Israele contro Hezbollah: il gioco di una guerra più grande

Con la guerra che si profila all'orizzonte, il potenziale conflitto di Israele con Hezbollah è visto come una mossa strategica per affrontare problemi di sicurezza di lunga data, con implicazioni geopolitiche significative che coinvolgono Stati Uniti, Iran, Russia e altre grandi potenze, sollevando lo spettro di una crisi regionale di vasta portata.

 

Di Shivan Mahendrarajah, thecradle.co

 

Ci sono delle conoscenze note; ci sono cose che sappiamo di sapere. Sappiamo anche che ci sono delle incognite conosciute; cioè sappiamo che ci sono delle cose che non conosciamo. Ma ci sono anche incognite sconosciute: quelle che non sappiamo di non sapere.

Donald Rumsfeld, Ex Segretario della Difesa degli Stati Uniti

Con l’escalation delle tensioni tra Hezbollah e Israele, gli analisti stanno studiando meticolosamente i potenziali scenari di conflitto. Per il Primo Ministro Benjamin Netanyahu e la sua coalizione religioso-nazionalista, un confronto con il movimento di resistenza libanese è più che una speculazione: è una considerazione strategica. Questa coalizione vede una potenziale guerra come un mezzo per affrontare le preoccupazioni di sicurezza di lunga data e rafforzare la sua posizione politica.

Una parte fondamentale del pensiero strategico di Tel Aviv è la speranza che gli Stati Uniti possano essere costretti ad assumere un ruolo più attivo nel confronto con gli avversari di Israele – Hezbollah, Siria e Iran – neutralizzando così le minacce che persistono da decenni. Questo concetto di “sgombrare il campo” dai nemici regionali rimane un tema centrale nelle discussioni strategiche israeliane.

Le radici storiche della fiducia strategica di Israele

Per lo Stato di occupazione, questo potenziale conflitto è una “guerra di selezione” guidata da motivazioni storiche ed etnonazionaliste. Ma si basa anche su vantaggi militari israeliani del passato che sono ormai lontani nell’Asia occidentale di oggi, piena di missili.

La Guerra dei Sei Giorni del 1967 ha favorito la convinzione dell’invincibilità dell’esercito israeliano, della superiorità del Sionismo e del destino manifesto del suo ‘popolo eletto’. Fu con un’arroganza simile che Adolf Hitler lanciò l’Operazione Barbarossa contro l’Unione Sovietica nel 1941. Ottanta anni dopo,  gli israeliani informano i funzionari degli Stati Uniti “che possono mettere in atto una ‘guerra lampo’” in Libano.

Nel 1967, l’impatto psicologico sugli Stati arabi vicini fu profondo a causa della sconfitta decisiva dei loro eserciti. Questo sentimento è rimasto fino al 2006, quando Hezbollah in Libano era emerso politicamente vittorioso, mandando in frantumi la percezione dell’invulnerabilità israeliana e alterando le dinamiche di potere regionali.

A dare ulteriore forma alle illusioni israeliane di superiorità militare è la retorica etnonazionalista prevalente nei circoli decisionali politici di Tel Aviv, incarnata da ministri estremisti come Betzalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir, che hanno fatto rivivere le ideologie di Meir Kahane, un tempo bandito. Mentre alcune voci militari sobrie in Israele sostengono una soluzione diplomatica alla crisi del confine settentrionale, l’arroganza e l’etnonazionalismo dominano attualmente il discorso.

Imperativi strategici per Hezbollah e l’Iran

Al contrario, per Hezbollah e l’Iran, questo conflitto è una “guerra di necessità”, che nessuno dei due può ammettere pubblicamente né provocare direttamente. Entrambi sono stati emarginati e sanzionati dagli Stati Uniti per conto di Israele, con pressioni interne e difficoltà economiche incalcolabili – una situazione insostenibile che richiede una sfida diretta alle politiche israeliane.

Ma l’inversione delle sanzioni non può avvenire al tavolo dei negoziati. Gli israeliani sono arroganti e ostinati; non negozieranno in buona fede. Prendiamo, ad esempio, il Piano d’Azione Congiunto Comprensivo (JCPOA) o l’accordo nucleare iraniano. Quando l’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama aveva finalizzato l’accordo, Netanyahu si era lamentato che Israele aveva bisogno di una “compensazione“. Obama aveva offerto a Israele un pacchetto militare, ma, subito dopo aver lasciato l’incarico, Netanyahu, Jared Kushner e l’AIPAC avevano manipolato il “very stable genius“, l’ex presidente Donald Trump. Il JCPOA era stato annullato. Il pacchetto di compensazione, tra l’altro, non è stato restituito ai contribuenti statunitensi.

Iran-Hezbollah deve portare Israele sull’orlo del precipizio. Tel Aviv deve fissare l’abisso e rendersi conto che con una leggera spinta da parte dell’Asse della Resistenza della regione, giacerà maciullato sul fondo del baratro. Iran-Hezbollah, tuttavia, non può spingerla oltre l’orlo del baratro, perché questo potrebbe portare ad un incubo nucleare. Oggi, nella sua “guerra di scelta”, Israele ha già accennato all’uso di armi “senza precedenti” e “non specificate” contro Hezbollah, implicando una possibile minaccia nucleare.

L’Asse deve invece mostrare a Israele un percorso di ritorno dal baratro: un trattato che risolva le questioni in sospeso. Teheran aveva offerto a Tel Aviv e Washington un “Grand Bargain” nel 2003, ma era stato rifiutato. Un nuovo grande accordo è indispensabile per Israele e l’Asse della Resistenza, ma la conditio sine qua non per un trattato duraturo è la sconfitta militare di Israele da parte dell’Asse.

Le minacce e le contro-minacce si moltiplicano, ognuna con l’obiettivo di ottenere una ‘leva’ e una deterrenza.

All’inizio di questo mese, il consigliere iraniano per gli affari esteri dell’Ayatollah Ali Khamenei, Kamal Kharrazi, ha dichiarato che, se Israele dovesse lanciare un’offensiva totale contro Hezbollah, la Repubblica Islamica e le altre fazioni dell’Asse della Resistenza sosterrebbero il Libano con “tutti i mezzi” necessari.

L’Iran ha avvertito in precedenza che potrebbe essere costretto a rivedere la sua dottrina nucleare in risposta all’aggressione israeliana. Si sospetta che l’Iran possa aver già superato la soglia nucleare. Anche senza capacità nucleari, l’Iran dispone di missili balistici e di testate in grado di distruggere Tel Aviv, Haifa e altre grandi città. Israele è un “Paese con una sola bomba”: è minuscolo e la sua popolazione è concentrata in pochi centri. L’Iran e l’Asse non hanno bisogno di testate nucleari multiple.

Come ha spiegato il Generale Hajizadah in un discorso, il missile Khorramshahr può contenere 80 testate esplosive. Se l’IRGC lanciasse 100 missili, sarebbero 8.000 testate sulle principali città israeliane. Israele sarebbe sciocco a fidarsi del suo sistema integrato di difesa aerea dopo il successo degli attacchi dell’IRGC del 13 aprile.

Il 2024 non è il 2006

Il paragone tra il potenziale conflitto del 2024 e la guerra Israele-Hezbollah del 2006 è un quadro di riferimento popolare, ma entrambe le parti, da allora, hanno imparato la lezione. In particolare, negli ultimi 18 anni ci sono stati progressi significativi nella tecnologia e nelle tattiche militari.

Hezbollah ha sviluppato nuove tattiche e armi, come il missile guidato anticarro (ATGM) Almas, che si è dimostrato efficace contro i mezzi militari israeliani. Inoltre, le capacità di difesa aerea di Hezbollah hanno posto nuove sfide alle offensive dei droni israeliani.

L’aviazione israeliana dominava i cieli nel 2006, ma non è chiaro se potrà farlo nel 2024. Hezbollah ha capacità di difesa aerea (come il missile terra-aria a medio raggio Sayyad-2). Non è noto se disponga di modelli più recenti, come il Khordad-3 iraniano. Questa potrebbe essere una sorpresa.

Le valutazioni dell’intelligence israeliana sulle capacità di Hezbollah sono probabilmente imprecise. I successi ottenuti in passato contro gruppi come l’OLP e Settembre Nero non sono più attuali. I recenti fallimenti, come l’incapacità di Tel Aviv di prevedere l’operazione Al-Aqsa Flood di Hamas il 7 ottobre, sottolineano i limiti dell’intelligence israeliana.

Il coinvolgimento degli Stati Uniti

Questo è stato l’obiettivo di Israele dall’11 settembre: far combattere agli americani le guerre di Israele. Sebbene il presidente dello Stato Maggiore congiunto Charles Brown abbia dichiarato che gli Stati Uniti potrebbero non essere in grado di assistere Israele, questo non deve essere considerato come una seria valutazione militare. Si tratta di una dichiarazione politica a nome dell’Amministrazione Biden, che non vuole partecipare a una guerra importante fino a dopo le elezioni del 5 novembre. Netanyahu, tuttavia, sa che Israele controlla il Congresso e i media americani. Il deputato Thomas Massie, che l’AIPAC non ha comprato, è l’eccezione, tra i 435 rappresentanti e i 100 senatori. Una volta iniziata la guerra, i tirapiedi di Israele alla Casa Bianca, nei media e al Congresso faranno campagna per la partecipazione militare degli Stati Uniti. Come ha detto Netanyahu, “So cos’è l’America. L’America è una cosa che si può spostare molto facilmente; spostarla nella giusta direzione”. Ha ragione.

Se gli Stati Uniti interverranno – un evento ad alta probabilità – Hezbollah e l’Iran li accoglieranno (con riluttanza). Affinché l’Asse possa assicurarsi un “Grand Bargain”, deve infliggere danni catastrofici alle risorse terrestri e marittime degli Stati Uniti in Asia occidentale. Washington abbandonerà Israele solo se navi, basi e centinaia (o migliaia) di vite americane saranno distrutte a causa di Israele.

La Russia

La Russia è un jolly, una “incognita conosciuta”. L’apparato di sicurezza degli Stati Uniti, che combatte contro la Russia e sostiene Israele, è composto per la maggior parte da sionisti/neo-conservatori. I nemici dell’Iran e i nemici di Israele sono sempre gli stessi: Victoria Kagan nata Nuland; la famiglia Kagan (Robert, Fred, Kim, la loro ISW); Antony Blinken (nipote di un fondatore di Israele); Avril Haines (Direttore della National Intelligence); il vice direttore della CIA David Cohen, Alejandro Mayorkas (Segretario del DHS) e altri ancora. È opportuno che la Russia punisca i suoi aguzzini danneggiando l’unico Paese a cui sono fedeli: Israele.

Mosca si è irritata per il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina. Elena Panina, direttrice dell’Istituto di Strategie Politiche ed Economiche Internazionali, aveva scritto sul suo canale Telegram nel dicembre 2023: “L’opzione migliore per la Russia è rispondere all’America in modo simile: con una guerra ibrida lontano dai propri confini. La più ovvia al momento è un attacco per procura alle forze americane in Medio Oriente”. Nel maggio 2024, Putin ha detto la stessa cosa. Gli attacchi terroristici a Belgorod e a Sebastopoli durante una festività religiosa possono far pendere la bilancia a favore dell’Iran, soprattutto se gli Stati Uniti si gettano nella mischia. Sconfiggere gli Stati Uniti aumenterà il sostegno popolare per la Russia tra i Musulmani di tutto il mondo e aiuterà ad espellere gli Stati Uniti dall’Asia occidentale – un obiettivo sostenuto da Russia e Cina. L’Iran è “troppo grande per fallire”: Mosca ha fatto investimenti e alleanze militari ed economiche con Teheran, soprattutto dopo l’inizio della guerra in Ucraina, e sta per firmare un nuovo accordo di cooperazione globale con Teheran. Il Cremlino non può permettere che l’Iran venga sconfitto e che la Repubblica crolli. Molto probabilmente fornirà supporto di intelligence, sorveglianza e ricognizione attraverso i satelliti e gli aerei russi in Siria. La Russia permette all’IRGC di utilizzare la sua base aerea di Humaymim/Khmeimim in Siria, perché l’IDF cerca di impedire che i rifornimenti dall’Iran arrivino agli aeroporti di Aleppo e Damasco. La Russia potrebbe (se non lo ha già fatto, visto il recente traffico aereo tra la Russia e la base aerea) consegnare batterie di difesa aerea, missili e altro per l’Esercito siriano e Hezbollah.

Incognite sconosciute

I fattori sopra descritti, insieme agli investimenti e alle relazioni della Cina e della Corea del Nord con l’Iran, complicano qualsiasi previsione sull’incombente guerra tra Israele e la resistenza libanese. Anche se la loro partecipazione militare diretta è improbabile, queste potenze nucleari potrebbero fornire all’Iran armi e munizioni essenziali. Le “incognite conosciute”, alcune delle quali sono state menzionate, sono sufficienti a complicare il gioco di guerra, ma le “incognite sconosciute” possono rendere vani tali scenari.

Di Shivan Mahendrarajah, thecradle.co

05.07.2024

Shivan Mahendrarajah è un Membro della Royal Historical Society. Ha studiato alla Columbia University e ha conseguito il dottorato in Storia del Medio Oriente e dell’Islam presso l’Università di Cambridge. Shivan è autore di articoli di storia con revisione paritaria sull’Islam, l’Iran e l’Afghanistan; sulla contro-insurrezione; su al-Qaʿida e sui movimenti talebani dell’Afghanistan e del Pakistan.

Fonte: https://thecradle.co/articles/israel-vs-hezbollah-a-bigger-war-game

Tradotto dalla Redazione di ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
14 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
14
0
È il momento di condividere le tue opinionix