A worker wearing a protective suit sprays disinfectant as a precaution against the coronavirus at a bus garage in Seoul, South Korea, Wednesday, Feb. 26, 2020. The number of new virus infections in South Korea jumped again Wednesday and the U.S. military reported its first case among its soldiers based in the Asian country, with his case and many others connected to a southeastern city with an illness cluster. (AP Photo/Ahn Young-joon)

Il coronavirus è una pandemia? Qualcuno a Wall Street non vuole sentire quella parola

Un bond creato dalla banca mondiale nel 2017 porterebbe un certo numero di investitori perdere i propri soldi in caso le istituzioni utilizzassero la parola pandemia per descrivere ciò che sta accadendo con il corona virus. 

Sebbene ci siano le condizioni tecniche per farlo, ciò non è ancora accaduto. Ancor prima di ipotizzare manovre di corruzioni sottobanco per evitare di perdere il bottino, è già una notizia sapere che le istituzioni finanziarie ricerchino le risorse per gestire future crisi globali come farebbe un allibratore da strada: chi scommette che per i prossimi tre anni non ci saranno pandemie globali? tassi vantaggiosi!

Gli investitori (o più semplicemente gli scommettitori) vorrebbero resistere fino a luglio 2020 prima di sentire dire la temuta parola, per poter rimettere le mani sui soldi.

 

Whitney Webb

mintpressnews.com

 

Un bond specializzato poco conosciuto, creato nel 2017 dalla Banca Mondiale, potrebbe contenere la risposta sul perché le autorità sanitarie statunitensi e globali abbiano rifiutato di etichettare la diffusione globale del nuovo coronavirus come “pandemia”. Tali obbligazioni, ora spesso definite “obbligazioni pandemiche”, erano apparentemente destinate a trasferire sui mercati finanziari il rischio di potenziali pandemie nei Paesi a basso reddito.

Tuttavia, alla luce della crescente epidemia di coronavirus, gli investitori che hanno acquistato tali prodotti potrebbero perdere milioni se le autorità sanitarie globali utilizzassero quell’etichetta in relazione all’aumento dei casi di coronavirus a livello globale.

Martedì scorso, i funzionari sanitari federali del Center for Disease Control and Prevention (CDC) hanno annunciato che si stanno preparando per una “potenziale pandemia” del nuovo coronavirus apparso per la prima volta in Cina alla fine dello scorso anno. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che circa 80.000 persone in tutto il mondo hanno contratto la malattia, la maggior parte delle quali in Cina, mentre più di 2.700 sono morte.

Tuttavia, alcuni hanno sostenuto che le preoccupazioni del CDC per una probabile pandemia sono arrivate troppo tardi e che si sarebbe dovuto agire molto prima. Per esempio, all’inizio di febbraio, il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Disease degli Stati Uniti, aveva detto al New York Times che il nuovo coronavirus è “molto, molto trasmissibile, e quasi certamente sarà una pandemia”, mentre l’ex direttore del CDC, il dottor Thomas R. Frieden, aveva fatto eco a quelle preoccupazioni all’epoca, affermando che è “sempre più improbabile che il virus possa essere contenuto”.

Nonostante questi avvertimenti, tra molti altri, il CDC ha aspettato ad annunciare le sue preoccupazioni che il virus potesse diffondersi in tutti gli Stati Uniti. Il loro annuncio di martedì ha irritato i mercati, cancellando 1,7 trilioni di dollari di valore di mercato azionario in soli due giorni. L’avvertimento del CDC ha fatto arrabbiare il presidente Trump, che ha accusato l’agenzia di aver inutilmente spaventato i mercati finanziari.

In particolare, i funzionari dell’OMS hanno adottato un approccio ancora più cauto rispetto al CDC nei loro recenti commenti, affermando che è ancora “troppo presto” per dichiarare l’epidemia di coronavirus una “pandemia” e affermando anche che “è il momento di fare tutto quello che si farebbe per prepararsi a una pandemia”.

Il rifiuto di etichettare l’epidemia come pandemia è strano, poiché si riferisce a un’epidemia o a una malattia che si diffonde attivamente e che colpisce due o più regioni del mondo. In questo momento si descrive la diffusione geografica del nuovo e altamente contagioso coronavirus, che ha portato a significativi cluster di casi lontani dalla Cina, in particolare in Italia e in Iran. Anche i Paesi più vicini alla Cina, come la Corea del Sud, hanno recentemente sperimentato un’esplosione di nuove infezioni da nuovi coronavirus.

E’ possibile che le preoccupazioni per l’uso della parola “pandemia” possano sconvolgere i mercati globali e portare a turbolenze economiche, simili a quanto accaduto al mercato azionario statunitense dopo l’annuncio della CDC di martedì. Sebbene tali preoccupazioni siano valide, ci sono anche prove che una particolare classe di obbligazioni emesse dalla Banca Mondiale che sono strettamente legate alle dichiarazioni ufficiali delle pandemie potrebbe anche essere responsabile di aver allontanato i funzionari dell’OMS e della CDC dall’uso di questo termine, anche se le conseguenze di ciò potrebbero avere un impatto negativo sulla salute pubblica globale.

I bond pandemici: uno “schema come nessun altro”.

Nel giugno 2017, la Banca Mondiale ha annunciato la creazione di “obbligazioni specializzate” (specialized bond)che sarebbero state utilizzate per finanziare il PEF (Pandemic Emergency Financing Facility), precedentemente creato, in caso di pandemia riconosciuta ufficialmente (cioè riconosciuta dall’OMS).

In sostanza, sono stati venduti con la premessa che coloro che hanno investito nelle obbligazioni avrebbero perso il loro denaro in caso di una delle sei pandemie mortali, compreso il coronavirus. Tuttavia, se non si fosse verificata una pandemia prima della scadenza delle obbligazioni il 15 luglio 2020, gli investitori avrebbero ricevuto indietro quello che avevano originariamente pagato per le obbligazioni, oltre ai pagamenti di interessi e premi che ricevono tra la data di acquisto e la data di maturazione dell’obbligazione.

Il PEF, finanziato da queste obbligazioni pandemiche, è stato creato dalla Banca Mondiale “per convogliare un aumento di fondi verso i Paesi in via di sviluppo a rischio di pandemia” e la creazione di queste cosiddette “obbligazioni pandemiche” aveva lo scopo di trasferire il rischio pandemico nei Paesi a basso reddito ai mercati finanziari globali. Secondo un comunicato stampa della Banca Mondiale sul lancio delle obbligazioni, l’OMS sostenne l’iniziativa della Banca Mondiale.

Tuttavia, questi “titoli pandemici” sono molto più di quanto sembri. Per esempio, il PEF ha una “struttura di finanziamento unica nel suo genere [che] combina il finanziamento delle obbligazioni emesse oggi con i derivati over-the-counter che trasferiscono il rischio di pandemia alle controparti dei derivati”. La Banca Mondiale ha affermato che questa struttura è stata utilizzata per “attrarre un insieme più ampio e diversificato di investitori”.

I critici, tuttavia, hanno definito l’inutilmente contorto sistema “saccheggio a livello mondiale” che arricchisce gli intermediari e gli investitori anziché coloro a cui i fondi dovrebbero essere destinati, in questo caso i Paesi a basso reddito che lottano per combattere una pandemia. Questi critici si sono chiesti perché non limitarsi a dare questi fondi a un organismo come il Contingency Fund for Emergencies dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dove i fondi potrebbero andare direttamente ai paesi colpiti in difficoltà.

In particolare, l’OMS determina se una pandemia soddisfa i criteri che vedrebbero il denaro degli investitori essere incanalato nel PEF invece che nelle loro stesse tasche, cosa che avverrebbe se non si dichiara una pandemia da qui a quando le obbligazioni saranno destinate a maturare il prossimo luglio.

Nel 2017, il sito di notizie Quartz ha descritto il meccanismo delle “obbligazioni pandemiche” come segue:

“Gli investitori acquistano le obbligazioni e ricevono in cambio regolari pagamenti di cedole. Se c’è un’epidemia, gli investitori non ricevono il loro denaro iniziale. Ci sono due tipi di debito, entrambi con scadenza prevista per luglio 2020.

Il primo obbligazionario ha raccolto 225 milioni di dollari e presenta un tasso di interesse di circa il 7%. Il pagamento dell’obbligazione è sospeso in caso di un’epidemia di nuovi virus influenzali o di coronaviridae (SARS, MERS). Il secondo, più rischioso, ha raccolto 95 milioni di dollari a un tasso di interesse superiore all’11%. Questo bond mantiene il denaro degli investitori se c’è un’epidemia di Filovirus, Coronavirus, Febbre di Lassa, Febbre della Valle del Rift e/o Febbre Emorragica della Crimea e del Congo. La Banca Mondiale ha anche emesso 105 milioni di dollari in derivati swap che funzionano in modo simile. (grassetto aggiunto)”

Nel 2017, la Banca Mondiale ha emesso 425 milioni di dollari in queste “obbligazioni pandemiche” e la vendita delle obbligazioni è stata riportata in eccesso del 200 per cento, “con investitori desiderosi di mettere le mani sui prodotti ad alto rendimento in offerta”, secondo i rapporti. I premi che gli obbligazionisti hanno ricevuto finora sono stati in gran parte finanziati dai governi di Giappone e Germania, che sono anche i principali finanziatori degli stati nazionali dell’OMS dietro a Stati Uniti e Regno Unito. Secondo i rapporti, la maggior parte dei detentori di obbligazioni sono imprese e individui con sede in Europa.

Alcuni analisti hanno sostenuto che queste obbligazioni pandemiche non sono mai state destinate ad aiutare i Paesi a basso reddito colpiti dalla pandemia, ma ad arricchire gli investitori di Wall Street. Per esempio, l’economista americano Martin Armstrong ha definito le obbligazioni pandemiche della Banca Mondiale “una gigantesca scommessa nel casinò finanziario globale” e uno “schema come nessun altro”, sostenendo di recente che queste obbligazioni potrebbero presentare una “bomba a tempo di derivati strutturati” che potrebbe ribaltare i mercati finanziari se una pandemia venisse dichiarata dall’OMS. Armstrong ha continuato dicendo che è nell’interesse dell’OMS dichiarare l’epidemia di coronavirus una pandemia, ma ha notato che, così facendo, farebbe subire perdite significative ai detentori di obbligazioni.

Anche gli economisti dell’establishment, come l’ex capo economista della Banca Mondiale e Segretario del Tesoro Larry Summers, hanno criticato il programma della Banca Mondiale, liquidando il PEF come “sciocchezza finanziaria“. Bodo Ellmers, il direttore del programma di finanziamento per lo sviluppo sostenibile del Global Policy Forum, ha parimenti definito “inutili” i bond pandemici, mentre Olga Jonas, che ha lavorato alla Banca Mondiale come economista per oltre 30 anni, ha detto che il programma è stato “progettato per fallire” perché i bond sono stati creati per “ridurre la probabilità di pagamento”.

L’analista economico e commerciale e conduttore del podcast “Quoth the Raven” Chris Irons ha detto a MintPress News che, per quanto riguarda i bond pandemici, “l’importante è concentrarsi su chi può trarre beneficio dal fatto che non sia stata dichiarata una pandemia”, un compito difficile dato che l’identità della maggior parte degli obbligazionisti non è attualmente disponibile al pubblico.

Irons ha anche notato che, a suo parere, “l’OMS e il CDC sono stati colti un po’ alla sprovvista” e che alcuni governi che finanziano l’OMS, in particolare l’amministrazione Trump, sembrano “più interessati al mercato azionario che a dare alla gente informazioni che possono essere necessarie e vitali”. Ha aggiunto che dietro le porte chiuse la pressione sull’OMS da parte di coloro che rischiano di perdere finanziariamente a causa di una dichiarazione ufficiale di una pandemia non sarebbe “sorprendente”.

Come attivare un pagamento

Con l’aumento dell’epidemia di coronavirus, è cresciuta la preoccupazione tra coloro che hanno investito in obbligazioni pandemiche, che si scatenerà il pagamento ai paesi colpiti dal coronavirus, nonostante l’evidente ritardo dell’OMS nel dichiarare l’epidemia una pandemia. Mentre l’OMS potrebbe teoricamente modificare i criteri che innescherebbero il payout e farebbero perdere molto ai detentori di obbligazioni, alcuni recenti rapporti hanno sostenuto che i detentori di obbligazioni stanno cercando di liberarsi delle obbligazioni prima della loro data di maturazione di luglio.

Il media tedesco Deutsche-Welle ha osservato che l’innesco della prima classe di obbligazioni pandemiche, valutate a 225 milioni di dollari, sarebbe stato normalmente già soddisfatto a causa del criterio di oltre 2.500 morti in un “paese in via di sviluppo”. Tuttavia, l’OMS ha detto che questo non soddisfa tale criterio perché non considera la Cina un paese in via di sviluppo, anche se i criteri della Banca Mondiale considerano la Cina un paese in via di sviluppo.

Per la seconda e più rischiosa categoria di legami pandemici, questi legami si innescano quando la malattia in questione attraversa un confine internazionale e causa più di 20 morti nel secondo paese. Al momento della pubblicazione di questo articolo, l’Iran ha registrato almeno 50 decessi, che avrebbero dovuto innescare questa seconda categoria di obbligazioni pandemiche, per un valore di 95 milioni di dollari. Tuttavia, l’OMS non ha ancora commentato come questo criterio per le obbligazioni della seconda categoria sia stato soddisfatto.

La decisione dell’OMS di rifiutare di usare la parola con la “p” può essere il risultato di diversi fattori, anche se le obbligazioni pandemiche si profilano come un incentivo di 425 milioni di dollari per non farlo. Anche se evitare l’uso del termine può piacere ai detentori di obbligazioni pandemiche, è destinato ad avere importanti conseguenze negative per la salute pubblica globale, soprattutto se si considera che un’azione precoce contro epidemie ed epidemie pandemiche è ampiamente considerata un imperativo.

Whitney Webb è una giornalista di MintPress News con sede in Cile. Ha contribuito a diversi media indipendenti, tra cui Global Research, EcoWatch, il Ron Paul Institute e 21st Century Wire, tra gli altri. Ha fatto diverse apparizioni radiofoniche e televisive ed è la vincitrice del Premio Serena Shim 2019 per l’integrità senza compromessi nel giornalismo.

Fonte: mintpressnews.com

Link: https://www.mintpressnews.com/wall-street-behind-delay-declaring-coronavirus-outbreak-pandemic-bonds/265264/#

26.02.2020

Traduzione e introduzione per ComeDonChisciotte a cura di Riccardo Donat-Cattin

Pubblicato da Riccardo Donat-Cattin

Sociologo e media analyst. Consiglia Kropotkin e Malatesta.
Precedente Guerre Permanenti: Nuovi edifici militari USA in Arabia Saudita dopo 17 anni
Prossimo DALLE CESSIONI DI SOVRANITÀ ALLE CESSIONI DELLA LIBERTÀ – UNA CRISI PIANIFICATA A TAVOLINO ?