Il Consiglio di Stato francese: “Vietato viaggiare anche se vaccinati contro il COVID”

Cheikh Dieng

lecourrier-du-soir.com

Questa è una brutta notizia per tutti coloro che sono stati vaccinati, perchè dovranno comunque rispettare le restrizioni decretate dal governo francese. Eppure, nel marzo 2020, quando il Covid-19 aveva iniziato a devastare il mondo, i nostri leader ci avevano detto che solo l’arrivo di un vaccino ci avrebbe permesso di riprendere a vivere la vita in modo normale.

A dicembre, quando le prime dosi di vaccino erano arrivate in molte nazioni, gli stessi governi avevano continuato a coccolarci come bambini, arrivando ad annunciare la prossima fine delle misure restrittive e l’inizio di una nuova vita normale, come quella che conoscevamo un anno fa.

A quanto pare non è così. Perché, questo 2 aprile, un ordine del Consiglio di Stato, interamente riportato da Lecourrier-du-soir.com, è stato molto chiaro. Le persone vaccinate sono tenute a rispettare le restrizioni decretate dal governo perché, anche se vaccinate, possono trasmettere il virus ai loro parenti. Un ragionamento che contraddice totalmente quello seguito finora dai nostri leader.

Ecco l’ordine del Consiglio di Stato nella sua versione originale.

Un pensionato di 83 anni ha chiesto al giudice provvisorio del Consiglio di Stato la sospensione delle restrizioni di viaggio prese dal governo, in modo che non siano più applicate ai vaccinati. Il giudice ad interim ha respinto la sua richiesta, considerando che le persone vaccinate potrebbero essere portatrici del virus e contribuire alla sua diffusione.

Il 19 marzo, il primo ministro aveva deciso di limitare i viaggi nei 19 dipartimenti dove la situazione sanitaria è più critica.

Il ricorrente, che è vaccinato e che risiede in uno dei dipartimenti interessati, ha denunciato una violazione della sua libertà di movimento. Ha chiesto al giudice ad interim di sospendere queste restrizioni per tutte le persone già vaccinate contro il covid-19. Ritiene che le misure di restrizione di movimento, di coprifuoco e di confinamento non siano più necessarie e appropriate per le persone vaccinate.

Il giudice ha osservato che la diffusione del virus è peggiorata significativamente in tutto il Paese, sovraccaricando in modo grave gli ospedali e portando alla generalizzazione delle restrizioni in tutto il Paese.

Il giudice ad interim ha fatto notare che, anche se la vaccinazione fornisce una protezione efficace, le persone vaccinate possono essere portatrici del virus e contribuire alla sua diffusione in proporzioni non ancora note. La revoca delle restrizioni di viaggio potrebbe quindi aumentare il rischio di contaminazione, in particolare per le persone vulnerabili, che, per lo più, non sono state ancora vaccinate.

Per tutte queste ragioni, queste restrizioni di viaggio, anche per le persone vaccinate, non sembrano sproporzionate. Ecco perché il giudice del Consiglio di Stato respinge la richiesta del ricorrente.”

Cheikh Dieng

Fonte: lecourrier-du-soir.com
Link: https://lecourrier-du-soir.com/lincroyable-decision-du-conseil-detat-les-personnes-vaccinees-interdites-de-se-deplacer-car-porteuses-du-virus/
03.04.2021
Tradotto da Markus per comedonchisciotte.org