Home / ComeDonChisciotte / I TANTI IGNOTI CHE SALVANO L’ ITALIA

I TANTI IGNOTI CHE SALVANO L’ ITALIA

DI MASSIMO FINI
ilgazzettino.it/

Martedì la prima notizia dei telegiornali era la morte di Pietro Taricone. La cosa può anche essere vista sotto un aspetto positivo. Vuol dire che quel giorno, in Italia e nel mondo, non era accaduto nulla di importante, ma può avere anche un altro significato. Chi fosse Taricone lo sanno tutti. Protagonista dieci anni fa del primo “Grande Fratello”, aveva poi cercato di inserirsi in un modo un po’ più stabile nel mondo dello spettacolo. Si era così conquistato il titolo di attore. Ma un attore è un’altra cosa. In realtà Taricone, a 35 anni, non aveva ancora espresso assolutamente nulla. Io non dubito che Taricone, come han scritto i giornali e detto le televisioni che sono andate avanti per quattro giorni a commemorarlo, fosse un ragazzo sensibile che stava cercando di liberarsi dell’immagine di “o guerriero” per essere più semplicemente se stesso. Ma ci sono tascate di ragazzi sensibili e intelligenti che purtroppo muoiono ogni giorno di morte violenta e, dal punto di vista mediatico, sono sepolti in modo anonimo. Una settimana fa, in Afghanistan, è deceduto un nostro soldato per uno di quegli incidenti non rari quando ci si muove sui blindati e armati. Le televisioni ne hanno dato notizia di sfuggita e i principali quotidiani non ne hanno nemmeno parlato.

Cosa intendo dire? Che nella società italiana sono saltate tutte le gerarchie dei valori. L’altro giorno mi ha telefonato Elisabetta Pozzi. Probabilmente pochissimi lettori sanno chi è. Insieme a Maddalena Crippa e Pamela Villoresi è la migliore attrice di teatro della sua generazione, quella delle cinquantenni. Io ne avevo scritto incidentalmente, per una straordinaria interpretazione di Medea che avevo visto al Teatro greco di Siracusa. Non ci conoscevamo e la Pozzi mi ha chiesto quasi stupita: “Ma sono proprio io l’Elisabetta di cui lei ha parlato sul Fatto?”. “Certo, signora, io l’ammiro moltissimo”. Lei allora mi ha detto che segue da tempo il mio lavoro, che condivide il mio pensiero e che era molto lusingata del mio giudizio. Ho replicato: “Vede, Elisabetta, il suo atteggiamento modesto nei miei confronti la dice lunga sulle distorsioni che ha subito la cultura italiana”.

Eleonora Abbagnato, italiana, è prima ballerina all’Operà di Parigi. Per essere primi ballerini in un grande Teatro, oltre ad allenarsi sei/sette ore al giorno, bisogna essere dei grandi; tanto più in un paese straniero e sciovinista come la Francia. L’Abbagnato, prima che facesse una comparsata al Festival di Sanremo, non la conosceva nessuno in Italia. E probabilmente il grosso pubblico, quello che impazzisce per “X Factor”, se l’è già dimenticata.

Mio figlio, insieme ad Alessandra Festito, giornalista, sta scrivendo un libro per Cairo Editore, intitolato “Non è un Paese per bamboccioni”. Sono andati a pescare giovani under 35, che hanno fatto cose importanti in cardiologia, nella musica, nell’imprenditoria, ma del tutto sconosciuti al grosso pubblico. È grazie a questi ragazzi, cui bisognerebbe fare un monumento, che questo disastrato Paese va avanti. Non per i Taricone, sia pace all’anima sua, e soprattutto per l’ambaradan mediatico che intorno agli infiniti Taricone d’Italia viene quotidianamente costruito.

Massimo Fini
Fonte: www.ilgazzettino.it/
2.07.2010

Pubblicato da Davide

  • Tao

    I MOLTI INTERROGATIVI SULLA MORTE DI TARICONE

    FONTE: PAOLOFRANCESCHETTI.BLOGSPOT.COM

    Ricevo da un lettore e pubblico:

    Il 29 giugno, a seguito di un incidente di volo del giorno prima avvenuto sull’aviosuperficie di Terni, moriva Pietro Taricone, ex concorrente del Grande Fratello e attore. Era la terza vittima in 4 mesi. Un record, se si pensa che in tutta Italia i paracadutisti morti in tutte le aviosuperfici sono stati in totale 7.
    Grande cordoglio nazionalpopolare su tutti i media italiani con trasmissioni dove sono state versate in diretta o in differita fiumi di lacrime.
    Sulle cause di quell’incidente si è invece detto ben poco.
    Sul perché un paracadutista con 500 lanci, quindi considerato esperto, con materiali costosi a disposizione, abbia compiuto una vera e propria manovra suicida che lo ha condotto alla morte.
    A “Matrix” l’amico e proprietario della scuola di paracadutismo “The Zoo” – di cui Taricone era assiduo frequentatore – Riccardo Paganelli, testimone oculare, ha spiegato tecnicamente come si sono svolti i fatti fermandosi al medesimo interrogativo: il perché sia stata effettuata quella folle manovra a 30 metri dal suolo.

    Noi abbiamo provato a dare alcune spiegazioni raccogliendo informazioni e pareri qualificati sul web e cercando di ricostruire le cause di questa tragedia, che, a quanto ci risulta, era annunciata. Queste cause coinvolgono diversi fatti concorrenti tra loro che possiamo organizzare in diverse categorie: Riassumo qui le opinioni concordanti di alcuni paracadutisti esperti che abbiamo raccolto sul nostro forum “Poteri occulti”:

    1. I materiali

    Taricone era un paracadutista esperto, ma forse non abbastanza per utilizzare quei materiali. Utilizzava infatti una vela a profilo alare Crossfire 109, sottodimensionata rispetto al suo peso. Il 109 si riferisce ai piedi quadrati della superficie della vela.
    In sintesi più la vela è piccola, meno portanza ha, più si scende velocemente e i movimenti sono repentini.
    Il rapporto standard per la sicurezza tra peso e superficie della vela è di 1 piede quadrato ogni libbra di peso. Una persona di 80-85 kg (180 libbre)+materiali dovrebbe utilizzare un paracadute di almeno 180 piedi. In base poi all’esperienza e ai lanci la superficie può essere anche ridotta. L’uso comunque della Crossfire 109 (vela che anche alcuni paracadutisti esperti non si azzardano a utilizzare) è consigliata per esperienze di 700 lanci. Quindi utilizzava una vela forse superiore alle sue capacità caricata a 1,7 in luogo dei 2,2 (vedi forum). Possibile che nessuno lo abbia redarguito di ciò?

    2. Condizioni climatiche

    Pare che al momento della disgrazia il vento soffiasse a 18 nodi traversale da NNO. Un vento a 18 nodi, a detta di un pilota civile, è in grado di spostare un aereo di linea in atterraggio. Il pilota del Cessna avrebbe dovuto informarlo del fatto.

    3. La filosofia di “gruppo”

    Pietro Taricone, che era non solo assiduo della scuola, ma vero e proprio creatore/organizzatore del gruppo di Terni assieme a Paganelli, è forse rimasto vittima di un tipo di filosofia, che è molto esaltata da alcuni, ma molto contestata da altri nel mondo dei paracadutisti: quella del coraggio dimostrato con l’ardimento. Una filosofia antica, ma mortale. Taricone era stato padrino nella nascita di un gruppo chiamato “Istinto rapace” che faceva capo ai movimenti di destra (niente da eccepire sugli ideali s’intende). Ma il desiderio di essere leader e il dover dimostrare qualcosa lo può aver spinto all’irreparabile. Alcuni parà esperti contestano questa mentalità in voga in questo sport di ritenere un “pollo” chi non si prende rischi da uomo: una vela più piccola e più veloce, una virata di più al limite. Un parà esperto riferisce anche una frase dello stesso Paganelli: “oggi se non hai un katana sei un coglione”; lo stiletto è una vela da “allievo”. Tanto da considerare un paracadutista di 90 kg con poco meno di 1000 salti, che si lancia con un S2 170 piedi, scherzosamente (ma nemmeno troppo) una sorta di ritardato… (dal forum paracadutismoitalia.net).
    Sul modo di lanciarsi spericolato del gruppo di Terni vi è la testimonianza dei video da loro stessi girati, pubblicati su youtube in occasione della festa “Animal house”, conclusasi tragicamente il 1 maggio con un morto.
    All’interrogativo iniziale sul perché di quella manovra si può quindi rispondere con un concorso di concause. Un concorso di concause con molti colpevoli ognuno dei quali, se non davanti alla legge, dovrà fare i conti con la propria coscienza.
    Quanto ai media, si è persa nuovamente l’occasione di fare del vero servizio pubblico: nel gettare la tragedia di Taricone nel tritacarne del gossip si è nuovamente fatto mercato della sofferenza piuttosto che farne una occasione di dibattito perché tragedie di questo tipo non si verifichino più. E questo rende la morte di Pietro Taricone ancora più inutile.

    Gli approfondimenti sul forum: http://poteriocculti.mastertopforum.biz/la-morte-di-pietro-taricone-davvero-un-incidente-vt2152.html

    Aggiunta personale

    Io, andando anche oltre quello che dice il nostro lettore, propendo per la tesi dell’omicidio rituale, per i seguenti motivi:

    – Nella stessa aviosuperficie ci sono stati tre morti in tre mesi.

    – L’autopsia non è stata fatta e si è dato troppo velocemente l’ordine di crematura del corpo.

    – La mancanza dell’autopsia è tantopiù sospetta, se si considera che per le due morti precedenti il magistrato l’aveva disposta.

    – Un mese prima la fidanzata aveva avuto un incidente analogo.

    – Aggiungo alcune note di simbolismo. I Tg e alcuni articoli di giornali erano chiaramente dei messaggi in codice. Troppo complicato ora spiegare questa simbologia, ma mi limito segnalare quella del Tg che vi mostriamo sopra: al minuto 1,22 (VIDEO – http://www.youtube.com/watch?v=XsdN7pZw074&feature=player_embedded ) vengono deposte delle rose rosse (e fin qui potrebbe essere una coincidenza); la persona che le depone ha una maglietta con scritto “cuervo”, corvo, il simbolo alchemico massonico della morte rituale.

    Un omicidio firmato, insomma.

    Ora, come dice Eco… una buona indagine poliziesca dovrebbe provare che i colpevoli siamo noi.

    Ma in qualunque scuola di polizia o di criminologia nessuno insegna il simbolismo massonico e alchemico.

    Una buona indagine poliziesca dovrebbe procedere in queste direzioni: appurare se Taricone aveva detto un qualche no di troppo ai cosiddetti “poteri occulti”; verificare chi gli ha fornito il paracadute, chi c’era con lui prima del lancio (che eventualmente potrebbe avergli intorpidito i sensi con una minuscola ed impercettibile iniezione di sostanze psicotrope), appurare i suoi legami con i due morti in precedenza (uno di loro pare fosse un amico di Taricone); approfondire le modalità degli altri incidenti precedenti; dopodiché, eventualmente, chiedere al magistrato per quale motivo non ha disposto l’autopsia; analizzare meglio il simbolismo relativo all’evento (dal luogo dell’incidente, alle modalità con cui i giornali hanno pubblicato la notizia), ecc.

    Fantascienza insomma, perché il potere non potrebbe mai indagare su se stesso, e nei pochi casi in cui lo fa, ovviamente, si autoassolve.

    E quindi anche questa morte rimarrà senza colpevoli, e noi che diciamo queste cose veniamo presi per visionari.

    La domanda non è chi ha ucciso Taricone, visto che, almeno a me, pare abbastanza chiaro; la domanda vera è: quando finirà questa strage continua ed ininterrotta di persone famose, gente comune, avvocati, magistrati, poliziotti, carabinieri, che continuano ad avere malori, incidenti strani, che si suicidano per il troppo stress, che scompaiono nel nulla?

    Quando inizieremo a svegliarci?

    Paolo Franceschetti
    Fonte: http://paolofranceschetti.blogspot.com
    Link: http://paolofranceschetti.blogspot.com/2010/07/i-molti-interrogativi-sulla-morte-di.html
    5.07.2010

  • Altrove

    Ah, ma è morto Taricone? Che tristezza: morire è tipico degli esseri umani, non ci si può fidar di loro… Adesso vado, inizia lo spettacolo della Abbagnato.

  • cris79

    “Io, andando anche oltre quello che dice il nostro lettore, propendo per la tesi dell’omicidio rituale”

    …e avanti incominciamo con le teorie complottistiche pure per un povero disgraziato morto colo paracadute..certo che per le idiozie che si scrivono non cè mai limite a volte.

  • fm

    Ma non vi passa mai per la testa che un decesso puo` anche essere dovuto ad una cazzata fatta dal diretto interessato o ad una sfortunata concomitanza di eventi (es. un colpo di vento, colpo di sonno, etc. ?)

    Ma poi, senza nulla togliere a Taricone come persona, ma era davvero un cosi` “buon” bersaglio?

    P.S.: Per curiosita` chi l’avrebbe ucciso esattamente visto che ti pare cosi` chiaro?

  • pif

    Ah ma è morta anche l’Abbagnato? Che tristezza, morire è tipico degli esseri umani…

  • prischia

    E’ morto Taricone? Ovverament? Mah!

  • A_M_Z

    Pure il complotto dietro la morte di Taricone????
    che già mi stava sul cazzo perchè oltre ad essere un rifiuto della società della visibilità è un ignorante e pure fascista!
    Ma bene così!
    Uno in meno! Uno in meno!!!! Ne mancano ancora un bel po’!

    Basta con ste farsi da libro gure: il bravo ragazzo, il james dean italiano!

    ..e chi non salta Taricone è!..è!

  • A_M_Z

    *libro “cuore”

    avanti col politicamete scorretto:

    Più Tariconi schiantati migliore sarà il mondo!

  • AlbaKan
    • Taricone non era un “personaggio”, 
    • non era un attore, forse solo uno che ci ha provato come tanti. 
    • Ha fatto cose meno orrende di altri….sicuramente non c’era bisogno di 4 gg di commemorazioni televisive, 
    • ma era comunque un ragazzo giovane…che quindi è morto troppo presto…certo…come molti altri di cui non si parla.
    • Ho letto cose agghiaccianti nei commenti precedenti, del tipo “era un fascista: meglio se è morto”
    • E questo chi lo dice? Di certo non qualcuno con i valori della tolleranza (che una volta…quando esisteva la sinistra, appartenevano a questa).
    • Io non sono certo sconvolta per la morte di Taricone, ma se i media sbagliano, non c’è bisogno di accanirsi contro uno dei tanti ragazzi morti troppo in fretta solo perchè i giornali ne parlano, sono disgustata da tante cattiverie, spero che sua figlia non leggerà mai questi commenti.
    • Se ci sono tanti ragazzi bravi che meritano riconoscimenti per il loro talento, come dice Fini, forse meritano di essere portati alla ribalta per quello… e non parlando della morte di un loro coetaneo.
    • Mi sembra che tra l’articolo e i commenti non ci sia rispetto nè per i morti e nè per i vivi
  • dana74

    allucinante, quindi Fini non considera Taricone un salvatore della patria (e ci mancherebbe, nemmeno i media che hanno dedicato un casino di spazio a lui lo hanno definito così) e chi invece lo sarebbe per massimo fini?

    Una ballerina dell’opera o un’attrice di teatro?

    Ah quindi chi lavora in televisione non è un eroe, ( giusta considerazione che condivido in todo), mentre chi si occupa sempre di divertimento in altri ambiti (teatro etc) , oltretutto per accedere ai quali bisogna esser ricchi visti i prezzi del biglietti, sarebbero più degni di nota?

    Mah che criteri strani.

  • dana74

    allucinante, quindi Fini non considera Taricone un salvatore della patria (e ci mancherebbe, nemmeno i media che hanno dedicato un casino di spazio a lui lo hanno definito così) e chi invece lo sarebbe per massimo fini?

    Una ballerina dell’opera o un’attrice di teatro?

    Ah quindi chi lavora in televisione non è un eroe, ( giusta considerazione che condivido in todo), mentre chi si occupa sempre di divertimento in altri ambiti (teatro etc) , oltretutto per accedere ai quali bisogna esser ricchi visti i prezzi del biglietti, sarebbero più degni di nota?

    Mah che criteri strani.

    Avesse scritto perché non si celebra chi va volontariato per dar da mangiare ai poveri, no, parla di ballerine.

  • AlbaKan

    La cosa più interessante però è che nel titolo si afferma che c’è qualcuno “che salva l’Italia”….quindi siamo salvi? Eppoi mi chiedevo se questa Abbagnato, sia felice di essere portata alla ribalta dai funerali di Taricone… 😉 😉 😉

  • albertgast

    Spero che Fini non legga le risposte date al suo post. Ci mancavano i complotti anche qui. E le offese ai morti per giunta. Chi si fa avanti con la teoria per cui è stato un complotto ordito da Travaglio o ancor meglio da Prodi? Coraggio, sù, non siate timidi. Venendo al tema, cos’ha l’Italia in più e in meglio degli altri paesi? Eppure a difendere una delle pochissime nostre prerogative, per cui andare orgogliosi, hanno messo Bondi. Fine dei discorsi.

  • Ricky

    Chiaramente Fini é un giornalista a cottimo, non scrive articoli quando ha qualcosa da dire, ma perché deve produrre tot cartelle ogni giorno.
    La pubblicitá a suo figlio poi se la poteva risparmiare. Della serie: per tanti ignoti che salvano l’Italia ogni giorno ce ne sono altrettanti che l’affondano e Massimo Fini rientra nella seconda categoria.

  • prischia

    La figlia di Taricone leggera’ questi commenti? Ovveramente? Mha!

  • cris79

    “era un fascista: meglio se è morto”
    Albakan hai ragione,solo degli idioti possono godere della morte delle persone.
    Peccato che l’idiota che ha scritto questa frase è uguale identico a un fascista che scriverebbe lo stesso di un comunista. mi chiedo in che cosa ti puoi sentire migliore di un fascista con queste frasi da violento?!
    le persone quando impareranno che le ideologie servono solo a creare un gregge di pecore non pensanti,potremmo avere un mondo migliore.
    …l’idiozia è bibartisan!!

  • ottavino

    Dice bene Fini: è l’ambaradan mediatico il problema. Ai tempi dell’impero romano o nell’antica Cina, non c’era Il Corriere della Sera e neanche Panorama e dunque ci si ricordava soltantodi avvenimenti di spessore. Oggi i media sono uno strumento di tortura del popolo e quindi Taricone una delle tante notizie mangiate e ……….

  • A_M_Z

    Chi non salta un taricone è!

    Un mondo senza tariconi è un mondo senza dubbio migliore!

    affanculo l’essere politicamente corretti!

    meno ipocrisia più salti nel vuoto!

  • fm

    Beh almeno ha onestamente detto che il libro e` del figlio.
    …poteva anche omettere questa informazione.

  • A_M_Z

    bla bla bla ipocrisia qualunquista e blablabla

    e secondo te non lo so!!!

    allora stringiti con un abbraccio forte alla famiglia di un cretino qualunque glorificato dai media!

    e lascia godere a si sbatte tutti i giorni per essere una persona per bene ogni morte di un soldato, un fascista, un sedicente comunista, un politico, un borghese capitalista e ogni pezzente ignorante che vive sul nostro pianeta e lo manda verso l’armageddon giorno dopo giorno soltanto esistendo.
    Perchè è l’esistenza di alcune persone che difendono lo status quo con il proprio comportamento attivo o passivo, facendo o lasciando fare che il mondo è un brutto posto in cui vivere.
    Se queste eprsone non esistessero il mondo sarebbe milgiore.

    GODO ma tanto tanto tanto.

  • francesco67

    C’è bisogno di pubblicare questi articoli su CDC?

  • Monarch

    Ma lasciate stare questo povero ragazzo. Voi che lo insultate e non rispettate neanche la Morte siete le vere merde.
    Al massimo prendetevela coi giornalisti del cazzo italiani che trasformano la morte in un fatto mediatico( come tutto il resto)…mi fanno pena dal primo all ultimo e piu’ che un bavaglio io li metterei a lavorare nei campi.

  • cris79

    :-))

    ..ma te sei fuori come un balcone!! :-))
    ..stacca un attimo la spina dal fare il salvatore del mondo e il fustigatore dei cattivi..e pensa a goderti tè la vita, che sei un frustrato totalmente fuori dalla realtà…la politica è una cosa,la vita è un altra 😉
    …ti assicuro che una trombata ti fà godere molto di più della morte di una persona..sei un caso clinico :-))

  • andyconti

    Ogni morte di personaggio famoso deve essere presa in considerazione come complotto, poi dopo si puo’ anche confutare; dico questo perche’ varie morti non sono considerate come omicidi rituali ma pare che alla fine la maggioranza lo siano (es. Edoardo Agnelli, Marco Pantani). Certo essere paranoici non va bene, per esempio non credo che anche Primo Levi sia stato ucciso, pero’ certamente il complottismo e’ un atteggiamento giusto per appurare la verita’ delle cose.
    In quanto al valore di Taricone come personaggio, sono d’accordo che se si critica lui si puo’ criticare anche il porre altri personaggi dello spettacolo come esempi. Peraltro, nemmeno piango per i soldati (mercenari) che muoiono in Medio Oriente.
    Taricone era un fascista sbruffone di tipo bonario, un attore mediocre ma volenterso, un papa’ e marito sicuramente a posto, e se i media lo santificano e’ perche’ la gioventu’ italiana idolatra questi ragazzi comuni divenuti famosi, in quanto solo la FAMA li fa uscire dalla loro mediocrita’ materiale e spirituale.

  • AlbaKan
    • Mi dispiace ma non posso proprio risponderti, siccome non sai nè leggere (quello che ho scritto io), nè scrivere, viste le tante parole del tuo commento che non  esistono nel vocabolario della lingua italiana, mi è impossibile trovare un qualsiasi “concetto” a cui rispondere.
    • Posso solo dire che il mondo sarebbe migliore se non esistessero sadici che godono delle disgrazie altrui.
    • Buona serata

    • P.S. Nel caso tu non fossi analfabeta ma semplicemente dislessico, ti chiedo scusa, per non aver compreso i tuoi sforzi nel cercare invano di dire qualcosa.
  • Matt-e-Tatty

    Io concordo con Fini, peccato per la figlia che aveva bisogno del babbo e peccato per chi gli voleva bene come i suoi genitori e tutti quelli a cui mancherà, ma in questi giorni si sentono cazzate a profusione su quello strano tipo.
    C’è chi lo definisce una guida, chi ne esalta fantomatiche doti… io ricordo un buffone che faceva il duro del roadhause in un programma televiso di infimo livello, ricordo poco delle cazzate che diceva ma una in particolare si… quando si mise a sproloquiare ipotizzando di essere il presidente USA e di tutte le bombe atomiche che avrebbe fatto partire spingendo un bottone… la guida… l’esempio da seguire…
    C’è da riflettere se degli idioti del genre sono considerati alla stregua di un mentore… la televisione riesce a far eroi dal nulla, sottili come una carta da gioco e profondi quanto una pozzanghera…

    Un’altra cosa, oltre che essere un testino sottovuoto il Taricone era anche un gran egoista, con una cinna piccola non si fanno i lanci col paracadute… anche a mè piaceva il volo libero e le corse con la moto ma quando mia moglie mi disse di essere in cinta ci diedi su con tutto ciò che poteva far mancare qualcosa ai miei figli… lui no perchè evedentemente riteneva di non dover render conto a nessuno.

  • andyconti

    due precisazioni: visitate il blog di Paolo Franceschetti per il complotto, e ricordate che Taricone era amico di Saviano, anche se, ribadisco, frequentava fascisti (peraltro Saviano non e’ maestro di coerenza se pubblica con Mondadori, ma comunque lotta contro la camorra).

  • fm

    AMZ, chi gioisce della morte altrui non e` migliore di colui che tanto aspramente critichi.

    Rifletti.

  • AlbaKan

    Forse è una stragegia per far apprezzare di più quelli piu “intelligenti” 😉 😉 😉

  • AlbaKan

    Su questo devo darti torto…la sessualità è una cosa molto soggettiva, se AMZ gode della morte altrui e solo così riesce ad avere un orgasmo, possiamo provare pena (…tanta, tanta, tanta…) ma dobbiamo rispettare le sue abitudini sessuali.

  • Loris

    Lo dico sempre che la classe non è acqua. 😀 😀 😀 😀

  • stendec555

    povero taricò…se non altro ha fatto una bella vita e se l’è goduta meglio di noi incazzati (e frustrati…). massimo rispetto per franceschetti, ma stavolta mi pare che abbia preso una cantonata…

  • fm

    Ma qual e`, quindi, la conclusione?
    Che Taricone l’hanno ammazzato perche` amico di Saviano?

    Perche` lasciate sempre le cose in sospeso? Dopo dite che la gente vi snobba.

  • prischia

    “…Chiaramente Fini é un giornalista a cottimo…”

    … noi no, noi no noi,no, e, guarda un po’ la penso allo stesso modo anche di Raimondo Vianello. Con tutto il rispetto, ma che cazzo di bisogno c’e’ di fare casino intorno ad una persona che se ne va? Dobbiamo dire per forza che ce ne dispiace per il fatto che avevano della notorieta’? Sai, bello, io ho sfiorato il suicidio per disperazione. Dov’erano Taricone e compagni in quei momenti? Dove sarebbero stati se io mi fossi impiccato? Vieni qua a dirmi che deve fregarmi per forza qualcosa. Erano sullo schermo a cercare di farmi divertine, nulla piu’, e ben pagati, per giunta. Ora il televisore si e’ spento e allora? Cambiamo canale, per favore che tanto c’e pronto subito qualcun altro a cercare di farci divertire, stai sicuro che non ne sentiremo la mancanza. Sconcerto e rispetto, questo si, ma null’altro.

  • prischia

    “….ma stavolta mi pare che abbia preso una cantonata…”

    … non credo proprio.
    Frenceschetti, sei stato grande, come al solito.

  • Tonguessy

    nella società italiana sono saltate tutte le gerarchie dei valori.

    Per fortuna ci sono sempre gli states ed regno unito che le “gerarchie dei valori” sanno cosa sono e le sanno far rispettare nel mondo, no?

  • anonimomatremendo

    Esattamente.Non solo,fa tanto l´interessato che nemmeno si accorge che lo stesso giorno di Tarricone é morto pure Aldo Giuffré.Peró Fini si riricorda si dei “nostri” soldati caduti in Afghanistan.Alla faccia del ribelle.

  • anonimomatremendo

    “Una settimana fa, in Afghanistan, è deceduto un nostro soldato per uno di quegli incidenti non rari quando ci si muove sui blindati e armati. Le televisioni ne hanno dato notizia di sfuggita e i principali quotidiani non ne hanno nemmeno parlato.

    Cosa intendo dire?

    Niente,che fa caldo e non sai che cazzo scrivere.Lo stesso giorno di Tarricone é morto pure Aldo Giuffré,ma evidentemente per te deve far piú notizia la morte di un mercenario in battaglia.E si lamenta che sono saltate le gerarchie dei valori.Ma va caghé.

  • stendec555

    pur avendo una certa attitudine a sostenere le cosiddette tesi “complottistiche” sinceramente non riesco ad individuare il nesso. la vicenda di taricone mi sembra semplicemente la storia di uno a cui nella vita le cose sono sempre andate bene (salute di ferro, un sacco di soldi e un sacco di donne) che per desiderio di sfida (nonchè delirio di invincibità e onnipotenza) si prodiga nelle imprese più ardite per dimostrare quanto è figo…magari mi ricrederò.

  • francesco67

    non é la prima volta che Fini scrive delle immonde cazzate…
    ricordo ancora l’articolo sul segreto che Suni Agnelli si era portata nella tomba…
    un articolo che neanche Giammaria Cazzaniga sarebbe stato capace di scrivere…

    BHA!!

  • Kevin

    Un idiota in meno al mondo. Ops.

  • catrafuse

    Kevin il Giovedì, 08 luglio @ 15:06:29 CDT:

    Un idiota in meno al mondo. Ops.

    Ti sei suicidato?

  • andyconti

    non vi accalorate troppo, se c’e’ un mistero sulla sua morte si indaghera’, se sia o non sia un modello di uomo (figo o no, chi se ne frega, non era l’unico a a vere donne e lavoro e salute, o siete tutti sifgati?) non importa. Occupiamoci di altro adesso.

  • Drachen

    il teatro è cultura. la televisione è il suo contrario.
    eh si, chi fa cultura è un salvatore della patria.
    certi commenti sono davvero gretti.

  • Drachen

    c’è bisogno di certi commenti su CDC?

  • Drachen

    i nostri soldati sarebbero mercenari?
    ma ristudiatevi Pasolini, per favore, che certi commenti fanno rivoltare lo stomaco.

  • prischia

    Comunque quel giorno avrebbe dovuto buttarsi insieme alla de Filippi, alla d’Urso, Chiambretti, Raz Degan, Piero Angela, di Pietro, Milly Carlucci, Antonella Clerici, Pippo Baudo, Biscardi, Licia Colo’, Fabrizio Corona, Kristian de Sica, Umberto di Savoia e Pupo, Emilio Fede, Fabio Fazio, Michelle Hunziker, Lilli Gruber, Gigi Marzullo, Sandra Milo, Chuck Norris, il tenete Colombo, Paola Perego, Marina Ripa di Meana, Gerry Scotti, Bruno Vespa, Ugo Tognazzi, e Iva Zanicchi.
    Manca qualcuno?
    Ooooooooooo, e mo bast!

  • anonimomatremendo

    Eh si perche “i nostri soldati” poverini vanno la(“per una quarantina di mille lire al mese”) a farsi bastonare dagli studentelli rivoltosi figli di papá.

    Risparmiati il voltastomaco

  • anonimomatremendo

    vaglielo a spiegare alle popolazioni afghane il tuo voltastomaco.Saluti

  • anonimomatremendo

    …e i tanti ignoti che salvano l´Italia tipo “i nostri soldati” che poverini non se li ricorda nessuno a parte Il Ribelle.Ma Fini poi non stava coi Mullah?Mah,sará il caldo.

  • Drachen

    il fatto che venga combattuta una guerra sbagliata non significa assolutamente non portare rispetto per i soldati che, per infinite ragioni su cui tu superficialmente sentenzi, sono stati mandati dai nostri governanti a rischiare la pelle.
    c’è gente che si arruola perché non trova lavoro.
    ma dalla poltrona di casa è facile fare i benpensanti.
    voltastomaco confermato.

  • Altrove

    E che cavolo, ma qui muoiono tutti…

  • prodomo

    Ah francesche’, Cuervo è la marca di una tequila.
    Ecco, accantona quella tastiera e fatte ‘na bella tequila.

  • Kevin

    Era il testamento di tuo padre.

  • anonimomatremendo

    Vabbé dai,adesso mi vien solo da sorridere.Che vuoi che ti dica,se quello di uccidere popolazioni inermi vuol dire “lavoro” beh,tieniti pure il tuo voltastomaco.Saluti.

  • Santos-Dumont

    Cioè in nome del “lavoro” tutto è lecito? “O Franza o Spagna, purché se magna”?
    Se questo è essere benpensanti, ben felice di associarmi a anonimomatremendo nell’ignominia.

  • vic

    Carlo Rovelli, chi e’ costui?

    Alzi la mano chi lo conosce!

    Aiutino: vale 1 milione di Tariconi (pace all’anima loro) e fa un grande onore al genio italico.
    Secondo aiutino: non lavora in patria, per forza di cose.
    Terzo aiutino: non da’ fastidio a nessuno, a parte la scuola di pensiero dei calzolai, quelli che si occupano di stringhe.

    Buona estate a tutti!

  • yiliek

    Il tenente colombo non me lo toccare oh!

  • nuvolenelcielo

    Non c’è NULLA di particolarmente italiano nel dare come prima notizia dei telegiornali la morte di un popolare personaggio tv e attore (che si è comunque distinto per un modo di vivere ed esprimere il successo diverso da quello che è lo standard dello show business). La stessa cosa avviene è avvenuta e avverrà in tutti i paesi occidentali. Se si vogliono migliorare le cose è inutile attaccare l’italia sempre e comunque e in ogni maniera possibile… , anzi la cosa è dannosa.

  • prodomo

    Suggerisco di indagare anche sul simbolismo alchemico di “Moncler”

  • Kevin

    vic, ti stimo.

  • prischia

    Scusa.
    Sgarbi?

  • A_M_Z

    Stupido senso dell’umorismo puerile.

    Un mondo migliore è un mondo in cui ogni giorno muore un idiota.

    Che eccitazione sessuale ci trovate in questo?

  • A_M_Z

    Io godo della vita e non sto parlando di politica.
    Purtroppo le persone esistono e fanno brutte cose; orribili.
    Non per questo devono essere internate e bruciate vive.
    Ma se un giorno madre natura decide di prendersi un organismo biologico inutile è festa! E i commenti strappalacrime e politicamente corretti fanno ridere!

  • Kevin

    AMZ, totalmente d’accordo. Il bello di tutta questa faccenda è che non ti aspetteresti mai di vedere certi commenti moralisti e ipocriti su un sito come CDC e invece..

  • Morire

    In verità, in verità vi dico: egli non è morto. Addirittura sta bene e vi saluta, vi saluta da una splendida isola tropicale, da dove sorseggia mojiti assieme ad un nutrito gruppettino di non-morti, i quali nomi non sto qui ad elencarvi perchè tanto li conoscete tutti! E noi qua a fare muffa, a sprecare energie mentali per capire se è meglio il bianco o il nero, se è giusto o sbagliato, se è nord o sud e così via…intrappolati nella matrice…spezziamo anche noi le catene e liberiamoci di questi schemi fissi che limitano la nostra esistenza!!!

    “in every life we have some trouble,
    when you worry you make it double
    don’t worry, be happy

    dont worry be happy now”

    …che filosofo…ovviamente non ero che scrivevo ma qualche entità ignota dell’aldilà si è impadronita di me!

  • stonehenge

    “… Ma se un giorno madre natura decide di prendersi un organismo biologico inutile è festa!”

    Tu per me potresti essere il Taricone di Comedonchisciotte.
    VERGOGNATI

  • A_M_Z

    Evidentemente non ho tanto tempo per stare su cdc e curare ogni singolo commento.. scrivo a macchina veloce e sui forum non correggo. TIE’

    quindi se scrivo comemot invece di commento non è che sia un problema così grave.

    TIE’

  • A_M_Z

    per te potrei esserlo…

    e invece non lo sono!

    e non mi vergogno!

    mai vergognarsi di esprimere le proprie idee.. si dovrebbero vergognare i moralisti!!!

  • A_M_Z

    perchè esprimono le idee di altri e non le proprie!

  • stonehenge

    Si,si…si è capito…la cosa che però non mi piace di tutto quello che hai detto è che mi sembrano ragionamenti già dette in altri modi da qualcun’altro in epoche precedenti …vedi Adolf,Josef e compagnia bella…that’s all.

  • prischia

    quindi, se ti scaraventassimo giu’ da un aereo…?

  • harth88

    mille grazie… davvero… erano anni che non mi facevo una risata così (senza aiuto di sostanze)..

  • Kevin

    Ci mancava la reductio ad Hitlerum. Argomento solido come un castello di sabbia. Quando gli argomenti scarseggiano.. 🙂

  • stonehenge

    che argomenti dovrei tirare in ballo quando si sputa contro a una morte per partito preso?
    BARLAFUSS!

  • castigo

    Drachen:

    i nostri soldati sarebbero mercenari? ma ristudiatevi Pasolini, per favore, che certi commenti fanno rivoltare lo stomaco.

    a prescindere da quanto possa aver detto pasolini a suo tempo, da quando la leva obbligatoria è stata sospesa (sospesa, non abolita, eh) i nostri soldati sono tecnicamente dei mercenari.
    per placare la nausea, poi, un bel plasil e ti passa tutto……