GINO STRADA E’ UN IMPERIALISTA. QUALCUNO LO VEDE ?

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

blank

DI PAOLO BARNARD
PaoloBarnard.info

L’articolo è stato aggiornato (h.11.50)

Gino Strada l’ha rifatto. Nella primavera del 2007 lo trovammo a sbraitare insulti al governo afghano per il caso Hanefi. Io scrissi allora: “Gino Strada da settimane si scaglia con crescente acrimonia contro il governo Karzai in Afghanistan, reo di violare le più elementari regole del garantismo giuridico con la detenzione di Ramatullah Hanefi, manager dell’ospedale di Emergency a Lashkargah. Un appello per la liberazione di Hanefi è stato divulgato con firme della posta di Claudio Magris, Enzo Biagi, Gherardo Colombo e Maurizio Costanzo fra gli altri. Il testo comincia con le parole “La Costituzione afghana…”. Ma quale Costituzione? Quella esportata laggiù a colpi di bombe cluster e di migliaia di morti? Quella contemplata con stupore dagli afghani nella speranza che qualunque cosa fermi le stragi della NATO e le inaudite violenze dei ceffi dell’Alleanza del Nord?… Cioè la più classica “Constitution at gunpoint” per promuovere la “Democracy at gunpoint”? Quella? Sì, proprio quella…Risulta a qualcuno che i pastori tagiki, che i commercianti
pashtun, o che le donne hazara se li siano mai scelti quei diritti? Sappiamo
almeno se li condividono? Cosa hanno da spartire le regole delle democrazie
parlamentari europee con duemila anni di relazioni tribali centroasiatiche? Con
che diritto l’Italia, Gino Strada e l’intellighenzia al suo seguito pretendono
il rispetto di regole e di diritti che con secoli di vita afghana c’entrano
come la laparoscopia con lo sciamanesimo? Importa qualcosa che a magistrati, a medici
e a giornalisti cresciuti su un altro pianeta certe regole afghane creino
sgomento e riprovazione? Sono afghane, sono le loro regole… Se si sancisce il diritto di una potenza conquistatrice di imporre ad un altro Paese le sue regole di “giustizia occidentale ora, subito!” a suon di proteste, di insulti, di ricatti commerciali e di missili, caro Gino, allora
sanciamo fin da ora il diritto dei talebani o dei cinesi di gridare “tortura e pena di morte ora, subito!” se mai capiterà che un giorno siano loro ad avere abbastanza bombe per offrirci la loro Costituzione… Credete voi che la lettera di Strada, Gherardo Colombo e soci sarebbe mai giunta a
Kabul senza il dettaglio di questa orribile invasione? La realtà, per chi vuole vederla, è che Gino Strada, proprio lui, si è accodato al più classico imperialismo culturale, sbraitando agli afghani “giustizia occidentale ora, subito!”.

Oggi Strada sbraita di nuovo … adesso è ora che chi di dovere tiri
fuori i nostri ragazzi. Può farlo, bene e in fretta, glielo ricorderemo sabato
pomeriggio in piazza Navona a Roma… Fossero stati tre cittadini americani erano
liberi in tre minuti
”.

Invito chiunque sia
ancora in possesso di una mente libera, e di un’elementare avversione per
l’ipocrisia, ad analizzare quelle parole. Il governo di un Paese che lo stesso
Strada auspica sia lasciato libero di autodeterminarsi, arresta tre italiani.
Se quel Paese ha diritto di essere libero, ha diritto di esserlo anche quando
fa ciò che non piace al dott. Gino Strada, che invece si appella ora a cani e
porci, e da cani e porci pretende che i suoi amici siano tirati fuori qui e
ora. Già in questo il chirurgo italiano sfonda il muro dell’ipocrisia e il pozzo della dignità facendo leva per i propri fini esattamente su coloro che più disprezza. Come chi combatte la massoneria con strali e gran chiasso, poi però chiede al massone vicino di casa una parolina per sistemare il figlio in banca.

I suoi amici sono innocenti, chi li ha arrestati è di sicuro un barbaro mentitore, e in tal modo il processo, la sentenza e l’appello sono stati già
pronunciati… da Strada, non dagli afghani.

Ma gli afghani, chiedo
scusa, dove stanno in tutto questo? Stanno nell’androne dei negri, come lo stavano
i palestinesi per Chaim Weizmann a inizio ‘900, cioè non esistono. Quando si
tratta degli amici di Gino Strada, gli afghani devono sparire e consegnare
chiunque senza fiatare. Non hanno diritto di istruire un processo, non hanno
diritto di architettare un arresto (se di congiura si tratta) come ne architettiamo noi
a centinaia; cioè di viversi e risolversi i fisiologici mali della crescita civile nei tempi storici che noi abbiamo avuto e preteso. No, loro devono uscire dall’utero e diplomarsi l’indomani in modernità scandinava, se no son cani; ricordate Gino e il caso Hanefi? E nulla cambia se si dimostrasse che tutta questa vicenda è opera unicamente delle forze d’occupazione. Strada può fare la voce grossa perché è italiano, perché sa che il nostro governo può a sua volta estendere quella voce grossa all’Afghanistan in quanto potere occupante. Se questo non è colonialismo, imperialismo…, anzi, come ho detto è fin peggio: è usare l’imperialismo mentre lo si disprezza.

Infine, qualcuno a Emergency e dintorni (adoranti) si è preoccupato di capire come gli afghani veri giudicano questa vicenda? Come gli afghani veri si sentono a veder gli italiani arrestati (o i loro protetti) liberati in breve mentre i loro familiari nelle patrie galere (e della Nato) semplicemente vi languiranno all’infinito?

Un arresto deve certamente essere l’inizio di un processo di giustizia e di tutele di diritti, ma ciò per la NOSTRA cultura, NON la loro.
Ficcargli in gola il nostro Diritto a suon d’insulti e manifestazioni di
piazza, a suon di diplomazia e ricatti commerciali, ma anche di bombe in testa,
non va bene. E’ imperialismo culturale caro Gino, e tu sei un imperialista
culturale. Le nostre carceri straripano di senegalesi, più spesso che no innocenti derelitti arrestati dalle questure solo per ‘far opinione pubblica’, ma nessuno da Dakar si è mai permesso di intimare all’Italia processi rispondenti al Diritto tribale africano.

Ciò che un Paese
straniero può e deve fare in questi casi, è di chiedere a Kabul
il rispetto della dignità e della sicurezza degli arrestati, e se possibile un giusto procedimento. Ma solo chiedere, e basta.

Se non capite tutto questo,
non v’è alcuna differenza concettuale fra voi che gridate
giustizia occidentale ora,
subito!
e chi sbraita e pretende “US free market democracy now!” in Iraq, in
Kosovo, in Argentina.

Infine ad Emergency come
organizzazione, e alle ‘belle anime’ altrettanto imperialiste che si sono riversate in piazza a Roma
sabato scorso, ricordo che Medici Senza Frontiere ha avuto una miriade di casi
analoghi (31/5/2005 Dottori Vincent Hoedt e Paul  Foreman arrestati in Sudan; 11/3/2009, quattro medici fra cui l’italiano Mauro D’Ascanio (non se l’è filato nessuno qui) rapiti in
Darfur; 5/3/2010 altri due rapiti ad Haiti, ecc.) senza che in alcun modo
quella organizzazione si allargasse a divenire spettacolo di piazza in una
indecente mescola di politicanti, artisti prezzolati e ‘paladini’ della stampa
a senso unico. Queste ridicolaggini, oltretutto ipocrite, accadono solo in
Italia.

p.s
ho il sospetto che non troverete questa critica pubblicata da Maso Notarianni su Peacereporter. Ma
qui apro un’altra brutta storia… Dopo l’11/9 Bush fu biasimato dalle ‘belle anime’ per aver imposto il suo “O con gli USA o contro gli USA”. Oggi le ‘belle anime’ di Strada impongono lo stesso ricatto, “O adori Emergency o sei contro Emergency”, la critica non è ammessa. Ne so qualcosa…

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=178
18.04.2010

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
181 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
181
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x