Gli americani ci prendono tutti di mira: l’alleanza eurasiatica deve essere rafforzata

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Di Leonid Savin, Geopolitica.ru

Nell’ultimo decennio, il crescente riavvicinamento tra Turchia e Russia ha scatenato un enorme dibattito sull’ascesa di un mondo multipolare nei media mainstream occidentali. Pertanto, per comprendere a fondo le dinamiche del dibattito in corso, il famoso avvocato e giornalista turco Ali Göçmen ha intervistato l’esperto di politica russa e vicecapo del Movimento Internazionale dell’Eurasia, il dott. Leonid Savin.

Ali Göçmen: Salve signor Savin, prima di tutto vorrei iniziare con una domanda sugli sviluppi in Afghanistan. Parlando al Congresso degli Stati Uniti il ​​7 novembre 2007, il nuovo presidente della Francia, Nicolas Sarkozy, ha dichiarato: “La Francia rimarrà in Afghanistan il tempo necessario perché ciò che è in gioco in quel Paese sono i nostri valori e i valori dell’Alleanza Atlantica. Lo dico seriamente davanti a voi: il fallimento non è un’opzione”. Nell’ambito di questa conversazione, possiamo dire che non solo l’America, ma i valori atlantici sono stati persi in Afghanistan?

Leonard Savin: Assolutamente. Ciò si è riflesso anche nei discorsi di diversi politici statunitensi. I valori contano. E questo è il fallimento del liberalismo occidentale non solo in Afghanistan ma sulla scena globale. Ma è anche una mancanza di fiducia in Occidente. Anche i partner statunitensi hanno iniziato a discutere su come cambiare in futuro le relazioni con Washington, a causa del suo comportamento in Afghanistan. La frustrazione con la creazione dell’AUKUS e la decisione della Francia di annullare il contratto per i sottomarini australiani è un altro segno dei problemi di fiducia all’interno della comunità transatlantica.

La Turchia come leader regionale e decisore

Ali Göçmen: Lei ha detto a lungo che l’ordine mondiale unipolare è giunto alla fine. Molti analisti affermano che il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan è una proclamazione simbolica di un mondo multipolare. Ora il monologo è finito e il numero degli oratori è in aumento. Che ruoli può giocare la Turchia come Polo importante soprattutto nel mondo islamico nel nuovo periodo?

Leonard Savin: La Turchia si è già dichiarata leader regionale e decisore. Tuttavia, ci sono ancora alcune tensioni con i Paesi arabi e le reazioni negative di alcune forze alla presenza turca in Siria e Iraq. Gli Stati Uniti comprendono le vulnerabilità della Turchia, come la questione curda e probabilmente manipoleranno questo fattore per i propri interessi nella regione. Anche l’Iran è una potenza emergente con un’agenda specifica e Ankara (soprattutto a causa dell’Azerbaigian) dovrà coordinare le proprie attività con Teheran. Dal nostro punto di vista, la Turchia può essere uno dei centri del nuovo ordine mondiale policentrico e un sostenitore dei valori tradizionali. È molto positivo che la Turchia abbia interrotto alcuni degli accordi filo-occidentali che stanno facendo esplodere bombe a orologeria per la società turca. Ma Russia, Cina, ecc. in Eurasia, dovrebbero avere buone relazioni pragmatiche con altri centri di potere come la Turchia.

Ali Göçmen: All’inizio di settembre, il filosofo russo Aleksandr Dugin ha scritto un articolo intitolato “La fine del mondo unipolare invece della fine della Storia”: “Ci sono voci secondo cui l’amministrazione Biden sta pianificando di usare gli estremisti contro Cina e Russia, liberando così le mani dei talebani (considerata un’organizzazione terroristica vietata in Russia)”, ha scritto Dugin nel suo articolo. Pensa che sia possibile?

Leonard Savin: Provocano e attaccano la Russia ogni volta e continueranno a farlo in futuro. [Bisogna] Combattere la pressione dell’Occidente su Mosca con altri mezzi, come disinformazione, operazioni speciali, guerra per procura (dove il terrorismo è utile), leggi, sanzioni, diplomazia preventiva… E non solo Mosca. Non dimentichiamo che alcune sanzioni sono state imposte dagli USA e dai loro alleati anche alla Turchia! Tuttavia, l’Afghanistan ha un impatto su alcuni Paesi dell’Asia centrale nel campo degli interessi russi. Quindi Mosca deve reagire anche lì. E la Russia è pronta.

In Siria: i passi da fare

Ali Göçmen: Come ho detto, all’inizio di settembre, il filosofo russo Aleksandr Dugin ha scritto un articolo intitolato “La fine del mondo unipolare invece della fine della Storia”. Anche se ci sono stati alcuni disaccordi nel corso della Storia, Russia e Turchia sono fondamentalmente due amici intimi. Di recente, queste relazioni amichevoli sono diventate ancora più forti. Infine, gli sforzi disinteressati dei piloti russi nei grandi incendi boschivi di agosto sono stati accolti con gratitudine dalla nazione turca. L’attuale tensione tra Turchia e Russia si concentra sulla Siria. Come possono la Turchia e la Russia, i due importanti attori del mondo multipolare, superare la crisi in Siria?

Leonard Savin: Il fatto è che la Russia è stata invitata in Siria dal governo legale. E dopo dieci anni di conflitto, il governo siriano è ancora al potere. La presenza russa è stata fissata da trattati. Da un punto di vista razionale, il continuo sostegno della Turchia ai gruppi militanti avrà l’effetto opposto. Ora le tensioni sono intorno alla provincia siriana di Idlib. Ci sono anche i curdi. La situazione è complessa. Ma la Turchia ha avviato il processo di normalizzazione con i Paesi arabi e ne stiamo vedendo i frutti. Ad esempio, l’attività di opposizione dei media egiziani è ora vietata in Turchia. Lo stesso processo è richiesto per la Siria. E la Russia accoglierà sempre con favore tali passi.

Ali Göçmen: Ora voglio parlare della politica eurasiatica. L’ideale dell’Eurasiatismo non è solo una questione di relazioni internazionali, ha una forte filosofia. Lo sappiamo. Uno di questi è la conservazione della famiglia e dei valori tradizionali per la riabilitazione delle istituzioni sociali corrotte dall’egemonia liberale. Che cosa si può fare per far rivivere la tradizione in un mondo multipolare? Ad esempio, cosa ne pensa del matrimonio gay, del femminismo radicale, della lotta all’eutanasia?

Leonard Savin: Vede, la maggior parte dei problemi con l’erosione delle nostre società tradizionali provengono dall’Occidente. Le deviazioni esistono in ogni società. La domanda è come affrontarle. Nelle tribù dei nativi americani delle Americhe, l’omosessualità era definita come la colpa della coordinazione tra anima e corpo. Se il corpo è sbagliato, il comportamento perverso inizia nell’anima (con il sesso opposto). Quindi si tratta di spiritualità. Si può trovare risposte a tali domande nelle religioni perché riguardano Dio, l’eternità, il nostro destino e nemici spirituali come i demoni. Non ci sono risposte a tali domande nella cultura occidentale materiale, la sola psicoanalisi in sé è distruttiva. Questo è il motivo per cui tali attività sono esaltate politicamente in Occidente. Il fondamento spirituale viene distrutto, i problemi crescono. Ecco perché siamo nel multiculturalismo, nel transumanesimo, nell’LGBT, ecc. Hanno deciso di convertirsi.

Il virus che perde a Sinistra

Ali Göçmen: Vorrei condividere un aneddoto che mi è rimasto in mente: il campanile di una chiesa del villaggio era sullo sfondo nei manifesti elettorali di Mitterrand, l’ex presidente della Francia… Ciò significa: “sono francese, non americano. Questa è la Francia, non Disneyland! Sono nell’era classica della muratura in pietra, non delle torri d’acciaio.” Mitterrand era un socialista. Ma oggi, a sinistra, i partiti socialisti si mettono alle spalle gli striscioni LGBT. Pensa che un orientamento di Sinistra nazionale e tradizionale sia possibile in un mondo multipolare?

Leonard Savin: L’idea più forte all’interno delle organizzazioni e dei partiti di Sinistra era la giustizia. Ma la giustizia non è monopolio della Sinistra. È il nucleo delle due principali religioni del mondo, il cristianesimo e l’islam. È interessante che alcuni partiti socialisti utilizzino il cristianesimo per scopi politici (come in Venezuela sotto Hugo Chávez o in America Latina in generale, dove è nata la dottrina cattolica della teologia della liberazione). Ma l’applicazione delle perversioni omosessuali e di altro tipo alla politica di Sinistra sembra devastante anche per loro. Inoltre, la scuola neo-marxista di Francoforte, sviluppata con il sostegno della CIA, ha una forte influenza come attacco ideologico contro l’Unione Sovietica. Il vecchio veleno è ancora efficace anche dopo che l’obiettivo è stato eliminato diversi decenni fa. Nel frattempo, Karl Marx ha usato le idee di Adam Smith nel suo “Il Capitale”, quindi le idee di Sinistra hanno le loro radici lì. Certo, dobbiamo adattare il nostro approccio alla visione economica e riorganizzare le nostre teorie. L’economia non può essere fine a sé stessa, è una sorta di ambiente, un processo di costruzione della casa nelle nostre culture. In effetti, ho richiamato l’attenzione su questo problema nel mio libro “Ordo Pluriversalis: Revival of the Multipolar world order”, che discute la connessione tra diverse religioni e modelli economici.

Ali Göçmen: Spero che il suo libro venga tradotto in turco e che incontri presto i lettori turchi. Grazie per il suo tempo, signor Savin.

Di Leonid Savin, Geopolitica.ru

*****************************************************

Articolo originale di Leonid Savin:

https://www.geopolitica.ru/en/article/usa-targeting-us-all-eurasian-alliance-must-be-strengthened

Traduzione di Costantino Ceoldo

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
23 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
23
0
È il momento di condividere le tue opinionix