La Cina minaccia di trattenere tutte le esportazioni mediche verso gli USA: “Gli Stati Uniti devono delle scuse alla Cina”

Il 3 marzo l’agenzia di stanpa ufficiale del partito comunista cinese, Xiahuanet, ha pubblicato un articolo da far gelare il sangue agli interi Stati Uniti, ipotizzando la chiusura delle esportazioni mediche, per poi tranquillizzare che ciò non accadrà.

Una vera minaccia o propaganda da prova di forza rivolta al popolo cinese? O un modo per giustificare la chiusura di interi stabilimenti causa pandemia, che sarebbemolto distante dall’essere risolta, come sostiene l’editore di di alt-market.com, sito da cui abbiamo estratto e tradotto l’articolo?

 

Daisy Luther

theorganicprepper.com

 

Dal momento in cui Cina ha presumibilmente fermato la diffusione dell’epidemia di Covid-19 iniziata a Wuhan, sembra che sia tornata a considerare gli Stati Uniti un nemico. Su Xiahuanet, l’organo di stampa del Partito comunista, hanno minacciato di trattenere tutte le esportazioni mediche verso gli Stati Uniti, chiedendo allo stesso tempo “scuse” agli Stati Uniti e “gratitudine” al resto del mondo.

Questo arriva nel punto più cruciale di un’epidemia che ha avuto origine nel loro paese.

Perché la Cina è arrabbiata con gli Stati Uniti?

Xinhuanet è la più grande agenzia di stampa cinese, e molto “influente”. È l’agenzia di stampa ufficiale dello stato, quindi tutto ciò che si trova sul sito web è direttamente dal governo cinese. Un articolo intitolato “Il mondo dovrebbe ringraziare la Cina”, pubblicato il 4 marzo, parlava dell’epidemia di Covid-19 negli Stati Uniti.

L’articolo suggerisce che i dati degli Stati Uniti sono sospetti perché tutti i casi di coronavirus devono essere confermati dal CDC [Centers for Disease Control]. (Non posso non essere d’accordo con loro che i nostri numeri sono discutibili). L’articolo mostra una fotografia di persone che pregano alla Casa Bianca per sottolineare quanto sia “nervoso” il Presidente Trump riguardo al virus. (Questa foto era in realtà di un incontro che il Vice Presidente ha avuto sul virus in rapida diffusione, al contrario del Presidente).

Xinhuanet prosegue dicendo che Trump ammira il modo in cui hanno gestito la crisi e che le sue “osservazioni sono venute dal profondo del cuore”.

Allo stesso tempo, Xinhuanet ha criticato il maltrattamento percepito dagli Stati Uniti nei confronti della Cina, citando il divieto di viaggio e l’evacuazione dei cittadini americani da Wuhan, il cuore dell’epidemia. Questo ha fatto sì che, secondo la Xinhuanet, anche altri Paesi abbiano “isolato” la Cina dal resto del mondo, causando loro un danno economico.

Una versione tradotta dell’articolo dice:

Queste pratiche negli Stati Uniti sono molto scortesi. Possono essere descritte come cadere a terra e uccidere le persone mentre sono malate. (fonte)

E ora, se si deve credere che la Cina abbia contenuto l’epidemia e che sia tornata a fare affari come al solito, forse vorrà vendicarsi di questa “scortesia”. (E naturalmente, questa rimane la domanda – possiedono attualmente la capacità di fabbricare questi prodotti medici o è tutto un modo per salvare la faccia, perché la loro forza lavoro è decimata e il virus in realtà non è affatto contenuto?)

In che modo la Cina ha minacciato gli Stati Uniti?

Nell’articolo, la Cina suggerisce che potrebbero facilmente pareggiare i conti con gli Stati Uniti per il maltrattamento che hanno percepito nei confronti della Cina durante l’epidemia, tagliando le forniture mediche mentre noi siamo nel bel mezzo della nostra stessa epidemia.

Se la Cina volesse vendicarsi contro gli Stati Uniti in questo momento, oltre ad annunciare il divieto di viaggio negli Stati Uniti, annuncerà anche il controllo strategico sui prodotti medici e vieterà le esportazioni verso gli Stati Uniti. In seguito gli Stati Uniti saranno catturati nell’oceano dei nuovo coronavirus.

Secondo i funzionari del CDC statunitense, la maggior parte delle maschere negli Stati Uniti sono prodotte in Cina e importate dalla Cina. Se la Cina vieta l’esportazione di maschere verso gli Stati Uniti, gli Stati Uniti cadranno nella penuria di maschere, e le misure più basilari per prevenire il nuovo coronavirus saranno inattuabili.

Sempre secondo i funzionari del CDC statunitense, la maggior parte dei farmaci negli Stati Uniti sono importati, e alcuni farmaci sono importati dall’Europa. Tuttavia, l’Europa colloca la base di produzione di questi farmaci anche in Cina, quindi più del 90% dei farmaci importati dagli Stati Uniti dipendono dalla Cina. L’implicazione è che in questo momento, se la Cina annunciasse che i suoi farmaci sono una priorità interna alla nazione e ne vietasse l’esportazione, gli Stati Uniti cadranno nell’inferno dell’epidemia di polmonite da coronavirus. (fonte)

Nel paragrafo successivo, Xinhuanet dice sostanzialmente: “No, non preoccupative. Siamo pieni d’amore”.

Tuttavia, c’è un grande amore nel mondo. Il popolo cinese e il governo cinese non l’hanno mai fatto. Non hanno insultato gli Stati Uniti, né hanno vietato l’esportazione di maschere e medicine negli Stati Uniti. (fonte)

Poi l’articolo suggerisce che gli Stati Uniti, se non il mondo intero, devono alla Cina le scuse dovute alla nostra copertura mediatica dell’epidemia di Wuhan e ai commenti fatti sull’epidemia da parte di funzionari governativi come il Segretario del Commercio Rose, il Segretario di Stato americano Pompeo e il consigliere economico della Casa Bianca Navarro. Dicono che questi funzionari hanno “gongolato” sull’epidemia di coronavirus e l’hanno vista come un’opportunità per far uscire la produzione americana dalla Cina.

L’articolo dice che non solo il mondo dovrebbe scusarsi con la Cina, ma che dovrebbe ringraziare la Cina perché “ha fatto enormi sacrifici, ha pagato enormi costi economici e ha sconfitto il nuovo coronavirus”.

Ora dovremmo giustamente dire che gli Stati Uniti devono delle scuse alla Cina, e il mondo deve alla Cina una gratitudine. Senza l’enorme sacrificio e la dedizione della Cina, non sarebbe possibile vincere una preziosa finestra di tempo per il mondo per combattere l’epidemia di polmonite della nuova corona. (fonte)

Questa sembra essere una minaccia diretta contro gli Stati Uniti, ed è una minaccia che abbiamo reso possibile diventando dipendenti da altri paesi per le forniture essenziali.

Gli Stati Uniti sono troppo dipendenti dalla Cina per le necessità mediche.

Gli Stati Uniti sono estremamente dipendenti dalla Cina per i prodotti medici. Tutto, dalle apparecchiature mediche diagnostiche alle maschere ai farmaci, viene prodotto in Cina e poi esportato negli Stati Uniti per essere utilizzato dai nostri cittadini. Questo mette gli Stati Uniti in una situazione estremamente fragile e alla mercé della Cina.

Anche senza che la Cina trattenga intenzionalmente i farmaci, gli Stati Uniti sono già preoccupati per un’interruzione della catena di fornitura, dato che le fabbriche sono state chiuse per circa due mesi a questo punto. Quanto dovremmo essere preoccupati? Secondo un rapporto sulla Vox, è preoccupante, soprattutto se l’epidemia si diffonde in altri luoghi che producono farmaci come l’India.

La carenza di farmaci potrebbe non essere avvertita immediatamente, dato che molte aziende accumulano ingredienti o forniture per proteggersi da interruzioni impreviste, o hanno dei licenziamenti – nel senso che si affidano a fabbriche in luoghi diversi – integrati nelle loro catene di fornitura.

E la realtà è che, con o senza il coronavirus, la carenza di farmaci è un problema perenne negli Stati Uniti. Ma un’emergenza acuta come un’epidemia di virus, ma anche un disastro naturale o un evento geopolitico come una guerra commerciale, può minacciare di peggiorare le cose.

“Si adatta a una sorta di scenario di cui ci preoccupiamo da tempo sul campo”, mi ha detto Cornelius Clancy, professore associato di medicina e direttore del laboratorio di patogeni XOR dell’Università di Pittsburgh. “Non ci vorrebbe molto per esporre le vulnerabilità della catena di approvvigionamento”. (fonte)

E l’articolo di Vox parlava della carenza come sottoprodotto della pandemia. Immaginate quanto sarebbe grave la carenza se la Cina trattenesse deliberatamente tutte le esportazioni di prodotti medicali verso gli Stati Uniti.

Quali forniture mediche potrebbero esserne colpite?

Dipendiamo dalla Cina per un numero sconvolgente di forniture mediche e farmaci e questo ci mette in una posizione estremamente vulnerabile. In un recente articolo ho elencato alcune delle cose che importiamo dalla Cina. L’elenco comprende:

Dispositivi medici
Elettromagnetici
Attrezzature da laboratorio per tutte le applicazioni
Coenzima Q10 (ubidecarenone) integratore per la salute del cuore che aumenta l’ossigeno
Farmaci di chinone, compresi i kit per il test della malaria
Farmaci aromatici derivati da acidi carbossilici con funzione di ossigeno supplementare e loro derivati
Amfetamina (DCI), benzfetamina (DCI), desamfetamina (DCI), etilamfetamina usati per trattare l’ADHD, iperattività, narcolessia, prestazioni atletiche e stimolatore cognitivo
antidepressivi, tranquillanti e altri agenti psicoterapeutici, farmaci monoamminici
farmaci cardiovascolari di amino-composti con funzione di ossigeno
agenti dermatologici e anestetici locali
Lidocaina
farmaci per l’aumento dell’ossigeno per la respirazione per i pazienti cardiopatici e asmatici
Farmaci per l’anestesia
Farmaci tiroidei, farmaci ormonali
Farmaci contro la tubercolosi
Farmaci antimalaria
Prodotti immunologici e farmaci
Vaccini per la medicina umana
Vaccini per la medicina veterinaria
Sangue umano; sangue animale preparato per usi terapeutici, profilattici, diagnostici; tossine, colture di microrganismi
Antibiotici
Farmaci per il diabete, strisce reattive, siringhe
Farmaci per l’asma
Efedrina, pseudoefedrina, norefedrina – vasodilatatori
Altri farmaci contenenti alcaloidi o derivati
Medicinali contenenti vitamina B2 sintetizzata da composti aromatici o mod. aromatici, in forma di dosaggio o confezionati per la vendita al dettaglio
Medicinali contenenti vitamina B12 sintetizzata da composti aromatici o mod. aromatici, in forma di dosaggio o confezionati per la vendita al dettaglio
Medicinali contenenti vitamina E sintetizzata da composti aromatici o mod. aromatici, in forma di dosaggio o confezionati
Medicazioni adesive e altri articoli con uno strato adesivo, rivestiti o impregnati di sostanze farmaceutiche, confezionati per la vendita al dettaglio
Erbicidi
La trietanolammina che influisce sui tensioattivi (qualsiasi detergente), sugli emulsionanti e sui cosmetici
Catgut chirurgico sterile, materiali di sutura, adesivi per tessuti per la chiusura della ferita, laminaria, tende per laminaria e emostatico assorbibile.
Algine utilizzate come addensanti o stabilizzanti in prodotti alimentari e altri prodotti.
Farmaci usati per dilatare la cervice
Reagenti per il gruppo sanguigno – analisi del sangue medico
Preparazione opacizzante per l’esame radiografico; reagente diagnostico progettato per essere somministrato al paziente come il Bario per la serie GI, coloranti e macchie per altri test radiologici
Antigeni o antisieri antisiero. Un siero contenente anticorpi specifici per uno o più antigeni. Chiamato anche siero immunitario. Siero umano o animale che contiene uno o più anticorpi specifici per uno o più antigeni e viene somministrato per conferire immunità.
Torio – ricopre i filamenti di tungsteno utilizzati nelle vecchie lampadine, nei televisori, nell’elettronica, ecc.
Cemento dentale e altre otturazioni dentali; cemento per la ricostruzione ossea
Preparati contraccettivi chimici a base di ormoni o spermicidi, anticoncezionali
La preparazione del gel usa il lubrificante della medicina umana/veterinaria nelle operazioni chirurgiche, nell’esame fisico, o nell’agente di accoppiamento tra corpo e strumento medico, come KY Jelly
Apparecchi identificabili per stomia

Se la Cina staccasse la spina a queste importazioni, sia per dolo o perché non è stata in grado di produrle a causa dell’epidemia di Covid-19, molte persone negli Stati Uniti soffrirebbero e morirebbero per questo motivo.

Questa dovrebbe essere una lezione per gli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti non sono più una nazione di produttori, ma una nazione di consumatori. Questo potrebbe rapidamente tornare a morderci le spalle, come stiamo vedendo in questo momento con gli scaffali vuoti dei negozi in tutto il paese e i porti vuoti, il che significa che il ripopolamento non avverrà subito.

Il nostro merchandising just-in-time è pericoloso. Anche qualcosa come i camion che bloccano le consegne negli Stati Uniti potrebbe causare il caos in meno di una settimana. Immaginate cosa potrebbe succedere se la merce non arrivasse mai.

Se la nostra nazione imparerà una lezione da questa epidemia, si spera, sarà la lezione che le persone autosufficienti già conoscono. Non si può contare sul fatto che gli altri si prendano cura di te quando le cose vanno male. Non potete mettere i vostri bisogni essenziali nelle mani degli altri, in particolare di quelli con cui abbiamo anni di inimicizia e di battibecchi.

Farci tagliare le importazioni di medicinali in qualsiasi momento sarebbe estremamente minaccioso per il benessere di molti americani. Ma farlo accadere nel bel mezzo di un’epidemia che la Cina ha permesso che iniziasse e si diffondesse sarebbe a dir poco catastrofico.

Prima mi chiedevo se Wuhan fosse una città sacrificale negli sforzi della Cina per fermare la diffusione del virus. Ma questo mi fa pensare che non abbiano mai avuto l’intenzione di fermarlo fin dall’inizio. Mentre si stanno (presumibilmente) riprendendo dall’epidemia di Covid-19, gli Stati Uniti e molti altri Paesi hanno appena iniziato a combattere la diffusione. Il sacrificio di Wuhan è stato in realtà ancora più oscuro del previsto?

È possibile che una diffusione globale di un virus che molti ritengono essere bioingegnerizzato sia stato il piano fin dall’inizio? Un paese farebbe di un virus la prima ondata di un attacco a questo virus, seguito dal blocco delle forniture mediche?

Dalla moltitudine di teorie del complotto che sono sorte intorno a questo virus, almeno una parte di esse proviene direttamente da un canale ufficiale in Cina: la possibilità di una ritorsione del rifiuto di forniture mediche durante il punto più cruciale dell’epidemia negli Stati Uniti.

 

Link: https://www.theorganicprepper.com/china-withhold-medical-exports/

Fonte: alt-market.com

 

Introduzione e traduzione  per ComeDonChisciotte a cura di Riccardo Donat-Cattin