Fughe di notizie intelligence Usa segnano la fine per l’Ucraina

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Joe Lauria, consortiumnews.com

Un titolo del Washington Post della scorsa settimana è stato una bomba per qualcuno che ha letto della guerra in Ucraina solo sul  Washington Post e su altri media occidentali: “Gli Stati Uniti dubitano che la controffensiva dell’Ucraina produrrà grandi guadagni, afferma un documento trapelato”.

La storia ammette che il pubblico dei media occidentali è stato ingannato sul corso della guerra, che essenzialmente ciò che i media mainstream hanno riferito sull’Ucraina è stato un mucchio di bugie: vale a dire che l’Ucraina sta vincendo la guerra ed è pronta a lanciare un’offensiva che portare alla vittoria finale.

Invece, il secondo paragrafo del pezzo chiarisce che i documenti trapelati mostrano che l’offensiva ucraina pianificata da tempo fallirà miseramente –  “un netto allontanamento dalle dichiarazioni pubbliche dell’amministrazione Biden sulla vitalità dell’esercito ucraino”.

In altre parole, i funzionari statunitensi hanno mentito sullo stato della guerra al pubblico e ai giornalisti che hanno riportato fedelmente ogni loro parola senza un accenno di scetticismo.

Il Post  ha affermato, come se fosse una cosa negativa, che le fughe di notizie probabilmente “incoraggeranno i critici che ritengono che gli Stati Uniti e la NATO dovrebbero fare di più per spingere per una soluzione negoziata del conflitto”.

Questo è cominciato a succedere. Scrivendo sull’ultra-Establishment Foreign Affairs,  l’ex funzionario del Dipartimento di Stato Richard Haass e  Charles Kupchan, membro anziano del Council on Foreign Relations,  scrivono che “è difficile sentirsi ottimisti su dove sta andando la guerra”.

In ” L’Occidente ha bisogno di una nuova strategia in Ucraina:  un piano per passare dal campo di battaglia al tavolo dei negoziati”, dicono:

“Il miglior percorso da seguire è una strategia su due fronti in sequenza volta a rafforzare prima la capacità militare dell’Ucraina e poi, quando la stagione dei combattimenti si concluderà alla fine di quest’anno, a far uscire Mosca e Kiev dal campo di battaglia al tavolo dei negoziati”.

L’articolo non menziona le fughe di notizie, sebbene sia stato pubblicato dopo che le rivelazioni avevano chiarito che l’offensiva ucraina, intesa a sfondare il ponte di terra della Russia verso la Crimea, sarebbe fallita.

Pieno dei soliti discorsi sull’Ucraina che ha una migliore “capacità operativa” della Russia, e che la guerra finirà in uno “stallo”, il pezzo rappresenta una strategia emergente in Occidente: vale a dire che prima di negoziare, l’Ucraina deve lanciare la sua offensiva per riconquistare parte del territorio, “imponendo pesanti perdite alla Russia, precludendo le opzioni militari di Mosca e aumentando la sua disponibilità a contemplare una soluzione diplomatica”.

Ma questo è un compito arduo. È improbabile che Mosca negozi alla fine dell’offensiva ucraina, in particolare perché l’articolo ammette la “superiorità numerica dell’esercito russo” e che l’Ucraina sta “affrontando crescenti limitazioni sia della propria forza lavoro sia dell’aiuto dall’estero”.

Mosca era pronta a concludere un accordo con Kiev un mese dopo l’intervento della Russia, ma l’Occidente, con la sua strategia di prolungare la guerra per indebolire la Russia, lo ha annullato. Perché Mosca dovrebbe accettare un accordo ora che l’Ucraina è al suo punto più debole e la Russia è pronta a ottenere guadagni significativi sul campo di battaglia?

Il pezzo di Foreign Affairs ammette: “Questa mossa diplomatica potrebbe fallire. Anche se la Russia e l’Ucraina continuano a subire perdite significative, una o entrambe potrebbero preferire continuare a combattere”.

“Alla fine di questa stagione di combattimenti”, si legge nell’articolo, “anche gli Stati Uniti e l’Europa avranno buone ragioni per abbandonare la loro politica dichiarata di sostenere l’Ucraina per ‘tutto il tempo necessario’, come ha affermato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden .”

E cosa viene dopo? “Gli alleati della NATO avvierebbero un dialogo strategico con la Russia sul controllo degli armamenti e sulla più ampia architettura di sicurezza europea”.

Incredibilmente questo è ciò che la Russia chiedeva prima del suo intervento del febbraio 2022 ed è stato respinto dalla NATO e dagli Stati Uniti. Ora un articolo di Foreign Affairs lo raccomanda.
Non c’è segno migliore che l’Ucraina abbia perso questa guerra?

Avanti comunque con l’offensiva

La strategia dell’Ucraina che va avanti con un’offensiva che sa non otterrà ben poco è l’ultimo sussulto di Kiev, a meno che i neocon deliranti continuino a superare in astuzia i realisti a Washington.

Soprattutto per l’Occidente, il fallimento di questo tentativo all’ultimo respiro servirebbe come modo per sfuggire al disastro che ha creato per se stesso: vale a dire, il ritorno di fiamma della guerra economica contro la Russia; il fallimento della guerra dell’informazione nel non Occidente e infine la sconfitta sul campo di battaglia nella sua guerra per procura.

Già a febbraio, il presidente francese Emmanuel Macron, che sta anche spingendo questa strategia, e il cancelliere tedesco Olaf Scholz, hanno detto al presidente ucraino Volodymyr Zelenksy che il gioco era finito. Questa notizia ci è stata portata dall’establishment Wall Street Journal.

E poi dieci giorni dopo l’intelligence statunitense ha fornito al New York Times una storia secondo cui un “gruppo” filo-ucraino, e forse lo stesso governo ucraino, era dietro la distruzione degli oleodotti del Nord Stream, un modo per allontanare gli Stati Uniti da Kiev come si intravede dalla rampa di uscita.

Perché il MSM ha pubblicato le perdite?

Perché il Times, il Post e altri organi di stampa dell’establishment hanno pubblicato storie su queste fughe di notizie se hanno gravemente minato la loro stessa credibilità? Ci sono tre possibilità.

-Il primo è semplicemente la concorrenza. Il Times o il Post potrebbero aver saputo che il loro rivale aveva le mani sulle fughe di notizie e non voleva essere battuto. Non c’è quasi niente di peggio per un editore o un giornalista (nel meschino mondo del giornalismo) che dover “abbinare” la storia di un concorrente.

-La seconda ragione ha a che fare con il mantenimento delle apparenze. Queste perdite alla fine sarebbero uscite da qualche parte e potrebbero non essere state facilmente ignorate. Come sarebbe stato se i grandi giornali non l’avessero prima?

-Ancora più importante, il giornalismo aziendale deve continuare a fingere di fare effettivamente giornalismo, cioè che pubblicherà di tanto in tanto materiale che metta in cattiva luce i loro governi e, in questo caso, anche se stessi. Devono convincere il pubblico che non hanno rinunciato del tutto al giornalismo contraddittorio se vogliono sopravvivere.

È stato lo stesso quando le testate hanno collaborato con WikiLeaks nel 2010 per pubblicare fughe di notizie che denunciavano i crimini di guerra statunitensi. Ma alla fine i media si sono rivoltati contro Assange e WikiLeaks e si sono allineati con lo stato.

Perché i media hanno inseguito il leaker

E che è davvero quello che è successo qui. Dopo le clamorose storie sulle fughe di notizie, il Times e il Post, in collaborazione con Bellingcat sostenuto dall’intelligence occidentale, hanno rivolto la loro attenzione alla ricerca del leaker, in quello che Elizabeth Vos in un articolo di oggi su Consortium News sostiene che rende i media aziendali gli anti- WikiLeaks .

Invece di proteggere la fonte delle fughe di notizie, vitali per il pubblico, hanno dato la caccia al presunto leaker, il 21enne – membro dell’intelligence della Guardia nazionale aerea del Massachusetts – Jack Texiera, che è stato arrestato da agenti dell’FBI in divisa militare fuori dalla sua casa nel Massachusetts.

Allora qual è la terza ragione per cui i principali media hanno pubblicato le fughe di notizie?

Molto probabilmente per lo stesso motivo per cui hanno pubblicato le storie su Macron e Scholz che dicono a Zelensky di aver perso la guerra e che il governo ucraino potrebbe essere stato responsabile del sabotaggio del Nord Stream: gettare le basi affinché gli Stati Uniti e i loro alleati concludano la loro avventura ucraina ammettendo finalmente che l’Ucraina sta perdendo.

A tal fine, si ipotizza che Texiera non abbia agito da solo con il motivo di impressionare i suoi seguaci adolescenti sul forum della chat di Discord, come riportato dalla stampa.

L’ex analista della CIA Larry Johnson crede che Texiera sia stato incastrato, forse da un alto ufficiale. Johnson lo pensa perché tra i documenti presumibilmente trapelati da Texiera ce n’era uno dal Centro operativo della Central Intelligence Agency, dove Johnson lavorava.

“Il Centro operativo della CIA produce due rapporti giornalieri: uno al mattino e uno al pomeriggio. Non è un prodotto ‘comunitario’, cioè non viene distribuito alle altre agenzie di intelligence. È un documento interno della CIA (ovviamente, è a disposizione del direttore della National Intelligence) “, ha scritto Johnson sul suo sito web Son of the New American Revolution.

Texiera non era nella CIA, quindi non avrebbe avuto accesso a un documento del Centro operativo, ha scritto Johnson. Allora come ci ha messo le mani sopra?

L’implicazione è che Texiera potrebbe essere stato uno zimbello per qualcuno all’interno dell’ala realista dell’establishment militare o dell’intelligence statunitense che si oppone all’ossessione dei neocon di continuare la guerra a tutti i costi.

I neocon non cadranno senza combattere. John Bolton, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e capo neocon, la scorsa settimana ha scritto un pezzo disperato sul Wall Street Journal , intitolato “Una nuova grande strategia americana per contrastare Russia e Cina”.

Bolton capisce che il mondo sta cambiando, e non a favore dell’America. Quindi la sua risposta non è quella di invertire la fallimentare politica degli Stati Uniti, affinché gli Stati Uniti diventino parte del resto del mondo piuttosto che cercare di dominarlo, ma di raddoppiare come un giocatore d’azzardo su un battello fluviale. La sua soluzione: aumentare la spesa militare ai livelli dell’era Reagan; riprendere i test nucleari sotterranei e portare “l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico globale, invitando Giappone, Australia, Israele e altri impegnati negli obiettivi di spesa per la difesa della NATO ad aderire”.

Bolton dice ridendo che gli Stati Uniti devono “escludere” Mosca e Pechino dal Medio Oriente, dove entrambe le capitali stanno orchestrando la più drammatica trasformazione diplomatica degli ultimi decenni.

Ma Boltons salva la sua migliore risata per l’Ucraina:

“Dopo che l’Ucraina avrà vinto la guerra con la Russia, dobbiamo mirare a dividere l’asse Russia-Cina. La sconfitta di Mosca potrebbe spodestare il regime di Putin. Quello che viene dopo è un governo di composizione inconoscibile. I nuovi leader russi possono o meno guardare all’Occidente piuttosto che a Pechino, e potrebbero essere così deboli che la frammentazione della Federazione Russa, specialmente a est degli Urali, non è inconcepibile”.

Anche se il ridicolo Bolton viene licenziato, c’è ancora un grosso ostacolo sulla strada dei realisti: la campagna per la rielezione di Biden. Dice che la annuncerà presto. Ha già schierato la sua sorte con i neoconservatori.

C’è un modo concepibile per accettare che l’Ucraina perda questa guerra, dopo tutto lo sventolamento della bandiera blu e gialla, senza perdere anche le elezioni?

L’obiettivo della squadra di Biden era dissanguare la Russia. Ma è l’Ucraina ad avere un’emorragia. La realtà riuscirà finalmente a superare l’illusione a Washington?

Di Joe Lauria, consortiumnews.com

Joe Lauria è un giornalista esperto in affari esteri. Ha scritto per il Boston Globe, il London Daily Telegraph, il Johannesburg Star, la Montreal Gazette, il Wall Street Journal e altri giornali.

17.04.2023

Fonte: https://consortiumnews.com/2023/04/17/leaks-spelling-the-end-for-ukraine/

Traduzione: https://www.orazero.org/fughe-di-notizie-che-segnano-la-fine-per-lucraina/

Titolo originale: Leaks Spelling the End for Ukraine

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
19 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
19
0
È il momento di condividere le tue opinionix