Home / ComeDonChisciotte / GINO STRADA E’ UN IMPERIALISTA. QUALCUNO LO VEDE ?

GINO STRADA E’ UN IMPERIALISTA. QUALCUNO LO VEDE ?

DI PAOLO BARNARD
PaoloBarnard.info

L’articolo è stato aggiornato (h.11.50)

Gino Strada l’ha rifatto. Nella primavera del 2007 lo trovammo a sbraitare insulti al governo afghano per il caso Hanefi. Io scrissi allora: “Gino Strada da settimane si scaglia con crescente acrimonia contro il governo Karzai in Afghanistan, reo di violare le più elementari regole del garantismo giuridico con la detenzione di Ramatullah Hanefi, manager dell’ospedale di Emergency a Lashkargah. Un appello per la liberazione di Hanefi è stato divulgato con firme della posta di Claudio Magris, Enzo Biagi, Gherardo Colombo e Maurizio Costanzo fra gli altri. Il testo comincia con le parole “La Costituzione afghana…”. Ma quale Costituzione? Quella esportata laggiù a colpi di bombe cluster e di migliaia di morti? Quella contemplata con stupore dagli afghani nella speranza che qualunque cosa fermi le stragi della NATO e le inaudite violenze dei ceffi dell’Alleanza del Nord?… Cioè la più classica “Constitution at gunpoint” per promuovere la “Democracy at gunpoint”? Quella? Sì, proprio quella…Risulta a qualcuno che i pastori tagiki, che i commercianti
pashtun, o che le donne hazara se li siano mai scelti quei diritti? Sappiamo
almeno se li condividono? Cosa hanno da spartire le regole delle democrazie
parlamentari europee con duemila anni di relazioni tribali centroasiatiche? Con
che diritto l’Italia, Gino Strada e l’intellighenzia al suo seguito pretendono
il rispetto di regole e di diritti che con secoli di vita afghana c’entrano
come la laparoscopia con lo sciamanesimo? Importa qualcosa che a magistrati, a medici
e a giornalisti cresciuti su un altro pianeta certe regole afghane creino
sgomento e riprovazione? Sono afghane, sono le loro regole… Se si sancisce il diritto di una potenza conquistatrice di imporre ad un altro Paese le sue regole di “giustizia occidentale ora, subito!” a suon di proteste, di insulti, di ricatti commerciali e di missili, caro Gino, allora
sanciamo fin da ora il diritto dei talebani o dei cinesi di gridare “tortura e pena di morte ora, subito!” se mai capiterà che un giorno siano loro ad avere abbastanza bombe per offrirci la loro Costituzione… Credete voi che la lettera di Strada, Gherardo Colombo e soci sarebbe mai giunta a
Kabul senza il dettaglio di questa orribile invasione? La realtà, per chi vuole vederla, è che Gino Strada, proprio lui, si è accodato al più classico imperialismo culturale, sbraitando agli afghani “giustizia occidentale ora, subito!”.

Oggi Strada sbraita di nuovo … adesso è ora che chi di dovere tiri
fuori i nostri ragazzi. Può farlo, bene e in fretta, glielo ricorderemo sabato
pomeriggio in piazza Navona a Roma… Fossero stati tre cittadini americani erano
liberi in tre minuti
”.

Invito chiunque sia
ancora in possesso di una mente libera, e di un’elementare avversione per
l’ipocrisia, ad analizzare quelle parole. Il governo di un Paese che lo stesso
Strada auspica sia lasciato libero di autodeterminarsi, arresta tre italiani.
Se quel Paese ha diritto di essere libero, ha diritto di esserlo anche quando
fa ciò che non piace al dott. Gino Strada, che invece si appella ora a cani e
porci, e da cani e porci pretende che i suoi amici siano tirati fuori qui e
ora. Già in questo il chirurgo italiano sfonda il muro dell’ipocrisia e il pozzo della dignità facendo leva per i propri fini esattamente su coloro che più disprezza. Come chi combatte la massoneria con strali e gran chiasso, poi però chiede al massone vicino di casa una parolina per sistemare il figlio in banca.

I suoi amici sono innocenti, chi li ha arrestati è di sicuro un barbaro mentitore, e in tal modo il processo, la sentenza e l’appello sono stati già
pronunciati… da Strada, non dagli afghani.

Ma gli afghani, chiedo
scusa, dove stanno in tutto questo? Stanno nell’androne dei negri, come lo stavano
i palestinesi per Chaim Weizmann a inizio ‘900, cioè non esistono. Quando si
tratta degli amici di Gino Strada, gli afghani devono sparire e consegnare
chiunque senza fiatare. Non hanno diritto di istruire un processo, non hanno
diritto di architettare un arresto (se di congiura si tratta) come ne architettiamo noi
a centinaia; cioè di viversi e risolversi i fisiologici mali della crescita civile nei tempi storici che noi abbiamo avuto e preteso. No, loro devono uscire dall’utero e diplomarsi l’indomani in modernità scandinava, se no son cani; ricordate Gino e il caso Hanefi? E nulla cambia se si dimostrasse che tutta questa vicenda è opera unicamente delle forze d’occupazione. Strada può fare la voce grossa perché è italiano, perché sa che il nostro governo può a sua volta estendere quella voce grossa all’Afghanistan in quanto potere occupante. Se questo non è colonialismo, imperialismo…, anzi, come ho detto è fin peggio: è usare l’imperialismo mentre lo si disprezza.

Infine, qualcuno a Emergency e dintorni (adoranti) si è preoccupato di capire come gli afghani veri giudicano questa vicenda? Come gli afghani veri si sentono a veder gli italiani arrestati (o i loro protetti) liberati in breve mentre i loro familiari nelle patrie galere (e della Nato) semplicemente vi languiranno all’infinito?

Un arresto deve certamente essere l’inizio di un processo di giustizia e di tutele di diritti, ma ciò per la NOSTRA cultura, NON la loro.
Ficcargli in gola il nostro Diritto a suon d’insulti e manifestazioni di
piazza, a suon di diplomazia e ricatti commerciali, ma anche di bombe in testa,
non va bene. E’ imperialismo culturale caro Gino, e tu sei un imperialista
culturale. Le nostre carceri straripano di senegalesi, più spesso che no innocenti derelitti arrestati dalle questure solo per ‘far opinione pubblica’, ma nessuno da Dakar si è mai permesso di intimare all’Italia processi rispondenti al Diritto tribale africano.

Ciò che un Paese
straniero può e deve fare in questi casi, è di chiedere a Kabul
il rispetto della dignità e della sicurezza degli arrestati, e se possibile un giusto procedimento. Ma solo chiedere, e basta.

Se non capite tutto questo,
non v’è alcuna differenza concettuale fra voi che gridate
giustizia occidentale ora,
subito!
e chi sbraita e pretende “US free market democracy now!” in Iraq, in
Kosovo, in Argentina.

Infine ad Emergency come
organizzazione, e alle ‘belle anime’ altrettanto imperialiste che si sono riversate in piazza a Roma
sabato scorso, ricordo che Medici Senza Frontiere ha avuto una miriade di casi
analoghi (31/5/2005 Dottori Vincent Hoedt e Paul  Foreman arrestati in Sudan; 11/3/2009, quattro medici fra cui l’italiano Mauro D’Ascanio (non se l’è filato nessuno qui) rapiti in
Darfur; 5/3/2010 altri due rapiti ad Haiti, ecc.) senza che in alcun modo
quella organizzazione si allargasse a divenire spettacolo di piazza in una
indecente mescola di politicanti, artisti prezzolati e ‘paladini’ della stampa
a senso unico. Queste ridicolaggini, oltretutto ipocrite, accadono solo in
Italia.

p.s
ho il sospetto che non troverete questa critica pubblicata da Maso Notarianni su Peacereporter. Ma
qui apro un’altra brutta storia… Dopo l’11/9 Bush fu biasimato dalle ‘belle anime’ per aver imposto il suo “O con gli USA o contro gli USA”. Oggi le ‘belle anime’ di Strada impongono lo stesso ricatto, “O adori Emergency o sei contro Emergency”, la critica non è ammessa. Ne so qualcosa…

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=178
18.04.2010

Pubblicato da Davide

  • lucamartinelli

    devo ammettere che qualche volta la logica di Paolo Barnard mi sfugge totalmente. anzi, diro’ che non sono riuscito a capire nulla dell’articolo, il che è naturalmente un mio limite. non capisco tra l’altro cosa c’entrino le tradizioni del popolo afgano con la cricca del consigliere Unocal e sindaco di Kabul Karzai e relativa messa in scena che conosciamo. E nemmeno la relazione tra le stesse e l’aggressione nazista della banda Usa. mistero, per me, naturalmente. buona notte a tutti

  • zufus

    Un articolo di cui non si capisce il senso.

    Prendersela con Strada e difendere invece Medici senza Frontiere (con le ombre che si addensano su questa organizzazione).

    A quale scopo?

    Sempre più insopportabile il narcisismo di tale Barnard, che approfitta di qualsiasi situazione per fare il bastian contrario in cambio di un po’ di visibilità.

    Perché continuare a dargli spazio?
  • nettuno

    Paolo io ti voglio bene, ma non esagerare…
    Gino Strada è voce contro la guerra in Afganistan , sta difendendo i suoi Uomini… non sappiamo cosa sta succedendo esattamente..

  • dana74

    io so solo che Strada era lì anche quando governavano i taliban, e bene o male riusciva a fare il suo lavoro di medico, prima dell’invasione Emergency fu l’unica a rimanere, tutte le altre ONG scapparono via…
    proprio nel momento in cui ci sarebbe stato maggior bisogno..
    12 9 2001..il giorno dopo il crollo delle torri cominciò l’esodo delle ONG
    evacuò anche l’OMS, l’Unicef…etc

    Non sappiamo chi siano le altre persone citate da Barnard, né per quale motivo non sia stata data importanza al loro rapimento dalla stampa, magari proprio per non attirare l’attenzione su qualcosa che doveva rimanere nascosto, tipo spionaggio..

  • Gabbiano

    “Che fine ha fatto ad Emergency l’idea dell’inviolabile diritto dei popoli di autodeterminarsi secondo i loro tempi e i loro costumi? Ne hanno diritto solo quando piace a noi?”

    Cosi’ scriveva Barnard nel 2007.

    Senza nulla togliere all’operato dei medici che donano il loro tempo alla causa, per me Barnard aveva ragione nel 2007 ed ha ragione anche ora.

  • Earth

    “non sono riuscito a capire nulla dell’articolo, il che è naturalmente un mio limite”
    Concordo. Che e’ un tuo limite ovviamente.

  • Earth

    Troppo difficile per le persone capire che le regole devono essere uguali per tutti… e quando vedono qualcosa che non cambacia devono per forza trovare una giustificazione, anche assurde, piuttosto che aprire gli occhi.

  • Earth

    “non sappiamo cosa sta succedendo esattamente..”
    Se la tua premessa e’ vera dunque quelli che hanno protestato sono tutti una manica di coglioni.

  • Gabbiano

    Mafie, ‘parrocchie’ e informazione.

    Vai al paragrafo (5) cosi’ capirai anche quanti soldi ha investito il governo italiano.

    http://www.paolobarnard.info/info_noi_doc.php

  • Santos-Dumont

    Concordo totalmente. Gino Strada si appella ai “diritti occidentali” perché sa di avere a che fare con un governo fantoccio che, almeno formalmente, deve rispettarli.

  • Saysana

    Barnard andasse a fare le sue battaglie sul posto, ed in prima persona, come mi pare tanto decanti che si dovrebbe fare nelle sue periodiche farneticazioni, invece di sparare cazzate sulla tastiera di un PC.

    E questo vale per tutto cio’ che dice, anzi, scrive.

  • Sokratico

    Oh, beh, certo! E’ proprio l’ex consulente della multinazionale petrolifera UNOCAL Karzai a rappresentare l’autodeterminazione dell’Afghanistan!

    Pensa che io pensavo rappresentasse gli interessi U.S.A e NATO e che proprio in base a quegli interessi fossero stati arrestati i tre di Emergency!!

    Piuttosto, io non capisco chi reputa Barnard questo grande intellettuale e profeta. Sarà anche privo di compromessi, ma per una cosa sensata che dice, spara dieci cazzate…e sempre con questo tono sprezzante che, francamente, non ha proprio ragione di tenere!

    bah…

  • rutzboy

    Barnard facendo da bastion contrario stimola la discussione ed il dibattito , anche nei casi in cui la medaglia ha in entrambi i lati la stessa faccia ,è bene allenare la nostra mente a sviscerare fino in fondo anche le cose che ci sembrano palesi , tutto cio favorisce il nostro importantissimo potere di autocritica

  • Tonguessy

    Credo si tratti di demenza senile. O forse sono gli ultimi stadi della sifilide.

  • AlbaKan
    • L’unica cosa che possiamo fare è sperare che queste “uscite” di Barnard non siano tanto frequenti. 
    • Mi chiedo se c’è un accordo particolare con CDC in base al quale questo debba pubblicare “qualsiasi cosa” provenga dalle meningi di Barnard…è un mistero… L’unica cosa che si può fare è constatare i fatti:
    • Gino Strada ha trascorre la sua vita salvando la vita a vittime innocenti, della guerra, e quando qualche collaboratore viene sequestrato o arrestato dai promotori della guerra, fa tutto il possibile perchè vengano rilasciati e possano continuare la loro opera. 
    • Penso che abbia il diritto di “appellarsi” a ciò che gli pare….così come Barnard ha il diritto di “dire” ciò che vuole….tanto le chiacchiere stanno a zero di fronte ai fatti! 
    • Di certo Barnard potrebbe fare qualcosa di più utile oltre  a darci le sue “opinioni” con il “BIIIIIIP” incollato ad una poltrona!
  • Drachen

    idiozie. idiozie. ed ancora idiozie.
    ed è ora che ci dia un taglio Barnard a voltare la frittata sfruttando
    una logica solo apparentemente lineare.
    è verissimo il discorso dell’autodeterminazione e della Costituzione imposta con le bombe. ma non sono stati gli haziri o i pashtun ad arrestare i 3 operatori, ma proprio le forze “ufficiali” di quella Costituzione con annessi britannici al seguito.
    una Costituzione che ha regole scritte e che si presume che gli afgani (ufficiali) debbano rispettare. punto.
    la pretesa della liberazione non è certo figlia di un imperialismo, ma proprio contro l’imperialismo che sta togliendo un testimone scomodo
    dalla scena afgana.
    ripeto: non confondiamo l’esercito di Karzai con la popolazione che ha il diritto alle sue leggi tribali.
    perché di fatto Emergency è stata sotto le regole talebane e dell’alleanza del nord per parecchio tempo. se non l’avessero fatto, non sarebbero ancora li.
    e davvero smettiamola.

  • FeraLupus

    Certo se l’arresto fosse stato operato dai pastori afghani non avrei nulla da obiettare all’articolo di Barnard, ma non mi sembra sia stato proprio così. O mi sbaglio?
    Giusto, quindi, il diritto di critica… ma mi piacerebbe lo esercitasse in loco. Operando come operano i soggetti da egli criticati. Poi ne riparliamo.
    Criticare è facile… fare un po meno.
    Mi aggrego a Luca sui miei limiti nel comprendere Barnard e risparmio ad Earth la conferma di quanto io sia limitato.

  • Tonguessy

    Più che meningi di Barnard credo si tratti di meningite acuta. O, come ho scritto sopra, di demenza senile. O forse ancora di sifilide, con tutte quelle donne che gliela danno, sai com’è…..

  • Eli

    Brava! Tu sei l’unica che ha capito. Barnard no. Tutte le associazioni governative che operano all’estero sono sospettate di spionaggio, naturalmente a favore di USA e Nato.

  • RobertoG

    “Sempre più insopportabile il narcisismo di tale Barnard, che approfitta di qualsiasi situazione per fare il bastian contrario in cambio di un po’ di visibilità. ”

    Vedi che invece il senso si capisce?

  • tonino

    Ma Paolo, ti si è annebbiato il cervello? Da quando in qua Karzai (che ha studiato, fattyo carriera e lavorato in occidente) e la sua banda di tagliagole rappresentano gli afgani? Casomai li combattono per conto degli americani & company… E infatti la richiesta di rispetto dei diritti ecc. era rivolta ad americani & company (compreso il defilato ma in realtà coinvoltissimo governo italiano) per interposta persona, ovviamente. Altra cosa sarebbe stato chiedere questo rispetto per le procedure ai talebani e alla galassia resistente. Allora sì che il discorso avrebbe avuto un minimo senso… (Ma avrebbero dovuto sequestrarli loro i medici di Emergency, invece di rispettarli “tribalmente”). Mah.

  • paolodegregorio

    – difendere Emergency? –

    Visto che questa organizzazione è attaccata da “volpini” come La Russa e la Santanchè, che sono gli unici a credere in quella ridicola messa in scena con la regia dei servizi inglesi ed afgani, dove i medici vengono accusati di fiancheggiare il terrorismo, voglio anche io dire la mia opinione, in modo semplice e scarno, tanto ho verificato nel tempo che chi non vuole capire e, soprattutto, non vuole valutare i fatti, nemmeno se sei Dante Alighieri ti sta a sentire.

    -Emergency è una associazione umanitaria, con una forte impronta ideologica cristiana, che occupa uno spazio lasciato vuoto dalla Croce Rossa Internazionale, che è ormai una organizzazione controllata dalla politica e non si muove se può dare fastidio a disegni politico-militari, che preferiscono il silenzio sui massacri che fanno.
    -Dopo 15 anni di impegno e ospedali in mezzo mondo, a fronte di un progetto che parlava non solo di aiuto umanitario, ma soprattutto di uno strumento capace di incidere per ottenere la PACE, Emergency non ha alcun peso nel far finire o evitare guerre, e quando dà fastidio basta una banale provocazione per chiuderne l’attività.

    -Pur rispettando profondamente il lato umanitario e civile e il coerente impegno di persone di qualità, sono fermamente convinto che se questa disponibilità militante e questo enorme sforzo organizzativo fosse rivolto in Italia, contro la partecipazione a questa ignobile aggressione all’Afghanistan, contro la Nato e gli USA, che ci hanno coinvolto in una guerra che ha il solo scopo di controllare un territorio dove devono passare gasdotti e oleodotti, avremmo avuto sicuramente dei risultati, non solo contro tutte le guerre, ma nel far capire chi sono i veri terroristi.
    Siamo noi cristiani occidentali che, in spregio alla nostra religione e alla nostra Costituzione, partiamo con armi e bagagli per muovere guerra a paesi sovrani, che hanno il solo torto di possedere petrolio o altre importanti materie prime.
    Naturalmente cianciando di diffusione della democrazia e di lotta al “terrorismo”, dove i “terroristi” sono i patrioti che vogliono cacciare dalle loro terre le truppe straniere.

    E’ di enorme importanza politica e culturale, gettare il peso di ogni organizzazione che veramente vuole la PACE, sulla uscita del nostro paese dalla Nato, sulla chiusura delle basi americane (compreso Aviano e Ghedi Torre che custodiscono 90 bombe nucleari), sulla fine del lucroso commercio di armi che le nostre fabbriche producono, sulla cancellazione del nostro esercito che deve essere sostituito da una guardia nazionale con compiti di sola difesa del territorio.
    Sono sicuro che Gino Strada, se percorresse questa strada, si troverebbe con molti meno finanziatori e amici e rischierebbe di più che fra le montagne afgane.
    Paolo De Gregorio
    19.4.10

  • maristaurru

    Concordo in pieno con Barnard. A me pare che siamo di fronte al vizio dell’occidente peggiore, comanda, impera, pretende sui popoli , verso dei quali unico sentimento di stampo coloniale: fare la carità magari egregiamente; mentre per cultura ed antico retaggio, troppo spesso non ammette un rapporto paritario. “razza padrona”, spesso inconsciamente, che però si copre , anche a se stessa, del vestito della solidarietà.

    Poi ci si chiede come mai ci hanno in passato trucidati a milioni.
    Certo il circo indegno cui assistiamo da troppo tempo, è tutto italiano, ma la supponenza, la alterigia, il non rispetto, è tutto occidentale.

    Italia: Gino strada ha il piglio del comando, tratta da sudditi i suoi beneficati, almeno così parrebbe leggendo le sue arrogasnti parole, ma in fondo Gino Strada a parte, è cos’ che la razza padrona tratta anche noi, pensate al piglio deciso e duro del pacioccoso Prodi quando andò al governo e fu appena contestato da dei ragazzi, fu ripreso in Tv, e non fu un bel vedere. Pensate ai nostri politici che hanno fatto corcare di botte reporter e giornalisti dalle loro guardie del corpo cose da Stato sud americano, pensate a come si permette che vengano pestati in carcere i detenuti, sembra quasi che la cultura del pestaggio sia accettata anche dalla gente comune. Che poi questa stortura della ragione avvenga a causa di una altra stortura probabilmente, va bè forse è una altra brutta storiaccia, che comunque sempre dallo stesso brodo di brutta concezione della politica e dei rapporti fra persone, deriva.

    La brodaglia di origine è la stessa, al massimo cambia il colore della tunica, ma la sostanza ormai accettata acriticamente è quella, da qui i tanti commenti desolanti al post

  • AlbaKan

    D’accordissimo! Ovviamente non si può essere sicuri di queste diagnosi, ma l’ironia sulla sifilide merita un 10 e lode! 😉 😉 😉

  • AlbaKan

    Interessi Usa-Nato? Ma come ti viene in mente? ….Loro esportano democrazia! ;)………………Che bella cosa “la democrazia”! E’ l’unico prodotto che si può esportare anche quando uno non ce l’ha manco a casa!

  • RobertoG

    Stupendo!!!!

  • AlbaKan
    • Un esempio di come “Gino strada ha il piglio del comando, e tratta da sudditi i suoi beneficati”? 
    • Oppure della sua “arroganza”
    • E’ sempre stato molto chiaro e determinato nell’affermare che il vero problema di tutto questo è la guerra in sè…e che anche se fa scalpore chi taglia una gola in diretta Tv, chi uccide civili schiacciando un pulsante da un aereo non è da meno.
    • Ora se si vuole dire che Gino Strada sbaglia a salvare la vita ai “propri sudditi” mentre la NATO-USA li fa saltare in aria (i propri sudditi) allora vuol vuol dire che chi ha il c…o su una poltrona davanti ad un PC vale più di chi dedica la propria vita a salvare vite…
    • barnard non sa più cosa inventarsi per attirare l’attenzione, l’anticonformismo a tutti i costi per me non è altro che una patologia!
  • Drachen

    il vizio dell’occidente è essere andati ad invadere uno stato sovrano, è aver imposto un fantoccio come Karzai, è aver corrotto il popolo afgano.
    Emergency dai talebani è sempre stata lasciata in pace, perché ai talebani non dava fastidio e perché Emergency ne rispettava gli usi e i costumi. punto e a capo.
    il resto è volo pindarico cervellotico: tanto moralismo, poca sostanza.

  • NerOscuro

    C’è di certo un grande stridore tra il Gino Strada che si oppone alla guerra e alle malefatte di una guerra sporca e il Gino Strada che chiede un aiuto al governo italiano. Un governo che fin da subito ha puntato il ditino su Emergency, anziché preoccuparsi della salute dei tre Italiani…
    Gino Strada si è letteralmente umiliato di fronte ai potenti con loro grande godimento, per salvare la vita a tre suoi collaboratori. Ha fatto ciò che umanamente mi sarei aspettato da un medico, che ragiona in termini di salvare vite umane e non con il calcolo politico delle conseguenze sul piano dell’immagine. Non solo: i tre sono suoi collaboratori e se non ti spendi per aiutare chi ti è vicino, significa davvero che Emegency è un baraccone senza senso.
    Barnard invece chiede a Strada una “coerenza” senza senso alcuno, che sarebbe costata quasi certamente molto ai tre arrestati italiani. Non è nei poteri di Strada quello di far smettere la guerra in Afghanistan, nemmeno sacrificando tutta Emergency.
    Quale regolare processo avrebbero avuto i tre, per non parlare degli altri 6 Afghani la cui sorte è per ora un mistero, che sembrano stati arrestati sulla base di una completa montatura? È questo il genere di processi che vuole vedere Barnard? Confesso che mi sono domandato pure io come avrebbe potuto svolgersi il processo, per vedere se le prove c’erano oppure no, ma preferisco rimanere con il dubbio. Gli ultimi dieci anni di nefandezze fatte alla verità non mi lasciano per nulla tranquillo su come si sarebbe svolto il giudizio e sulla incolumità degli “imputati”. Generalmente, più è grossa la montatura, più la morte precede la sentenza. E sto parlando dell’Occidente…
    Considerato che i tre sono ormai liberi, se davvero vi fosse qualcosa di fondato nelle accuse li si potrebbe sempre arrestare e processare qui in Italia, oppure l’Afghanistan avrebbe potuto impuntarsi e chiedere comunque che fossero processati in Italia. Nessuna delle due cose sta succedendo. Questo non suggerisce a Barnard che i primi che vogliono chiudere la faccenda perché è stata orchestrata malissimo, sono proprio il governo afghano e forse quello italiano? Però io i dubbi non me li tolgo sulla pelle degli altri.

  • Drachen

    dal governo italiano non si chiede aiuto, lo si pretende (in quanto i rapiti sono cittadini italiani).
    tutta la considerazione politica delle posizioni di Strada sono IRRILEVANTI o servono solo a far blaterare opinionisti della prima ora che non hanno un pensiero lineare. certo che possa trasparire questa presunta genuflessione è possibile, ma mi ritengo abbastanza sveglio per operare il necessario distinguo.
    per il resto del discorso sono d’accordo.

  • maristaurru

    Questa mania di farsi santi ed eroi, è proprio vero che certa tendenza alla fede scissa dalla ragione, escedalla porta e rientra dall finestra.

    Se io dico che il male di Gino strada e probabilmente di altri che fanno il suo stesso nobile e faticoso lavoro esponendosi meno alla adorazione/ antipatia del pubblico, è il male dell’Occidente che colonizza anche quando dice di non farlo, che predilige paternalismo e carità piuttosto che altri mezzi per portare aiuto e solidarietà, non sto affatto legittimando quello che lìoccidente fa sotto altra veste: nato, usa, ong.. ecc.

    barnard non so se è anticonformista, certo non appare come un pecorone che si fa servire da chi sta arricchendosi sulla pelle dei popoli. Che il conformismo sia la regola e l’anticonformismo patologia è discutibile : i conformisti aderirono acriticamente a fascismo e addirittura al nazismo. I pochissimi anticonformisti NO, salvo poi che molti conformisti furono felici e fieri di aderire all’antifascismo quando il fascismo non c’era più, ma questa è una storia di umane miserie!

  • maristaurru

    Che dirti, potresti aver ragione tu, ma vedi io credo che attaccare un governo, sia pure mediocre come definite quello di Karzai, e come probabilmente è, trattare arrogantemente come fa Strada e pubblicamente il Governo, “comandandogli ” di liberare i tre, sia pure certamente innocenti , significa nella polveriera afganistan, come comunque avverrebbe ovunque, essere incoscienti e fare in un cerrto senso da arruffapopolo.

    Una persona responsabile, avrebbe usato altri modi qualora vi fosse davvero stato bisogno di “dare una smossa”, poteva farlo benissimo e doveva farlo, ma senza rodomontate e guasconate buone solo a tenere il centro della scena.
    Anche questo è un male di culture poco mature, si crede che fare la voce grossa ed andare per le spicce serva a qualcosa, spesso si fanno solo danni, mentre il popolo bue applaude gratificato.

    E’ il guaio di creare prime donne , si fa il male della prima donna per primo, il mondo dello spettacolo è pieno di esempi drammatici, anche quello della politica e poi quello dei santini e santoni di certa cultura che necessita di santi ed eroi per aggregarsi, in mancanza di fini e valori veri.. il discorso è vecchio e complesso

  • Drachen

    il governo Karzai non è mediocre. E’ un governo FANTOCCIO che non rappresenta il popolo afgano ma i paesi occupanti.
    Emergency ha sfruttato la sua visibilità? Ha fatto bene. Probabilmente se non l’avesse fatto non ci sarebbe stata la necessaria smarcatura del governo dal lecchinaggio agli angloamericani che con sommo gaudio si libererebbero di Emergency.
    il discorso non è vecchio e complesso, è un discorso formale di una posizione che mi pare puramente ideologica.
    diciamo che Strada ti sta sulle palle, è più onesto.

  • Drachen

    colonialismo de che? Emergency è un dono interculturale, non si son mai permessi di curare con condizione sine qua non come vorrebbero altri.
    io accetto il dono se è rispettoso dei miei costumi.
    un altro è la carità statunitense sempre condizionata all’accettazione
    del loro modo di pensare.

  • guru2012

    GINO STRADA E’ UN IMPERIALISTA. QUALCUNO LO VEDE?
    No, lo vede solo Barnard, o forse finge di vederlo e lo fa solo per farsi notare. Lui e chi gli va dietro.

  • lavidia

    io ho cercato di dirlo che l’unico mezzo giusto per gli italiani e gli afgani per ottenere la liberazione era la rappresaglia armata !

  • Kerkyreo

    Ma non ha senso questo articolo!! ma sei fuori ?
    Nel 2010 il rispetto dei diritti delle persone non va chiesto, ma va preteso!!!!
    Lasciamo stare i motivi per i quali l’Occidente ha invaso il Medio Oriente, parliamo di diritti.
    E’ facile difendere le proprie idee nei paesi dove almeno apparentemente ti viene concessa la possibilita’ di parlare e protestare, il difficile avviene quando non ti viene concessa questa possibilita’ ed e’ li’ che entra in gioco il coraggio di alcune persone che attraverso la loro posizione piu’ sicura e protetta possono manifestare il dissenso verso atti vili e disumani. E’ vero, Strada sa di essere italiano e GIUSTAMENTE si fa forza di questo per alzare la sua voce e dissentire fermamente verso gli orrori della guerra ingiusta e verso le atrocita’ di un sistema talebano che si basa sulla corruzione e sul terrore.
    Li’ c’e’ un OSPEDALE e non un sistema della CIA o del SISMI o altre cazzate da paranoico.
    Li’ ci sono persone che realmente svolgono il VERO compito di medico e vivono in una realta’ di sangue e terrore, quindi, Bernard io ci andrei piano con i giudizi, visto che almeno tu li puoi fare dalla tua poltrona con il tuo bel computer e la tua bella sigaretta!
    E’ vero che vivamo in una societa’ di merda, infame e meschina, ma c’e’ anche da dire che siamo molto piu’ fortunati della maggior parte delle persone al mondo e percio’ e’ nostro dovere protestare per loro!
    Il rispetto e i diritti dell’uomo vanno fortemente prestesi!!!!

  • Ricky

    Emergency merita rispetto, ma il discorso sull’imperialismo culturale ecc. mi trova d’accordo.
    Ho conosciuto Strada, é un brav’uomo ma un egocentrico perso e non mi stupisce la sua ostinata ricerca di visibilitá che arriva alla schizofrenia totale: é addirittura arrivato a ringraziare il ministro degli esteri, al quale manderá una maglietta, e i servizi afgani (sic).
    Mi ricorda un po’ il caso Sgrena-Calipari, cioé di quando una persona prima definita sbirro dell’imperialismo diventa eroe senza macchia, senza nessuna scusa o autocritica di chi queste definizioni le propone.
    Il problema é che queste cose non si possono dire, perché in Italia Emergency e Strada sono intoccabili, come tanti altri personaggi del resto.

  • AlbaKan
    “Questa mania di farsi santi ed eroi”
    • …ce l’hanno più quelli che con questa filosofia spicciola da 4 soldi…criticano la pagliuzza e nell’occhio di Gino Strada e non vedono la trave che hanno nel “biiip”….(occhio)…tanto per restare in tema biblico!
    • 😉
  • lavidia

    io quoto barnard che non conosco ! è più realista del Re !complimenti!
    bravo! spero che dopo questo episodio Strada si occupi esclusivamente di salvare vite e lasci la propaganda a chi se ne dovrebbe occupare! e se non cè chi fa informazione in sfganistan, allora questo è il prezzo da pagare per avere i diritti a cui strada si è appellato per liberare i suoi amici e contro i quali paradossalmente fa propaganda !
    aribravo barnard !!!

  • amensa

    io credo che stavolta PAOLO BARNARD abbia cannato il bersaglio.
    a me sembra che l’appello di Strada alle convenzioni di ginevra, al diritto internazionale, alla concezione occidentale del diritto, fossero diretta non agli afgani, ma alle forze di occupazione occidentali e a Karzai che non è che un burattino nelle loro mani, e che di afghano rappresenti ben poco.
    Strada, nei rapporti con gli Afhani, ha dimostrato di non avere alcun problema, se non con quegli afghani assoggettati e diretti dalle “forze di pace”, che guarda caso, fanno paradossalmente la guerra.

  • AlbaKan
    ….ti dirò molto di più…
    • ….Karzai venne “suggerito” come presidente alla conferenza di Bonn realizzata a novembre del 2001….cioè dopo 2 mesi dal finto attentato dell’11 settembre…
    • Sai com’è bisogna organizzarsi bene è così difficile al giorno d’oggi trovare dei “buoni dittatori”….
    • ELEZIONI AFGANE: IL RISULTATO NON IMPORTA… [www.vocidallastrada.com]
  • NerOscuro

    Veramente il governo dovrebbe agire in casi del genere da solo, senza che nessuno debba aprire bocca. Sarebbe normale, ma hai visto qualcosa di normale negli ultimi anni? Sembrava addirittura che l’impegno del governo italiano dipendesse dall’essere o no dei suoi elettori.
    Per quanto riguarda l’impegno politico di Strada, noto che si chiama “impegno politico” anche il solo dire le cose come stanno, cioè che la guerra uccide civili. È solo una delle tante perversioni semantiche avvenuta da quando esportiamo democrazia.

  • albertgast

    Ho conosciuto anch’io Gino Strada e non mi è apparso per nulla egocentrico nè tanto meno schizofrenico. E’ semplicemente un medico che cerca di riaggiustare quelle persone che la politica ferisce o uccide.
    Mi sembra così facile da capire, che fatico a trovare un senso alle tue parole.

  • albertgast

    Ripeto la domanda che avevo fatto nel post precedente: per dare giudizi così tranchant l’hai conosciuto di persona Gino Strada?

  • Kerkyreo

    Ma quanti anni hai?

  • Cornelia

    Barnard, hai fatto una sbrodolata di piagnisteo sui poveri afghani, quando anche i sassi sanno che i tre di Emergency sono stati arrestati dagli INGLESI.

    Sarà forse per questo che Strada pretendeva le corsie preferenziali che tu tanto lamenti, e non si è cagato neanche di striscio la legge afghana e la giustizia afghana: perché si tratta di INGLESI, anche se non può dirlo apertamente in TV.

    Non è che ci vuole un quoziente intellettivo da Einstein, eh… ma a te basta buttare merda su chi è stimato…

  • CarloBertani

    Caro Barnard,

    il problema di fondo che porti è condivisibile – ossia a chi rivolgersi in questi casi, se all’autorità locale oppure a quella d’occupazione – ma in quasi tutte le situazioni è all’autorità d’occupazione che bisogna rivolgersi.

    Le autorità locali – i Taliban, che controllano il 97% del territorio – hanno dichiarato di non aver nessun contenzioso con Emergency. Chi ha eseguito l’arresto?

    Gli uomini di Karzai (governo indigeno coloniale), in collaborazione con le vere autorità coloniali: NATO, USA, Italia, ecc.

    Il richiamo alla Costituzione è corretto, poiché pone l’indice sulla contraddizione fra il riconoscimento dello stato di diritto (stabilito da tutte le Costituzioni occidentali), che non viene però fatto valere nelle occupazioni coloniali.

    Di conseguenza, Strada ha mostrato d’aver compreso la natura di quelle organizzazioni per quel che sono: autorità coloniali d’occupazione. Si è rivolto, quindi, a chi realmente detiene il potere in Afghanistan.

    La sua richiesta è, allo stesso tempo, un esplicito j’accuse. Il Governo afgano non è l’espressione del Paese, ma solo degli occupanti.

    Nell’India del 1935, a chi ci si poteva (e doveva) rivolgere? A Gandhi oppure al vicerè inglese?

    Ciao

    Carlo Bertani

  • maristaurru

    Che gino strada non mi sia particolarmente simpatico è innegaile ed i motivi li ho esposti quando ne ho avuto opportunità: Non amo le prime donne, quelli che si pongono come santoni ed unici, quando abbiamo anche altri che lavorano e si sfiancano, i medici senza frontiere per esempio si comportano da medici di guerra, ed anche loro hanno avuto, non ricordo bene quando, problemi simili a questo di Emergency, tutto è avvenuto nelle indifferenza totale dei media, perchè? Niente santi, niente eroi, ma gente ch e fail suo lavoro meglio che può, che, come può succedere data la vicinanza con feriti che possono anche essere terroristi, sono stati controllati . Punto, e non hanno reagito come dei superiori ad ogni sospetto.
    vedi , ogni medico e tanto più quello di guerra, dovrebbe porsi nello stesso modo verso ogni ferito indifferentemente dalla sua provenienza, e voci sempre più evidenti raccontano di trattamenti molto meno favorevoli verso i feriti di provenienza diversa dai ribelli. Ora che il governo Karzai sia fantoccio, non vuol dire che sia saggio per il bene stesso della popolazione tentare di delegittimarlo e di accendere micce puibblicamente, questo pone a mio vedere Gino strada tra i politicanti, io ho una concezion diversa dell’esser medico di guerra, lo ho avuto in famiglia un vero medico di guerra, le cui operazioni fatte sul campo ,mentre fioccavano le bombe, fanno ancora scuola nelle università, ma non era un politicante e non fu santo di nessuno. Si Gino Strada mi piace poco, anche se non per questo mi pemetterei di dubitare della sua professionalità , nè mi metterei a scavare per cercare di ditruggerlo, stigmatizzo quel comportamento che appare evidente da notiziari e giornali

  • maristaurru

    non l’ho conosciuto di persona, come molti che lo adorano acriticamente in base a come gli viene proposto da certa broda culturale. Sta di fatto che il racconto delle sue ultime peformance lo trovo desolante, per i motivi espressi al commento sopra. Un medico di guerra è cosa diversa da una star Guascona.

  • maluco

    Mi sembra che imperialista sia chi scrive, passatemi il termine, certe stronzate, perché scriver tutto e il contrario di tutto vuol dire fare il gioco del sistema, cioé seminare dubbio su qualunque informazione con lo scopo di appiattire qualunque discussione e con il risultato che “tanto é uguale..”.

    e a quelli che si uniscono in coro all’autore, per fortuna pochi sfigati, dico che cucire e cercare di rimettere insieme pezzi di carne, di donne uomini e bambini, non significa eportare la nostra cultura, tanto che, come anche citato nell’articolo, emergency é l’unica organizzazione che ha potuto rimanere nel paese.

  • Tonguessy

    Stavolta?

  • maristaurru

    Infatti, il medico di guerra fa in ogni caso un lavoro nobile che però deve essere super partes. Emergency nel momento in cui prende partito, diventa qualcosa di diverso da quello che dovrebbe essere, e raccoglie quello che ha madestramente seminato. Posizioni nebulose portano..arresti nebulosi, è inutile fare gli offesi e rinunciare a salire sull’aereo di stato, quello stesso stato che ha contribuito a farti uscire di prigione. Prima prendi e poi sputi sul piatto, vecchia scena già vista e che comincia un po’ a stufare, viene davvero voglie di approfondire meglio

  • rossospinoso

    Mi pare che il discorso sia semplice: chi vive di parole rischia di far chiacchiere.
    Il sig. Barnard misura col bilancino le parole di Gino Strada decontestualizzandole. Una brillante operazione, non c’è che dire, ma solo per chi cerchi di rivendersi sul mercato (inflazionato) dei pennivendoli.
    In Afghanistan non c’è uno stato di diritto ma un apparenza di diritto. C’è una popolazione assoggettata con la forza delle armi alla tirannia di interessi stranieri.
    Appellarsi al diritto Afghano – lungi dall’accreditare una legalità che non c’è – significava proprio mettere il dito nella ferita, sottolineare una contraddizione.
    Dire alle istituzioni italiane che se i tre sequestrati fossero stati cittadini americani, avrebbero avuto una “copertura” diversa da parte del proprio governo non significa legittimare l’imperialismo, ma sottolineare – nella gerarchia internazionale delle potenze imperialiste – chi sia a comandare e chi segua scodinzolando.
    Guardacaso sottolineare quelle contraddizioni è risultata la strategia vincente!
    Ma veniamo all’oggi: gli occhi di Emergency su quella regione (gli unici che vedevano e potevano denunciare quel che avveniva) sono stati chiusi per volontà degli attuali padroni dell’Afghanistan.
    Nel nome del diritto alla vita della popolazione afghana, ma anche nel nome di chi vuole chiamare le cose col loro nome, invece di attaccare Gino Strada ed Emergency non sarebbe meglio cercare di capire come aiutarli a riprendere la loro preziosa attività in quella regione?

  • guru2012

    ..ma io vi inviterei a esprimere dei commenti più equilibrati, fatevene un’idea: al mondo esiste anche gente che lavora per il “bene”. Il discorso sull’imperialismo culturale, non sta in piedi.

  • Ricky

    Ho quarantatre anni e buoni motivi per definire Strada una persona egocentrica. Mica é un’offesa, nessuno nega che fa del bene. Solo che é diventato un’intoccabile incriticabile e questo no che non va bene.

  • maumau1

    che articolo inutile !

  • dana74

    certo che scritto da uno che non ha capito niente dell’11 settembre..

  • albertgast

    Io invece l’ho conosciuto di persona e ti posso assicurare che è tutto tranne una star guascona. E’ sì una persona molto passionale, soprattutto per il suo lavoro. Non vorrei che si scambiasse questa passione per altro. E’ invece abbastanza disinteressato della nostra politicuzza, tanto che è altrettanto inviso a destra quanto a sinistra. Forse il suo “delitto” è considerare i suoi pazienti tutti uguali, senza dar loro etichette di appartenenza a partiti, fazioni, etnie o altro. Ho conosciuto anche la moglie, che ora non c’è più, persona deliziosa che condivideva il sogno del marito quasi più intensamente di lui stesso. Credo che dovremmo pregare affinchè nel mondo si moltiplicassero persone così, le cose andrebbero sicuramente meglio.

  • dana74

    ottima analisi, condivido.

  • Nellibus1985

    Mi sono trovato spesso in disaccordo con Gino Strada, di cui non condivido l’ultrapacifismo estremista senza se e senza ma, ma non trovo proprio nulla da eccepire nel comportamento tenuto da costui nell’affrontare questa situazione specifica. Strada, come moltissimi altri, si è reso immediatamente conto di trovarsi di fronte a una messa in scena bella e buona, costruita ad arte dagli inglesi in combutta con l’inqualificabile regime coloniale retto da Karzai e volta a screditare Emergency. Gino Strada ha accusato i diretti interessati di aver violato le stesse leggi che pretendono di imporre al popolo afghano, della cui opinione non frega niente a nessuno. Questo è “imperialismo culturale” alla Huntington, quello propugnato da lorsignori invasori e da quel fantoccio irresponsabile di Karzai, che se non continuasse a godere del sostegno occidentale avrebbe già fatto la fine che merita da tempo. Non capisco a chi doveva rivolgersi Gino Strada per ottenere la liberazione dei tre italiani, se non a chi detiene il potere, e non capisco nemmeno i motivi di tanto astio nei suoi confronti. Si può certamente dissentire dalla opinioni di Gino Strada, ma prima di tutto va rispettato l’impegno suo e dell’associazione di cui è fondatore, che ha curato milioni di persone in giro per il mondo, mentre come spesso accade si trascurano questi aspetti fondamentali e si concentra l’attenzione su cose del tutto secondarie, come il protagonismo di cui è accusata e che non mi sento tuttavia di negare. Saluti.

  • ostix

    per fortuna che c’è l’erioco Paolo Barnard paladino di tutte le guiste cause, puro, senza macchia e senza paura… spietato coi cattivi, paziente con i deboli di intelletto, sempre in prima linea a rischiare la pelle. per il poplo bue, che, ingrato, non lo ringrazia nemmeno…

  • Earth

    E’ evidente il controsenso di strada e la linearita’ del discorso di barnard, non puoi utilizzare degli strumenti che utilizzano gli imperialisti, altrimenti non puoi piu’ dirgli in futuro: state sbagliando! O comunque rende vano quello che si e’ detto o fatto in passato.
    Immagina un percorso lungo suddiviso in tappe A, B, C, …, I.
    Barnard ha un’altissima integrita’ e senso morale, non e’ mai andato contro a questi neppure per un giusto scopo, e’ talmente alta e decisa che non si fa abbindolare neppure dai piccoli passi, e’ lunga la strada che porta dal punto A al punto I, ma lui ti blocca prima dicendo eh no, questo non va bene, stai uscendo fuori A, le persone migliori lo capiscono quando arrivano al punto F mentre le persone comuni quando arrivano al punto I e a volte nemmeno li, perche’ il viaggio nel mentre li ha cambiati.
    Pensate che sia giusto o una cosa da niente che Strada sia al punto D e non mi meraviglio, altrimenti l’italia non sarebbe mai arrivata ad essere quello che e’ oggi.

  • Earth

    E’ evidente il controsenso di strada e la linearita’ del discorso di barnard, non puoi utilizzare degli strumenti che utilizzano gli imperialisti, altrimenti non puoi piu’ dirgli in futuro: state sbagliando! O comunque rende vano quello che si e’ detto o fatto in passato.
    Immagina un percorso lungo suddiviso in tappe A, B, C, …, I.
    Barnard ha un’altissima integrita’ e senso morale, non e’ mai andato contro a questi neppure per un giusto scopo, e’ talmente alta e decisa che non si fa abbindolare neppure dai piccoli passi, e’ lunga la strada che porta dal punto A al punto I, ma lui ti blocca prima dicendo eh no, questo non va bene, stai uscendo fuori A, le persone migliori lo capiscono quando arrivano al punto F mentre le persone comuni quando arrivano al punto I e a volte nemmeno li, perche’ il viaggio nel mentre li ha cambiati.
    Pensate che sia giusto o una cosa da niente che Strada sia al punto D e non mi meraviglio, altrimenti l’italia non sarebbe mai arrivata ad essere quello che e’ oggi.

  • marco08

    Bentornato Barnard, è incredibile come tu riesca a rovinare le tue immense capacità giornalistiche gettando nubi tossiche anche su coloro che si prodigano quotidianamente per salvare la vita degli altri. Quello che tu apri non è un dibattito, ma un suicidio se si continua a cercare il pelo nell’ uovo in tutti non si arriverà da nessuna parte , specie in un paese dove i scheletri negli armadi ce li abbiamo tutti. Comunque io il mio 5 per mille a Emergency continuo a darlo ciao.

  • daveross

    Condivido il pensiero generale di Barnard, solo che l’articolo ha un punto che finisce in eccesso:

    Non hanno diritto di istruire un processo, non hanno diritto di architettare un arresto (se di congiura si tratta) come ne architettiamo noi a centinaia; cioè di viversi e risolversi i fisiologici mali della crescita civile nei tempi storici che noi abbiamo avuto e preteso.

    Strada non é un uomo di governo, non é responsabile di quello che l’Italia fa in Afghanistan, e capisco quelle sue reazioni di fronte ad un evidente messa in scena per mettere Emergency nei guai. Strada non si é dimostrato imperialista, ma semplicemente reattivo ad un ingiustizia. Del resto, Paolo, non é quello che proclami?

  • Cippala

    Il miglior giornalista Italiano.Grazie Paolo.

  • Nellibus1985

    Concordo in pieno. Saluti.

  • Earth

    Ma tu non avevi scritto che non avresti piu’ letto ne commentato barnard? O era riferito soltanto negli articoli dove la maggioranza gli dava ragione e qua trovi spazio per sputargli addosso anche per gli articoli passati? Predichi bene ma se poi razzoli male, quello che dici ti si ritorce contro.
    Albakan come al solito lascia il tempo che trova, e’ l’unico rimbambito che scrive a caratteri cubitali, probabilmente per attirare l’attenzione altrimenti non lo leggerebbe nessuno…

  • Santos-Dumont

    […]voci sempre più evidenti raccontano di trattamenti molto meno favorevoli verso i feriti di provenienza diversa dai ribelli[…]

    Vogliamo citare l’origine di queste “fonti”? Altrimenti suona tanto come diffamazione.

  • AlbaKan

    Ricapitolando…c’è “una rimbambita” che si è accorta del fatto che scrivo a caratteri cubitali perchè altrimenti non mi leggerebbe nessuno…
    …Quindi ho una lettrice “assicurata” … anche se RIMBAMBITA…

  • AlbaKan

    Infatti….come dicevo in un commento precedente, Karzai è stato designato per la guida dell’Afghanistan alla conferenza di Bonn nel nov 2001, cioè dopo solo 2 mesi dal finto attentato dell’11 settembre…

  • Oreste

    A me sembra che criticare un personaggio importante, noto e stimato abbia delle reazioni di intolleranza che accecano da una visione più limpida.

    Criticare un’aspetto di Gino Strada non vuol dire dare un giudizio di abbattimento a tutto il suo operato.
    Non so cosa pensi Barnard in merito, ma sicuramente il lavoro di Strada è meritevole ed importante all’interno di situazioni di guerra.

    Ma mi sembra anche che bisogna minimamente ascoltare ciò che ha detto Barnard, senza partire in quarta e infuocarsi perchè è stato toccato un nostro “idolo”.

    B. scrive : “Il governo di un Paese che lo stesso Strada auspica sia lasciato libero di autodeterminarsi, arresta tre italiani. ”

    e continua

    “Se quel Paese ha diritto di essere libero, ha diritto di esserlo anche quando fa ciò che non piace al dott. Gino Strada ”

    ha torto?

    e dice ancora

    “Ciò che un Paese straniero può e DEVE fare in questi casi, è di chiedere a Kabul il rispetto della dignità e della sicurezza degli arrestati, e se possibile un giusto procedimento.”

    Se invece si inizia a sbraitare e imporre dettami si può tranquillamente mandare a fanculo l’autodeterminazione.

    “… adesso è ora che chi di dovere tiri fuori i nostri ragazzi. Può farlo, bene e in fretta, glielo ricorderemo sabato pomeriggio in piazza Navona a Roma… Fossero stati tre cittadini americani erano liberi in tre minuti”.

    chi di dovere tiri fuori i nostri ragazzi? cioè è come dire che l’Italia deve andare in argentina perchè sono stati arrestati degli italiani, non si sa se hanno torto o ragione, ma bisogna liberarli in quanto tale.

    E poi…appellarsi all’esempio Usa non mi sembra il meglio..

    PIuttosto che imporre bisogna appallare alla sicurezza e alla dignità ed ad un giusto procedimento degli arrestati….come dice Barnard

  • Drachen

    essere super partes per te significa dover rifiutare l’aiuto italiano o, nel caso lo si accetti, interrompere il diritto di critica? ma dove sta scritta sta fesseria?
    io so che Emergency ha curato talebani e mujaeddin dell’Alleanza del Nord. mi fai capire dove cavolo è parziale?
    avere una posizione politica riguardo al conflitto non implica nulla. N U L L A.

  • Drachen

    Barnard è cieco e dice a quelli miopi che stan sbagliando strada.
    io non ho ancora capito dove è sto cazzo di imperialismo di Emergency.
    se qualcuno me lo vuol spiegare, sarò grato.
    tutto l’articolo parte dal presupposto sbagliato che il governo afgano andrebbe rispettato a prescindere. come se Emergency non dovesse spendersi per libarere i suoi medici, cosa che avrebbe fatto ovviamente
    se anche i talebani li avessero rapiti.
    se non è essere equidistanti questo, qualcuno me lo spieghi.

  • ibarrack

    Eccessiva la critica di Barnard a Strada..anche perchè non sappiamo con esattezza come si sono svolti i fatti.

    Ma se sono stati rilasciati i 3 italiani e 5 su 6 afghani (che italiani non sono e non possono godere di “privilegi” da occupanti,come afferma Barnard) significa proprio che era una montatura e un tentativo preciso di annientare l’unico testimone rimasto in una zona dove ci si accinge a compiere una colossale operazione militare.

    Concordo sul fatto che,ancora una volta,l’ultima voce in capitolo sia data alla popolazione afghana,e questo è MALE ma un bene per le potenze occupanti.

    Perchè di sicuro il popolo afghano appoggerebbe Strada!
    E mentre a Roma si manifestava,spontaneamnete in Afghanistan 10.000 afghani facevano lo stesso a Peshawar(se non erro).

    Credo all’assoluta buona fede di Strada e non credo minimamente al suo presunto Imperialismo culturale.
    L’unica cosa che gli si può “rimproverare”,al momento, è di essere poco simpatico al mondo della TV e dei media tradizionali,sopratutto italiani

  • albertgast

    Quoto al 100%

  • Drachen

    e perché non si deve legittimare Karzai? lo legittima un’associazione umanitaria Karzai? siete voi che continuate a menarla con sto fare politica di parte quanto invece è la vs. posizione che implicitamente riconosce nel governo Karzai una legittimità superiore a quella dei talebani.
    Strada dice solamente: tutte cagate. sono due parti in conflitto e io mi rivolgo indistintamente ad entrambe se ho dei problemi con il mio personale. se poi ci sono militari stranieri insieme agli afgani, beh mi rivolgo anche ai membri dell’alleanza.
    state complicando un discorso che è semplicissimo.
    se la tua concezione di essere medico significa sottomettersi a determinati controlli da parte dell’ISAF e quindi ad operare un discrimine tra le forze combattenti, allora preferisco il pacifismo un po’ utopista di Strada.

  • albertgast

    E’ possibile avere dell’ammirazione per una persona senza per questo considerarlo un idolo,o in Italia è già vietato anche questo? Ho ammirazione per Strada ma non lo considero di certo un idolo. Quanto agli americani credo che l’esempio non calzi affatto. Tutti ci ricordiamo come furono trattati i responsabili del Cermis, e loro erano colpevoli senza ombra di dubbio. Diciamo che l’Italia non conta un cavolo internazionalmente parlando, che forse siamo più vicini alla realtà.

  • Drachen

    non fa una grinza, peccato che non c’è un governo reale in Afghanistan e considearne uno “legittimo” significa schierarsi molto di più che pretendere la tutela del proprio governo (che ci sarebbe anche, a livello di diplomazia, in Argentina).

  • Cornelia

    Aridaje. Strada ha utilizzato linguaggio e strumenti da imperialisti perché i suoi uomini sono stati rapiti dagli imperialisti, dagli inglesi appunto.
    Ma Strada doveva farci il disegnino?

  • walterkurtz

    Ma di che parla Barnard? Karzai è espressione degli anglo americani o dei pastori afgani? Ormai la logica degli articoli di Barnard è semplice: scagliarsi sempre e comunque contro chiunque per un motivo o per un altro, nel bene o nel male, lotta contro il cosiddetto sistema. Una volta i nemici di turno sono quelli che lui chiama paladini antisistema, un’altra la Randazzo e Blondet, ora Gino Strada.
    Si salva solo quel giornalista del Corsera che a suo tempo gli fece quelle rivelazioni sui “paladini” a cui lettori del Barnard stesso (quelli sì adoranti) dovevano credere incodizionatamente.
    A me pare un atteggiamento provocatorio (eufemismo) quello usato da B.

  • walterkurtz

    “Tutti ci ricordiamo come furono trattati i responsabili del Cermis, e loro erano colpevoli senza ombra di dubbio. Diciamo che l’Italia non conta un cavolo internazionalmente parlando, che forse siamo più vicini alla realtà”

    Totalmente d’accordo

  • AlbaKan

    Il vero punto è che in guerra….cioè per uccidere “tutto è lecito” come dice il vecchio proverbio, mentre quando si tratta di salvare vite umane non può essere così. Il vero problema di Strada è che non da fastidio nè per quello che dice e nè per quello che fa, ma per quello che vede e dare una mano ai veri Imperialisti per chiudergli gli occhi è disgustoso, soprattutto quando qualcuno lo fa per attirare l’attenzione…..forse Barnard non usa i caratteri cubitali, ma sa come attirare l’attenzione quando altrimenti nessuno parlerebbe di lui…

  • Oreste

    ho detto idolo in riferimento a chi più mi sembra intollerante, dato che per me la figura dell’idolo è una figura negativa..

  • redme

    ..PB é un berluscones…qualcuno lo vede?…

  • Oreste

    l’argentina era un esempio qualunque (il primo che mi è venuto in mente).
    Comunque il problema non è schierarsi di più o di meno, ma affermare la legittimità dell’autodeterminazione e poi pretendere che il mio Paese intervenga in uno straniero in questioni giuridiche, andando quindi contro alla libertà di scegliere e decidere sulle questioni interne.

    Intervenire da parte del mio Paese vuol dire negare all’altro Paese di essere libero!

  • marimari

    piccolo dettaglio che sfugge a Barnard: non è certo un governo libero e autodeterminatosi ad avere arrestato gli italiani, ma un governo sotto influsso dell’occupante… un governo occupato…

    A Barnard sfuggono tante cose ultimamente, ad esempio anche le vere ragioni dell’occupazione invasione dell’Afghanistan, che sono i diritti di passaggio delle pipeline ($) e il traffico dell’oppio ($), gestito dal burattino fratello di Karzai al soldo della cia, e dietro a questo, il servizio del signoraggio del dollaro ($$$). Ah già, non ci crede? Allora il suo ragionamento fila. Un ragionamento che rimane molto molto in superficie e che si limita a criticare le apparenti contraddizioni di facciata.
    Nicoletta

  • marimari

    ah dimenticavo: i diritti di passaggio delle pipeline dal kazakistan verso il mondo asiatico a vantaggio della CHEVRON UNOCAL TEXACO
    E’ per quel cartello rockfelliano, proprietario anche della Federal Reserve e del suo signoraggio, che facciamo la guerra ai cattivi talebani che non hanno voluto nel 1998 accettare il contratto di concessione che li avrebbe trasformati in nuovi sauditi dell’asia…

  • ostix

    si, mi ricorda Ferrara…

  • Drachen

    ma anche no. qualsiasi paese straniero che detiene un cittadino del mio paese necessita sempre di un intervento diplomatico “a garanzia”.
    certo non è corretto fare pressioni per bypassare le legittime leggi di quel paese (come invece i cari americani fanno sovente), ma questo non significa affatto non far lavorare la diplomazia (o farla lavorare con due pesi-due misure come inizialmente sembrava).
    c’è un passaggio che vi sfugge in mezzo alla discussione: essere contro l’imperialismo non significa smettere di tutelare gli interessi nazionali o i cittadini del proprio paese.
    attenzione su questo.
    c’è un abisso tra l’imporre la propria visione di bene e male (quindi la propria visione legale) e chiedere garanzie cristalline in base ovviamente alle norme giuridiche del governo afgano in carica.
    detto questo, non si può far finta di non vedere che parlare di legalità in quel paese è come parlare di tiri da 3 punti in una partita di calcio.
    a quel punto è chiaro che non si può usare un’ortodossia nel valutare i fatti e che si cerchi di interloquire con chi veramente conta qualcosa o che può fare qualcosa, soprattutto se le circostanze risultano da subito
    un complottone….

  • AlbaKan

    Inutile dire che sono d’accordo, ma io volevo sottolineare anche un’altra cosa, “Seppure avesse ragione Barnard, e il richiamo alla Costituzione fosse sbagliato, ma chi lo dice che per salvare gente onesta dalle grinfie degli Imperialisti (quelli veri) non si debba fare anche questo?”

  • walterkurtz

    Brava Nicoletta, il ragionamento non fa una piega.

  • mikaela

    Nota a margine per l’Egregio direttore del Times:

    ” “Sir, non mi risulta che negli anni cha vanno dal 1997 al 2007 il Suo giornale abbia mai usato termini così aggressivi per Mr Tony Blair, PM, mentre si rendeva corresponsabile di crimini contro l’umanità (Turchia, Timor, Ex Yugoslavia, Iraq, Palestina, Afghanistan…) e di alto tradimento della patria mandando a morire truppe britanniche su basi mendaci”

    http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=116

    Cara Nicoletta vabè che siamo rimaste al palo (io piu di te vista l’età)mi chiedo come sia possibile che a una come te siano sfuggite alcune importanti considerazioni di Barnard. Da quello che leggo nella sua pagina web noto che è pienamente coscente della situazione afghana,
    piuttosto mi chiedo dove sia finita la tua analisi e obbiettività, ciao

  • italofranc

    Paolo,
    non è la prima volta che sbagli. Devi stare attento, non ti puoi permetterti certe fesserie con noi che normalmente ti stimiamo come buon giornalista. Karzai è stato messo li’ dagli americani e fin quando c’è lui non puoi pretendere ” un giusto procedimento”; lui se ne fotte del tuo rispetto per l’autodeterminazione, lui ti manda a Guantanamo se non gli rompi il cazzo con una grande manifestazione popolare a Roma vista nel mondo intero.
    Il moralista fallo quando non ci saranno piu’ fantocci al potere, forse dopo che la Nato e gli Americani scapperanno da Kabul come hanno fatto quest’ultimi nel Vietnam.

    Italofranc

  • lavidia

    bravo BARNARD !io quoto barnard che non conosco ! è più realista del Re !complimenti! bravo! spero che dopo questo episodio Strada si occupi esclusivamente di salvare vite e lasci la propaganda a chi se ne dovrebbe occupare! e se non cè chi fa informazione in sfganistan, allora questo è il prezzo da pagare per avere i diritti a cui strada si è appellato per liberare i suoi amici e contro i quali paradossalmente fa propaganda ! aribravo barnard !!!

    Ma cosa vuole fare Strada?
    Ma stia zitto e ringrazi che il governo ha salvato 3 connazionali !

  • cesare52

    @tonino. Egregio signore, si tranquillizzi. Il cervello del sig.Barnard funziona benissimo. Siamo onesti, poteva il sig.JBarnard in un momento come questo essere assente quando La Russa e Santanchè e Frattini hanno già approntato il lucido da scarpa e preparato la spazzola per lucidare le scarpe ai vari Generali USA e inglesi bombardatori, tesi nello sforzo di spezzare le reni ai Talebani? Ne sarebbe compromesso tutto il lavoro di provocazione che data da un pò ed gli auspicabili vantaggi a pagamento. Ohibò qualcuno dell’esclusione da Reporter deve pagarla. Non solo la Gabbanelli, Santoro e i progressisti italiani. Ora si aggiungono anche gli uomini e le donne bombardate dalla Nato- Come si diceva una volta “Se non vai verso la Democrazia, è la Democrazia che viene da te” era la didascalia sotto la foto di un bombardiere che sgancia moltissime bombe su un bersaglio. Il nostro insomma , dopo una sospensione (sarà andato a puttane e magari, visto il livore del presente articolo, ne è uscito anche insoddisfatto) rilancia la sua abituale provocazione alla grande. Basta provocare in Italia, il Mondo lo aspetta. Dopo i servizietti a Berlusconi ecco orrere in soccorso di uel democratico di Karzai e di quei costruttori di pace a suon di bombardamenti indiscriminati dei generali USA ed inglesi. Che quell’antidemocratico di Strada si ostina a denunciare con il suoostinato voler curare i bombardati. Emergency Vergogna

  • lulu

    sinceramente Barnard farebbe bene a stare zitto, a lungo andare i suoi interventi portano alla nausea. Davanti a Gino Strada noi tutti dovremmo toglierci il cappello.

  • cesare52

    @Maristaurru. Io spero che un domani proverai vergogna per quanto hai detto . provo pietà per te. Per chi da mostra con i suoi scritti di tanto livore e costruisce in base al nulla dei pretesti vergognosi per buttare merda su una organizzazione come Emergency e Gino Strada che in Afganistan hanno fatto Due milioni e cinqucentomila interventi chirurgici di cui i due terzi su minori di dodici anni per lo più bombardati dai costruttori di democrazie e di pace, beh per questi ilo ribrezzo è anche troppo. Ripeto spero per te che un domani ti vergognerai.

  • Mangudai

    Come al solito Barnard non scrive nulla per non scrivere del vero problema.
    Il Barnard lo vedo sempre più addentro e reclutato nella quinta colonna…….

  • mikaela

    “Ormai la logica degli articoli di Barnard è semplice: scagliarsi sempre e comunque contro chiunque per un motivo o per un altro”

    ti racconto un episodio forse per te inutile ,ma importantissimo per me che leggevo tutto della Randazzo.
    Ricordo d’aver riportato un link su CDC dove la Randazzo criticava apertamente Prodi e Padoa Shioppa in un suo vecchio articolo che avevo letto in passato.Ricordo d’aver scelto quel pezzo proprio per rafforzare la critica a Prodi con quell’articolo scritto da una penna importante di CDC. A distanza di poche ore ritorno sul link e noto che tutto l’aricolo era irriconoscibile, naturalmente erano sparite le critiche a Prodi e a Schioppa. Morale della favola? Barnard ha ragione,bisogna stare molto attenti perchè i paladini della controinformazione trascinano i loro lettori un pò stanchi e distratti dove vogliono loro a discapito della verità.Lui perlomeno è un giornalista coerente che si espone solo per aprirci gli occhi poi noi facciamo quello che ci pare, compriamo i libri dei nostri preferiti perdonando loro i “peccatucci” d’incoerenza a discapito della verità.

  • Pellegrino

    Riporto qui quanto già raccontato altrove:
    Incontrai Gino Strada in privato l’anno scorso per ragioni troppo particolari da spiegare, in occasione di un incontro sull’Afganistan, e, conscio che poteva temere un ‘agguato’ data la sensibilità dell’argomento, lo rassicurai dicendo che non avevo registratore nè secondi fini.
    feci la domanda con grande circospezione e prudenza, chiedendo solo un parere e non dando a vedere le mie convinzioni.

    lui, in precedenza più che tranquillo, si agitò visibilmente cominciando a bofonchiare stittito e con un tono di voce piuttosto alto disse qualcosa del genere “MA IO NON HO TEMPO PER QUESTE TEORIE FANTASCIENTIFICHE!!!!! E POI CHI SE NE FREGA, NON FA NESSUNA DIFFERENZA…” ed una serie di improperii…poi, con un tono appena appena più pacato “si, anche dei miei amici mi hanno parlato di queste cose, ma io non ci credo…poi, gli italiani continuano a votare Berlusconi…” e via così..

    Teorie “fantascientifiche”

    “non ci credo” (il solito assurdo “ci credo/non ci credo”..manco si parlasse degli alieni)

    “Berlusconi” (ma che c’entra che gli italiani votano Berlusconi??)

    Strada ‘scomodo’?
    perchè ci informa su “su quello che realmente accade in quei territori”?

    e sul ‘perchè’??
    silenzio totale??

    Gino Strada nella migliore delle ipotesi NON SI INTERROGA SULLE RAGIONI DELLA GUERRA IN IRAQ e AFGANISTAN nè si interroga sulle ragioni della TOTALE DESTABILIZZAZIONE del mondo intero.

    Dunque, se NON si mettono in discussione genesi e ragioni della guerra, qual’è il punto??
    Che non fanno la guerra a colpi di souffle e pan di zucchero?

  • Altrove

    Quanti inutili commenti: 101! Per un articolo che dovrebbe essere pretesto solo per riflettere. Ma cosa state cercando un nuovo padre? O si vuole fare del cabaret da 4 soldi? Che palle sta storia di emergency!!! Non c’è verso, si casca in tutti i tranelli possibili, mai che se ne evitasse uno! Io sto con quello, io sto con quell’altro, Barnard va a puttane, Strada è un ipocrita…
    E i demoni si scatenano mentre noi dall’alto delle nostre tastiere ci autoeleggimo piccoli gesù capaci di puntare il dito su tutto e su tutti tranne che al proprio cuore. A volte mi scordo che qui dentro c’è chi sa già tutto. Meno male che ci siete voi ad illuminare il nostro cammino. Già, il cammino dell’immobilità dei caratteri scritti. A noi si che interessa il bene dell’afghanistan! Si! Io sto con emergency!!! Io sto con gli aiuti umanitari! Io sto con la democrazia! Ma riuscite a crederci davvero!?! Riuscite a credere che possa esistere in questa società una cosa come emergency?!? E io che rimasi sorpreso quando seppi che il centro sociale vicino casa era gestito da informatori… Qui ti fottono da tutte le parti… Chiudo questo ennesimo inutile commento e da bravo ignorante delle cose del mondo torno a fare quello che fate tutti voi dopo aver finito di digitare…

  • wiki

    ad un certo punto verrebbe da dire che se tutte le persone che sembrano rispettabili sono corrotte l’unico rimasto da rispettare ed incorruttibile è Barnard ???…ne siamo sicuri ???

  • cesare52

    E già: quanti inutili commenti. E’ meglio cercare di bastonae e definire “Imperialista” una organizzazione come Emergency che in Afganisthan ha fatto duemilinicinquecentomila interventi chirurgici di cui i due terzi su bambini sotto i 12 anni. Ed altrettanto giusto definire leggittimo governo il Governo Karzay che controlla, a seconda le fonti, una porzione di territorio che varia dal 10 al 30 per cento dell’afganisthan. Governo che ha detta di tutti, compreso gli USA ancora non è in grado di “farcela da solo” a rimanere in piedi e quindi per questo le forze della coalizione occidentale che stanno lì dal 2001 non possono uscire dall’Afganistan, ci vorrà ancora qualche anno. Per quanto riguarda l’apparato delle leggi il paradosso è clamoroso: gliele stiamo scrivendo noi italiani, come i nostri carabinieri stanno istruendo la polizia afgana. Questo sarebbe lo Stato sovrano di cui si ciancia in questo articolo e addirittura ci si appella. Complimenti. Ora sappiamo chi è l’imperialista in Afganistan : Gino Strada con la sua organizzazione Emergency. Della serie “la faccia come il culo”

  • Eli

    Ma quale partito prende Emergency? Quello contro la guerra? E poi non hanno affatto rinunciato all’aereo di stato, quell’aereo era atterrato altrove, non a Kabul. Superficiale e faziosa come sempre, prova magari ad approfondire le notizie, prima di vomitare odio.

  • Eli

    Mi rivolgevo a Maga Magò, naturalmente, Maristaurru! 😀

  • lucamartinelli

    grazie, estremamente gentile. e che posso farci? non ho avuto la sua fortuna genetica, di una intelligenza superiore. saluti

  • Eli

    Comincio a pensarlo anch’io.

  • Oreste

    “Ciò che un Paese straniero può e deve fare in questi casi, è di chiedere a Kabul il rispetto della dignità e della sicurezza degli arrestati, e se possibile un giusto procedimento. ”

    Un conto è un intervento diplomatico un conto è un imposizione dall’esterno.

    Comunque a me sembra che su problemi che non mi sembrano essenziali ci si metta sempre a fare discussioni immonde tra insulti a destra e manca…ma poi a prenderla nel culo sono i popoli che vivono quelle determinate realtà

  • Altrove

    la solita pagliuzza negli occhi degli altri per non vedere la trave nei propri. Ma guarda se toccava proprio a me citare gesù in questo contesto. Meno male che c’è emergency che rimedia alle zozzure mondiali che noi stessi con il nostro stile di vita di donatori creiamo. Non ho niente contro emergency o chi ne fa parte (ne conosco eccome), ma questa situazione non fa parte del caso. Come del resto niente che viene trasmesso tramite i mezzi di massa! Non ci riesce guardare con occhi che non siano i nostri. Meno male che non riescono a farlo anche i popoli del medioriente altrimenti eravamo già tutti morti… Quanto mi piacerebbe andare a vedere uno stato sovrano… Tu quale mi consigli? Il governo di karzay è quello che c’è ora e con quello si deve fare i conti. Inoltre trovo un fatto assai grave ciò di cui si parla nell’articolo senza dare retta a tizio o caio. Mai far fare la guerra all’imperialismo dagli imperialisti. Conclusione? solito giochino di ruoli ed opinion leaders per portare l’attenzione su ciò che fa comodo. Emergency è un’altra faccia dell’impero, che piaccia o no… Con questo non intendo gettare fango, anzi elogiare chi ad ogni costo tenta di aiutare il prossimo. Ben vengano le persone coraggiose e volenterose che ne fanno parte, a loro va la mia solidarietà. Però non illudiamoci che tutto sia lindo e pulito perfavore…

  • maristaurru

    Cesare , mi spiace quello che dici. Io non provo livore, dico che ne ho le tasche piene di santi, io la vedo così, siamo un paese di immaturi, sempre pronti ad osannare questo o quello, è la nostra storia. Io posso stimare Gino strada come chirurgo , questo non mi impedisce di vedere che è , o meglio, appare, un arrogante, che rivolgersi in un certo modo , in periodo e zona di guerra ( giusta o sbagliata come io e voi credete, non conta, sono in guerra) al governo karzai,che pure è un governo che a noi piaccia o no, è da incoscienti, è come buttare un cerino per terra vicino alla tanica della benzina,non si fa. E se una cosa non si fa, non la deve fare manco Gino Strada. Mi spiace che non vi sia il senso della responsabilità ed il senso civico per capirlo, almeno da parte vostra, se mai strada potrebbe non avere i nervi a posto, ma voi? Non sono religiosa proprio perchè non riesco a fare atti di fede, nè ad intrupparmi, non ci riesco proprio, figurati se, avendo visto e saputo come debbono agire i chirurghi di guerra per la sicurezza delle popolazioni e dei propri uomini, mi lascio impressionare da un Gino Strada, che a mio modo di vedere è uno bravo, perchè così dicono, che fa il suo dovere.PUNTO.

    Non credo che mi vergognerò, perchè non ho detto nulla di male, solo non mi sono unita al coro dei laudatores, come parimenti non mi è venuto nemmeno per un momento in mente che potesse risultare coinvolto, cosa che non lo pone nell’empireo dei santi, fa il chirurgo di guerra. Lo fanno anche altri senza fanfara, e avoco a me il diritto di dirlo senza censure nè anatemi , ripeto, non mi lascio intruppare, ci mancherebbe!

  • maristaurru

    quoto, finalmente due righe di sana razionalità.

  • Stevin

    E del fatto che al sequestro hanno partecipato gli inglesi, nessuna menzione?

  • BarnardP

    Sono Paolo Barnard. Ma qualcuno lo ha letto il mio articolo? il 98% delle critiche recita: “Ma non sono gli afghani ad aver arrestato i medici, è il governo fantoccio, gli inglesi ecc…” Io ho scritto: “E nulla cambia se si dimostrasse che tutta questa vicenda è opera unicamente delle forze d’occupazione. Strada può fare la voce grossa perché è italiano, perché sa che il nostro governo può a sua volta estendere quella voce grossa all’Afghanistan in quanto potere occupante. Se questo non è colonialismo, imperialismo…, anzi, come ho detto è fin peggio: è usare l’imperialismo mentre lo si disprezza.”.

    I fatti, visibili a chiunque conosca un’oncia di senso morale, sono: Strada ha ottenuto ciò che voleva unicamente per mezzo del potere di ricatto di coloro che da 9 anni ammazzano e brutalizzano gli afghani a suon di colonialismo armato. Non ha chiesto l’intercessione di Mandela, ma di Frattini. Questo è osceno.

    Dov’è la dingità? dove il senso morale? Come si può condannare un Sistema genocida per poi usarne lo stesso potere genocida per salvarsi la pelle? Lo capite che da ‘paladini’ di questa posta non ci potremo mai aspettare la rinascita del principio morale, che è l’unico che può salvarci?

    E ora due parole dove tutti voi, ‘belle anime’, cadrete a faccia in giù: cosa avreste detto se 3 contractors mercenari italiani fossero stati arrestati in Afghanistan e il manager dell’azienda di sicurezza, denunciando un complotto, si fosse messo a sbraitare a Roma “… adesso è ora che chi di dovere tiri fuori i nostri ragazzi. Può farlo, bene e in fretta, glielo ricorderemo sabato pomeriggio in piazza Navona a Roma…”? Tutti d’accordo con l’intervento di Frattini, no? E non bofonchiate scuse, perché se vale quel principio per Strada deve valere anche per il mercenario. Notte, B.

  • DaRiOcK

    Cavolo Barnard, ci sono talmente tanti argomenti che ancora s’ostina a criticare ciò che appare sacrosanto solo per il gusto di ergersi al di sopra di tutti i giudizi, sommo filosofo. Non solo poi, come ampiamente dimostrato anche dai commenti, fuori strada come inquadramento storico-politico-sociale, ma anche fuori logica: solo perchè i nostri costumi sono diversi e lontani anni luce non dovremmo chiedere il rispetto dei diritti ad esempio nei molti casi di sfruttamento del lavoro minorile; o che so, dell’indipendenza richiesta dal Tibet? O delle donne, perchè chiederne il rispetto nei paesi del terzo mondo? Noi siamo progrediti, che ne vogliamo sapere delle loro tradizioni tipo l’infibulazione?? Se l’essere imperialista nell’accezione attribuita a Gino Strada vuol dire essere come dichiara egli stesso contro ogni tipo di violenza, appellando terrorista chiunque la commetta, contro la guerra allora sono imperialista anch’io.
    Che ne dice Barnard invece di perder tempo a scrivere per forza, provare ad aiutare il prossimo come fanno gli eroi di emergency e a titolo gratuito senza imporre costituzioni ma il rispetto della loro missione umanitaria?

  • DaRiOcK

    Ma guardi che Strada è un medico a capo di un’associazione di medici, non un politico, nè un rivoluzionario. Mi sembra che, utilizzando tutti i mezzi a sua disposizione, abbia in primo luogo cercato, oltre alla liberazione dei suoi collaboratori, anche il rispetto per Emergency. La sua missione è aiutare il prossimo, per prima cosa, a guarire le ferite di una guerra della quale poi, essendone spettatore da sette anni, ha forse le dovute conoscenze per darne un giudizio.

  • cesare52

    @maristaurru. Chiamare Governo leggittimo quello di Karzai mi pare eccessivo. Visto che governa una porzione di territorio secondo i più favorevoli intorno al 30 per cento e secondo i più malevoli dal 5 al 10 per cento. Ma soprattutto perchè viene esplicitamente detto dalle fonti occidentali, i media USA in testa, che la ragione dell’intervento in Afganistan, dal 2001, di 130 mila soldati della coalizione occidentale è costruire uno Stato amico dell’occidente. Ed al momento non è ancora possibile una “exit strategy” dall’Afganistan perchè i Talebani checontrollano ed hanno il consenso di oltre il 70 per cento della popolazione, qualcuno sempre dei media Usa ed occidentali si spinge addirittura al 8090 per cento pro talebani, il cosidetto Governo Karzai se lo mangeebbero in un boccone. Esilarante anche il risultato delle ultime elezioni in cui i brogli di Karzai hanno fatto inviperire pure i suoi sponsor USA che hanno imposto un parziale rifacimento delle stesse. Sponsor che hanno chiesto a viva voce anche una qualche moderazione nella corruzione dilagante, come dire “rubate di meno gli aiuti internazionali o perlomeno non fatevi scoprire i conti in Svizzera” come è apparso nella stampa internazionale con dovizia di particolari proprio in conto del Karzai. Insomma è un governo quello di Karzai che si regge sulla punta delle baionette dell’esercito Usa e della coalizione occidentale con un discretito internazionale unanime. Ma c’è di più . Il tuo, e dell’ineffabile JBarnard, appellarsi al cosidetto Governo Karzai ed al rispetto delle sue leggi quando, al grottesco del tuo argomentare non c’è più limite, le leggi gliele stiamo scrivendo proprio noi con il distaccamento di nostri magistrati in Afganistan, così come istruiamo con i nostri CC la localepolizia è una ipocrisia senza limiti e pudore. Tenuto anche conto del fatto che le leggi garantiste scritte da noi non sono ancora valide essendoci un “regime transitorio” in cui valgono quello che cazzo gli pare a Karzai e torturatori vari. Regime transitorio dal 2004 che nessuno sa quando finirà. Ripeto la domanda: ma tu quando dici “legittimo Governo Karzai”la mattina quando ti specchi ce la fai a guardarti nello specchio senza provare ribrezzo?

  • cesare52

    Ricordo sempre i duemilioniecinquecentomila interventi in Afganistan fatti da Emergency creata da Strada. Esilrante anche il tentativo furbetto di mettere in competizione i chirurghi di guerra. Il mio disprezzo per ceerto argomentare è sempre più grande.

  • Mangudai

    […]voci sempre più evidenti raccontano di trattamenti molto meno favorevoli verso i feriti di provenienza diversa dai ribelli[…]

    …e finalmente un discorso chiaro! Con due righe Paolo ci ha illuminati.
    Senza tirare in ballo una sequela di righe per sostenere quanto sia (secondo te) imperialista Strada, non facevi prima a dire:

    Emergency (Strada) = Ribelli antidemocratici
    USA NATO = Democrazia

    …e buonanotte!

  • GinoAnceschi

    Madonna quante cagate.

  • telethont

    PaoloDeGregorio, a differenza di qualche altro, ha detto cose sensate. Qualcuno lo vede? Condivido il suo commento, al 100%. Buona finanche la punteggiatura. 🙂

  • Drachen

    ma ti rendi conto di quale equilibrismo stai compiendo?
    Gino Strada è un cittadino italiano. Tre dei rapiti sono cittadini italiani.
    A chi si doveva rivolgere Strada … a Mandela? (che a dirla tutta è un noto bombarolo, secondo lo stesso metro che mi par di scorgere nell’articolo…).
    Non puoi confondere il diritto di critica alla posizione del proprio paese con l’appartenenza al proprio paese e ai diritti ad esso collegati.
    Io posso denunciare tutti i crimini del mio paese ma questo non significa ripudiarlo ne rifiutarsi di pretendere dal mio paese di intervenire secondo la sua responsabilità e, nel caso, di correggere gli errori commessi.
    Anzi: è una cosa che un cittadino dovrebbe fare con senso di responsabilità quello di fare la “voce grossa” coi propri governanti,
    visto che raramente ascoltano.
    Quindi, mi dispiace, ma…. osceno un cazzo.
    Se avessero rapito 3 mercenari il governo sarebbe dovuto intervenire in egual misura, senza se e senza ma.
    Anche se i 3 mercenari avessero avuto un ruolo poco chiaro.
    E’ obbligo dello Stato garantire la tutela ai propri cittadini (e in questo c’è anche la pressione diplomatica) entro ovviamente il rispetto delle leggi altrui. Se Emergency raccoglie più consensi e sensibilità un motivo c’è, ma non gliene si può fare una colpa quando poi chiede un aiuto
    che molti altri in passato han ricevuto. Eddaie.

  • Drachen

    fai fatica a scindere le due cose in un governo fantoccio. l’interesse nazionale viene prima. se volevi rispettare gli afgani ci pensavi prima di aiutare l’ascesa al potere di Karzai, adesso sono solo esercizi di forma…..

  • Drachen

    quindi gli altri non sono razionali? ma ti ascolti?
    e cmq spiegami la differenza tra pressione diplomatica e imposizione.
    secondo me voi dovete scendere dal pero un attimo: i rapporti sono SEMPRE fatti di una parte forte e una debole.

  • Drachen

    no calma, un conto è far valere il proprio peso a tutela di cittadini italiani, un altro è mettere il naso in altrui faccende.
    si può sostenere la causa del Tibet in nome dell’autodeterminazione,
    ma non si può sentenziare su diritti universali (io sono un relativista culturale).
    nella situazione specifica, ovviamente, dovevamo starcene a casa…
    ma visto che siam la non è che il governo può lavarsene le mani se il governo fantoccio da lui creato trattiene 3 ns. cittadini.
    posto che anche se l’Italia fosse stata a casa avrebbe l’obbligo di intervenire (pur rispettando le leggi altrui) a tutela o in supporto dei propri cittadini. c’è sempre un limite da rispettare che, con un governo farsa, è difficile capire quale è. ma stiam a vedere la pagliuzza….

  • telethont

    anche a me ricorda Ferrara…. Stanlio e Ollio (della provocazione)? …ma le finalità del magro sono meno decifrabili….

  • maristaurru

    @Cesare mi hai fatto un discorso molto interessante ed una analisi politica ineccepibile e basata su dati di fatto che credo siano innegabili. ma vedi volere la botte piena e la moglie ubriaca è un viziaccio di molti che diventa abitudine per quellic eh hanno anche un minimo di potere.

    Chi da volontario decide di mettersi al servizio di coloro che soffrono nei luoghi di guerra DEVE essere distante mille anni dai giochi politici, per il semplice fatto che appena appena dà solo l’idea di voler prendere parte, sia pure la parte degli oppressi contro gli oppressori, limita ipso facto la sua funzione primaria: il bene delle vittime della guerra.

    non nascondiamoci dietro ad un dito: il risultato di certe prese di posizione più o meno velate è che gli hanno, almeno per ora tolto un ospedale.

    Chi credi che ne soffra, Gino Strada, o gli afganani? Chi sono le vittime di tutto questo? Non è la partita Roma Lazio, la nobiltà di simili impegni sta nel fatto che nella follia ed irrazionale criminalità della guerra, ci sono uomini che, prese le distanze da torti e ragioni, curano gli esseri umani.

    Chi ci piaccia o meno, che sia giusto o meno, Karzai ha il potere di fare quello che ha fatto, infatti lo ha fatto, e le dichiarazioni che ci sono state riportate , se vere, di Gino Strada sono state da incosciente per il semplice fatto che lui aveva come medico una precisa responsabilità verso chi soffre , e in quella veste di medico, oltre tutto ha ricevuto un mare di danari e sovvenzioni. In questo senso le critiche al suo egotismo e al fatto che creare santi e martiri non è nè utile alla casa, ma se ti debbo dire, nemmeno ai santificati .
    Un ospedale importante è stato chiuso, ove un atteggiamento meno guascone, meno da dio irato , ma volto solo a pretender chiarezza e rapidità senza dare in pasto ai giornali ed alle tv dichiarazioni estemporanee, io credo avrebbe portato a chiarimenti, come è capitato per medici senza frontiere in un caso simile, che non avrebbero comportato la chiusura di un Ospedale che il potere ormai sente come contrapposto.

    Ed in questo senso , solo in questo senso, contrappongo a Gino Strada, chi ha avuto ed ha a quanto pare, atteggiamenti più consoni alla missione scelta.

    Cosa ci sia da rabbrividire e da scandalizzarsi, francamente mi sfugge e mi spaventa , come ogni esaltazione di qualunque stampo, ci si sesalta, ci smonta e.. puff.. scompaiono le persone e restano gli eroi , mentre le persone incolpevole ed estranee ai giochi, soffrono . Non so chi dovrebbe rabbrividire se te o io.

  • Eli

    Le finalità del magro saranno le stesse del Platinette barbuto: farsi notare!

  • telethont

    L’ unico “imperialismo culturale” che VEDO imperare e “culturare” è quello anglo-israelo-americano… cioè il solito, da un secolo a questa parte… quello che VEDO, caro PB, è che spesso non usi al meglio le tue capacità professionali di giornalista… e che anche stavolta hai messo a fuoco un aspetto marginale per fare uno sterile esercizio di narcisismo… A PROPOSITO DI VISTA, lo VEDE anche un cieco che l’obiettivo (raggiunto) di tutta la sceneggiata era liberarsi di scomodi testimoni in loco per le prossime puntate della “democrazia depleta” che avanza… ci vai tu PB, ora in Afghanistan a fare il “peacereporter” e a raccontarci quali nuove armi saranno adoperate nella regione dell’ Helmand, oltre alle bombe solite ? …inoltre VEDO (o meglio ANNUSO) che tutta la faccenda puzza di concertazione governativa anglo-italiana …sai com’è…noi ipermetropi… 🙂
    Mi verrebbe da dirti “ma va a ciapà i rat”… invece ti dico bravo(molto) per come ti sei preparato sull’argomento e hai saputo illustrarci ad esempio le pieghe oscure del Trattato di Lisbona. Forza PB, da te si pretende di meglio, puoi farcela… 🙂

  • mickey

    sono stata colpita anch’io dall’arroganza del governo italiano che ha preteso di bypassare totalmnente le autorità giudiziarie afgane preposte ad indagare il caso. Se in seguito dovessero essere trovate delle prove contro Emergency, il processo dovrebbe svolgersi in Italia – per quale motivo?! Non succederebbe mai tra stati occidentali.

  • maristaurru

    esatto tra due parti ce ne è una forte ed una debole, forte per ora è il Governo, debole e Emercency, ma in questo caso c’è una terza parte che non sembra Emergency abbia tenuta nela giusta considerazione: le vittime della guerra.
    Emergency è nata per badare, al di là della follia scema della guerra, alle persone ferite, a tutte senza distinzione di appartenenza.

    Probabilmente se si fosse pensato al terzo soggetto il più debole, mettendo da parte le argomentazioni politiche, e gli orgogli di parte i toni sarebbero stati più misurati, e l’accertamento della totale estraneità di Emergeny alla storia delle armi, sarebbe bastata probabilmente ad assicurare il ritorno in attività dell’ospedale, che ora non si sa chi lo faccia funzionare e se funzioni.
    Nel momento insomma in cui Emergency prende partito e fa sapere da che parte sta in una guerra, indebolisce gli interessi di quelli per i quali sarebbe nata: cura sanitaria de le vittime di guerra che dovrebbero essere tutte uguali.

    Sembra facile da capire a meno che non si sia accecati dalla arroganza, tanto da perdere un po’ il filo del discorso

  • telethont

    :-))) …mi piace il tuo humor …di certo entrambi si ritrovano un ego ipertrofico, impegnativo da gestire …forse sono soltanto “appena un filino” più narcisi della media dei loro colleghi “pennivendoli”…

  • walterkurtz

    “Chi da volontario decide di mettersi al servizio di coloro che soffrono nei luoghi di guerra DEVE essere distante mille anni dai giochi politici, per il semplice fatto che appena appena dà solo l’idea di voler prendere parte, sia pure la parte degli oppressi contro gli oppressori, limita ipso facto la sua funzione primaria: il bene delle vittime della guerra”. Un conto è essere distante dai giochi politici, un conto è avere delle idee e prendere delle posizioni (capita a tutti gli esseri umani) ed il fatto che ciò vada ad inficiare il lavoro sul campo è un opinione o peggio un pretesto per gettare fango (ripeto prendere posizione, l’essere distante dai giochi politici è doveroso, ma credo che questo non si possa imputare ad emergency).
    Il resto sono chiacchiere. Gino Strada ha un carattere spigoloso che può certamente non piacere, ma scagliarsi in questo modo contro di lui mi pare un tantino ingeneroso…Come già detto possiamo spaccare il capello in 4, ma i fatti sono che da una parte c’è un organizzazione che opera da anni ottenendo risultati notevolissimi, dall’altro…beh occorre dirlo? Qui la santificazione non c’è e non c’entra nulla.

  • maristaurru

    sta di fatto che , diciamo la passione di Gino Strada gli ha fatto perdere sia pure per poco, di vista il bene primario: la salute dei feriti.
    Un governo specie se fantoccio reagirà, lo capirebbe anche un bambino, ed infatti comunque sia andata la storia delle armi, ha reagito, e pagano gli innocenti. Emergency è stata sbattuta fuori, e non si capisce chi opera e se opera qualcuno in quella postazione, questi sono fatti e non pugnette ideologiche.

    stare ad urlare al complotto, o se la politica della guerra è disastrosa, ( cosa appurata che lo sia , ormai credo), serve ad altro che al bene primario : i feriti. Come sempre ci si dimentica di chi se ne fotte della legittimazione di questo o di quello e tira la giornata con i denti. e se debbo dire , vista da qui, fanno schifo tutti quelli che stanno mettendo a posto i loro interessi sulla pelle degli afgani, ma se dico tutti, io intendo tutti, no questo si e quello no. ci si capisce poco di quello che succede, ma una cosa si vede: la gente crepa e a combattere non è mai 1 solo.

  • mat612000

    Il peggiore intervento in assoluto di Barnard, che per avere visibilità ormai difenderebbe anche il demonio.
    Secondo me o non ha capito veramente nulla di cosa sia successo o è in totale malafede.
    Emergency non è in Afghanistan a imporre niente a nessuno, offre cure mediche alle persone colpite dalla guerra che lo stato afghano non sarebbe in grado di dare.
    Cosa c’entri questo con la democrazia portata con le baionette e il colonialismo davvero non è dato capirlo a parte la sciocca pretesa di scatenare una futile polemica.
    Perchè Branard non se ne va un po’ in Afghanistan a fare un po’ di volontariato negli ospedali di Emergency (dato e non concesso che lo vogliano), invece di starsene comodo dietro al PC a infangare l’opera di chi soccorre vittime civili?

  • walterkurtz

    La cacciata di Emergency era l’obbiettivo unico e reale della messa in scena perché ormai da tempo le forze locali e angloamericane non potevano più tollerarne la presenza. Le dichiarazioni di Strada, per quanto avventate, non c’entrano nulla. Si riascoltino per esempio le dichiarazioni di Luttwak ad Annozero, cioè le parole di uno che la sa lunga (tra le altre cose ha candidamente ammesso di non sopportare che Emergency presti cure ai feriti Talebani, cioè Emergency dovrebbe fare una scelta, una selezione nel prestare soccorso, cioè proprio quello che i medici non devono assolutamente fare come si diceva poco sopra…oltre al fatto che Emergency dà fastidio in quanto testimone delle atrocità commesse in quelle terre; atrocità che vengono giustamente denunciate con lo scopo non di un banale schierarsi, ma di renderci consapevoli di fatti che altrimenti non sapremmo e che quindi con ancora maggiore facilità potrebbero essere perpetrati).

  • Fabbietto

    “La realtà, per chi vuole vederla, è che Gino Strada, proprio lui, si è accodato al più classico imperialismo culturale, sbraitando agli afghani “giustizia occidentale ora, subito!”.”
    Questa frase dovrebbe dirci tutto sulla mediocrità di questa analisi

  • giosby

    Solo un dettaglio.

    Scrive Barnard:

    “Le nostre carceri straripano di senegalesi, più spesso che no innocenti derelitti arrestati dalle questure solo per ‘far opinione pubblica’, ma nessuno da Dakar si è mai permesso di intimare all’Italia processi rispondenti al Diritto tribale africano. “

    Nessuno chiede la liberazione e il rimpatrio, aggiungerei …

    Come mai?

  • mat612000

    Le autorità giudiziare afghane dopo quasi una settimana non sono state in grado di formulare nemmeno un capo d’accusa strumentale a giustificare in qualche modo l’arresto e la detenzione dei medici di Emergency.
    Questo è sufficiente a screditare tutta la faccenda.
    Tra stati “occidentali” non succederebbe mai un caso identico perchè è semplicemente inconcepibile che un cittadino (straniero o no) sia detenuto senza un capo d’accusa.
    Facciamola finita con queste idiozie!

  • Earth

    Non hai capito il senso del perche’ l’ho scritto tantomeno luca, comunque a te non ti avrei dato la stessa risposta, se vuoi puoi leggere il messaggio di risposta verso luca.
    Non ti rispondo al tuo quesito perche’ trovi la risposta qua nei commenti e inoltre ha pure risposto Barnard. A presto

  • Earth

    Prego, non capisco perche’ te la sei presa visto che sono parole tue, forse perche’ lo hai scritto per buon senso ma in fondo non ci credevi veramente? Ti ho risposto quando esistevano ancora pochi commenti, per farti capire che l’articolo un senso ce lo aveva. Cosa potevi fare? Semplice, quello che di solito faccio io e’ ragionarci un po’ su, prima di commentare o chiedere spiegazioni, altro che intelligenza superiore. Per la cronaca l’articolo e’ stato pubblicato alle 17:10:00(il mio cdt e’ sfasato) e il tuo messaggio di risposta 17:26:02 , cioe’ un quarto d’ora… Comunque rispetto piu’ chi come te chiede che non chi piuttosto spara cose a caso.

  • Eli

    A me piace il tuo nick: con poche lettere, dice molte cose. 😀

  • Eli

    Mickey, tu parli come se il sedicente “governo afghano” fosse un normale governo, eletto liberamente da un popolo, intenzionato ad avviarsi sulla strada di una tranquilla democrazia. Ma non è così. Karzai era un dipendente della Unocal (compagnia petrolifera americana), ed è stato per anni a libro paga della CIA. Il fratello è un grosso trafficante di droga. Le elezioni in Afghanistan sono una burla condita di brogli (tempo addietro Gino Strada affermò che, nel giorno delle elezioni, c’erano persone che giravano per i mercati di Kabul con tredici schede elettorali in mano), quindi un po’ peggio che da noi, dove i brogli sono meglio mascherati. Sere fa Frattini ha affermato che sono sei anni che gli Afghani hanno votato una loro costituzione, ma ancora non è messa in pratica. In questi casi l’unica cosa da fare è chiedere a gran voce la liberazione dei malcapitati, e magari pagare per ottenerla. ma occorre scordarsi ogni legalità. La richiesta di svolgere un eventuale processo in Italia (che peraltro io non ho sentito, ma mi fido di quel che dici), è solo un tentativo di sottrarli a chissà quali torture e ad una prigionia inumana.
    Comunque l’ospedale ora è chiuso, quel che voleva la Nato è ottenuto, e tutti sono contenti. Meno gli Afghani., che moriranno senza cure e senza testimoni oculari, senza giornalisti e senza una memoria storica.

  • maristaurru

    non ho visto anno zero , ora me ne dispiaccio. Luttwak non sono mai riuscita a capire a nome di chi o casa diavolo pontifica, mi dà l’orticaria più di Travaglio se possibile. mi sembra folle affermare che un medico di guerra debba fare differenza tra talebani ed afgani, una mostruosità della quale dovrà render conto alla sua coscienza, se ce la ha.

    Ma resto della idea: Emergency e qualunque altra organizzazione del genere, dovrebbe, almeno ufficialmente, restare completamente fuori dei giochi, è quello l’unico sistema per potere rimanere a svolgere la propria missione primaria, poi se davvero si ha a cuore il bene degli afgani tutti, sappiamo bene io e tu e tutti gli altri che, senza mettersi medaglie al collo, sopportando di restare dietro le quinte, le notizie si fanno uscire eccome, molti lo hanno fatto prima e meglio di Strada in altri tempi ed in altre guerre, servendo il bene , informando l’opinione pubblica senza fare ricadere sugli innnocenti e sui malati il prezzo di una gloria che mi sembra in 15 anni di guerra afgana, infarciti di proteste ed accuse e rivelazioni da parte di emergency, non ha portato ad un bel niente. Siamo consapevoli delle atrocità, veniamo bersagliati da fatti e contro fatti, bè? Credi che sia cambiata un virgola? ma siamo seri finalmente, ci stanno riempendo di chiacchere, mentre i fatti seguono indisturbati il loro corso. Siamo realisti, se poi vogliamo fantasia, comperiamoci un bel libro di favole, che magari impariamo qualcosa, invece di lasciarci imboccare da questo e da quello.

  • catrafuse

    Dalle mie parti si direbbe:
    pies il tacon dal bûs

  • Oreste

    Dicesi intervento diplomatico un’insieme di negoziazioni tra una nazione ed un’altra…diplomazioa è discuterne, imporre è dare un’ordine una regola!

    I rapporti non sono SEMPRE i rapporti sono spesso fatti da parti deboli e forti ( in democrazia è cosi) ma ciò non implica che la parte forte imponga decisioni sulla parte debole…anzi

  • Earth

    ” sa come attirare l’attenzione quando altrimenti nessuno parlerebbe di lui…”
    Si sente parlare di Barnard ovunque in ‘sto sito, anche in questo suo periodo di assenza. Poi ovviamente non c’e’ piu’ sordo di chi non vuol sentire

    “… non usa i caratteri cubitali”
    Ti ho colpito in un nervo scoperto a quanto vedo 😉

  • Oreste

    Sono d’accordo che chi va contro, per quel che fa,ad A e poi chiede ad A una cosa per i suoi interessi non fa un ragionamento diciamo “coerente”.

    Probabilmente qui tutti si infuriano perchè i 3 malcapitati sono 3 medici, andati la per puro (penso) senso altruistico.
    Qui non si critica ciò che fa emergency, ma ciò dice e fa Strada.

    Penso comunque che vengano fatte tutte discussioni semi inutili.
    Barnard vuole screditare “idoli” (e spero e immagino sia in buona fede) i difensori di Strada vogliono difenderne ( e spero e immagino sia in buona fede).

    Non penso che questi siano problemi altamente essenziali, anche se tu Paolo probabilmente dirai “qui è in gioco il senso comune di morale che viene distorta dalla gente del bene, dei paladini”

    ma Paolo io tornerei a

    “mi rifiuto di buttare io stesso altro carbone nella locomotiva dell’obnubilamento civico che è la Rete ”

    ognuno faccia il ragionamento che vuole, essere pro o contro vabbè, ( alla fine penso che tutti siano in buona fede) ma alla fine, quando sarà il giorno che qualcosa cambierà realmente, non penso sarà motivo di discussione…la soluzione è nelle parole di Gorel Vidal

    ” “Non fate mai l’errore di pensare che le persone come me stiano cercando degli eroi. Non ce ne sono e se ci fossero, verrebbero immediatamente uccisi. Non mi stupisco mai dei cattivi comportamenti. Me li aspetto.”

  • albertgast

    Ma che scrivi?
    Strada non ha affatto ottenuto quello che voleva. Certamente la liberazione dei prigionieri era voluta da lui, ma anche da tutti gli italiani. Quello che lui voleva, però, era di restare laggiù nel suo ospedale, che invece è stato chiuso.
    Lui stesso ha detto “hanno ottenuto quello che volevano”, cioè mandarlo via da là.
    Vorrei vedere te, se fossero in pericolo degli amici tuoi, se non ti appelleresti anche al diavolo in persona per salvarli. In quanto ai mercenari, ti sei già dimenticato dei 4 che avevano rapito in Iraq? Lascia perdere, và, che è meglio.

  • doppio

    Appena qualcuno va in controtendenza subito tutti lì pronti a stracciarsi le vesti!! Io sto con Barnard (tranne che per l’11 settembre, chiaro inside job) e la neutralità di emergency e del santosubito StraDA non mi convince affatto!!

  • cesare52

    @altrove. La colpa è la mia perchè dovrei sapere che quando si parla con i barnardboys il risultato è sempre lo stesso. Primo non dicono un accidenti che abbia un senso: “le zozzure mondiali” “la pagliuzza etc” insomma qualunquismo allo stato puro, frasi fatte come se piovesse. Eppoi si cala l’asso (presunto) “mai far fare la guerra all’imperialismo dagli imperialisti” Che c’entra questo con i duemilioniecinquecentomila interventi chirurgici che Emergency ha fatto finora in Afganistan di cui i due terzi su ragazzini inferiori ai dodici anni? Che c’entra questo con l’imperialismo tenuto conto anche del fatto che tutto ciò è stato fatto con l’ostilità sorda costante e più volte palesata contro Emergency proprio dai bombardatori angloamericani imperialisti con il supporto scodinzolante delle truppe italiane? Non è dato saperlo. “Conclusione? solito giochino di ruoli ed opinion leaders…” ma di che si parla? Di duemilioniecinquecentomila interventi in zona di guerra, da soli e senza nessun supporto di qualsiasi sStato ed anzi ccon l’ostilità aperta degli imperialisti o di JBarnard ed i suoi giochetti ed azioni di disturbo e tentativi di sputtanameno dei vari Travaglio e Gabbanelli etc, cioè di chi lo ha cacciato a calci nel culo da Reporte e dall’opposizione in genere? Ma perchè voi Barnardboys mischiate qualcosa di notevole e veramente di sostegno ai più diseredati e bombardati fatta da Emergency con le miserevoli , livide e vomitevoli ambizioni di leaderini tanto miseri quanto voraci di stare in prima fila, sempre sulla bocca di tutti. Il grottesco è che poi si fa la parte dei furbetti e dei cinici : “Quanto mi piacerebbe andare a vedere uno stato sovrano…” O grullo visto che non ci sono stati sovrani dove c’è un minimo di garantismo allora ti auguro di finirci nelle galere di Karzai dove la polizia ti può trattenere per 15 giorni rinnovabili a suo piacere, senza avvocato e senza saper neanche dove sei da parte dei familiari. Scommetto che poi ragionerai, caro il mio grullo in maniera diversa. La tortura è l’unica cosa che fa in proprio il Karzai visto che per il resto è un fantoccio, economicamente e militarmente degli angloamericani, i quali dichiarno che non possono andare via dall’Afganistan per chè il Karzai non urerebbe una settimana perchè i Talebani che controllano dal 70 al 90 per cento del territorio, se lo mangerebbero in un boccone. A proposito dell’affermazione “c’è Karzai bisogna tenerne conto”. E chiudo qua ma tanto altro ci sarebbe da dire sulla malizia di voler considerare un fantoccio tenuto su esclusivamente dalle baionette angloamericane uno stato. Sappia che il mio disprezzo e ribrezzo verso queste posizioni oggetivamente di sostegno all’imperialismo è totale. Le sue si che ono opinioni imperialista e di comploicità con un torturatore del suo popolo comeè Karzai. Una ultima cosa: lei quando parla di Emergency e di Gino Strada si dovrebbe prima lavar la bocca, non sta parlando di una figura grottesca come Jbarnard.

  • cesare52

    La precisazione è peggiore del vomitevole articolo. E naturalmente non tiene , e come potrebbe?, nessun conto dei duemilioniecinquecentomila interventi chirurgici, i due terzi su ragazzini inferiori ai dodici anni, fatti da Emergency in Afganistan, su una popolazione totale che non arriva ai 6 milioni. Numeri che danno la dimensione di cosa significa l’intervento della coalizione imperialista in guerra con 130.000 soldati dal 2001, dei suoi innummerevoli bombardamenti etcetc. Ed anche della inefficacia, visto che a detta di tutti gli analisti i Talebani controllano dal 70 allo 80 per cento del territorio. Ma sono anche numeri che dicono chi è imperialista, quelli che bombardano e chi oltretutto con il fastidio e l’ostilità dei bombardatori cerca di portar soccorso alla popolazione. Nel fare questo ,tutelando i propri operatori, è agevolato dal fatto che è occidentale e che quindi non può essere fatto fuori o fatto sparire da Karzai come un afgano qualsiasi? E chi cazzo se ne frega.

  • cesare52

    @mikey. Non se la prenda gentile signora se io le obietto che lei forse oltre ad essere “colpita” è anche disinformata. Non esistono “autorità giudiziarie afgane preposte ad indagar il caso”. perchè? Semplicemente perchè colà sono stati ufficialmente distaccate dal 2004 dei magistrati italiani da parte della coalizione angloamericana a cui è stato delegato il compito di redigere le leggi. Ci sono tuttora. Così come tuttora ci sono i nostri CC impegnati a “costruire” la forza di Polizia e sicurezza afgana. Sottolineo il fato che questi compiti: costruire la struttura giuridica così come costruire la nuova polizia afgana sono compiti datici dalla coalizione angloamericana. Karzai li ha solo sottoscriti. Naturalmente questo configura uno stato fantoccio coloniale in cui Karzai è solo una immagine stando il potere reale nelle mani della coalizione angloamerioana con le varie appendici, tra cui noi italiani. Del resto lei ne ha la controprova con la dichiarazione di Obama della attuale imposssibilità di trateggiare una “exit strategy” dall’afganistan malgrado i guai economici attuali degli Usa. Tutti i commentatori dichiarano che Karzai senza le forze della coalizione durerebbe da una settimana ad un mese perchè i Talebani, che controllano, a seconda degli analisti, dal 30 al 10 per cento del territorio, se lo mangerebbero in un boccone. Per non parlare della corruzione etc etc Ecco su quanto le ho esposto sopra, gentile signora si dovrebbe indignare. E confido sul fatto che lei voglia considerare, prima di trarre considerazioni un tantino affrettate, che Emergency in Afganistan ha effettuato duemilioniecinquecentomila interenti chirurgici i due terzi dei quali su bambini inferiori ai 12 anni. tenga conto che la popolazione dell’afganistan non arriva ai 6 milioni. Ed Emergency ha fatto questo nel totale isolamento ed anche ostilità delle forze della coalizione occidentale impegnate a bombardare più che a pacificare, malgrado il nome che si sono scelte “Missioni di pacificazione” “costruttori di pace” ed ipocrisia cantando. Malgrado questo qualche sciagurato personaggio indecente chiama E, senza vergogna,Emergency imperialista. Io di questo mi scandalizzerei nei suoi panni. Oltre del fatto che colà è stato chiuso un ospedale costruito dai volontari di Emergency e che nessuno curerà più i feriti. Le forze che dovrebbero costruire la pace preferiscono bombardare piuttosto che curare.

  • bstrnt

    Mi domando se Barnard sia mai stato in Afganistan.
    Mi sembra si stia immedesimando un po’ troppo nel fare il Luttwak della situazione, preferendo, magari, la frequentazione di località più salubri.
    Non mi sembra una cosa ne simpatica ne intelligente.
    Se è così, allora sì! Emergency fomenta le guerre perché offre a tutti: talebani, civili, signori della guerra, donne, bambini e chi altro la possibilità di essere curato indipendentemente dalla fazione o dal colore della pelle; certo se sistemasse tutto con qualche iniezione di stricnina, guerre non cene sarebbero, visto che sarebbero tutti passati a miglior vita.
    Sta di fatto che Emergency è in Afganistan da oltre 10 anni, è anche in altre parti del mondo, ma è sintomatico che i tentativi di delegittimazione siano arrivati solo pilotati dai democraticissimi occidentali.
    Che sia un caso?
    Magari il buon Paolo potrebbe leggersi le considerazioni del generale Mini, che certo non è un pacifista ad oltranza, ma almeno conosce la realtà nella quale è maturata la farsa e conosce quei luoghi e l’ambiente tribale e militare (di occupazione) mescolati assieme in una miscela abominevole.

  • donman

    Gino Strada impieralista ? 😀 😀 😀 😀 😀 😀 😀
    Paolo fatti un giro in Afghanistan che è meglio !

  • cesare52

    @fabbietto. Ineffabile ed incredibile. Ho dovuto leggere il commento due volte. Non ci credevo: troppe amenità tutte insieme in così poco spazioSi dovrebbero mettere dei limiti alla imbecillità. Per cortesia , ma quando Gino Strada avrebbe detto, anzi sbraitato “Giustizia occidentale ora, subito!”? Un dato invece glielo voglio dare ora io malgrado lei ed il suo post non si meriti un discorso serio. Duemilioniecinquecentomila interventi chirurgici in Afganistan effettuati da Emergency, i due terzi su bambini inferiori ai 12 anni. Tutto ciò nell’ostilità palese e manifesta dei veri imperialisti, quelli che bombardano le popolazioni che hanno in Emergency l’unica assistenza medica: gli angloamericani. Ci rifletta prima di sparare cazzate. O perlomeno eviti di scrivere dopo aver fumato. Che di cazzate ce ne sono anche troppo in giro evitiamo di incrementare. A proposit che si è fumato?o

  • cesare52

    Bravo. Anche se…è un peccato che lei abbia rinunciato a dire “ma va a ciapà i rat”. Dalle mie parti si dice :”quando ce vò, ce vò”. Saluti e complimenti per il commento .

  • cesare52

    @Gabbbiano. Lei è un sottile umorista che io seguo sempre con grande spasso. Ed anche questa volta ha commentato da par suo. Non le sembra un tantino indecente parlare di diritto dei popoli ad autodeterminarsi nei confronti di Karzai che sta su unicamente sulla forza di elicotteri e carriarmati di 150mila soldati delle forze angloamericane e che malgrado armi sofisticatissime controllano dal 30 al 10 per cento del territorio. Il resto dal 70 allo 80 per cento del territorio e della popolazione viene controllato dai talebani. Sono dati degli analisti occidentali unanimamente riconosciuti. In questa situazione parlare di autodeterminazione riferita ad un governo fantoccio che non resisterebbe una settimana senza l’aiuto degli invasori, un governo artificaile messo su e sostenuto con le armi, beh io lo ritengo indecente come ritengo indecente il suo commento. Ma lei con quella bocca , caro il mio barnardboys può dire quello che vuole. Lei come il suo principale adottate il seguente principio: “piatto ricco mi ci ficco”. nessuno vi si caca e quindi tutte le occasioni sono buone per mettersi in evidenza. Anche sostenere tesi sgradevoli ed infondate. Poveri provocatori che non sapete che inventarvi per mettervi in evidenza. Miserabili e senza onore.

  • cesare52

    rossospinoso. Una ottima analisi. Sintetica ed efficace. particolarmente centrata “…chi cerchi di rivendersi sul mercato (inflazionato) dei pennivendoli” E’ proprio così. Questo articolo lo è in modo rivoltante come la posizione che da tempo ha assunto il sig. (si fa per dire) JBarnard. Il grottesco che lui ed i suoi barnardboys non si vendono per vocazione ma per dispetto a chi li ha cacciati a calci nel culo da Reporter e dalla stessa opposizione. Lo fanno per rabbia, non mi fate giocare allora io cerco di bucare il pallone. E’ questo è, se possibile ancora più scihifoso.

  • cesare52

    @ Barnard è uno che escluso da tutto il giornalismo che conta dopo essere stato cacciato a calci nel culo da Reporter cerca di mettersi in mostra e di farla pagare a tutta quella parte che secondo lui non ha mosso un dito per lui. Nella sua ossessione vendicativa è ciclico. Prima Travaglio, poi Grillo, poi Di Pietro etc etc Ogni tanto cerca di variare, ma solo da una parte, quella della opposizione. ora ha trovato Gino Strada ma non perchè è interessato, non gli importa un accidenti nè dell’Afganistan nè dei duemilioniecinquecentomila interventi chirurgici effettuati da Emergency in Afganistan, i due terzi su ragazzini di età inferiore ai 12 anni, nell’ostilità palese e più volte esposta dai veri imperialisti: quelli che bombardano le popolazioni civili gli angloamericani ed hanno messo su un fantoccio come Karzai che tutto è meno che antiimperialista, visto che non potrebbe esistere senza le armi imperialiste. All’inneffabile JBarnard preme farla pagare al Mondo che non si accorge di lui, assomiglia a quel ragazzino che ” non mi fate giocare centravanti allora io buco il pallone”. Non perde occasione di essere sgradevole, in questo caso è particolarmente rivoltante. Gentile interlocutore, vedo che lei parla di punti A B e C. Qi si tratta di persone bombardate, senza gambe o braccia a cui Emergency assicurava, da sola, una qualche assistenza medica. Un consiglio per essere meno indecente: si concentri alla ricerca del punto G. E’ più decente delle cazzate che spara in questo post.

  • cesare52

    @Maristaurru. Ti leggo e ti rileggo ma un senso compiuto a quello che dici non riesco a trovarlo. Malgrado la simpatia che ho per te non riesco a sottrarmi dal notare il mare di frasi fatte e qualunquismo in quantità industriale che promani nei tuoi scritti. Dici “ma siamo seri finalmente, ci stanno riempiendo di chiacchiere,, mentre i fatti seguono indisturbati il loro corso…” ed a me viene da pensare: “ma l’ospedale di Emergency chiuso in una zona di guerra, fortemente bombardata sarà mai riaperto? E di quei civili, magari con i moncherini o con le schegge, perchè vengono bombardati con bombe a frammentazione malgrado siano vietate da tutte le convenzioni internazionali possibili ed immaginabili, così come le bombe al fosforo usate a Gaza, chi se ne occuperà? I nostri bersaglieri, od i marines, o gli inglesi, insomma tutti quelli che vengono comandati dai governi della coalizione occidentale in “missioni di pace”, su carri armati ed elicotteri? Insomma chiuso l’ospedale di Emergency, finalmente che con il suo imperialismo offendeva gravemente gli afgani, chi assicurera un minimo di assistenza sanitaria lì? Tu e Barnard? Ma stai ancora ad intervenire invece di partire per l’afganistan?

  • Earth

    Indecente? Vero, e’ meglio fare la guerra e poi ricucirli, complimenti…

  • Earth

    Ah prima che travisi ulteriormente le mie parole, se chi come te capirebbe che un’azione ne concatena altre, potrebbe anche capire dove si potrebbe arrivare. Il discorso di barnard non fa una piega, se lo attui a qualsiasi aspetto della vita politica, non solo non esisterebbero guerre perche’ non ci sarebbe risentimento alcuno, ma un miglioramento generale di tutto lo stato.
    Che poi questi medici che vanno a ricucire all’estero persone di cui la vita e’ gia’ segnata (ora non dirmi che la guerra non produce malfunzionamenti psicologici a vita…) lo vedo piu’ come un’azione di visibilita’, invece che restare in italia, paese che gli ha permesso di diventare medico CON AIUTI STATALI DA TASSE ITALIANE e fare volontariato gratis per i 15 MILIONI DI ITALIANI POVERI, il ssn funziona male e i poveri italiani se lo pijano in quel posto…
    Questi medici si informassero sulle cause geopolitiche del perche’ esistono queste guerre e protestassero attivamente per FERMARE LA GUERRA non PER LIBERARE AMICI. Vergognati, non ti fai schifo che non ci arrivi da solo a queste cose?

  • maristaurru

    Cesare che senso ha quello che dici? Non io ho fatto chiudere Emergency, non io ho preso partito avendo la responsabilità dei moncherini, delle vittime della guerra, non io ho raccolto fondi per curare e non per schierarmi, che degli anatemi di Gino Strada, delle sue prese di posizione non c’era nessun bisogno, non credo esista medico di guerra, operatore sanitario, o volontario di Ong , che sia per la guerra, mi sembra tanto ovvio che questo insistere sul pacifismo di Strada da parte di tanti suoi estimatori diventa stupido, se di forzato suona malissimo. Strad sapeva benissimo che certi atteggiamenti avrebbero prima o poi portato a questo risultato, Karzai per lui non è legittimato? Ma karzai è al governo, sia pure delegittimato, ma ci sta, Gino Strada, no. E per il bene di quei feriti avrebbe dovuto mordersi la lingua e tacere. Ha voluto fare due mestieri, medico e giornalista -politico, che c’entro io? Io vedo senza il paraocchi o se vuoi, senza il velo della passione.

    vedi bene che tutto il gran chiaccherio , urlio, denunciare, di Strada , non ha portato a niente e quella denuncia poteva, anzi avrebbe dovuto farla, un buon reporter e mi sembra che non siano mancati altri commentatori che ci hanno fatto pervenire notizie, foto, testi.

    Ripeto, sbagliate a creare Santi , non è così che si ottiene qualcosa . Stimare Gino Strada per quello che è riuscito a fare, è cosa indiscutibile, e se vedi, nessuno o quasi, ha la faccia tosta di affermare diversamente, ma da questo a farne un guru, ne corre. E se debbo dirtela tutta, io il più della responsabilità la do propio a chi si crea sti eroi, ho già fatto simile discorso con un certo Gianni che scrive su ripensare Marx, credo, ha capito, non ha condiviso , ma ha capito, e vedi, non è necessario affatto che la pensiamo tutti allo stesso modo, sarebbe orribile se cosi’ fosse.

    Ci hanno fregato la vita inducendoci a questo, a tutti.

  • cesare52

    Insomma l’ospedale di Emergency l’ha chiuso Gino Strada. “certi suoi atteggiamenti” ” non si è mozzicato la lingua” ,”gli anatemi di Gino Strada”. Vomitevole e con che faccia, mi verrebbe da controbattere. Tu mi dici “che c’entro io? Ed io ti rispondo : “che coraggio e che stomaco hai”. Ma vomiti, pardon volevo dire dici ancora di più: “Vedi bene che tutto il gran chiaccherio , urlio, denunciare di Strada non ha portato …” E certo Strada doveva stare zitto, gli arrestano con l’accusa di terrorismo, in Afganistan la struttura portante di un ospedale, una montatura come in questi giorni sempre più sta uscendo fuori, visto che sono stati liberati gli italiani e 5 su sei dei collaboratori afgani, e lui doveva lasciar stare, far fare a qualche giornalista o magari al locale ambasciatore più specializzato per frequentare i party esclusivi della comunità internazionale di Kabul che per un qualsiasi intervento sul campo, oppure a Frattini che nel mezzo della crisi Russia Georgia ha preferito rimanere in vacanza alle Maldive. Ed invece Gino Strada ha sbattuto i pugni sul tavolo. In tempo record, neanche una settimana gli italiani sonostati liberati come 5 su sei afgani liberati. La montatura contro Emergency si è sgonfiata. L’ambasciatore italiano ha dovuto abbandonare l’aria condizionata dei palazzi esclusivi, sarà anche arrivato tardi a qualche party, orrore. I pericolosi terroristi italiani sono in viaggio verso casa, il resto della colonna di Al Quaeda, sezione afgana è quasi completamente in libertà. C’è ad onor del vero qualche piccolo contrattempo: l’ospedale di Emergency , il vero obiettivo di questa montatura, è chiuso a tempo indeterminato. Chissà a chi dovra rivolgersi la popolazione civile, visto la totale assenza di una struttura sanitaria in Afganistan dopo quasi 10 anni di occupazione militare, pardon volevo dire di intervento umanitario dei costruttori di pace, originalmente attuato senza ambulanza ma con carri armati ed elicotteri da combattimento. Alla fine che rimane? Che tu come se nulla fosse continui a sparare cazzate ed a buttare merda su una organizzazione di cui da italiano sono fiero e cerchi di ridimensionae ed imbrattare di merda il suo fondadore. Che questa organizzazione abbia effettuato duemilioniecinquecentomila interventi chirurgici in Afganistan, di cui i due terzi su ragazzini di età inferiore ai 12 anni e che le condizioni che si stanno crreando in Afganistan vanno nella direzione che questi interventi sempre meno siano possibili, perchè gli afgani debbono pagare il fatto di esseere allo 8090 per cento di stare con i Talebani o comunque sono contro la coalizione occidentale, beh di questo a te non importa niente. Importa molto che non abbia la tessera del popolo della libertà . Credo proprio che questa sia il vero motivo per cui a te Gino Strada ti sta proprio qui. E rinnovo l’invito: vacci tu e le migliaia di medici silenziosi , magari con la tessera del PDL in tasca, in Afganistan. Se questo non dovesse succedere, come sono convinto non succederà, quant gente chiacchiera e non ha mai fatto un cazzo di costruttivo in vita propria, beh almeno abbi il pudore di starti zitta. Perlomeno davanti ai tanti ragazzini con i moncherini o con le stampelle che anche grazie a te non saranno più curati in Afganistan..

  • cesare52

    PS: tu non sei responsabile dela chiusura dell’Opsedale di Emergency. Tu fai propaganda perchè questa chiusura sia addebitabile a Gino Strada e non ai generali inglesi, i veri manovratori dieto le quinte a proposito dell’imperialista Strada. Porti il tuo contributo, che stomaco!, ad una campagna di denigrazione su Emergency e su Gino Strada che tende a rendere antipatico, eccessivo, sgradevole, in ultima analisi il vero responsabile della chiusura delll’ospedale. Come quello che vedendo uno bastonato ed aggredito dica “Si va be, poveraccio, ma anche lui! Sta sempre lì a litigare, eppoi si sa quello che lo ha bastonato è un violento, si sa. E’ fatto così. Che bisogno c’era di non abbassare lo sguardo, doveva essere umile. Lo sa che le dico? Che quello lo ha bastonato, ma lui se le è proprio cercate le bastonte. Che doveva fare? Dare il portafoglio prima, così quel violento si calmava. Insomma tu ed il sig. Baranard fate il lavoro sporco, leggittimata con le chiacchere un inaudito atto di prevaricazione e di violenza. Lo fate con parole di sinistra. Ti rispondo solo per questo: qua non ci casca nessuno. E spero che un domani almeno tu ti vergognerai. E’ un augurio che passa sopra il senso di ribrezzo che gli scritti tuoi e di Barnard mi provocano.

  • ibarrack

    Fore mi sfugge qualcosa che Paolo ha colto…

    Come dove e quando Strada ha sbraitato e ha reclamato Giustizia Occidentale subito?

    A me pare che sia stato il governo Italiano a compiere una normale operazione diplomatica per proteggere dei cittadini italiani…

    E difatti Frattini & C. reclamano tutto per loro il successo dell’operazione…affermando che il Governo fa i fatti e non le chiacchiere e le polemiche..

    Strada cosa c’entra in tutto questo??E’ colpevole di aver regalato la maglietta di Emergency a Frattini?

    Se puoi illustrarmi le interviste o i momenti in cui Strada fa quello che affermi te ne sarò grato e forse capirò più dell’articolo,perchè se affermi ciò che dici vuol dire che hai più “materiale” a tua disposizione..

    Un Saluto Cordiale

  • maristaurru

    @Cesare, mi spiace il tuo tono. la vediamo in modo diametralmente opposto, ma chi sa perchè chi la pensa come te, è certo di avere le verità in tasca e non ammette la autocritica.

    1) Io non faccio propaganda
    2) non denigro Emergency, della quale riconosco (e come non potrei),il valore.
    3) me ne frego dei generali inglesi, ma so come dovrebbe saperlo Gino Strada che se coloro sostengono Karzai, non è facendo la voce grossa con Karzai che ha il coltello dalla parte del manico che si riportano a casa gli uomini di emergency. Se leggi bene , non ho affatto criticato che si sia risentito con le dichiarazioni improvvide di Frattini, ma ho criticato e critico il suo comportamento verso il governo karzai, e questo perchè , sapendo quanto è importante Emergency, ritengo sarebbe stato importante non essere sbattuti fuori, ora non sentiremmo nelle trasmissioni radio di notte, accenni e dubbi da destra, centro e sinistra che quelli si indeboliscono emergency, visto che vengono da fonti qualificate e non da una blogger.

    E’ un dato di fatto cesare che si è sbagliato e se te la debbo dire tutta, l’errore iniziale , ne sono convinta, è nella abitudine di certuni di crearsi Santi ed eroi. Un diverso atteggiamento, neutrale come si confaceva al suo ruolo, avrebbe lasciato emergency dove era , Come al solito a rimetterci sono i poveracci.. i santi, loro volano alto.

    sai anche io provo sentimenti, ma non di ribrezzo, quanto di allarme per tanta mancanza di maturità ed equilibrio e mi chiedo a chi giova mantenere questa situazione di tifoseria personalizzata , un consiglio cesare, comincia a farti domande anche in tale senso e trova le tue risposte, ma con obiettività.

    Marista

  • cesare52

    @EarthLe rispondo per ringraziarla del sorriso che le sue considerazioni mi hanno strappato. Lei tra le altre svalvolate dice “Questi medici si informassero sulle cause geopolitiche…” Le ricordo che i medici debbono fare per prima i medici. Se devono amputare ahimè la gamba di un ragazzino o curare estraendo schegge dai corpi di quegli sventurati che si ostinano malgrado noi gli diamo giorno e notte la democrazia e loro invece no, beh piuttosto che un libro debbono aprire la camera operatoria. Questo Emergency lo ha fatto duemioiniecinquecentomila volte i Afganistan . Ora lo può fare un pò di meno visto che ha un ospedale in meno. Forse se si sforza un pò può capirlo anche un coglione pomposo come lei. Io malgrado tutto lo spero. PS: dia retta a me si dedichi esclusivamente alla ricerca del punto “G”

  • Earth

    Spetta spetta ma allora:
    La guerra la facciamo noi occidentali a loro (CAUSA/MALATTIA)
    Dei poveracci vengono trucidati (SINTOMO)
    I medici che ricuciono sti poveri disgraziati sono i nostri (CURANO IL SINTOMO)
    Che ne dici di fermare la guerra cosi’ i nostri medici possono fare altro? (CURARE LA CAUSA/MALATTIA)
    Troppo difficile da capire vero? 😉 Adesso capisco perche’ non ti fai schifo, semplicemente perche’ non ci arrivi 😀 Preferisci torturare un paese straniero perche’ a tua detta: “Le ricordo che i medici debbono fare per prima i medici.” LE PERSONE SONO PRIMA CITTADINI E IL DOVERE DI UN CITTADINO E’ DI CONTROLLARE CHE VENGA FATTO IL BENE DEL POPOLO, POI VIENE TUTTO IL RESTO.
    Spero che tu non sia un medico, altrimenti cureresti solo i sintomi, mentre la malattia lo fa morire…

  • cesare52

    @earth. La prego basta. Mi sto scompisciando. rotolo per terra dalle risa. “Preferisci torturare un paese straniero….le persone sono prima cittadini e il dovere di un cittadino è di contrllare che venga fatto il bene del popolo, poi viene tutto il resto” Qua siamo al vero ed autentico avanspettacolo”. E c’è di più “Spero che tu nn sia un medico, altrimenti cureresti solo i sintomi, mentre la malattia lo fa morire” Ma davvero? Che cosa centri questo con la chiusura di unj ospedale di emergency, l’unica organizzazione che offre una assistenza medica in Afganistan questo non è dato sapere. Ed accomunare chi da assistenza e chi bombarda è segno della confusione mentale di cui anche in questo post lei da dimostrazione. E comunque ricordo i duemilioniecinquecentomila interenti chirurgici fatti in Afganistan da Emergency, i due terzi dei quali su bambini al di sotto dei docici anni. Questi numeri sono una cosa seria. Lei no. E contimua a sparare cazzate. Dalle parti mie ad uno come li si direbbe ” Ma stai ancora a parlarci. Nun lo vedi che in culo gli entra in testa no?” Dia retta a me, si dedichi al punto “G” questi per me sono argomenti troppo ostici per il suo cervellino.

  • patmar111

    maristaurru, sono d’accordo con te.

  • patmar111

    E tu cosa hai fatto, oltre che insultare chi non la pensa come te?

  • maristaurru

    e mi fa piacere, almeno uno, a volte si resta di sasso davvero

  • Earth

    AHAHAH COME VOLEVASI DIMOSTRARE. Non riuscendo a superare l’ostacolo che ti ho posto dimostrando che i tuoi 2500 interventi NON SAREBBERO NEMMENO SERVITI se le PERSONE PROTESTAVANO cosi’ attivamente la GUERRA ANZICHE’ per gli AMICI, sei rimasto li a blaterare. Ogni giorno in Afghanistan ci sono decine di morti, QUESTI SONO NUMERI SERI, i morti che i tuoi cari dottorini non sono riusciti a salvare e anche quelli che han salvato rimangono segnati a VITA. E lo ripeto: se protestavano e si informavano la guerra non ci sarebbe nemmeno stata! Informavano? Ah scusa e’ vero per te i medici sono prima medici, DEVONO FARE IL LORO LAVORO, al posto di considerarli prima come PERSONE capaci di polivalenza, questa la dice lunga su come ragioni. Sbaglio o voti a destra? 😉

  • cesare52

    @Earth. “se protestavano e si informavano la guerra non ci sarebbe nemmeno stata” e già la guerra e provocata dalla mancata lettura dei giornali o magari dalla mancata partecipazione a qualche manifestazione! ed ancora “i morti che i tuoi cari dottorini non sono riusciti a salvare e anche quelli che han salvato rimangono segnati a vita” Ed allora finiamoli con un colpo alla nuca che stiamo lì a lasciarli soffrire! Eppoi, perchè alla sua confusione mentale non c’è un limite, più la leggo e più mi metto le mani nei capelli, e non so se ridere o piangere ma ringrazio Dio di non essere così sbrindellato mentalmente, con una faziosità vomitevole come lei, “i medici devono fare il loro lavoro” l’unica cosa di un qualche senso che lei però tratta come un insulto. Esatto i medici devono curare i malati. Punto Tutti i malati non solo quelli con cui politicamente concordano. Quello che lei vede come un insulto è invece la loro “mission” come si suol dire. Ed ancora, lei mi attribuisce un voto a destra, io non voto da molti anni. Sia per convinzione, il mio candidato Karl Marx non c’è in nessuna lista, ed anche ci fosse non voterei. Ed anche perchè ho trascorso molti anni della mia vita nei carceri speciali. Se vuol sapere qualcosa di me basta una ricerca su Google, scriva nella barra di ricerca “Cesare Prudente”. E capirà dai risultati che anche sulla mia persona non ci ha capito proprio un cazzo. Penso che per lei non sia una novita.

  • cesare52

    @earth. Vedo che lei disinvoltamente si rivolge a me con il “tu” la pregherei per il futuro, qualora, speriamo di no, lei volesse interloquire aconcora di rivolgersi con il “Lei” come lei avrà certo notato io mi rivolgo a Lei. Questo non per mia snobberia ma per evitare qualsiasi parvenza di familiarità tra di noi. Io sono diametalmente ed incompatibilmente diverso da Lei, come qualmente da tutti i cretini pomposi che meno capiscono più strillano, ci tengo che ne rimanga traccia anche nell’uso dei pronomi. Questo anche in rispetto dei duemilioniecinquecentomila interventi chirurgici eseguiti in Afganistan da Emergency, i due terzi dei quali fatti su bambini inferiori ai dodici anni. Essendo di stomaco debole ho anche qualche difficoltà, un domani a spiegare ad un eventuale ragazzino o ragazzina con il moncherino della gamba o delle braccia a spiegare come mai ho interloquito con uno come lei. Insomma il “tu” che fino ad ora mi ha maleducatamente riivolto è abusivo. Ci tengo a rimarcarlo

  • Earth

    Oh ma pensa un po’ con chi sto parlando, indubbiamente hai fatto cose carine, peccato che hai FALLITO altrimenti l’italia non sarebbe quella che e’ ora. E’ paradossale di come tu abbia avuto l’opportunita’ ATTIVA per cambiare questo paese, hai fallito, la quale identifica che non sei stato abbastanza intelligente altrimenti ce l’avresti fatta e sei ancora qua a difendere i tuoi pensieri che sono stati provati ad essere sbagliati. Bah, dovresti metterti la mano sul cuore, capire che hai finito e allontanare le persone a ragionare come te per non portarle a un fallimento certo. Ci sono tante cose che non hai capito e te le spiegherei pure, ma non ne vedo un ricavo sufficiente col tempo che spenderei. Oramai sei passato, quello che hai dato, hai dato. E’ negli occhi di tutti, purtroppo.

  • Earth

    Io non do mai del lei, e’ una forma antica e stupida utilizzata per far capire alle persone che c’e’ una distinzione dimensionale tra loro. Io e te siamo fatti di carne e siamo entrambi mortali, il mio concetto di persona e’ totalmente diverso dal tuo. E’ vero che siamo diametralmente opposti, scegliendo quale protesta attiva io scelgo quella di non volere la guerra mentre tu ti accontenti di rattoppare i bambini e avere i medici liberi. Comunque tu che parli a dei bambini monchi la vedo piuttosto irreale, innanzitutto sai una volta rattoppati che faranno dopo? Come si manterranno? Le pensioni per gli handicappati qua in italia e’ ridicola ai limiti della fame, non oso immaginare la loro, chissa’ invece come sara’ la tua… poi tra qualcuno di loro ci sara’ uno che pensera’, perche’ lui ha il braccio e io no? Ecco per lui, avro’ ragione io. Considera che la morte non e’ la cosa peggiore che puo’ capitare, difatti molti si suicidano.
    Dopo la mia spiegazione consideri ancora che il mio “tu” e’ abusivo? Come si dice, fight the power!

  • Fabbietto

    Guardi amico che le virgolette riportavano la citazione dall’articolo di Barnard, e il senso del mio commento era: questa frase (palesemente insensata) basta a far capire che si è di fronte ad un’analisi e ad un articolo senza senso.
    Se io fumo però quello che è stonato è lei, dato che neanche a leggere due volte una frase la capisce. Si faccia una canna e si rilassi, please.