrea

    sottoscrivo sia il primo che il secondo commento

  • Stopgun

    Ti ringrazio per i suggerimenti relativi ai personaggi da aggiungere; aggiungo inoltre Sadat!

  • mikaela

    ………………Romano Prodi, che della Commissione e’ oggi il Presidente, mi risponde con parole semplici:

    “La sua e’ una domanda imbarazzante.
    Io penso che l’unico modo e’ fidarsi di noi.”

    http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90007,00.html

  • amensa

    cacchio !!! sto scoprendo solo ora che non sono proprio solo a pensare così!!
    evviva !! sono contento che qualche barlume di responsabilità sia ancora vivo e che esiste ancora qualcuno che ragiona alla vecchia maniera.
    eureka !!!

  • sandman972

    Guarda, da un certo punto di vista hai ragione, sono anche io dell’idea che bisognerebbe educare la gente a non “fare il passo più lungo della gamba”, e che fare i gaudenti per anni porta conseguenze nè più ne meno della favola della formica e della cicala.
    Ma tu dimentichi tutto il contorno, che poi tanto contorno non è…le attività criminose di questi “signori”, che hanno in mano la comunicazione, il denaro per promuovere e dirigere gli “interessi” ed i bisogni delle masse attraverso le pubblicità. Dimentichi i banchieri che a fronte di case (bisogno primario per le persone, a mio parere) vendute a prezzi dell’ordine di 2-3-4 stipendi al metro quadrato ti facevano sottoscrivere mutui a 25-30-35-40 anni a tasso variabile, e anzi ti dicevano: ti servono 150.000 euro??? Ma perchè cosi pochi? Prendine 20.000 in più, cosi ti compri anche i mobili! Tasso fisso? Ma perchè fisso che il variabile è cosi basso? Dimentichi il denaro profuso a piene mani a gente che non aveva garanzie, e che invece di ricevere un “No, deve avere delle basi più solide” ricevevano un “Prego, firmi qui e passi alla cassa!”. Dimentichi una struttura che ti rendeva più “economico” comprare gli oggetti a rate invece che in contanti. Dimentichi classi politiche che a livello nazionale, regionale, comunale, hanno stipulato con le banche (all’insaputa dei cittadini) contratti capestro, con ricadute sui servizi (soggetti a tagli continui) che definire “irrisorie” è eufemistico. E che non mi si venga a dire che quei soldi sono finiti nelle tasche della popolazione. Soprattutto dimentichi che i vertici ed i pezzi grossi delle banche si sono arricchiti (e ancora si arricchiscono) su quei soldi, in modo criminoso (vedi negli USA i soldi del “salvataggio” profusi in emolumenti miliardari ai manager cosi importanti per l’economia), creando debito in funzione di una leva 1 a 10.
    In sostanza, sono il primo a dire che un pò ci godo per quelli che mi davano del somaro perchè giravo con una macchina vecchia di 10 anni, e che magari ora hanno perso la casa…ma sostenere come fai tu che la responsabilità è SOLO della gente mi pare una disonestà intellettuale legata a concetti individualistici e che non prendono in considerazione le spinte date da certe forze sui movimenti ed i comportamenti delle masse. E non è assolutamente vero che “Prima nasce chi vuole una cosa poi nasce chi se ne approfitta”: come detto, è il sistema stesso che spinge in quella direzione. Non mi pare, per fare un esempio terra terra, che le carte di credito (che rendono cosi facile indebitarsi) siano nate da un referendum popolare. 😛

  • calliope

    È giusto.
    Non è molto ma meglio di niente ANCHE SE PER ORDINE SPARSO NON SI OTTIENE UGUALMENTE NULLA.

  • amensa

    apprezzo il commento perlomeno educato, anche se chi scrive non è d’accordo con me.
    io sono stato giovane, padre, nonno.
    ma un principio mi sono sempre portato dietro e ad esso mi sono ispirato, perchè è stato forse il più pregnante insegnamento che mi ha dato mio padre, che aveva la 3° elementare.:
    “non importa cosa dice la gente, non importa cosa fa la gente, tu sarai libero solo se non farai mai debiti.”
    mi rendo conto che la nostra società vive proprio generando tentazioni.
    ma continua a generarne anche perchè c’è sempre qualcuno che ci casca.
    cooro che vogliono asservirti, schiavizzarti, non lo fanno più con la forza, con le catene.
    oggi le catene te le mettono nella testa.
    per renderti conto di quanto ti dico , fai un giro per la casa, soprattutto la cucina, e segna tutti gli oggetti che non usi da almeno 6 mesi.
    fai il conto di quanto li hai pagati e ti verrà voglia di spararti. non farlo, per stavolta.
    ma prova per una volta ad acquistare qualcosa dopo averlo sospirato, dopo aver messo via i soldi, giorno per giorno.
    quanto te lo godi , dopo. anch epoerchè , mentre metti via i soldi, sovente ti rendi conto che quella cosa proprio non ti interessa, o che non vale il sacrificio che stai facendo.
    lo so che è un modo un po originale (al giorno d’oggi) di concepire la vita
    mati assicuro che la sensazione di libertà che si prova, vale tutti i gadget che non hai comprato.

  • sandman972

    Io cerco sempre di essere educato, se mi è possibile. 🙂
    Ho letto quanti anni hai, io ne ho un pò meno di te (38), ma anche io sono venuto su con i tuoi principi e con insegnamenti simili a quelli che sono stati dati a te. Infatti nella confusione generale, pur non nuotando nell’oro, mi sono salvato meglio di altri, proprio perchè nella mia cucina non c’è nulla che non sia utile, e cambio macchina quando quella vecchia collassa. Purtroppo, e questo va a completare quello che ho detto nel post prima, nel corso degli anni è man mano scemato il livello di formazione dato dalla famiglia ai giovani: se fino a 30 anni fa i modelli erano inculcati quasi esclusivamente dai genitori (come nel tuo caso e nel mio) e da una scuola in fondo non troppo classista (per dire, grembiulini che annullavano le differenze tra i vestiti di chi i soldi li aveva e chi no), adesso le spinte formative più potenti sono date dal confronto con simboli sballati (personaggi tv e media), con compagni che “vestono più figo” o “hanno il cell migliore”, invece che da genitori che dedicano l’intera giornata al lavoro per pagare mutuo o affitto, bollette, chi più ne ha più ne metta. A questo aggiungi la spersonalizzazione della comunità, il fascino patinato dei fenomeni trendy, la naturale tendenza a volersi sentire parte integrante di qualcosa, ed ecco che la struttura per convincere i giovani ad essere consumatori scervellati è servita.

  • alvise

    Nel 92′, sul britannia si consumò la mazzata finale dell’economia italiana, ed oggi ne paghiamo le conseguenze.La svendita dell’IRI fu come un alto tradimento verso noi cittadini che fino ad allora demmo il sangue sottoforma di tasse.Ciampi era allora il governatore della B.I, c’era prodi e padoa schioppa, ex stipendiati della goldmas&sachs, ed il faccendiere soros, la goldmas&sachs, e molte altre belle personcine.In quella sede, ciampi svalutò la lira del 30%, e la goldmas&sachs fece tombola.

    Ci fu anche una interrogazione parlamentare su questa operazione, finì a tarallucci.Per questo alcuni di questi….. si presero un premio;ciampi diventò presidente, di prodi e padoa sappiamo quale premio, di draghi soprassiedo.D’altra parte il popolo italiano iniziò a diventare quello che è oggi, una sorta di peones, ricordate i peones dei films?Arrivava il bandito della zona e li deprededava di tutto, e loro zitti con la coda tra le gambe.C’è differenza tra noi e loro, ed i banditi di zona? (italiana)

    Io abito a genova, attualmente è arrivata sugli schermi nazionali, quello che prima era divulgata solo nei media regionali, cioè la notizia del pendolare che si spostava da s.margherita a genova.Su quelle linee, ma molte altre, tutti i giorni ci sono fortissime lamentele sui ritardi cronici, tutti “mugugnano” ma stanno zitti con chi dovrebbe risolvere, per esempio la regione liguria.Bene, uno si è ribellato a queste vessazioni, si è stancato di fare sempre tardi sul lavoro, come tutti gli altri, che è successo quando è sceso, ed esasperato si è messo in mezzo ai binari per protesta, per portare alla luce con un gesto eclatante, quello che sono veramente le ferrovie?Si è ATTIRATO LE IRE DI TUTTI I PASSEGGERI, SOLO UNA DONNA ha avuto il coraggio di scendere vicino a lui.Risultato?Tutti e due denunciati e gli altri tutti a guardare.Giuro che questa è la verità che non sentirete mai sui media nazionali.Peones, solo peones.Da domani tutti a ricominciare a lamentarsi sui ritardi, treni sporchi, poche carrozze, e sempre piene come carri bestiami.PEONES, PEONES, PEONES.