Home / ComeDonChisciotte / IMU: LA TASSA CHE “COSTRINGE” AL SISTEMA

IMU: LA TASSA CHE “COSTRINGE” AL SISTEMA

DI DEBORA BILLI
crisis.blogosfere.it

Qualcuno segnala una breve riflessione di Nicola Porro sul Giornale, riguardante l’IMU sulla prima casa. Se avete orrore a cliccare, eccone l’estratto più significativo:

Si paga per il solo fatto di avere in proprietà una casa. Un migliaio di euro l’anno per un immobile che sulla carta vale meno di 300mila euro è roba forte. È come se lo Stato ci dicesse: o continuate a produrre reddito per pagare le tasse sulla casa oppure prima o poi la dovete vendere.

Se ci pensate, qualunque tassa è legata a quel che si guadagna, o a quel che si acquista. Le imposte sono quindi strettamente correlate al nostro inserimento nel sistema economico: si lavora, si spende, si partecipa insomma. E in un certo senso, più partecipi a tutto il balletto più paghi.

In un momento di crisi, molti restano senza lavoro. Molti altri, per obbligo o per scelta, optano per uno stile di vita frugale. Nell’ipotesi più estrema, tutt’altro che fantascienza visto quel che succede in Grecia e persino in Giappone, si finisce totalmente fuori dal sistema economico: niente servizi, niente energia, cibo autoprodotto o dalle mense pubbliche, scambio, baratto o riciclaggio di beni con altre persone nelle medesime condizioni. Si vive comunque, così, si tira avanti.

Ma la tassa sulla prima casa lo impedisce: dovete comunque mettere insieme quei mille euro l’anno in più, altrimenti finite senzatetto. Siete quindi costretti a trovare un lavoro qualsiasi, sicuramente sfruttato, al nero, pagato una miseria, per restare almeno proprietari di casa vostra.

Un paradosso? A qualcuno sembrerà che chi ha una casa è già “fortunato” o “ricco” di suo. Beh, è esattamente quel che pensa il governo: se avete una casa siete ricchi, quindi cacciate il quattrino.

Peccato che questa sia una limitazione alla libertà. Se uno, restando disoccupato, decidesse di scaldarsi a legna, vivere di orto, scambiare oggetti o abiti con altri, non potrebbe farlo: dovrebbe comunque trovarsi un padrone per continuare ad possedere la sua casa. Dovrebbe restare nel sistema economico, continuare a disperarsi ed a pregare, continuare a piegare la schiena, insomma tutta la trafila prevista per il disoccupato durante la crisi. Questa tassa, in un Paese dove l’80% dei cittadini è proprietario di casa, sembra fatta apposta per mantenerti nel tritacarne anche qualora decidessi di mandare tutto al diavolo e renderti autosufficiente.

Non credo siano così astuti, proprio no, però il dubbio un po’ viene.

Debora Billi
Fonte: http://crisis.blogosfere.it
Link: http://crisis.blogosfere.it/2012/03/imu-la-tassa-che-costringe-al-sistema.html
9.03.2012

Pubblicato da Davide

  • AlbertoConti

    Ma il Popolo non è sovrano? E allora perchè non rifiuta di pagare questa tassa non votata da nessuno? Dobbiamo scendere in piazza con gli striscioni “Scacciateci tutti da casa nostra (se ne siete capaci)”. Cosa farebbe equitalia, manda i buldozer come fanno gli israeliani coi palestinesi?

  • Onilut

    Avete scoperto l’acqua calda

  • nuvolenelcielo

    Il popolo è sovrano, ma nella sua sovranità opta per la schiavitù. Le tasse alla fine sono amate, basta che le paghino tutti. Le tasse sono vendute come bene comune, pagamento per i servizi e/o ridistribuzione della ricchezza, e il popolo ci casca. Io ho sempre sentito gente che si lamenta dell’ingiustizia sociale, nel senso che tutti devono soffrire in ugual misura delle tasse. Quando tutti soffrono nella maniera giusta, allora il popolo è soddisfatto. E’ lo statalismo eterno.

  • Grandebaba

    Ogni volta che sento Porro mi viene male: spreca la sua intelligenza per dire idiozie in modo brillante.
    A parte il fatto che vorrei proprio vedere quale sarà l’accatone da mensa sociale che dovrà pagare una IMU da 1000 euro..
    se la libertà che teorizza Porro è quella di vivere senza servizi, niente energia, cibo autoprodotto o dalle mense pubbliche, scambio, baratto o riciclaggio di beni con altre persone nelle medesime condizioni.. allora sarà bene che pensi alla grotta come habitat naturale del suo vivere libero..
    se decidesse di scaldarsi a legna (DI CHI?), vivere di orto (COLTIVATO CON CHE ATTREZZI E QUALI SEMENTI?), scambiare oggetti o abiti con altri (MA I SUOI, DA SCAMBIARE, DOVE LI PRENDE?), non potrebbe farlo: dovrebbe comunque trovarsi un padrone per continuare ad possedere la sua casa..
    MA FAMMI IL PIACERE VA!! che è una delle poche tasse giuste (pseudo patrimoniale) che è stato sensato ripristinare anche se a Porro gli rode perchè il suo di padrone (quello che gli paga la casa) l’aveva eliminata…

  • backtime

    E basta con questo vittimismo dei padroni di casa!

    Che dovrebbe dire allora chi vive in affitto, dove i 1000 euro (quando bastano) sono mensili?

  • eresiarca

    Ma cosa volete che faccia “il popolo”? Non ha mai fatto nulla, di sua spontanea volontà. La massa segue sempre qualcuno percepito come “guida”. Il dramma è che non ci sono guide, appunto, che il popolo sente come degne d’essere seguite: se ne arriva una, allora vi è anche la speranza di veder rifiutare simili ingiustizie. Ma fintanto che dei pincopallini qualsiasi dicono “non bisogna pagare l’Imu” su qualche blog, state certi che tutti pagheranno e zitti. E poi vi è il secondo fattore: ancora c’è qualcosa da rosicare, c’è l’illusione che “l’economia si riprenderà”… Ecco, bisogna arrivare anche al fondo del barile e alla fine delle illusioni, e a quel punto anche un “profeta guerriero” verrà seguito.

  • AlbertoConti

    Qui non si tratta di fare un discorso generico antisistema, ma di contestualizzare il fatto singolo in un momento particolare. La disobbedienza civile è tale se ben motivata. Quando si passa il limite è ben motivata. E infatti berlusconi e lega in questo caso sono latitanti. Prima o poi il limite verrà comunque superato. Nelle isole è già stato superato.

  • AlbertoConti

    A volte anche i pincopallini nel loro piccolo s’incazzano, come le formiche. Islanda docet, per piccola che sia.

  • AlbertoConti

    Ogni tassa è giusta se rispetta la costituzione: ognuno deve contribuire in funzione delle proprie capacità reddituali. I patrimoni fanno reddito da certi valori in su. Se un pezzente ha solo la casetta in cui abita, che comunque gli costa, non può essere equiparato a un possessore di patrimoni rilevanti. Il qualunquismo fa solo il gioco del potere finanziario.

  • patrocloo

    …pseudo patrimoniale…vabbè. Per fare una trollata potevi inventarti di meglio.

  • Kazonga

    Forse, ma l’acqua calda è importante. A volte si può confondere la semplicità con la banalità, ma sono due concetti profondamente diversi.

    L’IMU, o ICI che dir si voglia, è una tassa profondamente ingiusta, perchè non legata ad un reddito prodotto.

    Se ho un patrimonio, sarò tassato per il reddito che mi dà. Se possiedo una casa e l’affitto ad altri, pagherò le tasse sui soldi che mi versa l’inquilino. Ma se non l’affitto? Non solo la casa non produce reddito ma, al contrario, è una notevole fonte di uscite (manutenzione, condominio).

    Comunque l’IMU comporterà immediatamente un aumento degli affitti, e quindi questa tassa peserà ancora una volta sui non proprietari, tanto per aggiungere ingiustizia ad ingiustizia.

  • patrocloo

    Dovrebbe dire che con l’imu i suoi 1000 schifi è facile che diventeranno 1500.

  • bysantium

    Evviva la lotta fra poveri! Saluti.

  • Giancarlo54

    Beh Alberto, votata da nessuno? Votata dal parlamento, mi pare.

  • castigo

    Grandebaba:

    Ogni volta che sento Porro mi viene male: spreca la sua intelligenza per dire idiozie in modo brillante.

    può darsi, come può darsi che qualcuno lo pensi di te….. anche se non credo perché se sul brillante ti lascio il beneficio del dubbio ho la relativa certezza che non ci sia intelligenza sul tuo pianeta 😉

    A parte il fatto che vorrei proprio vedere quale sarà l’accatone da mensa sociale che dovrà pagare una IMU da 1000 euro..

    un ex dirigente, tanto per fare un esempio, come ce ne sono tanti in circolazione oggi, che nei tempi d’oro si è comprato l’attico ed oggi, senza lavoro, non può pagare l’imu.

    se la libertà che teorizza Porro è quella di vivere senza servizi, niente energia, cibo autoprodotto o dalle mense pubbliche, scambio, baratto o riciclaggio di beni con altre persone nelle medesime condizioni.. allora sarà bene che pensi alla grotta come habitat naturale del suo vivere libero..

    in grecia sono in molti ad esserci arrivati, e senza nemmeno vivere in una grotta…..

    se decidesse di scaldarsi a legna (DI CHI?),

    ci sono tantissimi boschi senza manutenzione che puoi ripulire ed usare la legna che ne ricavi per scaldarti, puoi perfino aiutare chi il bosco ce l’ha e farti pagare in legna da ardere.

    vivere di orto (COLTIVATO CON CHE ATTREZZI E QUALI SEMENTI?),

    non ci vuole un trattore, basta una zappa, quanto alle sementi esistono da sempre gli scambi tra coltivatori, e se anche non hai nulla da scambiare dei semi te li danno lo stesso, e per quel che riguarda il terreno pensa che la legge prevede che le terre incolte possano essere assegnate a chi le vuole coltivare

    scambiare oggetti o abiti con altri (MA I SUOI, DA SCAMBIARE, DOVE LI PRENDE?),

    da quelli che ha, può scambiare qualcosa che non gli serve con qualcos’altro che invece gli serve.
    per esempio nell’ex unione sovietica questi scambi erano la norma, sia durante che dopo l’era “comunista”….

    non potrebbe farlo: dovrebbe comunque trovarsi un padrone per continuare ad possedere la sua casa.. MA FAMMI IL PIACERE VA!!

    certo, perché purtroppo lo stato vuole i tuoi soldi, altrimenti come fa a mantenere a troie e coca i suoi “servitori”??

    che è una delle poche tasse giuste (pseudo patrimoniale) che è stato sensato ripristinare

    grande str….. hemmmm…. sciocchezza, perché tassare qualcosa che non produce reddito è drenare risorse che potrebbero essere diversamente utilizzate per la famosa “crescita” che questo governo di mentecatti tanto strombazza.
    in più sulla casa hai già abbondantemente pagato ricche tasse e balzelli assortiti al momento dell’acquisto, effettuato per di più con soldi sui quali hai già pagato altre ricche tasse e balzelli assortiti…..

    anche se a Porro gli rode perchè il suo di padrone (quello che gli paga la casa) l’aveva eliminata…

    che è anche una delle pochissime cose sensate che il nano abbia mai fatto…. anche se la stava reintroducendo con la scusa del federalismo 😉

  • castigo

    backtime:

    E basta con questo vittimismo dei padroni di casa!

    certo, siamo tutti padroni di patrimoni immobiliari sterminati 😀

    Che dovrebbe dire allora chi vive in affitto, dove i 1000 euro (quando bastano) sono mensili?

    perché, tu la prima casa la dai in affitto a 1000€ mensili???
    sticazzi!!!
    mi spieghi come fai che lo faccio pure io???
    perché sai, a me la prima casa costa e basta, tra amministrazione del condominio, spese di manutenzione ed extra assortiti, aggiunta questa tassa del cazzo quasi quasi la vendo e torno in affitto, mi sa che risparmio…..

  • nuovaera89

    Il popolo è sovrano quando decide di esserlo, e in questo caso decide di non esserlo! diciamo che accetta la schiavitù, si qualche vocina di lamento e normale che ci sia, ma poi tutti obbediranno agli ordini, signor si signore!
    Trovo ingiusto rinserire una tassa di questo genere su un valore di mia proprietà, a me Porro onestamente come tutto il giornale non piace, però in questo caso non posso non essere d’accordo con lui. I vecchi tempi sono finiti, rinserire 1000 euro all’anno in piu a famiglia in questo periodo è un omicidio, non credo che gli italiani si rivolteranno siccome basta una partita di champions o una finale di coppa per far tornare a loro il sorriso, però la speranza è ultima a morire, dicono….

  • hotwildweb

    Credo che l’effetto sia invece contrario, non un innalzamento degli
    affitti ma semmai una riduzione, e questo è già palpabile in molte città, per il
    fatto che fino a ieri potevi fregartene di affittare tanto non pagavi “nulla”,
    oggi, o affitti e devi anche essere appetibile, non dico ospitare gratis, ma
    essere congrui nella richiesta con il momento economico, oppure nisba, nulla e
    la casa te la paghi vita natural durante, in sostanza il proprietario che paga
    da se l’affitto (IMU) della sua sudata casa!

    A questo aggiungi una super contrazione nelle nuove abitazioni, e chi ha
    fatto “investimenti” nel mattone sperando che lo studente gli paghi il mutuo
    così da farsi un capitale gratis, bhe per costoro sarà molto dura, gli studenti
    sono sempre meno e molti abbandonano o studiano vicino casa, quindi ci sarà
    un’altra super offerta di affitti a buon mercato che alimenteranno la spirale
    ribassista, altro che aumento degli affitti, se non s’è capito la “cinesizzazione”
    dell’itaglia non è solo quella dei salari … meditiamo guardando la Grecia che
    presto sarà il nostro deja vù.

  • backtime

    ma dove vivi?

    a Roma con 1000 euro vai a vivere in un monolocale e le spese per il condominio sono a tuo carico, comprese le bollette.

    semmai dimmi tu cosa vai blaterando!

  • Highlangher

    Mi da un po’ fastidio dare ragione a uno che scrive su una schifezza di giornale del genere, con in padrone piduista che di tasse ne ha evase miliardi, ma in pratica sono d’accordo che queste tasse siano inique.. Questi ladri di banchieri vogliono far pagare anche l’aria che respiri, maledetti schifosi. I servizi li pago a parte, la mia casa non la tocchi, capito monti o chi per te? Ho lavorato, pagato tutto, e me la sono guadagnata, punto e basta. Tanto son già emigrato, stavolta mi vendo pure quei quattro mattoni e poi questa baracca di paese per me può pure affondare. da banchieri che rubavano sui conti dei morti e che finanziano le guerre, cosa vi volete aspettare? O vi riprendete la sovranità monetaria o questi vi mangiano anche la dispensa. Saluti povera ex ricca Italia.

  • TaOist

    non dovrebbe dire niente . dovrebbe fare , come hanno fatto tanti prima di lui . Cercare una casa meno costosa , risparmiare , farsi un mutuo ( come ultima opzione ) , sperare che tutto vada bene e diventare anche lui un “grasso” padrone di casa ………

  • maristaurru

    A Me sembra che Mortimer / Monti a proposito della IMU per la Chiesa è stato chiaro nella intenzione di non estenderla agli edifici che non servono per attività che producono reddito. Da qui a Giugno c’è tempo e modo di opporsi e non solo sui blog, ed a proposito, il sindacato nel suo immenso impero palazzinaro.. paga ICI o la paga dimezzata come onlus? E nelle sedi caf che danno reddito.. paga l’ici? Potrebbero cambiare idea se dovranno pagarla anche loro, per ora amano le patrimoniali specie sui poveracci , ma potrebbero ricredersi e salatare il fosso, passando per una volta davvero dalla parte degli italiani tutti e non del potere

  • RicBo

    Ma quali 1000 euro? Se si parla di famiglie della classe media con una sola proprietà (il 90% della base imponibile), non si arriva a 200 euro all’anno di IMU. La realtà e che a Porro alla Billi e a molti commentatori di CDC, che a quanto pare sono seguaci della scuola austriaca di Hayek, dà fastidio lo stesso principio su cui si basano le imposte, che è quello della redistribuzione della ricchezza. Che poi questa redistribuzione attualmente sia per lo più nulla e squilibrata non ne invalida il principio fondante.

  • Andy86

    Siamo sicuri che l’IMU sia un’imposta che, nel suo presupposto, sia ingiusta? Come leggo nei commenti sopra una tassa è giusta se rispetta il principio di capacità contributiva. Il presupposto dell’IMU (che giustamente è definita come imposta e non come tassa) è quello della fiscalità generale. In sostanza se vogliamo uno Stato che organizzi la nostra vita è necessario pagare le tasse, in modo da finanziare l’attività dello stesso Stato, e le tre cose che che si possono tassare sono appunto patrimonio, reddito e consumi.

    Basta con queste tiritere ideologiche: il problema non è la tassa in sé, ma il come questa incida sulla distribuzione del reddito nel paese. La fiscalità dovrebbe anche rispondere al principio di solidarietà per cui, volendo riassumere, chi più ha più deve pagare.

    Tutto questo in teoria, ovviamente.

    Creiamo delle regole che nessuno poi rispetta, il problema risiede qui, non nelle tasse. Vogliamo la botte piena e la moglie ubriaca? Vogliamo che lo Stato ci fornisca servizi senza pagare nulla?

    Non so dicendo che dobbiamo pagare, obbedire e stare zitti, anzi bisogna parlarne e farci sentire, e mettere il paese a ferro e fuoco se mai dovesse essere necessario, ma non è questo il punto… il punto è che il problema non risiede nello strumento (l’imposta/tassa), ma nel fatto che abbiamo uno Stato mal gestito, con sprechi e interessi personali che precedono tutto il resto, con gli obiettivi di giustizia ed equità sociale che se ne vanno a puttane, tanto per usare un francesismo. Serve una nuova cultura di onestà e di altruismo, di solidarietà, in Italia ci mettiamo davvero poco a ignorare quelli che stanno peggio di noi…

  • sandrez

    lo spero…anche se ho paura del contrario.

    in alcuni luoghi potrà essere che si abbassino (es. penso la bassa veronese dove c’è “brughiera” per km prima di trovare la “civiltà”) ma in altri dove la domanda rimane sempre alta (centri abitati più o meno vicini a paesi più importanti) e dove nessuno potrà più accedere ad un mutuo per comprare la casa, si sarà costretti a ricorrere all’affitto…e se sale la domanda, sale l’affitto…vedremo…

  • patrocloo

    200 euri? Il sottoscritto per la sua (modesta) casa di proprietà nella periferia di una grande città ne pagava 600. Se, come dicono, con l’imu del compagno monti si triplicherà fatti un po’ tu due conti.
    Quindi, in definitiva, prima di sparare stupidaggini, informati.
    E lascia perdere la scuola austriaca di Hayek; l’unica scuola che fa per te è quella elementare, così ti ripassi le basi di aritmetica!

  • luigidifrancesco

    Un momento, forse e meglio ripartire dall inizio…
    Tanto tempo fa un uomo che vagava per la savana in cerca di bacche commestibili accetto un patto chiamato societa che comportava alcuni vantaggi e alcuni svantaggi,patto in cui si impegno anche a nome dei propri discendenti.
    Uno degli svantaggi oggi si chiama tassazione e se vogliamo affrancarcene dobbiamo farlo integralmente, dobbiamo cioe rinunciare ai benefici connessi.
    Il tizio che decide di vivere solo con cio che produce lui stesso, sara pure nato in una sala parto attrezzata e con personale specializzato,paghera tutto cio?
    E quando va dal vicino per scambiare le sue merci,usera una strada costruita con i proventi delle tasse o trascina le merci attraverso il bosco?
    E non esiste una tassa giusta ed una ingiusta, semplicemente si ( dovrebbe) decidere insieme dove prelevare il necessario. O no?

  • castigo

    sai leggere, sì??
    capisci la lingua italiana, sì??
    allora rileggiti BENE quel che go scritto, furbacchione…..

  • RicBo

    non metto in dubbio quello che dici, che dimostra una volta di più che il problema è l’equità della tassazione, non la sua legittimità

  • castigo

    luigidifrancesco:

    Un momento, forse e meglio ripartire dall inizio… Tanto tempo fa un uomo che vagava per la savana in cerca di bacche commestibili accetto un patto chiamato societa che comportava alcuni vantaggi e alcuni svantaggi,patto in cui si impegno anche a nome dei propri discendenti.

    la favola di russeau lasciala ai bambini, la realtà è molto diversa…

    Uno degli svantaggi oggi si chiama tassazione e se vogliamo affrancarcene dobbiamo farlo integralmente, dobbiamo cioe rinunciare ai benefici connessi.

    se me ne fai vedere qualcuno…..

    Il tizio che decide di vivere solo con cio che produce lui stesso, sara pure nato in una sala parto attrezzata e con personale specializzato,paghera tutto cio? E quando va dal vicino per scambiare le sue merci,usera una strada costruita con i proventi delle tasse o trascina le merci attraverso il bosco?

    vedi figliuolo, il fatto è che già PAGO ricche tasse e balzelli assortiti per avere questi servizi, ed il fatto che siano scadenti e che mi facciano pure pagare somme aggiuntive mi fa alterare un pochetto.
    se invece di razziare la mia busta paga fin dall’inizio i soldi me li lasciassero TUTTI in tasca, sarei ben felice di pagarmi i servizi dei quali usufruisco.

    E non esiste una tassa giusta ed una ingiusta, semplicemente si ( dovrebbe) decidere insieme dove prelevare il necessario. O no?

    a quanto pare questo è sfuggito ai legislatori, che prelevano solamente dalle tasche dei soliti noti…..

  • Grandebaba

    Castigo, nomen omen, davvero non ci sei. Pensi male e scrivi peggio. Hai stancato: non e’ che devi per forza dire la tua sempre.. ogni tanto puoi risparmiarci? Grazie. Sei il solito arrogante presuntuoso convinto di sapere tutto e che, probabilmente guarda un po’, la vita lo ha gia’ preso a schiaffi rendendolo ancora piu’ rancoroso.. Se sei quello che sei guardati in casa e non pensare che tutti ce l’abbiano con te e ti abbiano privato del diritto di essere il migliore..amen

  • hotwildweb

    Non vedo come la domanda di affitto possa aumentare, allora, studenti
    nelle maggiori città in sensibile calo, “bomboccioni” che ritornano in famiglia
    dato che si spende meno … parco immobiliare del nuovo invenduto e/o molte
    seconde case che non conviene tenere chiuse quindi andranno ad incrementare
    l’offerta affitto, mettiamoci la ciliegina del salari in discesa libera ed è
    fatta, credi, impossibile nelle condizioni attuali e future prossime delle
    impennate negli affitti, semmai sarà vero il contrario, abbi fede 😉

    A questo tieni presente che il mercato immobiliare italiota è sovrastimato
    con percentuali che vanno dal 30 al 50% secondo aree, è tenuto in piedi solo dal
    sistema “bacofinanziario” in quanto i furboni bankieri tengono nei bilanci tali
    “capitali” e se perdono di valore le banche sono nella cacca, ma è solo
    questione di tempo, sarà la bolla immobiliare italiota, dato che importiamo
    tutto dagli USA non potevamo farci mancare il nostrano “subprime”.

  • nuovaera89

    ma perchè devono pagare sempre gli stessi scusa????

  • luigidifrancesco

    Non e che devono, sempre gli stessi sono troppo coglioni per ribellarsi e al massimo sbraitano su qualche forum (vedi sopra)

  • castigo

    Grandebaba:

    Castigo, nomen omen, davvero non ci sei. Pensi male e scrivi peggio.

    tu invece pensi bene e scrivi meglio, sì??

    Hai stancato: non e’ che devi per forza dire la tua sempre.. ogni tanto puoi risparmiarci? Grazie.

    mi spiace averti stancato, povero cocchino, evidentemente gli argomenti complessi ti stressano.
    ma non credo che qualcuno ti punti una pistola alla tempia costringendoti a leggere (e commentare) quel che scrivo.
    puoi anche saltare.
    quanto a me continuerò a scrivere liberamente quando e quanto più mi aggrada, fin’ora sono libero di farlo, un domani chissà, grazie anche a furbacchioni come te probabilmente non potrò più….

    Sei il solito arrogante presuntuoso convinto di sapere tutto e che, probabilmente guarda un po’, la vita lo ha gia’ preso a schiaffi rendendolo ancora piu’ rancoroso.. Se sei quello che sei guardati in casa e non pensare che tutti ce l’abbiano con te e ti abbiano privato del diritto di essere il migliore..amen

    perché invece di andare sul personale, lampante dimostrazione di inconsistenza nei pensieri e nelle argomentazioni, non replichi alla mia poco sopra??
    ah, scusa, che sciocco, se avessi avuto argomenti da contrapporre lo avresti fatto, invece di addentrarti in una canea rancorosa di questo genere…..

  • castigo

    mentre tu, invece……. 😉

  • luigidifrancesco

    Devo dire che io il mio atomo di ribellione lo ho prodotto, da giovane e meno giovane. Ma si,mi ci metto anche io nella categoria dei coglioni. E gia qualcosa la consapevolezza

  • sandrez

    mi fido e confido dato che tra un po’ dovrò muovermi :)…non vorrei però che capiti come per i gestori telefonici, uno abbassa i prezzi e si va da quello, poi controfferta e si rimane con l’altro…secondo quanto hai detto troveremo affitti bassi ma magari non tutti saranno bassi, per cui ci sarà da muoversi a cercare l’affitto migliore?! diventeremo la nuova popolazione nomade, da una palazzina all’altra, in cerca di prezzi vantaggiosi?! 😀

  • hotwildweb

    Nomadi sì, ma non per via dell’affitto più abbordabile, ma per via del lavoro sottopagato migliore 😉

  • medicialberto

    Esatto. Non è un azzardo. Le tasse servono a rendere obbligatoria la moneta di stato, che è l’unica che lo stato accetta. Fiat Currency, appunto.

    on qualche aggravante …http://www.ingannati.it/2012/02/25/a-cosa-servono-le-tasse-2/

  • ral

    Chi pensa che sia giusta l’IMU è un pazzo o semplicemente un superficiale.

    Quanti hanno preso casa qualche anno fa con mutui decenti uscendo dall’oblio dell’affitto e adesso come me hanno 30 anni davanti….

    Chi è il proprietario di casa ? La banca amico mio..non io ..io ce l’ho intestata ma non ne sono proprietario lo sarò quando avrò estinto il mio debito con la banca, sino ad allora, correndo il rischio di vedersi la casa requisita, la casa non è mia…PERTANTO SI TRATTA DI UNA FALSA TASSA DI PROPRIETA’ O MEGLIO RIVOLTA AI SOGGETTI SBAGLIATI VISTO CHE IL 60% DEI PROPRIETARI DI APPARTAMENTO E’ SOTTO MUTUO…PERTANTO E’ SOLO UN DEBITORE VERSO LA BANCA.

    PROPONGO DI FAR VERSARE L’IMU ALLA BANCA…IO LA VERSERO’ TRA 30 ANNI SE CI ARRIVO …QUANDO AVRO’ ESTINTI IL MUTUO E POTRO’ DIRE CHE LA CASA E’ FINALMENTE MIA.