HIC SUNT TERRONES

DI ALESSANDRA DANIELE

carmillaonline.com

I leghisti entusiasti del blocco del Brennero non si rendono conto di ciò che significhi. Quella barriera dimostra innanzitutto che quando l’Europa si rinchiuderà nella sua Panic Room, circondandosi di mura e fossati come un castello medievale, lascerà fuori l’Italia.
E questo non soltanto perché l’Italia abbia quasi 8.000 chilometri di coste, e sia perciò considerata indifendibile.
Fra i barbari che l’Europa vuole lasciar fuori non ci sono soltanto i profughi e i migranti che il nostro paese vorrebbero solo attraversarlo in fretta come uno Stargate, ma anche gli italiani che ci sono nati.

Salvini si crederà pure ontologicamente superiore a magrebini e siriani, ma per un austriaco, e specialmente per certi austriaci della sua stessa colorazione ideologica, Salvini con quella barba e quell’accento è in realtà pressoché indistinguibile dagli altri terroni pezzenti che premono alle sacre frontiere dell’EUReich
A dispetto di tutte le loro verdi fantasie Padanoceltiche, sulle cartine europee la scritta Hic Sunt Terrones è molto più in alto di dove i leghisti la vorrebbero.
Si dice che l’Italia sia considerata il Giardino d’Europa. E infatti il giardino sta fuori.
Si usa per qualche barbecue, magari per coltivare i pomodori, per pisciare il cane, per seppellire qualche carogna, ma quando si chiude la porta, il giardino e tutta la fauna che lo infesta restano fuori.
Come il nostro piccolo petulante reuccio cazzaro resta fuori dai vertici internazionali che contano, quelli nei quali si decide veramente qualcosa.
Come l’Italia resta fuori dal giro economico grosso, espropriata di tutte le industrie strategiche, di tutte le leggendarie esclusive alimentari, e ridotta a sguattera degli speculatori.
In effetti, l’Italia è come il giardino di un hoarder: sempre più uno sterrato ricoperto di spazzatura, erbacce velenose, vecchi copertoni, poltrone sventrate, pezzi di legno marcio, chiazze di liquame, e lavatrici arrugginite dove fanno il nido i topi.
Più che un giardino, è una discarica, nella quale i leader istituzionali esortano i cittadini a votare solo quando già sanno che non servirà a niente, e quando il voto potrebbe davvero servire a qualcosa, li diffidano dall’avvicinarsi alle urne.
Una discarica dove, nonostante l’overdose di pesticidi, proliferano gli scarafaggi.

Alessandra Daniele

Fonte: www.carmillaonline.com

Link: http://www.carmillaonline.com/2016/04/17/hic-sunt-terrones/

18.04.2016

26 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
olmo
olmo
18 Aprile 2016 16:52

La sinistra post- sesantotto, post-settantasette, post-muro di berlino e via così è una CHEMIO PERPETUA sullo spirito e sui corpi di chiunque!

MarioG
MarioG
18 Aprile 2016 17:19

"Salvini si crederà pure ontologicamente superiore a magrebini e siriani, ma per un austriaco, e specialmente per certi austriaci della sua stessa colorazione ideologica, Salvini con quella barba e quell’accento è in realtà pressoché indistinguibile dagli altri terroni pezzenti che premono alle sacre frontiere dell’EUReich"


Questo passaggio dimostra solo che LA Alessandra Daniele e’ incapace di concepire altro al di fuori della (dubbia) dicotomia: "immigrazionismo-ad-oltranza" – "razzismo".
Insomma, e’ una poveretta.

Se uno pensa che gli Austriaci facciano bene, non deve certo dire che sbagliano solo perche’ qui si fa diversamente e ci si tira zappate sui piedi (al massimo ci si adopera per cambiare le cose, che si riesca  o meno).
Eppure questo e’ "l’argomento" sotteso all’appunto fatto a Salvini.
Insomma, si conferma poveretta

Riguardo "all’indifendibile" (detto poi nell’Anno del Signore 2016…), oscilla invece fra il patetico e la malafede spudorata.

"Più che un giardino, è una discarica" e’ vero, e ringraziamo per il  contributo suo e dei compagni.
PietroGE
PietroGE
18 Aprile 2016 18:49

Questo post della Alessandra Daniele è illuminante sul tipo di concezione  che regna tra i nostri politici e i nostri giornalisti. Di che cosa si accusa l’Austria, di difendere i suoi confini? Non avrebbe diritto a farlo, secondo la Daniele? La domanda che dovrebbe porsi, invece di scrivere queste stupidaggini, è : PERCHÈ NON DIFENDE ANCHE L’ITALIA I SUOI CONFINI? Che cosa ci stanno a fare i militari italiani in Afganistan, Iraq e soprattutto Libano ( a difendere i confini di Israele) se non riusciamo neanche e difendere i nostri confini?

Che cosa sperava Renzi, Alfano e la Daniele, di poter andare avanti così presentandosi alla tv dicendo che noi siamo i campioni mondiali dell’accoglienza per poi spedire i migranti verso Nord, lasciando agli amici degli amici, spesso e volentieri mafiosi, il profitto fatto con la cosiddetta accoglienza?

mago
mago
18 Aprile 2016 19:12

Certo finiremo come a Gaza…li i muri li fanno sul serio ma nessuno dice nulla..nemmeno bergoglio che ha sempre da dire su tutto..nemmeno i benpensanti della sinistra…lasciate fare agli Austriaci quello che vogliono fare a casa loro….a proposito vada a Vienna e forse capirà anche il perchè di quanto.

Nieuport
Nieuport
18 Aprile 2016 19:28

Articoletto spregevole. Ma sottolineo solo una cosa: l’idiozia di dire che l’Italia ha 8.000 km di coste e quindi è indifendibile. Per tutte le nazioni marine serie, Giappone, Inghilterra, Australia, il mare è una difesa, che permette di vedere perfettamente chi arriva e di fermarlo. Sono le nazioni terrestri, quelle con la frontiera lungo delle pianure, come gli USA col Messico, ad essere indifendibili ma in Italia, protetta dalle Alpi e dal mare, se si volesse non entrerebbe nessuno

oriundo2006
oriundo2006
18 Aprile 2016 19:54

Se l’Italia si avvia a diventare discarica, come la Daniele dice, qualche colpa ce l’hanno pure gli italiani nonchè gli extracomunitari, quelli che vivono spacciando, rubando, prevaricando, infestando periferie e suburbi a loro piacere, con la complicità omertosa spesso della stessa forza pubblica: dunque gli europei del Nord non possono essere chiamati in causa. Troppo facile compiacere sempre chi odia il nordeuropa ( dal nord sempre il male, dice un vecchio proverbio J. ), quando invece parecchi nel nordeuropa amano l’Italia e NON la vogliono ridotta ad un cesso. Pensiamo un po’ a noi, invece e senza prendere sempre il punto di vista dell’ ‘altro’ per giudicarci e per fare le cose. La logica prima che la politica dice che dobbiamo tirarci fuori da questa situazione negativa insieme alle parti sane della vita, come individui e come società intera, tutti insieme, levandoci di dosso le parti malate: guarire accettando tutto e tutti somiglia a quel prete dell’Armata Brancaleone che volendo attirarsi meriti dell’aldilà baciava i lebbrosi…e che sprofondò giù dal ponte. Bergoglio gli assomiglia parecchio…e la Alessandra dovrebbe andare in certi paesi, laddove alle donne è negata persino la parola. Dunque, separare, responsabilizzare, individuare le aree a rischio, modificare le… Leggi tutto »

spadaccinonero
spadaccinonero
18 Aprile 2016 19:54

chi disprezza compra, cara ale XD

ma si può mettere in home sta roba?
FBF
FBF
18 Aprile 2016 22:14

L’Italia con quasi 8.000 chilometri di coste è considerata indifendibile? 

Strano poiché abbiamo la Guardia Costiera più  grande degli Stati Uniti. 
Comunque sia … se l’Italia si chiude in se stessa lo fa per un motivo …
Stiamo a vedere … 
clausneghe
clausneghe
18 Aprile 2016 22:58

Brava Alessandra, un fulminante pezzo che ben descrive questa Italia degli Italioti.

Leghisti per primi.
temuchindallaCina
temuchindallaCina
19 Aprile 2016 8:11

sono stato il mese scorso in Austria….è diventato un paese irriconoscibile, dove sono finiti i cittadini autoctoni??? sembrava di stare ad Algeri o a Dacca, un vero schifo!

temuchindallaCina
temuchindallaCina
19 Aprile 2016 8:12

straquoto! (come al solito) 😉

Fischio
Fischio
19 Aprile 2016 8:34

La storia degli ultimi 100 anni dimostra che sempre i padroni hanno fomentato l’odio razziale per dividere i lavoratori. Inizialmente le donne lavoratrici venivano etichettate come coloro che toglievano lavoro agli operai maschi. Successivamente è toccato ai meridionali che toglievano il lavoro ai settentrionali, poi ad albanesi, polacchi, rumeni, ucraini, che toglievano lavoro agli italiani. L’ultima delle bufale razziste afferma che gli immigrati riceverebbero 40€ al giorno dallo Stato. Niente di più falso! Innanzitutto è bene chiarire che gli immigrati clandestini non ricevono neanche un soldo dallo Stato (se sono clandestini – quindi senza documenti regolari – come possono ricevere soldi dalle istituzioni?). In realtà chi percepisce qualcosa sono i rifugiati politici, ma ricevono solo 2,50€ al giorno (neppure i soldi bastevoli per un pacchetto di sigarette!). Sul dramma degli immigrati speculano false cooperative – vere e proprie società capitalistiche dove i lavoratori non hanno alcun diritto – del giro del PD e gli stessi fascisti, che costruiscono le campagne di odio razziale. L’inchiesta Mafia Capitale, ad esempio, ha dimostrato che sui rifugiati politici fossero proprio fascisti e Partito Democratico a guadagnarci. I famosi “40€” al giorno li ricevono, in realtà, gli albergatori che gestiscono i centri di prima accoglienza,… Leggi tutto »

venezia63jr
venezia63jr
19 Aprile 2016 11:13

Strano che carmilla si accorga della differenza fra pulito e sporco, io ho sempre visto quelli di razza comunista, ( I comunisti sono una razza, osservateli visto uno visti tutti.)sempre sporchi, poco curati, vestono stracci che hanno pagato un occhio della testa, ma quando amministrano il territorio che si sono presi lo rendono un immondezzaio, chiudono i centri storici e lasciano ai cittadini l’onere di arrangiarsi, aumentano le tasse, installano autovelox ad ogni angolo, non puliscono le citta’, tagliano gli alberi per non pulire, aspettano che la pioggia ripulisca le strade, hanno eliminato tutte le fontane pubbliche, i bagni pubblici, infatti gli stranieri pisciano ovunque,
io vivo a mestre e sembra una citta’ dopo un bombardamento, c’e’ un tram francese che e’ ormai un sogno vederlo circolare ogni giorno.
Non capisco poi come facciano a voler dare ospitalita’ se poi e’ la comunita’ da loro tartassata che deve sobbirsi gli stranieri.
Le pantegane veneziane messe al posto di comando hanno molto piu’ rispetto del territorio dove vivono.

mda1
mda1
19 Aprile 2016 13:04

che cumulo di cazzate.
indifendibile.
non entra uno spillo infiliato in un culo che non si voglia.
ma i migranti sono un bel business per l’italietta de-industrializzata.
per l’italietta e per gli tagliani brava gente che magnano sui migranti.
 per l’europa no.
tutto qui.
razzismo. muri. e cazzate di gente che dovrebbe andare in miniera c’entrano nulla.

mda1
mda1
19 Aprile 2016 13:10

quanti migranti ci sono nella redazione di carmilla?
zero o zero ?
sono forse razzisti ?
io dico che tra i milioni dimigranti sbarcati se ne trovano molti che possono fare il lavoro meglio della signora daniele.
diano un posti di lavoro a qualche migrante, mgari lasciando a casa chi scrive al calduccio della gran cazzate ….

mda1
mda1
19 Aprile 2016 13:16

la BALLA dei migranti che portano ricchezza e pagano le pensioni era da un pò che non si sentiva.
prova a contare anche i 10 miliardi che escono ogni anno dall’italia direzione resto del mondo.
tanto x cominciare.

http://orizzonte48.blogspot.it/2015/09/immigrazione-dati-spinnati-degli.html

lanzo
lanzo
19 Aprile 2016 14:30

Chissa’ se mai verra’ a galla quanto la M.M. ci lucra a raccogliere i profughi, Uriel ne aveva parlato dettagliatamente tempo fa.

Poi anche lui ha deciso di eclissarsi.
lanzo
lanzo
19 Aprile 2016 14:35

Sono d’accordo  con la Daniele, non fatevi illusioni un italiano e’ considerato poco piu’ di un marocchino, Salvini potrebbe essere, somaticamente parlando, anche magrebino e cosi’ la Raggi – la stessa cosa non si potrebbe dire per la Le Pen. 

olmo
olmo
19 Aprile 2016 15:48

Solo chi è profondamente razzista, perchè ci crede, parla sempre di razzismo che in un secondo momento diventa un artificio retorico per zittire chi è "indegno".
Il resto sono luoghi comuni di Gaberiana memoria e fonti confindustriali e padronali a sostegno delle proprie tesi!
Complimenti!

MarioG
MarioG
19 Aprile 2016 16:44
Se non e’ delirante questo commento…

Poi sono gli altri che hanno le fisime razziste!

Come dicevo prima: o si e’ per l’ immigrazione controllata o si e’ razzisti patologici: questo l’orizzonte di certi commenti.
Come se gli Austriaci preparassero il blocco del Brennero per paura di una invasione di italiani-mangia-spaghetti!
In realta’ sanno che stanno sbarcando migliaia di clandestini ogni settimana e non si vedono interruzioni. Anzi, ci aspettano anche quelli che saranno deviati dalle rotte balcaniche ormai chiuse.
E sanno che una buona parte si avvieranno verso nord.
Questa e’ la realta’!
E quindi fanno benissimo. Chi fa male siamo noi, anche grazie a chi e’ capace di perle come queste.
Seminare idee e complessi autodiscriminatori demenziali  e’ solo un patetico tentativo di chi e’ ormai a corto di argomenti razionali.

patrocloo
patrocloo
19 Aprile 2016 18:08

E’ quel che mi chiedo anch’io. Purtroppo non è la prima volta che CdC posta articoli ripresi da Carmilla, il sito che ha inventato i fantomatici rossobruni ed è il riferimento culturale dello zeccame da centro sociale tanto per intenderci (chissà chi li finanzia?)

egenna
egenna
20 Aprile 2016 7:42

Io ho versato tutti i contributi allo stato quando lavoravo,quindi la mia pensione me la sono pagata,non erano versamenti nominali,se lo stato o chi per lui ha rubato o amministrato male i miei soldi,io cosa centro!!??

Stai raccontando delle [email protected]@ate ,secondo me, suvvia"stai sereno".
Cordiali saluti
egenna
egenna
20 Aprile 2016 7:43

Io ho versato tutti i contributi allo stato quando lavoravo,quindi la mia pensione me la sono pagata,non erano versamenti nominali,se lo stato o chi per lui ha rubato o amministrato male i miei soldi,io cosa centro!!??

Stai raccontando delle [email protected]@ate ,secondo me, suvvia"stai sereno".
Cordiali saluti
Sven
Sven
24 Aprile 2016 8:00

Questo genere di articoli dà per scontate cose non vere: anche la Spagna ha tanti Km di coste, eppure pattuglia i suoi mari, le enclave marocchine e le Canarie e non è un albergo aperto come l’Italia.Inoltre si parte da un argomento per sparare contro Salvini (che fa comunque dell’emergenza profughi un cavallo di battaglia elettorale senza probabilmente avere le idee molto chiare).Aggiungiamoci l’ (anti) Papa massone che fomenta gli arrivi e per il quale i migranti sono la cosa più importante. Mi domando per quale ragione lui ed altri non si siano mai preoccupati dei baraccati del terremoto di Messina, dell’Aquila, di Modena, dei palestinesi vittime di genocidio. Per quali ragioni le operazioni psicologiche mediatiche abbiano sfruttato l’immagine del piccolo Aylan annegato sul bagnasciuga in Grecia e non tanti bimbi libanesi, palestinesi, afghani, vittime di bombardamenti. Già un sito che si chiama Carmillaonline dice chiaramente qual’è l’humus di provenienza: centri sociali, antagonismo bivalente (un po’ servo del capitale e dell’ideologia mondialista-internazionalista, un po’ ribelle e casinista) No Borders… Questa gente sta portando avanti in mezza Europa forme di sostegno criminale all’invasione dei migranti, che a tutti gli effetti è incontrollata, grazie ad una legislazione permissiva. I paesi seri e… Leggi tutto »

mda1
mda1
24 Aprile 2016 16:23

Nel 2016 ormai i favorevoli all’immigrazione sono soltanto le classi dominanti non toccate dal fenomeno (pollitici, magistrati, sindacalisti, giornalisti), chi li protegge (forze dell’ordine in generale), e chi ci magna sopra (hotel che altrimenti fallirebbero, gente che lavora x 3lire di rimborso spese  nel no-profit di sto cazzo, i boss della cooperazione sociale).

E gli stupidi.
Il restante 90%  subisce. Che sia mai che ti arriva a casa il poliziotto in cerca delle bombe.
sentinella
sentinella
29 Aprile 2016 19:16

Detesto Salvini ma credo che l’Austria abbia tutto il diritto di controllare le sue frontiere visto che l’Italia se ne frega. Non c’è più trippa per gatti qua. E’ finita non abbiamo neanche i soldi per pagare i ticket. Senza contare che li manteniamo i nostri Comuni destinano centinaia di migliaia di Euro in aiuti agli immigrati che figliano come topi e noi non ce lo possiamo permettere perché non ci aiuta nessuno. Basta non li vogliamo qui….